Messico

 1866 – 1950

 

 

Il  libro  della  Vera  vita

 

(IL TERZO TESTAMENTO)

 

*******

Insegnamenti del divino Maestro

 

Volume V

 

Istruzioni

111 - 142

 

 

Titolo dell’edizione originale spagnola: ‘Libro de la Vida Verdadera

Editore: Asociación de Estudios Espirituales - ‘Vida VerdareraA.C. / Calle 5 numero 10, Mexico 18, D.F.

Tutti i diritti riservati. Mexico D.F. 1958. Reg. 26002

La prima edizione originale è comparsa in Messico nell’anno 1956

Questa traduzione è da una edizione in tedesco del 1979 da una copia dalla 2° ed. in lingua originale del 1966

Edita da: Casa Editrice Reichl St. Goar (D) “Il Candelabro”

Responsabili per la traduzione in tedesco dell’Opera: Walter Maier e Traugott Göltenboth

Copyright per le edizioni nella lingua tedesca: 1991 by Editore Reichl, D-5401 St.Goar

Traduzione dalla versione tedesca in italiano: Ingrid Wunderlich

 

Letteratura

Pagine web

 

INDICE esteso

INDICE

 

Istruzione 111

Istruzione 112

Istruzione 113

Istruzione 114

Istruzione 115

Istruzione 116

Istruzione 117

Istruzione 118

Istruzione 119

Istruzione 120

Istruzione 121

Istruzione 122

Istruzione 123

Istruzione 124

Istruzione 125

Istruzione 126

Istruzione 127

Istruzione 128

Istruzione 129

Istruzione 130

Istruzione 131

Istruzione 132

Istruzione 133

Istruzione 134

Istruzione 135

Istruzione 136

Istruzione 137

Istruzione 138

Istruzione 139

Istruzione 140

Istruzione 141

Istruzione 142

 

 

 

 

* * *

Istruzione 111

 

1. ApriteMi le porte dei vostri cuori, o uomini! Ho visto che le prove della vita vi hanno sferzato come tempeste; ho visto malattie nelle vostre case e le miserie hanno preso possesso di voi. Io vengo per portarvi la pace. Ah, amata umanità, se tu sapessi quanto facilmente troveresti la tua salvezza se tu avessi buona volontà! Una preghiera, un pensiero, una parola basterebbero per riconciliare uomini, popoli e nazioni, ma gli uomini cercano con altri mezzi. la soluzione dei loro conflitti Tutto, soltanto non agire come Cristo, è il motto di molti uomini; tutto, soltanto non esercitare i Suoi Insegnamenti – ed ecco le conseguenze!

2. Che cosa vi potete aspettare dalle vostre opere, se in loro non esiste nessuna giustizia, amore e misericordia? Non sono questi gli Insegnamenti che Gesù vi ha portato? In Verità vi dico, amore, giustizia e misericordia non sono in contraddizione al modo di vivere della vostra epoca, sono delle virtù che sono proprie degli esseri progrediti spiritualmente.

3. Quando vedo gli uomini uccidersi coinvolti in guerre per via del possesso dei tesori del mondo, non posso fare a meno che paragonare gli uomini sempre di nuovo con piccoli bambini che litigano per cose che non hanno nessun valore. Bambini sono sempre ancora quegli uomini che si stanno arruffando per un po’ di potere oppure per un po’ di denaro. Che cosa significano già queste proprietà accanto alle virtù che altri uomini uniscono in sé?

4. Quell’uomo che divide popoli mentre semina odio nei cuori, non è paragonabile con quello che consacra la sua vita al compito di seminare il seme della fratellanza che abbraccia tutti. Chi causa sofferenze nei suoi fratelli, non è paragonabile con colui che dedica la sua vita al compito per lenire la sofferenza dei suoi prossimi.

5. Ogni uomo sogna un trono sulla Terra, benché l’umanità abbia sperimentato fin dal principio quanto poco vale un trono nel mondo.

6. Io vi ho promesso un posto nel Mio Regno, ma sono pochissimi coloro che hanno accettato la proposta, e cioè perché gli uomini non vogliono comprendere che il minimo suddito del Re dei Regni dei Cieli è più grande del più potente monarca della Terra.

7. Gli uomini sono ancora piccoli bambini, ma la grande visitazione che sta arrivando su loro, li farà sperimentare tantissimo in breve tempo, peché da questa infanzia arriveranno presto alla maturità e poi – provvisti con il frutto dell’esperienza – esclameranno: “Gesù, nostro Padre, aveva ragione, andiamo da Lui”. –

8. L’Agnello sacrificato per via dei vostri peccato sta parlando in questo momento a voi e la Sua Parola è Amore e Perdono. Il Libro della divina Giustizia è aperto al sesto capitolo, perché l’Agnello ha aperto ognuno dei suoi Sigilli.

9. Presto ci sarà l’anno 1950, e questa forma della Comunicazioni verrà terminata; per questo non verrà chiuso il Sesto Sigillo, ma continuerà a splendere fino alla fine del suo tempo, quando verrà sciolto il Settimo Sigillo.

10. Io voglio che l’umanità si prepari in questo tempo, affinché quando l’ultimo Sigillo sarà sciolto, gli uomini si renderanno contro e saranno pronti a sentire ed afferrare il contenuto delle Nuove Rivelazioni. Io voglio che le nazioni e popoli diventino forti interiormente, affinché resistano alle amarezze di quei giorni.

11. Loderò beati coloro che in quei tempi sono in grado di passare attraverso le prove e darò loro una ricompensa per la loro perseveranza e la loro fede nella Mia Potenza mentre li stabilirò come genitori di una nuova umanità.

12. I peccati degli uomini saranno cancellati, e tutto apparirà nuovo. Una Luce piena di purezza e verginità illuminerà tutte le creature, una nuova armonia saluterà quell’umanità, e poi dallo spirito degli uomini si leverà un inno d’amore al loro Signore che Egli ha aspettato per così tanto tempo.

13. La madre Terra che fin dai primi tempi era stata profanata dai suoi figli, si adornerà di nuovo con i più begli abiti da festa e gli uomini non continueranno più a chiamarla “valle di lacrime”, né la trasformeranno in un campo di sangue e lacrime. Questo mondo sarà come un piccolo santuario nel mezzo dell’Universo, da dove gli uomini leveranno il loro spirito all’Infinito, al loro Padre Celeste, in un collegamento pieno di umiltà ed amore.

14. Ai Miei figli sarà impressa nel loro spirito e nel loro cuore la Mia Legge e la Mia Parola e se l’umanità nei tempi passati ha trovato piacere nel male e delizia nel peccato, non avrà poi altro ideale che il bene, né conoscerà altro divertimento che camminare sulla Mia Via. Non pensate però che per questo l’uomo rinuncerà alla sua scienza o alla sua civilizzazione e si ritirerà in valli (solitarie) e sui monti per condurre una vita primitiva. No, continuerà a godere i frutti dell’albero della scienza che ha curato con molto interesse e quando poi sarà maggiore la sua spiritualizzazione, lo sarà anche la sua scienza. Verso la fine dei tempi però, quando l’uomo avrà percorsa tutta questa via e strappato gli ultimi frutti dall’albero, riconoscerà la miseria delle sue opere che prima gli sembravano così grandi e comprenderà e sentirà la vita spirituale ed attraverso la stessa ammirerà le Opere del Creatore come mai prima. Riceverà le grandi Rivelazioni attraverso l’ispirazione e la sua vita sarà un ritorno alla semplicità, alla naturalezza, alla spiritualizzazione. Passerà ancora un po’ di tempo finché arriverà questo giorno, ma lo vedranno tutti i Miei figli.

15. Ora dovete fare un passo in avanti, affinché il vostro spirito non avrà nulla da lamentarsi di aver condotto una vita sterile.

16. Vi ho parlato dei tempi in arrivo. Le Mie Parole non vi devono estraniare, perché in Verità vi dico, domani vivificheranno la fede ed accenderanno la speranza nel cuore di molti uomini.

17. Umanità, ho il Potere di annientare il tuo peccato e di salvarti attraverso il Mio Amore. Non Mi fermerò ad osservare le vostre macchie d’onta, e se vi dovessi anche trovare nel pantano del mondo, vi libererò da questo per fare di voi Miei apostoli.

18. Fra l’umanità vive una parte dei centoquarantaquattromila da Me segnati. Questi Miei servitori sono sparsi nel mondo ed adempiono il compito di pregare per la pace e di lavorare per la fratellanza degli uomini. Non si conoscono fra di loro, ma – gli uni illuminati intuitivamente ed altri attraverso questo Rivelazione – adempiono la loro destinazione di illuminare la via ai loro fratelli

19. Questi segnati attraverso il Mio Amore in parte sono uomini semplici, ma ci sono anche tali che sono famosi nel mondo. Li si possono riconoscere solamente nella spiritualizzazione della loro vita, nelle loro opere, nel loro modo di pensare e di comprendere le Rivelazioni divine. Non sono idolatri, fanatici o faciloni. Sembra che non esercitino nessuna religione e nonostante ciò fra il loro spirito e quello del loro Signore esiste una intima adorazione.

20. I segnati con la Luce dello Spirito Santo sono le navi di salvataggio, sono guardiani, sono consiglieri e baluardi. Nel loro spirito li ho provveduti con Luce, con pace, con Forza, con Balsamo guaritore, con le chiavi che aprono in modo invisibile le porte più ribelli, con armi per vincere ostacoli che per altri sono insuperabili. Non è necessario che mostrino titoli del mondo per far riconoscere le loro facoltà. Non conoscono scienze e sono poveri in beni della Terra e possono fare comunque molto del bene sulla via della loro vita.

21.Fra queste schiere di uomini qui che hanno ricevuto la Mia Parola, molti sono venuti solamente per confermare la loro missione, perché non sulla Terra sono stati dati loro i Doni del loro spirito oppure affidato l’incarico. In Verità vi dico, la Luce che possiede ogni spirito è quella che si è conquistato sulla lunga via del suo sviluppo.

22. Benedetti siano i segnati che adempiono il loro compito spirituale ispirati dal Mio Amore, e benedetti siano coloro che li seguono con fervore, perché raggiungeranno quella maturità spirituale che questi hanno.

23. Quelle semplici persone che hanno sentita la Parola di Gesù, ed i malati che Gli si sono avvicinati nel Secondo Tempo, hanno cercato molte volte di fare maggiori miracoli che i Miei discepoli, senza appartenere al numero dei Miei apostoli.

24. Tendete con fervore alla meta (della vostra via di sviluppo), venite tutti a Me sulla via della fede, della misericordia e dell’umiltà, e tutti voi vi sentirete degni del vostro Padre nella stessa misura.

25. All’inizio della Luce del nuovo giorno il vostro spirito si è rivolto in Alto per ringraziare il Padre.

Venite di nuovo qui per imparare da Me, voi discepoli e principianti, conservate la Mia Parola profondamente in voi, affinché i tempi della prova non vi trovino impreparati. Non voglio vedervi come barche fragili in un mare tempestoso.

27. Io esigo il rinnovamento del Mio popolo affinché, quando vi liberate dall’inutile e maligno, sfruttiate le Mie Istruzioni e con ciò forniate contemporaneamente una conferma che è lo Spirito della Verità che sentite. Riconoscete che ora dovete lavare queste macchie d’onta attraverso il pentimento e di umiltà e testimoniare la Mia Verità attraverso opere dell’amore.

28. Fate uso della Verità fin dai primi passi su questa via, sia nel parlare, oppure nell’agire. La menzogna è priva dell’Essenza divina, perciò non convincerà mai.

29. Prima di annunciarMi attraverso i megafoni li purifico, affinché vi annuncino unicamente la Verità. Se domani vi feriranno degli uomini mentre metteranno in dubbio questa Parola, perché è stata comunicata attraverso le labbra di donne, allora non lasciatevi intimorire. Direte loro che Io non ho eletto i Miei discepoli secondo il sesso o classi, e che per la Mia Comunicazione bastavano un intelletto aperto e labbra duttili per esprimere attraverso queste la Mia Ispirazione.

30. Non abbiate paura di coloro che vi cercano, nemmeno se li sperimentate come indagatori e denunciatori delle vostre azioni. Riconoscete in loro in fondo sempre anime che sono alla ricerca della Luce.

31. Chi potrebbe separare una pecora dal Mio Recinto che in Verità Mi ama? Nascosto allo sguardo umano dietro la semplicità di ognuno dei Miei operai, sta un Angelo che veglia su ognuno dei suoi passi.

32. Vi ho detto che sareste combattuti e che voi – se volete che risplenda la Verità – dovete essere coraggiosi nella lotta e perdonare ogni offesa che vi si possa fare, e che non dovete permettere che il rancore vi dia delle armi che non dovete impiegare.

33. Se sapete perdonare senza vantarvi, vincerete la battaglia. Quando sarete messi alla prova, allora pregate e farete delle opere sorprendenti al di là di ogni scienza, che faranno tremare i cuori miscredenti.

34. Con ciò vi faccio notare in anticipo le prove che dovete affrontare e per poi non essere sorpresi, dovete essere sempre preparati.

35. Siate ricettivi per le Mie Ispirazioni e non agite come quelli che con cuore indurito aspettano i colpi della vita per correggere solo allora i loro errori. Io vi dico che anche da voi esiste dolore e morte, anche questi parlano a voi.

36. Adesso è il tempo nel quale ogni spirito deve vedere chiaro dell’epoca nella quale si trova per poter andare ed adempiere il compito che gli ho affidato.

37. Avete causato molto dolore ai vostri parenti, ma Io amo tutti e darò a tutti i mezzi per la loro salvezza fino a quando verranno a Me.

38. Nel Terzo Tempo Elia Mi ha assistito nell’Opera del ristabilimento. Oggi non lo vedete incarnato come nell’era passata, come percorre vie per preparare lo spirito degli uomini ad offrire l’adorazione alla Mia Divinità. Voi percepite la sua grande lotta e la sua presenza soltanto nello spirito per salvare l’umanità.

39. Vi aspetto tutti dopo che avete adempiuto il vostro compito nel quale avete questo buon pastore come guida.

40. Non avete percepito in tutti i tempi la sincerità, l’amore in lui ed il suo spirito di sacrificio per voi? Non volete elevarvi e superare gli ostacoli per giungere alla meta per lodare Elia e glorificare il vostro Signore?

41. Sta scritto che Mi vedreste venire a voi con grande Maestosità. Molti Mi hanno veduto con la vista spirituale, senza riuscire a comprendere l’Opera che Io realizzo fra gli uomini. Se però vi si domanda: “Chi sentite, e perché vi siete allontanati dal mondo?”, che cosa rispondereste allora? - Parlate secondo la Verità, non negate ciò che avete veduto, perché non potete nascondere il segno che è nel vostro spirito e che vi distinguete senza poterlo evitare.

42. Lo so che nonostante le dimostrazioni che vi ho date, molti di voi Mi volteranno le spalle per paura di essere giudicati e portati davanti ad un tribunale. Se però voi che Mi avete sentito, tacete – chi difenderà allora la Mia Causa? Io però istruisco coloro che – senza sapere della Mia Dottrina – se questa dev’essere giudicata giuridicamente - studieranno e verranno trovati giusti, e che devono adoperarsi (davanti al tribunale) per il Mio popolo.

43. Se volete essere Miei operai, dovete prendere Me come Esempio ed essere d’accordo con le prove che devono arrivare, perché sono previste da Me. Quando però entrerete in quel tempo, allora non smarritevi e non dimenticate che vi avevo annunciato tutto questo. Allora riconoscerete la Mia Potenza e la Mia Giustizia e se per caso avevate dubitato della Mia Parola, constaterete che vi ho preparato, affinché non siate sorpresi e riconosciate in mezzo a queste prove la Mia infinita Grazia e Misericordia.

44. Avete attribuito un gran potere agli esseri umani e dubitato della Mia Potenza. Presto verranno avvenimenti che vi dimostreranno che siete tutti sottoposti alla Mia Volontà ed obbedite tutti alle Mie Leggi. Io voglio che nel tempo annunciato siate puri e che il vostro unico tendere sia di illuminare i vostri prossimi con la Mia Istruzione. Pensate che avreste potuto fare un paradiso di questo mondo, se avreste seguito le Mie Leggi. La vostra vita avrebbe potuto essere una continua glorificazione al vostro Dio. Potete però ancora rimettere le vostre trasgressioni e benedire l’occasione che vi ho dato, questa esiste ancora per ritornare sulla buona via.

45. Amate per essere amati. Perdonate per essere perdonati. Siate pronti a chinarvi dinanzi a coloro che erano i vostri servitori, affinché mettiate voi stessi alla prova nella vostra umiltà.

46. Siate i Miei servitori, e non verrete mai umiliati da Me. Pensate che Io non sono venuto da re, né porto scettro o corona. Io sono fra voi come Esempio dell’umiltà, e più ancora, come vostro Servitore. Chiedete a Me ed Io vi darò, disponete di Me, ed Io vi obbedirò per darvi una ulteriore dimostrazione del Mio Amore e della Mia Umiltà. Vi chiedo solo che Mi riconosciate e che facciate la Mia Volontà, e quando urtate contro ostacoli per l’adempimento dei vostri doveri, allora pregate e vinceteli nel Mio Nome ed i vostri meriti saranno più grandi.

47. Se non potete avvicinarvi ad un uomo che soffre per curarlo e consolarlo, allora pregate ed il vostro spirito giungerà a lui ed in questo modo potete adempire la vostra missione benedetta. I trascurati otterranno aiuto per via dei forti ed una nazione sarà salvata per via di uno giusto.

48. E’ passato molto tempo fin dal giorno nel quale vi ho fatto sapere che il Mio Regno si è avvicinato agli uomini fino a questo giorno, nel quale Mi sentite; ma non avete creduto alle Mie Parole né le avete seguito, ed ogni giorno che passa vi porta più vicino alla fine! Che cosa farete se questo tratto di tempo una volta terminerà e non avete utilizzato l’occasione di lavorare a vantaggio del vostro spirito? Nonostante ciò Io continuo a dirvi che vi aspetto e che la Mia Pazienza è infinita. Io voglio però che Mi comprendiate, affinché abbiate compassione con voi stessi.

49. Con ogni vita terrena vi ho dato un nuovo corpo ed illuminato il vostro spirito per iniziare la vostra lotta e vi dico che non dovete temere di lasciare in questa lotta dei brandelli del vostro abito (spirituale) oppure pezzi del vostro cuore, perché saranno solo questi meriti che vi apriranno le porte e vi porteranno nell’eterna Patria.

50. Vi siete stupiti delle Azioni miracolose che ho fatto nel Secondo Tempo, ma se riflettete, riconoscerete che queste non hanno cessato a compiersi nel mondo - le une in forma materiale, le altre nelle anime degli uomini.

51. “I sordi odono”. Sono coloro che, dopo aver fatto tacere la voce della loro coscienza, oggi hanno dato ascolto alle Mie Parole che sono giunte nel loro cuore e li hanno mossi a sentire pentimento e prendere buoni propositi e la loro anima è ora sulla via della salvezza.

52. Il paralitico è guarito ed oggi Mi segue: Questo è il figlio che, dopo essersi allontanato dal sentiero spirituale, era paralizzato e non in grado di venirMi incontro, e che oggi, dopo aver sentito la Mia Parola, è guarito e si sta liberando dalle catene che lo legavano per non farlo venire qui, per essere presso di Me.

53. Ed i ciechi hanno veduto: dopo l’oscurità e la letargia in cui viveva questa umanità senza il desiderio di guardare oltre ciò che la circondava, l’ho illuminata con la Luce di un nuovo giorno per mostrarle il sentiero pieno di lotte e prove, sul quale Si annuncia il Mio Spirito e Si fa vedere, affinché Mi possiate riconoscere tutti senza qualsiasi eccezione.

54. Sono risorti anche i morti: Pochissimi sanno rimanere nella Grazia e di vivere in contatto con Me. A coloro che sono morti secondo la “Grazia”, ho restituito la fede, la speranza, per risvegliarli ad una nuova vita nella quale hanno visto un mondo pieno di infinite sorprese che non sono in grado di afferrare e nel quale tutto è forza, salute e pace.

55. Sono coloro che in questo tempo Mi hanno riconosciuto, ma Io vi dico: dopo il 1950, quando la Mia Parola sarà cessata e da voi verranno nuove schiere di uomini, allora risvegliatele ed istruitele, come Io vi ho istruito. Vi do un gran potere per continuare ad incoraggiare la fede dei nuovi credenti.

56. Non dubitate della Mia Parola per via del fatto che Mi sono servito di uomini e donne empi. DateMi uno giusto e vi parlerò attraverso di lui. In Verità vi dico, non trovo fra gli uomini anime pure e perfette e la Mia Comunicazione dev’essere eseguita in questo tempo, nonostante il materialismo umano e l’imperfezione umana. Anche se queste creature qui non hanno la purezza degli Angeli o la virtù perfetta dei patriarchi, le ho comunque preparato da molto tempo, ho eletto il loro spirito e purificato il loro involucro corporeo ed i loro avi si sono purificati da generazione in generazione. Chi può penetrare nei Miei segreti Consigli? La Mia Opera sta andando incontro al suo completamento, e quando vi avrò dato la Mia ultima Parola, dovrete impiegare la sua Essenza divina e nutrirvi di questa, voi e tutti coloro che sono alla ricerca del Terzo Testamento.

57. La casa di preghiera non è l’unico luogo nel quale dovete riflettere sulla Mia Istruzione ed esercitarla, ma in ogni luogo. Non vi insegno solamente come dovete vivere in questo mondo, ma vi preparo anche alla Vita spirituale che vi attende e che non ha fine.

58. Vegliate e pregate, perché non conoscete il momento nel quale Io chiamo il vostro cuore per dargli l’Ispirazione e per indurlo ad impiegare fra gli uomini quei Doni spirituali che gli ho concesso.

59. Venite qui stanchi dal cammino sulle vie della vita ed avete sofferto molto. Riposatevi nella Mia casa, sedetevi alla Mia Tavola e bevete di questo Vino. Domani dovrete continuare la via della vita, ma sentirete una nuova Forza in tutto il vostro essere che vi aiuterà di giungere alla meta finale della vostra via.

60. Vi affiderò alcune “campagne” estese, affinché le coltiviate ed è inevitabile che abbiate la necessaria forza per non crollare durante il lavoro. Ognuno di voi dev’essere un fervente operaio su questo “campo” sul quale imparerà a seminare, a curare ed a raccogliere, incoraggiato dalle Mie divine Istruzioni. E’ una Grazia che vi concedo in questo tempo come l’occasione più preziosa che vi dà il Mio Amore, affinché conquistiate meriti che vi portano più vicino a Me.

61. Non correte più dietro ai divertimenti o le frivolezze del mondo. Seguite l’Ideale a formare la vostra vita irreprensibile, dato che durante tutta la vostra esistenza vi darò gli appagamenti che sono uno stimolo per il vostro cuore.

62. Comprendete che nel mondo esiste molta sofferenza e dolore. Ad ogni passo potete trovare i bisognosi di conforto, amore, del Balsamo guaritore e della giustizia. Aprite il vostro cuore ad ogni dolore. Diventate sensibili, affinché sentiate i lamenti di coloro che piangono e sviluppate l’intuizione, affinché sappiate immedesimarvi in coloro che tacciono e nascondono la loro sofferenza.

63. Non vantatevi come signori nei confronti dei poveri, perché nessuno si deve sentire come un dio, re o signore se non vuole vedersi umiliato davanti a coloro che ha disprezzato, nel Giorno del Mio Giudizio.

64. Non distoglietevi da coloro che nella loro disperazione bestemmiano contro di Me e contro di voi. Per loro vi do una goccia del Mio Balsamo.

65. Siate pronti a perdonare ad ognuno che vi offende in ciò che vi è di più caro. In Verità vi dico, ogni volta quando concedete un sincero e vero perdono in una di queste prove, sarà un ulteriore gradino sul quale raggiungerete lo sviluppo spirituale sulla vostra via.

66. Sentirete quindi rancore e negate il perdono a coloro che vi aiutano ad avvicinarsi a Me? Rinuncerete alla delizia spirituale di prendere Me come Esempio e di permettere che la violenza oscuri il vostro cervello per restituire ogni colpo?

67. In Verità vi dico, questa umanità non conosce ancora il potere del perdono ed i miracoli che procura. Quando avrà una volta fede nella Mia Parola, si convincerà di questa Verità.

68. Amato popolo, vi lascio l’Acqua che calma la sete e guarisce ogni male.

69. Vengo alla ricerca di cuori per dimorare in loro affinché, quando sentono la Mia Parola, riconoscano la loro missione spirituale. Io voglio che impariate a pregare, a parlare con il vostro Padre Celeste mentre riflettete e percepite quello che Mi volete comunicare – con quella intimità e veridicità con la quale Gesù vi ha istruito. Non fate però come coloro che ripetono ogni volta: “La Tua Volontà sia fatta come in Cielo, così anche in Terra”, ed in realtà non sanno ciò che dicono, perché in Verità non sono per nulla d’accordo con la Mia Volontà!

70. Adesso è tempo che il popolo si accinga ad esercitare le Mie divine Istruzioni. Perciò vi ho mosso a semplificare la vostra vita ed a liberare il vostro cuore da desideri materiali.

71. L’esercizio dei Miei Insegnamenti è un ritorno alla vita semplice di tempi passati, ma contemporaneamente un passo in avanti nella conoscenza dello spirituale.

72. Gli eletti di questo tempo non sono stati eletti a caso, in ognuno dei Miei figli esiste un motivo divino per l’elezione. Affinché adempiate il compito per il quale siete stati destinati ancora prima di venire sulla Terra e per aiutarvi ad adempierlo, ve lo rendo noto attraverso la Mia Istruzione.

73. Non avete sentito quanto vi ho esaminato per darvi la fortificazione della vostra fede e la Forza? Non sentite una sete insaziabile per raggiungere e conoscere lo spirituale? Non avete percepito oppressione e mancanza di respiro nell’atmosfera (animica) che circonda il mondo? Non notate – ma senza sapere il perché – come fuggite la sporcizia? Tutti questi segni sono la dimostrazione che siete stati destinati ad un compito spirituale che ha la precedenza davanti a tutti gli altri compiti che assumete sulla Terra.

74. L’anima vuole vivere, tende alla sua immortalità, vuole lavarsi e rendersi pura, ha fame del sapere e sete d’amore. Lasciatela pensare, sentire ed agire, concedetele che impieghi una parte del tempo di cui dispone, affinché vi si annunci e si ristori nella sua libertà.

75. Di tutto ciò che siete qui in questo mondo, rimarrà solamente la vostra anima dopo questa vita. Lasciatela raccogliere virtù e meriti e conservare in sé affinché, quando verrà l’ora della sua liberazione, non sia un’anima povera davanti alle porte della terra promessa.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

 

Istruzione 112

 

1. Io sono il Nutrimento per lo spirito, sono il Proprietario di tutto ciò di cui avete bisogno, Io sono la Luce sulla via del vostro sviluppo.

2. Desidero che voi Mi conosciate. Una volta sono stato fra voi come Uomo, oggi vengo nello Spirito per mostrarvi che sono veramente nei Miei figli e che posso parlare attraverso il loro organo d’intelletto. Nel futuro sarà soltanto la Luce della Mia Ispirazione che giunge al vostro spirito. In ognuna delle forme però che impiego per parlare a voi, sarà sempre una nuova Lezione e ci sarà una nuova fase di Rivelazione che il Mio Spirito guiderà davanti ai vostri occhi, affinché impariate a conoscerMi meglio.

3. Di epoca in epoca gli uomini ottengono una più chiara immagine di Me. Coloro che hanno imparato a conoscerMi attraverso Cristo, hanno una immagine che si avvicina di più alla Verità di coloro che Mi conoscono solamente attraverso le Leggi di Mosè. Quel Dio il Quale seguivano e le masse di uomini obbedivano per paura della Sua Giustizia, più tardi veniva cercato come Padre e come Maestro, quando germogliava nei loro cuori il seme dell’Amore di Cristo.

4. In Verità vi dico, non Io vi mando il dolore. Non avete già visto con quale amore il giardiniere cura il suo giardino? Ora, voi siete per Me come un incommensurabile giardino nel quale vi osservo come gigli del fuoco, rose o gigli bianchi. Quando però i calici dei vostri fiori si chiudono per la rugiada del Mio Amore, è naturale che vi sentite deboli, quando vi sferzano i venti tempestosi. Perché dunque credete che Sia Io che vi punisce? E’ un errore attribuire a Me la causa delle vostre sofferenze ed amarezze, perché un padre vuole solo la felicità dei suoi figli.

5. Quando una volta ammetterete la vostra mancanza di armonia con tutto il creato e con le Mie Leggi, vi pentirete di aver dato a Me la colpa dei vostri colpi del destino, e comprenderete che siete stati voi ad aver creato il dolore.

6. Nei tempi passati, quando l’umanità non era ancora arrivata alla conoscenza del vero Dio, vedeva una divinità in ogni potere della natura. Quando queste forze venivano scatenate, gli uomini dicevano che era la vendetta dei loro déi senza rendersi conto che per via dei loro peccati non si potevano salvare dall’effetto degli elementi scatenati.

7. Conservate sempre ancora qualcosa di queste convinzioni, perché quando vedete o venite a sapere qualcosa di terremoti, temporali o piaghe che sferzano i popoli, le città o nazioni, esclamate: “E’ una punizione di Dio”.

8. In questo tempo vi ho rivelato che l’uomo ha potere sulle forze della natura, un potere che fino ad oggi non avevate scoperto. Vi ho insegnato che, chi prega e vive in sintonia con le Mie Leggi, può ottenere obbedienza dalle forze degli elementi e può essere sentito dalla natura. Vi sembra sorprendente? Ricordatevi come Gesù fra i Suoi Esempi d’Insegnamento vi ha anche dato quello come Egli ha sottomesso la natura al Suo Comando. Non dimenticate: Quando il Maestro era insieme ai Suoi discepoli in una barca sul Mar di Galilea, questo mare schiumava all’improvviso. Quando Egli vide la paura dei Suoi apostoli, stese la Sua Mano ed ordinò alle onde dell’acqua di calmarsi, e queste obbedirono istantaneamente come servitori obbedienti.

9. In Verità vi dico, c’è ancora molto che dovete studiare ed approfondire in quegli esempi per comprendere le Mie nuove Istruzioni. E’ sufficiente avere fiducia nelle Mie Parole, affinché testimoniate il potere della fede nell’adempimento della Mia Legge nei difficili tempi di crisi della vostra vita.

10. Quanto hanno gioito i vostri cuori, quando in una di queste prove avete pregato e sperimentato sensibilmente la Mia Verità! Con fede, con spiritualizzazione ed umiltà otterrete la vera preghiera che impedirà che continuerete ad essere vittime dei mutevoli destini della Terra, perché quando vivete in sintonia con le Leggi che governano la vostra vita, tutto ciò che vi circonda sarà al vostro servizio. Conservate nella memoria le Mie Istruzioni che vi offro con tanto Amore attraverso l’organo dell’intelletto umano. Quando il Mio Raggio scende sull’intelletto del portatore della Voce, diventa parola senza perdere con ciò il contenuto divino del suo senso. Questa Luce che vi ho annunciato nel simbolo del Secondo Tempo, è il segnale luminoso che guiderà le anime nel porto della salvezza. Ho umanizzata la Mia Ispirazione affinché, quando Mi sentite, comprendiate il contenuto delle Mie Rivelazioni ed il modo di mettere in pratica le Mie Istruzioni. Quando domani terminerà questo collegamento che ho avuto con voi, la Mia Luce continuerà ad illuminare lo spirito degli uomini.

11. Quando nel tempo di allora il Sangue del Figlio di Dio era stato versato per tutti, ora sarà la Luce del Mio Spirito che discende su ogni carne e su ogni spirito.

12. Nella profondità di ogni essere umano viene sentito il suono di una campana che non vi permette di cadere nel sonno. E’ la Mia Voce che vi chiama e vi invita alla preghiera, alla riflessione ed alla contemplazione. Alcuni si fermano a questa Chiamata e la seguono; altri si oppongono a quella Voce mentre fanno valere la dura coppa della loro natura materiale. Mentre perciò gli uni si affrettano a risvegliarsi alla vera Vita, altri sono oziosi.

13. Molti di voi che hanno avuto la Grazia di sentire la Mia Parola, Mi hanno detto nei loro cuori: “Signore, perché hai aspettato così tanto per ritornare nel mondo?” – A ciò vi dico: Per Me questo tempo ha significato solo un attimo. Vi posso dire, da quando vi ho dato la Mia ultima Parola sul Golgota fino al giorno nel quale vi ho dato la Mia prima Parola d’Insegnamento in quest’epoca, per Me non è passato nessun tempo. La spanna di tempo fra il Mio Commiato in quel tempo ed il Mio Arrivo in questo, era così breve che lo paragono alla luce di un fulmine che risplende nell’oriente e si spegne nell’occidente.

14. A volte gli uomini si considerano così indegni di Me, che non comprendono che Io li possa amare così tanto; e quando hanno accettato di vivere lontano dal loro Padre, si dispongono una vita secondo la propria idea, creano le loro leggi e si fanno le loro religioni. Perciò la loro sorpresa è grande, quando sperimentano la Mia Venuta. Allora si domandano: “Il nostro Padre ci ama davvero così tanto da cercare in questo modo una possibilità di entrare in contatto con noi?”

16. Se ho ritardato il vostro ritorno a Me ed avete incontrato molti disagi sulla vostra via, allora non significa che il Mio Amore fosse diminuito per via dei vostri peccati. In realtà la Mia Voce vi ha sempre esortato attraverso la vostra coscienza di venire a Me sulla via della Verità. Io sono la Porta aperta in tutta l’Eternità che vi invita ad entrare nel Mio Santuario dov’è la vostra eredità.

17. La Mia Dottrina vi ha istruita a trasformare le trasgressioni in buone opere. Siate sicuri che, chi prende su di sé la Croce del suo Signore e Lo segue, sentirà presto l’elevazione della sua anima.

18. Questa non è l’ultima Istruzione che illumina il Terzo Tempo. Lo spirituale non ha fine; la Mia Legge ora irradia in tutte le coscienze come un Sole divino. L‘arresto o il tramonto sono propri solo degli uomini, ed è sempre la conseguenza di vizi, debolezze o sfrenatezza delle passioni. Se l’umanità avesse una volta orientata la sua vita su fondamenti spirituali e portasse in sé l’ideale dell’Eternità che vi ispira la Mia Dottrina, avrebbe trovato la via al progresso ed alla perfezione e non devierebbe mai più dalla via del suo sviluppo.

19. Se ho dato al vostro spirito un chicco di seme affinché lo doveste seminare, dovrà restituirmene cento. Non avete visto la moltiplicazione dei semi sulla Terra? Fate come loro! Ho creato soltanto un seme di ogni specie e vedete, come si sono moltiplicati inarrestabilmente.

20. Amati figli, pensate che sarebbe necessario che dovessi ritornare nel mondo per versarvi nuovamente il Mio Sangue, per farvi comprendere il Mio Amore? No, questa dimostrazione non è più necessaria dato che adesso è sufficiente di pregare e meditare giornalmente alcuni momenti e la Mia Luce penetra già nella vostra anima. Questa Luce sarà quella del Maestro, sarà la Mia Voce che vi rivelerà molti Insegnamenti che non conoscete, ma che dovete conoscere affinché nel Terzo Tempo, nel tempo della Luce e della spiritualizzazione, possiate vivere nella piena conoscenza.

21. In quel Secondo Tempo gli uomini Mi hanno cercato di più come Medico che come Maestro, perché gli uomini hanno sempre creduto che il dolore del corpo sarebbe più grande che quello dell’anima. Gesù era disponibile ed ha permesso che i malati si rivolgessero a Lui. Egli sapeva che questo dolore era la via che attirava gli uomini alla Luce della Sua Parola.

22. Quando i ciechi vedevano di nuovo ed i lebbrosi diventavano puri, quando i paralitici lasciavano il loro giaciglio ed i posseduti erano liberati dall’influenza (dall’aldilà) e dalla loro possessione, erano testimoni viventi che Gesù era il Medico dei medici.

23. Perciò per lungo tempo gli uomini Mi desideravano anche, quando non ero più con loro nel mondo. Se però oggigiorno un medico viene al vostro giaciglio e mettete in lui tutta la vostra fede ed affidate la vostra vita alla sua scienza, dimenticate che la vita di ambedue dipende da Me. In questo momento dimenticate di pregare il vostro Padre per supplicare l’illuminazione per l’uomo della scienza ed il Balsamo guaritore per le vostre sofferenze. Invece che quella stanza del malati venga colmata dalla Luce e dalla Forza e speranza, rimane triste ed buia per mancanza di spiritualizzazione.

24. Quando Mi cercherete di nuovo con quella fede con la quale si avvicinavano a Me i malati del Secondo Tempo? Vi devo dire che ho sete della vostra fede e che, se mettete in Me la vostra fiducia, vi conquisterete un diritto ai grandi Miracoli che tengo pronti per voi.

25. Non nego agli uomini della scienza il Mio Riconoscimento, dato che Io ho dato loro l’incarico che esercitano. In molti di loro però è mancata la preghiera, l’amore per il prossimo e l’elevazione dello spirito per essere medici degli uomini.

26. Anche a loro parlerò ancora, ma la Mia Voce significherà per loro Giudizio, quando sperimentano che i Miei discepoli guariscono i malati attraverso mezzi che la scienza non ha saputo guarire; e quando poi gli uomini si guariranno fra loro attraverso i loro Doni spirituali, i materialistici apriranno i loro occhi in vista di questa Rivelazione e diranno: “In Verità, al di là della nostra scienza esiste una Sapienza ed una Potenza che sono più alte delle nostre”.

27. A te, popolo, Io dico che non devi dimenticare questo Dono divino, dato che attraverso questo diffonderai la Luce nelle anime, porterai conforto ai sofferenti e convertirai molti, mentre li liberi dalla loro preoccupazione.

28. Il dolore è una via che conduce gli uomini alla Sorgente della salute che sono Io. Ricordate però sempre che vi ho dato una goccia del Mio Balsamo guaritore, affinché ne facciate sempre uso, quando qualcuno bussa alle vostre porte. Vegliate e pregate, affinché questa chiamata d’aiuto vi trovi sempre preparati.

29. Discepoli del Terzo Tempo vi dico, dato che voi avete ricevuto le Mie nuove Rivelazioni, dovete interpretare in modo giusto e secondo Verità il contenuto delle Istruzioni dei tempi passati.

30. Tutto ciò che vi è stato rivelato in esse, ha un senso divino, anche quando per voi possa sembrare che in certe occasioni parlano della vita umana. Cercate il loro contenuto spirituale e scoprirete che vi mostrano sempre la Vita spirituale.

31. Non soffermatevi troppo con la ricerca della lettera che è la cosa superficiale, perché questa vi può portare allo smarrimento. Penetrate nel senso della Parola, là troverete la Verità. Badate che il vostro esame sia semplice come lo è la Mia Parola, e non rendete difficile da comprendere ciò che è chiaro, puro e naturale.

32. E’ preghiera e contemplazione spirituale ciò che è necessario per lo studio delle Lezioni divine. In Verità vi dico, chi cerca così la Mia Luce, la troverà presto. Vi ho già mostrato che con la preghiera si arriva alla Sapienza.

33. Il discepolo che in questo modo sonda la Mia Parola e chiede in questo modo Consiglio al suo Maestro, troverà sempre la Verità e non capiterà mai nella confusione.

34. Verrà il giorno nel quale la vostra sensibilità per lo spirituale vi farà scoprire facilmente il contenuto del senso spirituale che è in ogni Parola che è proceduta da Me.

35. “Il Mio Regno non è di questo mondo” ho detto a voi nel Secondo Tempo; perciò vi parlo del Regno spirituale. “Io sono la Via” vi ho pure detto e con ciò vi ho reso comprensibile che Io vi avrei preparato la via che vi conduce a dimorare presso di Me nella Patria celeste.

36. Per la vita umana bastava la Legge che vi ho dato tramite Mosè; ma per vivere la Vita spirituale era necessario che sia da voi la “Parola” di Dio, affinché Essa vi prepari la via al vero Paradiso. Dato che però sulla via alle alte dimore della Luce, della perfezione dell’Amore esistono agguati, scogli e tentazioni, era necessario che sul sentiero del viandante comparisse una Stella, un segnale luminoso, un Raggio di Luce che illuminasse i suoi passi. Questa Luce è il Mio Spirito che è venuto a voi per dissipare dubbi, ignoranza ed insicurezza.

37. Vedete come nei tempi nei quale venivate governati attraverso la legge naturale, cioè attraverso la legge della coscienza, fino a questo tempo nel quale ricevete la Luce spirituale per mezzo dell’Ispirazione, vi ho fatto conoscere passo dopo passo, tratto dopo tratto, la via dello spirito.

38. Questa Ispirazione è il frutto di una lunga via di sviluppo sulla quale non potete fermarvi e che vi darà la necessaria perfezione per poter raccogliere i frutti migliori.

39. Oggi Io vi dico: Siate i benvenuti, viandanti instancabili sulla via verso la perfezione. Venite tutti a Me, voi che avate fame e sete nello spirito, perché ognuno che sa accogliere questa Parola e coglierne la sua Essenza, troverà la pace.

40. Io benedico colui che ha percorso la via con passo calmo e fermo, perché costui non vacillerà. Io vi illumino, affinché vi comportiate come buoni discepoli della Mia Dottrina.

41. Il tempo che ho stabilito per la fine di questa Comunicazione in quest’epoca, sarà la fine del 1950 – la giusta spanna di tempo per la vostra preparazione, perché se vi venisse sottratta la Mia Parola prima dei giorni indicati per il suo termine, molti di voi diventerebbero deboli ed altri fra voi ritornerebbero alle loro vecchie usanze. La vostra destinazione è stata pianificata con la massima perfezione e le prove che incontrate sono il motivo per rivolgere il vostro spirito in Alto e che Mi amiate. Se nella vostra vita avete avuto solo soddisfazioni e sovrabbondanza di beni materiali, vi siete fermati sulla via spirituale e vi siete allontanati da Me; ma adesso vi ho affidato una nuova occasione per l’adempimento del vostro compito. Non dimenticate comunque che la vostra esistenza sulla Terra è solo un attimo in mezzo all’Eternità e che, se lasciate inutilizzato questo attimo, al risvegli nell’aldilà riconoscerete la rimanenza e la mancanza di Luce nel vostro spirito. Sarà per l’anima un risveglio sofferto, dato che si rende conto della sua povertà e nudità a motivo del non adempimento del suo compito e deve versare lacrime per il tempo perduto, fino a quando non si sarà purificata.

42. Sì, discepoli, allora dovrà prendere su di sé una espiazione per far tacere il rimprovero della coscienza e rendersi degna per continuare il suo sviluppo.

43. Camminate sempre sul sentiero della Legge e vi proteggerà.

44. Sono pochissimi i Miei discepoli e quanto numerosa è l’umanità! Io però fortifico coloro che erano in grado di prendere su di sé questo compito e questa responsabilità, perché sono pronti a partire per la semina, quando ne saranno esortati. Fino ad allora avranno l’obbedienza di un servitore e la forza dell’anima di un apostolo.

45. Quando la Mia Parola non sarà più udibile come ora e non vi può più avvertire quando si avvicina il nemico che vorrà offuscare con acque impure la sorgente cristallina che vi ho affidata, dovete rifugiarvi nella preghiera ed allora la vostra coscienza vi dirà ciò che dovete fare. Nella Luce della coscienza Io sono presente e lo Sarò sempre.

46. Conoscete già il sapore del frutto di questo Albero e vi avverto a non lasciarvi sedurre in futuro attraverso falsi profeti; ma dovete vegliare anche per i vostri prossimi, mentre insegnate loro a discernere l’Essenza della Mia Dottrina (da altri insegnamenti). Sta scritto che dopo il Mio Commiato sorgeranno falsi profeti che verranno qui e diranno al Mio popolo di essere Miei messaggeri e verrebbero nel Mio Nome per continuare l’Opera che ho compiuto fra voi.

47. Guai a voi se vi chinate davanti a falsi profeti e falsi maestri, oppure se mescolate alla Mia Dottrina delle parole senza contenuto spirituale, perché allora vi sarà una grande confusione! Perciò vi dico sempre di nuovo: “Vegliate e pregate”.

48. Ho sottoposto l’uomo a due Leggi ed è la Mia Volontà che voi, Miei operai, adempiate ambedue, affinché nell’unificazione di spirito e materia compiate opere perfette nella vostra vita. Ho posta in ognuna delle Mie Leggi, la Mia Sapienza e Perfezione. Adempite ambedue, perché vi condurranno a Me. Non abbiate l’ambizione di vivere sulla Terra nel modo come se foste già nello spirituale, perché capitereste nel fanatismo, cosa che è falsa spiritualizzazione. Da ciò si ammalerebbe il vostro corpo e sprofonderebbe anzitempo nella tomba, senza aver terminato la vostra missione. Quindi comprendete che lo spirito era stato provvisto con una intelligenza superiore per essere conduttore e maestro del corpo.

49. Oggi abitate questa valle della lotta e del dolore, nella quale le prove vi dicono in tutti i momenti che questa dimora è peritura, ma che tutto ciò che non avete raggiunto nel presente, domani lo possederete. La pace e la gioia che nel mondo durano solo un attimo, sono imperiture nella Patria spirituale. Perciò vi invito in un Regno dell’eterna pace e della contentezza senza fine. Preparatevi per il grande viaggio, vi aspetto.

50. Imparate a sentire la voce della vostra coscienza e sentirete la Mia Voce che parla al vostro cuore. Questa Voce interiore è quella del Padre vostro – sempre benigna, incoraggiante e convincente.

51. Oggi ho incrociato la vostra via e Mi avete accolto con delizia nel vostro spirito. L’incontro fra il Maestro ed i futuri discepoli è stato felice.

52. Le sette si stanno preparando e parlano della Mia repentina Venuta. Ciononostante, quando Mi avvicino a loro spiritualmente non Mi sentono, perché a loro manca la sensibilità e perché non ci credono. Io dico al Mio popolo che in questo tempo Mi riconosceranno grandi uomini, eruditi e sacerdoti e Mi sentiranno nella forma che ho scelta Io per annunciarMi all’umanità in questa epoca. Eleggerò fra loro costoro che Mi devono servire, perché nell’averli preparati, li manderò per predicare delle Mie Rivelazioni ed Istruzioni in questo tempo.

53. Vi ho chiamati alla Mia Tavola dell’Amore alla quale avete goduto il Cibo divino: il Pane ed il Vino dello Spirito. Ah, se soltanto tutti comprendessero com’è fatta la fame dello spirito: con quanto amore andreste a cercare gli affamati! Questi momenti qui sono per voi, Miei nuovi discepoli, un’ora di memoria. Non così per Me, Che sono l’eterna Presenza. La Mia Passione e la Mia morte di Sacrificio durano nel nascondimento, il Mio Sangue (versato) è ancora fresco. Voi però, che siete sulla Terra temporaneamente e come atomi nell’Eternità, vi ricordate e vivete nuovamente come qualcosa di lontano che la Passione del vostro Maestro vi ha lasciato come il più grande Testamento dell’Amore. PercepiteMi ed imparate, in questo modo potrete amare la Mia Istruzione, servire i vostri fratelli e perfezionarvi spiritualmente. Se tendete ad essere maestri fra gli uomini, dovete solo seguire Gesù con fervore. Mentre Mi sentite, non sarete più bambini ignari che chiedono di tutto, perché non sanno nulla, e voi diventerete discepoli che si sentiranno ispirati dal Mio Spirito, quando apriranno le labbra per parlare della Mia Istruzione. Alle domande degli uomini la vostra parola sarà poi la Luce che accenderà una fiaccola di fede in ogni cuore.

54. Io sono la Via, la Verità e la Vita e perciò vengo a voi e verso il Mio Amore nel calice su questa Tavola, affinché ne possiate bere finché sia calmata la vostra sete. Non vengo per salvare alcuni pochi, ma ogni anima che ha bisogno di Luce. Ciononostante preparo solo alcuni, affinché questi salvino poi altri e quelli nuovamente altri ancora.

55. Le nazioni sono afflitte, schiacciate e malate. Dalla scienza o dal potere umano non aspettano più la soluzione delle loro miserie ed amarezze. Gli uomini cominciano a credere che li possa salvare solo un Miracolo. Molti di loro sanno che i profeti del Primo Tempo hanno annunciato la Mia nuova Venuta; molti di loro sanno che tutto ciò che avviene attualmente nel mondo, corrisponde ai segni che erano stati predetti per il tempo della Mia Venuta e la Mia Presenza fra voi. Presto tutti sapranno che è venuta la Terza Epoca e che Mi sono rivelato in coincidenza con ciò che era stato annunciato; che sono venuto “sulla nuvola”, cioè nello Spirito per mandare la Mia Parola come un Raggio di Luce sull’organo d’intelletto dei Miei eletti. Attraverso chi deve ricevere l’umanità il Lieto Messaggio e tutte le testimonianze che vi ho detto e fatto? Attraverso chi deve avvenire questo, se non attraverso coloro che Mi hanno ascoltato?

56. Qui vi è la Tavola, sedetevi, rivolgete in Alto il vostro spirito e sentite la Mia Presenza. Non percepitala soltanto con lo spirito, ma anche con la carne, se vi spiritualizzate veramente e tremate al contatto con la Mia Luce.

57. Mentre vi elevate interiormente, rimanete alcuni momenti nel mondo spirituale, affinché in quest’ora Io vi accolgo in rappresentanza per l’umanità ed in voi benedico i popoli, consolo i tristi, i malati, i sofferenti solitari. Pensate che nel vostro mondo esistono ora più vedove ed orfani di prima.

58. In voi che qui pregate, ricevo tutte le razze, tutti i popoli, religioni e sette, perché avete bevuto il Vino dell’eterna Vita. Io effondo la Mia Forza d’Amore su ogni spirito, affinché non ci sia uno dei Miei figli che in questi momenti soffra di fame o sete di Giustizia.

59. In vista del peccato del mondo è necessario che giunga a voi la Luce del Mio Spirito. Se allora avete lasciato irrompere dal Mio Corpo il Sangue, il Sudore e Lacrime, ora farete in modo che il Maestro Si effonda come Luce sul dolore, sulla depravazione e sull’oscurità degli uomini.

60. La sofferenza ed il peccato sono grandi che coprono le nazioni come un mantello da lutto. Oggi perché non Mi potete vedere piangere o sanguinare, sentirete sul vostro spirito l’inesauribile corrente del Mio Perdono, del Mio Amore e della Mia Luce.

61. Questo è il Mio nuovo Sangue che oggi effondo sull’umanità. In questi momenti il vostro spirito si ristora nelle regioni fin dove si è potuto elevare in questa comunione con Me. Non dimenticate però che è stato Elia, il pastore spirituale, che vi ha preparato e condotto a Me, affinché riceviate la Parola del vostro Maestro e contemporaneamente la soave carezza di Maria, la vostra Madre celeste, il cui spirito è sempre presente in Me.

62. Voglio lasciare pace nei vostri cuori, perché dopo verranno momenti di lutto e paura. Preparatevi, perché non sapete che cosa tiene pronto per voi il futuro.

63. Ricordatevi che vi ho detto che compariranno falsi profeti e falsi spiritualisti. Pensate che vi ho sempre fatto notare queste prove e che vi ho detto che la Mia Comunicazione, che ho iniziata per mezzo dell’organo d’intelletto di Damiana Oviedo, durerà fino al 1950, e che dopo quell’anno non Mi annuncerò più in questa forma. Vi ho detto molte volte che dopo questo momento effonderò il Mio Spirito per mezzo dei vostri Doni spirituali, ma che voi, quando sarà terminato il tempo stabilito tramite la Mia Volontà, avreste il desiderio che non dovesse terminare la Parola del portatore della Voce in alcune comunità, mentre in altre non dovessero più essere queste Comunicazioni – allora guai a coloro che profanano i Miei Comandamenti e dovessero avere l’intenzione di mettersi al di sopra della Mia Volontà!

64. Non voglio che voi siate responsabili per trasgressioni così gravi. Affinché però non cadiate nella tentazione, dovete adoperarvi per la vostra unione affinché, quando verrà l’ultimo giorno della Mia Comunicazione, sentiate tutti voi che è definitivo il Commiato del Maestro attraverso il portatore della Voce e che non valga soltanto per un luogo di assemblee oppure per una comunità, ma per tutto il popolo.

65. Preparatevi, perché farò giungere la Chiamata a spirituali e comunità religiose, a portatori di funzioni e governanti, affinché sentano le Mie ultime Parole. Vi dico ancora una volta, preparatevi, affinché in questo tempo una grande folla di uomini sia testimone del Mio Commiato. Effonderò Forza sul vostro spirito, affinché non percepiate la Mia “Assenza”, perché in realtà non Sarò assente. Dato che Io sono venuto da voi sulla via dello Spirito, voi dovete venire a Me sulla stessa via.

66. Il compito del portatore della Voce terminerà nel giorno da Me stabilito; ma il suo organo d’intelletto rimarrà aperto per l’Ispirazione e per tutti i Doni dello spirito, come pure quello dell’operaio”, oppure quello del conduttore e di tutti coloro che adempiono la Mia Legge dell’Amore. Ho ancora da dirvi che fra voi comparirà anche il Dono della Parola e potrete parlare della Mia Opera con uomini che parlano altre lingue. Tutti voi che Mi sentite in questo giorno, renderò responsabili per la Mia Parola, perché voi siete il popolo che ho trovato nell’aver smarrito la via, ma che nella Mia Parola ha ritrovato la retta via. Chi era venuto povero e singhiozzando, oggi conosce la pace.

67. Fra di voi ci sono coloro che erano venuti come paria e che ora si siedono alla Mia Tavola. Fra la folla si trovano coloro che erano ciechi ed oggi vedono la Luce, ci sono anche tali che erano muti per la parola dell’amore e la misericordia e che oggi, già convertiti, sono Miei servitori; ci sono coloro che erano sordi, che non sentivano la voce della coscienza, ma che hanno riconquistato la facoltà ed hanno udito la Voce del Supremo Giudice e che hanno imparato a sentire il lamento di coloro che soffrono. Fra queste schiere scopro la donna adultera ed anche la peccatrice pentita, ambedue accusate e marchiate da coloro che sovente hanno peccato più di loro. Io però perdono loro e dico loro che non devono più peccare.

68. O popolo, se soltanto tu sapessi conservare nel tuo cuore tutte le Mie Parole – quanto saresti ricco in tesori dello spirito, quanto forte ed illuminato! Ma la vostra memoria ed il vostro cuore sono deboli. Lasciate che la Mia Parola e la sua essenza spirituale, che sono il simbolo del Mio Corpo e del Mio Sangue, che a loro volta sono il simbolo di pane e vino che ho offerto ai Miei discepoli all’ultima Cena, penetrare nel vostro spirito in queste ore commemorative pomeridiane.

69. Mangiate il Pane della vita, mangiate per tutta l’umanità in questo tempo di dolore, di riparazione e di purificazione. Mentre gustate questo Cibo ricordatevi che nella stessa ora milioni di esseri umani vuotano un calice molto amaro e che molti vostri fratelli, invece di bere il Vino del Mio Amore, versano il sangue dei loro prossimi sui campi di battaglia della guerra.

70. State seduti alla Mia Tavola ed Io non voglio che qualcuno di voi abbia rimorsi di coscienza, di sentirsi indegno di essere qui, oppure che sente il desiderio di lasciare il suo posto e di allontanarsi da questa assemblea.

71. Fra i Miei discepoli c’era bensì uno che si è congiurato contro il suo Maestro e che, quando ha sentito le Mie ultime Parole del Mio Testamento dell’Amore, non ha voluto rimanere alla Mia Presenza e si è allontanato dalla Cena. Il motivo era che portava già nel suo sacchetto i denari per i quali aveva venduto il suo Maestro. Gli altri discepoli non lo sapevano, ma Gesù lo sapeva. Egli lo ha lasciato fare, affinché in questo modo si adempisse ciò che stava scritto. L’Eterno Si è servito dell’infedeltà di un cuore, affinché sul Figlio Suo si adempisse ciò che era stato profetato di Lui.

72. Pregate, discepoli del Terzo Tempo, affinché fra di voi non si alzi un traditore che scambia la Mia Verità per le vanità del mondo e dice ipocritamente come Giuda: “Maestro, lo sarò forse io?”

 

“La Mia Pace sia con voi!”

[indice]

Istruzione 113

 

1. Amato popolo Israele, discepoli, allievi e voi arrivati per ultimi: Le opere del vostro spirito per mezzo del corpo materiale vengono giudicate attraverso l’unico Essere che in Verità vi può giudicare. Siete stati osservati dall’unico Sguardo che può penetrare nei vostri pensieri, ed il vostro spirito ha tremato a questo Giudizio. Non è la carne che si renderà contro della grandezza delle sue trasgressioni, ma lo spirito ed è lui che non ha osato a guardare nel Volto divino. Ma voi avete chinato il vostro capo per sentire la Voce del Giudice, o amati discepoli. Vi mando la Mia Benedizione, il Mio Amore ed il Mio Perdono come Padre.

2. Quando la Voce del Giudice non avrà più nulla da rimproverarvi e vedrà solo ancora che le vostre lacrime purificano come una rugiada la vostra anima ed il vostro cuore?

3. Io sono con voi; sono venuto un’altra volta come Maestro, come Padre, come Amico e come Accompagnatore del viaggio sulla via del vostro spirito. Sono penetrato nel più intimo del vostro cuore e sono nuovamente qui fra voi per insegnarvi e per darvi il Consiglio Celeste che vi indica la via sulla quale è la Mia Grazia e la quale non dovete abbandonare.

4. Elia con la sua voce da pastore che tutte le sue pecore conoscono, vi raccoglie e custodisce nel recinto delle pecore. La Camera segreta del Mio Cuore si è aperta per le anime incarnate e non incarnate. La Mia Grazia e la Mia Misericordia si effondono nell’Universo, nello Spirito e nella Verità. L’Amore del Padre è eterno. In vista della Rivelazione del Mio Amore divino – chi fra voi si è dedicato alla contemplazione spirituale e si è rinnovato per giungere alla spiritualizzazione? Chi è quel discepolo che ha già compreso ed esercitato la Mia Istruzione?

5. Ho parlato del Secondo Tempo a grandi folle di uomini e sono stato compreso da molti e se ora voi nel Terzo Tempo Mi comprendete ed esercitate l’Istruzione che vi ricordo, allora siate benedetti, perché nel tempo presente farete un passo in avanti sulla via della spiritualizzazione.

6. Durante tutta la vostra esistenza vivrete attraverso la Mia propria via di sofferenza, perché già nel Secondo Tempo vi ho mostrato come si nasce in e si vive in condizioni modeste. Vi ho insegnato a vivere che “date a Dio quel che è di Dio, ed al mondo quel che è del mondo”. Vi ho insegnato che, quando sarà venuto il momento di adempiere la Volontà del Padre, si deve lasciare dietro di sé ciò che è del mondo, per mettersi sulla via nella terra promessa, nel Regno dei Cieli. Vi ho mostrato la stretta via del sacrificio, dell’amore, del perdono, della compassione, camminando sempre in avanti e verso l’Alto fino ad arrivare alla Croce della scarificazione.

7. In questo tempo prendete come Esempio Me nella Mia Passione in quel Secondo Tempo, perché siete nati in condizioni modeste e durante la vostra vita umana avete sperimentato il dolore, cadute, spine, offese e versato lacrime per amore per La Mia Opera.

8. Nel Secondo Tempo il divino Maestro veniva battezzato da Giovanni nelle acque del Giordano, benché Egli era puro nell’Anima e nel Corpo, per darvi una dimostrazione di obbedienza ed umiltà. Se però Colui il Quale non aveva nessuna macchia, non ha respinto il simbolo della purificazione – come si possono chiamare puri i peccatori del Terzo Tempo nei confronti degli uomini?

9. Dopo che Mi ero ritirato nel deserto per meditare e per mostrarvi così come si giunge in comunione con il Creatore, ho osservato nel silenzio del deserto l’Opera che Mi aspettava per portare con ciò davanti ai vostri occhi che, quando vi accingete all’esecuzione dell’opera che Io vi ho affidato, dapprima vi dovete purificare. Perciò cercate dopo nel silenzio del vostro essere la diretta comunione con il Padre vostro e preparati in questo modo – puri, fortificati e decisi – mettetevi irremovibili all’adempimento della vostra difficile missione.

10. Nel Secondo Tempo ho predicato solo per tre anni fra le schiere di uomini che Mi ascoltavano e Mi seguivano. La grande ricchezza di Amore, Sapienza, Giustizia e Legge che era nel Mio Spirito, non si manifestava solo nella Mia Parola, ma anche nelle Mie Opere, nei Miei Sguardi, nella Forza di guarire che ho fatto fluire nei malati, nel Perdono che rinnovava i peccatori ostinati, nella Mia Voce che risvegliava i morti, nella Mia Parola che allontanava le anime impure e restituiva loro la Luce perduta. Era venuto il momento e che stava, scritto nel quale dovevo entrare nella città di Gerusalemme, dove i farisei ed i potenti sacerdoti di quel tempo aspettavano soltanto l’occasione per uccidere Gesù. Le Mie Opere sono rimasti nella memoria imperitura di tutta l’umanità: il giorno del Mio ingresso trionfale in Gerusalemme, la Santa Cena, la cattura, la notte di paura mortale, la via dolorosa ed infine la Crocifissione.

11, In quel tempo si vedeva soltanto l’Uomo il Quale vi ha istruito, che piangeva e soffriva per i Suoi discepoli e le schiere di uomini. Oggi avete una conoscenza più elevata e vedete la profondità di quell’Opera e non piangete soltanto per via del dolore umano di Gesù, né siete commossi solo per via di quel Sangue che fluiva dal Suo Corpo, ma attraverso lo studio e l’elevazione spirituale comprendete che in ed intorno a quell’Uomo era lo Spirito divino che con la Sua Luce ha insegnato agli uomini di adempiere il compito che li deve purificare da tutte le loro trasgressioni. Era Un Dio il Quale piangeva e sanguinava attraverso un Corpo per via dell’oscurità ed ignoranza che coprivano l’umanità – un Dio il Quale era divenuto Uomo per dimorare negli uomini, per insegnare loro la vera via e l’amore reciproco – un Dio il Quale Si è umanizzato per sentire il dolore dell’uomo e per Essergli vicino.

12. Questi tempi sono passati, ma l’uomo non Mi ha dimenticato. Gli uomini portano il Mio Nome inciso nella loro coscienza. Si sono però allontanati dalla vera via ed oggi si accontentano a conoscere solo il Mio Nome, di ricordare lo stesso e di rendere impura la Mia Dottrina, perché l’uomo l’ha avvolta in riti, cerimonie, usanze e feste e con ciò si accontenta. Non amava più il proprio fratello, non sentiva più il dolore del suo prossimo, ha colmato il suo cuore con egoismo, si è fatto signore, ha dimenticato che il suo Maestro ha versato il Suo Sangue e l’ha trasformato in Forza guaritrice, in Grazia, in Redenzione ed in Vita per l’umanità, e che ognuno che Mi ama e Mi segue, può fare ciò che ho fatto Io: rinnovare e salvare tramite la Parola, risvegliare alla vita i morti e di guarire tutte le malattie attraverso la carezza spirituale.

13. Dopo il Mio Decesso nel Secondo Tempo i Miei apostoli hanno continuato la Mia Opera e coloro che seguivano ai Miei apostoli, hanno portato avanti il loro lavoro. Erano i nuovi operai, i coltivatori di quella campagna che era stata preparata dal Signore, resa fertile con il Suo Sangue, le Sue Lacrime e la Sua Parola, coltivata attraverso il lavoro dei dodici primi ed anche attraverso coloro che li seguivano. Nel corso del tempo però e di generazione in generazione gli uomini hanno insudiciato o falsificato la Mia Opera e la Mia Dottrina.

14. Chi ha detto all’uomo che potesse fabbricare una immagine di Me? Chi gli ha detto che dovesse rappresentare Me appeso alla Croce? Chi gli ha detto che potesse produrre l’immagine di Maria, la figura degli Angeli oppure il Volto del Padre?

15. Ah voi uomini di poca fede che avete dovuto simboleggiare lo spirituale per poter sentire la Mia Presenza!

16. L’Immagine del Padre era Gesù, l’Immagine del Maestro i Suoi discepoli. Nel Secondo Tempo ho detto: “Chi conosce il Figlio, conosce il Padre”. Questo significa che Cristo, Che parlava in Gesù, era il Padre stesso. Solo il Padre ha potuto creare la Sua Propria Immagine.

17. Dopo la morte come Uomo Mi sono rivelato pieno di Vita presso i Miei apostoli, affinché dovevano riconoscere che Io ero la Vita e l’Eternità, e che Io vi sono presente fra voi nel Corpo materiale oppure al di fuori dello stesso. Non tutti gli uomini lo hanno compreso, e perciò sono capitati nell’idolatria e nel fanatismo.

18. Alcuni Mi domandavano: “Signore, siamo forse caduti noi in un nuovo fanatismo oppure in una nuova idolatria? Il Maestro però vi dice: Non siete del tutto puri, non vi siete preparati con tutta la spiritualizzazione che il Maestro vi insegna attualmente, ma la raggiungerete un poco alla volta. In questo Terzo Tempo ho preparato dei profeti affinché vedessero con lo spirito e dessero testimonianza per il popolo.

19. Sentite la Mia Voce attraverso la coscienza, riconoscete che siete il Mio popolo eletto, che dovete essere un esempio ed un chiaro specchio nel quale gli uomini si possano osservare. Più tardi, quanto tutti voi formate un unico corpo ed una unica volontà, sarete l’esempio per gli Insegnamenti (cristiani) e le comunità religiose ed avrete il diritto di parlare di amore e pace e di dire agli altri che si devono amare reciprocamente, perché voi date loro un esempio. Insegnerete agli altri il rinnovamento, perché voi vi siete prima rinnovati ed avete compreso la Mia Istruzione.

20. Finché non vi spiritualizzate – come potete andare per rovesciare i falsi déi? Potete uscire nel mondo solo spiritualizzati e procurare che avranno una fine l’odio, lo stolto tendere al potere, falsa grandezza e cattive scienze. Solo così, da preparati, potrete fermare l’espandersi della depravazione. In quale modo? Con amore, che è spiritualizzazione. Allora sarete un libro aperto. Non dovete dire a nessuno che siete maestri, nemmeno che siete Miei discepoli. Dovete mettervi sulla via senza vantarvi ed Io guiderò a voi le schiere di uomini. Preparerò le strisce di terra ed appianerò le vie, farò in modo che vi potete comunicare ai vostri fratelli di altre lingue. Non tutti voi attraverserete i mari. Coloro che devono partire in regioni lontane o vicine, sono stati destinati per questo da Me; ma tutti loro partiranno come uno stormo di colombi. I Miei inviati saranno messaggeri di pace in tutti i luoghi della Terra.

21. Sì, popolo, questo è il compito che vi attende! Oggi vi parlo attraverso i Miei portatori della Voce con maggio chiarezza. Nel Secondo Tempo ho parlato ai Miei discepoli ed alle grandi folle di uomini nel simbolo ed in parabole.

22. Gli uomini non Mi hanno compreso, ma lo spirito era penetrato nel contenuto del senso di quella Parola. I Miei discepoli si chiedevano fra loro: “Che cosa voleva dire il Maestro con questa Parola?” A nessuno di loro però riusciva a comprendere tutta la Mia Dottrina, ma è rimasta fissa in loro, finché sarebbe venuto il tempo nel quale doveva essere compresa in tutta la chiarezza.

23. In questo Terzo Tempo la Mia Parola, che era stata data per mezzo dell’organo d’intelletto umano, è stata più chiara e più comprensibile per la facoltà di intendimento, perché vi siete sviluppati. Come potrei aspettarMi da voi sviluppo e perfezionamento, se prima vi avessi derubato dei Doni del vostro spirito?

24. Se esistono esseri umani che hanno perduto sulla loro via il senso della vera Vita e poi si sono trasformati in piante parassite, allora lascio fluire in loro la linfa dell’eterna Vita, affinché diventino di nuovo piante fertili.

25. Popolo, utilizza le Mie Istruzioni, perché molte delle Mie Parole non verranno scritte dalle “ penne d’oro” e molti degli scritti verranno nascosti da cuori egoistici ed ignari.

26. Pensate che presto non Mi sentirete più in questa forma e che allora dovete essere preparati per ricevere le Mie Rivelazioni ed Ordinamenti attraverso l’ispirazione.

27. Guai a coloro che si dovessero arrogare a raggirare le Mie Intenzioni, perché quando verrà l’ora del raccolto, la Mia Falce amante di Giustizia li tratterà come piante velenose oppure erbaccia!

28. Comprendete che Io sono venuto per istruirvi a condividere il il dolore dei vostri prossimi, affinché vi accingiate a seminare pace ed a versare il Mio Balsamo guaritore su ogni sofferenza.

29. Osservate la guerra come copre con lutto simile ad un mantello nero i popoli e le nazioni che attraversa. I mari, i monti e le valli sono stati trasformati in luoghi di sangue e di morte. Voi però non dovete perdere la fede; per quanto possa essere grande la confusione che regna nel mondo – non dubitate delle vostre forze di resistere nelle prove, perché allora l’elevazione spirituale ed il modo di pregare che vi ho insegnato, aiuterà i vostri fratelli a trovare la via alla vera Luce.

30. Vedete quegli uomini che vivono soltanto per soddisfare la smisurata fame di potere ed in ciò si e levano al di sopra la vita dei loro prossimi senza badare al diritto che Io, vostro Creatore, ho concesso loro? Riconoscete come le loro opere parlano solo di invidia, odio ed avidità? Quindi proprio per loro dovete pregare di più che per altri che non hanno tanto bisogno della Luce. Perdonate a questi uomini tutto il dolore che vi causano, ed aiutate loro di arrivare alla ragione con i vostri puri pensieri, perché quando una volta dovranno rendere conto delle loro azioni, chiederò la responsabilità anche a coloro che invece di pregare per loro, hanno mandato loro solo oscurità con i loro cattivi pensieri.

31. Vi appare impossibile che questi uomini un giorno sentiranno la voce della coscienza? Io vi dico, presto verrà l’ora nella quale busseranno alla Mia Porta e Mi diranno: “Signore, aprici, perché non esiste regno eccetto quello Tuo”.

32. Nella vita degli uomini il male ha sempre oppresso il bene. Io però vi dico ancora una volta che il male non vincerà, ma che la Mia Legge dell’Amore e della Giustizia governerà l’umanità.

33. Sentite la Mia Parola, o discepoli, perché verrà il giorno nel quale non la potrete più sentire e sarà necessario che conserviate il suo contenuto nei vostri cuori. Io Solo posso calmare la vostra sede di Giustizia in questo tempo dell’egoismo e della menzogna. Bevete quest’acqua cristallina, perché vi dico ancora una volta in Verità: “Chi beve di quest’acqua, non avrà mai più sete”.

34. Se pensate che Io do la Mia Parola attraverso questi organi d’intelletto non istruiti e che migliaia di cuori troveranno in essa salvezza e conforto, vi chinate dinanzi a questo Miracolo.

35. In Verità vi dico: Se Mosè, mentre ha toccato con il suo bastone la roccia nel deserto e da questa ha fatto sorgere l’acqua che ha calmato la sete della folla di uomini, allora in questo tempo della Mia Giustizia che è Amore e Potenza, Io ho toccato l’organo d’intelletto e cuori di pietra ed ho fatto sgorgare da loro l’acqua della Vita eterna.

36. La Mia Parola è il sentiero; camminate su di esso e con la Luce del Mio Amore riconoscerete la via. Io sono la Guida che conduce i vostri passi. La Mia Voce che è nella vostra coscienza, vi incoraggia e vi orienta ed i Miei Miracoli attizzano la vostra fede.

37. In tutti i tempi la Mia Legge è stata la Voce che ha guidato popoli alla Luce. Gli uomini che ho mandato in capo alle schiere di uomini, sono stati esempi di fede, di fedeltà e perseveranza che hanno sempre messo la vera via davanti agli occhi degli uomini.

38. Dedicatevi con amore allo studio della Mia Dottrina, perché si sta avvicinando a voi il tempo nel quale non avrete altre guide che la vostra coscienza, né un altro pastore che il Mio Spirito.

39. Finché non raggiungete una totale preparazione, avete bisogno di qualcuno che vi aiuti per procedere e di guidare i vostri passi sul giusto sentiero. Perciò eleggo fra voi alcuni dei Miei figli per disporli come capo di comunità o di gruppi più grandi. Questo incarico è difficile e seria la sua responsabilità! Sia benedetti coloro che pieni di fervore, obbedienza e timore guidano i loro fratelli sulla Mia Via, perché allora il loro calice sarà meno amaro, quando i membri delle comunità li schiacciano come una pesante croce. Io li assisterò quando saranno una volta vicini a crollare sotto il peso delle loro responsabilità e non li lascerò mai cadere.

40. Benedetti siano anche i fratelli di fede che seguono obbedienti i passi, che “vegliano” e soffrono, affinché non deviano di un passo dal sentiero dell’adempimento dei loro compiti.

41. Unitevi nella Verità e sentirete la voce del divino Pastore che vi conduce passo dopo passo nel Recinto Celeste.

42. Tutto era preparato, affinché Mi sentiate nel Terzo Tempo per mezzo della facoltà dell’intelletto umano. Coloro che Mi hanno sentito in questo modo, erano già per questo predestinati.

43. Non tutti Mi hanno aspettato, ed ancora meno nella forma nella quale Mi sono rivelato, perché vi si ha tenuto segreto la Mia Parola ed avete dimenticato la Mia Promessa di ritornare. Io però, per il Quale il tempo non passa, vi ho adempiuto la Mia Promessa. Ora la Mia Parola vi annuncia un nuovo tempo delle Rivelazioni che vi libereranno da ogni schiavitù. Più nessuna catena, più nessun asservimento, umanità!

44. Nel Primo Tempo Mi è bastato un uomo per guidarvi nella terra promessa. Nel Secondo Tempo sono stati preparati dodici discepoli per diffondere la Mia Dottrina e per insegnare agli uomini la giusta via. Ora preparerò un grande popolo di fede che è rivestito con la Mia Grazia e dotato con la Mia Parola, affinché porti alle nazioni e paesi del mondo il Pane dell’eterna Vita che nutre i bisognosi spirituali e gli affamati di Giustizia.

45. Io lascio nei vostri cuori il Pane dell’Amore e la Verità che dovete condividere con tutti gli uomini, perché apparentemente sono bensì forti, ma dietro i loro abiti da festa, il loro splendore ed il loro potere hanno un’anima debole, malata e stanca.

46. Vedete, sono qui fra voi, ho adempiuto la Mia Promessa. Vengo come Dio, come Padre, come Maestro e come Amico.

47. Alla notizia del Mio Arrivo molti si sono rivolti ai libri (sacri) ed alla scrittura di visioni per trovare una conferma per la Mia nuova Venuta e tutto ciò ha detto loro che la Mia Presenza è vera. Vi sembra strano che ora sono venuto nello Spirito? Comprendete che non è più il giusto tempo che “La Parola” diventi Uomo per dimorare fra voi. Questa Dottrina dell’Amore appartiene al passato, Oggi vivete nell’era dello Spirito Santo.

48. Questo è il tempo dell’elevazione spirituale nel quale voi, se Mi volete contemplare o sentire, dovete preparare la vostra anima, perché non dovete chiedere a nessuno se è vero che Io sono fra voi. Non possedete forse uno spirito, oppure nessuna sensibilità? Non avete magari nessun cuore e sensi? Chi volete dunque domandare se la Mia Comunicazione fra voi sia un dato di fatto? Non intendete di interrogare su questo gli eruditi, perché loro non sanno nulla di Me. Ricordatevi: Mentre gli uomini del potere nel Secondo Tempo erano sorpresi della Mia Presenza, e mentre gli scribi capitavano nella confusione ed i sacerdoti Mi condannavano, gli animi umili e semplici sentono la eco della Mia Parola nel più interiore dei loro cuori. A coloro che attualmente Mi sentono e non possono comprendere la Mia Presenza in questa Comunicazione, Io dico che, se nonostante il loro dubbio e la loro ribellione vogliono sapere se sono Io che parla, devono mettere alla prova la Mia Istruzione mentre la mettono in pratica: che sondano la Mia Parola, che purifichino il loro cuore ed il loro intelletto, che vadano a cercare il loro nemico per perdonargli, che lavino il foruncolo del lebbroso, che consolino i migliaia – allora sapranno da sé stessi se sono stato Io, Cristo, il Quale ha parlato attraverso queste labbra umane.

49. Sarà la vostra coscienza che vi dirà se questa Parola è da Dio o dall’uomo.

50. Quando parlo attraverso l’organo dell’intelletto umano, non sono nascosto, al contrario, Mi rivelo attraverso la stessa.

51. A suo tempo vi ho detto: “L’alberò verrà riconosciuto dal suo frutto”. Riconoscete i frutti che dona la Mia Dottrina; i malati abbandonati dalla scienza sono guariti, i degenerati si pentono, i viziosi si rinnovano, i dubbiosi diventano intimi credenti, i materialistici si spiritualizzano. Chi non vede questi Miracoli lo fa, perché si incaponisce a rimanere cieco.

52. L’umanità sta curando molti tipi di “alberi”; la fame e la miseria degli uomini li fa cercare da loro ombre e frutti che offrono loro guarigione, giustizia o pace. Questi alberi sono insegnamenti di uomini che sovente sono ispirati da odio, egoismo, brama di potere e follia di grandezza. I loro frutti sono morte, sangue, distruzione ed oltraggi della cosa più santa nella vita degli uomini che è la libertà di fede, del pensare, del parlare – cioè con una Parola, di derubarlo della libertà dello spirito.

53. Sono i poteri funesti che si alzano per combattere contro la Luce.

54. Vi ho resi attenti, quando vi ho annunciato che sarebbe venuto un tempo nel quale scoppierebbero le guerre di idee, di dottrine e fratricide, dilagando di nazione in nazione lasciando una traccia di fame e dolore fra l’umanità. E che questo sarebbe il tempo della Mia Venuta “sulla nuvola”, cioè spirituale.

55. Un attimo prima di morire sulla Croce ho detto con le Labbra di Gesù: “Tutto è compiuto”. Questa era la Mia ultima Parola come Uomo, perché la Mia Voce non ha mai taciuto spiritualmente, dato che la Mia “Parola” ha intonato con tutti gli esseri un concerto dell’Amore fin dal momento della sua Creazione.

57. Dovete tenervi pronti voi per insegnare ai vostri fratelli ciò che avete imparato da Me, e non vi sarà nessuna domanda, per quanto sia anche profonda, a cui non rispondiate in modo giusto - premesso che siate umili, per non perdere la Mia Grazia.

58. Amate, parlate quando lo dovete fare – tacete, quando è il momento, non dite a nessuno che siete Miei eletti. Evitate le lusinghe e non fate conoscere le carità che compiete. Operate nel silenzio ed in ciò testimoniante con le vostre opere dell’amore la Verità della Mia Dottrina.

59. La vostra destinazione è amare. Amate, perché così laverete le vostre macchie, sia dalla vostra vita presente come anche dalle vite precedenti.

60. Non dite che Io sono il Dio della povertà o della tristezza, perché tenete in considerazione che Gesù era sempre seguito da malati, gente in lutto e da poveri, ma questo avviene, per colmarli con gioia, salute e speranza, perché Io sono il Dio della Gioia, della Vita, della Pace e della Luce.

61. Se qualcuno vi ha detto che ci sono peccati che non vengono perdonati da Me, allora non vi ha detto la Verità. Per le grandi trasgressioni ci sono le grandi purificazioni, ed in un sincero pentimento esiste il Mio sconfinato Perdono. Vi dico ancora una volta che tutti voi verrete a Me.

62. In questo tempo la Mia alleanza con voi non verrà sigillata con il sangue come era avvenuto in Egitto, quando il Mio popolo ha contrassegnato le porte delle loro case con il sangue di un agnello primogenito, oppure come lo ha fatto poi nel Secondo Tempo Gesù, l’Agnello di Dio, quando ha sigillato con il Suo Sangue una alleanza spirituale fra il Maestro ed i Suoi discepoli.

63. Adesso Io voglio che vi mettete sulla via per amore, guidati dalla Luce della coscienza e dall’Ideale della spiritualizzazione, affinché questo contratto d’alleanza non venga sigillato con il sangue di un innocente. Dev’essere la Luce del Mio Spirito e la vostra Luce che si uniscono in un unico chiaro Bagliore, in un unico Raggio di Luce.

64. La via che Mosè ha indicato alle folle di popolo attraverso il mare ed il deserto per condurlo alle porte della terra promessa, è un simbolo dell’Istruzione che è preceduto agli Insegnamento che vi ho rivelato attraverso Gesù – Lezioni che hanno avuto il loro inizio nella mangiatoia di Betlemme e che finivano sul Golgota.

65. In questo tempo dovete andare voi ed insegnare le Mie Istruzioni; allora vi dovete immedesimare con la massima attenzione nel cuore dei vostri prossimi, perché il cuore dell’uomo è il Mio tempio. Se entrando vi trovate una lampada spenta oppure un fiore appassito, allora accendete la lampada ed annaffiate il fiore, affinché in quel santuario siano di nuovo la Luce ed il profumo dello spirito. Non abbiate però il desiderio di raccogliere subito il frutto. Quando seminate il seme nel terreno – questo germoglia forse subito, oppure porta subito frutti? Quindi perché volete riportare dal cuore umano che è più duro del terreno, il raccolto nello stesso giorno nel quale avete seminato?

66. Dovete anche sapere che proprio come nel terreno materiale esistono differenze, queste ci sono anche negli uomini. Seminerete sovente, e quando avete già perduto ogni speranza che la vostra semina germogli, sarete sorpresi perché vedrete la vostra semenza sorgere, crescere e portare frutto. In altre occasioni crederete di aver seminato su campi fertili, e non vedrete germogliare il seme. Se trovate un terreno talmente duro che dovesse resistere ai vostri sforzi, allora lasciatelo a Me ed Io, il divino Agricoltore, lo renderò fertile.

67. Vi parlo nel simbolo, affinché conserviate le Mie Istruzioni nella memoria. Non voglio che vi sentiate come orfani senza eredità dopo il 1950. Quando allora la Mia Voce tacerà, altri continueranno a desiderarMi. La Mia Voce però non sarà più udibile in questa forma. – Ci sarà un momento di debolezza per il popolo, nel quale uomini e donne diventeranno insicuri. Quando il loro smarrimento raggiungerà il suo apice, farò sentire la Mia Presenza in tutta la sua Magnificenza. Allora ognuno che è preparato, aprirà i suoi occhi e riconoscerà la Verità della Mia Dottrina. Questi saranno coloro che Mi vedranno e daranno testimonianza della Mia Presenza fra loro.

68. Io vi preparo per questo tempo, perché quando poi non sentirete più la Mia Parola, le tentazioni assaliranno i vostri cuori e vorranno sfruttare la vostra debolezza per mostrarvi molte vie. Allora dovete chiamare in aiuto la vostra memoria alla ricerca della Mia Parola ed attenervi ai Libri che sorgono attualmente, affinché vi troviate il coraggio che manca alla vostra anima. Allora comprenderete che vivete nel tempo della purificazione.

69. Siete ancora deboli, ma sarete di nuovo forti, perché in questo tempo ci saranno dei governanti che tremano davanti al pieno potere del Mio popolo. Quando si manifesteranno questi avvenimenti? Quando questo popolo aumenta la sua spiritualizzazione e lo sviluppo dei Doni del suo spirito raggiungerà un altro grado. Allora correranno voci sul vostro pieno potere. Queste voci andranno di nazione in nazione, e questo sarà, quando quel apparirà quel nuovo faraone che cercherà di schiavizzarvi, senza riuscirci, perché questo sarà il tempo della libertà dello spirito sulla Terra. Il Mio popolo attraverserà il deserto della diffamazione e delle ingiustizie, ma non si piegherà al dolore e percorrerà la via passo dopo passo, e nella cassapanca del tesoro del suo spirito porterà con sé la Dottrina dell’unico Libro che è stato rivelato agli uomini nelle tre Epoche – la Luce dei tre Testamenti, che sono la Legge, l’Amore e la Sapienza di Dio.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 114

 

1. Quando questa umanità dubbiosa, miscredente e materialistica incontra una Rivelazione divina oppure ciò che chiama Miracolo, cerca subito motivi o dimostrazioni per evidenziare che non esiste nessuna opera sopranaturale, né è mai esistito un tale Miracolo. Quando compare un uomo che mostra una facoltà spirituale che è insolita, sperimenta scherno, dubbio o indifferenza per far tacere la sua voce. E quando la natura come strumento della Mia Divinità rivolge la sua voce della Giustizia e della sua Chiamata d’Allarme agli uomini, questi attribuiscono tutto al caso. L’umanità non è però mai stata talmente insensibile, sorda e cieca per tutto il divino, lo spirituale e l’eterno come in questo tempo.

2. Milioni di uomini si chiamano cristiani, ma nella maggioranza non conoscono la Dottrina di Cristo. Sostengono bensì che amano tutte le Opere che ho fatto come Uomo, ma nel loro modo di credere, pensare e considerare le cose dimostrano che non conoscono il nocciolo essenziale della Mia Dottrina.

3. Vi ho insegnato la vita dello spirito, vi ho rivelato le facoltà che sono in esso; per questo sono venuto nel mondo.

4. Ho guarito i malati senza medicina, ho parlato con gli spiriti, ho liberato i posseduti da influenze estranee e sopranaturali, ho conversato con la natura, da uomo Mi sono trasformato in un Essere spirituale e da Essere spirituale nuovamente in un Uomo ed ognuna di queste Opere ha sempre avuto come meta di mostrarvi la via allo sviluppo dell’anima.

5. Gli uomini hanno tenuto segreto il vero contenuto spirituale della Mia Dottrina per mostrarvi invece un Cristo il Quale non riflette nemmeno l’immagine di Colui il Quale morì, per darvi la Vita.

6. Oggi sperimentate il risultato del vostro allontanamento dal Maestro il Quale vi ha istruito. Siete circondati dal dolore, siete schiacciati dalla vostra miseria, tormentati dall’ignoranza. E’ però venuto il tempo nel quale le facoltà ed i Doni che sonnecchiavano nell’uomo si sono risvegliati ed annunciano come araldi che è iniziato un nuovo tempo.

7. Le comunità religiose, la scienza e la giustizia degli uomini cercheranno di penetrare in ciò che per loro è una influenza estranea e dannosa. Non ci sarà comunque nessun potere che possa arrestare il risveglio ed il progresso dello spirito.

8. E’ vicino il giorno della liberazione.

9. Anche in questo tempo ho avuto i Miei profeti, come li ho avuti nei tempi passati. Ogni portatore della Voce è stato un profeta, perché attraverso la sua bocca vi ho parlato di ciò che sarà.

10. La Mia Parola in questo Terzo Tempo raccolta in Scritti contiene molte profezie per l’umanità di domani. Vi ho predetto ciò che succederà, quando saranno passati molti anni e vi ho parlato di prove che si manifesteranno in altre epoche. Per dimostrarvi la Verità delle Mie Profezie ve ne ho date alcune che avete già visto adempiute. Perciò fra questo popolo esistono cuori con irremovibile fede che hanno visto l’adempimento della Mia Parola, stupiti e pieni di felicità.

11. In questo tempo non solo il portatore della Voce è profeta durante la Mia Comunicazione. Quando questo popolo eleva il suo spirito, quando Mi ascolta, ha percepito il risveglio dei Doni sonnecchianti del suo spirito ed è diventato profeta. Gli uni vedono, gli altri odono, e nuovamente altri presagiscono.

12. Il Maestro vi dice: Preparatevi, sviluppate i Doni del vostro spirito, perché vi devono condurre sul sentiero della Luce, affinché le vostre opere, parole e pensieri portino sempre in sé l’essenza che procede dalla Verità.

13. La storiografia ha conservato i nomi dei profeti dell’antichità, dei quali molti hanno annunciato il tempo nel quale vivete attualmente. Da Gioele fino a Giovanni hanno annunciato per voi in anticipo la storia dell’umanità.

14. Ci si ricorderà di nuovo di quei nomi, quando i popoli si sveglieranno un poco alla volta alla Verità che quegli uomini inviati da Me vi hanno già rivelato.

15. Oggi vi dico che le profezie delle Mie nuove Istruzioni si uniranno con le profezie dei tempi passati, perché tutte parlano a voi come una unica Rivelazione.

16. Ben per i figli di questo tempo che nella loro fede, nel loro fervore e nel loro amore per il Padre somigliano a quei profeti di un tempo, perché attraverso la loro bocca il Mio Spirito parlerà agli uomini di questo tempo e dei tempi futuri.

17. Non rammaricatevi, quando vi dico che i vostri nomi non entreranno nella storia. Se siete già umili, saprete esercitare con la vostra destra la misericordia e badare affinché la sinistra non ne sappia nulla.

18. Prega, popolo, lasciati illuminare dalla Luce della Mia Parola, affinché la Luce della vostra coscienza vi guidi su tutte le vostre vie.

19. Vi ho chiamati eredi della Mia Magnificenza, perché siete destinati a possedere il Mio Regno.

20. Quando siete proceduti da Me, siete stati provvisti con tutte le caratteristiche per poter passare attraverso la lunga via della vita e ritornare al punto di partenza. Nessuno dei Doni è stato conquistato strada facendo, l’anima possedeva tutto fin dalla sua origine. La coscienza dell’anima è innata, è Luce. Le consiglia senza sosta a conquistare meriti per aiutarla di ritornare al Padre.

21. A volte l’anima smarrisce il sentiero, dopo lo ritrova; per breve tempo procede velocemente, poi si ferma di nuovo. Il motivo per questo è che non esiste una via più lunga e nessuna con più prove che quella dello sviluppo dell’anima.

22. Coloro che credono di poter entrare nel Regno spirituale del Cielo nel momento della morte, si sono attirati molti danni! Queste anime in questa vita non possono guardare oltre a ciò che hanno creato nella loro fantasia.

23. Quando Dismas, il quale aveva riconosciuto il Potere di Gesù, ha dichiarato dalla sua croce la sua fede nella Divinità di Cristo e Lo ha pregato umilmente che Egli voglia ricordarSi di un peccatore, Egli gli ha promesso che ancora lo stesso giorno lo avrebbe portato nel Paradiso, dato che ha visto come questo uomo in quel momento attraverso pentimento, attraverso la fede e attraverso il dolore, ha raggiunto la purificazione.

24. Con ciò il Maestro ha voluto farvi comprendere che l’anima, quando si purifica, sale in regioni di pace e di Luce, da dove può adempiere quel compito di amare i suoi fratelli, ispirata dall’Amore del Padre, il Quale è l’unica Scala spirituale che esiste per giungere nel Regno perfetto.

25. Voi tutti avete il diritto di possedere il Mio Regno, tutti voi siete destinati di venire a Me – anche se si tratta dei più grandi peccatori ed imperfetti -, appena avrete raggiunto, come Dismas, quel mondo di pace attraverso il vostro amore e la vostra fede, attraverso la vostra umiltà e speranza. Da lì comincerete ad offrire al vostro Dio quelle opere che sono il perfetto tributo dello spirito al Padre, il Quale vi ha creato con così tanto Amore e vi ha destinati a vivere con Lui nella Perfezione.

26. Non ho diseredato nessuno, in tutti sono i Doni che un giorno li porteranno a pentirsi di aver peccato nell’averMi offeso e più tardi questi Doni li ispireranno le più grandi opere.

27. Mi rivelo un’altra volta fra voi Ogni anima è un tempio del Signore, ogni intelletto è una dimora dell’Altissimo, ogni cuore è il santuario del divino Pastore il Quale conduce le Sue pecore alla Vita eterna. Il Signore visita le anime con la Sua Giustizia e purifica i pensieri con la Sua Luce.

28. In Verità vi dico, Io non sono un Visitatore, ma Io sono l’eterno Abitante della vostra anima, Io sono la Luce e la Vita presente in voi. Chi potrebbe spegnere la Mia Luce nel vostro spirito? Lasciate quindi che questa Stella luminosa si riveli sulla vostra via.

29. Ah, se gli uomini seguissero la Mia Volontà prendendo Gesù come Esempio, il Quale ha fatto sulla Terra soltanto la Volontà del Suo Padre Celeste - quanto sarebbero grandi e belle le manifestazioni del vostro spirito nelle opere, nelle parole o pensieri!

30. Io preparo le Mie dimore all’interno degli uomini – sia in coloro che Mi amano, come anche in coloro che non Mi conoscono, affinché la Mia Luce abbia come regno la vostra anima. Riconoscete la Mia Luce che è diventata Rivelazione e Dottrina. E’ il Messaggio del promesso Consolatore, di Colui del Quale vi ho annunciato che sarebbe venuto. Ora è qui Colui che era stato atteso da lungo tempo, Egli aspetta solo ancora che si risvegli il cuore sonnecchiante degli uomini, per risplendere in loro come la Luce di una nuova aurora. Allora riconoscerete che nonostante il tempo trascorso, che la Verità è sempre ancora la stessa, perché è immutabile. La Verità è Dio, ed una dimostrazione per questo la potete trovare nella natura, una delle molte Manifestazioni del vostro Creatore. E come Mi mostro attraverso la natura, così vorrei anche rivelarMi in voi.

31. Umanità, risvegliati! Sonda la Parola di Colui il Quale doveva venire e che ora è fra voi! Egli che nutre le anime, ora è qui. Colui che illumina la via del vostro sviluppo manda attualmente la Sua Luce dall’Alto mentre impiega il cervello umano per trasmettere le Ispirazioni divine in Parole – Parole che giungono al cuore afflitto, all’anima smarrita, al malato ed affamato. Chi riceve questa Luce sulla sua anima vede accresciuta le sue forze. La Mia Forza divina muove l’Universo e viene a voi come una Carezza. Ognuno di questi Messaggi è un Pensiero del vostro Signore.

32. Uomini, vi salverò e farò in modo che diventiate trasmettitori perfetti che esprimono meglio la Mia Volontà. O discepoli, che Mi sentite in questo momento – se non potete comprendere tutto, percepite almeno questo Amore, questa Irradiazione di Vita che giunge a voi. La Mia Luce vi salverà in questo tempo.

33. Quale grandezza potrebbe avere l’umano senza il divino? E’ la Mia Luce che abbellisce tutto ciò che esiste. Lasciatela risplendere nel vostro essere e nelle vostre opere e percepirete la Beatitudine di vivere seguendo Me.

34. Riconoscete che Io, benché Io Sia “La Parola”, non sono soltanto Parola, ma anche Azione. Vi ho dato per questo la dimostrazione quando allora ero divenuto Uomo per vivere con voi ed Essere un Esempio per voi. In Verità sono divenuto Uomo, ma quel Corpo non ha commesso il minimo peccato durante la sua formazione e non ha avuto la minima macchia. Era un vero Tempio dal cui interiore uscì la “Parola divina”. Colui il Quale ha rialzato gli umili e con una Parola ha guarito i malati – Colui il Quale ha benedetto i bambini e Si è seduto alla tavola dei poveri, è Colui il Quale viene ora, è la stessa “Parola”. E’ la Luce della Verità che avete visto comparire nello’occidente ed il cui splendore ora illumina l’occidente. Oggi non compaio incarnato in un Uomo, Mi rivelo attraverso uomini preparati da Me che sono nati per adempiere questo compito. In Verità vi dico, coloro attraverso i quali do la Mia Parola, sono stati da Me preparati già prima che venissero sulla Terra. Dopo li ho guidati fin dalla loro nascita ed ora che Mi servo di loro, continua ad istruirli.

35. Vorrei parlarvi di molti temi spirituali, ma non li potete ancora comprendere. Se vi rivelassi fino a quale genere di dimore siete sprofondati sulla Terra, non potreste comprendere come avete vissuti in tali luoghi. Oggi potete negare di conoscere le sfere spirituali, perché alla vostra anima, finché è incarnata, le è vietata la conoscenza del suo passato, affinché non diventi vanitosa né schiacciata, né dubiti in vista della sua nuova esistenza nella quale deve cominciare daccapo come in una nuova vita. Anche se voleste, non vi potreste ricordare; vi permetto solamente che conservate un presagio o una intuizione di ciò che Io vi rivelo per perseverare nella lotta della vita e sopportare le prove volontariamente.

36. Potete dubitare di tutto ciò che Io vi dico, ma quella sfera spirituale era veramente la vostra dimora, finché eravate spirito. Eravate abitanti di quel luogo nel quale non conoscevate nessun dolore, nel quale percepivate nel vostro essere la Magnificenza del Padre, dato che in Lui non vi è nessuna macchia. Non avevate però meriti e così era necessario che dovevate abbandonare quel Cielo e scendere nel mondo, affinché la vostra anima conquistasse quel Regno attraverso il suo sforzo. Siete però sprofondati sempre di più moralmente, finché vi siete sentiti molto lontani dal divino e dallo spirituale, dalla vostra origine.

37. La Mia Voce – del Maestro – ha sempre parlato a voi per istruirvi; l’avete riconosciuta nella amorevole essenza. Quando però vi siete tenuti ai vostri errori, allora il dolore come inesorabile maestro vi reso consapevole la vostra disobbedienza. Oggi una spina, e domani un’altra – così si è formato un poco alla volta sulla vostra fronte una corona di esperienza sofferta. Perché non imparate da Me l’Amore e non vi lasciate guidare dalla Mia Istruzione che non ferisce nessuno, che rende piuttosto buono il vostro cuore quando vi dice: “Amatevi l’un l’altro”? Chi ama i suoi prossimi, ama in loro il Padre.

38. Io vi amo prima della vostra esistenza, Io vi accarezzo in Me, e quando siete nati, vi ho fatto sentire la Mia divina Tenerezza. Se voi amate così anche il vostro Padre, dovete amare i vostri fratelli maggiori e minori nella consapevolezza che ogni uomo che esiste, è perché Dio lo ha voluto così e che ogni creatura è la figura (visibile) di un Pensiero divino. Pensate che oltre a questo non siete solo fratelli degli uomini, che ci sono molte creature che, benché senza spirito, sono i vostri fratelli e che potete bensì chiamare minori, che però non cessano di avere Lo stesso Padre il Quale ha creato voi. Riconoscete il vostro posto nella vita, affinché adempiate dovutamente il vostro compito.

39. Quando la Luce della Mia Dottrina viene accolta in Verità dal vostro spirito, avrete molta più nostalgia del Cielo di quanto avete ora dei beni terreni. Chi ha nostalgia delle virtù del Cielo per raggiungere la risalita del suo spirito, percepisce una fiamma interiore che lo illumina e sente in sé un inno dell’amore per il Padre suo. E’ questa Luce che vi fa percepire la presenza di Colui il Quale dimora in voi e vi mostra la via più breve che conduce alla terra promessa, con cui Egli vi  allontana da quelle vie sulle quali gli uomini hanno lasciato in tutti i tempi delle tracce del dolore.

40. Quando Mi avete trovato in un tempo fra i Miei discepoli ed era già prossimo il Mio Commiato, ho detto loro in una determinata occasione: “Ecco, presto non Mi vedrete più perché Io Me ne vado al Padre dal Quale sono venuto”. Ora dico a voi: agite come Me ed il Cielo sarà vostro, persino per meno di quello che ho fatto Io – se lo volete.

41. Penetrate nella Luce di questa eterna aurora, affinché non vediate più la notte, perché nell’anima degli illuminati, di coloro che hanno osservato le Mie Istruzioni, non si deve mostrare nessuna oscurità. La notte è simile all’anima materializzata, l’aurora è simile all’anima di colui che tende alla spiritualizzazione. Lasciate che l’anima riveli la sua Luce, che è come se lasciaste splendere la Mia.

42. Siate insegnanti di ciò che Io vi ho insegnato, ma dapprima siate sordi per la voce delle tentazioni, per il rumore mondano delle frivolezze e vanità. Sentite la Mia Voce nel silenzio, allora riceverete il Mio Messaggio.

43. Nessuno va perduto; gli uni arriveranno prima sulla via che vi ho indicata, e gli altri arriveranno più tardi sulle vie che seguono. L’uomo può accettare in tutte le religioni quella Dottrina che gli serve per diventare buono. Se però non ci arriva, allora dà la colpa alla religione alla quale si confessa e rimane quello che è sempre stato. Ogni religione è una via; le une sono più perfette di altre, ma tutte mirano al bene e si sforzano di venire al Padre. Se c’è qualcosa nella religione che conoscete, non vi soddisfa, non perdete la fede in Me. Camminate sulla via dell’amore per il prossimo e troverete la salvezza, perché la Mia Via è illuminata dalla Forza dell’Amore.

44. Così preparo la Mia dimora, il Mio tempio. Se parlo della Mia dimora, non parlo del vostro corpo, ma della vostra anima, perché Io erigo questa dimora su fondamento eterno, non su quello che è perituro.

45. Molti sono venuti a questa Comunicazione affamati di questa Parola di Vita, mentre altri non percepiscono ancora queste Parole d’Insegnamento. Io tocco questi, affinché abbiano fame e sete dell’Amore e cerchino la Mia Luce.

46. Umanità, vedo che temi il maltempo che infuria si di te. Non temerlo, perché Io lo calmerò, per quanto Mi amate e sentite la Mia Voce. Se non sapete ancora come sentire il silenzio, allora venite ed imparate da Me che vi istruisco attraverso questi organi d’intelletto preparati, oppure aspettate finché questo Messaggio giunga a voi da Spirito a spirito. Questo Messaggio ha Luce per tutte le religioni, per tutte le sette e comunità di fede e per i diversi modi della guida degli uomini. Che cosa però avete fatto con la Mia Parola, discepoli? Volete portare l’albero alla fioritura in questo modo? Permettete che faccia fiori, perché annunceranno che più tardi porterà frutti. Perché nascondete questi Messaggi e non portate al mondo la sorpresa di questo Messaggio di questa nuova epoca? Perché non osate dire al mondo che fra di voi risuona la Voce di Cristo? Parlate e date testimonianza della Mia Istruzione attraverso le vostre opere d’amore, perché se certi dovessero chiudere le loro orecchie per non sentirvi, altri le apriranno e la vostra voce sarà di un suono così dolce e piacevole come il canto dell’usignolo.

47. La Mia Parola di questo tempo non cancellerà quelle Parole che vi ho dato nel Secondo Tempo. Passeranno epoche, secoli ed ere, ma le Parole di Gesù non passeranno. Oggi vi spiego e rivelo il contenuto del senso di ciò che vi ho detto allora e che non avete compreso.

48. Io sono lo stesso Seminatore come una volta; oggi coltivo e domani raccoglierò il frutto, ma la Mia Verità è la stessa come in tutti i tempi. Non vivete solamente del pane della Terra, ma anche delle Mie Istruzioni. Il vostro corpo scenderà nel grembo della Terra, ma dirò alla vostra anima: “Alzati e cammina, ritorna al Padre tuo”.

49. La Mia “Parola” era già diventata Uomo in un altro tempo per insegnarvi ad amare con l’esempio, perché se vi avessi istruito solo con Parole, il mondo avrebbe detto: “Solo Parole, niente Azioni”. Sono stato fra voi per istruirvi, perché ero venuto per questo. Che cosa potevo Io imparare dagli uomini che non avessi già saputo? Nulla. Ho dedicato quella vita all’umanità. Nei templi sono stato Luce fra gli insegnanti della legge. Sono andato tre anni prima di abbandonare di nuovo la Terra, per istruire gli uomini sui campi, alle rive del mare o dei fiumi, sulle piazze di mercati. Ho parlato a tutti, non ho negato a nessuno la Mia Istruzione.

50. Oggi Mi dite: “Maestro, il mondo è sempre ancora lo stesso, nonostante la Tua Sacrificazione, della Tua Parola e del Tuo Sangue versato”. E’ vero, gli uomini hanno versato il loro sangue finché ne era abbeverato il terreno. Non è avvenuto per amore, ma per avidità, per cattiveria. Hanno versato il sangue dei loro prossimi che non amano.

51. Molti fabbricano di Me una immagine e la coprono con seta, oro e pietre preziose, mentre lasciano morire di fame e freddo i poveri; ma il Mio Piano divino è più forte della durezza di cuore degli uomini e si adempirà. Guai a coloro che mentono! Sarebbe meglio che confessassero la loro colpa, invece di sentirsi meglio di altri, perché la coscienza non li lascerà in pace nemmeno nel sonno. Coloro che cercano di coprire le loro macchie d’onta con il mantello dell’ipocrisia, sono tombe imbiancate che celano la putrefazione nel loro interiore. Guai a voi, scribi e farisei ipocriti! Se volete camminare sulle Vie del Signore, allora fate ciò che insegna la Mia Dottrina, prendete Me come esempio, prendete la vostra croce e seguiteMi.

52. Figli Miei, trovate qualcosa di male nel Mio Messaggio? Vi danneggio con questa Parola che contiene solo Amore per tutti? Esaminatela, e non scoprirete in essa nulla di impuro.

53. Questo Messaggio che vi ricorda il tempo nel quale Mi sono annunciato, rimarrà conservato per iscritto, e verranno molti e si ricorderanno quanto ero loro vicino. I Miei apostoli del Secondo Tempo Mi amavano finché ero con loro, ma non così tanto come dopo il Mio Commiato. Finché erano insieme a Me, non hanno dato la loro vita per Me; dopo hanno dato tutto ciò che avevano per amore per il loro Maestro. I discepoli soffrivano solamente, quando non si sentiva più la Voce di Gesù, desideravano di averMi di nuovo da loro, e non Mi hanno mai amato tanto come allora. Il motivo era che Io governavo già nei loro cuori. Così deve avvenire anche in voi secondo la Mia Volontà.

54. Potete riconoscere la Mia Presenza nella pace che sentite nella vostra anima. Nessuno al di fuori di Me vi può dare la vera pace. Non ve la potrebbe donare un essere spirituale dall’oscurità. Vi dico questo, perché molti cuori temono le trappole di un essere seduttore al quale gli uomini hanno dato vita e figura secondo la loro forza d’immaginazione.

55. Si è interpretato erroneamente l’esistenza del principe della tenebra! Alla fine moltissimi hanno creduto di più nel suo potere che nel Mio, ed in questo gli uomini sono stati molto lontani dalla Verità!

56. Il male esiste, da esso sono proceduti tutti i vizi e peccati, cioè: Coloro che fanno del male sono sempre esistiti, sia sulla Terra come anche in altri luoghi o mondi. Perché personificate tutto il male esistente in un unico essere e perché lo mettete di fronte alla Divinità? Vi domando: Che cosa è un essere impuro dinanzi alla Mia Potenza assoluta ed infinita, e che cosa significa già il vostro peccato in vista alla Mia Perfezione?

57. Il peccato non è sorto nel mondo. Quando gli spiriti sono proceduti da Dio, gli uni sono rimasti nel bene, mentre gli altri, che hanno smarrito la via, hanno creato un'altra, quella del male.

58. Le Parole e Parabole che vi sono state date in tempi passati in simboli come una Rivelazione, sono state erroneamente interpretate dall’umanità. Il sapere intuitivo che gli uomini hanno avuto del sopranaturale, era stato influenzato dalla loro forza d’immaginazione, e così hanno formato un poco alla volta intorno al potere del male delle scienze, culti, immaginazioni, superstiziose e miti che continuano ad esistere fino ai vostri giorni.

59. Da Dio non possono procedere diavoli; li avete inventati voi con il vostro intelletto. L’idea che avete di quell’essere che Mi mettete sempre in opposizione come avversario, è falsa.

60. Io vi ho insegnato di vegliare e di pregare, affinché vi liberiate da tentazioni e cattive influenze che possono provenire sia dagli esseri umani come anche dagli esseri spirituali.

61. Vi ho detto che dovete sottomettere la carne allo spirito, perché la carne è una creatura debole che è sempre in pericolo di cadere, se non vegliate su di essa. Il cuore, l’intelletto ed i sensi sono porte aperte attraverso le quali le passioni del mondo flagellano l’anima.

62. Se vi siete immaginati che gli esseri della tenebra siano dei mostri, Io li vedo solo come creature imperfette alle quali Io stendo la Mia Mano per salvarle, perché anche loro sono figli Miei.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 115

 

1. Ti do il benvenuto, amato popolo, ed a te, umanità che sei Mia figlia. In questo tempo nel quale Mi annuncio attraverso l’organo d’intelletto dell’uomo, vi do la Forza per percorrere la via alla perfezione, migliorare la conduzione della vostra vita e sentire nel vostro cuore l’eco della Mia Voce divina. Io lavoro su di voi in questo tempo vantaggioso per voi, affinché eleviate il vostro spirito che oggi dorme, per rendere sensibile il vostro cuore, perché non voglio Essere in lui soltanto un Visitatore temporaneo, ma come eterno Visitatore, dato che proprio in lui dovete edificare il Mio tempio secondo la Mia Volontà.

2. Io sono la stessa “Parola divina” che si è rivelata nel Secondo Tempo in una figura corporea, che venne chiamata Gesù che ha vissuto insieme con voi e vi ha portato la mansuetudine della Sua Parola che era nel Suo perfetto Esempio. Adesso Mi servo degli strumenti umani che ho preparato e che già prima della loro nascita erano predestinati per l’adempimento di questa maestosa missione.

3. Vi ho detto che questa Terra non è la vostra vera patria, perché esisteva davvero un tempo nel quale avevate il Cielo come abitazione ed eravate presso il Padre Celeste. Quando non eravate ancora discesi su questo pianeta, siete stati nella Patria spirituale dove tutto è Luce e Verità. Non avete però inciso questa impressione saldamente nella vostra anima e perciò la vostra memoria vi abbandona e non vi ricordate di nulla di quella vita, di un soggiorno in ciò che voi chiamate Cielo che non corrisponde a ciò che vi immaginate in base al vostro intelletto in questo mondo che chiamate Terra.

4. Prima della vostra creazione eravate in Me, dopo, come creature spirituali, siete stati nel luogo dove tutto vibra in perfetta armonia, dove l’Essenza della Vita e la Sorgente è vera Luce di cui vi nutro.

5. Il dolore non era stato creato dal Padre. Nei tempi dei quali vi parlo, non avevate nessun motivo di sospirare, non avevate nulla di cui lamentarvi, sentivate il Cielo in voi stessi, perché nella vostra Vita perfetta siete stati il simbolo di questa esistenza. Quando però avevate abbandonato questa dimora, ho dato al vostro spirito un abito e siete sprofondati sempre più in basso. Dopo la vostra anima si è sviluppata un poco alla volta, fino a raggiungere il livello di esistenza dove vi trovate ora e dove splende la Luce del Padre.

6. Io sono il Maestro dell’Amore; se perciò non camminate sulle Mie Vie e non amate gli uomini con l’amore che Io vi ho insegnato, vi colpisce il dolore per via della vostra disobbedienza. Con ogni nuova caduta conquistate ulteriore esperienza.

7. L’uomo come creatura di Dio è un fratello di tutte le creature di questo e di altri mondi, perché ogni forma di vita è un Pensiero del Padre in differente visibilità nel divenire. Dato che siete dotati con la ragione, allora comprendete che siete una parte di questa Creazione ed in questo senso fratelli di tutti gli esseri e nella forma cosciente dovete avere la chiarezza sulla posizione che occupate nella Creazione, nel Piano divino e nel Concerto universale. Perché non agite in armonia con la missione che vi ho rivelato? Siate apostoli della Mia Dottrina nella chiara conoscenza che vi dovete sviluppare di gradino in gradino. Abbiate compassione con voi stessi, avvicinatevi il più velocemente possibile alla via della salvezza che non è altra che quella del perfetto amore che è contenuto in questo semplice Assioma: “Amate Dio più di tutto ciò che è creato ed il vostro prossimo come voi stessi”.

8. Istruite i vostri prossimi non solo con parole, ma con opere dell’amore. Benché Io Sia “La Parola” del Padre, nel Secondo Tempo sono diventato Uomo per insegnarvi con il Mio proprio Esempio ad adempiere le divine Leggi, perché se vi avessi insegnato solo con le Mie Parole, avreste detto: “Lui parla, ma non ha compiuto una unica Opera”. Perciò fra i Miei discepoli sono sempre stato come Maestro.

9. Conservate i Miei Insegnamenti ed Esempi divini, domani saranno come un bastone. DomandateMi in questi momenti nei quali Mi annuncio attraverso il portatore della Parola, per quanto le vostre richieste sono nobili e giuste, le esaudirò. Se però chiedete senza motivo, allora siate certi che vi darò solamente ciò che dovete ricevere. Offrite a Me l’adorazione spirituale e non siate come coloro che edificano templi ed altari che sono coperti con oro e pietre preziose, che intraprendono lunghi pellegrinaggi, si puniscono con verghe ruvide e crudeli, e si gettano sulle ginocchia sotto preghiere di labbra e preghiere di litanie e che comunque non sono stati un grado di consegnarMi il loro cuore. Vi ho avvertito per mezzo della coscienza e perciò vi dico: Chi parla e dice ciò che ha fatto e lo grida al mondo, non ha nessun merito presso il Padre Celeste.

10. Se volete camminare sulle Vie diritte del Signore, allora fate ciò che Io vi ho insegnato nelle Mie Parole, nei Miei Esempi e con il Mio Amore. Siate umili, ricompensate il male con il bene, senza che vi sia importante l’umana ingratitudine. Prendete con pazienza la croce su di voi e seguiteMi.

11. Io, “La Parola”, sono diventato Uomo nel Secondo Tempo per mostrarvi il Mio Amore divino. Non ho disprezzato di vivere fra voi nella carne umana. Ho voluto Essere un Figlio di questa umanità per sentirMi più forte nell’appartenerle, ed affinché Mi sperimentaste nella più grande vicinanza. Quella donna che ha offerto il suo grembo affinché in lei ”La Parola” diventasse Uomo, a motivo della sua purezza ed innocenza era il tempio degno per via del quale l’avevo eletta come Madre umana. Maria era il fiore di una generazione che era stato preparato molte generazioni prima di nascere.

12. L’amore materno il cui essere e tenerezza sono nel Padre, erano incarnati in Maria, quella vergine che era un fiore di purezza ed innocenza.

13. Maria come donna è l’incorporazione della Madre universale, è l’Amore materno che esiste nella Mia Divinità e che era diventato donna, affinché nella vita degli uomini ci fosse una Luce di speranza. Maria come spirito è la Tenerezza divina che è venuta sulla Terra per piangere dei peccati dell’umanità. Le sue lacrime si sono mescolate con il Sangue del Figlio, per insegnare agli uomini ad adempiere il loro compito. Le sue braccia aperte attendono l’arrivo dei suoi figli nell’Eternità.

14. Fin dal principio dell’umanità vi era stato profetato l’Arrivo del Messia; anche Maria vi era stata annunciata e promessa.

15. Coloro che rinnegano la divina maternità di Maria, disconoscono una delle più belle Rivelazioni che la Divinità ha dato agli uomini.

16. Coloro che riconoscono la Divinità di Cristo e rinnegano Maria, non sanno che si derubano del possesso del più tenero e più amabile tratto d’essere che esiste nella Mia Divinità.

17. Ci sono moltissimi che credono di conoscere le Scritture e non sanno comunque niente, perché non hanno compreso niente; e ci sono molti che, nonostante la loro opinione di aver scoperto il linguaggio della Creazione, vivono nell’errore.

18. Lo spirito materno era stato attivo amorevolmente in tutti gli esseri, potete vedere ovunque la sua immagine. La sua tenerezza divina è caduto come seme benedetto nei cuori di tutte le creature, ed ogni regno della natura è una sua testimonianza vivente ed ogni cuore di madre è un altare edificato davanti a quel grande amore. Maria era un fiore divino, ed il Frutto era Gesù.

19. In quella creatura Io sono diventato Uomo, una Opera da Maestro dell’Amore di Dio, per rivelare agli uomini i grandi Misteri del Mio Regno mentre parlavo a loro con Opere e Parole dell’Amore.

20. Tutto parlava in Cristo, perché Egli è la “Eterna Parola”, la stessa che state ascoltando proprio ora.

21. Amati discepoli, studiate le Mie Istruzione con amore e buona volontà ed alla fine comprenderete tutto ciò che vi ho rivelato in tutti i tempi.

23. La storia del Mio popolo è piena di segni e miracoli che infiammano la fede di quelle schiere di uomini nell’Esistenza e nella Potenza di Dio – dell’Iddio vivente, invisibile e vero.

24. La testimonianza di ciò che quel popolo ha visto e vissuto, è entrato nella storia e veniva fermato negli Scritti che tutte le generazioni fino ai vostri giorni hanno conosciuti. Quelle testimonianze però sono ora cadute su uomini senza fede e senza preparazione spirituale i quali, per poter credere, considerano necessario di riflettere, di scervellarsi e di indagare e sottomettono tutto alla loro scienza, alla loro ragione e logica. Questi uomini hanno dubitato, altri si sono confusi, alcuni lo hanno negato e certi se ne sono divertiti.

235. E’ soltanto naturale che coloro che cercano di trovare la divina Verità, che cercano la stessa con i loro occhi o con il loro intelletto limitato, non fanno tre passi senza essere inciampati oppure sono caduti in un abisso. Solo lo spirito può trovare la via alla Verità.

26. E’ necessario che Io vi dica che la testimonianza degli uomini che Mi hanno seguito, era verace; che ciò che hanno lasciato al mondo postumo, era giusto. Loro rappresentavano gli Insegnamenti che avevano accolti con la loro fede semplice ed innocente – così come vedevano gli stessi e come hanno afferrato tutti gli avvenimenti.

27. Tutti quegli eventi, opere e prove dei quali gli antichi vi parlano, contengono una Verità, una Luce, una Rivelazione. Costoro credevano senza indagare, perché hanno assistito agli avvenimenti. A voi spetta di andare a fondo delle cose e di credere poi, per trarre il contenuto spirituale da ciò che vi è stato rivelato.

28. Tutto ha una spiegazione semplice ed illuminante. Io però vi dico ancora una volta che, per trovarla, lo spirito deve fare progressi nella profonda riflessione.

29. Lo stupore di questa umanità materializzata sarà grande, quando persino la loro scienza e le loro osservazioni le dimostrano la Verità di molti di quegli avvenimenti che non hanno voluto credere. Allora dirà sorpresa: “Era la Verità”. Tutto ciò però che voi oggi chiamate Miracoli, non è altro che la realizzazione materiale di un Messaggio divino che è al di là del vostro pianeta e del vostro intelletto, di qualcosa che giunge direttamente dal Mio Spirito al vostro.

30. Oggi è con voi il Mio Amore Paterno. Sento le vostre richieste, persino i vostri lamenti più piani. Io voglio che imparate a parlare con il Padre vostro. Non pensate però che Io Sia venuto solamente da voi. No, Io sono disceso su tutti i Miei figli, perché il grido di dolore di questi uomini giunge fino alle Alture del Cielo come un grido di paura, come una supplica per la Luce.

31. Quando ricevete la Mia Parola in questa forma, chiedetevi interiormente se Io vengo come Padre oppure come Giudice. Allora Io vi dico che, già prima che sentite la Mia prima Parola di questo giorno, la vostra coscienza vi ha già indicato ognuna delle vostre trasgressioni ed anche ognuna delle vostre buone opere.

32. Se però vi dovessi giudicare nella Mia Parola – perché temete? Il Mio Giudizio non procede dall’Amore che vi porto incontro?

33. Io vi risveglio, affinché le vostre prove non vi trovino impreparati, affinché i temporali e tempeste turbinose di questo tempo non vi separino dalla Luce.

34. Questo è certamente il tempo delle visitazioni per cui è necessario che siate forti e preparati per non soccombere.

35. La vita sulla Terra è sempre stata accompagnata per gli uomini da prove ed espiazione; ma questa via di sviluppo non è mai stata così colma di dolore come ora, mai il calice era così pieno di amarezza.

36. In questo tempo gli uomini non aspettano fino all’età adulta per affrontare la lotta della vita. Molte creature conoscono già fin dall’infanzia delusioni, il giogo, colpi, ostacoli e fallimenti. Vi posso dire ancora di più: in questi tempi il dolore dell’uomo comincia ancora prima della sua nascita, cioè già dal grembo di sua madre.

37. L’obbligo di espiazione è grande per gli esseri che vengono sulla Terra in questo tempo. Dovete però pensare che ogni sofferenza che esiste nel mondo, è l’opera degli uomini. Esiste una più grande perfezione nella Mia Giustizia che permettere che gli stessi, che hanno seminato la via della vita con spine, adesso devono raccogliere le stesse?

38. Io so che non tutti hanno la stessa parte di colpa nel caos che vivete. Questo è vero, ma Io vi dico che coloro che sono autori della guerra, sono responsabili per la pace.

39. A te, popolo, dico: Abbi compassione con te ed i tuoi prossimi. Affinché questa compassione diventi però efficace, riconoscete i Doni del vostro spirito attraverso lo studio della Mia Opera. Chi ama i suoi prossimi, ama Me, perché il suo prossimo è il Mio figlio molto amato.

40. Tu sei un popolo che è preparato per la preghiera, per insegnare la Verità, per guarire. La vita con la sua miseria, le sue fatiche ed amarezze è diventato come un deserto. Io però vi dico che non vi dovete fermare o rimanere nel deserto, perché allora non imparerete a conoscere la vera pace.

41. Abbiate davanti agli occhi l’esempio di Israele, del quale la scrittura riferisce la storia, quando ha dovuto errare a lungo attraverso il deserto. Esso ha lottato per sfuggire alla prigionia ed all’idolatria dell’Egitto, ma anche per raggiungere un paese della pace e della libertà.

42. Oggi tutta questa umanità somiglia a quel popolo nella prigionia del faraone. Si impongono agli uomini confessioni di fede, dottrine e leggi. La maggior parte delle nazioni sono schiave di altre che sono più forti. Dure lotte di sopravivenza e lavoro obbligatorio fra colpi di verga della fame e dell’umiliazione, sono il pane amaro che oggi sta mangiando una gran parte dell’umanità.

43. Tutto questo procura sempre di più che nei cuori degli uomini sorga una nostalgia di libertà, di pace e di una vita migliore.

44. Il frastuono della guerra, il sangue umano che viene versato, l’egoismo, il tendere al potere e l’odio che in migliaia di modi portano frutti, risvegliano gli uomini dalla loro profonda letargia. Quando però questa nostalgia di tutti i Miei figli li unisce in un unico Ideale come si era unito il popolo Israele in Egitto sotto l’ispirazione di Mosè – quale uomo, quale minaccia, quale potere potrebbero sopportare questi cuori? In Verità, nessuno, perché in questa nostalgia sarà la Mia Luce, in questa lotta sarà presente la Mia Forza, in questo Ideale saranno efficaci le Mie divine Promesse.

45. Il mondo ha bisogno di un nuovo Mosè per liberarsi dalle sue catene? Io vi dico che l’Istruzione che vi ho portato in questo tempo, è la Luce che ha ispirato Mosè. E’ la Parola della Giustizia e delle Profezie, è la Forza che rialza il debole, il timoroso, il vile e lo trasforma in un coraggioso, in un deciso, in un fervente. E’ la Legge che conduce e guida sulla via della Verità; è la Manna che mantiene in vita nei lunghi giorni del pellegrinaggio, ed infine è liberazione, è pace, è benessere per gli uomini di buona volontà.

46. Popolo, ti senti incoraggiato tramite la Mia Parola, e come se gocciolasse un meraviglioso Balsamo sulle vostre ferite, vi sentite fortificati, rinnovati, pieni di speranza nel domani. Perciò vi domando: Non credete che, quando portate lo stesso Messaggio alle popolazioni oppresse della Terra, compirebbe da loro gli stessi Miracoli?

47. Perciò vi dico sempre di nuovo che vi dovete preparare per non ritardate il momento nel quale potete andare come messaggeri di questo Messaggio ispirato. Se vi dico che vi dovete preparare, allora perché questo buon Annuncio vi deve accompagnare in tal modo che non sia motivo per un dolore, da non provocare nessuna lite fratricida oppure che per via dello stesso non venga versato nemmeno una goccia di sangue.

48. Il Mio Messaggio è convincente, soave, pieno di Verità. Tocca sia il cuore e parla anche all’intelletto e convince lo spirito.

49. AscoltateMi, studiate, mettete in pratica e sarete in grado di fare per gli uomini delle brecce alla fede, alla Luce, alla libertà ed alla pace.

50. Per questo vi insegno la perfetta adorazione della Mia Divinità. Io voglio che comprendiate che dovete solo pregare Me, perché Io sono il Donatore, senza la Mia Volontà o Concessione nulla avviene.

51. Maria, la vostra Madre celeste, è proprietaria di Doni e Grazie. Se dunque la vostra elevazione è scarsa oppure la vostra elevazione insufficiente vi rende indegni di parlare con Me, allora rivolgete la preghiera a lei, cercate la sua assistenza e la sua intercessione ed in Verità vi dico, su questa via le vostre richieste Mi raggiungono velocemente.

52. Vi do queste Spiegazioni, perché avete fatto dello spirito di molti giusti delle divinità che pregate ed adorate come se fossero degli déi. Quale ignoranza, o umanità! Come possono giudicare gli uomini la santità o la perfezione di uno spirito solo secondo le sue opere umane?

53. Io sono il Primo per dirvi che dovete seguire con fervore i buoni esempi che i vostri fratelli e sorelle hanno scritto con buone opere, con la loro vita e la loro virtù, e vi dico anche che pensando a loro potete sperare nella loro assistenza ed influenza spirituali. Perché edificate per loro degli altari che servono solamente ad offendere l’umiltà di quelle anime? Perché gli uomini creano culti per la loro memoria, come se fossero déi, e li mettono al posto del Padre il Quale dimenticano, dato che adorano i loro fratelli? Quanto è stata per loro sofferta la fama che avete attribuito a loro!

54. Che cosa sanno gli uomini del Mio Giudizio su coloro che chiamano santi? Che cosa sanno della vita spirituale di quegli esseri o del posto che ognuno di loro si è meritato dinanzi al Signore?

56. Nessuno deve pensare che con queste Rivelazioni Io volessi estinguere i meriti dai vostri cuori o che i Miei servitori fra voi si sono conquistati. Al contrario, dovete sapere che la Grazia che hanno trovato in Me, è grande e che vi concedo molto attraverso le loro preghiere. E’ però necessario che eliminiate la vostra ignoranza dalla quale sorgono fanatismo religioso, l’idolatria e la superstizione.

56. Quando sentite che lo spirito di quegli esseri circonda la sfera della vostra vita, confidate in loro, dato che sono parte del mondo spirituale, affinché loro e voi uniti sulla Via del Signore, compiate l’opera della fratellanza spirituale – quell’opera che Io aspetto come risultato di tutte le Mie Istruzioni.

57. Vi istruisco in questa forma, affinché adempiate il vostro compito con cuore puro.

58. In Verità, questa esistenza è un nuovo tratto di sviluppo per la vostra anima, che è un’opera affidata a lei e che aveva lasciata incompleta, a portare la stessa un poco avanti sulla via alla perfezione.

59. Anch’Io, il divino Maestro, ho dovuto ritornare come Uomo, perché la Mia Opera di allora è rimasta incompleta. Certi rifiutano quest’affermazione e dicono che l’Opera di Gesù ha trovato la sua conclusione quando Egli morì sulla Croce. Loro però dicono questo, perché hanno dimenticato che ho annunciato e promesso il Mio Ritorno. Voi però, ai quali rivelo ora questi Insegnamenti, dovete comprendere che per Me non è obbligatoriamente necessaria la reincarnazione, perché nel Mio Spirito vi è il Potere di rivelarMi all’umanità in migliaia di modi. Non sono nemmeno ritornato alla ricerca di perfezionamento del Mio Spirito. Se ora vengo a voi avviene solamente per continuare a mostrarvi il sentiero che vi guida alla Luce. Ricordatevi che i profeti nel Primo Tempo vi hanno detto: “Egli è la Porta”. Non vi ho detto oltre a questo, quando sono diventato Uomo fra voi: “Io sono la Via?” Non vi dico adesso: “Io sono la Cima del monte sul quale attualmente state salendo”?

60. In Verità vi dico, Io sono sempre stato nella Perfezione. Oggi Mi dà Gioia di vedervi sicuri sulla Mia Via. Domani vi sarà un giubilo universale, quando voi tutti vivrete nella Patria spirituale, la quale aspetta già da lungo tempo l’arrivo dei figli del Signore.

61. Così parlo al vostro spirito, perché so che ora possa comprendere questa Dottrina e gli posso dire che non è un figlio su questa Terra che si deve considerare qui in questo mondo solo come ospite, perché la sua vera Patria è spirituale.

62. Afferrate questa Parola nel suo giusto senso, perché altrimenti potreste pensare alla fine che la Mia Dottrina sia rivolta contro ogni progresso umano. Non sarebbe comunque giusto se attribuiste tali errori al Padre vostro, il Quale aspira solamente al perfezionamento dei Suoi figli sulle loro differenti vie della vita.

63. Quello che la Mia Giustizia perseguita inesorabilmente, è il male che nel cuore dell’uomo assume differenti forme ed a volte si manifesta in sentimenti egoistici, in basse passioni, in smisurata avidità e persino come odio.

64. Discepoli, studiate precisamente ciò che ora dico in senso figurativo: La vita è un albero, i suoi rami sono incalcolabili e di questi rami non ce ne sono due uguali, ma ognuno di questi adempie il suo compito. Quando un frutto riesce male, viene respinto dall’albero. E quando un ramo mostra una crescita incontrollata, viene potato, perché dall’albero della vita devono uscire solo frutti della vita.

65. In Verità vi dico, ogni scienza che ha causato del male, ed ogni religione che non ha diffusa vera Luce, le potete considerare come rami e frutti attraverso i quali non scorre la linfa dell’albero della vita, perché ne sono stati respinti.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 116

 

1. Voi siete il popolo nel quale ho posto il Mio Compiacimento, perché ogni volta, quando il dolore era molto veemente in voi, avete levato i vostri occhi a Me e Mi avete chiamato.

2. Questo è un tempo delle prove; ma la Mia Parola ha portato come divino Balsamo conforto e speranza nella vostra afflizione. Io però vi dico: Perché piangete, avete fame, siete malati e bisognosi? Perché avete dormito? Perché avevate estinte dal vostro cuore le Mie Parole di vita che sono nutrimento per la vostra anima?

3. Non eravate preparati quando vi ha sorpresa la Mia Presenza, ma avete almeno potuto percepirMi, quando vi siete resi conto che la Mia Voce vi chiamava per darvi una nuova Rivelazione.

4. Nel desiderio di venire a Me, vi è servito molto essere stati poveri in beni materiali, ma non perché avete liberamente rinunciato a questi per tendere alla spiritualizzazione, perché il Mio Amore provvidenziale vi ha isolati dalle ricchezze seduttrici e superflui affinché ne foste liberi, quando avrei bussato alle porte dei vostri cuori.

5. Quando siete venuti qui per la prima volta per sentire la Parola, vi interessava poco oppure per niente lo scopo spirituale della Mia Comunicazione. Ciò che il vostro cuore bramava e Mi chiedeva, erano solo beni terreni dei quali sentivate il grande bisogno. Dopo però vi siete resi conto che i Doni che il vostro Maestro distribuiva riccamente., erano del genere spirituale ed infine avete compreso che i beni della Terra non avrebbero mai il valore di quei Doni.

6. Quando cominciava a splendere questa Luce nel vostro intelletto, avete compreso la miseria delle grandi nazioni, la sofferenza di coloro che - purché ricchi e signori nel mondo – possiedono tutto soltanto secondo l’apparenza. Avete scoperto la falsità dello splendore, della menzogna, dello sfarzo e del godimento della vita.

7. Avete visto l’incapacità delle religioni di unire e rinnovare l’umanità, e ad ogni passo eravate testimoni della sua impurità.

8. Quando avete visto un equilibrio così fortemente disturbato ed una tale confusione fra gli uomini, nel vostro cuore sono sbocciati sentimenti di gratitudine verso il Padre, perché quando Lo avete sentito in questo tempo, avete trovato nella Sua Parola un porto sicuro per la vostra anima.

9. Pure così come vi siete resi conto di tutte queste Verità, è necessario che vi rendiate anche conto della responsabilità che avete nei confronti dei vostri prossimi, perché dovete comprendere quanto segue: Ho portato la pace di cui vi rallegrate e la Luce che illumina la vostra esistenza, solamente per aiutare questo popolo? No, Miei ascoltatori, i Miei Doni di Grazia sono soltanto una primizia del frutto come un anticipo di ciò che è sceso su di voi, quello che Io darò all’umanità più avanti. Riconoscete perché vi dico che dovete vegliare nell’attesa degli apolidi, coloro che verranno qui alla ricerca di ombra ed un luogo di rifugio. I vostri cuori non gioirebbero se gli uomini che verranno da altri popoli, trovassero in mezzo a voi un esempio dell’amore per il prossimo, di spiritualità e di pace?

10. Questo sarà il vostro compito dopo averMi ascoltato per darvi la Mia Istruzione. E proprio così come Elia era il Mio precursore nello spirito, questo popolo sarà il Mio successore che darà la migliore testimonianza con la sua vita, le sue parole e le sue opere che Io sono stato fra voi.

11. La vostra soddisfazione sarà grande, quando saprete accogliere amorevolmente i vostri prossimi e di dare loro molto di ciò che vi ho affidato. Pensate però che il vostro dolore sarà ancora maggiore, se gli uomini bussassero alle porte della vostra città ed i suoi abitanti dormissero oppure fossero occupati con l’esercizio di cose inutili.

12. Non siate così sicuri di voi stessi nel vostro agire, perché le tentazioni sono in agguato e può succedere facilmente che colui che era già progredito sul sentiero della spiritualizzazione, potrebbe ritornare di nuovo sulla via del divertimento, al materialismo egoistico, ad una vita superba a causa della mancanza di un ideale alto e veritiero.

13. Vi dico questo, affinché viviate vigili. Non pensate però che la Mia Legge tormenta o schiavizza. Il passo dall’oscurità nella Luce, dal male al bene, dal basso all’alto, è sovente di sofferenza per l’uomo. Se però gli riesce a camminare con passo sicuro sulle Mie Vie, tutto quello che incontra nel viaggio della sua vita è pace, perché l’esercizio delle virtù non significa nessun sacrificio per lo spirito.

14. Chi di voi Mi potrebbe dire che Io non lo abbia esortato di camminare sul sentiero della virtù? Vedete, non voglio vantarMi con i Benefici che vi ho concessi, ma vi chiedo comunque di dirMi se non ho compiuto dei Miracoli su di voi e le vostre famiglie, se a motivo delle vostre preghiere o le vostre lacrime Io non abbia guarito i malati, non vi abbia liberato dalla morte, quando vi trovavate già sull’orlo del precipizio. Chi avrebbe potuto farMi omettere di fare questo per voi, dato che Io so che avrete bisogno di molta fede e forza per percorrere la Mia Via?

15. Vi ho portato la Mia Luce, affinché vi edifichiate nella sua contemplazione. Non l’ho fatto per abbagliare i vostri occhi, né per ferire la vostra anima.

16. Percorrete la via con calma e riflessione, affinché non vi sembri né più breve né più lunga di quanto sia in realtà. Dovete soltanto pensare che le prove nella vita sono la via per raggiungere la pace nell’Eternità della quale in fondo il vostro spiriti è una parte. Camminate in pace su questa via, con il vero ideale del perfezionamento e non lo sentirete mai noiosa oppure difficile. Per voi sarà come in uno di quei pellegrinaggi nei quali si vede davanti a sé una bella via, un amabile paesaggio e dove si vorrebbe che non finisse mai.

17. Se in questa vita Io vi avessi dato tutto, non avreste più nessun desiderio di salire su un gradino più alto. Quello che però non avete raggiunto in questa esistenza, a ciò aspirate in un’altra e quello che non raggiungerete in quella, vi promette un’altra vita, più alta, e così procede in tutta l’Eternità sulla infinita via dello sviluppo dell’anima.

18. Quando sentite la Mia Parola vi sembra impossibile che la vostra anima debba essere in grado di raggiungere una così grande perfezione; ma Io vi dico che mettete in dubbio l’alta destinazione dell’anima, solamente perché considerate solamente ciò che vedete con i vostri occhi materiali: miseria, ignoranza, cattiveria. Questo è solamente perché l’anima negli uni è malata, negli altri è paralizzata; altri sono ciechi e certi sono morti spiritualmente. Ed in vista di una tale miseria spirituale dovete dubitare della destinazione che l’Eternità tiene pronta per voi. Così vivete in questo tempo per il mondo ed il materialismo. La Luce della Verità però è già arrivata a voi ed ha scacciato l’oscurità della notte di un tempo che è già passato, e con la sua aurora ha annunciato la Venuta di un’epoca nella quale l’anima riceverà l’illuminazione attraverso la Mia Istruzione.

19. Questa Luce vi libererà dall’ignoranza, dalla menzogna. Molte non-verità, molte falsificazione ed inganni verranno scoperti dalla sua chiarezza. Guai a coloro che hanno falsificato la Legge. Guai a coloro che nascondono la Verità oppure l’hanno falsificata. Non si possono immaginare come sarà il loro Giudizio.

20. La Mia Parola ammonisce il mondo alla riflessione, affinché da questa possa nascere il pentimento e da questo il rinnovamento. Pure così come la Parola data attraverso questi portatori della Voce vi risveglia e muove interiormente, anche in altri paesi, in altre zone, su altre vie, i Miei inviati si sono incamminati per rendere attento il popolo, ricordargli la purezza della Mia Legge e la Verità della Mia Dottrina. Si sono preparati nella Luce della Mia Ispirazione, ed anche se sperimentano scherno e disprezzo, procedono passo dopo passo nell’adempimento del loro compito. Io vi dico che conserverò la loro ricompensa e verrà il momento nel quale anche loro impareranno a conoscere ciò che voi ricevete adesso.

21. Non tutti sono Miei inviati di coloro che percorrono strade e vicoli e parlano degli avvenimenti dei tempi passati ed interpretano le profezie o spiegano le Rivelazioni, perché molti hanno abusato di quei Messaggi per vanità, per disperazione oppure per proprio uso umano, per offendere e giudicare, per umiliare o ferire, e persino per uccidere.

22. E’ necessario che questa Luce che è giunta così amorevolmente nei vostri cuori, si diffonda da un punto della Terra all’altro, affinché gli uomini si ricordino che Cristo non ferisce, non umilia e meno ancora porta la morte, perché Egli è Vita, Pane, salute, conforto e l’umanità ha bisogno di tutto questo.

23. Popolo, ho parlato con voi. Pensate alle Mie Parole, orientatevi secondo il loro Aiuto, considerate la vita e tutto ciò che vi circonda con questa Luce che vi do affinché, quando Mi sentite un’altra volta, Io vi trovi più consapevoli e meglio preparati per l’esecuzione della vostra missione.

24. In tutti i tempi vi ho parlato in simboli, ma ora siete all’inizio di una nuova epoca nella quale vi parlerò in modo più chiaro, perché ora Mi potete comprendere.

25. Tutto nella Creazione vi parla di Dio e della Vita eterna, tutto ciò che vi circonda ed avviene nella vita, è per così dire una immagine dello spirituale. Non vi siete però accontentati con le Opere che Io ho creato e per mezzo delle quali parlo a voi, vi do Rivelazione e vi istruisco. Ogni popolo, ogni comunità religiosa o setta si crea immagine, simboli, forme culturali e plastici per la rappresentazione del Divino. Lo avete considerato necessario ed Io ve l’ho permesso, o umanità. Ora però che il vostro spirito è più illuminato, più sviluppato che nei tempo passati, esso può riconoscere e comprendere chiaramente la vita. Manderò a tutti questo Messaggio, affinché si risveglino alla Luce e guardano nel volto alla Verità.

26. I Doni dello spirito che erano appassiti attraverso la trascuratezza, nella quale gli uomini li hanno tenuti, sentiranno cadere su di sé la rugiada del Mio Amore e quando poi gli uomini rinnovati eleveranno i loro pensieri a Me nella purezza, vedranno ciò che prima non hanno visto. Sentiranno la Voce del Padre che parlerà a loro in molteplice forma, e sentiranno ad ogni passo la Sua Presenza.

27. Allora smetteranno a creare simboli religiosi e forme culturali, perché dato che vi dono il Volto raggiante del Padre in tutta la Creazione, non sentiranno più il bisogno di questi oggetti ai quali attribuiscono particolari facoltà per credere in essi come se fossero l’Immagine del Padre.

28. A voi discepoli, che avete sentito questa Parola delle Mie Istruzioni, domando: Perché avete creduto di aver bisogno di dover creare simboli per il vostro servizio per Dio, benché Mi avevate davanti agli occhi, Mi avete sentito e percepito?

29. Se per caso rispondete a questa Domanda che rispettate solamente ciò che vi hanno lasciato i vostri predecessori, allora Io vi dico che questi, sopraffatti dalla Luce della Mia Rivelazione, afferravano con simboli ciò che è la spiritualizzazione.

30. Questo popolo deve adempiere una grande missione spirituale in mezzo a questa umanità che è minacciata dello sconfinato materialismo che cresce e procede come un nuovo paganesimo, come un nuovo e più grande culto con la materia, del mondo e le sue passioni.

31. Ed in vista di queste prove – volete sempre ancora conservare i ricordi di culti idolatri? E’ questo l’esempio di spiritualizzazione che volete dare e sono queste le armi che forgiate per combattere con queste?

32. Lasciate germogliare la Mia Parola nel vostro cuore per poter andare presto a testimoniare della Mia Dottrina con le vostre opere.

33. Quando non Mi comunicherò più a voi, perché questo tratto di tempo sarà terminato, allora non smarrite la via, non omettete di cercarMi nelle vostre afflizioni, continuate a confidare nella Mia Istruzione.

34. Io sono la Porta stretta attraverso la quale dovete passare, e Maria è la scala sulla quale salirete alla vostra Madre nell’amore ed obbedienza. Se Mi credete e Mi onorate, non incontrerete trappole ed abbrevierete la via.

35. Vi trovate nel tempo della lotta del bene contro il male. Siete stati chiamati per agire con Me in questa battaglia che è già iniziata. Vi ho insegnato come dovete combattere per scacciare l’oscurità e di portare ogni anima nella Luce. La Mia Parola vi ha accompagnata affinché viviate vegliando e pregando, affinché non vi lasciate sedurre da false luci, né diate ascolto a voci ingannevoli.

36. Quando questo tempo sarà una volta terminato e considerate la Mia Comunicazione come molto distante e nell’adempimento delle Mie Indicazioni trasmettere te ai vostri posteri questo Lieto Messaggio, avrete nostalgia di questi tempi e vi sentirete felici di essere stati eletti ad aver assistito alla Mia divina Comunicazione. In quel momento però dev’essere scomparso tutto ciò che avete mescolato di impuro a questa Dottrina e la Mia Parola deve irrompere dal vostro spirito chiara cristallina e pura e rivelare soltanto Luce e Verità.

37. Quando verrete interrogati dai vostri prossimi, parlate senza nascondere qualcosa di ciò che contiene la Mia Opera e alla loro presenza ricordate il Maestro in ognuna delle Sue Istruzioni.

39. Vi rendo responsabili per le generazioni che verranno ancora discendendo da voi. Pensate che la Mia Parola di questo tempo non è stata data solo per alcune poche generazioni, ma per tutte quelle che vi seguiranno, e che queste si devono preparare con la più grande spiritualizzazione per raggiungere la cima che ho posta agli uomini come meta.

39. Io benedico coloro che seguono la via che conduce in Alto e nel corso del tempo raggiungono una maggior elevazione nello studio della Mia Opera, e che si accingono a sentire la Mia Voce nel loro spirito appena sarà terminato questo tempo della Mia Comunicazione attraverso l’organo d’intelletto dell’uomo. Ben per coloro che danno fede alla Mia Opera e la sappiano onorare attraverso la loro spiritualizzazione.

40. Quanti dei vostri prossimi potete salvare attraverso le vostre preghiere? Questo mondo è sull’orlo di un precipizio ed Io vi mando a lui per impedire la sua caduta. Fermate la gioventù nella sua corsa sfrenata che conduce alla distruzione della loro moralità; purificate le loro anime, affinché formino il fondamento per una vita sincera e virtuosa.

41. Attraversate le vie del mondo e come misura della vostra vita portate con voi la Verità delle Mie Istruzioni. Rispettate però il paese nel quale entrate, allora i sentieri da voi percorsi saranno preparati e ci sarà un’alleanza fra le nazioni e voi farete di questa Terra una dimora nella quale voi tutti sentirete il Calore del Padre Celeste e vi riconoscerete fra voi come fratelli.

42. Ho sofferto quando ho visto l’ingratitudine delle Mie creature; ma quando queste Mi hanno rinnegato come Padre, Io non ho mai mentito che siete Miei figli, nemmeno quando certi si sono macchiati. Ho visto grandi nazioni che si sono allontanate da Me e si sono solo date alla loro vita materiale, ai loro problemi, senza aspettarsi nulla da Me. Presto però verrà il tempo del risveglio, e cominciando dai bambini fino ai vegliarti dedicheranno la loro vita allo studio ed all’esercizio della Mia Istruzione. Gli anziani parleranno colmi di benignità ed indicheranno con la vita la Luce dell’esperienza. I bambini sorprenderanno il mondo attraverso lo sviluppo dei Doni del loro spirito ed attraverso la dedizione alla Mia Opera.

43. Amato popolo, trai oggi dalla Mia Dottrina la massima moralità per la vostra vita. Se desiderate che il mondo creda in questa Rivelazione, allora date attraverso la vostra vita la più grande testimonianza per la Mia Verità. Vi ho detto che dovete essere come specchi puri, un popolo che sa dare un esempio di fede, obbedienza e purezza.

44. Provvedete che fra di voi conquistiate la purezza ed il buon potere e con ciò correggerete coloro che senza sincera intenzione sono penetrati nelle vostre file.

45. Voi che avete compresi la Verità e la Perfezione della Mia Dottrina, avete l’obbligo di agire con le vostre opere contro tutto il male che causeranno a quest’Opera coloro che non hanno afferrato il suo scopo finale.

46. Riconoscete che fra di voi si è moltiplicato la cattiva semenza, finché ha quasi superato la vera semenza. La menzogna, la superstizione, l’ipocrisia, la brama di guadagno, cattive influenze, fanatismo e tutte le impurità sono stati l’erbaccia che si è diffuso fra questo popolo, che vorrei vedere libero da ogni macchia, per mandarlo come Mio inviato ad altri popoli e nazioni.

47. Io affido questo compito di pulizia a coloro che amano il vero, il puro. E’ un’opera di grande perseveranza. Quanto grande sarà però la felicità di questo popolo, quando poi sperimenterà che la sua Luce infine ha cancellato l’oscurità. Solo allora vi considererò come messaggeri di questo Lieto Messaggio e vi manderò nel mondo per lottare contro il regno del male, mentre agite contro il suo potere attraverso il rinnovamento dei vostri prossimi.

48. Pensate con quanto Amore e divina Pazienza vi ho istruito e corretto, mentre vi ho detto che dovete permettete che vi faccia notare i vostri errori e sbaglia e vi conduca alla perfezione. Ah, ma quanti sono di coloro che rimangono sordi per queste Parole e nella loro pigrizia, nella durezza del loro cuore lasciano trascorrere preziosi momento della preparazione senza voler credere nelle prove che stanno venendo su di loro!

49. Un giorno il mondo si prefiggerà di giudicare ed indagare questo popolo e solo colui che ha “vegliato”, potrà sussistere. Chi però ha usato la Mia Opera per scopi egoistici e dannosi, vedrà cadere su di sé la giustizia della Terra, ed allora si lamenterà troppo tardi che ha voluto creare il suo proprio regno, il suo trono di lusinghe e piacevolezze all’interno della Mia propria Opera spirituale che è un’Opera dell’Amore, dell’umiltà e della rinuncia.

50. Io dico a tutti voi ancora una volta: “Vegliate e pregate”, e se credete veramente nella Mia Parola, allora non rimandate a domani di osservare la stessa, perché domani potrebbe essere troppo tardi.

51. Vedi, popolo, la Terra è già diventata troppo piccola per contenere così tanta sofferenza umana. Questo pianeta appariva prima agli uomini come una “valle” senza fine, adesso l’ha conquistata e popolata.

52. Ho dato all’uomo questo mondo come dimora e gli ho detto: “Crescete e moltiplicate e riempite la Terra”, ed in effetti ha riempito la Terra, ma lo ha fatto con peccato e sofferenza.

53. Questo mondo che doveva essere la casa di una unica famiglia che comprende l’intera umanità, è la mela di contesa e motivo per insensato tendere al potere, al tradimento e guerra. Questa vita che doveva essere usata per lo studio, per la contemplazione spirituale e per lo sforzo di raggiungere la Vita eterna mentre dovevano essere utilizzate le prove e le lezioni per il bene dello spirito, viene intesa erroneamente dall’uomo in modo che lascia avvelenare il suo cuore da rancore, disperazione, materialismo e scontentezza.

54. Gli uomini dimenticano il linguaggio con cui la coscienza parla a loro, perdono la fede e lasciano spegnere i Doni del loro spirito, che gli uni si danno al materialismo, mentre altri rimproverano questa esistenza e menzionano un infinito desiderio come parvenza per fuggire da questo mondo e di entrare in un altro paese.

55. Io domando questo: Possedete già la necessaria spiritualità per abitare in mondi migliori? Non vi siete fatti un pensiero che, se non siete maturi – persino se poteste entrare nella migliore delle dimore spirituali -, non siete in grado di apprezzare il valore di quella vita, né di godere totalmente della sua pace?

56. In Verità vi dico: Il merito di questa vita che avete oggi, consiste nel fatto che lo spirito sa superare tutti i cambiamento della vita e le esistenti miserie; e questo non è tutto, ma inoltre ad essere d’accordo, dovete sperimentare nel vostro spirito la felicità che sorge dal fatto di essere utili per i vostri prossimi in un mondo nel quale regnano grandi bisogni.

57. Nel giorno nel quale l’anima avrà raggiunto la perfezione che è necessaria per sentirsi nel Mio Regno dei Cieli, il luogo o il mondo che abita, sia che è incarnata oppure no, sarà per lei senza importanza. Porterà in sé il Regno dei Cieli e si rallegrerà della sua Grazia in tutte ed in ogni missione per il cui adempimento il Padre suo la manderà.

58. Riflettete su questo e vi renderete conto che questa valle terrena è un paese esteso che offre le occasioni favorevoli per conquistarvi i necessari meriti per conquistare quelle dimore che brama il vostro spirito.

 

“La Mia Pace sia con voi! “

 

[indice]

Istruzione 117

 

1. Popolo, riposati su suolo solido, rimani nell’ombra di questa palma e senti la Mia Voce, affinché guariscano tutte le tue infermità, che riconquisti la tua forza e che tu possa continuare il tuo pellegrinaggio. Vedete che non è necessario dirMi la preoccupazione del vostro cuore, né da dove venite, perché Io so tutto. Io so che la vostra anima ha dietro di sé una difficile lotta ed ha cercato di allontanarsi dalle vie storte. Venite per cercare da Me sostegno e forza per non scoraggiarvi. Quando eravate vicini a diventare deboli, quando le vostre forze stavano proprio finendo, avete levato i vostri occhi a Me per chiederMi aiuto, ed Io vi ho subito risposto e vi ho chiamati a questa oasi di pace, affinché aveste una pausa di ripresa nel vostro dolore.

2. Quante delle Mie Istruzioni avete comprese e sondate fin dal momento nel quale avete sentito per la prima volta la Parola? Attraverso la stessa avete compreso che l’anima non si perfeziona né in un giorno, né in un anno, né in una vita, perché dato che è di natura eterna, la via dello sviluppo dev’essere lunga per raggiungere la sua perfezione. Avete anche imparato ad ascoltare la voce della coscienza che vi parla sempre della Legge, dell’Amore, del bene, della rettitudine e purezza e vi è riuscito a distinguerla da quella voce che viene dai sensi della carne o dalle passioni del cuore e che non conduce sempre al buon sentiero.

3. Voi sapete già di possedere delle armi per difendervi, sapete anche qual è lo scudo che vi protegge, per cui avete cominciato a fare uso della preghiera, dei buoni pensieri, della forza della volontà e della fede.

4. Avete imparato a dare alle parti costituenti dei quali consiste il vostro essere, il giusto posto nella vita, perché avete compreso che l’essenziale è il vostro spirito e dopo di lui vengono i sentimenti e l’intelletto che occupano un posto degno di loro.

5. Ora sapete che la vera spiritualità nell’uomo non consiste di separarsi da ciò che appartiene alla vita materiale, ma di essere in armonia con tutta la Creazione e per raggiungere questa armonia, deve precedere lo spirito, deve stare al di sopra dell’umano, con una Parola: dev’essere la guida. Diversamente lo spirito è schiavo della carne.

6. Voi sapete che sulla Mia Via non si può fingere né amore né purezza, né sapere, perché sentite subito uno sguardo che penetra e giudica tutto. Voi sapete che le vostre virtù e le vostre opere devono essere veritiere, affinché i vostri meriti siano reali.

7. Se vi parlo così, non lo faccio perché esigo da voi la massima perfezione, ma per chiedervi di fare uno sforzo per raggiungerla.

8. Se oggi soffrite, se passate attraverso una grave prova oppure vi trovate su un giaciglio di dolore, sapete che quel calice vi purifica e rinnova, che quella crisi vi fa espiare le trasgressioni oppure che si tratta di una saggia Lezione per l’anima e poi vuotate il calice con pazienza e rassegnazione.

9. Avete imparato a comprendere che ho eretto in ognuno di voi un tempio e non osate più a distruggere ciò che è edificato, ma cercate di collaborare con Me in questa Opera.

10. Avete ben compreso che non dovete conquistare meriti davanti agli occhi degli uomini per ricevere da loro il salario o la ricompensa, ma dal Padre vostro, l’Unico che possa valutare le vostre opere.

11. Se comprendete tutti questi Insegnamento dell’Amore che Io vi do – per quanto sia anche ribelle la vostra natura materiale e quanto siano veementi le vostre passioni – deve sorgere una sottomissione della carne davanti allo spirito che sarà un inizio per raggiungere l’armonia e l’ordine che devono esistere nell’uomo per chiamarsi con diritto “Mio figlio”.

12. Dal vostro comportamento nel presente dipenderà il futuro di molti uomini, amato popolo, non ne dubitate. Riflettete quindi su questo, liberatevi dall’ultima rimanenza di egoismo che è ancora in voi ed operate per il futuro di pace, unità, moralità e spiritualizzazione che sono inevitabili, affinché le nuove generazioni trovino la via appianata.

13. Non dubitate a compiere quest’opera nel mondo, perché non è la prima volta che vi affido la Mia Semenza. La dimostrazione per questo è che vi parlo in questa forma e voi Mi comprendete.

14. Questa è la continuazione delle Mie Istruzioni, ma non la fine dei tempi, come l’uomo la interpreta. Il mondo continuerà ad orbitare nello Spazio, le anime continueranno a venire sulla Terra e si incarneranno per adempiere la loro destinazione. Gli uomini popoleranno anche nel futuro questo pianeta, e cambierà solo il modo di vivere fra gli uomini. I cambiamenti che la vita umana subirà, saranno grandi, così imponenti, che per voi sembrerà come se finisse il mondo e ne sorgesse un altro,

15. Come in tutti i tempi si ha suddivisa la vita dell’umanità in epoche o ere, ed ognuna di queste si è distinta per qualcosa – sia attraverso le sue scoperte, attraverso le Rivelazioni divine che gli uomini hanno ricevuto attraverso lo sviluppo del senso per il bello che voi chiamate arte, oppure attraverso la scienza -, allora Io vi dico che quest’epoca si distinguerà attraverso lo sviluppo dei Doni dello spirito, quella parte del vostro essere con cui avreste dovuto cominciare a svilupparvi, per risparmiarvi questi grandi mali ed errori.

16. Non credete che la vita umana potesse essere totalmente trasformata mentre sviluppate la vostra natura spirituale, i Doni del vostro spirito e mettere in vigore sulla Terra la legge della coscienza?

17. Ah, se poteste rendervi conto di tutto ciò che il vostro spirito possiede! Non lo sapete, nonostante dei millenni che avete abitato nel mondo e nello spazio spirituale, perché nel vostro egoismo – che è amore per voi stessi - era soltanto importante la scienza al servizio dell’esistenza materiale.

18. Sarò Io che scopro davanti a voi le virtù, facoltà, bellezze, forze e miracoli che si trovano nascosti nel vostro spirito, dato che per questo è il tempo, perché con ciò raccogliete gli ultimi frutti di una epoca.

19. Presto tutti i popoli riconosceranno che Io, il loro Signore, ho parlato in tutte le epoche che l’umanità ha attraversato, mentre ognuna delle Mie Rivelazioni era come un gradino sulla scala spirituale che Io ho eretta affinché voi tutti possiate salire a Me.

20. Questo tempo verrà chiamato il tempo della Luce, l’era dello Spirito oppure il tempo della Verità; ma Io vi dico che è il tempo della risalita degli spiriti e della loro reintegrazione.

21. L’anima è il tempio da Me edificato, un santuario che viene continuamente profanato da uomini. Ora però è venuta l’epoca della Luce sovente annunciata, il cui chiaro splendore verrà veduto da tutti e sotto il cui calore tutti i figli del Signore si troveranno insieme. Non vi parlo di una comunità religiosa che accoglie gli uni e respinge gli altri, che annunciano la loro Verità e negano la Verità degli altri, oppure che impiegano armi indegne per affermarsi con l’aiuto di violenza o intimorimento. No, Io vi parlo solo di una Legge spiegata attraverso una Dottrina che è proprio quel Messaggio che vi ho rivelato in questo tempo attraverso questa Parola. Se quindi verrà l’ora per voi di andare e di trasmettere questo Lieto Messaggio, allora dovete predicare attraverso le vostre azioni la pace, l’amore, la misericordia, l’unità e la fratellanza. Se però dovreste incontrare qualcuno sulla vostra via che ipocritamente predica lo stesso come voi, ma falsifica la Verità, dovete scoprire la menzogna attraverso le vostre opere. Se invece vi incontrate con i vostri fratelli che predicano attraverso il loro esempio la Verità, l’amore e la misericordia, allora vi dovete unire con loro, perché la loro lotta e la vostra saranno la stessa.

22. Non posso fare a meno di dirvi che, se dovreste essere impuri e non preparati, non vi sentirete degni di compiere quest’Opera. Quando voi vedete che altri con vera fede e con purezza cominciano a lottare, allora non siate loro di ostacolo sulla via, perché allora la loro responsabilità nei confronti della Mia Giustizia sarebbe doppiamente grave.

23. Vi faccio notare tutto ancora prima affinché nulla vi sorprenda e perciò quando vi alzate per la lotta, sappiate svegliare in voi l’ideale dell’elevazione spirituale.

24. Questa Terra che ha sempre mandato nell’aldilà un raccolto di anime malate, stanche, disturbate, smarrite oppure tali con scarsa maturità, Mi porterà presto dei frutti degni del Mio Amore.

25. Quando conducete una esistenza sana e spiritualmente maturata, scompariranno sempre di più dalla vostra vita malattia e dolore, e quando poi arriva la morte, vi troverà preparati per il viaggio nella Patria spirituale.

26. Chi si potrebbe ancora smarrire e perdere entrando nella Patria dello spirito, se l’ha già presagito in questo vita nei momenti della preghiera, della meditazione, nei sogni oppure nell’immergersi nella Mia Legge?

27. Tanta pace e tanto del bene oggi vi sembra irraggiungibile e questo perché vedete tutta la confusione che esiste intorno a voi, uno smarrimento che – come sapete – aumenterà in tutti i cambi della vita umana. Io però vi dico, confidate in Me, vegliate, pregate e siate seminatori instancabili, affinché questa notte tempestosa lasci apparire la Luce della nuova aurora e la Terra senta come i suoi nuovi abitanti la provvedono con opere nobili e ristabiliscono e riedificano di nuovo tutto ciò che gli stolti ed infami hanno distrutto e profanato.

28. Riflettete a fondo su questo e vi sentirete incoraggiati, perché in Verità vi dico: Benedetti siano coloro che leggono in questo Libro nel quale vi ha rivelato “la Mia Parola”. In esso avete trovato molti Insegnamenti che vi erano sconosciuti.

30. Ho voluto farMi sentire da coloro che sulla Terra non hanno sulla di proprio per poi servirMi di loro. Vi ho eletti fra gli umili come in tutti i tempi, nei quali ho cercato i Miei servitori fra cuori semplici. Io so che i proprietari di ricchezze nel mondo sono sempre occupati con lo stesso e non si ricordano di Me. Ho concesso loro un certo tempo per adorare ciò che amano tanto. Verrà comunque sempre l’ora di sentire la Mia Voce, di prendere su di sé la loro croce e di seguirMi, ma prima si purificheranno nel crogiuolo del dolore.

31. Amati discepoli, rimangono solo ancora sette anni che saranno come 7 nuovi giorni nei quali Mi potete sentire. Io voglio che in questa spanna di tempo lasciaste dietro di voi la vostra incostanza ed i vostri passi diventino sicuri, affinché quando arriverà l’anno 1950, Mi possiate dire: “Signore, l’unione fra noi è diventata realtà, e Ti portiamo dimostrazioni della nostra spiritualizzazione e della nostra fratellanza”.

32. Questo popolo sa che Io Mi aspetto solo la sua spiritualizzazione per far sentire la Mia Voce nella sua coscienza, quando gli dico: Popolo, alzati e moltiplicati come la polvere della Terra. Attraversa valli, città, deserti e mari e diffondi questa Istruzione dell’Amore e dell’Umiltà. La Mia onnipotente Provvidenza vi proteggerà contro ogni persecuzione o cattiveria in agguato e metterò la Mia Parola sulle vostre labbra, quando lo esige l’occasione.

33. Grande, molto grande è l’Opera che vi affido, perché vi voglio avere forti e grandi nel vostro spirito. In Verità vi dico, che nel Cuore del Padre vostro l’egoismo non ha spazio.

34. Affido sette anni al popolo che ha ricevuto questi campi benedetti, affinché raccolga da questi i frutti che sono degni della Mia Divinità.

35. Popolo, abbi misericordia e pazienza con coloro che stanno facendo proprio ora i loro primi passi. Consigliali con bontà, con la quale Io ho corretto voi. Amatevi con l’amore con il quale Io ho amato voi, allora vi sarà armonia fra voi.

36. Venite qui, alla Mia Presenza c’è l’ombra come di un albero, la Mia Parola è come un canto di un uccello. Venite a Me, voi affamati ed assetati di Giustizia, voi malati, voi poveri nello spirito ed ignari, avvicinatevi a Me!

37. Non vi respingo per via della vostra povertà, né vi disprezzo per via del vostro rango. Io so che nell’interiore di ognuno di voi esiste uno spirito che ha bisogno della Mia Luce per elevarsi alla Vita.

38. Io porto la salute per i malati e la speranza per i preoccupati. Nessuno se ne andrà senza conforto per la sua sofferenza. Quando però avrete poi ottenuto la pace, vi sentirete rivestiti con quella dignità che Io vi do. Non rimproverate il mondo e le sue sofferenze e destini mutevoli. Ricordatevi che erano gli stessi che vi hanno guidati a Me. Non ritiratevi nemmeno dai vostri prossimi, al contrario, adesso che avete visto come Io vi accolgo e come vi do regali, andate ancora di più incontro a loro e fate ai bisognosi ciò che avete visto che Io ho fatto a voi.

39. Attraverso uno di voi che esercita veramente la Mia Istruzione, saranno molti che ottengono la Mia Grazia.

40. Preghiera, amore per il prossimo e buona volontà è tutto ciò che vi serve, affinché le vostre conoscenze nella Mia Istruzione risplendano come Luce raggiante in mezzo all’oscurità. Verranno dei tempi della visitazione ed Io voglio che tutti i Miei discepoli siano preparati.

41. Finché gli uomini si rallegrano della pace o dei divertimenti mondani, non vi chiameranno, ma spinti dal dolore vi cercheranno. Siate preparati, perché presto la sofferenza si verserà sul mondo. Allora sarete chiamati dai malati, affinché portiate loro il Mio Balsamo. Molti dei vostri prossimi chiederanno le vostre preghiere e desidereranno anche la vostra istruzione per trovare il sentiero che li conduce alla risalita spirituale.

42. Vedete quanto è delicato e grande il compito che vi attende?

43. Nel silenzio ammettete che la Rivelazione che vi ho dato in questo Tempo è grande. Se sapete comportarvi come Miei discepoli, riconoscerete nella Mia Opera una Luce ancora più grande.

44. Formate il popolo della pace e della spiritualizzazione, allontanate dai vostri cuori gli ultimi resti del fanatismo che sono ancora in voi. Ottenete la purificazione attraverso il rinnovamento, allora darò un Segno nel Cielo che sarà visto nel mondo e che vi dirà che è venuto “il Giorno del Signore”. Questo Segno verrà visto persino dai “ciechi” e compreso dall’intelletto non istruito.

45. Fate uso dell’arma più forte che vi ho affidato, che è la preghiera; e pregate affinché non diate ascolto a coloro che cercano di spegnere la fiamma della vostra fede. Sii vigile, popolo, non permettere che qualcuno oscuri il vostro cuore oppure cerchi di farvi perdere la via. Voi conoscete già la Mia Legge, questa è la Via; non deviate da questa e non avrete nulla da temere.

46. Se sulla Terra certi vi vogliono rovinare, ed altri pregano per voi perché vi considerano perduti, allora pensate che nello spirituale ci sono quelli che vegliano su ognuno dei vostri passi. La vostra Madre celeste vi protegge sotto il suo mantello, Elia vi custodisce con il suo amore di un pastore spirituale ed i vostri fratelli che vivono nell’aldilà e che si dedicano al bene, vi proteggono e vi consigliano. Così Io parlo a coloro che in mezzo alle indecisioni e dubbi stanno facendo i loro primi passi ed inciampano e cadranno ancora sovente.

47. Presto si accenderà nei loro cuori la fede e quando succederà questo, nulla e nessuno la potrà più spegnere. Dapprima però vi devo dare le Mie Istruzioni, affinché contemporaneamente vengano fortificati i vostri cuori, come la vostra anima si distoglie sempre di più dall’inutile. In questo modo vi svilupperete un poco alla volta verso l’Alto. Allora sentirete che si è calmata la sete di Verità ed amore che Mi fate riconoscere, affinché vi dedichiate pieni di forza e coraggio all’adempimento del vostro compito.

48. Vi preparo con infinito Amore, perché la Mia Istruzione attraverso questi portatori della Voce non dura in eterno. Presto non sentirete più questa Parola e nonostante ciò dovete essere forti nella lotta che verrà, quando la Mia Parola non verrà più trasmessa in questa forma.

49. Che cosa fareste, se non aveste compreso la Dottrina del Maestro? Come potrete difendere la vostra fede che se non avreste imparato a conoscere le armi che vi possono aiutare a difendervi? Riflettete su queste Parole, perché molti cadranno di nuovo sulle ginocchia davanti alle immagini di idoli, perché non hanno saputo utilizzare le Mie Istruzioni.

50. Popolo, non essere sordo nei confronti della Mia Voce e non interpretare erroneamente la Mia Opera. Io vi ho detto che la dovete far conoscere con la purezza con la quale ve l’ho affidata. Ascoltate la Mia Voce, affinché, quando sentirete quella dei vostri nemici, siate in grado di liberarvi dai loro lacci e trappole.

51. Finora avevate considerato la vita e gli uomini in modo superficiale. Ora però Io vi mostro il senso e l’essenza di tutti gli Insegnamenti che vi ho rivelati nei Tre Tempi, affinché abbiate piena conoscenza su chi siete, ed affinché accettiate la vostra destinazione come Cristo la Sua Croce ed amiate i vostri prossimi nel Creatore. La Mia Dottrina vi rivela e mostra tutto questo. Adesso vi dico che colui che è stato segnato da Me, non deve sentirsi superiore verso colui che non ha ricevuto il segno, perché molti di loro vi daranno dimostrazioni di spiritualizzazione e che possiedono grandi Doni dello spirito proprio come voi.

52. Questo è il tempo nel quale si sente nell’Infinito la Campana celeste che chiama gli uomini alla radunanza che invita alla riflessione ed alla preghiera. La sua eco vibra inarrestabilmente sul fondo di ogni cuore, perché è il Terzo Tempo nel quale Elia come Mio messaggero chiama le anime da un capo all’altro del mondo affinché si presentino davanti al Giudizio. Voi dovete far parte di coloro che Mi cercano in quell’ora per mezzo dello spirito e non per mezzo di plastici ed immagini che sono fatti da mano d’uomo, affinché Io possa dire che voi fate parte di coloro che hanno aspettato la Mia Legge, dato che nella stessa che vi ho dato sul monte Sinai, ho ordinato che voi – per adorarMi – non dovete avere davanti agli occhi nessuna immagine che rappresenti la Mia Divinità.

53. Se allora vi ho esortato all’adorazione spirituale, allora è giusto ed l’adeguato e Me la offriate ora, o popolo, che a volte perdi la speranza di giungere al totale rinnovamento e spiritualizzazione. Riconoscete come ho allungato la vostra esistenza e come vi ho fatto percorrere la via del ristabilimento e dello sviluppo, affinché con i vostri passi e nel vostro costante cammino lasciate dietro di voi ogni imperfezione ed ogni impurità. Non avete già sperimentato come le masse d’acqua intorbidite dal fango diventano di nuovo chiare nel loro rapido corso? In Verità vi dico, lo stesso succederà con la vostra anima.

54. Io sono il Signore della Vita e del Creato. Perciò Io vi dico che Io sono l’Unico il Quale conosce il Segreto, l’Eternità e la destinazione di tutti gli esseri.

55. Se l’umanità non si intestardisse così caparbiamente sulla sua ignoranza, la sua esistenza sulla Terra sarebbe diversa. Gli uomini però si oppongono ai Miei Comandamenti, maledicono la loro destinazione ed invece di collaborare con Me nella Mia Opera, cercano una possibilità per raggirare le Mie Leggi, per imporre la loro volontà. Io però vi dico che, se gli uomini osservassero accuratamente ognuna delle loro azioni, noterebbero come si ribellano contro di Me ad ogni passo.

56. Se Io copro gli uomini con il Mio Compiacimento, diventano egoisti; se lascio loro godere dei divertimenti, arrivano alla dissolutezza; se metto alla prova la loro forza, s’inalberano; e se permetto che il calice dell’amarezza giunga alle loro labbra per purificarli, maledicono la vita e sentono di perdere la loro fede. Se metto sulle loro spalle il peso di una grande famiglia, si disperano, e se tolgo loro i loro parenti sulla Terra, Mi accusano come ingiusto.

57. Non siete mai d’accordo, non sento mai che nelle vostre prove benedite il Mio Nome, né ho visto che cercate di collaborare nella Mia Opera di Creazione.

58. Gesù non possedeva nulla sulla Terra e ciononostante non Si è mai lamentato per via della Sua povertà. Ha dovuto abbandonare Sua Madre e la Sua patria ed ha rinunciato a tutto per Amore per Colui il Quale Lo aveva mandato. La Sua Opera era molto difficile e la Sua Via sofferta fino alla fine, ma non Si è mai ribellato. Egli era stato perseguitato e schernito, condannato ed infine ucciso, ma dal Suo Cuore, dalle Sue Labbra e persino dai Suoi Occhi si sprigionava solo Benedizione, Perdono e Conforto per coloro che Lo amavano ed anche per coloro che lo hanno ferito.

60. Non soltanto potete prendere Me come degno Esempio. Ricordatevi dell’obbedienza di Abramo, quando il suo Signore ha preteso da lui la vita di suo figlio, alla pazienza di Giobbe che Mi ha benedetto nelle sue visitazioni, e come questi esempi ce ne sono molte altre che sono giunte a voi attraverso le storiografie.

61. Qualche volta vi stupite quando vedete un malato che porta pazientemente la sua croce, un cieco o un paralitico che benedice la Mia Volontà. In altre occasione non potete comprendere la rassegnazione di un padre che ha appena perduto suo figlio che ha molto amato; gli uomini materializzati di questo tempo che stanno così lontani dalla Verità, non possono comprendere quella rassegnazione, quella pazienza e quella riverenza nei confronti dei Consigli di Dio. Sono Io che vi porto davanti agli occhi questi begli esempi di umiltà, di obbedienza nei confronti della Mia Volontà e di maturità spirituale, affinché abbiate esempi che potete seguire con fervore nelle vostre prove.

62. Io vi dico, quando questa umanità fa in tutto ciò che è la Mia Volontà, sulla Terra non imparerà più a conoscere il dolore, perché nel suo spirito vi sarà la Mia Pace.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 118

 

1. ”Lasciate i bambini venire a Me”, vi ho detto nuovamente. Non pensate che loro non Mi possano ricevere, perché sono piccoli davanti ai vostri occhi.

2. Per quanta colpa e macchia abbia anche su di sé un’anima, finché vive nell’infanzia ha parte nella purezza ed innocenza del suo involucro corporeo. Proprio in questo spazio di tempo l’anima ha bisogno di ogni genere di aiuto per non smarrire la retta via.

3. La reincarnazione è l’occasione che Dio offre nella Sua amorevole Giustizia all’anima affinché riconquisti la sua purezza e ritorni sulla retta via. Questo è il modo nel quale può utilizzare l’esperienza che ha conquistato nel suo pellegrinaggio.

4. Quando osservate i bambini, fatelo con attenzione, perché non sapete quale anima si cela in loro. Comunque potete essere sicuri di una cosa, che ognuno di questi piccoli esseri ha un passato che rappresenta una lunga storia, una grande vita di sviluppo.

5. Finché l’anima sperimenta l’infanzia del suo involucro corporeo, ha bisogno dell’aiuto dei più anziani, perché il suo corpo è troppo debole per sostenerla. Ha bisogno di tenerezza, affinché non si indurisca il suo cuore, e così ha anche bisogno di esempi ed insegnamenti che la formano ed incoraggiano finché verrà l’ora nella quale si possa dare a riconoscere.

6. Ogni anima porta con sé il suo messaggio nel mondo e per esprimere lo stesso è necessario, che tutto nel suo ambiente ne sia favorevole. Quando l’anima, dopo la sua lunga via di sviluppo piena di lotte e prove per il raggiungimento della sua perfezione si vede infine libera da macchie, miserie ed ignoranze e vi è in lei solo ancora Luce, ha sempre più somiglianza con la purezza i bambini.

7. Il bambino sa intuitivamente che è incapace di provvedere a sé stesso, e perciò mette tutta la sua fiducia nei suoi genitori. Non teme nulla, finché si trova al loro fianco. Si aspetta solo il bene e sa che non gli può mancare nulla. Più tardi scoprirà che in loro vi è una fonte di sapere, di tenerezza e di vita, per cui sperimenta beatitudine nella loro compagnia.

8. Quando avranno gli uomini questa sensazione? Quando saranno presso di Me? Quando raggiungerà l’anima dell’uomo quella fede, quella purezza e quella fiducia che possiede il bambino nella sua innocenza?

9. In Verità vi dico che, quando succederà questo, sentirete ancora una volta la Mia amorevole Parole che vi dice: “Lasciate venire a Me i bambini, perché di loro è il Regno dei Cieli”.

10. Già molto tempo fa vi era stato detto: Onorate vostro padre e vostra madre, ed il modo migliore per onorarli consiste nel fatto di condurre una vita con rettitudine e virtù.

11. E’ necessario che in questo tempo vi debba ricordare i vostri doveri sulla Terra? Il vostro cuore Mi dice: No, Signore, parlaci ora della vita spirituale. Ciononostante vedo che gli uomini non si sono dati ad onorare i loro genitori. E se non hanno adempiuto i primi Comandamenti – come potranno adempiere i Miei nuovi Assiomi?

12. Io edifico con la Luce della Mia Dottrina i muri del santuario sui fondamenti della Legge che vi ho insegnato nel Secondo Tempo; ed ora completo la costruzione del tempio spirituale con la Mia nuova Parola

13. Vi devo dire che i vostri fondamenti sono sempre ancora deboli, perché non vivete in sintonia con le Leggi del Primo Tempo, perché potrete edificare il vostro tempio interiore solamente su una vera moralità ed in una virtù purificata.

14. La Mia Domanda è questa: Come potete onorare il vostro Padre Celeste senza prima aver onorato i vostri genitori sulla Terra? Come potreste provare a considerare l’umanità come vostri fratelli, se prima non amate la vostra famiglia che consiste dei vostri genitori, fratelli, marito o moglie ed i figli?

15. Perciò ho voluto che uniate la Legge del Primo Tempo con la Dottrina che vi ho dato attraverso Gesù, come anche con le Rivelazioni di questo tempo, perché così avrete tutto il sapere ed i mezzi per percorrere la via spirituale che conduce alla Luce eterna.

16. Se nella vostra vita non esercitate la virtù e nonostante ciò indicate orgogliosi il vostro adempimento della Legge, allora Io vi dico che agite senza coscienza e falsificate la Verità.

17. Il Mio discepolo sulla Terra deve essere di cuore puro per esserlo poi nello spirito.

18. Onorate attraverso la vostra vita coloro che vi hanno dato l’esistenza secondo la Mia Volontà e domani vi onoreranno i vostri figli. Non glorificateMi soltanto con opere spirituali, no, anche le vostre opere umane glorificano il Mio Spirito,

19. Questo è un tempo nel quale molti uomini, quando sperimentano grandi visitazioni che si accumulano sull’umanità, esclamano: “E’ la Mano di Dio che ha toccato punendo l’umanità attraverso il dolore “. Io però vi dico che questo è un modo sbagliato di pensare di pensare della Mia Giustizia.

20. Quando comprenderete che il dolore esiste solo in conseguenza ai vostri peccati e che è l’uomo stesso che si condanna e punisce?

21. Dovete comprendere che, quando Io concedo che il dolore colpisce il vostro cuore, vi do con questo la più chiara dimostrazione che il peccato è il più grande ostacolo che contempliate la Luce e godiate la pace dello spirito.

22. Molti credono di amarMi e di servirMi, ma quando li colpisce la sofferenza, si chiedono sconvolti: “Come mai che, anche se amo il Padre mio, Egli permette che io beva questo calice di sofferenza?” – Non si rendono conto che non amano soltanto Me, ma che hanno anche permesso che le loro passioni ed il loro tendere al terreno è per loro un culto al quale danno la precedenza senza rendersi conto che devono offrire l’adorazione a Me.

23. Se gli uomini omaggiassero la Verità, l’Amore, la Giustizia ed il Bene – che sono Caratteristiche del Mio Spirito – credete che nel mondo esisterebbero ancora dolore, guerra, fame, confusione e morte? In Verità vi dico, nulla di questo esisterebbe nella vostra vita e ci sarebbe invece pace, salute dell’anima e del corpo, coraggio di vivere e benessere.

24. Ricordatevi che nella Legge veniva detto: “Non avere altri déi dinanzi a Me”. Nonostante ciò sono molti déi che l’ambizione umana ha creato per adorarli, a dare loro il tributo e di sacrificare loro persino la vita.

25. Comprendete che la Mia Legge non è superata e che, senza rendervene conto, vi parla continuamente attraverso la coscienza, ma gli uomini continuano ad essere pagani e servi di idoli.  / Loro amano il loro corpo, lusingano le loro vanità e cedono alle loro debolezze; amano i tesori della Terra ai quali sacrificano la loro pace ed il loro futuro spirituale. Adulano la carne ed in ciò giungono a volte fino alla degenerazione e trovano persino la morte nel desiderio di divertimenti.

26. Convincete voi stessi che avete amato di più le cose del mondo che il vostro Padre. Quando vi siete sacrificati per Me amandoMi nel vostro prossimo e Mi avete servito? Quando sacrificate il vostro sonno e mettete a rischio la vostra salute per prestare aiuto e per lenire le sofferenze che visitano i vostri prossimi? E quando siete arrivati vicino alla morte per un ideale generoso che la Mia Dottrina ispira? Vedete che il culto che fate con la vita materiale, viene per voi prima della vita spirituale. Questo è il motivo per cui vi ho detto che avete altri déi che adorate e che servite di più che il vero Dio.

27. Come potete imparare a conoscere sulla Terra una vita che contiene la Giustizia e come potete sentire sulla vostra anima il Mantello divino della Mia Pace? Che cosa potrete fare per non sentire più il dolore, se questo è l’unico che vi possono offrire i falsi déi che avete creato ed amato fin da tempi remoti fino al presente?

28. Amate più Me che tutto il creato, perché se amate Me, saprete dare a tutti gli esseri il loro giusto e vero posto.

29. La confusione è grandissima che regna in questo tempo nel mondo; ma lo spirito dell’umanità è preparato e basta la Mia Chiamata, affinché rivolga i suoi occhi di nuovo alla Mia Legge.

30. Si sta avvicinando il momento nel quale la Luce del Mio Spirito raggiunge i cuori e li fa sentire e comprendere ciò che finora non hanno compreso.

31. Amati discepoli, Mi mostrate il vostro spirito assetato di Verità, e perciò vi invito di venire a questa Fonte per bere, finché la vostra sete si è calmata. Penetrate fino al nocciolo della Mia Parola, pensate che Mi materializzo solo fino ad un certo limite, e poi dipende da voi a trarre le giuste conclusioni mentre esaminate a fondo ciò che avete sentito. Pregate e domandate a Me nella vostra preghiera, allora sperimenterete come in ogni Comunicazione ricevete una scintilla della Mia Luce. Non aspettate di ricevere tutta la Verità in un unico momento. Rendetevi conto che esistono anime che sono già da molto tempo alla ricerca della Verità, che indagano e tentano di penetrare in tutti i Misteri e non hanno sempre ancora raggiunto la meta bramata.

32. Cristo vi ha insegnato la via quando vi ha detto: “Amatevi l’un l’altro”. Fino ad oggi però non vi siete ancora resi conto della portata di questo maestoso Comandamento. In Verità vi dico, tutta la vita degli uomini si trasformerebbe se viveste secondo questo sommo fondamento, perché soltanto l’amore vi potrà rivelare il segreto Consiglio di Dio, dato che in questi si trova l’origine della Vita. Cercate con fervore la Verità, cercate il senso della vita, amate, diventate forti nel bene e sperimenterete come un poco alla volta dal vostro essere cadrà tutto ciò che è falso, impuro ed imperfetto. Siate più ricettivi di giorno in giorno per la Luce della Grazia divina, allora potrete chiedere al vostro Signore tutto ciò che volete sapere, che serve alla vostra anima per raggiungere la più alta Verità.

33. Lavorate sulla Terra con più devozione e dedicatevi con fedeltà ai vostro obblighi. Aspirate sempre al progresso della vostra anima, affinché la vostra vita materiale non sia sterile.

34. Pregate con la preghiera semplice che viene dal cuore più puro, ed esaminate le vostre opere con l’aiuto della coscienza. Allora gioirete della Mia Presenza.

35. In questo collegamento dello Spirito riceverete torrenti di Luce per comprendere meglio la vita. Non vi mancherà l’ispirazione che vi porta a diventare sempre migliori. In quei momenti si sveglieranno le forze ed i Doni dello spirito ed allora sarete in grado ad eseguire le differenti missioni che vi ho affidato.

36. L’intuizione che è la vista spirituale, presagio e profezia, si chiarisce nell’intelletto e fa battere più forte il cuore in vista dei messaggi e voci che ricevete dall’Infinito.

37. Appena gli uomini avranno imparato a tenere il dialogo con il Mio Spirito, non devono più chiedere consiglio ai libri oppure interrogarli. Oggi domandano ancora a coloro dei quali credono che sappiano di più oppure sono alla ricerca di scritti e libri nel desiderio di trovare la Verità.

38. Ben per colui che tende con fervore a sentire la Mia Parola e non vorrebbe mancare nemmeno una unica delle Mie Istruzioni, perché gli riuscirà a formare nel suo spirito il Libro che sarà la sua migliore eredità in questo tempo.

39. La Mia Parola è la resurrezione e la vita dell’anima che ha timore e muore nel mare tempestoso delle passioni. Perciò colui che l’ha accolta nel suo cuore ed ha gustato la sua essenza vivrà per sempre. Ed il suo più grande desiderio sarà di rivelare lo stesso ai suoi prossimi, affinché tutti se ne nutrano e raggiungano la Vita eterna.

40. Io benedico coloro che annunciano la Mia Venuta nel Terzo Tempo ed adempiono veramente il loro compito, perché la loro semenza fiorirà in breve tempo. Guai però a coloro che abusano del Mio Nome e della Mia Istruzione per travolgere quelli di facile fede, mentre si chiamano inviati di Dio oppure occupano il Mio Posto per farsi servire, perché verranno scoperti e consegnati al Tribunale. Sulla loro via scopriranno che gli uomini si sono svegliati ed esigeranno da loro dimostrazioni per giustificare tutto ciò che predicano.

41. Io sono “La Parola” che parla al vostro spirito. Io sono il Maestro il Quale si vede un’altra volta circondato dai discepoli. Mentre gli uni di loro pregano e conquistano meriti per sentirsi puri e degni di essere presso di Me, altri falsificano e svalutano la Mia Dottrina. Io vi dico che ognuno di loro sarà responsabile dinanzi a Me per l’Istruzione che ho dato a tutti. La presente generazione in seguito al suo materialismo non afferrerà il contenuto del senso di questa Rivelazione e saranno le nuove generazioni che, quando Sarò unito con loro da Spirito a spirito, riconosceranno il contenuto di questo Libro della Sapienza che vi ho lasciato in questo Terzo Tempo.

42. Gli uomini aspettano i segni del Mio Messaggio. Io permetterò che questa Dottrina venga tradotta e portata in altri paesi per farla conoscere. Moltissimi uomini l’aspettano senza sapere che attualmente elargisco e detto innumerevoli Ammaestramenti con i quali verrà assemblato il Libro che contiene il Mio Messaggio.

43. La Mia Parola si è effuso abbondantemente su di voi come una corsa di acqua cristallina che purifica e vivifica tutto sulla sua via.

44. Quando vi preparate, sarete forti ed avrete il pieno potere spirituale che hanno avuto i Miei eletti nei tempi passati. Sarete rispettati dagli uni e temuti dagli altri, perché dato che portate la Verità nel vostro spirito, scoprirete la falsità, la menzogna e l’ipocrisia ovunque si trova.

45. Molti uomini, quando verranno a sapere che possedete le Mie Rivelazioni, verranno qui per curiosità; altri vi rifiuteranno e di nuovo altri vorranno distruggervi. In tutti i casi dovete limitarvi ad adempiere il vostro compito, cioè dare testimonianza. Allora sperimenterete che proprio coloro che avevano l’intenzione di schernirvi oppure di uccidervi, saranno commossi dalle vostre parole, getteranno lontano da sé le loro armi e si uniranno a voi sulla vostra via.

46. La grande contesa si sta avvicinando, dopo il caos ritornerà la pace in questo mondo. L’uomo deve vuotare questo calice, affinché impari ad apprezzare ed a tendere alla pace ed alle virtù dell’anima. E’ necessari che subisca durezze, affinché venga sconvolta e si purifichi; e quando il peso della sua colpa diventa per lei insopportabile, sentirà l’ardente desiderio che ritorni la pace in lei che aveva bandito per così tanto tempo dal suo cuore, per cui porterà il suo pieno pentimento.

47. Io vi dico che questa pace verrà e che rimarrà custodita e conservata per lungo tempo nei cuori degli uomini.

48. Questa Terra sarà un campo fertile sul quale fiorirà la Mia Semenza e porterà frutto, perché il cuore dell’uomo ha già sete dell’amore e della Verità; è anche stanco di vane parole e di insegnamenti senza amore. Perciò l‘uomo infine ha sentito che dev’essere istruito da un vero Maestro che gli rivela la vita spirituale e gli prepara una esistenza superiore. La Mia Legge che è sempre presente nella vita degli uomini, sarà da loro dimenticata e perciò l’uomo si muove verso il caos, perciò succede che il cuore umano è vuoto e povero nello spirito.

48. Perciò vi invito tutti a ritornare alla vera via. La Mia Pace è pronta di venire a voi e siate certi che con essa rifioriranno di nuovo le virtù nelle anime degli uomini. Dopo l’egoismo nel quale gli uomini hanno vissuto, ritornerà in loro l’amore per il prossimo e cercheranno di comprendere colui che ha bisogno di aiuto e gli faranno giungere la pace ed il conforto che per molto tempo non hanno saputo dare. Allora sperimenteranno la gioia che sentirà colui che ama i suoi prossimi come fratelli. Quando compariranno quei buoni seminatori dell’amore per il prossimo? Io vi ho detto che per via di uno giusto questo mondo potrebbe essere salvato.

50. Pensate: Se tutti voi foste intenzionati ad essere giusti e buoni, questa valle di lacrime si trasformerebbe in un mondo di alta spiritualità.

51. Tu, popolo, lavora senza stancarti. Insegna, fa opere che stimolano alla trasformazione e dato che siete risorti a nuova vita, allora pregate per coloro che credono di vivere, ma che sono morti per la fede e la speranza. Voi che ora siete forti e sani, pregate per i malati, Pregate per coloro che non pregano ed incoraggiate coloro che stanno attraversando grandi prove. Sostenete il debole, portate pace alle nazioni in guerra. Aiutate tutte quelle anime che hanno lasciato i loro corpi sui campi di battaglia ad elevarsi per penetrare nella vita spirituale nella consapevolezza dello stato nel quale si trovano e del passo che hanno fatto. Pregate per tutti, la vostra missione non si limiti a fare questo solo per coloro che amate e conoscete, che sono i vostri parenti, ma per tutti coloro che vivono in questo ed in altri mondi. Fate questo, discepoli, perché la vostra missione spirituale è universale, dato che non ho indicato limiti per amarvi, ma vi ho sempre detto: “Amatevi l’un l’altro”.

52. Per aiutarvi in questo compito è discesa la Luce del Mio Spirito per accarezzarvi, o voi piccoli, che vi siete sforzati con fervore per poter offrire ai bisognosi un posticino pacifico, dove sentono la Mia Voce che è Balsamo, Luce e Pace.

53. Il luogo di assemblea è misero e modesto perché avete imparato che questo non è un tempio. Vi sforzate invece di dare purezza alla vostra anima della quale sapete già che è il Mio vero tempio.

54. Questi luoghi di assemblee sono come gli alberi sulle lunghe vie della vostra vita, sono come palme nel deserto, luoghi di riposo per donare al viandante ristoro ed ombra.

55. Ah, se solo ogni provincia avesse uno di questi alberi, dove gli uomini potrebbero sentire cantare i Miei “usignoli”! Il vostro passo però era stato lento e scarso il vostro lavoro. Perciò ci sono molte zone senza alberi e molti viandanti che non trovano nessuna oasi, nessuna ombra, nessun rifugio né trilli di uccelli.

56. Dato che voi avete il Conforto della Mia Presenza attraverso questa Parola, allora conquistate meriti, affinché il vostro albero cresca e la sua ombra aumenti, perché il numero dei viandanti aumenterà fortemente i quale verranno guidati qui attraverso la testimonianza di coloro che qui hanno trovato la pace della loro anima.

57. Lavorate tutti insieme e realizzate l’opera che vi ho affidata. Vegliate e pregate, affinché non cadiate nella tentazione, perché allora voi stessi distruggereste l’opera.

58. Mi domandate nel cuore di quale genere sono le tentazioni nella quali potreste cadere, a cui Io vi rispondo che queste tentazioni consistono in vanità, fanatismo o materialismo.

59. Adesso siete sorpresi che vi parlo in questo modo, perché considerate impossibile di cadere attraverso modi di agire che sono indegni di un Mio discepolo.

60. Se voi sapeste quanti di voi che siete venuti qui pieni di mansuetudine ed avete pianto ogni volta quando avete commesso la più piccola trasgressione, e che in ogni preghiera Mi avete giurato amore, ma poi avete trasformato l’umiltà in arroganza ed il fattivo amore per il prossimo in egoismo.

61. Vi conosco meglio di voi stessi, ed è necessario che vi parli così, affinché viviate in modo vigile.

62. Affido a voi tutti il compito di erigere un santuario spirituale che dev’essere il Mio vero tempio, un altare invisibile allo sguardo umano, che però avrà la forza di un vero altare esistente. La sua presenza viene percepita in ciò che irradiate sui vostri prossimi.

63. Questo è il tempio che vi incarico di erigere, perché so che nel suo grembo troverete pace, vita e Luce dello spirito.

64. Se vi unite in vera fratellanza, seguite le Mie Indicazioni, rimante perseveranti nell’umiltà, fede ed amore per il prossimo e provvedete a non capitare nell’arresto, ma vi sforzate a raggiungere giornalmente maggior spiritualizzazione, allora non dubitate che presto vedrete adempiuta la vostra missione e completata la vostra opera.

65. Combattete ogni germoglio di impurità, di falsità, di inganno oppure di materialismo che potrebbero prosperare in mezzo a voi, perché se dovreste essere trascurati, prolifererà l’erbaccia e continuerà a crescere ed infine coprirà le mura del vostro tempio.

66. Non aspettate finché il risultato del vostro lavoro abbia somiglianza con ciò che è successo a quel popolo che ha eretto la torre di Babele. Fate in modo che alla fine della lotta nella vostra anima tutto sia gioia e pace; ma guardatevi che al’ultimo momento non sorgano la confusione ed il dolore.

67. Sia benedetto colui che tende ad essere in pace con la sua coscienza.

68. Benedetto sia colui che sulla sia via semina il seme della pace.

70. Venite a Me, ogni volta che siete abbattuti attraverso le sofferenze oppure attraverso la mancanza di fede, perché Io sono la Luce che vi restituirà la calma dello spirito.

71. Se dovreste essere lontani da questi luoghi di assemblee, Mi sentirete nella vostra coscienza che vi indicherà la via.

72. Quando l’umanità sta attraversando un tratto di tempo della confusione spirituale, allora arriva la chiarezza della Mia Parola per illuminarla, perché è capace di comprendere la Vita superiore.

73. Voi tutti siete testimoni che in questi momenti la scienza impiega tutto il suo tempo e forza d’intelletto per scoprire nella natura la risposta a molte domande degli uomini. E la natura risponde alla chiamata degli uomini e dà la testimonianza del suo Creatore il Quale è la Sorgente inesauribile di Sapienza e di Amore, ma anche di Giustizia. L’uomo però non si risveglia alla Verità e continua come attraverso una sentenza a caricarsi con un grave peso del suo materialismo.

74. E’ la paura degli uomini a fare un passo in avanti in direzione dell’evoluzione, dato che sono abituati a permanere in quelle tradizioni che hanno lasciato i loro antenati.

75. L’uomo teme di pensare e di credere in modo autonomo; preferisce sottomettersi alla tradizione di altri con cui si deruba della sua libertà di imparare a conoscere Me. Per questo motivo ha vissuto in modo retrogrado.

76. Ora però è venuto per l’umanità il tempo della Luce, con cui l’uomo conquista la propria volontà.

77. Quando l’umanità assiste allo sviluppo della scienza ed ha visto le scoperte che prima non avrebbe creduto, perché allora si rifiuta di credere nello sviluppo dell’anima? Perché si incaparbisce su qualcosa che la ferma e la rende oziosa? Perché non si è aperta alla Vita eterna.

78. Confrontate come le Mie Rivelazioni in questo tempo coincidono con il vostro sviluppo materiale, affinché non le condannerete mai erroneamente.

79. L’uomo non si vanti della sua opera materiale e della sua scienza, perché non sa che senza la Mia Rivelazione e senza la Mia Influenza o l’aiuto degli esseri spirituali che vi ispirano dall’aldilà, nulla avrebbe potuto essere scoperto.

80. L’uomo è parte della Creazione, ha da adempiere un compito, come ce l’hanno tutte le creature del Creatore; oltre a questo gli era stato dato una intelligenza superiore ed una propria volontà, affinché attraverso il proprio sforzo raggiunga lo sviluppo ed il perfezionamento dell’anima, che è la cosa più alta della sua esistenza.

81. L’uomo può comprendere il suo Creatore per mezzo dello spirito, comprendere i Suoi Benefici come ammirare la Sua Sapienza.

82. Se voi, invece di diventar vanitosi delle vostre conoscenze terrene, fate propria tutta la Mia Opera e per voi non ci sarebbero misteri. Allora vi riconoscereste come fratelli e vi amereste fra di voi, come Io vi insegno in ognuna delle Mie Opere. Avreste bontà, amore, misericordia e soprattutto unità.

83. Quanto siete piccoli, quando vi considerate onnipotenti e grandi e perciò vi ribellate di ammettere che al di sopra il vostro potere e la vostra scienza vi è Colui il Quale in Verità sa tutto e può tutto!

84. Povero essere umano, quando si accontenta ad essere materia e solo materia, per cui rimane sottomesso solo alla legge della natura che governa gli esseri mortali e fuggevoli, che nascono, crescono e muoiono!

85. Quando vi eleverete dallo stato del materialismo nel quale vi trovate? Dovete fare uno sforzo per guardare al di là del cielo che avete inventato, nel luogo dell’Eternità che vi è predestinato.

86. Non aspettate che altri comincino la via verso di Me; venite, indagate il Mistero e vi dirò che cosa dovete fare; vi comunicherò quel compito che voi avete da adempiere.

87. Io vi invito di avvicinarvi a Me; ma per questo non è necessario né di rinunciare agli obblighi né ai ristori salutari della vita umana.

88. Discepoli, siete venuti sulla Terra in un tempo nel quale tutta la vita umana è sottomessa al dominio della scienza umana; nonostante il grande materialismo, la Luce che illumina il vostro interiore, vi farà comprendere ciò che dovete fare. Così svilupperete i vostri Doni, perché nulla deve capitare nell’arresto, tutto deve procedere nell’armonia.

89. Non vi do le Mie Istruzioni solo come una briglia moralistica per le vostre passioni; con queste Istruzioni potete piuttosto salire a livelli superiori del vostro perfezionamento spirituale.

90. La vostra coscienza deve essere la briglia per le vostre passioni.

91. Non vengo per fondare una nuova religione fra di voi, né questa Dottrina rinnega le religioni esistenti.

92. Questo è un Messaggio del divino Amore per tutti, una Chiamata a tutti gli esseri spirituali.

93. Chi comprende l’Intenzione divina ed adempie i Miei Comandamenti, si sentirà guidato al progresso ed allo sviluppo verso l’Alto della sua anima.

94. Comprendete che, finché il mondo non si reca sul sentiero dello spiritualismo, la pace sarà molto distante dalla sua realizzazione.

95. In Gesù ho insegnato la Legge delle percezioni più alte e più pure. Venite tutti a Me, trasformatevi nei Miei molto amati discepoli, ed Io vi insegnerò di vivere nella pace.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 119

 

1. Era la Mia Volontà che l’umanità conosca la storia del popolo Israele, perché ho impiegato questo popolo come strumento per i Miei Ammaestramento e l’ho sottoposto a grandi prove, affinché fosse un Libro aperto per tutte le generazioni.

2. Quelle dodici tribù incorporavano l’umanità di tutti i tempi. Attualmente però la somiglianza fra quel popolo nel frattempo è ancora maggiore, quando era prigioniero nel paese straniero e del mondo attuale che è schiavo del peccato e del materialismo che sono forze che incorporano il potere del nuovo faraone.

3. Se in quel tempo la Misericordia di Geova ha liberato il suo popolo mentre gli ha appianato una via attraverso il deserto e lo ha condotto a Canaan, oggi vengo come Luce della Giustizia e dell’Amore per liberare tutti i popoli della Terra dalla loro prigionia e di condurli nella “Terra Promessa”. Ora guiderò le vostre anime nel Mio Regno di Luce e di Pace e farò pure scendere una nuova Manna sulle anime che durante il loro lungo pellegrinaggio sarà il nutrimento della Vita eterna.

4. Farò una nuova alleanza con l’uomo, ma questa non sarà con simboli, in lui vi sarà presente il Mio Spirito.

5. Nel Mio popolo si risveglierà nuovamente l’ideale del bene ed il desiderio dell’unificazione con tutti i popoli del mondo, proprio come si sono unite quelle dodici tribù, quando hanno attraversato l’ampio deserto, animato dallo stesso ideale.

6. La contesa sarà grande e sulla via compariranno ostacoli, nemici e tentazioni. Da questo processo però i soldati usciranno d’acciaio e gli apostoli colmati dall’amore per il prossimo e dalla fede. Durante la via dell’intera vita, ma soprattutto nei tempi critici della prova, Io incoraggerò le schiere di uomini e renderò ferrea la loro fede attraverso i Miei Atti di Miracoli. Quando poi gli uomini avranno raggiunto la pace e vivranno in armonia, procurerò che cominceranno già su questa Terra a gustare i dolci frutti del Regno della Luce e della Pace – come una pregustazione di delizie che le anime sperimenteranno più avanti, quando dimoreranno nella Patria spirituale.

7. I frutti che l’anima raccoglie già qui saranno un pareggio per i sacrifici, fatiche e rinunce che ha sofferto il vostro cuore. Più tardi, quando questo popolo bussa alle Porte del Mio Regno come una incommensurabile schiere, Io le saluterò con Gioia e dirò loro: Entrate, venite a Me e lasciate dietro di voi la polvere della via e della stanchezza. Qui è la città della Pace, adornata ed in attesa dei suoi nuovi abitanti.

8. Il popolo, timoroso in vista della Presenza del Padre suo, crederà che sarà venuta l’ora del suo Giudizio. Allora Io dirò loro: Non temete, entrate nella Mia Casa che è la vostra. Il deserto vi ha già purificati e resi degni di venire a Me.

9. Popolo, dato che vedi tanta scelleratezza fra gli uomini, vedi il loro odio e la loro guerra, conosci il risultato degli insegnamenti materialistici, hai pensato che questa umanità, per ottenere il rinnovamento e di convertirsi alla Mia Legge, ha prima sopportato gravi visitazioni e che passerà molto tempo finché finalmente gli uomini si ameranno rispetto alla Mia Istruzione.

10. Io vi dico, benché è vero che su questo mondo verranno grandi prove, saranno comunque abbreviati i giorni del dolore, perché sarà grandissima l’amarezza degli uomini; che le stesse procureranno che gli uomini si risveglieranno, leveranno i loro occhi a Me e sentiranno la voce della loro coscienza che esigerà da loro l’adempimento della Mia Legge.

11. La Mia Legge estirperà tutto il male che esiste nel mondo. Dapprima esaminerò tutto: le comunità religiose, le scienze ed istituzioni sociali, e poi vi passerà sopra la Falce della divina Giustizia, taglierà l’erbaccia e lascerà il frumento. Ogni buon seme che trovo nel cuore degli uomini, si conserverà, affinché continui a germogliare nelle anime degli uomini.

12. Esistono interi popoli e nazioni che hanno gettato fuori dai loro cuori la Mie Semenza; altri che hanno dimenticato i Miei importantissimi Insegnamenti; di nuovo altri che non vegliano né pregano. Ciononostante e malgrado l’infertilità nella quale vivono – questi popoli saranno presto trasformati in campi fertili, perché la Mia Misericordia fluirà nei loro cuori.

13. E’ necessario preparare “gli utensili da campo” per riempire i “Granai” con la semenza spirituale che vi ho portato, e che attraverso i Doni dello spirito che vi ho affidati, riconosciate l’ora nella quale dovete abbandonare il vostro luogo di riposo per andare a seminare. Dovete vegliare e pregare, affinché quel benedetto nuovo giorno non vi sorprenda dormendo nell’ignoranza, nel materialismo o nel peccato, perché allora non riconoscereste la giusta ora per andare fuori sui “campi” e quando vorreste andare, non avreste più nessuna forza per la lotta.

14. Se avete fede nella Mia Parola, allora preparatevi già ora attraverso la preghiera, per trovare i campi favorevoli per la semina. Se non dovreste terminare voi questo lavoro, prenderanno i vostri figli la semenza dell’amore che Io vi ho consegnato, e condurranno alla fine i Miei Incarichi.

15. Siano benedetti gli operai che sono incaricati a rendere fertili i campi e di coltivarli, perché loro vedranno scendere sui campi la rugiada della Mia Grazia che sarà la costante Benedizione del Padre per gli sforzi dei figli ed una Carezza per tutti coloro che risorgono alla fede ed alla vita.

16. Già molto tempo fa vi era stato detto che verrebbe il momento nel quale l’uomo avrebbe compreso tutte le Rivelazioni di tempi passati ed Io vi dico che questo tempo è già iniziato e che il vostro spirito riceve la Mia Luce attraverso l’Ispirazione.

17. Cristo era venuto nel mondo e vi ha aperto una via mentre Egli vi ha insegnato con le Sue Opere e le Sue Parole il modo perfetto di adempiere la Legge. Già prima che Egli doveva comparire nel mondo, Egli era stato annunciato da profeti, affinché il popolo Lo potesse attendere e riconoscere, appena Lo avrebbe avuto davanti agli occhi.

18. In Abramo e suo figlio Isacco vi ho dato una parabola che cosa avrebbe rappresentato la morte di sacrificio del Redentore, quando ho messo alla prova l’amore che Abramo ha avuto per Me, mentre l’ho esortato a dover sacrificare con propria mano suo figlio, il suo molto amato Isacco. Nella giusta osservazione riconoscerete in quell’atto la somiglianza di ciò che significava più avanti il Sacrificio dell’Unigenito Figliuolo di Dio per via della salvezza del mondo.

19. Abramo era la rappresentazione di Dio, ed Isacco l’immagine di Gesù. In quel momento il patriarca pensava che, se il Signore esigesse la vita del figlio suo, questo avveniva affinché il sangue dell’innocente dovesse lavare le trasgressioni del popolo, ed anche se amava profondamente colui che era sangue del suo sangue, l’obbedienza in lui nei confronti di Dio come la compassione e l’amore per il suo popolo erano più grandi che la vita del suo amato figlio. – Abramo, l’obbediente, stava per dare il colpo mortale contro suo figlio; nel momento, sopraffatto dal dolore, ha levato il braccio per sacrificarlo, il Mio Potere lo ha fermato e gli ha ordinato di sacrificare un agnello al posto del figlio suo, affinché quel simbolo rimanesse esistente come testimonianza di amore ed obbedienza.

20. Secoli dopo l’umanità ha preteso da Me la morte di sacrificio di Gesù, Mio amato Figlio, ed Io  ho dovuto consegnarLo a voi, affinché rimanesse scritto il Suo Esempio di mansuetudine, sigillato nella Sua morte da sacrificio ed il Suo Sangue, indelebile nella consapevolezza dell’umanità.

21. Se nel caso di Isacco lo ha sostituito un agnello per salvare la sua vita, nel caso di Gesù non c’era nessuno che Lo avrebbe potuto sostituire, dato che Egli sapeva che era necessario che venisse versato il Suo Sangue, affinché il Senso e la Luce di quel Sacrificio avrebbe illuminato lo spirito, il cuore e l’intelletto degli uomini che erano senza spiritualità. Perciò Gesù viene anche chiamato “l’Agnello di Dio”. - La Legge vi dice: “Non uccidere”, ma Gesù nella Sua Dottrina dell’Amore vi ho mostrato la maestosa Lezione di morire per salvare altri.

22. Beato chi muore per dare la sua vita a coloro che ne hanno bisogno, perché vivrà in eterno.

23. Vedete che è venuto il tempo nel quale potete afferrare l’essenza spirituale che è contenuta nelle Mie precedenti Rivelazioni, in quelle che l’umanità interpreta solamente in modo materiale, senza cercare di approfondirle, per scoprire il contenuto del loro senso spirituale.

24. Vi metto all’inizio della via dell’approfondimento, affinché possiate giungere dopo al nocciolo dei Miei Ammaestramenti. Se vi presentassi tutto totalmente illuminato, il vostro spirito non si sforzerebbe per sondare la Mia Parola.

25. Vi ricordo come quelle folle di uomini di allora – nel Secondo Tempo - vide infine assetate di sangue, Gesù pendere dalla Croce, ed accanto a Lui nella lotta di morte i due altri condannati - sentiva che Egli diceva al Padre: “Signore, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”. Tutti i presenti lo sentivano, ma non comprendevano quelle Parole ed è dovuto passate del tempo affinché gli uomini dovevano comprendere che quel Sangue che gocciolava lentamente sulla Terra, era il simbolo dell’Amore divino e del sommo Perdono che scende come un Mantello invisibile per coprire tutti gli uomini.

26. Nel frattempo sono passati molti secoli, ma l’umanità di questo tempo – pensando alla morte di sacrificio di Gesù -piange e si scandalizza della crudeltà di coloro che Lo hanno portato sul patibolo – è la stessa che giorno per giorno sacrifica migliaia dei prossimi.

27. Se in questo tempo Cristo venisse come Uomo sulla Terra, Egli non direbbe più come sul Golgota: “Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”, perché adesso ricevete in pienezza la Luce della coscienza e le anime si sono molto sviluppate. Chi non sa che Io sono il Donatore della Vita, che perciò nessuno possa togliere quella del suo prossimo? Se l’uomo non può dare l’esistenza, non è nemmeno autorizzato a togliere ciò che non può restituire.

28. Uomini, credete di adempiere la Mia Legge solo perché dite che avete la religione ed osservate il culto religioso esteriormente? Io vi dico nella Legge: “Non uccidere”, ma voi offendete questa Legge dato che sull’altare del vostro peccato versate a fiumi il sangue dei vostri prossimi.

29. Israeliti e cristiani si fanno reciprocamente la guerra e si uccidono – non ho dato ad ambedue una e la stessa Legge?

30. Per questo l’espiazione sarà sanguinosa e sofferta, perché la vita che gli uomini hanno rapito ed il sangue che hanno versato, gridano Giustizia. Guai a coloro che hanno ucciso, ed ancora di più guai a coloro che hanno consigliato e comandato di uccidere!

31. I popoli vanno passo dopo passo incontro alla valle (della morte), dove si radunano per essere giustiziati.

32. Quegli uomini osano sempre ancora di pronunciare il Mio Nome, condurre guerre e le loro mani sono macchiate con il sangue dei loro prossimi. Sono forse questi i fiori o frutti della Dottrina che vi ho insegnata? Non avete imparato da Gesù come Egli ha perdonato, come Egli ha benedetto coloro che Lo hanno ferito, e come ancora morendo ha dato la vita ai Suoi carnefici?

33. Gli uomini hanno dubitato della Mia Parola e trascurato la fede; perciò hanno messo in tutto la loro fiducia sulla violenza. Allora Io ho permesso che loro stessi ammettano il loro errore, mentre raccoglievano il frutto delle loro opere, perché solo così apriranno i loro occhi per comprendere la Verità.

34. Su questa Tavola dell’Amore ci sono Cibi che non vi potrebbero nemmeno offrire i re della Terra: sono il Pane del Cielo che desiderano i poveri, ed il Vino che bevono i paria del mondo. Mangiate e bevete, ma non siate mai orgogliosi di possedere questi Beni, perché allora nascondereste la vanità sotto i vostri abiti ed Io voglio che siate umili nello spirito e nel cuore. Prendetevi un esempio in coloro che, benché portino un mantello regale sulle loro spalle, sappiano essere anche umili nei loro cuori. Il Mio Pane ed il Mio Vino sono per tutti, perché vedo tutti voi bisognosi spiritualmente. Nel principio ho donato a tutti voi la Mia Grazia che è la Semenza divina. Fin da allora avete percorso diverse vie secondo la vostra destinazione, e su queste vie ognuno ha raccolto secondo la sua semina – gli uni frutti in abbondanza, gli altri hanno raccolto solo dolore e miseria. Mentre gli uni hanno vissuto solo brevemente sulla Terra perché hanno raggiunto la necessaria Luce per risalire, altri, benché abbiano vissuto a lungo nella valle delle lacrime, non hanno nemmeno raggiunto il sapere su chi sono, né dove vanno. Ho Compassione con queste anime che errano senza meta, perciò Io fermo i loro passi per mostrare loro la via che conduce nella “Terra Promessa”.

35. La Luce del Mio Spirito penetra in ogni cuore, persino quando questo rimane chiuso. Similmente stanno le cose con la Luce dell’Astro regale che apparentemente non penetra nella vostra camera da letto, quando è chiusa; ciononostante i suoi Raggi raggiungono una atmosfera viva. Voi non dovete aspettare che la Mia Luce penetri nel vostro interiore, benché le porte delle vostre anime siano chiuse. Sarà bellissimo incontrarvi con il tempio preparato nel vostro interiore per ricevere la Grazia del Mio Amore provvidenziale. Lasciate che Io vi guarisca e vi fortifichi, e poi farò di voi Miei operai e discepoli.

36. Molti di voi che attualmente sono nella vita, dato che voi stessi siete gli ultimi nelle vostre famiglie, si vedranno presto seduti alla Mia Tavola. Voi che siete stati disprezzati e scacciati dalla cerchia dei vostri parenti, verrete riconosciuti domani proprio da coloro che vi avevano disconosciuti.

37. Volete rendere sensibili o mansueti i vostri cuori? Allora percorrete questa via che è quella dell’umiltà, dell’elevazione spirituale e dell’amore per il prossimo. Portate la guarigione ai malati, visitate i giacigli di dolore, consolate i sofferenti e rispettate coloro che hanno preso su di sé questa croce già prima di voi. Prendetevi come esempio coloro che vegliano di notte e studiano la Mia Opera, ed anche coloro che offrono ai loro prossimi servizi d’amore, benché bevano un calice di sofferenza.

38. Così Io parlo a coloro che cominciano a pronunciare le prime parole della lingua spirituale, ai novizi che Io istruisco nelle regole fondamentali della Legge e dello scopo finale della Mia Opera. In essa imparerete che, quando pregate da spirito a Spirito ed amate i vostri prossimi, guarirete non solo i malati, ma risveglierete anche i morti spirituali.

39. In questa modesta zona nella quale Mi comunico attualmente, vi ho rivelato che il Terzo Tempo era iniziato nell’anno 1866 e che questa Comunicazione terminerà nell’anno 1950, quando molti dei Miei figli Mi avranno già sentito. In Verità vi dico, che le labbra che vi hanno dato la Mia Istruzione, non hanno parlato per propria volontà, ma sotto una Ispirazione divina.

40. Amati operai di questi campi, abbracciate con vero amore il vostro compito, coltivate i Miei campi mentre tracciate solchi nei quali deponete il chicco di seme divino. Riconoscete il seme, affinché seminiate solo questo, perché nel suo frutto sarà fondato lo sviluppo verso l’Alto e la Luce della vostra anima. Lo considerate giusto che nel passaggio in questo mondo spirituale dovete piangere di voi stessi che solo per via del vostro mancato fervore nel compito, vi ha indotto ad abitare sulla Terra?

41. Non dimenticate che vi ho sempre detto che dovete seminare il frumento sui Miei campi, perché quei campi sui quali sono cresciuti l’erbaccia ed i cardi, verranno tagliati dalla Falce della divina Giustizia.

42. Ho detto lo stesso ai discepoli ed alle schiere di uomini nel Secondo Tempo: “In Verità vi dico, ogni albero che non è stato piantato dalla Mano del Mio Padre Celeste, verrà strappato con la radice”.

43. Pregate, operai, fatelo umilmente davanti al Padre vostro e provvedete che la vostra semina sia compiacente al Mio Sguardo. Pulite instancabilmente i vostri campi, cercate la Luce per chiarire gli errori, finché vi crescano solo il frutto del frumento.

44. E’ un seme puro che avete ricevuto, ma la vostra poca fede non vi ha fatto riconoscere quella purezza e senza rendervi conto, lo avete mescolato con altri semi che non provengono da Me.

45. Io vi ho detto: Riconoscete il chicco di seme, affinché purifichiate una dopo l’altra delle vostre semine e che dalle labbra dei vostri figli, quando cominceranno a camminare sulla Via del Signore, venga soltanto la Verità. Vedo coloro che si sforzano di penetrare sul fondo di questa Dottrina, ma fino ad oggi non sono stati in grado di liberarsi dall’influenza di insegnamenti, religioni e dogmi estranei.

46. Popolo, aiuta i Miei portatori della Voce con le tue preghiere, istruisci i tuoi profeti e fortificali. Non dimenticare che verso la fine delle Mie Comunicazioni vi rivelerò molti Insegnamenti che ho conservato per voi per concludere questa eredità con una spilla d’oro.

47. Dopo il tempo di questa Comunicazione la Mia Luce vi aiuterà a comprendere ciò che avete sentito, con cui potete separare l’essenziale e vero dal superfluo, cioè da ciò che è materiale.

48. Ispirerò questo popolo, testimone della Mia Parola, affinché studiasse profondamente le Mie Istruzioni e comprendesse il profondo senso di ciò che gli ho detto e quale sia l’essenza della Mia Dottrina.

49. Quando avrete percorso le tappe della preparazione e siete istruiti per insegnare, vi aprirò la via ed allora non vi lascerete più intimorire dai pericoli e spine invisibili o le trappole e minacce infingarde che incontrerete, perché allora tutto sarà preparato per la vostra semina.

50. Allora tutto sarà disposto e la Mia Luce scenderà su di voi come la rugiada nel silenzio della notte scende sulle valli. E’ l’amore che dovete seminare. Come volete che i popoli concludano contratti di pace, se nei vostri cuori non esiste nessun amore?

51. Io vi dico che la pace negli uomini sarebbe la pace di buona volontà, ma non trovo questa buona volontà in nessun popolo della Terra.

52. Perciò è necessario che sorga un popolo che non tenda ai tesori del mondo, ma che insegna il fattivo amore per il prossimo, la preghiera, la virtù e la fede. Lo chiamerò il Mio popolo, e gli uomini si riconosceranno come il popolo di Dio. Dalla moralità dei suoi uomini, dalle sue buone usanze, dalla vita virtuosa che condurranno, procederà la pace che donerà agli uomini benessere senza dimneticare che la perfetta pace, quella che è l’unica a colmare lo spirito con beatitudine, discende solo a colui che la desidera con vero amore.

53. Quando otterrete la pace dell’anima, se non avete nemmeno raggiunto la pace del cuore? – Io vi dico, finché non è distrutta l’ultima arma fratricida, non ci sarà nessuna pace fra gli uomini. Armi fratricide sono tutte quelle con le quali gli uomini si tolgono la vita reciprocamente, distruggono la moralità, si derubano della libertà, della salute e della pace dell’anima oppure distruggono la fede.

54. E’ quasi raggiunto il limite di molte depravazioni, devono finire. Per questo la Mia Voce si è fatta sentire nella più grande profondità delle anime ed ha chiamato gli uomini di tutti i popoli a deporre le armi della distruzione e della morte, affinché vengano consumate nel Fuoco della Mia Giustizia.

55. Allora Io parlerò in modo spirituale e la Mia Voce sarà udita nella coscienza di tutti i Miei figli.

56. Se gli uomini superbi ed irragionevoli riflettessero, si renderebbero conto dove orientano i loro passi e si fermerebbero. Non possono però conquistare una totale chiarezza nella loro anima, perché l’odio e l’ambizione li rende ciechi.

57. Pregate tutti voi che volete appartenere al popolo della pace. Tutti coloro che vorrebbero tendere incontro una mano fraterno ai loro prossimi per salvarli – avvicinatevi alla Luce.

58. Il seme del male sparso su tutta la Terra, porta frutti come mai prima. Vi devo però anche dire che pure la buona semenza sta prosperando contemporaneamente in diversi punti del pianeta.

59. Preparatevi spiritualmente tutti voi che sentite che nei vostri cuori comincia a germogliare questa divina semenza affinché, ogni volta che incontrate sulle vostre vie altri seminatori, li possiate riconoscere e vi unirvi nella Mia Legge.

 

“ La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 120

 

1. Già molto tempo fa vi era stato annunciato tramite la bocca di un profeta che verrà un tempo, nel quale lo Spirito divino verrebbe effuso su ogni carne ed ogni spirito. In Verità vi dico, questo è il tempo nel quale vivete attualmente. Per voi però è venuto di sorpresa, perché a queste voci profetiche avete concesso solo pochissima importanza e non avete né studiato né approfondito queste profezie.

2. Oggi siete alla ricerca di ciò che è sopranaturale per trovare la conferma che esiste la vita spirituale. Gli uni studiano le Stelle, altri aspettano voci o segni misteriosi, di nuovo altri vogliono trovare la spiegazione nella scienza; ma sono pochissimi di coloro che si sono concentrati sul più interiore della loro anima per sentirvi la Voce del loro Signore, per sentirLo ed amarLo.

3. Quando nel Secondo Tempo sono comparso per l’ultima volta dai Miei discepoli, loro hanno visto come una nuvola avvolgeva la Figura del Maestro, Lo ha sollevato in Alto e Lo ha portato con sé nell’Infinito. Allora hanno ricevuto la Promessa e l’Annuncio che il Signore sarebbe ritornato agli uomini nella stessa forma spirituale, nella quale quegli uomini Lo hanno visto scomparire.

4. Soltanto loro potevano comprendere quel Fenomeno divino, perché erano gli unici che erano preparati, mentre il mondo dormiva. Ora Io vi dico che avete visto adempiersi la Parola di quei profeti del Primo Tempo e la Promessa che vi ho dato. La Mia Venuta nella forma spirituale l’hanno percepita però solamente coloro che si sono preparati interiormente, oppure coloro che Mi aspettavano vegliando.

5. Nello stesso maestoso silenzio con il quale Mi sono elevato in Alto nella nuvola, scendo oggi su tutti gli spiriti, ma non tutti Mi hanno visto, percepito o udito, perché adesso come allora sono soltanto pochi che ne sono ricettivi. La Mia Voce è soave, nonostante ciò la Mia Presenza sconvolgerà nuovamente l’umanità in tutte le sue istituzioni sociali.

6. Governanti, farisei e scribi hanno schernito Gesù, quando sentivano che Egli sarebbe il Re, che Egli sarebbe venuto per regnare. Quando Lo hanno visto morire su una Croce, il loro scherno ed i loro dubbi aumentavano ancora di più, ma non si potevano immaginare che prestissimo sarebbero naufragati con i loro governi e vassalli e che Colui il Quale avevano giustiziato ed ucciso come menzognero, avrebbe conquistato per Sé grandi schiere di uomini e popoli attraverso la Verità della Sua Dottrina piena di Giustizia.

7. Sono qui, visibile e percettibile per colui che si prepara interiormente e che vorrebbe contemplarMi, ed Io preparo la Luce in tutti gli spiriti, affinché nessuno Mi cerchi in un’altra forma che quella spirituale, né cerchi di trovarMi nell’esteriore, mentre Mi porta nel suo cuore.

8. Elia è venuto per preparare il Mio Arrivo. Egli ha appianato un’altra volta le vie, mentre ha illuminato gli organi d’intelletto e sciolto le labbra di coloro attraverso i quali Io ho dato la Mia Parola. Quando cesserò una volta di parlarvi attraverso l’intelletto umano, Elia continuerà a diffondere la Luce sulla via dell’umanità.

9. Il Messaggio dell’inviato di Dio è grande in quest’epoca. Sappiate che già nel Secondo Tempo vi ho detto: “Elia verrà e ristabilirà tutte le cose nel loro stato originale”.

10. Chi sono coloro che percepiscono davvero la sua presenza spirituale? Potrei dirvi come anche ho già detto allora: “Elia è stato da voi, ma non lo avete percepito”.

11. Lo chiamate il preparatore della via e questo lo è stato in Verità nel Primo Tempo. Egli vi ha fatto presagire la Comunicazione divina attraverso l’uomo ed ha risvegliato i morti ancora prima che Gesù era venuto nel mondo. Egli vi ha portato i primi messaggio sulla reincarnazione dell’anima e da allora appiana le Vie del Signore fino all’epoca presente nella quale vi rallegrate di questa Comunicazione e vi stupite dell’ordine e della perfezione con cui ognuna delle Rivelazioni spirituali è diventata realtà.

12. Elia è come un pastore, seguitelo, perché vi condurrà sulla retta via, finché arrivate nel recinto dove vi attende Colui il Quale è il Padre di tutto ciò che è creato.

13. Preparatevi spiritualmente nel silenzio della vostra meditazione, perché egli si avvicinerà a voi per rivelarvi ciò che il vostro intelletto non era in grado di comprendere.

14. Si sta avvicinando la lotta ed Elia vi vuole rendere forti. Non abbiate paura, non diffidate della vostra guida spirituale, perché se a suo tempo ha lasciato cadere un raggio di fulmine attraverso una preghiera per dimostrare agli adoratori di falsi déi l’Esistenza del vero Dio, allora in questo tempo compirà Miracoli davanti a questo mondo materializzato che lo sconvolgerà e gli aprirà gli occhio per la Verità.

15. Temete di parlare con i vostri prossimi sulla reincarnazione dell’anima? Non siete forse convinti dell’amorevole Giustizia che contiene?

16. Confrontate questa forma dell’espiazione con quella dell’eterna punizione nell’inarrestabile fuoco dell’inferno – una immagine di cui si serve l’umanità per intimorire le anime degli uomini. DiteMi, quale di questi due modi vi trasmette una idea di una Giustizia divina, perfetta e misericordiosa. L’uno rivela crudeltà, sconfinato rancore, vendetta; l’altro contiene Perdono, Amore paterno, speranza di raggiungere la Vita eterna. Quanto grande è la deformazione che i Miei Ammaestramenti hanno subito in seguito a cattive interpretazioni!

17. Io vi preparo alla lotta, perché so che sarete combattuti per via di ciò che insegnerete. Se i vostri prossimi che in quel momento vi combattono, fossero sorpresi dalla morte ed Io – se muoiono nel peccato – chiedessi loro che cosa preferiscono: l’eterno fuoco in cui credono, oppure l’occasione di purificarsi in una nuova vita – in Verità vi dico, darebbero la preferenza alla seconda soluzione, anche se dovessero averla combattuta nella loro vita, abbagliati dal fanatismo.

18. Discepoli, siate fedeli e perseverate nella Mia Dottrina, perché alla fine la Luce vincerà la tenebra. La Luce è vera fede, è ragione, conoscenza. Sapienza.

19. Elia vi precederà con una Fiaccola divina e vi illuminerà la via.

20. In questo tempo vi armo con la virtù, affinché possiate adempiere la difficile missione che vi ho affidato nel Terzo Tempo – una missione che sarà per il bene dell’umanità e servirà a guidare la vostra anima verso l’Alto sul sentiero dello sviluppo. Farò consiglieri e medici coloro che prima erano paria o semplici egoisti. E’ necessario che abbiate fede nei Doni del vostro spirito, affinché compiate opere sorprendenti. Se avete fede, delle opere che compirete vi stupirete talmente che Mi direte: “Perché mi concedi qualcosa di così grande, anche se sono così indegno? “ Comprendete che dopo il “crogiuolo” del dolore attraverso il quale siete passati, vi ha preparato la Mia divina Istruzione affinché vi possiate sviluppare verso l’Alto.

21. Date con assoluto altruismo oltre ciò che vi ho dato e aprirete molti occhi per la Verità e con le vostre azioni commuoverete interiormente molti dei vostri prossimi. Insegnate che ch serve gli uomini, serve Me. Ci sono delle tentazioni sul sentiero, ma vi ho dato le necessarie armi per combatterle.

22. Discepoli, quanti di voi nella loro semplicità sono stati come raggianti segnali luminosi sulla via dei vostri prossimi? Finché esercitate la Mia Dottrina, sarete invincibili nelle prove. Se però non vi unite, oppure se esercitate questa Istruzione secondo la vostra immaginazione e la vostra volontà, allora verrete battuti nella battaglia, non nella Mia Opera, perché questa è la Verità ed è indistruttibile. Preparatevi, perché dopo il Mio Commiato vi lascerò i campi pronti per la semina, le strisce di paese, i villaggi e persino le nazioni. E voi dovete continuare a seminare questa semenza ed istruire coloro che non Mi hanno sentito, trasmettere loro l’essenza della Mia Parola e far loro conoscere le Mie Profezie su ciò che avverrà dopo il 1950.

23. Sì, popolo, Io lascerò inciso nei cuori queste Profezie, perché in quei tempi non sentirete più questa Parola data attraverso la trasmissione umana. Alcuni di questi portatori della Voce ai quali guardate oggi, verranno tolti dalla Terra e quelli che rimangono, devono chiudere il loro organo d’intelletto per questa Comunicazione e per il mondo spirituale. Questo sarà il tempo delle trappole e dei pericoli nel quale si alzeranno falsi profeti, falsi portatori della Voce e parleranno falsi déi. Allora dovrete essere forti per non lasciarvi sedurre dai menzogneri. Cogliete la Forza dalla Mia Parola per non soccombere di debolezza.

24. Siate obbedienti, esercitate l’obbedienza, siate pronti ad eseguire ciò che vi ordino Io, e sperimenterete che il dolore scompare dalla vostra vita e non sarete mai abbindolati. Non è la Mia Volontà che andiate a fondo, né che da voi succedano delle sciagure dalle quali vi avverto. Vegliate e pregate, perché come gli uomini vi possono mettere dei lacci nel mondo per farvi cadere, così esistono – come ben sapete – esseri impuri e confusi nell’aldilà che vi possono influenzare con la loro oscurità.

25. Riconoscete, o guide delle comunità, che questo popolo che sente le Mie Disposizioni, comprendiete sempre di più i rimproveri che vi faccio, e la responsabilità dei Miei portatori della Voce, e se domani non seguirete le Disposizioni, insorgerà proprio questo popolo, vi rifiuterà e vi farà riconoscere i vostri errori.

26. E’ la Mia Volontà che questo popolo e le schiere che verranno ancora, vi vedranno occupare il posto con tutto il fervore e con dignità che ad ognuno spetta, in modo che gli uomini riconosceranno nel vostro lavoro siete stati buoni operai in questa Vigna. Mi comprendi, popolo? Vuoi tu seguire le Mie Disposizioni durante questi ultimi anni della Mia Comunicazione fra voi?

27. Riflettete profondamente sul Mio Comandamento per il raggiungimento della vostra unità, affinché scopriate il vero senso della stessa. Mi avete già voluto dimostrare sovente la vostra unità, ed Io vi ho dimostrato la falsità che esisteva in questa. Ho voluto che vi assistiate fra voi, che vi rispettiate reciprocamente, dato che la funzione che ognuno detiene, vi è stata data da Me; che abbiate l’amore l’uno per l’altro, perché allora troverò nelle vostre opere il fondamento per una forma unitaria dell’esecuzione. Rendetevi chiaramente conto dei Miei Desideri ed eseguite le Mie Indicazioni, perché se non lo dovreste fare, non vi potete immaginare il caos che vi aspetterebbe. Non voglio incutervi inutile paura, ora vi voglio risvegliare, dato che è ancora tempo per pensare, per correggere i vostri errori. Domani non dovrete poter dire quando cadrete: “Signore, dato che Tu prevedi tutto, perché non ci hai mai predetto questo disastro?”

28.Discepoli, vi ho dato queste Istruzioni perché non voglio che dopo il Mio Commiato piangiate, anche se so che molti piangeranno.

29. Nei primi tempi tutto lo spirituale era un mistero per gli uomini e perciò hanno saputo creare scienze e teologie per studiare e comprendere il Divino. In Verità però vi dico, Cristo ha parlato, quando dimorava fra gli uomini, con la massima semplicità, affinché tutti potessero comprendere la Dottrina dell’Amore. Egli sapeva che non sarebbe stato compreso nel modo giusto, ma che avrebbe dovuto aspettare, finché sarebbe venuto il tempo nel quale, attraverso lo sviluppo spirituale che l’umanità avrebbe poi raggiunto, per riconoscere tutta la Verità. Perciò Egli ha promesso al mondo di ritornare spiritualmente e donargli una Luce che avrebbero compreso tutto ciò che sarebbe confuso nei cuori degli uomini.

30. Elevatevi, voi anime, perché il tempo annunciato è questo nel quale vivete. Quel Maestro che vi ha promesso di ritornare, è Colui che vi parla e la Luce che ha promesso di mandarvi, è questa che attualmente sta agendo spiritualmente in tutti gli uomini.

31. La Luce della Verità è così illuminante e chiara che non avete bisogno di essere teologi per comprendere ciò che vi era stato rivelato nel corso dei tempi. Se all’inizio della via dello sviluppo tutto era per voi un mistero, allora ho tolto un poco alla volta il velo da una Istruzione all’altra, scacciato le oscurità ed eliminato delle non-verità.

32. Il Padre non può Essere un Mistero per nessuno dei Suoi figli, perché Egli fa sentire, percepire e contemplare in tutto ciò che è creato, dal più piccolo all’infinito. Sono gli uomini che creano “misteri” senza voler rendersene conto che con ciò fermano l’anima nel suo sviluppo fino a Creatore.

33. Io non vi dico: Venite al Padre per imparare a conoscerLo, ma: Imparate a conoscere il Padre per venire a Lui. Chi non Lo conosce, non potrà amarLo, e chi non Lo ama, non potrà andare da Lui.

34. Sono venuto nel mondo per dirvi: “Io sono la Via” ed ho aggiunto: “Chi conosce il Figlio, conosce il Padre”.

35. Quale era la via di Cristo? Quella dell’Amore, della Misericordia, della Mansuetudine, della Purezza. Come era il Figlio per conoscere il Padre attraverso di Lui? Saggio, giusto, amorevole, misericordioso, pieno di Potenza e fattivo Amore per il prossimo.

36. Il Maestro è venuto nel mondo per mostrarvi il vero Dio – non quello che i popoli hanno creato nei loro cuori. Nello stesso modo scende in quest’epoca la Luce del divino Spirito pienamente su tutte le anime, affinché vi possiate rallegrare della vostra spiritualizzazione in vista dell’infinito Amore del Padre.

37. Ben per colui che ama e confida, che conosce la sua missione e l’adempie.

39. Se vi parlo della “via”, non vi descrivo una sulla Terra, perché non è nel mondo da voi abitato dove si trova il Mio Regno. E’ la via spirituale che conduce sempre in Alto. E’ lo sviluppo ed il progresso che la vostra anima deve raggiungere. Perciò potete essere sulla via dello Spirito ovunque vi trovate sulla Terra.

40. Figli Miei, se avete smarrito la via, ritornate indietro e se vi siete fermati, allora continuate a camminare.

41. Il compito che avete, vi l’ho dato secondo la vostra facoltà e forza; dovete solo comprenderlo ed amarlo. Pregate giornalmente per ricevere la necessaria Luce per il vostro lavoro. Allora rimanete preparati, attenti, affinché possiate sentire la voce di coloro che vi chiamano, di coloro che vi chiedono, ed anche per poter perseverare nelle prove. Ogni giorno della vostra esistenza è una pagine del Libro che scrive ognuno di voi. Ogni giorno è contrassegnato attraverso una prova ed ogni prova ha un senso ed un motivo.

42. Voglio fare di voi un popolo sano nell’anima e nel corpo, perché siete l’eletti per essere il testimone delle Mie Manifestazioni di tutti i tempi ed in questo tempo dovete adempiere una missione difficile e preparare la via alle nuove generazioni.

43. Ho sparso il vostro sentiero con dimostrazioni d’Amore affinché non dubitiate né di Me né di voi stessi. Voi che Mi avete sentito in questo tempo – non scendete nella tomba e non portate con voi il segreto di questo contatto che ho avuto con voi, perché questo è il vostro compito principale. Parlate agli uomini nel Mio Nome, testimoniate le Mie Rivelazioni con le vostre opere.

44. Non dite a Me che vi manca la preparazione per fare questo, perché vi ho promesso molto e mentre Mi ascoltate, vi siete purificati e resi degni. Voi tutti potete portare questo Messaggio al mondo. Gli uomini lo aspettano e sono pronti a riceverlo. Non avete scoperto il desiderio di spiritualizzazione e di pace che gli uomini hanno? Non vi commuove la loro ignoranza ed il loro dolore?

45. Il Mio Spirito Si effonde su di loro, parla a loro attraverso la coscienza e dice loro: Venite a Me e riposatevi. Prendete la fede che vi manca, smettetela ad essere i ciechi sulla via.

46. Popolo, conosci l’Opera che sto edificando nel mondo? – “No”, Mi dici, “vediamo soltanto l’umanità in subbuglio, la si vede precipitare nel profondo abisso e soffrire di una grande visitazione”. Io però vi dico di aver concesso che l’uomo si faccia giustizia con la propria mano, affinché riconosca tutti i suoi errori, affinché ritorni a Me purificato. Ho inviato la Mia Luce su ogni creatura e l’ho assistita nei giorni dell’afflizione.

47. Il Mio Spirito Si è adagiato su ogni anima ed il Miei Angeli sono ovunque nell’Universo ed adempiono i Miei Comandi di mettere tutto in ordine e portare sulla retta via. Quando poi tutti avranno terminato la loro missione, sarà scomparsa l’ignoranza, non esisterà più il male e su questo pianeta e governerà solamente il Bene.

48. Ah, se gli uomini Mi avessero soltanto compreso! Se solo vi potreste rendere conto quanto grande è la Mia Nostalgia di perfezionarvi! Se la vostra volontà fosse la Mia, sareste già arrivati in cima dove Io vi aspetto.

49. E qual è il Mio Desiderio, popolo? – La vostra unità e la vostra pace.

50. Per assistervi sono un’altra volta fra voi, vi parlo, muovo il vostro cuore nell’attesa del vostro risveglio.

51. Ogni albero verrà protetto e le sue radici e rami si estenderanno per donare al viandante protezione e nutrimento; ma l’erbaccia verrà strappata con la radice e gettato nel fuoco inestinguibile.

52. Vi parlo nel senso figurato, e se vi parlo di quell’albero, intende le opere degli uomini.

53. A coloro che ho affidato grandi Incarichi, dico: Preparate il raccolto. Padri di famiglia, insegnanti e governanti, signori e servi, grandi e piccoli, non voglio che Mi mostriate incolti i vostri campi. Anche se è solo un piccolo chicco, mostrateMelo puro e netto.

54. Venite a Me, bussate e vi verrà aperto. Venite però lieti, soddisfatti con la vostra opera, affinché vi sentiate grandi, simili a Me.

55. La Mia Parola è l’Acqua Celeste che calma la sete dell’anima. Chi ne beve, non avrà mai più sete. Io sono la Sorgente inesauribile che cade come una cascata e bagna il vostro spirito ed il vostro cuore.

56. Voi che vi siete purificati nel dolore, attraverso la preghiera e l’espiazione, vi siete conquistati un diritto alla Grazia di sentire la Mia Parola. Continuate ad essere mansueti ed umili, affinché non perdiate questa Luce. La vostra vita era stata sterile, come un deserto senza una ombra, senza una oasi; ma ho procurato che in mezzo al deserto avreste trovato una palma ed una sorgente dove potete riottenere coraggio e speranza. Adesso che avete riconquistato la forza, dato che avete la pace nei vostri cuori, non recatevi nelle “città del peccato” per andare a fondo nei suoi divertimenti e vanità.

57. Questo è e verrà chiamato il “Tempo dello Spirito”, perché in esso ho dovuto venire sulla “nuvola” per far splendere la Luce che rivela e risolve i misteri – il tempo nel quale ho dovuto aprire il Libro dell’Istruzione sulla pagina che corrisponde all’epoca nella quale vivete. Attualmente illumino con la Mia Luce divina l’intelletto degli uomini che a motivo della sua insensibilità per lo spirituale è come una roccia. Da queste rocce però farò scorrere l’acqua e germoglieranno persino i fiori.

58. Rivolgete indietro i vostri occhi, guardate al passato e scoprirete che ho sempre seminato Amore sulla vostra via. Quando Mi credevate assente e si prolunga la vostra solitudine, Mi faccio sentire nel vostro cuore e divento il Bastone di sostegno affinché non crolliate. Venite insieme in piccoli gruppi per sentire la Mia Parola; ma domani vi moltiplicherete come la sabbia al mare e queste folle di uomini saranno spiritualmente coloro che formavano le dodici tribù d’Israele. Da queste schiere eleggerò coloro che in questo tempo saranno i Miei nuovi apostoli. Preparerò tuttavia tutti i cuori, affinché sentano amore e misericordia per i loro prossimi e fra gli uomini nell’obbedienza delle Ispirazioni della loro coscienza e percezioni dei loro cuori, compiano opere che sono degne di Colui il Quale li ha destinati a trasmettere il Mio nuovo Messaggio con quel buon sapore che distruggerà l’amarezza del mondo.

59. Se considerate la vostra missione come una croce, allora Io vi dico in Verità che questo è vero; ma Io Sarò il vostro “Portatore della croce”. Tutto quello che fate per il bene dei vostri prossimi, Io ve lo ricompenserò, lo trasformerò in Luce nel vostro spirito. Ricordatevi di Cristo, quando Egli ascese al Cielo pieno di Gloria e Maestosità, dopo aver compiuto la Sua Opera d’Amore e di Redenzione.

60. Prega, popolo;: nelle nazioni compaiono profeti e parlano della Mia Comunicazione e della Mia Presenza fra voi. Li dovete riconoscere, perché sono messaggeri Miei. Imparate però a distinguerli dai falsi profeti che compariranno contemporaneamente e daranno da sé parole di apparente luce, che in fondo conterranno soltanto oscurità. Coloro che sono i Miei messaggeri, prepareranno i loro cuori per risvegliare i popolo, saranno i Miei preparatori della via affinché, quando arriverete in quelle regioni, vi troviate i campi fertili.

61. Tutto ciò che attualmente succede, lo hanno già annunciato nel passato i Miei profeti. Chi però riconosce oggi l’adempimento di ciò che vi era stato promesso? Molti dormono, pochissimi hanno vegliato; ma in mezzo all’oscurità di questa notte di peccato del mondo sono venuto da coloro che secondo l’apparenza dormivano, che però Mi hanno aspettato.

62. Il Libro del Terzo Tempo viene scritto attualmente dalle Mie “penne d’oro” sotto il Dettato della Mia amorevole Voce. Gli Angeli custodi che vegliano con fervore sulle Istruzioni del Padre, guidano la mano di coloro che scrivono per deporre nel Libro ciò che deve rimanere conservato per le future generazioni – un Libro dell’Amore, un Libro della perfetta Sapienza, un Libro nel quale possono leggere i semplici ed eruditi, piccoli e grandi, gli arroganti ed i sobri. La Mia Parola sarà la Spada che combatte mentre parla della Mia Venuta nel mondo in questo tempo, della Mia Comunicazione. Illuminerò l’intelletto dei non istruiti e penetrerà attraverso i cuori di roccia e dissiperò i loro dubbi. La Mia Dottrina continuerà a diffondersi di cuore in cuore e di popolo in popolo e verrà compresa, creduta ed amata persino dai non istruiti, dagli ignari, dai peccatori, dai pagani ed idolatri, che riconosceranno la Mia Manifestazione d’Amore.

63. Ristoratevi e rallegratevi al pensieri che avete percepita la Mia Presenza in questo tempo, perché siete già arrivati al punto per percorrere con passi della perfezione il sentiero che li guida allo sviluppo verso l’Alto. Vegliate e pregate per coloro che non Mi hanno voluto sentire, benché siano stati chiamati. Abbiate compassione con loro.

64. In questo Terzo Tempo vi dico: “E’ necessario che abbiate dei meriti per meritare i Doni del Signore. A molti di voi ho regalato senza che Mi possano dire in che cosa consistono i loro meriti. Io però che vedo tutto, so quali meriti vi siete conquistati nei tempi passati per meritare ciò che vi ho affidato oggi. Nessuno però si deve vantare per via di ciò che ho svelato, perché per un buon motivo non é permesso allo spirito di rivelare il suo passato alla carne”.

65. Amati figli, continuate a radunarvi; ma quando verrà il giorno della Mia Istruzione ed il portatore della Voce non si presenterà una volta, non abbiate timore. Pregate, preparatevi interiormente, elevate il vostro spirito a Me ed in questo momento effonderò su di voi la Mia Luce, la Mia Forza, la Mia Grazia ed il Mio Amore. Quando Mi cercate con lo spirito, Io parlerò da Spirito a spirito.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 121

 

1. La Mia Promessa di ritornare a voi è adempiuta. Sono penetrato nella vostra camera da letto come un ladro sulle punta dei piedi e vi ho svegliato dal vostro sonno. Chi, aprendo i suoi occhi, Mi ha visto e pregato di aiutarlo ad elevarsi, ha sentito la Mia Forza nel suo spirito e nel suo corpo e si è subito alzato. Vi nostro nuovamente la stretta via della Mia Legge – una via che tutti voi dovete percorrere.

2. Ben per coloro che si sono preparati a ricevere il Mio Spirito, perché dal loro santuario interiore irromperanno le preghiere per la pace dei popoli sulla Terra. Più tardi istruiranno i loro prossimi di pregare in questo modo, affinché attraverso questo collegamento a loro riesca di sentire la Mia Voce che si annuncerà nel parlare attraverso l’ispirazione, nel consigliare attraverso intuizione e nell’ “ungere” (guarire) attraverso il dono della guarigione. Oggi si comunica la Mia Luce attraverso i portatori della Voce, domani Mi unirò direttamente con lo spirito di ognuno che si prepara interiormente.

3. Molti Mi dicono: Signore, quando Mi regalerai i Doni come ai Miei prossimi? – Io però vi dico: Voi tutti avete ricevuto regali, voi tutti portate in voi la vostra eredità, anche se non la conoscente ancora. Vedrete manifestarsi questi Doni dello spirito nella misura nella quale penetrate nella Mia Dottrina. Quando poi sarete i Miei servitori, mostrerò ad ognuno i suoi incarichi e la sua missione.

4. In questo tempo avete preparato un luogo di assemblee modesto per accoglierMi, ed Io vi ho rallegrato con la Mia Presenza. La Mia Parola è venuta piena di Bontà e Luce per elevarvi alla vita, affinché occupiate il posto che vi spetta.

5. Non temete coloro che rifiutano o rinnegano la Mia Venuta. Voi dovete agire con sensibilità ed avere pazienza con loro. Sarà la Mia Giustizia che li visiterà. In Verità vi dico che coloro che Mi hanno maggiormente negato e perseguitato, saranno poi quelli che Mi seguiranno più da vicino. Ricordatevi di Saulo, il persecutore della Mia Dottrina, che poi era diventato uno dei Miei discepoli. Quei convertiti si uniranno domani con voi. Se però volete trovare veramente la fede, allora non diventate impazienti quando vi diranno che siete presso un falso dio o un falso maestro. Non dovete nemmeno temere di dire che Cristo è stato da voi. Vi preparo a tutto ciò che verrà. Siate coraggiosi ed Io vi manderò in diverse regioni dove adempirò la Mia Parola che vi dice che tramite uno di voi una striscia di paese troverà pace e salvezza, perché il suo cuore sarà quello di un pastore che ama e custodisce le sue pecore. Inoltre l’amore che ha per i suoi prossimi ed il sacrificio che porta per loro, non sarà sterile.

6. Nessuno dimentichi queste parole, perché chi vive attualmente ancora non riconosciuto fra gli uomini, compirà domani un incarico difficile fra l’umanità.

7. Io mando la Mia Pace alla vostra nazione. Accoglietela nel vostro spirito e lasciatela giungere ad altre nazioni. Io le benedico tutte. Pregate, affinché la pace sia nel cuore di tutti gli uomini.

8. Io aspetto il risveglio dell’umanità, affinché si ricordi che Io esisto; ha eseguito tutte le sue opere davanti ai Miei Occhi, ma ora si avvicina l’ora nella quale la Mia Giustizia mette fine al male. Ascoltate le Mie Istruzioni ed astenetevi da cattive azioni. Purificate il vostro corpo e la vostra anima, perché se Io come Padre sono infinitamente amorevole, come Giudice sono inesorabile.

9. Ai popoli della Terra non è mai mancata la Luce spirituale. In Verità vi dico, non solo questo popolo ha avuto profeti e messaggeri, ma a tutti ho mandato messaggeri per svegliarli. Potete giudicare le loro parole in base alla Luce ed alla Verità dei loro insegnamenti con la somiglianza di ciò che Io vi ho rivelato. Gli uni hanno vissuto prima della Venuta del Messia, gli altri operavano dopo la Mia Esistenza come Uomo, ma tutti hanno portato un Messaggio spirituale agli uomini.

10. Quegli insegnamenti – come anche i Miei – hanno sperimentato profanazioni, perché non si ha cambiato la loro essenza, li si hanno storpiati oppure li hanno nascosti agli uomini affamati di Verità.

11. E’ una unica Verità ed una unica moralità che era stata rivelata agli uomini tramite i messaggeri, profeti e servitori. Perché i popoli hanno allora differenti immaginazione della Verità, della moralità e della Vita?

12. Questa Verità che in tutti i tempi è stata falsificata dall’umanità, verrà di nuovo ristabilita e la sua Luce risplenderà con un tale potere che per gli uomini sembrerà come se fosse qualcosa di nuovo, benché sia la stessa Luce che ha sempre illuminato la via dello sviluppo dei figli della Mia Divinità.

13. Sono molti di coloro che sono morti perché hanno detto la Verità, sono molti anche di coloro che erano stati sottoposti a torture perché non hanno voluto far tacere la Voce che parlava a loro.

14. Non pensate che il Cielo ha mandato solo coloro che vi hanno parlato dello Spirito, dell’Amore, della moralità; no, ha mandato anche coloro che vi hanno donato buoni frutti della scienza, quelle conoscenze che portano Luce nella vita degli uomini, che alleggeriscono i loro pesi e alleviano le loro miserie. Tutti costoro sono stati i Miei inviati.

15. Ci sono anche altri che non portano insegnamenti di moralità spirituale oppure scoperte scientifiche, i quali portano con sé bensì il Messaggio che insegna di sentire ed ammirare le bellezze della Creazione. Sono Miei messaggeri che hanno il compito di portare gioia e balsamo ai cuori di coloro che sono afflitti.

16. Tutti loro hanno bevuto un calice amaro, quando hanno scoperto l’incomprensione di un mondo cieco per la Verità, una umanità insensibile per il bello ed il buono. E nonostante ciò – quando vi ho detto che in questa epoca tutto verrà di nuovo ristabilito; quando vi ho annunciato che tutto ritornerà sulla retta via ed a tutti i Miei Insegnamenti verrà restituito il senso originale – allora potete credere, benché non dobbiate dimenticare che prima che questo succede, tutto verrà giudicato e purificato.

17. Ogni pellegrino terreno che non ha pace nel suo cuore, rimanga un paio di momenti nell’ombra di questo “Albero” qui, e si sentirà consolato.

18. Al di sopra dello spirito degli uomini fluttua anche il ricordo dello spirito di Elia come pastore delle anime incarnate e disincarnate, che cerca instancabilmente le sue amate pecore su tutte le vie, per ricordare loro il proprio compito e per eleggere coloro che Mi devono servire in questo tempo.

19. Voi tutti siete stati guidati a Me tramite Elia; ma quando siete giunti alla Mia Presenza ed avete sentito l’Irradiazione del Maestro, avete visto come tutti i loro sacrifici e prove – che voi avete vissuto – venivano pareggiati per sentire per questo la Mia Parola.

20. In Verità vi dico, questo popolo di oggi ha somiglianza con quello del Primo Tempo.

21. Israele era stata per lungo tempo prigioniero dell’Egitto, dal quale era stato liberato tramite Mosè. Sulla via del popolo si erano posti ostacoli, nemici ed avversità per impedire la sua salvezza; ma hanno vinto la sua fede e la sua perseveranza, è arrivato al piede del Sinai dove ha sentito la Mia Voce e ricevuto la Legge. Là sono caduti gli idoli, e l’oscurità è scomparsa dai loro cuori, nel loro spirito si è fatta Luce in modo che da quel momento credevano solo più nel vero Dio della Giustizia e dell’Amore, Lo amavano e Lo servivano.

22. La vita di quel popolo ha sperimentato un cambiamento. La Legge che aveva appena ricevuta, gli ha promesso pace e benessere, mentre Mosè gli ha mostrato con il dito all’orizzonte la Terra Promessa come un luogo di rifugio della pace e della beatitudine terrena.

23. Quarant’anni è durato l’attraversamento del deserto, quarant’anni era durata quella Lezione del Padre per il Suo popolo, per far germogliare l’amore dal suo cuore come sgorga l’acqua dalla roccia; doveva essere istruito a vincere le tentazioni ed a strappare dal suo cuore i culti impuri; inoltre per mostrargli a fare i primi passi sulla via dello sviluppo verso l’Alto; per purificarlo prima di prendere possesso della Terra Promessa, ed affinché le sue nuove generazioni stabilissero un nuovo popolo in base alle sue moralità e la sua adorazione per il Creatore.

24. La vita nel deserto, i Miracoli che ho concesso al Mio popolo, e la lotta ha reso d’acciaio il suo spirito ed in vista della libertà riconquistata ha dimenticato la sua prigionia e lo spirito di Israele si è di nuovo rialzato.

25. Erano stati i profeti che avevano annunciato al popolo la Venuta del Messia. Erano stati loro che mantenevano accesa la fiamma della speranza nei cuori, ogni volta che si sentivano sottomessi al giogo di altri popoli.

26. Molti aspettavano con giubilo l’arrivo del Rabbino dalla Galilea che non erano in grado di riconoscere nel Bambino che era nato nella grotta presso Betlemme dal grembo vergineo di una donna nazarena modesta. Mentre alcuni sentivano che il Salvatore e Redentore era nato, altri Lo rinnegavano dal primo momento.

27. Ho vissuto trentatre anni fra gli uomini. Tutta quella vita era forgiata da Esempi ed Insegnamenti per l’umanità, perché Io non ho avuto bisogno di imparare nulla dal mondo. E quando mancavano ancora tre anni fino al Mio Commiato, ho cominciato la Mia Attività dell’Insegnamento fra il popolo. La Mia Parola era udibile nei vicoli, nei villaggi, nelle case e sotto i portici, nelle vallate e sui mari.

28. Fra le schiere degli uomini erano mescolati coloro che Mi aborrivano, coloro che vedevano minacciate le loro posizioni che occupavano ingiustificatamente. Erano loro che tenevano il giudizio, la condanna e la morte per Colui il Quale aveva portato loro la Vita eterna.

29. Nel Cuore del Maestro vi era dolore e lutto, perché Egli sapeva della lunga via che avrebbero dovuto percorrere coloro che rinnegavano la Verità e presso i quali Egli aveva compiuto Miracoli, che né prima né dopo un qualsiasi uomo avrebbe potuto compiere da sé stesso.

30. Quando ho annunciato ai Miei discepoli che presto li avrei lasciati, si è impossessato di loro una infinita tristezza. Allora ho detto per fare loro nuovo coraggio: “Ecco, Io ritornerò ed i segni per la Mia Venuta saranno: Quando sentirete giungere a voi voci di guerra e la depravazione degli uomini avrà raggiunto il suo apice, la Mia Venuta sarà vicina. Prima di Me però verrà Elia per preparare la via”. Dopo quelle Parole è passata una epoca, affinché potessero adempiersi. Il 1° settembre 1866 si è annunciato lo spirito di Elia attraverso un uomo giusto che era per questo da Me destinato ed inviato per annunciare la Mia Presenza ed essere il preparatore della via della Mia Comunicazione spirituale fra gli uomini.

31. Quell’uomo ha ricevuto il divino Incarico di fondare sette comunità che dovevano essere semplici in rappresentanza dei Sette Sigilli e contemporaneamente l’Indicazione ad istruire gli organi dell’intelletto degli eletti, affinché dovessero essere portatori della Voce del divino Maestro.

32. Fin da allora tutti coloro che sono venuti qui per sentirMi in questa forma, hanno avuto il presagio di essere servitori, contrassegnati o marcati come figli di quel popolo che si era unito con il suo Signore fin dal principio ed ha ricevuto da Lui Rivelazioni, Miracoli, i Suoi Insegnamenti e la Sua Legge.

33. Incidete questo Ammaestramento nei vostri cuori e sondatelo con amore.

34. Scacciate ogni pensiero egoistico e pensate alla vostra missione. Questo tratto di tempo è significativo e decisivo per l’umanità. Solo la Mia Dottrina che sta al di sopra delle debolezze umane, vi può rivelare che è questo il tempo nel quale la Verità distruggerà ogni menzogna ed oscurità.

35. Questa umanità che oggi dorme ancora, ed ha dimenticato il suo Signore e persino la sua propria anima, si risveglierà spaventata dalla Voce della Mia Chiamata. Prima Mi ero rivelato al popolo Israele – non il popolo israeliano secondo il sangue, ma a questo qui che lo è secondo lo spirito - al quale ho dato in eredità il Terzo Testamento.

36. Io cerco te, popolo, perché fra di voi ci sono coloro che Mi erano rimasti fedeli. Non vi posso ancora dire che avete già compiuto il vostro compito, perché avete ancora da percorrere un bel pezzo della vostra via. Vi ho trovati dediti ai beni terreni nella vostra egoistica vita materializzata. Nonostante ciò non voglio fare rimproveri, ma soltanto fare appello di ascoltarMi, affinché siate colmati della Mia Sapienza e possiate diventare maestri della spiritualizzazione, per la quale siete stati inviati.

37. Aprite i vostri occhi e risvegliate il vostro spirito, affinché vi possiate rendere conto che vivete davvero in un nuovo tempo e contemplate l’adempimento delle Mie Profezie. Allora potrete dire con convinzione che sono venuto da voi nel tempo annunciato. Solo quando conoscete il contenuto dell’essenza della Mia Parola, potete dare agli avvenimenti che succedono giorno per giorno nel vostro mondo, la giusta interpretazione. Questa umanità però, che nella sua cecità discute con veemenza e non vede la Luce divina che risplende davanti al suo spirito, non si rende conto del tempo nel quale vive, perché se lo sapesse, avrebbe già fermato le sue mani fratricide nella sua opera, ci sarebbe il raccoglimento interiore e vigilanza, ci sarebbe la preghiera e la riverenza, il perdono fra gli uomini ed il pentimento. Non vi è nulla di tutto questo, ogni giorno strappano nuovamente il legame dell’amore fra i popoli della Terra. Sono state rifiutate la spiritualità e la moralità, esiste solo una lotta insensibile di odio, egoismo e fame di potere che rende evidente la mancanza di grandezza interiore negli uomini. Nel mezzo di questa lotta la morte porta giornalmente il raccolto di vite, la sua falce irreconciliabile ed incorruttibile miete colpo per colpo l’erbaccia. Questa umanità però che pecca, violenta ed oltraggia, lotta inesorabilmente per la sopravvivenza, anche se egoisticamente e senza pensare se siano giusti ed umani i mezzi che impiega, oppure se fa il contrario di questo. Ora Io vi domando: Che cosa è che state facendo in questo tempo di Giustizia divina?

38. L’ora non è bensì ancora suonata, nella quale dovete andare ed alzare la vostra voce d’avvertimento. Dovete però sapere che il momento preciso è determinante per utilizzarlo per la vostra preparazione; perché è questa Parola che vi rende d’acciaio per la lotta spirituale in arrivo, che vi ha chiamati ed uniti, affinché siate un popolo della pace che può aprire le porte del suo cuore per accogliere l’estraneo o lo straniero e che vi ha anche affidato la missione del messaggero di diffondere questo Messaggio su tutte le vie della Terra.

39. Io vi dico, la vera pace può scendere solo dal Mio Spirito allo spirito dell’uomo, ed è questa pace che vi ho rivelato in questa Rivelazione, affinché la portiate ai popoli ed alle nazioni. Vi aspettate forse che il mondo crei la sua pace? - Con quale seme la potrebbe creare, dato che in esso non esistono sentimenti di amore, di giustizia o di misericordia?

40. Giudicate voi stessi la vostra responsabilità, amato popolo, pensate che un giorno che perdete, è un giorno con il quale rimandate la Venuta di questa Notizia nei cuori dei vostri prossimi – che una Istruzione che perdete, è un pane in meno che potete offrire ai bisognosi. Lavorate con amore e presto vi sarà la pace fra gli uomini. Non dimenticate però ciò che Io vi dico: Non dovete scambiare la Mia Pace con quella che le nazioni vogliono sottoscrivere, perché questa non durerà. Sarà una falsa pace che distruggerà sé stessa, perché non ha un seme dell’amore che è rispetto e fratellanza – perché ha come base la paura reciproca, l’egoismo o il vantaggio materiale. La vera pace è quella che scende dal Cielo ai cuori degli uomini e da lì irrompe e si diffonde nelle opere della giustizia e dell’amore. Vi annuncio che questa pace che arriva sulle nazioni, non é verace, e se volete profetare questo, lo potete fare con la certezza che non verrete ingannati. Io vi dico: Affinché la Pace del Mio Regno venga stabilita fra gli uomini, dapprima dev’essere eseguita la guerra delle dottrine, delle comunità religiose e delle ideologie. Una contesa nella quale gli uni metteranno di fronte il Mio Nome e la Mia Verità contro i falsi idoli degli altri e nella quale un insegnamento combatte l’altro – questa sarà una nuova lotta, la battaglia spirituale nella quale cadranno i falsi déi rovesciati dai loro piedistalli ed ogni falsità che avete considerata vera, verrà per sempre scoperta. Allora sperimenterete come da quel caos di confusione ed oscurità si leverà raggiante la Verità.

41. L’Astro Regale con la Sua Luce vi dà una nuova idea di ciò che è la Verità. La Sua Luce splende durante il giorno ed alla sua scomparsa comincia la notte. Allora l’uomo scopre con l’aiuto della sua scienza e sotto l’impiego degli elementi della stessa natura una luce con la quale può illuminare l’oscurità della notte; ma è così debole che scompare e muore, appena i Raggi dell’Astro Regale compaiono di nuovo. Siete riusciti a fare luce nella notte, ma chi può nascondere la luce del Sole per mezzo della sua scienza, e procurare oscurità nel giorno? – Lo posso fare solamente Io, per darvi un segno della Mia Potenza, come sono l’Unico che può generare la vera Luce e la posso anche di nuovo nascondere, se è la Mia Volontà. Anche nello spirituale sono l’Unico che può far risplendere la Luce della Verità, là dove regnano inganno e menzogna; che può procurare che dalla morte proceda la Vita; che dall’odio, dalla cattiveria o dal rancore sorgano l’amore per il prossimo, pentimento o perdono, oppure dallo sconvolgimento dell’intelletto compaia la ragione – con una Parola, che sull’oscurità sorga la Luce. Sì, popolo, la Luce della Mia Verità illuminerà il vostro mondo e per questo scompaia la lunga notte spirituale che avete vissuta. E’ già iniziata a manifestarsi qualcosa come una nuova aurora; è la Luce che vi ha svegliato in questo tempo con le Parole: Vegliate e pregate, svegliate i vostri prossimi, guariteli, affinché si possano alzare per la lotta e cercate colui che si è smarrito. Siate discepoli della Luce, affinché domani – diventati maestri – trasmettiate insegnamenti pieni di Luce. Per essere un Mio discepolo esige a volte di arrivare fino al sacrificio; ma Io vi dico che la pace dell’anima vale di più che il benessere della Terra. Siate veri figli della Luce, affinché ogni preghiera sia come una Stella nel Cielo della vostra vita ed affinché le preghiere di tutti – formate dai vostri pensieri uniti – somiglino alla Luce di una aurora.

42. Elia riversa la Luce sulle vie e le pecore ritornano un poco alla volta al recinto. Se poi Io vengo ad ogni cuore, al popolo, Elia ha già preso contatto con tutti.

43. Preparatevi, discepoli, non voglio che, quando il dolore avrà raggiunto il suo più alto grado nell’umanità, i vostri pensieri e la vostra ragione siano annuvolati da un oscuro mantello. Io voglio che i Miei discepoli in quell’ora della prova sappiano alzarsi come forti e che in mezzo alla tempesta siano in grado di sentire la voce della coscienza.

44. Figli Miei, Mi dite nella vostra ignoranza oppure paura: “Signore, se Tu vuoi che noi veniamo a Te – perché permetti che tentazioni ed incidenti incrocino la nostra via?” Il Maestro però vi risponde: Perché le prove portano Luce nella vostra anima – l’unica possibilità affinché possiate vedere ed è necessario che vediate, per conquistare conoscenze. / Comprendete che nella vostra vita spirituale vi è molto da scoprire, perché come figli della Luce siete gli eredi della Mia Verità.

45. Voi sarete i preparatori della via del tempo di Grazia, perciò la vostra responsabilità è molto grande. Le fondamenta di una Opera così grande devono essere forti, affinché si possa elevare su questi il Santuario della Mia Divinità. Io vi rivelo molto di ciò che il futuro tiene pronto per questo popolo. In questo modo non Mi contemplerete in eterno nascosto nel Mistero.

46. Sondate la Mia Parola affinché vi possiate spiritualizzare, perché se non andate a fondo di questa Dottrina, potreste cadere ad un nuovo fanatismo. Comprendete, discepoli, che nella spiritualizzazione non vi è spazio per fanatismo né per pregiudizi, idolatria o superstizione. Lo spiritualismo significa mentalità spirituale, spiritualizzazione significa libertà dell’anima, perché chi la raggiunge, si è liberato dal materialismo, si è liberato dalle passioni della carne, ha sperimentato il sacrificio come la rinuncia intesa bene. O popolo, che Mi hai sentito così sovente, è già vicino il momento del termine della Mia Parola, ma Io non vedo in te la comprensione per la Mia Dottrina, per non parlare della preparazione e della giusta interpretazione delle Istruzioni che ti ho dato.

47. State dolcemente dormendo nella fiducia del Mio Amore. Io però vi dico: Vegliate e pregate, affinché non sia il dolore che vi sveglia – non il dolore che Io vi mando, perché è qualcosa che non è proceduto da Me. Il dolore ha la sua origine nell’uomo in seguito alla sua disobbedienza. – Tutto vi parla di Me e del Mio Amore: la natura, la vita esteriore, la vita interiore, tutta la Creazione, sono come un dito indice che vi mostra l’Infinito come una meta alla quale dovete rivolgere i vostri passi. Se riflettete su tutto questo – non vi viene allora il pensiero del vostro decesso? – Non vi rendete conto che ogni giorno che vivete, è un passo che vi porta più vicino alla Patria dell’anima? Ascoltate e comprendetelo, perché là dove molti vedono la morte, vi è la vita, dove la loro opinione è di oscurità, vi è la Luce, dove loro vedono il nulla, vi è tutto, e dove vedono la fine, vi è l’Eternità. Molti uomini somigliano nella loro spensieratezza a piccoli bambini che, dediti ai loro giochi infantili, non hanno nessun pensiero sul futuro.

48. Uomini, che nel cuore possedete la Luce dell’esperienza di questa vita e nella vostra anima la Luce che lascia dietro di sé lo sviluppo durante diverse vite terrene – perché la vostra anima si occupa di ciò che per lei è inutile, e perché piangete spesso per motivi che non meritano il vostro dolore?

49. Cercate in tutto la Verità, è su tutte le vie, è chiara e limpida come la luce del giorno.

50. Andate e parlate di queste Istruzioni con i vostri prossimi. Sto già preparando le province che ricevono il Lieto Messaggio. Io vedo però che avete ancora paura delle discussioni, delle opinioni che erano dei vostri parenti. Certi temono i loro genitori oppure i loro fratelli più del Giudizio del loro Dio. Temete la loro opinione di essere nell’errore, che vi chiamano traditori o ingannatori? – In Verità vi dico, ho posto nel vostro spirito un gioiello di tale magnificenza, che una vostra parola può convincere coloro che temete così tanto.

51. Vedete i ricchi del mondo, gli eruditi, i potenti, i filosofi, gli scienziati, gli spirituali delle confessioni e troppo grandi gli uomini di potere, ed Io vi dico: Voi non avete bisogno di questa grandezza per poter parlare della Mia Verità. Non avete bisogno di nulla di questo per essere grandi, perché la vera grandezza che è quella dello spirito, non ha bisogno né di oro, né di scienza umana, né di titolo. Dove l’anima non si esprime con amore, non vi è vera grandezza. Non sapete nulla di monarchi che oggi siedono sul loro trono e domani trascinano con sé la loro miseria? Non conoscete degli eruditi che correggono ciò che prima hanno annunciato come Verità? Non avete mai visto una bella donna ammirata e desiderata che più avanti camminava in stracci? – Non scambiate quindi i valori eterni con le vanità umane.

52. Prendete su di voi la vostra croce e seguiteMi. Portatela sul vostro cuore e non abbiate paura. Camminate passo dopo passo, lasciate la Mia Parola nei cuori come una scia di Luce. Perdonate a coloro che vi feriscono. Se però doveste cadere, e vi si scherniscono per la vostra caduta, non curatevene, perché adesso Cristo che vi parla Sarà il Sostegno di coloro che prendono su di sé la Mia Croce.

53. Ascolta popolo, il 1950 è già vicino, e la Volontà dell’Eterno si adempirà. In questo momento non dovete essere separati, perché non conoscete le prove che si avvicinano. Qui, dove ho preparato un popolo che doveva ricevere la Mia Parola in questo tempo, non deve manifestarsi nessuno smarrimento. Fino ad allora questo popolo dovrà essere unito ed i suoi uomini e donne devono allora rendere ricettivo il loro spirito per la Mia ultima Comunicazione, nella quale sentirete le Mie ultime Parole che vi diranno: Vi aspetto nel Cielo!

54. Se vi preparate così, sentirete presto venire su di voi la Luce del Mio Spirito senza mediazione umana o portatori della Voce per comunicarsi ai discepoli da Spirito a spirito. Fino ad allora la vostra forma di meditazione dev’essersi purificata al punto che i vostri prossimi saranno sorpresi che esercitate una spiritualità che testimonierà del culto interiore.

55. Allora l’umanità constaterà che il tempo profetato migliaia di anni fa, nel quale doveva aver luogo il Mio Ritorno, è oggi, perché gli uomini stessi potranno constatare che la Luce divina viene effusa su ogni carne e su ogni spirito.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 122 (comunicata nel 1944)

 

1. Mentre per molti popoli queste ore sono piene di dolore e di morte, per voi sono piene di pace e di speranza. Non confidate troppo sui vostri meriti perché le visitazioni possono sorprendere anche voi. sono Io il Quale vi ha dato la pace, affinché possiate assistere alla Mia Comunicazione, penetrare nella Mia Parola e mettere in pratica i Miei Insegnamenti. Vi ho dato tempo per sentire e comprendere le Mie Istruzioni, ma vedo che il vostro esame non è andato oltre il terreno-materiale e perciò non avete scoperto il senso delle Mie Istruzioni. In questa incomprensione somigliate all’umanità la quale, benché abbia ad ogni passo delle tangibili dimostrazioni della Mia Giustizia, non si è fermata un attimo per riflettere e comprendere così il senso di questi avvenimenti.

3. Io voglio che apriate i vostri occhi per la realtà del tempo nel quale vivete, affinché possiate pregare per il mondo. Quel tempo che era stato annunciato in altre epoche, nel quale avrebbe avuto luogo la battaglia del bene contro il male, è questo attuale. Discepoli, non andate a dormire nell’attesa di un’altra epoca. Voi siete i figli della Luce ai quali rivelo grandi Insegnamenti, affinché siate una fiaccola di fede fra gli uomini.

4. Dovete andare dai vostri prossimi che dormono in vista delle Rivelazioni spirituali e li dovete risvegliare con parole fraterne, gentili e far loro comprendere che il motivo per il calice di sofferenza che l’umanità sta vuotando, è perché si è dimenticato lo spirito.

5. Quando gli uomini credono veramente che la foglia dell’albero non si muove senza la Volontà di Dio, allora sentiranno la Mia Presenza in tutti i passi della loro vita. Gli uni Mi sentiranno che vengo come Padre, altri come Maestro e di nuovo altri Mi sentiranno che vengo come Giudice.

6. Mi avete costretto a discendere nella vostra oscurità per cercarvi. Sono stato presente su vie traverse per farMi sentire in tutte le anime. Come il pastore che scende alla ricerca della pecora smarrita fino negli abissi più profondi nei quali sono precipitati gli uomini. Voi che attualmente Mi sentite, dovete avere una vera comprensione per l’ora della Giustizia e per la riparazione nella quale vivete. Pensate se dovreste permanere ostinatamente nell’ignoranza che l’oscurità che avvolge il mondo, diventerebbe ancora più impenetrabile. Non sapete quanto tempo passerebbe finché le anime potrebbero ricevere un raggio di Luce.

7. In questo tempo mando sulla Terra delle anime che posso chiamare le prime nate nella Legge, perché fanno parte di coloro che hanno ricevuto le Mie prime Rivelazioni. Non vi dirò chi sono, dove si trovano, né cosa fanno, perché se le riconosceste potreste capitare nell’idolatria o confusione.

8. A questo popolo che cresce giorno dopo giorno alla ricerca della Mia Istruzione, dico che deve vivere unito, affinché in questo modo si avvicini a Me. Se non vi sforzate – come potete diventare insegnanti delle Istruzioni spirituali?

9. Amore è il seme che vi ho affidato, affinché lo seminiate nel mondo. Vedete la sterilità dei campi, non vi è più nessuna fratellanza, amicizia né rispetto. La semenza che è germogliata, è odio ed ambizione di cui vedete già i frutti: sono guerre, distruzione, miseria e morte.

10. Dopo lo spazio del tempo nel quale vi ho dato la Mia Parola, non lo considerate giusto che il Maestro vi domandi ciò che avete fatto in questa epoca nella quale le nazioni e popoli cercano una vita migliore e che devono smettere di combattersi a vicenda? In che cosa consiste la vostra opera?

11. Io sono bensì venuto per darvi, ma non accontentatevi di ricevere soltanto. Pensate che la pace che Io vi do, non è soltanto destinata a voi, ma per molti dei vostri prossimi. Non mettetevi da parte nella grande battaglia, comprendete che Io vi preparo affinché siate soldati.

12. Aspettate che il mondo si forgi la pace? Con quale seme la potrebbe procurare, dato che nelle anime la legge degli uomini ha adesso più peso che quella di Dio?

13. Non ingannatevi: nei cuori degli uomini non vi è né amore per il prossimo né una tendenza alla spiritualizzazione. Perciò mancano le fondamenta per confermare la loro pace, le loro case, i loro posti di lavoro oppure la loro forma di adorazione della Mia Divinità.

14. Presto ci sarà la pace nel mondo e quando succede, Mi ringrazierai, popolo Mio, perché credi che è avvenuto attraverso l’adempimento del vostro incarico spirituale.- Allora Io vi dirò: Aprite i vostri occhi, questa pace che il mondo ha raggiunto, non durerà, perché non è veritiera. Io la distruggerò con la Mia Spada della Giustizia come distruggerò tutto ciò che è falso. Quella pace della quale vi parlo, sarà apparente, perché sarà fondata sulla reciproca paura. La vera pace non può sorgere da cuori impuri, si manifesterà solo più tardi; scenderà dal Cielo nei cuori degli uomini.

15. Se volete annunciare al mondo delle profezie, allora lo potete fare. Non abbiate dubbi, perché Io non vi inganno. Se volete dire ai vostri prossimi che la pace che stabiliranno fra breve le nazioni, non è sincera, allora non vi sbaglierete, perché Io non Mi posso sbagliare. Presto sperimenterete la manifestazione di ciò che vi annuncio in questo anno 1944. La guerra, gli sforzi ambiziosi, materiali, finiranno, ma più tardi sorgeranno le “guerre” delle religioni, dottrine, ideologie e filosofie. Questa battaglia della lotta spirituale servirà per trovare la via della Verità.

16. Quindi deve succedere, affinché l’umanità apra gli occhi per scoprire i falsi déi e spezzare le catene della schiavitù.

17. Quando finirà questa battaglia, ritornerà la calma e gli uomini che pregano nell’umiltà entreranno in sé e si pentiranno, allora sperimenterete come sale dai cuori un dono di sacrificio come il profumo che fluisce dai fiori, e sarà per l’unico vero Dio.

18. Io procurerò che questo mondo, liberato dalla sua lebbra, si rialzi di nuovo, farò risorgere anche dalla morte la vita. Otterrò che dall’odio usciranno i frutti della riconciliazione e dalla stoltezza la ragione.

19. Fino ad allora moltiplicatevi, sia in numero come anche nella conoscenza e nella virtù. Io vi do delle armi affinché rimaniate perseveranti e procediate.

20. Questo angolo della Terra nel quale vivete, è vantaggioso per la vostra missione. Ha somiglianza con quella “Terra Promessa” del popolo Israele nel Primo Tempo. Non siate smaniosi per le ricchezze della Terra, perché vi dovete ricordare che la città di Gerusalemme è stata rasa al suolo dai suoi nemici e che era stato persino distrutto il tempio.

21. Il vostro paese somiglia a quella patria per lo spirito, questa qui è ancora la Seconda Gerusalemme, perché la Città spirituale non è di questo mondo.

22. Continuate ad essere ospitali come lo era Abramo. Preparatevi affinché il forestiero si sieda alla vostra tavola per mangiare e riposi sotto la protezione del vostro tetto. Portate nelle vostre mani il Balsamo dell’amore affinché guariate il malato, gli facciate sentire il Mio Conforto e gli fate riottenere la sua salute. Voi siete quel popolo al quale ha parlato in tutti i tempi il Dio vivente ed invisibile, ma anche quel popolo che si è sempre lasciato influenzare dall’idolatria di altri popoli.

23. Ora sono venuto per liberarvi dal fanatismo e dalla superstizione, per ricordarvi l’adorazione spirituale del vostro Padre, affinché – quando le nazioni rivolgeranno il loro sguardo a questo popolo e verranno qui grandi schiere di uomini – siano sorpresi perché trovano fra voi moralità, virtù e spiritualizzazione.

24. Portate con voi nel vostro spirito questa Lezione che vi ho dato, affinché vi serva di preparazione.

25. Nessuno si opponga contro l’idea di dover ritornare in un altro corpo su questo pianeta e non siate dell’opinione che la reincarnazione sia una punizione per l’anima. Tutte le anime che sono destinate a vivere sulla Terra, hanno dovuto attraversare la Legge della reincarnazione, per poter raggiungere lo sviluppo verso l’Alto ed eseguire il compito che ho affidato loro.

26. Non devono solo incarnare di nuovo le anime poco sviluppate, anche le anime altolocate ritornano una volta dopo l’altra, finché non hanno completata la loro opera.

27. Elia è il più grande profeta che è venuto sulla Terra, ma nonostante le grandi opere che ha fatto e delle grandi dimostrazioni che ha portato (che Dio esiste), in un altro tempo ha dovuto ritornare in un altro corpo e con un altro nome in questo mondo.

28. Questa Legge dell’Amore e della Giustizia era sconosciuta per molto tempo agli uomini, perché se l’avessero conosciuta prima, avrebbero potuto capitare nella confusione. Ciononostante il Padre vi ha dato alcune Rivelazioni ed alcuni segnali che erano la Luce che ha precorso questo tempo per il chiarimento di tutti i misteri.

29. Il passato della vostra anima con le sue diverse esistenze sulla Terra è vietato per voi. Vi ho rivelato solo la Verità della reincarnazione, perché vi darà una reale idea della Misericordia e Giustizia divine e che negli impuri, nei peccatori, in coloro che sprecano inutilmente la vita, farà sorgere la speranza in una nuova occasione nella quale possono correggere gli errori commessi.

30. L’immaginazione dell’eterna morte o dell’eterna dannazione verrà per sempre distrutta attraverso questa Rivelazione e sia l’anima come anche il cuore umano giubileranno e glorificheranno la Bontà divina appena avranno compresa questa Verità.

31. Nei tempi precedenti questa non vi era stata scoperta, perché non eravate abbastanza maturi per comprenderla; e se ora l’avete imparata a conoscere e non ne avete comunque una più precisa idea che siete stati prima, allora questa è una dimostrazione che non siete ancora progrediti.

32. Quando gli uomini sapranno una volta amarsi e perdonarsi, quando esisterà l’umiltà nei cuori e sono riusciti ad affermare lo spirito contro la materia, non saranno né la carne, né il mondo, né le passioni a formare il fitto velo che vi impedisce di vedere la via dietro e davanti a voi. Al contrario, la “carne” spiritualizzata attraverso l’adempimento della Mia Dottrina sarà come un servo obbediente – secondo le indicazioni della coscienza – in contrasto a ciò che è oggi: un impedimento, una trappola, una benda davanti agli occhi dello spirito.

33. Ora vi stupite quando sperimentate un inizio del Dono della veggenza che vi permette di vedere qualcosa dal passato, oppure che vi fa una rivelazione del futuro, mentre Io vi dico con certezza che questa vista spirituale dovrebbe esistere continuamente come la facoltà del vedere dei vostri occhi corporei durante la vita sulla Terra.

34. E’ necessario camminare ancora un po’ più a lungo sul Mio Sentiero, affinché raggiungiate questo alto livello e la vostra anima, mentre raccoglie in sé ogni frutto delle sue esperienze passate, si libera, gioisce e si edifica nel suo proprio essere.

35. Pensate: se nella vostra anima ci fosse già molta Luce, nel vostro cuore dovrebbe essere molta pace.

36. Non ascoltate coloro che vi vogliono intimorire perché voi esaminate ciò che si riferisce allo spirito, perché sono loro che vogliono continuare a sonnecchiare nel sonno dell’ignoranza.

37. Avete dato più importanza a molti tratti della vostra vita materiale che a ciò che riguarda la vostra anima, e perciò avete creato un mondo sbagliato e senza contenuto. E’ però venuta l’ora nella quale vi dovete vivamente interessare per ciò che è essenziale nella vostra esistenza e se questo avviene, darete alla vostra esistenza vita e vera bellezza.

38. Vi devo però dire: Anche se la vita in questo mondo raggiunge gli apici della virtù e della giustizia, non sarà qui dove troverete la vostra perfetta dimora. Il vostro passaggio attraverso questa valle terrena è transitorio, vi deve servire soltanto come crogiuolo, come scuola, come libro di testo per raggiungere lo sviluppo verso l’Alto della vostra anima.

39. Ci sono altre dimore, più elevate nella Casa del Padre vostro che ho preparato, affinché vi dobbiate abitare.

40. Ben per coloro che nella riflessione su queste Parole ne sentono la fede e mettono in ordine la loro vita per il bene dell’anima, perché per questo otterranno il frutto nell’Eternità.

41. Amato popolo, potete dire con determinazione che tutto ciò che è successo in questo mondo, vi è stato annunciato o profetato in tempi antecedenti.

42. Quella Parola che l’uomo ha sentito attraverso la bocca dei Miei profeti, è stata la Mia Voce. Non hanno parlato per propria intenzione, ma a motivo della Volontà divina.

43. Io vi do la vera interpretazione delle Mie Previsioni, Annunci e Promesse quando sperimentate che le Mie Parole si adempiono nel giusto tempo.

44. Quante diverse interpretazioni avete dato alle divine Rivelazioni! Avete riconosciuto la Verità solamente, quando ho adempiuto la Mia Parola. Molte delle Previsioni si sono già avverate, altre si stanno svolgendo davanti ai vostri occhi, ed altre attendono ancora il loro tempo.

45. Vi istruisco e vi mando sempre ancora nuovi profeti attraverso i quali rivelerò grandi Miracoli e contemporaneamente annunceranno anche il presente o la vicinanza di ciò che vi era stato indicato nei tempi passati.

46. Le antiche profezie verranno confermate dai nuovi profeti. Ognuno che sente in sé questo Dono, vegli e si prepari per dire solo la Verità. Se fate così, sperimenterete che le une verranno confermate in ciò che annunciano le altre. Così è avvenuto quando i profeti del passato hanno adempiuto la loro missione, benché gli uni siano venuti in una epoca e gli altri in un’altra.

47. Non preoccupatevi quando qualche volta non comprendete ciò che ricevete attraverso l’ispirazione oppure ciò che dicono le vostre labbra. Anche quegli antichi profeti sovente non potevano comprendere ciò che diceva la loro bocca.

48. Effonderò la Mia Luce su coloro che ricevono la vostra testimonianza ed al tempo giusto farò capitare ognuna delle vostre previsioni. Guai a coloro che non dovessero dire la Verità, perché anche loro saranno scoperti nel tempo giusto. Allora non troveranno né nella loro carne né nel loro spirito qualcosa con cui lavare la loro onta e pareggiare la loro colpa.

49. Chi sarà il Giudice dei falsi profeti? La Verità, perché essa è Luce che attraverso la coscienza giunge a quei cuori.

50. La Verità cerca sempre cuori puri per potersi rivelare. Purificate il vostro, affinché questa Luce sia nelle parole, nei pensieri e nelle opere del Mio popolo.

51. Io apro i vostri cuori con una chiave dell’Amore che Io possiedo. Vi ho incontrato indeboliti; vi ho sorpreso come camminavate con passo strascicante lungo la via della vostra vita. Sono venuto per farvi riconoscere che siete messaggeri della Mia Divinità. Questo ve lo dice “La Parola” del Padre, Colui che nel Secondo Tempo era diventato Uomo.

52. Non solo una volta, ma più volte ed in modo differente ho annunciato e promesso ai Miei discepoli il Mio Ritorno. Ho predetto loro i tempi che avrebbero annunciato il Mio Arrivo: Segni nella natura, avvenimenti nell’umanità, guerre mondiali, il peccato al suo massimo grado di sviluppo. Affinché il mondo non si ingannasse di aspettarMi di nuovo come Uomo, gli ho fatto sapere che Cristo verrebbe “sulla nuvola”, cioè nello Spirito.

53. Quella Promessa è stata adempiuta. Qui è il Maestro nello Spirito e parla al mondo. Qui è il Signore della Pace e del Regno della Luce il Quale forma una grande, incommensurabile Arca nella quale gli uomini trovano rifugio e si possono salvare come nel Primo Tempo, quando Noè ha fatto l’arca per salvare il seme umano.

54. Per via del vostro progresso e della vostra perseveranza nella Mia Dottrina vi mostrerò in tutta semplicità il contenuto di molti misteri. Il Libro della Vita, sigillato con sette Sigilli, è per voi una incognita, perché ora il Sesto Sigillo è sciolto ed è il suo contenuto che illumina il vostro tempo. Per voi tutto era stato un mistero ed Io non voglio che continui ad esserlo. Vi ho già detto che i Sette Sigilli sono le sette Rivelazioni divine che ho consegnato agli uomini, delle quali ricevete attualmente la sesta; ma vi manca ancora la settima.

55. Voi sapete che Roque Rojas ha fondato sette comunità, alle quali ha dato i nomi di Sigilli e che simbolicamente il Sesto di questi era come un albero fertile che moltiplicava i suoi rami. Sapete anche che nel 1866 era iniziata una nuova era. Non sapete però ancora ordinare le vostre idee. Alcuni hanno voluto sondare queste Istruzioni, ma la loro interpretazione era sbagliata, perché limita ed include l’Eterno e il Divino nell’umano e materiale. Prima però che questo errore si diffonda, scaccerò l’oscurità dell’umanità con la Luce delle Mie Rivelazioni.

56. Ho preparato questa macchia di Terra sulla quale camminate, affinché la Mia divina Luce cada in questo tempo sui suoi abitanti. Qui vi ho ricordato il Divino che vi ho insegnato come Padre nel Primo Tempo. Qui vi ho ripetuto la Mia Parola che vi ho dato come Gesù, come il vero alto cantico dello Spirito e vi ho portato la Luce della Verità, che chiarisce ogni mistero e spiega ogni Lezione non compresa.

57. Riedificherò il Mio tempio, un tempio senza mura e torri, perché è nel cuore degli uomini. La torre di Babele divide sempre ancora l’umanità, ma le sue fondamenta nel cuore degli uomini verranno distrutte. Anche l’idolatria ed il fanatismo religioso hanno erette le loro alte torri, ma sono deboli e dovranno crollare. In Verità vi dico, le Mie Leggi - le divine come le umane – sono sacre, e loro stesse giudicheranno il mondo. L’umanità crede di non essere idolatra, ma in Verità vi dico, adora sempre ancora il vitello d’oro.

58. Io sono Spirito, sono Divinità e Luce. Svegliatevi, aprite i vostri occhi, guardateMi e sentite la Mia Voce. Il contatto che oggi avete del Mio Spirito attraverso la mediazione umana, non è quello più perfetto, e perciò inizierà il tempo della mediazione da Spirito a spirito nel quale sentirete la Voce del Padre vostro.

59. In quel tempo ho incontrato il cieco e gli ho dato la luce degli occhi, o fatto di nuovo camminare il paralitico, risorgere il morto. Ora trovo ancora maggiore desolazione nel mondo, perché vedo migliaia di ciechi, sordi, lebbrosi e morti nello spirito. Vengo a voi bensì con Giustizia, ma anche pieno d’Amore, perché non cesserò mai a consideravi come figli Miei e vi vedrò sempre come piccoli bambini.

60. Popolo, Mi vuoi seguire sulla via che già da tempo ho delimitato con le Mie Opere ed il Mio Esempio? E’ vero, su questa vi è l’orma del sacrificio, ma alla fine vi è la “Terra della Promessa”. Anche in questo tempo non vi abbaglierò con il falso splendore di ricchezze umane. Il vostro Maestro vi mostrerà solo lo splendore della virtù. “Il Mio Regno non è di questo mondo”, vi ho detto – di questo mondo di vanità, di egoismo e di menzogne. Perché in Verità vi dico, Io regno nella Perfezione.

61. L’ultimo anello della catena che formeranno i 144.000 segnati, riceverà il segno divino sul suo spirito nel 1950. Da loro usciranno nelle nazioni i messaggeri, i profeti, i discepoli che porteranno all’umanità con la loro Istruzione, la loro preghiera ed il loro esempio, il seme di una nuova vita.

62. Questa Parola che sentite attualmente, cesserà ed anche la delizia che sperimentate oggi ascoltandola, sarà terminata. Se volete comunque godere spiritualmente la Mia Presenza come ora, sarà sufficiente immergervi e pregando, chiedere il Mio Amore.

 63. Non pensate che Io Sia assente, perché allora non Mi sentirete più attraverso questi portatori della Voce, allora non dovete perdere la riverenza e la preparazione che avete oggi, quando sentite la Mia Parola. Rendetevi conto che Io vi seguirò ovunque andate, che osserverò il vostro lavoro nella Mia Vigna ed interrogherò i vostri fratelli su ognuno dei vostri passi.

64. Vi preparo perché so, che dopo questo tempo della preparazione si leveranno falsi portatori della Voce ed annunceranno che il Maestro continua a dare la Sua Parola in questa forma, ed Io voglio che vi liberiate da questa confusione che verrà provocata da coloro che pensano di essere desti, ma in realtà dormono e che coloro che credono di servire Me, in realtà servono sé stessi.

65. Vi annuncio che l’ora nella quale finirà questo contatto, sarà l’ora della rivelazione per questo popolo, perché ognuno di voi rivelerà in quel momento ciò che porta come seme nel suo cuore e come progresso nel suo spirito. In ciò sarà visibile l’inclinazione di ognuno, la sua comprensione, la sua obbedienza, la sua spiritualizzazione.

66. Io so che alcuni profaneranno le Mie Disposizioni e per questo motivo rimarranno fermi nel loro sviluppo e cadranno negli errori, per cui fermeranno il procedere della missione iniziata. Dopo un po’ di tempo dallo spirito però si spingerà di nuovo nella consapevolezza il ricordo della Mia Parola, delle Mie Istruzioni e delle Mie Profezie – nelle quale vi ho soprattutto avvertito di ciò che avverrà – ed indurrà al ritorno sulla via dell’obbedienza coloro che vi si erano isolati.

67. In quel momento nessuno dica: “Signore, io non Ti volterò le spalle, io non Ti sarò disobbediente”. – Non promettete al Maestro ciò che molti di voi non manterranno.

68. Vegliate e pregate, liberate il vostro cuore dal materialismo, purificatelo da interessi egoistici e dalle passioni. Studiate la Mia Istruzione, affinché in quest’ora non siate indifferenti e possiate fare il prossimo passo con coraggiosa rettitudine.

69. Non esigo da voi dei voti, esigo da voi l’adempimento della vostra missione.

70. Conservate la Mia Parola nel più segreto del vostro cuore, affinché domani non Mi rinneghiate attraverso le vostre opere o le vostre parole e dite che Io non vi abbia indicato ciò di cui sapete molto bene che ve l’ho ripetuto innumerevoli volte.

71. Alcuni dicono nel più intimo del loro cuore: “Maestro, saremo capaci di rinnegarTi, benché Tu Sia venuto per farci risorgere alla vera Vita?”

72. Io vi dico che non potete ancora fidarvi del tutto, perché sono ancora piccoli il vostro amore e la vostra fede.

73. Dovete studiare costantemente le Mie Istruzioni, affinché si sviluppino le vostre virtù, e quando poi verrà l’ora della prova – che si sta già avvicinando – dovete aver presente la Mia Parola e non indugiare un attimo.

74. Vedete, discepoli, con quanto Amore vi ho esortato a prepararvi. Se domani doveste comunque cadere, non potrete dire: Il Signore non ci ha dato indicazioni in riferimento al Suo Commiato.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 123

 

1. La Mia Parola si effonde inesauribilmente su di voi. Io sono Cristo il Quale ha dimorato fra gli uomini nel Secondo Tempo ed il Quale è nuovamente disceso a voi per dare Testimonianza di Sé stesso e con ciò adempiere la Sua Promessa e la Sua Parola; allora ho confermato con le Mie Opere la Legge che il Padre ha dettato a Mosè, il quale non ha agito secondo la sua propria volontà, né secondo quella degli uomini, ma secondo la Volontà dell’Eterno; perciò vi dico se non ho sospeso ciò che ha detto Mosè, allora non sospenderò nemmeno adesso ciò che vi ho insegnato in Gesù.

2. Io sono da voi, perché l’ho promesso e l’ho annunciato ai Miei discepoli quando in una determinata occasione ero circondato da loro e loro Mi interrogavano nel modo seguente: “Maestro, Tu hai detto che Te ne andrai, ma che poi ritornerai. Dicci: Quando sarà?” Ho visto che la loro semplicità ed il desiderio del sapere li ha indotti ad indagare i segreti Consigli del Signore. Ciononostante ho detto loro amorevolmente: “In Verità, il giorno non è lontano nel quale ritornerò agli uomini”, con cui ho reso loro comprensibile che la Mia Presenza sarebbe stata poi nello Spirito, ed ho fatto loro conoscere contemporaneamente i segni che annuncerebbero la Mia prossima Venuta. Quei segni sarebbero guerre, caos e grande sofferenza su tutta la Terra. In Verità vi dico però che proprio così, in mezzo ad un caos, era la Mia Venuta in questo tempo. Sono qui, voi uomini, con un Messaggio di Luce e di Pace per la vostra anima, dalla quale farò ora una arca (spirituale) nella quale arriveranno tutti gli uomini credenti che si vogliono salvare, dove l’umanità può trovare rifugio. Quest’arca sarà assemblata saldamente attraverso la fede, la speranza e l’attività d’amore di coloro che Mi seguono, ed avrà somiglianza spirituale con quella che era affidata a Noè, quando erano scatenate le potenze della natura.

3. In quale tempo vivete? Riflettete su questo e rendetevi conto che vi ho dato la Mia Dottrina in tre epoche. La prima era quella della Legge, la seconda quella dell’Amore, e la terza, che è l’attuale, corrisponde alla Sapienza.

4. Un unico Spirito che è il Mio, è sempre stato con voi. Se però l’ho rivelato in tre diverse fasi, allora pensate che le forme nelle quali Mi sono manifestato in tutta la Creazione, sono infinite e contemporaneamente perfette.

5. Nel Primo Tempo avete imparato a conoscere il Padre come Giudice e Legislatore. Nel Secondo Tempo ho fatto diventare Uomo “La Mia Parola” in Gesù, e la Sua Parola parlava con Verità divina. Cristo è “La Parola”, la stessa che ha detto agli uomini: “Chi conosce il Figlio, conosce il Padre”. Adesso siete nel Terzo Tempo, nel quale effondo su di voi la Mia Sapienza.

6. Nell’adempimento della Mia Promessa sono venuto nello Spirito, sulla “nuvola” simbolica, che formano le vostre anime nella loro elevazione a Me, ed edifico nei cuori degli uomini il vero tempio.

7. Quando Mi sentite attraverso questi portatori della Voce, allora non pensate che il Mio Spirito discenda in questo piccolo corpo impuro. Vi ho già detto che è il vostro organo d’intelletto sul quale cade un Raggio della Mia Luce, che è Ispirazione divina, che è Sapienza ed Amore.

8. Afferrate il Miracolo di questa Comunicazione e riconoscete che per mezzo dell’organo d’intelletto di queste creature non istruite e dalle loro labbra viene la Parola che illumina l’ignaro e converte il peccatore in modo che eriga nel suo cuore una dimora degna di un Dio e gli dà la chiave della fede, che apre la porta alla Sapienza.

9. Ho aspettato con infinita Pazienza il tempo nel quale diventasse possibile lo sviluppo della vostra anima a comprendere la Mia Comunicazione attraverso l’organo d’intelletto del portatore della Voce, come una preparazione per il contatto perfetto fra il Mio Spirito ed il vostro.

10. Questo è il motivo per cui il portatore della Voce pronuncia la Mia Parola senza che si stancasse il suo cervello oppure la sua voce diventasse rauca, perché sono Io il Quale muove quelle labbra per far giungere il Mio Appello agli uomini. Io li invito a riposare sotto l’ombra dell’Albero della Vita e di mangiare il frutto dell’eterna Vita.

11. Nuovamente porto la Mia Croce, perché devo percorrere la Mia Via fra peccatori, impurità, adulteri, materialismo, scherno e dubbi, se pensate che Mi annuncio attraverso creature che non sanno sempre purificare il loro intelletto e nettare il loro cuore, e che d’altra parte presento la Mia Comunicazione e la Mia Parola davanti ad uomini di ogni confessione di fede e ad ogni disposizione interiore. Il merito consiste proprio nel far sgorgare l’acqua da queste rocce, che è la fiducia e l’amore degli uomini fra loro. Perciò vi dico che Io passo attraverso le folle di uomini passo dopo passo e porto la Mia Croce sulle Spalle.

12. Questo è il tempo nel quale l’anima si risveglia a nuova Vita, come un piccolo bambino si sveglia piangendo; ma il suo pianto viene calmato presto attraverso il canto della ninna nanna delle carezze dei genitori.

13. Che cosa fareste se portaste la vita solo nel corpo, e nell’anima la morte? Quali opere potreste compiere degne di Me, e quale speranza potreste coltivare sull’immortalità? Quanti “morti” ho risvegliato in questo tempo e quanti “ciechi” hanno contemplato la Mia Luce!

14. Svegliatevi completamente, diventate proprietari della Mia Luce, ma non a motivo del Mio Amore, ma anche attraverso il vostro stimolo e la vostra forza di volontà. Penetrate nelle Istruzioni che vi dico dall’Eternità; sono raggi di Luce che servono alla vostra anima. Fra Cielo e Terra esistono legami che il peccato e la malvagità umana non possono strappare. Uno di questi legami è quello del Mio contatto spirituale con voi.

15. La Mia Croce non è pesante, ma vi dovete sempre rendere conto che ogni opera spirituale esige un sacrificio. Io Sarò come un Pellegrino instancabile che segue i vostri passi ovunque fino al momento, in qui sarete giunti salvi nella Terra Promessa.

16. Non vi ho abbagliato con lo splendore dell’oro né con lo sfarzo di cerimonie liturgiche.

17. Il Mio Amore è il Talento che Io vi offro e la Mia Parola il Tesoro migliore. Offro modestamente alla vostra anima ciò che Io tengo pronto per lei, perché “il Mio Regno non è di questo mondo”.

18. Il popolo che Mi ascolta, è veramente israelita, ma non secondo la razza, ma secondo lo spirito ed Io lo mando sempre di nuovo sulla Terra, affinché fosse come un anello della catena fra il Mio Spirito e l’umanità.

19. Fra questo popolo spirituale si trovano i 144.000 da Me marcati o segnati, affinché siano la Luce che illumina la via delle grandi folle, come lo ha fatto la tribù di Levi nel Primo Tempo, quando Israele ha attraversato il deserto. La vostra riparazione insieme con il vostro pentimento vi ha purificato e la vostra umiltà vi ha resi degni. Andate puro in questo modo attraverso il mondo e vi assicuro che la vostra via terrena è come una pioggia portante frutto, affinché il Mio Seme germogli nei cuori dei vostri prossimi.

20. La vostra fatica sarà grande, perché il cuore degli uomini è sfigurato attraverso la cattiveria. Nulla vi sorprenderà, perché Io vi avrò preparato per la lotta.

21. In questo momento ho inondato i vostri cuori con Amore e Pace, e perciò vi siete sentiti contenti e felici.

22. Non vi ho offerto del pane materiale, e nonostante ciò siete stati in comunione con il Mio Spirito.

23. Oggi che commemorate il Primo Tempo, vi ricordate che il popolo in tempi della mancanza ha ricevuto la Manna che era un nutrimento fortificante, affinché le masse di popolo non morissero. Oggi vi nutre la Mia Parola e vi mantiene nei giorni della visitazione. Quante volte avete voluto retrocedere o scappare, perché vi manca la fede. Io però vi ho fatto sentire la Mia Presenza nel mezzo del deserto della vostra vita.

24. In Verità vi dico, Io sono sempre con voi in tutte ed in ognuna delle vostre prove.

25. Chi ha la fede, persino se è così piccola come il chicco di senape, lo conservi e lo faccia crescere. Ben per l’anima che ha la fede! Ci sono molti che – perché non sanno che Mi portano nel loro essere – Mi cercano senza sapere come trovarMi. Ci sono molti che – benché illuminati da Me – non ottengono nessuna ispirazione, perché non hanno aperto il loro cuore per rallegrarsi di un Dono così prezioso.

26. Israele, sei nuovamente il Mio messaggero. Avevo promesso di ritornare, e qui si è adempiuta la Mia Parola. Vi ho annunciato il Mio Ritorno fra gli Angeli e su una nuvola. Se però sapete giustamente sondare ed interpretare, presto saprete chi sono gli Angeli dei quali vi ho parlato, e che cosa sia la nuvola che vi ho annunciato.

27. Elia ha preparato il vostro spirito mentre vi ha detto: “Siate preparati, perché la Venuta del Maestro è vicina, e con Lui sperimenterete Miracoli, magnificenze spirituale ed importanti procedimenti nell’Universo”. Solo una piccola parte dell’umanità si è trovata nell’attesa dell’adempimento di quelle profezie e si è chiesta, se la Presenza del Signore fosse già direttamente imminente, dato che i segni si erano già adempiuti.

28. Quando poi il Mio Spirito era presente per rivelarSi nel Terzo Tempo, ho chiamato uno dopo l’altro di voi per confermare la vostra fede, che questo è il tempo del Mio Ritorno e per esortarvi a tendere spiritualmente verso l’Alto fino a raggiungere il contatto spirituale con Me.

29. Se però i vostri prossimi vi disconoscono perché Mi sentite e Mi seguite, quando siete diffamati, allora non temete. Chiudete le vostre orecchie alle dicerie ed alle parole senza senso. Non aspettatevi di essere compresi nel mondo. L’Unico il Quale può calmare la vostra nostalgia di Sapienza, pace ed Amore, sono Io. Per raggiungere questo dovete consegnarvi a Me ed Io vi donerò la pace e la salute.

30. Pregate di più con lo spirito che con il corpo, perché per raggiungere la salvezza, non basta un attimo della preghiera o un giorno d’amore, ma ci vuole una vita piena di perseveranza, pazienza, opere generose e seguire i Miei Comandamenti. Per questo vi ho dato grandi facoltà come la capacità dell’immedesimazione.

31. La Mia Opera è come un’Arca di Salvezza che invita tutti ad entrare. Ognuno che segue i Miei Comandamenti, non andrà a fondo. Se vi lasciate guidare dalla Mia Parola, sarete salvati.

32. Questo seme che ho portato ai cuori, porterà frutti e darà nutrimento all’umanità. Io però vi dico che dovete essere perseveranti affinché quelle opere che non sono fiorite, fioriranno, perché tutto ciò che ha la sua origine nell’Amore e nella fede, tende alla crescita. La fede, l’amore per il prossimo e la buona volontà porteranno molteplice frutto.

33. Io voglio che i forti aiutino i deboli, che i sani trasmettano salute, che condividiate il frutto dei vostri Doni con i vostri fratelli e che in questo adempimento sentiate come la vostra anima faccia progressi e quanto sia felice, quando esercita l’amore per il prossimo.

34. Quando la Mia Parola terminerà attraverso i portatori della Voce, voi, Miei operai, dovete offrire la Mia Parola. Vi dovete però preparare moltissimo per ricevere le Mie Ispirazioni! Quel tempo che voi vedete in grande distanza, si sta già avvicinando. Perciò non stimate scarsamente le Mie Parole, per quanto possano anche essere semplici e modeste. Ognuna delle stesse possiede la divina Forza essenziale ed il potere di consolare e guarire molti cuori. Queste Forza verrà come Luce raggiante a tutti coloro che non hanno compreso il senso dell’esistenza e si erano aspettati dalla lotta della loro vita il risultato che non hanno visto, perché Io li ho inviati per lavorare a favore della loro anima e non per la loro carne. La Mia Parola semplice e sensibile darà loro pace e li farà riposare.

35. Pregate per le nazioni che non hanno la Mia Parola. Pregate per i popoli che soffrono l’amarezza della guerra; pregate per coloro che non hanno una casa della pace spirituale – anche per le donne senza protezione, per gli uomini che vengono trascinati senza pietà nella guerra. Pregate, l’ora che state vivendo, è difficile e vi salverà solamente la vostra unità.

36. Siete entrati nel tempo della fine e nella misura nella quale questo procede, l’umanità comprende quanto pesa su di lei il divino Giudizio e procura che gli uomini entrano in un preciso esame di tutte le loro azioni. Il Giudizio però non rovinerà l’uomo, al contrario, lo salverà. Ed allora verrete tutti a Me puri e senza colpa come esseri che hanno adempiuto la missione che era stata loro affidata. Solo l’esercizio dell’amore come lo mostra la Mia Dottrina, vi darà un diritto sul Bene supremo, che è la pace dell’anima.

37. A Maria, l’amorevole intercessora che veglia su di voi, ho detto: Persevera nella pazienza, perché presto gli uomini prenderanno la via del rinnovamento e rivolgeranno i loro pensieri a te.

38. Voi schiere di uomini, che venite qui per sentire la Mia Parola, non confondetevi della depravazione che regna in questo mondo. Quando vedete che l’ideale degli uomini sono la follia di grandezza umana, le vanità ed i divertimenti che lusingano i sensi, voi dovete accendere nei cuori la nostalgia di elevazione spirituale.

39. Io vi ispirerò; per questo scopo ho scelto questo luogo modesto, da dove Io vi chiamo per prepararvi come chicco di seme al quale riesce, quando germoglia sui Miei campi, di agire moltiplicato contro il male che regna sulla Terra.

40. La missione che vi affido, è quella dell’amore. Non consideratevi come i più puri sulla Terra a motivo del fatto di essere stati chiamati da Me. Pensate che siete ancora lontani ad essere liberi dai peccati. Per questo però non sentitevi meno amati, perché fra i più grandi peccatori sono usciti in molti casi i Miei più ardenti discepoli.

41. Di questi fate parte voi, ai quali dico ora: Venite passo dopo passo sulla via dell’amore e facendo questo confidate sempre in Me, ma vivete sempre vigili, perché in ogni momento si possono manifestare nel vostro essere le debolezze della carne con le quali dovete lottare, fino ad aver purificato la vostra carne e liberata la vostra anima.

42. In Verità vi dico, nella misura nella quale cambiate, vi rivelerò sempre più tutti i Doni dello spirito che possedete. Perciò non rifiutate le prove che vi mando giorno per giorno, perché sono lo scalpello che forma e leviga la vostra anima. Percepite che dopo una prova vi alzate di nuovo con maggior fermezza e più fiducia in Me. Che cosa sarebbe dei soldati che combattono per una qualsiasi causa, se prima non si preparassero per la lotta? Che cosa sarebbe perciò dei Miei soldati, se non conoscessero le trappole della tentazione per respingerle? Sarebbero deboli, piangerebbero già alla prima difficoltà e retrocederebbero ad ogni colpo.

43. Vedete, discepoli, è già vicino l’anno 1950 nel quale cesserò di parlare a voi come lo faccio adesso. Perciò vi annuncio che le schiere che Mi ascolteranno negli ultimi giorni, saranno grandissime, per cui anche molti uomini impareranno a conoscere questo Messaggio.

44. Nel mondo si verrà a sapere che Cristo è stato nuovamente fra l’umanità - non più come Uomo, ma nello Spirito, e si comprenderà che in ogni epoca ho una nuova Forma per rivelarMi.

45. Comprendete: Se sono venuto in quel tempo per conquistare Meriti per la vostra salvezza, saranno ora i vostri meriti conquistati che vi salveranno ed attraverso i quali dovete salvare i vostri prossimi. Discepoli, voi che avete avuto un Maestro il Quale vi ha istruito con così tanto Amore – credete che il Mio Sacrificio di morte come Uomo sia stato invano e che anche il Sangue sia stato versato invano? In Verità vi dico – No! Perché il Sangue dell’Agnello di Dio che simboleggia l’Amore divino, è ancora fresco nella memoria di ogni anima. Allora, quando le folle di uomini Mi hanno condotto al monte del calvario, ho portato la Croce; oggi la porterà ognuno che Mi ama e Mi segue in umiltà ed Io Sarò la sua Assistenza sulla via di sofferenza e gli manderò gli Angeli custodi, affinché gli diano Luce e Forza spirituale nell’ora della morte.

46. Se fate delle riflessioni su questo, che in questo tempo faccio sentire la Mia Presenza nell’occidente e non nell’oriente, quando vi ho fatto sentire la Mia Parola, allora non capitate nella confusione, perché Io non cerco determinati punti della Terra, ma anime.

47. Se avete l’opinione che la Mia Parola non sia eccelsa, allora comprendete che è il Maestro della modestia, della semplicità che vi parla e che, se sondate questa Istruzione, scoprirete presto nella stessa la vera Sapienza.

48. Siete ancora poco preparati e non ancora all’apice della lotta, perché la vera opera del giorno comincerà solo alla fine del 1950 e non potete sapere quando termina. Coloro che cadranno nella lotta, sentiranno la Mia Voce che dirà loro: “La vostra anima non è caduta, vi siete elevati spiritualmente e se sulla Terra non avete ricevuto onorificenze per il vostro sacrificio, non preoccupatevi, perché il Mio Regno vi attende affinché vediate da questo come i vostri figli ed allievi continuano la vostra opera”.

49. A questo popolo si metteranno sulla via pagani e farisei per fermarlo, ma saranno proprio gli stessi – in vista della Verità, la Giustizia e l’Amore che fluisce dal Mio Amore – che si sottometteranno. Perseverate, amati discepoli, perché quando le schiere di uomini una volta arriveranno alle porte della “Terra Promessa”, queste si apriranno in segno del benvenuto per il Mio popolo che trionfando raggiungerà le soglie dell’Eternità.

50. Quanto è bella la lotta che attende i Miei soldati, quando è importante e nobile!

51. Voi, Miei ascoltatori, non vi potete precipitare in questa lotta, perché vi sentite ancora deboli; e nonostante ciò troverò fra voi il chicco di seme che porterà il Buon Messaggio a tutti i popoli della Terra. Non temete, non esigo nulla di impossibile da voi, né vi conduco nella morte. Accompagnerò ogni passo di colui che percorre la sua via nel Mio Nome e se la sua fede è grande, scoprirà forze invincibili nella sua anima. Chi però Mi rinnega per paura come Pietro, oppure dubita di Me per mancanza di fede come Tommaso, sarà più misero che il più debole, si sentirà impacciato e bisognoso, dovrà chiudere le sue labbra e nascondere le sue mani, perché ha dimenticato di essere pieno di Doni e negherà persino di essere appartenuto a Me.

52. Non sentitevi migliori di chiunque altro, perché avete avuto la Grazia di sentirMi in questo tempo. Dovete però riconoscere con certezza che questa Parola che avete ricevuta, è il Terzo Testamento che ho dato in eredità al vostro spirito e che nel mondo erano conosciute solo le due prime parti di questo Libro – la prima parte, rivelata attraverso Mosè ed i profeti, e la seconda parte che vi ho dato attraverso Gesù. Non avete posseduto però la terza parte che è quella che vi ha mandato il Mio Spirito in questo tempo.

53. Questi sono i tre Testamenti che uniti, comprendono la Legge, l’Amore, la Sapienza e la Vita eterna.

54. Vedo molti di voi che hanno nostalgia di pace ed elevazione ed il desiderio di testimoniare una vita della spiritualizzazione e d’amore; questo desiderio diventerà presto un grido per la liberazione spirituale in tutta l’umanità.

55. Ogni volta che sentite che vi annuncio l’edificazione di un regno di pace nel vostro mondo, domandate per questo avidamente: Quando si adempiranno queste Profezie, Maestro? Quando tutti gli uomini vivranno finalmente nella moralità e nella virtù? Quando vedremo il reciproco rispetto fra genitori e figli e fra coniugi? Quando vedremo di nuovo innocenza nei bambini, purezza nelle vergini, rettitudine negli uomini, venerabilità negli anziani, giustizia nei giudici, generosità nei governanti, con una Parola: amore fra gli uomini?”

56. Io vi benedico perché iniziate ad avere nostalgia di tutto ciò che è bene, bello e vero. Io però vi dico, se volete che questo tempo sia abbreviato fino alla venuta di questo regno, dovete vegliare, pregare e lottare. Vi voglio preparare per questa lotta nel corpo e nell’anima, perché se Io non Mi oppongo a ciò che ho rivelato negli altri tempi, allora vi devo anche dire che non sono contro le leggi che governano la natura. Io vi porto il Mio Amore, affinché possiate raggiungere l’armonia con tutto ciò che vi circonda.

57. Comprendete che ciò che la Mia Legge disapprova è l’inutile, i vizi, gli abusi o dissolutezze, sia nel campo corporeo oppure animico. Io continuo a dirvi sempre di nuovo che dovete approfondire l’osservazione della Legge, affinché non cadiate in errori, passioni o al fanatismo.

58. Voi siete gli scultori con i quale edifico il tempio della spiritualizzazione nel quale Mi ristorerò e nel quale ricevete il Pane dell’eterna Vita.

59. Adempite le Mie Leggi sulla Terra e non avrete nessun motivo di temere il vostro arrivo nell’aldilà. Come avete visto la Luce arrivando in questo mondo, e come sulla Terra avete sentito la presenza dei vostri genitori, proprio così in quella “valle” che attende il vostro ritorno, sentirete la Presenza del vostro Signore. E quando sarete giunti nel Mio Grembo, sentirete la Mia Voce che vi dirà: “Molto amati figli, qui è il vostro Padre. GuardateMi, riconosceteMi, amateMi, e poi osservate la Creazione perché Io voglio che sappiate che ciò che è Mio, è anche vostro.

60. Discepoli, per giungere nel Mio Regno, dovete passare attraverso la scala spirituale che è la via e cioè, mentre oggi abitate in una dimora e domani in un’altra, fino a quando sarete arrivati in quella degli spiriti perfetti. Perciò rendetevi conto di quello che vi ho già detto nel Secondo Tempo: “Nella Casa del Padre Mio ci sono molte dimore”.

61. Quindi pregate e rinnovatevi, affinché eliminiate la sofferenza fra di voi, e quando poi sarete liberi dal suo peso, dedicatevi al lavoro dell’anima che consiste nello sforzo del miglioramento moralistico della vostra vita, mentre fate il bene e seminate con amore la via dei vostri prossimi.

62. Ben per coloro che si migliorano per amore per Me e per dare agli altri un buon esempio, perché cammineranno imperturbati sulla via che Io ho appianato per loro.

63. Voi che sapete che Israele era prigioniero di altri popoli in tempi passati, e che ho avuto con esso Compassione e gli ho mandato un liberatore, siate voi lo stesso per coloro che dal più profondo del cuore gridano che Io li salvi dalla schiavitù che state subendo. Mi chiedete pieni di paura che vi liberi da tutto ciò che vi perseguita, minaccia e tormenta. A tutto questo Io vi dico lo stesso che vi ho detto una volta: “Che cosa ha da temere colui che è con Me?” Non allontanatevi da Me e vi sentirete sicuri in ogni tempo ed in ogni luogo. Quando avete paura, o non siete sulla retta via – e se invece siete su quella giusta – allora la vostra fede è diventata debole.

64. Dovete dedicare la vostra via all’amare, servire ed a fare del bene, affinché tutte le vostre opere siano orientate su una nobile meta – sia nel campo umano come anche in quello spirituale.

65. Non vedete in qualcuno un nemico, vedete in tutti gli uomini i vostri fratelli, questo è il vostro compito. Se rimanete perseveranti fino alla fine, sulla Terra vinceranno la giustizia e l’amore e questo vi dà pace e sicurezza che bramate così tanto.

66. Credete che Mi manchi la Compassione oppure che Io non senta le vostre afflizioni? Come vi viene il pensiero che Io elevassi gli uni ed umiliassi gli altri?

67. La vita è una battaglia, ma non chiamate mai nemici i vostri prossimi, e non chiedete giammai a Me che Io scaricassi la Mia Giustizia sui vostri oppressori. Pregate per tutti e la vostra preghiera sarà Luce e pace che si diffonderà di minuto in minuto su tutta la Terra.

68. Considerate nel senso spirituale l’esempio che ha dato il popolo Israele nel suo attraversamento del deserto, affinché in questo tempo sia messo in pratica dal Mio nuovo popolo e più avanti tutta l’umanità lo segua con fervore. Il popolo Israele ha bensì avuto momenti di debolezza, ma la sua fede e la sua perseveranza si sono infine affermate e gli hanno fatto occupare il paese del quale aveva sognato.

69. Il suo lungo pellegrinaggio alla ricerca di una vita di libertà, di amore e di pace era una costante lotta contro le avversità ed i cambiamenti della vita. Quel popolo ha sperimentato fame, sete, persecuzione ed agguati dai nemici che lo circondavano, ed ha dovuto combattere contro tutto ciò per salvare la sua vita. Ha dovuto combattere contro altri popoli che gli si sono messi sulla via e gli hanno impedito di arrivare nel paese che era il suo ideale.

70. Quelle lotte, quel combattere contro le avversità sono simili a quelli che oggi vincete per raggiungere il vostro ideale della liberazione, dello sviluppo verso l’Alto e della pace per l’anima. Non avete però unito le vostre forze, come lo ha fatto allora Israele, per arrivare alla meta che bramate, perché a molti manca ancora la comprensione per il compito all’interno dell’opera chi vi è affidata, che consiste nel fatto di lottare con fervore e senza sosta fino a raggiungere la meta.

71. Aspirate adesso alla “Terra Promessa” nell’Eternità; là troverete la pace per la quale avete lottato sulla lunga via della vostra vita.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 124

 

1. Popolo, Israele, erede della Mia Parola, ti preparo affinché tu sia il conforto dell’umanità. Vai a cercare i poveri spirituali, i malati, gli affaticati, come i bisognosi corporalmente e spiritualmente e dai a loro questo Pane spirituale che porta fortificazione e salute.

2. In questo tempo delle dimostrazioni di Grazia voglio effondere su di voi il Mio Spirito affinché domani potrete dare e diffondere testimonianza di Me che Io come Maestro Mi sono annunciato come Padre e come Giudice, affinché i Miei figli possano trovare in quella Figura nella quale Mi vogliono cercare, perché in Me si trovano tutte le forme di Annunci dell’Amore.

3. Elia che è il preparatore della via, va a prendere le pecore smarrite per portarle a Me. Il suo spirito volenteroso vi ispira, affinché parliate con perfezione e lo aiutiate nella sua missione benedetta di liberare le anime dalla confusione che regna in questo tempo.

4. Solo a te, popolo, era stata rivelata questa conoscenza della grande missione di Elia, delle sue caratteristiche e della sua perfezione. Egli guiderà l’umanità e la condurrà a Me. Vi dico però nella stessa misura, non dovete dimenticare Maria. Rifugiatevi in lei che è divina misericordia e bontà. Nel suo spirito sono sempre state eternamente tutte le perfezioni e bellezze ed Io le ho affidata l’umanità come una figlia sulla quale ha sempre vegliato. Elevatevi a lei nelle vostre afflizioni, sentite la sua pace ed il suo amore. Gli occhi che hanno ottenuto la facoltà di contemplare dalla Terra le sfere spirituali, la vedono scendere piena di Grazia dalla Perfezione nel vostro mondo ed i cuori divenuti sensibili attraverso la Mia Parola sentono la sua presenza.

5. Voi tutti possedete questi Doni della Grazia. Avete forti dimostrazioni per non dubitare nemmeno per un attimo. Il vostro spirito sente che la Grazia che ha ricevuto, è così grande che ha il desiderio che tutto il mondo senta la Mia Parola ed ogni anima voglia essere illuminata. Io però vi dico: Voi potete agire a favore dell’umanità, per questo vi ho dato i grandi Doni. Il Sole della Mia Sapienza illumina attualmente tutti gli uomini, la Mia Giustizia piena d’Amore rende attente le anime di tutti gli uomini.

6. Il mondo chiede il motivo per molte catastrofi, perché il peccato aumenta e che non c’è nessuna mano d’uomo che lo possa fermare. Allora pensano che solo una Potenza superiore, soltanto il Padre Celeste possa aiutare l’umanità a ritrovare l’equilibrio e la ragione.

7. Voi, Miei discepoli, dovete dare loro la risposta. Fate loro conoscere la Mia Dottrina dell’Amore che restituisce la pace a tutte le creature e può offrire loro un nuovo orizzonte, una nuova vita seguendo le Mie Leggi.

8. Create nel grembo delle vostre famiglie un mondo di pace e comprensione, vivete e sviluppatevi in esso. Fate in modo che le vostre opere parlino di Me. Dovete insegnare solamente quando ne sarà venuto il tempo nel quale sarete preparati; allora dovete dire a coloro che vi sentono, quanta pace avete trovato nell’amare i vostri prossimi, quanto rende felice amare il vostro Dio e comunicate tutta la vostra esperienza.

9. Israele, la tua missione è di servire i tuoi prossimi. Chi di voi è pronto a portare un Messaggio di pace a tutte le nazioni? Sono già destinati coloro che devono ricevere il buon Messaggio. La sofferenza che hanno vissuto è giunta fino a voi e la vostra preghiera fervente ha alleviato a molti la preoccupazione e portato loro pace e speranza. In quelle nazioni sono comparsi, secondo la Mia Volontà, dei preparatori della via che parlano di spiritualizzazione e preparano i cuori per la Venuta della Mia Opera che non conoscono ancora. La Mia Parola dev’essere nota in tutte le nazioni. Se l’umanità Mi sentisse, si potrebbe nutrire di una unica delle Mie Istruzioni, perché in loro diffondo la Mia divina Entità, e la Mia Presenza è veramente percettibile in tutte le Mie Comunicazioni.

10. Ho colmato il vuoto dei vostri cuori con il Mio Amore, ho risvegliato in voi grandi ideali spirituale che vi fortificano, e la vostra fede ha vinto. Le prove che prima opprimevano i vostri cuori, oggi vi sembrano piccole e siete contenti e felici, perché avete trovato Me.

11. Gli uomini vi giudicano e mettono su di voi le loro speranze e persino allora, quando dubitano, il loro spirito riconosce nel più interiore che siete Miei eletti. Il vostro incarico è grande, perciò dovete sempre pregare e vegliare per mostrare attenzione nel luogo nel quale ho posto i Miei discepoli.

12. Attualmente sto parlando ai discepoli del Terzo Tempo che istruisco a cercare l’essenza spirituale che è contenuta in questa Parola, perché chi scopre il suo senso potrà comprendere la Lingua divina. L’Amore e la Verità non trovano concetti umani che potessero esprimere in tutta la loro purezza. Perciò la si deve cercare in una lingua che è al di là delle parole umane. Voi siete i discepoli che cominciano a comprendere che cosa sia vero Amore. Non fermatevi a giudicare, se una determinata Parola sia stata pronunciate bene o male dal portatore della Voce. Tali piccolezze esteriori non devono essere una pietra d’inciampo per il vostro studio. Questi sono errori che sono propri degli uomini non istruiti e semplici. Io sono venuto da un Regno dell’Amore e della Misericordia in un mondo dove l’amore è qualcosa di estraneo, ed ho cominciato la Mia Istruzione attraverso un popolo sconosciuto, semplice che vive non notato fra l’umanità; ma questo popolo Mi ha ascoltato ed ancora di più, Mi ha creduto.

13. Se Io avessi dato la Mia Parola in tutte le nazioni, la maggioranza l’avrebbe rifiutata, perché la vanità del materialismo e la falsa grandezza degli uomini non avrebbe accettato nessun Insegnamento che parla di spiritualizzazione, di umiltà e di fratellanza. Il mondo non è ancora preparato per comprendere l’amore, per cui non tutti sarebbero stati ricettivi per la Mia Presenza in questa forma.

14. Come Cristo allora ha cercato la grotta di una roccia per nascere come Uomo, così ho scoperto oggi in questo angolo della Terra che era pronto di ascoltarMi e che ha somiglianza con la grotta e della mangiatoia che in quella notte benedetta ha accolto il Figlio di Dio.

15. Qui vi ho preparato nel silenzio; dopo verrà il giorno nel quale dovete andare per preparare le vie per far giungere la Mia Parola in tutti i cuori. In quel momento il mondo sarà stato purificato attraverso la sofferenza e la Mia Parola non apparirà più come una lingua estranea, ma come qualcosa che il cuore e lo spirito possono facilmente comprendere e percepire. Vi consegno il Libro che parla di Verità e di Amore, affinché lo portiate a tutta l’umanità.

16. Non esiste nessun popolo sulla Terra del quale potessi dirvi di non andarci, perché non ha bisogno di questa Rivelazione. Quale popolo può affermare che sia veramente cristiano non solo secondo il nome, ma a motivo del suo amore, della sua misericordia e del suo perdono? Quale nazione può dimostrare la sua spiritualizzazione? In quale parte del mondo si amano reciprocamente? Dove osservano gli uomini veramente la Dottrina di Cristo?

17. In Verità vi dico, voi possedete bensì la Mia Legge scritta nei libri, qualche volta anche nella vostra mente, ma non la vedo realizzata nella vostra vita.  / Non diteMi che questo non sia vero, perché per questo vi ho messo alla prova e quando era venuta l’ora di perdonare, non avete saputo perdonare l’offesa, ma l’avete invece vendicata. Quando una mano bisognosa ha bussato alla vostra porta, non avete prestato l’amorevole aiuto, e quando era stato necessario di sacrificarsi per salvare qualcuno, avete sacrificato piuttosto il vostro prossimo per salvare la vostra vita ed i beni che avete. Perciò Io vi dico che l’umanità conserva la Mia Parola solamente in libri impolverati.

18. Se la Mia Parola vi appare molto modesta, vi dico ancora una volta: Questa è soltanto a forma d’espressione esteriore. Andate al di là di tutti i concetti umani e sentirete nell’Infinito la Voce del Padre il Quale parla un Linguaggio celeste che non sarà estranea al vostro spirito, ma confidenziale, dato che ha la sua origine in Dio.

19. Vi rendete conto della missione e della responsabilità che accettate attualmente?

20. A nessuno la Mia Istruzione deve sembrare estranea né pesante la sua croce, perché in Verità vi dico, è più difficile ed opprimente la vita che conducete nel mondo. La Mia Croce dell’Amore è la più soave di tutti i gioghi.

21. Pensate che il vostro spirito Mi ha seguito durante tre epoche di sviluppo spirituale e non siete ancora giunti alla meta finale della via. Mi avete seguito liberamente, perché non ho mai costretto nessuno a farlo.

22. Quando dal più profondo del vostro essere sorse la vostra confessione nella quale Mi avete detto: “Maestro, Tu Sei il mio Signore”, era la voce della vostra fede che parlava, e fin da questo momento seguite la Mia Orma nell’illuminazione interiore per seguirMi passo dopo passo, a volte cadendo, ma poi rialzandovi di nuovo. Il vostro spirito si rallegra di sentire su di sé il peso della sua croce. Solo chi non la prende su di sé con amore, nell’ultimo momento alla fine della sua vita si mostrerà scontento e timoroso e nella sua irragionevolezza a volte bestemmierà persino il suo Signore e farà come il ladro che era stato crocifisso sul Golgota alla Mia Sinistra. Questa vita terrena è soltanto una preparazione, un gradino per giungere alla vera Vita.

23. La Mia Dottrina è la Legge che vi insegna di vivere in sintonia con lo spirituale e con la natura. Nonostante la Luce che risplende nel vostro intelletto e vi indica la via sicura e giusta, qualche volta versate lacrime perché occasionalmente deviate dalla Legge, e dopo la vostra coscienza vi giudica e vi punisce. Ogni volta che provocate la natura ed infrangete la Legge, questa vi visita subito. Nonostante ciò sareste ingiusti se diceste che abbia esercitata vendetta, perché Io sono nella natura, come sono in tutto. Se vi volete precipitare ad ogni costo in un abisso – come potreste evitare il dolore della caduta?

24. Sentite che state spiritualmente attraversando un incommensurabile deserto; al di là dello stesso si trova una dimora della pace, della perfezione e della Luce che è promessa al vostro spirito. Osservate alle vostre spalle la lontana città empia, quanto è distante. Oggi siete liberi da catene, perché finalmente vi siete liberati dalla schiavitù delle passioni. Gli idoli davanti ai quali vi siete chinati, sono rimasti lontani dietro di voi, insensibili e morti. Più tardi verranno gettati dai loro piedistalli da altri, che verranno dopo di voi. Se però vi dovessero perseguitare i vostri nemici, un mare salvatore sbarrerà loro la via, affinché possiate giungere salvi alla meta della via della vostra vita.

25. Chi vorrebbe ritornare? Quindi avanti, all’orizzonte risplende già la Luce della speranza. Dietro di voi vi è l’oscurità e la delusione.

26. Coraggio, avanti, popolo Mio! Il deserto è bensì secco e caldo, ma ciononostante cade su di voi la Manna e dalle sue rocce sgorga l’acqua. Vegliate e pregate, perché le tentazioni vi perseguiteranno persino nel deserto. Guai a colui che non veglia e non prega! Guai a colui che è debole nei suoi propositi del rinnovamento.

27. Attraverserete come soldati le immense distanze e solitudini. Vi ho già fatto conoscere le vostre armi. Si infiammerà la battaglia ed allora dovrete misurare le vostre forze con coloro che cercano di fermarvi e di distruggervi. Vi riuscirà sopravvivere in quella lotta? - Mentre non perdete la fede, attraversate l’oscurità e la confusione senza che si spenga la vostra Luce, e giungete alla fine del deserto con il vostro cuore libero da offese, da rancore o da sentimenti di odio ed amate e perdonate i vostri nemici. Allora sperimenterete che il vostro spirito si è immensamente fortificato nella lotta, perché questa lotta l’ho ha costretto a non fermarsi né a ritirarsi e di fare uso delle forze e facoltà a lui note ed a cercare in sé Doni dello spirito sconosciuti o sonnecchianti.

28. Siate umili dinanzi al vostro Signore e sarete grandi nello spirito. Non diventate deboli davanti alle tentazioni del mondo e della carne. Gli uomini vi diranno: Mentre Gesù ha fatto di voi gli “ultimi” e minimi, loro stessi vi faranno i “primi” e grandi sulla Terra; ma non credete loro.

29. Io posso anche dare corone, troni e scettri nel mondo come per Davide e Salomone, quando avevano riconosciuto il loro Signore; ma Io ho fatto loro sentire la Mia Giustizia, quando Mi hanno tradito e permesso che loro stessi si sono diseredati del dono del potere, dell’ispirazione e della sapienza.

30. Oggi non vi offro regni in questo mondo, vi ho piuttosto privati di proprietà terrene, affinché Mi seguiate con più libertà. Il Regno che Io vi offro, è al di là di tutto l’umano. A chi riesce entrare in questo Regno, non lo lascerà più.

31. Guardate gli uomini ed i regnanti della Terra. Quanto è breve la loro magnificenza ed il loro dominio. Oggi vengono innalzati dai loro popoli e domani li precipitano dai loro troni. Nessuno cerchi il suo trono in questa vita, perché credendo di procedere, fermerà il suo corso e la vostra destinazione è di procedere senza rimanere fermi, fino a raggiungere le Porte del Mio Regno.

32. Se alla fine del 1950 non sentite più la Mia Parola, non cessate per questo essere Miei discepoli, perché la Mia Ispirazione continuerà a giungere al vostro spirito ed al vostro intelletto, per farvi comprendere tutto ciò che avete ricevuto nella Mia Parola.

33. Manca solo ancora l’ultima parte del Libro, il settimo capitolo che è ancora sigillato. Quando questo Sigillo sarà una volta aperto, riceverete l’ultima Lezione da Spirito a spirito.

34. La Mia Giustizia porta saggiamente l’umanità un poco alla volta più vicino alla grande Rivelazione. La vita del Maestro vi istruisce e corregge continuamente, le prove fanno giungere la loro voce spirituale agli uomini attraverso la coscienza.

35. Affinché al mondo riesca finalmente a tenere il dialogo con Me fra Spirito e spirito, ho dovuto dapprima avvicinarMi a voi in questa forma e prepararvi al passo che gli uomini hanno dovuto fare sulla via del loro sviluppo. La Mia Parola pronunciata in questo tempo – per mezzo dei portatori della Voce – servirà a liberarvi dalle trappole, dai dubbi o dagli errori sulla vostra via. Su questa scoprirete la chiarezza della Mia Istruzione.

36. Popolo, Io ti incarico ad annunciare la Mia Promessa che Mi unirò con gli uomini da Spirito a spirito. Io voglio che consegnate ai vostri figli questa Luce, affinché illuminino il loro sentiero con la Luce della speranza.

37. Se dormite, se dimenticate di vegliare e di pregare quando si adempie la Mia Promessa ed il Mio Spirito vi chiama, sarete nuovamente tormentati da confusione e dubbi che gli uomini hanno sempre avuto quando sono ritornato a loro, perché non hanno saputo aspettarMi.

38. Io voglio che dal momento nel quale faccio tacere la Mia Parola vi dedichiate allo studio della stessa ed all’esercizio spirituale che vi deve dare il necessario sviluppo per poter collegarvi direttamente con il Mio Spirito. In questo sviluppo interiore, intimo, spirituale riceverete i migliori frutti dell’Ispirazione, della Rivelazione, della vista spirituale e della forza. Allora questo popolo si troverà poco davanti alla realizzazione della Mia Promessa, quando l’ultimo Sigillo sarà sciolto e rivelerà al mondo il suo contenuto.

39. Non abbiate il desiderio quando non avrete più la Mia Comunicazione, di sostituirla attraverso false imitazioni o forme di culto esteriore, perché allora sprofonderete nella letargia, nella routine e non potreste sentire la Mia Voce divina quando arriva per illuminare il vostro spirito.

40. Non voglio che sia solo un indistinto presagio che mette gli uomini in attesa della Mia Presenza nello Spirito. Io voglio che sia la certezza, la piena convinzione che il Mio Regno viene agli uomini in questo modo.

41. In quel Secondo Tempo ho annunciato il Mio Ritorno, ma non è avvenuto in una forma indistinta, ma chiara. Ciononostante i popoli si sono stancati dell’attesa ed infine hanno dimenticato la Mia Promessa.

42. Ho fatto comparire tutti i segni che dovevano annunciare il Mio Ritorno, ma anche questi sono rimasti inosservati dagli uomini, perché spiritualmente stavano dormendo, caduti al mondo e rimasti fermi nelle loro religioni.

43. Io non voglio che cadiate ancora una volta negli errori. Ascoltate la Mia Parola che vi comunica il modo nel quale entrerò in contatto con gli uomini da Spirito a spirito.

44. Bandite dal vostro cuore ogni materialismo, affinché aspettiate questo dialogo nella forma più alta che vi potete immaginare, e così non subiate la delusione né una qualsiasi confusione in vista della realtà.

45. Quando nel Primo Tempo era stato promesso il Messia al popolo Israele, Lo aspettava come un potente re sulla Terra; quando Lo ha poi avuto davanti agli occhi, non Lo ha però riconosciuto.

46. Mentre ero nel mondo, ho annunciato agli uomini il Mio Ritorno ed ho fatto loro comprendere che questo Ritorno sarebbe stato spirituale. Ciononostante oggi, che vi ho mandato il Mio Raggio di Luce che era diventato parole nella mente dei Miei portatori della Voce, Mi hanno rinnegato molti di coloro che credevano in Me, perché avevano dimenticato che Io Sarei ritornato, oppure perché credevano che, se Io ritornassi al mondo, succederebbe nella stessa forma nella quale ero venuto prima, cioè come Uomo.

47. Ora parlo di questo, affinché prepariate i vostri prossimi ed i vostri figli di svegliarsi, e quando poi sarà venuta l’ora e la Voce divina vi cercherà per trovare ascolto, gli uomini ed i popoli siano trovati pregando, perché la loro gioia sarà infinitamente grande ed incomparabili le Rivelazioni che riceveranno.

48. Il tempo attuale dev’essere quello dei meriti, popolo. Già i patriarchi vi hanno dato insegnamenti ed esempi, già i profeti vi hanno annunciato i Miei Messaggi. Avete già avuto fra voi il Cristo il Quale ha dato tutto per la vostra Redenzione, e più tardi sono stati gli apostoli e messaggeri che vi hanno portato la Luce.

49. Ora spetta a voi di prendere la vostra croce che prima avete lasciato ad altri. Adesso dovete vivere attraverso la vostra propria passione per raggiungere il massimo apprezzamento della vostra anima. Il vostro compito è di diffondere Luce e pace fra i vostri prossimi, come una rugiada fertilizzante e vivificante. Non appoggiatevi per dormire. Volete forse che le guerre infuriate nell’oriente (Europa) si estendano all’occidente (America)? Volete vedere la vostra terra patria colorata con il sangue dei vostri padri, figli o mariti e che le donne prendano gli attrezzi da lavoro per procurare il pane quotidiano? Volete aspettare finché le vie diventino strade dell’amarezza?

50. Ricordate: Mentre l’umanità soffre e si dissangua, non dovete organizzare festività, anzi, nemmeno rimanere indifferenti. Dovete portare nei vostri cuori il dolore con i vostri prossimi, dovete inviare le vostre preghiere e pensieri come un costante messaggio d’amore e di pace e chiedere compassione per i prossimi sofferenti.

51. Io vedo che volete bensì la pace, popolo, ma non combattete per questa. Volete che Io vi perdoni, ma prima di avervi perdonato reciprocamente. Io vi insegna ad amarvi, anche se non vi conoscete, e di sentire il dolore del vostro prossimo, anche se non lo vedete, perché è lontano. Non siete soli nella vostra lotta, Io sono con voi, Io, che in questo tempo è venuto “sulla nuvola” per darvi Assistenza ed Amore nel deserto che state attraversando.

52. In questo angolo di Terra ho preparato tutto affinché possiate adempire il vostro compito. Un nuovo paese nel quale scorreva latte e miele, un cielo raggiante, un terreno vergine, fertile e produttivo, coperto di Miracoli e Bellezze. Tutto era preparato, affinché la vostra lotta di vita ed i vostri doveri terreni non chiedessero troppo da voi e lasciassero tempo e forze al vostro spirito di ricordarvi del vostro Padre Celeste e per essere utili ai vostri prossimi e di amarli. Dato che però non avete saputo pregare per raggiungere il vostro sviluppo animico verso l’Alto, non avete nemmeno vegliato su ciò che possedevate nel mondo, e così è successo che vi siete sentiti forestieri attraversando le vostre terre ed osservando la vostra eredità non ne avete avuto nessun diritto. Adesso dovete adempire la vostra destinazione spirituale, benché a volte portate nella vostra anima amarezza e persino miseria. Perciò vi provvedo nella Mia Parola con forza, affinché non vi affatichiate nella vostra lotta e sappiate che non potete ancora sperimentare il tempo della Giustizia.

53. Quando la lotta spirituale è grande, datevi reciprocamente calore ed incoraggiamento; questa è l’unità che Io esigo da voi. Da Me sapete che sulla vostra via si alzeranno coloro che combatteranno contro di voi. Si sta già avvicinando il 1950, ed Io vi dico: Benedetti coloro che utilizzano la Mia Parola, perché il Mio Commiato non ferirà il loro cuore.

54. Nessuno è profeta nel proprio paese. I vostri parenti vi hanno lasciato sanguinare e piangere con il loro dubbio ed il loro scherno. Perseverate e siate come Gesù, siate come i profeti o apostoli che, invece di versare lacrime, partivano per altre regioni ed altre nazioni per predicare la Verità dove trovavano la fede.

55. Dopo il 1950 fra di voi partiranno coloro che andranno in altre provincie ed anche in altre nazioni dove troveranno comprensione e là si chiuderanno le loro ferite.

56. Quando la Mia Parola cesserà, si adempiranno uno dopo l’altra le Mie Profezie. Allora i miscredenti pentiti troveranno la fede.

57. Interpretate giustamente la Mia Parola, adempite i Miei Incarichi, continuate la vostra opera del rinnovamento, unitevi nella Verità ed Io vi dico, in questo paese ci sarà la pace. Vi ristorerete nella sovrabbondanza e nel buon sapore dei frutti e verrà considerato dagli stranieri come un faro, come un baluardo della Giustizia e come un recinto di pace.

58. Bandite dal vostro angolo visuale ogni illusione inutile, ogni falso idolo, purificate le vostre vie e pregate per la pace delle nazioni.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 125

 

1. Vedete, sono qui nel vostro mondo e vi parlo attraverso la vostra coscienza, perché Io sono il vostro Giudice. Ho affidato a tutti voi un compito ed oggi vengo per chiedervi che cosa ne avete fatto.

2. Non sono venuto in segreto in questo tempo. Fin dai primi tempi veniva annunciata la Mia Comunicazione spirituale. Perciò non dovete essere sorpresi.

3. Perché nessuno è rimasto vegliando ed in attesa della Mia Venuta? Chi ha pulita la vostra casa affinché Io vi entrassi? Chi ha lavato le sue mani per distribuire il pane sulla tavola? Il cuore di chi era colmo d’amore per accoglierMi? Di nessuno. E sono comunque qui ed adempio fra di voi la Mia Promessa.

4. Se Io vi mostro di mantenere una Promessa, allora comprendete che è soltanto dovuto che in ciò prendete Me come Esempio ed adempite il vostro compito. Amato popolo, se sentite che vi faccio dei rimproveri, allora ricordatevi che non avete avuto pace – benché abbiate ricevuto l’incarico di pregare per la pace del mondo - , per cui Mi avete chiesto: “Signore, perché la pace non arriva alle nazioni, benché io vegli e preghi?” Io però vi dico: Perché non basta pregare, per questo sono necessarie anche opere meritevoli.

5. Già i profeti hanno dato il loro sangue per annunciarvi la Verità. Ero già stato come Uomo sulla Terra, per vivere fra di voi una perfetta Passione. Anche gli apostoli ed i martiri hanno dato la loro vita per amore per l’umanità. Adesso è tempo che voi prendete su di voi la vostra croce ed adempite la vostra missione, affinché sperimentiate la venuta della pace.

6. Popolo, apri il tuo cuore e risvegliati dal profondo sonno che ti ha sopraffatto. Lotta e non dubitare, perché se consideri infinito il deserto che stai attraversando, allora Io ti dico che in mezzo allo stesso, quando il Sole brucia più forte cadendo sui vostri volti, apparirà una nuvola la cui presenza darà ai vostri cuori la sensazione che Io vi sono molto vicino.

7. Mi dite dal più profondo del cuore che non siete degni né della Mia Grazia né della Mia Pace. Perché con siete degni? Vi ho messo a disposizione tutta la natura affinché Mi possiate servire meglio, vi ho coperto con Doni e Benedizioni, affinché la vostra vita sia più piacevole e dai vostri cuori salga a Me un inno d’amore.

8. Oggi ho dovuto dirvi: Rendete semplice la vostra vita per avere tempo di pensare ai vostri prossimi. Solo così potete offrire alla vostra anima l’occasione di liberarsi dal materialismo che la circonda, e di adempiere il compito di amare e servire il suo Signore nel suo prossimo.

9. Lottate, figli Miei, per la causa della pace e della fratellanza, ma non pensate di vedere vicina la vittoria, questa è ancora lontana. Non siate sicuri di voi stessi, perché i nemici sono in agguato, ed anche se spiritualmente non hanno nessun potere, considerateli voi però come potenti ed invincibili.

10. Perché ti giudico, popolo? – Perché non voglio che nei vostri cuori esistano di nascosto trasgressioni ed errori, perché vi porterò da coloro che devono ricevere da voi il Mio Messaggio e non voglio che abbiano qualcosa da criticare in voi, perché così non dareste nessun onore al vostro Maestro.

11. Che cosa sarebbe di voi, se vi tenessi nascoste le vostre imperfezioni? Vi migliorereste nel vostro cammino di vita, se le vostre trasgressioni non avessero dolorose conseguenze?

12. Vedete quanta sofferenza esiste fra gli uomini. Questo è il frutto della loro semina. Io parlo a loro attraverso la coscienza per muoverli al pentimento ed al miglioramento. I loro cuori però sono diventati sordi per la Mia Voce.

13. Voi uomini che conducete i destini dei vostri popoli: Non siete ancora disgustati del sangue e delle vite (distrutte) degli uomini? Non sentite la voce della coscienza o della ragione? Siete superbi ed arroganti, ma la Mia Giustizia sottometterà la vostra arroganza.

14. Siete boriosi, perché con la vostra scienza avete edificato la nuova torre di Babele, da dove provocate la Mia Potenza mentre dite ai popoli che il vostro sapere supera le Rivelazioni divine. Con ciò avete calpestato con i piedi la Legge del Padre e falsificato la Parola di Gesù, perché temete che si venga a conoscere la Verità e con ciò perdete la glorificazione ed il potere del mondo.

15. Ho concesso che la vostra torre diventi più alta e che la vostra scienza cresca; ma Io vi dico: Chi vi ha dato il diritto di disporre della vita dei vostri prossimi? Chi vi ha permesso di versare il loro sangue? E chi infine può intervenire nel destino dei suoi propri fratelli senza trasgredire con ciò contro il diritto?

16. Umanità, figlia della Luce, apri i tuoi occhi, riconosci che vivi già nell’era dello Spirito!

17. Perché Mi avete dimenticato ed avete voluto misurare il vostro potere con il Mio? Io vi dico che metterò il Mio Scettro nella sua mano nel giorno nel quale un erudito può creare un essere con la sua scienza che vi sia simile e lo provvede con spirito e gli dà una coscienza. Il vostro raccolto intanto sarà un altro.

18. La scienza erigerà il suo regno su cadaveri e macerie che sarà molto breve, affinché poi verrà eretto il Regno della Giustizia, della Pace e dell’Amore. Io verrò e cercherò coloro che sono caduti nella lotta, coloro che hanno smarrito la via, ai quali si ha indicato un altro sentiero. Li cercherò, per elevarli alla vera Vita, senza fama della persona, ed imprimerò il Mio Bacio dell’Amore sia sulla fronte pura come anche su quella macchiata.

19. Si sta parlando il Padre, Colui il Quale non ha nessuno davanti al quale Si chini per pregare. In Verità però Io vi dico se al di sopra di Me ci fosse qualcuno di più Grande, Mi chinerei dinanzi a Lui, perché nel Mio Spirito dimora l’Umiltà. Vedete, come voi, benché siete le Mie piccole creature, Mi inducete a discendere per parlare con voi, per ascoltarvi e per consolarvi, invece che voi lottiate per salire a Me.

20. Si è aperta per voi la Mia Camera segreta e si sta avvicinando il tempo nel quale amerete la Verità e fuggirete la vita fittizia e vuota che avete creato. Lo splendore dell’epoca materialistica sperimenterà presto il suo tramonto e entrerà nel suo stadio finale. Oggi comprendete solo poco di ciò che Io vi dico, ma presto lo comprenderanno tutti.

21. Come non dovrebbe essere dominata la vostra vita dal materiale, se voi stessi comprendete il Divino solo attraverso il materiale e credete solamente ciò che percepite con i vostri sensi?

22. Coloro che sostenevano di conoscerMi, Mi hanno malamente rappresentato sulla Terra e  questo è il motivo perché molti Mi hanno voltato le spalle. Non chiamerò a giustificarsi coloro che si chiamano atei, perché Mi hanno bandito dai loro cuori, ma coloro che hanno falsificato la Verità e guidato davanti agli occhi un Dio che molti non hanno potuto accettare.

23. Tutto ciò che è giusto, sano e buono, contiene la Verità che ho annunciato in tutti i tempi.

24. E’ giunta l’ora nella quale dovete di nuovo amare la Verità, cioè nella quale dovete di nuovo riconoscere il giusto ed il buono. Dato che siete nati da Me, dovete arrivare in Alto, all’Eterno ed al Puro.

25. Io non ho tenuto nessuno prigioniero, non ho costretto nessuno di abbandonare la via che ha scelto. Chi ha desiderato esplorare, a costui l’ho concesso, chi desiderava divertirsi, glie l’ho permesso; ma a tutti ho portato davanti agli occhi la Mia Legge, l’unica, affinché non smarrissero il sentiero.

26. Quello che sarà alla fine della via che l’umanità insegue oggi erroneamente e ciò che l’uomo troverà quando giungerà alla meta, sarà disgusto, esaurimento, delusione e dolore. Lo spirito umano potrà accontentarsi con un raccolto come questo, e dev’essere questo il frutto che consegna al Padre suo nell’Eternità? No, popolo, lo spirito dell’uomo si sveglierà in vista delle conseguenze delle sue opere, ed in quell’ora sarà il suo proprio giudice per poi alzarsi dopo questo giudizio e per rinnovare e riedificare la sua vita; in ciò utilizza la sua esperienza e si dedica al compito di amare e di cercare solo la Verità. Allora avrà trovato il sentiero sul quale sentirà la Mia Voce che gli dice: Sii il benvenuto, o Israele paziente ed intelligente, sei arrivato nel paese della pace nel Terzo Tempo.

27. Vi ho cercato e vi dico: Lasciate che l’anima si elevi e Mi contempli. Io sono lo stesso; su di Me non passa il tempo. Io sono il Maestro che ha parlato dell’eterno Regno della Verità in molti luoghi e su molte vie della Giudea. Voi invece siete cambiati. L’egoismo e la depravazione del mondo vi hanno avvelenato il cuore e qualche volta vi sentite indegni della Mia Presenza. Sono venuto, perché vi amo e voglio che miglioriate il cammino della vostra vita e combattiate per il progresso spirituale.

28. Non sprecate il tempo che vi concedo. Vegliate e pregate ed Io vi dirò come dovete lavorare. Amate ed avrete gioia, create la pace e sentirete che la vita sulla Terra è un riflesso dell’eterna Patria.

29. Pensate al fatto che Io non sono venuto per darvi ricchezze materiali, ma per esortarvi a condurre una vita spirituale di rinunce e dell’umiltà. E nuovamente vi dico: “Chi Mi vuole seguire, prenda su di sé la sua croce e Mi segua”. Questa croce non sarà pesante, se la sapete portare con pazienza e coraggio, ed Io vi assicuro che non potete più vivere senza questa, in tal modo che, se vi fosse tolto il suo dolce peso, Mi chiedereste di caricarlo di nuovo su di voi, persino se lo sentireste più grande di prima. Il motivo per questo è che avete compreso l’importanza dell’incarico che vi ho assegnato e che la croce rappresenta la vostra salvezza.

30. Dato che tutto ciò che ho creato sulla Terra l’ho formato per il ristoro dell’uomo, usatelo allora sempre per il vostro bene. Non dimenticate però che in voi esiste una voce che vi indica i limiti nei quali potete fare uso di tutto ciò che vi offre la natura e che dovete ascoltare questa voce interiore. Come aspirate ad una dimora per la protezione, sostentamento e appagamento per il vostro corpo, per rendere più piacevole la vostra esistenza, così dovete concedere anche all’anima ciò che le serve per il benessere e per il suo sviluppo verso l’Alto. Quando si sente attratta da regioni superiori, dove si trova la sua vera Casa, allora lasciatela librarsi in Alto. Non tenetela prigioniera, perché essa cerca Me, per nutrirsi e per fortificarsi. Io vi dico: ogni volta che permettete che si libera in questo modo, ritornerà felice nel suo involucro corporeo.

31. In questo modo vi preparerete ad adempiere le Leggi dello Spirito e quelle che governano la vita sulla Terra.

32. Io provvedo a tutti gli esseri e quando vi ho detto: “Gli uccelli non seminano e non raccolgono, né tessano, e nonostante ciò vengono nutriti e vestiti con così tanto Amore” – perché allora dubitate della Mia Potenza che siete i figli privilegiati? In mezzo alla lotta per il sostentamento quotidiano non dovete dimenticare che esiste un Padre il Quale Si preoccupa di voi e che non vi lascerà mai andar a fondo. Vi dico anche che, se seguiste i Miei Comandamenti, la lotta della vostra vita sarebbe meno sofferta, perché allora da parte vostra non ci vorrebbe così tanta fatica per vivere la vostra vita, e nell’ora delle vostre prove sperimentereste dei Miracoli.

33. Nel Primo Tempo il popolo Israele ha vissuto attraverso grandi tormenti, e quando Mosè ha visto la disperazione che si era impossessato della folla di popolo per la mancanza di pane, ha detto loro: Pregate, il Signore Sarà così buono a mandare il nutrimento al Suo popolo. Mosè ha pregato ed aspettava con pazienza e fiducia la Volontà divina. E come risposta e ricompensa per la fede di quell’uomo cadde giù la Manna per soddisfare i bisogni del popolo. Con ciò vi ho reso chiaro che Io ho sentito la sua preghiera e che Io ero con lui.

34. Adesso ho detto al Mio popolo che verranno ancora una volta delle visitazioni su di esso, che sarà grande il dolore fra gli uomini, e che non basterà il pane per nutrire gli uomini; che la Terra oggi ancora fertile, diventerà sterile per un po’ di tempo e che assisterete ovunque a dolore, fame e corruzione. Carovane di miseria di uomini e donne andranno di porta in porta per supplicare un dono d’amore. Il calice sarà molto amaro, ma se sapeste pregare, sulla vostra tavola ci sarebbe il pane, ed avreste conforto per voi ed i vostri prossimi.

35. Con preghiera ed attività d’amore attirerete gli spiriti del bene che vi proteggeranno. Se Mi volete sentire vicinissimo, vi dovete rinnovare animicamente, allora occuperò il posto d’onore alla vostra tavola Non vi mancherà il necessario e provvederete che i vostri prossimi avranno la stessa parte di Grazie.

36. Non avete forse abbastanza amore per proteggere i vostri prossimi nell’ora della prova? Come Io sono venuto da voi, dovete andare voi dai vostri prossimi e fare loro ciò che Io ho fatto per voi. Un’altra volta vi dico che attraverso un piccolo numero di operai che va con vera purezza per diffondere la Mia Dottrina, la Mia Opera sarà conosciuta e rimarrà ancorata nei cuori di coloro che più tardi saranno i Miei preparatori della via in tutte le nazioni.

37. La scienza non ha fatto radici in voi. Io vedo che siete di cuore umile, e perciò vi ho eletti. Vi ho dato la Mia Parola affinché abbiate in proprio la vera scienza, perché le conoscenze che gli uomini hanno, non possono guarire il male che tormenta l’umanità. Quella luce, quella scienza di cui l’uomo è così fiero, non converte nessun cuore, ne salva delle anime.

38. La Mia Parola che attualmente scorre in sovrabbondanza attraverso i portatori della Voce, non la sentirete più in questa forma dopo il 1950. Solo coloro che si elevano spiritualmente nella vera preparazione, riceveranno la Mia Ispirazione, e quando parleranno nel Mio Nome, troveranno la fede. La vostra missione esige il rinnovamento animico e la spiritualizzazione per poter compiere miracoli.  / Ogni volta che vi ho impiegato come strumenti per guarire un malato, ho tenuto in considerazione la vostra preparazione. Non dovete sempre sforzarvi troppo per convincere i vostri prossimi di questa Verità, perché troverete che molti fin dal primo momento sentono la fede ed altri confesseranno in umiltà che era la Forza divina della Mia Parola che li ha guariti.

39. Dovete concentrarvi nel più interiore del vostro cuore e formare l’unificazione dei vostri pensieri in un unico spirito, affinché la vostra preghiera che svolgete, cada ai piedi di questo giovane alberello come acqua cristallina. Allora il cespuglio diventerà un potente albero e vi darà abbondanti frutti con i quali potete nutrirvi nei tempi delle prove.

40. Non preoccupatevi, perché non Mi potete accogliere con pompa e sfarzo oppure grandiose cerimonie. La vostra umiltà e semplicità sono il migliore campo che potete tener pronto per la Mia Comunicazione. Voglio avere anime, perché sono loro che Io cerco; per loro sono venuto nel mondo in un altro tempo e per loro ho dato il Mio Sangue.

41. Sono stato Io che ho indicato allora il luogo e l’ora del Mio Arrivo come Uomo. Ho deciso anche il luogo ed il tempo nel quale Sarei venuto agli uomini nel Terzo Tempo. Tutto era stato preparato con perfetta Giustizia e Sapienza. Un nuovo paese doveva essere testimone della Mia nuova Venuta. L’occidente doveva essere illuminato con lo Splendore della Mia Presenza. Ascoltate: Molto tempo fa ha vissuto nel nord del vostro paese (il Messico) una grande stirpe di popolo dalla quale era uscito un profeta ispirato dalla Mia Luce. Egli andò e condusse quel popolo in un bel paese dove dovette fondare una città. In vista della piacevole Promessa quelle tribù si misero in marcia nella speranza di mostrarsi degni di quella Grazia. Attraversarono foreste vergini, deserti e salirono sui monti. Nulla li fermò, e quando incontrarono ostacoli sulla lavoro via, aiutò loro la fede di vincerli, finché – come gli Israeliti nel Primo Tempo – arrivarono nel luogo promesso che fu una immagine di Canaan, la Terra promessa degli Israeliti, il paese dove scorreva latte e miele.

42. Riconoscete che nessuna foglia si muove sull’albero senza la Mia Volontà e che non vi è nulla di ignoto ai Miei Consigli e Piani divini.

43. Quella stirpe di popolo, ispirata dalla fede in una Promessa che si era adempiuta, edificò una città ed in questa portò al suo Dio la sua primitiva adorazione; ha costruito la sua casa ed ha dato al suo regno splendore che nella sua magnificenza somigliava a quello di Salomone. Quel paese era, corrispondente alle Promesse, un paese del benessere e della felicità. L’uomo era forte, la donna era graziosa e tenera ed ambedue erano belli. Venne però il tempo nel quale questo popolo dovette imparare a conoscere il Nome e l’Opera di Cristo, suo Signore; ad esso giunse il Buon Messaggio dalla bocca di uomini forestieri che vennero dall’altra parte dell’oceano e che questi li avevano già veduti nei loro sogni. La missione era molto grande di coloro che portavano la Luce della Mia Dottrina in questi paesi. In Verità però vi dico, che soltanto pochissimi seppero adempiere la Legge dell’Amore, della Misericordia e dell’umanità che raccomandavano i Miei Insegnamenti, perché nella loro maggioranza quegli uomini si lasciarono dominare dall’avidità, dimenticarono ogni principio di fratellanza, versarono fiumi di sangue innocente per impossessarsi di tutto ciò che videro i loro occhi.

44. I conquistatori precipitarono le immagini degli idoli di quel popolo e con ciò fecero che questo si bestemmiò contro il Dio che quegli rivelarono loro con così tanta ingiustizia e così tanta crudeltà. Quegli adoratori di idoli potevano riconoscere Cristo attraverso tali azioni disumane, il Dio dell’Amore, Colui il Quale non toglie la vita a nessuno, ma dà piuttosto la Sua, per salvare proprio coloro che Lo hanno ferito? – Quelle stirpi capitarono nella schiavitù e sotto il dominio dei più forti, come nel Primo Tempo Israele era capitato sotto il giogo dei faraoni e Cesari. Erano tempi del dolore, dell’amarezza e delle lacrime che venivano su quel popolo, e quando poi i suoi lamenti riecheggiavano nel Cielo, ha attirato su di sé l’amore di Maria, la Madre venerabile dell’Universo, come un mantello di infinita bontà.

45. A motivo della sua solitudine questo popolo era destinato ad onorare Maria, perché quando ha riconosciuto ed amava questa divina Verità, ha trovato la scala spirituale nel Cielo che conduce le anime a Me.

46. E chi era questo popolo? – Era il vostro che dopo le sue lotte e la sua lunga via di sviluppo ha vissuto l’Arrivo del Terzo Tempo con il Mio Ritorno.

47. E’ la Mia viva Parola che sentite attualmente, affinché con ognuna di questa distruggiate ogni fanatismo ed ogni idolatria con cui potreste aver circondato il Mio Nome. Io vi insegno una adorazione per Dio attraverso la quale Mi potete cercare da spirito a Spirito. Questo popolo sarà fortissimo nello spirito, quando vive ed esercita questa adorazione di Dio che Io gli insegno. Allora potrà eliminare la menzogna e portare in altri paesi il Messaggio della spiritualizzazione e della Luce che le nazioni aspettano.

48. Questo popolo sarà preparato per quella lotta nella quale la Mia Giustizia condurrà la grande battaglia delle ideologie, confessioni di fede e dottrine. Saranno tutti sorpresi quando in mezzo alle tempeste sentiranno una voce calma e sicura che è quella dei Miei discepoli che adempiranno la loro missione della fratellanza spirituale.

49. Intanto comprendete che, finché gli uomini non avranno raggiunto la totale spiritualizzazione, avranno bisogno di chiese materiali e dovranno mettere davanti ai loro occhi sculture o immagini che devono rendere loro percettibile la Mia Presenza.

50. Potete misurare il modo dell’adorazione spirituale nel grado di spiritualizzazione o del materialismo degli uomini. Il materialista Mi cerca nelle cose della Terra, e quando non Mi vede rispetto ai suoi desideri, Mi rappresenta in un modo per avere la sensazione di averMi davanti a sé.

51.Chi Mi comprende come Spirito, Mi sente in sé, al di fuori di sé ed in tutto ciò che lo circonda, perché è diventato il Mio tempio.

52. Di tanto in tanto vi ho dato delle Rivelazioni sempre più progredite che gli uomini non hanno potuto comprendere, perché hanno creato intorno a sé sempre più idolatria. In quel Secondo Tempo ho detto ai Miei discepoli: “Vedete quanto grande, maestoso e sfarzoso è il tempio di Gerusalemme? E nonostante ciò non rimarrà di lui una pietra sopra l’altra”. La Mia Parola si era adempiuta, perché con la Mia Dottrina ho cancellato ogni idolatria e profanazione che succedeva in esso. Ho promesso di riedificarlo in “tre giorni”, che si sta adempiendo proprio in questo “Terzo Tempo”, appunto nel quale sto erigendo nel cuore degli uomini il nuovo tempio, il nuovo santuario che viene eretto sul più puro fondamento dell’anima degli uomini.

53. Riconoscete la Mia Misericordia come Padre quando vedete – appena precipita l’altare di una idolatria – come vi attende già la Mia Parola ed una nuova Luce illumina la vostra via per non farvi cadere nell’oscurità.

54. Non stupitevi né scandalizzatevi se Io vi dico che ogni splendore, potere e sfarzo delle vostre religioni devono scomparire e che – quando questo avviene – sarà già apparecchiata la Tavola spirituale alla quale si nutriranno le schiere di uomini affamati di amore e di Verità.

55. Molti uomini, quando sentono queste Parole, rinnegheranno che sono le Mie. Allora però Io chiederò loro perché si scandalizzano e che cosa difendono veramente? La loro vita? Questa la difendo Io. La Mia Legge? Su questa veglio pure Io.

56. Non abbiate paura, perché nessuno morirà nella difesa della Mia Causa; morirà soltanto il male, perché il Bene, la Verità e la Giustizia dureranno in eterno.

57. Popolo, di chi è la voce che sentite nel fondo del vostro cuore, su quali vie vi conduce e perché la desiderate? Io so perché Mi seguite: Perché sapete che la Voce che sentite, è quella del vostro Dio, il Quale avete cercato sotto molteplici forme nel corso dei tempi e del vostro sviluppo.

58. Voi tutti sapete che questa Voce che penetra fino in fondo al vostro essere è quella del Padre vostro, perché Egli vi tratta come bambini, come piccoli bambini, con perfetto Amore.

59. Mi mostro a voi come un Padre amorevole, come un umile Maestro, mai indifferente nei confronti delle vostre sofferenze e sempre indulgente e misericordioso nei confronti delle vostre imperfezioni, perché nei Miei Occhi sarete sempre piccoli bambini.

60. Vi devo giudicare quando vedo, come le creature che erano state create con così tanto Amore e destinate per la Vita eterna, cercano caparbiamente la morte sulla Terra, senza preoccuparsi della Vita spirituale, né di avere il desiderio di imparare a conoscere le perfezioni che quella esistenza tiene pronte per voi.

61. Studiate la Mia Parola per comprendere che in essa vi è la Mia Legge e che è perciò la Parola di un Re che non viene mai ripresa. Tanto meno dovete retrocedere sulla via se pensate che portate nel vostro spirito la Mia Parola che è Legge e che il vostro corpo è sottoposto al vostro spirito. Perciò ascoltate la voce della coscienza nella quale Io sono presente, e non la voce della carne.

62. La Mia Parola divina si adagia sull’anima e vi sentite pieni di forza spirituale. Se però questa Parola fosse falsa, la vostra anima non si sentirebbe mai soddisfatta dopo averla sentita, né vi riunireste di nuovo, per aspettarla con il desiderio come lo fate ora.

63. Io sono l’Aurora che ha aperto un nuovo tempo per gli uomini nel quale il loro spirito vedrà illuminata la via che conduce a Me. Sapete forse su quale gradino della scala della perfezione vi trovate? Sapete forse se spiritualmente state in alto, oppure se siete sprofondati nel regno del male? In Verità vi dico, nessuno di voi potrebbe rispondere soddisfacente a questa domanda.

64. Non pensate che la vostra anima, mentre è incarnata e vive sulla Terra, si debba limitare di vivere l’esistenza materiale. No, tutti voi dovete sapere che già dal vostro soggiorno terreno potete abitare spiritualmente nelle regioni della Luce, dove vi è il Regno nel quale abiterete una volta in eterno.

65. L’anima si afferma sulla Terra solo attraverso un debole punto d’appoggio che è il corpo, che le serve per vivere nel mondo e di ricevere gli ammaestramenti o prove che il Padre le manda per il suo bene. Per quanto lungo e sofferto possa anche essere questo tempo d’espiazione nel mondo, non lo dovete mai considerare come una prigione. Nessuno è stato condannato a morte, al contrario, Io vi dico che tutti voi siete destinati a vivere. Ogni creatura all’inizio della sua vita ha ricevuto dal Creatore un Bacio che era un antidoto contro il male ed un corazza contro gli agguati.

66. Io sono il Motivo della vostra esistenza, perciò riconoscete che la vostra origine è nel Bene. Se il vostro passato sulla Terra è stato impuro, empio o in qualche modo al di fuori della Mia Legge, ora lasciate risplendere la vostra coscienza, elevatevi ad una nuova vita e lasciate dietro di voi la via sulla quale l’abuso di divertimenti terreni hanno condotti al risultato che siete caduti sotto l’influenza del vizio e del dolore. Cercate la via luminosa per la vostra anima nell’esempio che vi ho dato attraverso Gesù, perché i Miei Passi sulla Terra, le Mie Opere e la Mia Parola erano la perfetta Dottrina e la Parabola dell’eterna Vita che ho lasciato come eredità allo spirito dell’uomo.

67. Voi siete unti con il Mio Balsamo guaritore e con il Mio Perdono. RiconosceteMi, o figlioletti, perché la conoscenza che avete di Me, è ancora molto scarsa. Quello che Io vi dico in una Istruzione, non è tutto quello che ho da rivelarvi. Venite a Me instancabilmente ed il Libro della Vita sarà aperto davanti ai vostri occhi.

68. Avete già ricevuto il Primo Testamento, la Mia Legge e la Mia Presenza nel tempo di Mosè. Anche nel Secondo Tempo avete ricevuto il Secondo Testamento, dato in eredità agli uomini da Cristo attraverso la Sua divina Parola. Adesso ricevete direttamente dal Mio Spirito il Terzo Testamento, affinché con l’unificazione delle tre Rivelazioni possiate diventare grandi discepoli del Terzo Tempo.

69. Popolo, mentre Mi ascolti, giungi nell’estasi e contempli la Mia Presenza in una visione spirituale. Non sono i vostri sensi che Mi contemplano in quella visione, né è una illusione della vostra forza d’immaginazione: E’ la fede con la quale Mi ascoltate, è la vostra spiritualizzazione ed elevazione in questo momento. Qui sentite la Mia Pace; ma quanto vicino a voi sono coloro che causano dolore. Sono gli affamati di potere, coloro che per trionfare, non indugiano ad uccidere i loro prossimi. Preparatevi per la lotta, affinché questi presto vengano a sapere che non devono aspirare ad alte posizioni che riposano su falsi fondamenti, perché la divina Giustizia distrugge tutto ciò che è inutile.

70. Malati, venite a Me, vi voglio guarire. L’affamato deve sapere che Io lo aspetto. L’omicida, che attraverso le sue vene scorre l’odio, venga a Me, perché Io trasformerò la sua oscura confusione in Luce e la sua disperazione in benessere. Venite tutti per ascoltarMi e per preparare la vostra anima, perché dopo il 1950 inizierà lo splendore del dominio della Luce. Oggi siete appena un seme, domani sarete piante ed infine porterete i frutti dell’amore.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 126  (annunciata nell’anno 1944)

 

1. Di chi è la voce che penetra fino in fondo al vostro cuore? Dove vi conduce e perché la desiderate? – La cercate, perché nella sua presenza trovate Colui il Quale cerca gli uomini con perseveranza. E dato che il vostro spirito ha il bisogno di onorare il suo Dio quando Lo sente vicino, non si vuole più separare da Lui.

2. Gli uomini vengono su molte via alla ricerca di Me. Sono le differenti comunità religiose che esistono sulla Terra, ed all’interno delle stesse dove Mi sentono più vicino, sono quelle che hanno la maggiore spiritualizzazione, quelle che nell’esercizio della loro attività seminano l’amore.

3. La Mia Voce è quella di un Padre, perché vi accarezza. La Mia Parola è quella di un Maestro, perché vi istruisce. Vi osservo come piccoli bambini ed allievi e perciò vi elargisco la Mia Provvidenza.

4. Io so che questa forma nella quale entro in contatto con voi, che questa Parola che vi do attualmente, verrà combattuta e negata da molti. Io so però anche che dopo verrà compresa e creduta. Allora la Mia Luce comincerà a riflettersi con splendore nei cuori degli uomini. Questo tempo sarà come un nuovo giorno per l’umanità, non perché la divina Luce irradia con maggiore intensità di prima, perché è immutabile. Il motivo consiste nel fatto che gli occhi del vostro spirito si apriranno e penetreranno nella Verità.

5. Oggi incontro una umanità che spiritualmente è indebolita a motivo dell’abuso che ha fatto con il Dono della libera volontà. Ho progettato una via della Giustizia, dell’Amore, della Misericordia, del Bene. L’uomo ha creato un’altra di apparente Luce che lo ha condotto nella rovina.

6. Al Mio Ritorno la Mia Parola vi mostra appunto quella via che non dovete percorrere, e sarebbe ingiusto ed irragionevole colui che dicesse che questa Dottrina renda confuso o indifferente.

7. La Mia Luce risplende dall’Infinito nelle anime e fa in modo che riconosciate con maggior chiarezza i sentieri che avete creati, sia per allontanarvi da Me oppure per cercarMi. Muovetevi verso di Me, verso la perfezione. Solo che sale in cima al monte può sapere quanto ha lasciato sotto di sé, quanti progressi ha fatto e di quanto si è liberato. Credi tu, umanità, che Io – perché sei così tanto sprofondato – Io non ti cercassi e ti salvassi dal tuo peccato? Qui avete la Mia Presenza, Io guarirò le vostre ferite ed asciugherò le vostre lacrime, vi consolerò nella vostra afflizione e vi accompagnerò nella vostra solitudine. Voglio tenere il dialogo con il vostro spirito per rendervi percettibile il Mio divino Bacio.

8. Il Mio Amore tirerà fuori dal pantano coloro che vi sono caduti e li salverà, perché anche loro sono usciti dal Grembo divino per adempiere una missione d’amore.

9. Riconoscete: Ogni volta che siete caduti in un errore cercate la morte, senza comprendere che siete stati creati per vivere. Voi rincorrete il calice della sofferenza, benché Io abbia seminato la vostra esistenza con alte gioie e vere Beatitudini.

10. Vedete, popolo, quanto è diversa la Mia Giustizia di quanto ve la immaginate, se avete creduto che il Mio Bastone da Regnante cadesse su di voi per cancellarvi, perché siete stati disobbedienti alle Mie Leggi. Ho chiamato coloro che si sono maggiormente macchiati, per dare loro bei compiti e nobili incarichi che li rendono nobili presso gli altri e che li preservano dai loro errori. Questa Opera benedetta dev’essere conosciuta attraverso azioni ed affinché siate di coloro che sono un esempio per altri, vi dovete preparare spiritualmente.

11. Io metto la Mia Parola che è Legge, Dottrina e Seme, nel vostro spirito, non nella vostra “carne”. Lo spirito è l’amministratore, il responsabile. Se quivi conservate questa Parola, non cadrà nel vuoto, non soffrirà falsificazioni.

12. Io sono l’Aurora che comincia a splendere in questo tempo e voi fate parte di coloro che si svegliano in questo inizio del giorno. Non è una nuova Luce, è la stessa che in tutti i tempo ha illuminato la vostra coscienza. La Voce che vi dice oggi: “Elevatevi a Me per mezzo della spiritualizzazione”, è la stessa che vi ha detto una volta: “Rimanete perseveranti nel bene e sarete salvati”, e che vi dice: “Amatevi l’un l’altro”. Questa via spirituale della quale vi parlo ora, è la stessa che in giorni lontani ho fatto riconoscere a Giacobbe, quando gli ho rivelato la scala alla perfezione. Quella Scala nel Cielo si trova davanti ad ogni anima come via che vi invita a salirvi. Il suo punto di partenza è questo mondo degli uomini, ma al di sotto ci sono ancora abissi che però non li ho creati Io. Verso l’Alto ci sono gradini in numero infinito come un livello che conduce in cima alla spiritualizzazione.

13. Chi sarà appena sul primo gradino? Chi nell’oscurità dell’abisso? Chi sul gradino più alto? – Questi sono Segreti che conosce solamente la Mia Giustizia.

14. Vi mando nel paese piano, nella valle, per cominciare là il vostro pellegrinaggio, e vi mostro all’orizzonte la montagna sulla quale dovete salire.

15. Vedete come questa Dottrina promuove la vostra anima, perché mentre la materia corporea si avvicina un poco di più al grembo della Terra con ogni giorno che passa, l’anima invece si avvicina sempre di più all’Eternità.

16. Il corpo è il punto d’appoggio nel quale l’anima riposa, finché abita sulla Terra. Perché permettere che lui (il corpo) diventi una catena che lega, oppure un carcere che tiene imprigionato? Perché permettere che esso sia il timone della vostra vita? E’ forse giusto che un cieco conduce colui i cui occhi vedono?

17. Sono Io che vi faccio conoscere la vita con tutte le sue fasi. Essa serve sia per la conservazione del corpo come anche l’anima. Chi adempie la Legge dello Spirito e le leggi umane, ha consacrato tutta la sua vita al Creatore.

18. Io Sarò il vostro Preparatore della via, quando state per arrivare nella Patria spirituale. Io vi precedo sempre. La vostra anima non deve mai cadere all’ozio, si deve sempre sforzare a fare un ulteriore passo sulla via del progresso spirituale, che è quello del perfezionamento.

19. Non accontentatevi nel dire: “Io credo nel Signore” – mostrate la vostra fede in ciò che fate. Non dite solo le parole: “Io amo il Padre” – mettetevi alla prova per sapere se Mi amate veramente.

20. Vi ho parlato, e la Mia Parola è Unzione. Con ciò vi ho nominati ad insegnanti.

21. Perché gli uomini continuano a disconoscerMi sempre di più, benché l’intelletto umano sia stato illuminato attraverso nuovi progressi? – Perché hanno badato a curare solo l’albero della scienza? Così hanno trascurato il perfezionamento dell’anima.

22. Una volta vi ho detto: “Vegliate e pregate, affinché non cadiate in tentazione”. Persino la preghiera che è la lingua che lo spirito usa per parlare con il suo Signore, è stata dimenticata. E’ una lingua sconosciuta per gli uomini di questo tempo.

23. Quando una volta sentono il bisogno di pregare, non trovano parole per esprimersi nei Miei confronti. Nonostante ciò Io comprendo perfettamente ciò che ognuno chiede, senza che servano parole o persino pensieri. Quando però il Mio Spirito risponde loro, non Mi comprendono, perché non si sono preparati. Allora è la Voce del Maestro che dovrebbe essere loro confidenziale, è per loro sconosciuta.

24. Se la preghiera che ho insegnato all’umanità, fosse stata impiegata di cuore puro, gli uomini avrebbero raggiunto di generazione in generazione ogni volta una spiritualizzazione superiore per sentire la Mia Voce. Allora servirebbe a loro il collegamento spirituale con il Divino in questo tempo a creare un mondo più amorevole, più giusto e più vicino alla realtà che quello che hanno creato con il loro materialismo.

25. Perché avete creduto che lo spiritualismo (la Dottrina della spiritualizzazione) sia qualcosa che si opponga allo sviluppo della vostra vita materiale? Quando ho condannato la vostra scienza, quando veniva impiegata per il bene dell’umanità? Se qualcuno osasse ad affermare questo, non sarebbe giusto verso il Padre suo.

26. Attraverso la spiritualizzazione si ottiene un grado di elevazione che rende all’uomo possibile ricevere idee dell’aldilà di ciò che il suo intelletto può presagire ed avere potere sul materiale.

27. Riflettete una volta: Quando l’elevazione spirituale dell’anima viene trasmessa nello studio alla Creazione materiale che vi presenta la natura, oppure in una qualsiasi altra meta umana, allora vi potete immaginare i frutti che potreste raccogliere, se le vostre scoperte non fossero solo da attribuire alla ricerca con l’intelletto, ma se ne prendesse parte anche la Rivelazione spirituale che vi darebbe Colui il Quale ha creato tutto.

28. Vegliate e pregate, ve lo dico ancora una volta, affinché impariate a riconoscere la Mia Voce, affinché venga a voi la Mia Ispirazione e la possiate comprendere, perché sono molte le ore di Lezione che vi ho ancora da dare.

29. Io vi salvo dal vostro naufragio. Io sono il Segnale luminoso che risplende nell’oscurità. CercateMi, confidate in Me, ed Io vi aiuterò a trasformare la vostra vita in un mondo di pace, della virtù e dell’elevazione spirituale.

30. Condividete con Me la Gioia che colma il Mio Spirito ogni volta quando piantate uno di quegli alberi che devono donare agli uomini la loro ombra. Sette luoghi di assemblee hanno aperto le loro porte nell’attuale anno 1944 come un rappresentanza dei sette che ha fondato Roque Rojas nel 1866. Se però quei sette si sono divisi e non hanno saputo vivere in sintonia, voi invece dovete eseguire il vostro incarico obbediente e fraternamente. Prendete come esempio il sesto luogo di assemblee dal quale siete proceduti voi e rimanete fedele ai Miei Comandamenti. Formate dai sette un'unica ombra protettrice e date a tutti gli stessi frutti. Prima ancora che dai vostri cuori sorga il voto di seguire Me, Io vi esamino, vi purifico e vi fortifico, affinché il vostro proposito sia infrangibile e la coscienza vi dica che questo è il voto era stato scritto davanti all’Arca del nuovo Patto.

31. Il Patto che concludete con Me, non è un impegno terreno, è un incarico spirituale che eravate pronti ad accettare dal Padre vostro – da Colui il Quale ha fatto tutto ciò che è creato. Io vi insegno ad adempiere la vostra missione spirituale. Vi raccomando però anche urgentemente ad adempiere ogni obbligo ed ogni promessa che avete deposto in cose umane, affinché vi riconosciate nella veridicità del vostro spirito e nella sincerità del vostro cuore. Lasciate essere il vostro sì sempre un “sì” ed il vostro no sempre un “no”. Allora si confiderà che le vostre decisioni rimangano sempre salde. Non infrangete mai un patto santificato come lo è quello del matrimonio, della genitorialità e dell’amicizia.

32. Se il rinnegamento di impegni e promesse umani hanno per conseguenze così grandi sofferenze – che cosa succederà quando voltate le spalle ad una missione spirituale per la quale vi siete obbligati verso il vostro Signore? La Mia Causa esige bensì delle rinunce e sacrifici, ma Io vi dico contemporaneamente, che è l’Ideale che non delude nessuno che lo insegue. Chi raggiunge la meta, otterrà l’immortalità. Adesso Io vi dico: Studiate a fondo la Mia Parola, affinché non formiate sulla Terra gruppi isolati. Raggiungete un tale grado della comprensione e della preparazione che vi permette di vivere spiritualmente con tutti, e non separati. La Mia Dottrina non vuole una semenza della contesa.

33. Si sta avvicinando il tempo nel quale si affermeranno la Verità, la ragione e la Luce contro il potere, violenza e paura. Allora l’uomo potrà dire come Cristo: “Il Mio Regno non è di questo mondo” e riconoscerà che i beni terreni sono perituri – senza disconoscere nulla di ciò che è creato ed usi tutto nella giusta misura. Comprendete che il vero potere è nello spirituale, che il potere della Terra, le sue vanità, le sue magnificenze e lo splendore della sua scienza, per quanto il loro dominio possa anche durare, soccomberà in vista dell’Eternità.

34. L’umanità a subito molte delusioni attraverso il tendere a falsa grandezza, ed in Verità vi dico, subirà ancora altre, maggiori. Che cosa succederà con gli uomini quando la loro coscienza – che è il loro giudice – li risveglierà ed osserveranno le loro opere? Il loro dolore sarà orrendo, grande il loro pentimento, ed allora la loro reazione sarà a cercare una via spirituale per espiare le loro trasgressioni. Questo tempo sarà forgiato da eccentricità religiose che raggiungeranno il massimo livello del fanatismo. A ciò seguiranno le lotte e le “battaglie” fra le comunità e sette religiose. Voi però dovete rimanere vigili e non aspettare finché sia il rumore di quella lotta che vi sveglia spaventandovi, perché allora non saprete dove sono le vostre armi per combattere. Vedete, come sto attualmente aumentando il numero di questi luoghi di assemblee – che Io chiamo simbolicamente “alberi” – affinché i loro rami si estendano ed offrano i loro frutti.

35. Attualmente sto erigendo il tempio del Santo Spirito. Quando però sarà edificato, non ci saranno più case di assemblee, chiese o luoghi di pellegrinaggi, oppure avranno perduto la giustificazione della loro esistenza, insieme con i simboli religiosi, i loro riti e tradizioni. Allora sentirete la Mia Grandezza e la Mia Presenza, riconoscerete come chiesa l’Universo e come culto religioso l’amore per il prossimo. Dal grembo della madre natura sorgeranno nuove conoscenze che faranno della vostra scienza una vita del benessere, perché verrà portata sulla retta via dalla coscienza – che è la Voce di Dio.

36. Il cervello non sarà più il padrone del mondo, ma il collaboratore dello spirito il quale lo condurrà e lo illuminerà.

37. In questi tempi nei quali sono fuggiti dai cuori degli uomini l’amore e la misericordia, il Padre vi dice: Rilassatevi e non preoccupatevi.

38. Vi ho esaminati in tutti i tempi e più ancora in quello presente. Vi siete chiesti qual è il motivo dei vostri dolori. Elevate il vostro spirito per parlare con Me e Mi dite: “Le mie sofferenze sono più grandi che quelle dei miei prossimi”. No, figli Miei, la guerra con tutte le sue conseguenze non ha raggiunto la vostra nazione. Altri soffrono più di voi. Quando sentite dolore, allora perché portate il peso di una grande responsabilità e perché condividete il dolore altrui. Quando soffrite per via di loro, allora siate benedetti, perché la vostra opera porterà buoni frutti. Operate fra gli uomini, e la Mia Parola vi incoraggerà in ogni tempo.

39. Sentite che il Giudice vi è molto vicino in questo tempo, ed ognuno si sente pronto per dare giustificazione del suo lavoro. Entrate nel raccoglimento interiore, indagate il vostro cuore ed aspettate che la voce della vostra coscienza vi indichi i vostri errori. Io però vi dico: Ho visto che avete messo nelle vostre opere il vostro spirito ed il vostro cuore, che qualche volta avete fatto più del vostro dovere e siete andati fino alla scarificazione per adempiere le Mie Indicazioni. Per questo vi benedico; ma in Verità Io non ho preteso nessun sacrificio da voi. Ci sono opere che Io farò per voi, perché sono al di là delle vostre possibilità. Voi dovete solo pregare ed avere fiducia.

40. Oggi che Mi annuncio agli uomini, trovo che sono cambiati loro stessi e le loro usanze e per comprendere e seguire Me si devono sforzare molto. Il peccato si è moltiplicato e l’ambiente è contaminato. Le cattive influenze si diffondono e causano confusione, offuscano la mente ed il cuore ed in mezzo a questa atmosfera lotta “il popolo Israele” per ottenere la sua liberazione ed aiutare l’umanità. I vostri meriti saranno più grandi se lavorate pazienti ed umili per la Mia Opera e vincete le difficili condizioni di vita che state subendo.

41. Quando vi sentite preparati per parlare della Mia Dottrina, allora fatelo. Se non avete ancora conquistato nessuna chiarezza e la vostra parola non ha nessuna forza di convinzione, allora prendetevi più tempo. Continuate ad ascoltarMi fino ad aver fatta propria la Mia Istruzione.

42. Ci sono molti che – benché abbiano sentita la Mia Parola tramite l’organo d’intelletto umano - non Mi hanno né creduto né si sono convinti! Quanti altri dubiteranno di voi se non vi preparate! Il mondo verrà a voi con le sue armi, con le sue teorie e se poi non siete preparati, sarete deboli. Sarete interrogherati in modo impietoso, vi domanderanno come avete ricevuta la Rivelazione della Mia Venuta, in quale modo avete ottenuta la Mia Dottrina, e dovrete rispondere ad ognuna delle loro domande. Dovete benvolere ed essere indulgenti, dovete cercare nel modo più semplice di spiegare la Verità della Mia Parola, far loro comprendere il suo senso ed assisterli, affinché possano trovare l’illuminazione.

43. Io vi lascio la Mia Pace, godetela, gioite della stessa per quanto ve lo permette la vostra vita, perché il Regno della Pace non è ancora disceso agli uomini; ma Io vi ho portato l’antidoto per ogni male e vi prometto nell’adempimento della Mia Parola dei tempi passati, che la pace sorgerà come una raggiante aurora ed illuminerà la vostra anima e che non rimarrà nessuna traccia di questo tempo di dolori.

44. Si sta già avvicinando il tempo nella quale nuove generazioni piene del Benvolere divino abiteranno sulla Terra e che porteranno con sé una missione santificata. Allora la Mia Parola si adempirà che vi dice: “Gli ultimi saranno i primi ed i primi gli ultimi”. Ognuno adempia il suo compito nel tempo della sua vita, perché non sapete se Io vi concedo di ritornare nel tempo di pace.

45. Senti il Mio Conforto, umanità. Vivete in Me e non temerete le durezze delle prove.

46. Maria, la vostra intercessora, vi benedice. Anche Io vi benedico.

47. La cristianità dimentica sovente le Opere spirituali di Gesù, perché attribuisce maggiore importanza alle Sue Azioni materiali. Per esempio scambia la Sua povertà umana con la Sua Umiltà ed il Suo dolore corporei con la vera Passione che Egli ha vissuto nello Spirito. E crede che il Suo Sangue corporeo sarebbe ciò che ha lavato i peccati del mondo, mentre dimentica che il vero Sangue, che è Vita eterna per l’anima, è l’Essenza della Sua Parola.

48. Il Maestro vi dice: Se quel Corpo avesse avuto un motivo di abitare per sempre fra voi, allora Il Padre lo avrebbe protetto dal suo carnefice; oppure se esso – dopo che era morto – fosse stato di utilità in un qualunque modo per la vostra salvezza, allora Egli ve lo avrebbe lasciato. Dopo che però il Suo Compito era terminato sulla Croce, i vostri occhi non lo hanno più potuto vedere, affinché cercaste presso il divino Maestro ciò che dovevate accogliere da Lui: la Sua Parola, le Sue Opere, la Sua Umiltà e tutti i Suoi Esempio del perfetto Amore.

49. Dopo che quella figura umana era scomparsa dalla Terra, rimaneva nella coscienza solo la divina Essenza della “Parola” che parlava da Gesù. E questo che dovete desiderare: l’Essenza, il senso spirituale di quel Messaggio di Vita ed Amore.

50. Smettetela di onorare il Padre vostro mediante forme di culto materiali, affinché impariate ad amarLo direttamente con lo spirito.

51. Quando qualcuno ha chiesto a Gesù: “Sei Tu il Re?”, il Maestro ha risposto: “Perciò sono venuto”. Tutti però dubitavano – in considerazione della povertà dei Suoi abiti – che Costui potesse Essere un Re. Nessuno sospettava dietro alla modestia di quell’Uomo la Maestà di Colui Che parlava, né qualcuno ha supposto nella profondità di quella Parola la Promessa di un Regno di Pace, di Amore, di Felicità e di Giustizia.

52. Lo sguardo umano rimane sempre attaccato alle esteriorità. Non penetra più a fondo, e perciò arrivano le interpretazioni ingiuste e false degli uomini.

53. Sapete voi che Gesù allora veniva interrogato, insultato e persino del tutto rifiutato? Sapete voi che nemmeno i Suoi propri discepoli sapevano dire chi Egli era, quando lo si chiedeva loro? Nello stesso modo il mondo in questo tempo si chiederà Chi è Colui il Quale vi ha parlato, e molti negheranno che è stato il Cristo il Quale ha tenuto con voi il dialogo. Allora alcuni dei Miei discepoli si confonderanno e si chiederanno Chi ha parlato a loro, se sia stato il Padre, “La Parola” oppure lo Spirito Santo. A ciò Io vi dico che proprio come la Verità è l’unica, così è anche l’Essenza divina è una unica che vi ho dato nel corso dei tempi, sia che la chiamate Legge, Dottrina oppure Rivelazione.

54. Chi ha amato questa Verità ed ha seguito questa Luce, ha amato il Padre suo e Lo ha seguito.

55. Il discepolo forgiato spiritualmente deve sempre cercare l’Essenza delle Mie Opere, affinché scopra la Verità nei Miei Messaggi divini. Allora sperimenterete quanto sia facile scoprire il profondo senso di tutto ciò che gli uni avvolgono in misteri e gli altri complicano attraverso dogmi teologici.

56. Spiritualizzazione significa semplicità. Perché allora rappresentare complicato ciò che è così semplice, chiaro e trasparente come la Luce?

57. In questo tempo vi siete messi alla ricerca della Mia Parola per spegnere la vostra sete di Giustizia e di Amore. Mi ascoltate come buoni discepoli e guardate attentamente le pagine del Libro delle Istruzioni che passano davanti a voi. Voi siete gli eletti, non siate sorpresi se Io vi do questi Ammaestramenti. Non siete però gli unici privilegiati. Nella Mia Opera dell’Uguaglianza e dell’Amore ho provvisto tutte le anime con preziose caratteristiche. Voi che siete stati chiamati prima, non dovete credervi migliori. Preparatevi solo interiormente per poter adempiere il vostro compito e per essere compresi dai vostri prossimi e loro vi seguano.

58. Mi avete sempre cercato per ringraziarMi per i Benefici che vi ho concessi. Ed è il Mio Spirito che non eravate in grado di vedere, che vi parla chiaramente in questa attuale forma. Non permetterò che i portatori della Voce dei quali Mi servo, mentano. Mi farò notare nella loro coscienza ed a motivo della pace che sentono nel cuore, sapranno che il loro lavoro è compiacente.

59. Io adempirò il vostro desiderio secondo il progresso. Metto tutti all’inizio della via affinché comincino l’opera del giorno.

60. Riconoscete che il motivo della Mia Venuta da voi è il Mio Amore per l’umanità. Sono venuto nello Spirito per adempiere la Mia Promessa.

61. Una volta vi ho detto: “Chi conosce il Figlio, conosce il Padre”. Vi ho dato testimonianza di Me. Nel tempo odierno chiarisco con la Luce del Mio Spirito ciò che era un mistero per l’umanità. Vi illumino, affinché uniate in un unico Libro i Comandamenti di Geova, la Parola di Gesù e le Rivelazioni che il Mio Santo Spirito vi dà in questo tempo e che confermiate che Io sono venuto da voi per testimoniare la Mia Verità nei Tre Tempi.

62. La Mia Parola dai tempi antecedenti non è stata giustamente interpretata, ma il seme si trova nelle anime e là viene da Me curato.

63. Israele può parlare con il suo Dio da un alto livello spirituale. Venite a Me, e quando avete dei dubbi, chiedete. Era la Mia Volontà che rimaniate in costante contatto con Me, ma nel desiderio della spiritualizzazione siete capitati in esaltazione e fanatismo. La Mia Volontà però è che comprendiate la Mia Parola che in tutte le vostre azioni consiglia semplicità e purezza.

64. Oggi venite qui in piccolo numero per ascoltarMi, ma le legioni spirituali che si schierano intorno a Me in queste Comunicazioni, sono incommensurabilmente grandi. La Mia Parola è come un’Acqua purificante che purifica tutti. Io vi istruisco, affinché sentiate la vostra responsabilità e non Mi diciate più tardi: “Non sapevo quello che facevo, mi è mancata l’illuminazione, i miei genitori non mi hanno dato nessun consiglio, la mia casa era un luogo di lite”. – Ho visto che i figli disconoscono i loro genitori, che i genitori non danno un buon esempio ai loro figli, che i fratelli si combattono reciprocamente, e così vi domando: Quando sarete d’accordo fra voi? Vi ho sempre mandato sulla Terra degli esseri virtuosi per consigliarvi e per stimolarvi al progresso spirituale nel vostro mondo.

65. Se siete coniugi, allora rendetevi conto che l’uomo e la donna che si sono uniti in matrimonio, devono fare un tempio della loro casa per provvedere in essa ai loro figli e li possano educare. Non lasciate a loro una eredità di sofferenza. Ogni singolo troverà sulla via della sua vita una giusta ricompensa per le sue opere.

66. Come voi cercate di piacere ad un amico, cercate di piacere anche a Me. Supplicate, chiedete, ed Io vi darò. Vi ho creati per la Gioia del Mio Spirito e Mi prepara Soddisfazione concedervi ciò che vi aiuta nel vostro sviluppo.

67. La tentazione vi infonde odio, e l’uomo che è debole per natura, causa un danno distruggente nel cuore dei suoi prossimi. Io vi domando però, quale diritto avete di distruggere ciò che Io ho creato? In questo tempo l’umanità non compie opere che Mi siano compiacenti; ma la Luce del Mio Spirito vi illumina e vi prepara per combattere il male. Io vi esorto a gettare via da voi tutto ciò che è nocivo, tutto ciò che vi fa ricadere nel vostro sviluppo.

68. Fortificatevi in Me. Nutritevi della Mia Parola per non avrete mai più fame. Oggi avete un banchetto alla Mia Tavola, gustate il Mio Pane e vi ricorderete sempre che il Maestro ha seduto alla Sua Tavola i Suoi discepoli, ha parlato con loro e li ha nutriti per una Eternità. Vi ho detto che ogni volta che Mi invocate con cuore puro, Io sono con voi. Ho sentito la vostra preghiera di richiesta e perciò sono disceso. ContemplateMi con gli occhi della fede che ho preparato. Mi trovo davanti a voi e vi ho resi degni della Mia Presenza. RiconosceteMi nella Verità della Mia Parola. Questo è il Grembo dal quale vi siete allontanati. Se però il mondo vi allontana da Me, allora dovete fare uno sforzo per ritornare, e questo Cuore amorevole sarà sempre aperto per accogliervi.

69. Come sono venuto da voi nel Secondo Tempo come Segno dell’unione con gli uomini e poi sono ritornato come Padre, sono venuto oggi per un tempo; ma il Mio Raggio universale verrà trattenuto nel 1950. Perciò vi ho detto che non avrete più questa Comunicazione dopo quell’anno. Allora vi dovete unire con Me da spirito a Spirito, e la Mia Grazia verrà sul vostro cuore. Verrà il giorno nel quale Mi sentirete molto vicino, voi cuori sobri del Mio popolo. Servite Me, mentre servite i vostri prossimi. Diventate medici e quando la vostra attività d’amore viene ricompensata con un sorriso, allora siate soddisfatti. Io registrerò le vostre opere nell’aldilà.

70. Amate Maria, la vostra amorevole Madre, cercatela spiritualmente. Non mettete nessuna immagine davanti a voi per sentirla vicino a voi. / Lei è l’Amore materno di Geova che avete veduto rivelarsi in tutti i tempi. Lei è la vostra divina intercessora. Amatela, affinché Io le possa dire nuovamente: “Madre, questo è tuo figlio!”

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 127  (annunciata il 1° gennaio 1945)

 

1. Chiudete i vostri occhi corporei con questa Comunicazione, perché è il vostro spirito al quale voglio parlare.

2. Vi ho promesso di ritornare e così non ho potuto fare altro che Essere presente con voi in questo appuntamento spirituale.

3. Abbiate la pace, affinché Mi ascoltiate attentamente e permettiate che lo Scalpello della Mia Parola possa formare la vostra anima.

4. Avete camminato molto alla ricerca di un luogo che vi potesse donare la pace e non lo avete trovato; e quando siete venuti per la prima volta in queste modeste sale delle assemblee per sentire la Mia Parola, non vi siete immaginati che in queste – misere e semplici – avreste trovato la pace che avevate tanto bramato.

5. Voglio conquistarvi per Me attraverso l’Amore. Perciò vi do questa Istruzione ed affinché tramite questa istruiate i vostri prossimi, i viaggiatori, i viandanti con la stessa cura ed amore, con cui ho accolto voi.

6. Non di pane soltanto vive l’uomo, perché in lui ci sono fame e sete che non vengono dal corpo e per calmarle, deve cercare l’acqua ed il pane spirituali. E’ però necessario che vi visiti il dolore, affinché comprendiate le Mie Istruzioni.

7. Alcuni Mi domandano: “Signore, l’amore umano è forse inammissibile ed abominevole dinanzi a Te, ed approvi solamente l’amore spirituale?”

8. No, popolo. Allo spirito spettano bensì i sentimenti più alti e più puri dell’amore, ma ho posto anche nel corpo umano un cuore affinché ami, e gli ho dato i sentimenti, affinché amasse attraverso gli stessi tutto ciò che lo circonda.

9. Ho affidato la vita umana agli esseri spirituali, affinché dovevano vivere sulla Terra, ed una volta qui, dimostrare il loro amore per Me. A questo scopo ho diviso gli esseri umani in due parti ed ho dato all’uno la caratteristica più forte e all’altra quella più debole. Queste parti erano l’uomo e la donna. Potevano essere forti e felici solo uniti e per questo veniva istituito il matrimonio. L’amore umano è benedetto da Me, quando è stimolato dall’amore dello spirito.

10. L’amore le cui radici giacciono soltanto nel corporeo, è proprio degli esseri irragionevoli, perché a loro manca una coscienza che illumina la loro via. Inoltre vi dico che dalle buone unione devono sempre procedere buoni frutti ed in loro vengono incarniti spiriti della Luce.

11. Ora è tempo che tu purifichi il tuo seme, o popolo, affinché formi una famiglia che è spirituale e forte fisicamente. ComprendeteMi, figli Miei, affinché interpretiate in modo giusto la Mia Volontà, perché si sta già avvicinando l’anno 1950 e non dovete dimenticare che è quello che ho descritto come l’ultimo della Mia Comunicazione. Io voglio che in quel giorno Io vi trovi preparati, perché solo coloro che hanno raggiunto questa preparazione, potranno permanere saldi nelle loro posizioni. Saranno loro che nel futuro daranno la vera testimonianza di Me.

12. Ricordatevi che solo coloro che si sono potuti spiritualizzare, possono far conoscere la Mia Opera, perché coloro che non si sono preparati per la nuova forma del contatto – come potrebbero avere la necessaria ispirazione per ricevere i Miei Pensieri e trasmettere i Miei Messaggi?

13. Io voglio che tutti voi raggiungiate questo progresso, affinché la vostra testimonianza sia per il bene dell’umanità. Vedete, se gli uni pensassero in un modo e gli altri in un altro, porterebbero solo confusione all’umanità.

14. L’Essenza di questa Parola non è mai cambiata fin dall’inizio della sua Comunicazione, quando ho parlato a voi attraverso Damiana Oviedo. Il contenuto della Mia Dottrina è sempre stato lo stesso.

15. Dov’è l’Essenza di quelle Parole? Che cosa è successo con essa? Sono nascosti gli Scritti di quei divini Messaggi, che erano i primi in questo tempo, nei quali la Mia Parola era stata abbondantemente diffusa fra di voi. E’ necessario che queste Istruzioni vengano alla Luce, affinché domani siate in grado di testimoniare, come era all’inizio di questa Comunicazione. Così imparerete a conoscere la data della Mia prima Istruzione, il loro contenuto e quello dell’ultima, che vi porterà l’anno 1950 – l’anno descritto, con il quale deve terminare questo tempo di Rivelazione.

16. Oggi non sospettate ancora il caos che sarà nell’umanità, dopo che la Mia Parola avrà taciuto, non vi potete ancora immaginare la tempesta che scatenerà un tale avvenimento fra le nazioni. Dovete badare al fatto che la vostra responsabilità diventerà ogni volta più grande, perché con ogni nuovo tempo raggiungerete sempre più illuminazione. La vostra eredità è già grandissima, ed è assolutamente necessario che ne facciate parte i vostri prossimi, i bisognosi, prima che lasciate questa Terra.

17. Rendete sensibili i vostri cuori per comprendere la Mia Parola, perché non l’avete ancora compresa. Come volete allora poter ricevere ed afferrare la Mia Parola, se domani ve la darò attraverso l’Intuizione?

18. Unitevi nella Verità e nello spirito, e non dividetevi nemmeno nelle più grandi prove. Con voi sono stati un unico Dio, una unica Volontà ed una unica Parola. Perciò nel futuro non potranno comparire differenti Indicazioni che queste che vi sono state date attualmente.

19. Qualcuno oserà a disdegnare la Mia Volontà? Questo significherebbe che sorgerebbero disaccordo ed animosità nel grembo di questo popolo, perché mentre gli uni si atterrebbero saldamente alla Verità, gli altri userebbero parole false per allontanare le comunità dalla vera via.

20. Non diventare debole, popolo, ricordati in ogni momento che ti ho chiamato “forte”. Se non ho ingannato la vostra fede e vi ho dimostrato che il contenuto della Mia Parola è immutabile – come potreste ingannare i vostri prossimi mentre dareste loro un cattivo esempio? E’ tempo che prepariate ciò che dovete lasciare alle future generazioni.

21. Molti Mi dicono nel loro cuore: “Maestro, prevedi forse che Ti diventiamo infedeli? Come sarebbe possibile?” Ed Io vi rispondo lo stesso che ho detto ai Miei apostoli nel Secondo Tempo. “Vegliate e pregate, affinché non cadiate in tentazione”, perché tutti voi sapete che fra quelli c’era uno che Mi doveva tradire e vendere, e non sapete chi lo farà in questo tempo, benché si chiami Mio discepolo.

22. Il Mio Spirito vi chiama, la Mia Voce viene ai vostri cuori come Maestro e lo Spirito del Padre vostro Celeste Sarà sempre intorno a voi, vi cercherà per accarezzarvi.

23. Io sono il Sommo Grado a Cui deve tendere ogni spirito, perché chi Lo raggiunge, saprà contemplare tutta la bellezza della Creazione e la Magnificenza delle Opere del Padre suo.

24. La Mia Parola elabora i vostri cuori come con uno scalpello, forma la vostra anima finché li ha resi simili alla Luce del Mio Spirito.

25. Pensate che non vi trovate davanti a cervelli confusi, ma davanti a Colui il Quale vi dimostra la Perfezione e la Verità del Suo Spirito. Vi ho portato più vicino all’Albero della Vita dove ai suoi rami pendono i buoni frutti. Oggi vi è una Festa nella Mia Casa, molti sono alla Mia Tavola. Quali dei presenti Mi volteranno domani le spalle? Io soltanto lo so.

26. Ognuno che cerca una eredità spirituale, venga alla Mia Tavola, si sieda presso di Me e mangi di questo Pane, affinché, quando si alza, si senta come proprietario della Mia Pace ed il suo spirito diventi un ulteriore anello della catena dell’amore che sto attualmente formando e con la quale unisco i Miei figli.

27. Venite, venite qui e bussate alle Mie Porte. Venite qui, voi reietti, mangiate e vestitevi, ma poi andate sulle Mie Orme. Imparate a conoscere le Leggi che erano state rilasciate da Me, ed adempitele, affinché non beviate il calice dell’amarezza. Comprendete: Chi si allontana dalla via perfetta, si allontana dal Mio Regno ed è in pericolo di trovare la morte.

28. Io vi do più di quanto ognuno possa aver bisogno. Perché? Affinché diate ai vostri prossimi del molto che vi ho affidato. Spiritualizzatevi però, affinché non vi commuovano solo le sofferenza che vedono i vostri occhi, ma anche quelle che sono al di là dei vostri sguardi, perché non si trovano al di fuori del campo della vostra attività d’amore. La vostra sensibilità non si deve nemmeno limitare a sentire le sofferenze degli esseri di questo mondo. No, dovete anche presagire quando vi si avvicina invisibilmente una anima nel desiderio dell’amorevole aiuto. In questi casi sarà solo la spiritualizzazione a rivelarvi i suoi bisogni.

29. Quale Gioia colmerà il Mio Spirito quando vede che la corrente della vita che è proceduta dal Mo Seno, scorre da uno all’altro, calma la loro sete e li lava puri dalle loro impurità.

30. Utilizzate la vostra vita, perché è breve; un anno è come un attimo che si perde nell’incommensurabilità del tempo. Seguite volenterosi l’Intento del Padre e non sprecherete nemmeno un prezioso attimo della vita che vi era stata affidata.

31. Vi ho detto che il Mio Compiacimento è terminato e che dovete riflettere a fondo per comprendere ciò che Io vi voglio dire. La Tolleranza che ho avuto con la vostra vita egoistica e materializzata, ha raggiunto il suo limite. Ciononostante vi darò un nuovo Benvolere, ma questo sarà del genere spirituale.

32. Il Libro è aperto, l’ho aperto Io. Le sue pagine vi mostreranno costantemente il Contenuto divino.

33. Il Mio Sguardo vi abbraccia in questi momenti nei quali giunge a Me la vostra preghiera. Sul vostro spirito è discesa la Mia Luce come Padre, come Maestro e come Giudice. Sì, popolo, perché è il giorno nel quale Io vengo per accogliere i vostri doni di sacrificio, per domandarvi quale è il frutto delle opere che Mi mostrate oggi.

34. Il vostro spirito tace, il vostro cuore si ferma brevemente e la vostra coscienza assiste al vostro giudizio.

35. Non vi considero più come piccoli bambini, perché siete anime grandi che sono state poste da Me fin dal Primo Tempo sulla via del perfezionamento spirituale. Perciò vi ho chiamati i primogeniti e fatto di voi affidatari ed eredi del Mio Spirito. Perciò ora esigo da voi la giustificazione e vi domando che cosa avete fatto con la vostra anima ed anche con questo corpo che vi era stato affidato come strumento. In questo Terzo Tempo vi ho inviati con la difficile missione a far conoscere la Luce del Sesto Sigillo, ed affinché si radunino intorno a voi le grandi schiere che devono formare il Mio popolo. Mi sono annunciato attraverso l’intelletto umano per istruirvi e per prepararvi ed ho stabilito come fine per questa Comunicazione l’anno 1950. Rimanete consapevoli di questo, perché questo giorno si sta avvicinando e vi dovete esaminare nel tempo giusto alla Luce della coscienza, affinché sappiate se avete utilizzato o no il tempo affidatovi.

36. Vi ho concesso la Grazia del contatto con il mondo spirituale della Luce, affinché vi alleviasse il giorno del lavoro ed ho inviato Elia prima di voi, affinché vi aprisse la via e vi incoraggiasse nelle prove. Vi ho inviato l’Angelo della Pace, affinché sentiste la sua influenza che vi proteggesse contro la minaccia di guerra e delle forze scatenate della natura.

37. Io parlo a voi come Padre; ma non cercateMi come Giudice. Vi amo e vi ho aspettato a lungo; ma non dimenticate che il Mio Giudizio sull’Universo sarà inesorabile e che dovete essere uniti in Me, per portare ovunque la Parola del Maestro.

38. Se cercate pace e felicità e se volete avere un diritto alla salute ed al benessere, allora riconoscete che potete ottenere questi Doni di Grazia solamente, se amate i vostri prossimi, perdonate a coloro che vi offendono e dividete il vostro pane con i bisognosi – quel Pane inesauribile dello Spirito, che vi ho dato in sovrabbondanza.

39. Siate spiriti della pace in questi tempi di guerra, nei quali la vostra preghiera dev’essere come un mantello della fratellanza che si distende su tutto il globo terrestre.

40. Io osservo la Terra arrossata con il sangue umano e gli uomini che non cessano con i loro crimini. Attirate la Mia Pace sul mondo, perché altrimenti avverrà la Mia Giustizia di nazione in nazione, ed anche voi dovrete rispondere dinanzi a Me per via della vostra mancanza di amore per il prossimo.

41. Non voglio vedervi dinanzi a Me come accusati, vi voglio considerare sempre come figli Miei per i quali il Mio Amore di Padre è sempre pronto ad aiutare. Vi ho creati per la Magnificenza del Mio Spirito ed affinché vi ristoriate in Me.

42. Io non Mi fermo a vedere le vostre trasgressioni, né voglio osservare il vostro peccato. Voglio vedere in voi la premessa ed il fervore spirituale all’interno della Mia Opera.

43. Imparate ad amarMi spiritualmente, come Io amo voi e cancello le vostre macchie d’onta attraverso il Mio Perdono. Se questa vita nella valle di lacrime è per voi una condanna, allora piangete e create sollievo al vostro dolore presso di Me, prendete nuovo coraggio, perché in ciò si purifica la vostra anima. Portate la vostra croce con pazienza ed elevazione e lasciate splendere nel vostro cuore la fiamma della fede e della speranza.

44. Guardatevi intorno ed osservate l’umanità orfana della pace. Perdonatela, se da voi dovessero essere percepibili le conseguenze della guerra.

45. Io benedico coloro che hanno perseverato nelle prove che Io ho mandato loro, Io benedico coloro che hanno lavorato nella Mia Vigna. Io benedico le mani che hanno guarito i malati, e gli uomini e donne che si sono rinnovati moralisticamente. Io benedico i malati che Mi hanno benedetto nel mezzo del loro dolore, e tutti coloro che hanno ricevuto i benefici da attribuire alla Mia Provvidenza amorevole. Io non benedico però solamente colui che Mi ama o Mi riconosce, Io benedico tutti i figli Miei con lo stesso Amore.

46. E’ la Mia Volontà che eliminiate ogni fanatismo ed anche tutto ciò che è inutile nel vostro culto religioso, perché voglio trovare nel vostro spirito il vero santuario per la Mia Divinità.

47. Mettete il Mio Balsamo guaritore nei malati; ma se in tutta la vostra preparazione interiore ed amore per il prossimo non siete in grado di guarire alcuni di loro, allora lasciate la faccenda a Me ed Io Mi adopererò per questo. Io vi dico: Se qualcuno dei Miei discepoli dovesse raggiungere la perfetta spiritualizzazione, sarebbe come Gesù il Quale ha guarito i malati e risvegliato i morti con lo Sguardo, con la Voce, con la Volontà oppure attraverso il solo Tocco.

48. Discepoli, come Io sono disceso per ricevere il frutto di questo popolo, così prenderò il raccolto ed il tributo di tutto l’Universo, da tutte le forze della natura, da tutti i Regni, da tutti i mondi e dimore, da tutti gli uomini, esseri conosciuti e sconosciuti, dai più perfetti fino ai più lontani dalla perfezione. Su tutti effondo la Mia Luce e lascio loro sentire la Mia Presenza.

49. L’umanità vive spiritualmente nel Terzo Tempo. Ognuno però che non che cosa significa “Terzo Tempo”, deve studiare ed immergersi nella Mia Parola che vi dà grandi Rivelazioni; benché molto di ciò che dovete ancora imparare a comprendere, non lo imparerete a conoscere in questa vita, perché la vostra intelligenza non basta per comprenderlo. Quando entrate nella vita spirituale, vi darò nuove Rivelazioni.

50. In questo momento parlo alle nazioni della Terra. Tutte hanno la Mia Luce; con questa devono riflettere sul fatto di aver osato di disporre della vita come se ne fossero i proprietari. In Verità vi dico, la vostra distruzione ed il vostro dolore ha richiamato in molti un profondo pentimento ed ha risvegliato milioni di uomini alla Luce, che Mi cercano e Mi invocano, e da loro sale a Me un grido di lamento che chiede: Padre, la guerra sarà forse finita nel 1945, e non asciugherai le nostre lacrime e ci porterai la pace?

Profezia, ricevuta il 1° gennaio 1945

51. Sono qui presente fra voi, o voi sette nazioni! Sette capi che vi siete sollevati nel mondo dinanzi a Me!

52.. INGHILTERRA: Io vi illumino, la Mia giustizia verrà ancora pesantemente su di voi; ma Io vi do la forza, tocco il vostro cuore e vi dico: cadranno le vostre pretese di potere, le vostre ricchezze vi verranno tolte e non saranno date a nessuno.

 

53. GERMANIA: in questo momento Io visito la vostra superbia e vi dico: preparatevi, perché il vostro seme non andrà a fondo. Mi avete chiesto nuovi paesi, ma gli uomini si sono immischiati nei Miei alti Consigli. Io piego il vostro capo e vi dico: prendete la Mia Forza e confidate che Io vi salverò. Ma se non confidate in Me, e vi doveste dare alla vostra superbia, sarete da soli e schiavi del mondo. Ma questa non è la Mia Volontà, perché ora è il tempo nel quale rovescio i signori e libero gli schiavi e prigionieri. Prendete la Mia Luce e rialzatevi.

 

54. RUSSIA: Il Mio Spirito vede tutto. Il mondo non sarà vostro. Sarò Io Che governo su tutti voi. Non sarete in grado di cancellare il Mio Nome, perché Cristo che vi parla, regnerà su tutti gli uomini.

55. Liberati dal materialismo e preparati per una nuova vita, perché se questo non avviene, Io spezzerò la tua superbia. Vi consegno alla Mia Luce.

 

56. ITALIA: non siete più il padrone come nei tempi passati; oggi vi hanno rovinato scherno, schiavitù e guerra. In conseguenza al tuo agire vivi fino in fondo una grande purificazione. Ma Io ti dico: rinnovati, elimina il tuo fanatismo e servizio idolatra e riconosci Me come il Sommo Signore. Riverserò nuove Ispirazioni e Luce su di tei. Accogli il Mio Balsamo guaritore e perdonateti a vicenda.

 

57. FRANCIA: Porta davanti a Me il tuo dolore. Il tuo lamento arriva fino al Mio alto Trono. Ti accolgo. Prima ti sei elevato a padrone, adesso Mi mostri solo le catene che trascini con te. Non hai vegliato né pregato. Ti sei dato ai divertimenti della carne ed il drago ha fatto di te la preda. Ma Io ti salverò, perché i lamenti delle tue donne ed il pianto dei tuoi bambini penetrano in alto fino a Me. Ti vuoi salvare ed Io ti tendo la Mia Mano. In Verità ti dico: veglia e prega!

 

58. NAZIONI UNITE: in questo momento accolgo anche te. Osservo il tuo cuore – non è di pietra, ma di metallo, di oro. Vedo il tuo cervello indurito da metallo. Non trovo amore in te, non scopro nessuna spiritualità. Vedo solo mania di grandezza, ambizione e avidità.

59. “Continuate pure così”, ma Io vi domando: quando il Mio Seme farà profonde radici in voi? Quando abbatterete il vostro “vitello d’oro” e la vostra “torre di Babele”, per erigere invece il vero tempio del Signore? Io tocco la vostra coscienza dal primo all’ultimo e ti perdono. Io vi illumino, affinché nell’ora più difficile, quando la prova raggiunge il suo apice, non sia offuscato il vostro intelletto, ma pensi chiaramente e vi ricordate che Io vengo prima di voi

60. Vi do Luce, Forza e pieno potere. Non mescolatevi nei Miei alti Consigli, perché se non doveste obbedire alle Mie Indicazioni oppure oltrepassare il confine che Io traccio, verrà sui di voi dolore, distruzione, fuoco, epidemia e morte.

 

61. GIAPPONE: Io ti accolgo e ti parlo. Sono entrato nel tuo santuario ed ho osservato tutto. Non vuoi essere l’ultimo, hai sempre voluto essere il primo, in Verità però ti dico: questo seme non è compiacente a Me. E’ necessario che vuoti il calice di sofferenza, affinché il tuo cuore si purifichi. E’ necessario che la tua “lingua” si mescoli con altre “lingue”. E’ necessario che il mondo si avvicini a te. Quando il mondo sarà preparato e purificato, ti porterà il seme che Io gli ho consegnato. Perché non vedo nessuno preparato.

62. Non vedo in tei il seme spirituale della Mia Divinità. Ma Io aprirò la via. Presto ci sarà in tutto il mondo un caos di idee nell’Universo,, una confusione di scienze, opinioni e teorie, e dopo questo caos però giungerà a voi la Luce.

63. Io preparo tutti voi e vi perdono e provvedo che percorriate la retta via. Quando sarà deciso il momento e sulle nazioni verrà la pace, allora non siate contrari, ma non includetevi nei Miei alti Consigli, né opponetevi alla Mia Volontà. Quando le nazioni avranno fatto pace, non dovete tradirle, perché allora farò venire su di voi il Mio Giudizio.

64. Sette Nazioni! Sette capi! Il Padre vi ha ricevuto. Davanti a voi, sotto il vostro dominio sta il mondo. Siete responsabili per loro dinanzi a Me!

65. La Luce del “Libro dei Sette Sigilli” sia in ognuna delle nazioni, affinché gli uomini si preparino, com’è la Mia Volontà.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 128

 

1. Vi porto la Mia Parola che è una Scala che conduce nel Mio Regno. Se realizzate ciò che Io vi insegno, vi risveglierete ad una nuova vita. Ognuno che vorrebbe perfezionarsi, troverà per questa la via aperta. La Mia Voce vi chiama, perché voi tutti siete i Miei figli molto amati.

2. Venite a Me e possedete il Mio Regno. Venite, voi bambini e giovani, perché Mi rallegra ascoltare le vostre richieste. Voi donne sole, Io sono lo Sposo casto che vi vuole accompagnare; amati uomini, ascoltateMi. Vi vedo tutti vinti dalle prove, ma Io vi voglio rialzare da queste. Non siate sorpresi che vi cerco per questo. Non avete visto come nella Mia Provvidenza si riflette l’Amore? Avete anche visto come la Madre piange per amore per l’umanità? Il calice che state tutti bevendo, è molto amaro, ma vi purifica, perché queste lacrime che versate, sono come l’essenza che ha versato Maddalena quando ha unto i Piedi di Gesù. Adesso come allora, Io vi perdono i vostri peccati.

3. State passando attraverso il mondo mentre incontrate depravazione e dovete passarvi sopra senza sporcarvi. La Mia Forza vi sostiene, affinché non cadiate, perché senza questa diventereste deboli. Siate intelligenti, vegliate, pregate e diventate invincibili.

4. Vedo l’umanità povera, perché il potere che ha conquistato, è materiale. Nei confronti dello spirituale le opere materiali sono piccole, queste non renderanno immortale l’anima. Solo i meriti che vengono conquistati nella lotta per il bene, le daranno la Vita eterna e le renderanno forte.

5. L’orgoglioso crede di possedere forze, benché le visitazioni gli ricordano ad ogni passo che non è sovrano, che la sua “grandezza” è ingannevole. Usate la forza che Io vi do per l’esercizio del Bene.

6. Non mettete in dubbio le Mie Parole. Io vi porto un chicco di seme della fede, affinché lo coltiviate ed attraverso lo stesso impariate ad apprezzare i Miei Miracoli. Ho posto nel vostro spirito la Luce della coscienza, affinché conosciate le Leggi che Io vi ho date ed attraverso queste guidiate la vostra anima ed il vostro corpo. Nella Mia Istruzione troverete salute, pace e gioia. Perciò vi ho detto che, chi gusta di questo Pane, non avrà mai più fame.

7. Mi mostro a voi per farMi riconoscere e più tardi trasmettiate il sapere che vi consegno attualmente come eredità.

8. State vivendo nel presente e non sapete che cosa ho destinato per il vostro futuro. Preparo grandi legioni di esseri spirituali che abiteranno sulla Terra e porteranno con sé una difficile missione e dovete sapere che molti di voi sarete i genitori di quelle creature nelle quale saranno incarnati i Miei messaggeri. E’ vostro dovere prepararvi interiormente, affinché sappiate riceverli e guidarli.

9. La Terra è stata da Me preparata ed è così pura come Io l’ho creata. Se su di lei esiste qualcosa di male, allora è opera d’uomo. Quanto male hai creato attraverso il tuo peccato, umanità, anche se qualcuno potrebbe dire che non siete responsabili per ciò che è successo in tempi antecedenti. Io però vi rispondo: La vostra anima ha già abitato sulla vostra Terra in altri tempi, ha sbagliato e profanato la Terra. Sapete forse chi siete? Quanto vi dovete sforzare per rimettere all’umanità tutto ciò che avete negato alla stessa.

10. Quando siete stanchi, allora appoggiatevi al bastone della preghiera, perché attraverso la stessa riconquisterete la forza. Mentre sentite la Mia Parola, vi eleverete in regioni superiori da dove percepirete la Mia Presenza. Comprendete: Per adempiere la Mia Legge, non è sufficiente elevare l’anima per mezzo della preghiera – dovete anche fare opere dell’amore e della misericordia.

11. Si sta già avvicinando il momento nel quale questa Comunicazione sarà terminata. Rendetevi però sempre conto che il Mio Spirito non si allontanerà da voi.

12. Quando smetterò di annunciarMi in questa forma, sarà un segno perché questo tratto di tempo della preparazione sarà terminato. Sigillerò l’intelletto di coloro che Mi hanno servito, e darò loro una pausa di riposo nel grande periodo di lavoro e consegnerò una ricompensa a coloro che sono stati servitori obbediente nella Mia Vigna. Lascerò a loro la Pace del Mio Spirito. Continueranno però ad essere strumenti di una Rivelazione più alta.

13. Proprio come “La Parola” non è più diventata carne dopo che lo è stata in Gesù, questa Comunicazione del Mio Spirito non si ripeterà attraverso l’Uomo. Soltanto la Mia Luce continuerà a splendere dall’Infinito per guidarvi spiritualmente sulla vera via.

14. Badate a questa Luce e non smarrirete la retta via. Badate alle Mie Leggi, allora la fede e la fiducia nei Doni del vostro spirito saranno grandissime. Comprendete quali sono i pieni poteri di Maria, Gesù ed Elia, perché vi ho fatto prendere parte in questi.

15. Siate di lieto coraggio nel seguire i Miei Ordini, che non deve essere un sacrificio, ma piuttosto una gioia per il vostro spirito. Siate come piccoli bambini al fianco del loro padre, che confidano e sperano in lui.

16. Ho visto il popolo come prega per l’umanità, la ama e si ispira nell’Amore del Maestro. E’ grande anche il vostro dolore, ma proprio questo vi unirà e vi farà formare una vera famiglia. Io vi consolerò durante tutto il viaggio della vostra vita, finché arrivate nel Paese della Promessa.

17. La pace che sperate, verrà e sarà così grande come era stato grande il dolore. Verrà pure l’unione (di tutte le comunità dello Spirito), ma prima vi manderò degli Annunci che vi comunicano la vicinanza del tempo nel quale si adempiranno queste Profezie.

18. Siate i benvenuti voi che avete oltrepassato le soglie di una nuova era. Avete sentito il suono della campana benefica e vi siete radunati alla voce della sua chiamata, perché avete riconosciuto che è la Voce del Padre vostro che vi invita ad ascoltarLo. Questo desiderio e questa obbedienza hanno procurato che la Mia Voce, quando ha raggiunto il vostro cuore, è stata riconosciuta da voi.

19. Dato che non conoscete la durata che vi è data nella vita (terrena), è necessario in questo momento che vi incamminiate, perché per quanto sia anche lontana la via della vostra vita, sarà sempre piena di stimoli per farvi raggiungere la meta. In ogni tempo si è chiarito un segreto davanti ai vostri occhi. In questo Terzo Tempo nel quale la Mia Parola diventa il frutto spirituale per nutrirvi, vi rivelerò ciò che è conservato nel vostro spirito. La Mia Parola si effonde sugli umili e sugli uomini di intelletto semplice, perché è come un ruscello di acqua cristallina che nel corso attraverso l’intelletto e dall’intelletto al cuore e da lì allo spirito non si è macchiata con impurità che incontra sulla sua via.

20. In questo tempo non ho calpestato la polvere del mondo. Solo il Mio Spirito si ritrova nel tempio interiore che esiste nella più grande profondità del vostro essere, dove lascio le Orme dei Miei Passi. Voi che eravate seduti alla Tavola del vostro Signore, conoscete il sapore di questo Pane, di questo Vino e di questi Frutti, affinché non cadiate mai ad un inganno.

21. Ho trovato la vostra anima malata, ma Mi sono messo davanti a lei e le ho detto: “Io sono la Via; ti offro il Mio Aiuto. Orientati secondo le Mie Parole e raggiungerai il paese che stai cercando”.

22. Quando non avete ancora avuto nessuna idea della Vita spirituale, avete bestemmiato Dio quando vi siete sentiti disperati e desideravate morire per riposare – come credevate – senza sapere che non esiste il riposo come ve lo immaginate, perché solamente nell’attività lo spirito trova la perfetta felicità. L’inattività è egoistica, e l’egoismo appartiene alla carne, non allo spirito. Solo il corpo trova riposo quando in esso si spegne l’ultimo soffio di vita. Spiritualizzati, o popolo, affinché tu possa vedere il Volto del tuo Maestro il Quale ti sorride pieno di Tenerezza e di Pace.

23. Come un chicco di seme che si moltiplica e si diffonde, così si diffonderà la Mia Dottrina sull’umanità per salvarla. Non verranno salvati solamente coloro che Mi ascoltano, ma anche quelli ai quali non era destinato di sentire questa Parola.

24. Ho effuso su questo popolo i Doni spirituali che domani renderanno fertili i campi sui quali germoglieranno l’amore, l’armonia e la pace., perché il Mio Seme verrà portato dai Miei messaggeri nell’ampio paese, nelle province e nelle città.

25. Vi ho visitato nella vostra cella, dato che eravate prigionieri del materialismo, dell’egoismo e del peccato. Io vi ho però liberati, affinché portiate ai cuori questo Lieto Messaggio. Non vi potrete mai allontanare da Me. Voi siete le foglie tenere sul potente Albero della Vita, voi siete i rami oppure i germogli. Attraverso la vostra anima fluisce la linfa dell’albero. Questo è il Contratto dell’Alleanza che vi unisce con Me e che non può mai essere distrutto. L’Albero è la famiglia, in lei sono per sempre uniti il Padre, la Madre ed i figli. In lei tutti i figli del Signore si devono riconoscere come fratelli: fratelli non solo per principio oppure a motivo della loro origine, ma attraverso l’amore.

26. Il simbolo di quest’Albero era la Croce sulla quale Mi avete inchiodato.

27. Il Maestro è qui per addolcire la vostra via con la Sua Parola, perché coloro che hanno una volta sentito la pace su questo sentiero, difficilmente si allontanano da questo o ricadono di nuovo negli errori della loro vita passata, dove li hanno sferzati i venti turbolenti. La Mia Parola che è sempre piena di nuovi Insegnamenti e Rivelazioni, vi vivifica, affinché non vi fermiate né retrocediate.

28. Vi dico continuamente che dovete utilizzare il tempo nel quale vi do i Miei Insegnamenti con le Mie Parole, perché quando sarà venuta l’ora del Mio Commiato, non sentirete più cantare questo “usignolo”.

29. Io voglio che i “primi” buoni insegnanti siano gli “ultimi”. Riconoscete che fra loro verranno qui grandi spiriti che – dopo essere passati attraverso il crogiuolo della sofferenza – abbracceranno la Mia Opera spirituale con grande amore e inizieranno la lotta fra gli uomini con la Mia Dottrina nei loro cuori ed il Mio Incoraggiamento nel loro spirito.

30. Lasciate che Io vi istruisca, vi prepari e vi esamini, affinché diventiate forti e la vostra fede sia veritiera. Vi userò come strumenti della Mia Volontà e compirò molte Opere attraverso la vostra mediazione. Attraverso le vostre labbra parlerò alle schiere di uomini e fra loro eleggerò coloro che Mi seguiranno in questo tempo.

31. Siate colmi dell’amore per il prossimo, sentite la tragedia dell’umanità, comprendete le sue prove e la sua espiazione, affinché preghiate e vegliate per lei. Pensate che il Maestro non vi abbandona nei tempi delle vostre crisi, affinché voi facciate lo stesso ai vostri prossimi come Miei discepoli.

32. Credete di essere indispensabili, affinché il Mio Messaggio giunga ai cuori dei vostri prossimi? No, popolo, ma devi adempiere la missione che ti ho affidato e per la sua esecuzione ti do tutto il necessario. Sapete forse che quelli che oggi non hanno nulla da offrirvi, cosa possono fare domani per voi?

33. Sull’umanità grava una grande purificazione e voi potete percepire la Mia Giustizia persino nell’aria che respirate. Proprio questo calice di sofferenza cambierà l’umanità in modo moralistico e spirituale.

34. Tendete al vostro rinnovamento e non continuate ad essere bambini in vista della Mia Istruzione, affinché diventiate un poco alla volta discepoli – non solo a motivo di ciò che comprendete, ma per via di ciò che mettete in pratica.

35. Riposatevi all’ombra di questo Albero, o viandanti stanchi della via, e quando avrete poi riconquistato le vostre forze, diventate guardiani dell’Albero e curatelo. Questa cura e questo amore per la sua conservazione saranno come acqua che rinfresca e rende fertile la Terra. Allora procurerete che i rami crescono, affinché l’ombra si estenda e molti bisognosi vi trovino rifugio. Verranno schiere di uomini nel desiderio di salute e pace spirituale ed allora dovete essere preparati, perché su quest’Albero troveranno frutti che non hanno potuto trovare in nessun altro luogo.

36. Dal vostro spirito deve salire la preghiera per la pace del mondo e per l’illuminazione per gli uomini che governano i popolo, perché non dovete essere duri di cuore e di intelletto difficile, affinché la Mia Opera non si arresti. Io pianto e preparo attualmente i Miei “Alberi” in molte zone per salvare i cuori smarriti. Questi “Alberi” hanno il compito di eliminare il fanatismo (religioso) e l’idolatria degli uomini.

37. Vi dico nuovamente: Io sono la Via, non continuate a camminare su sentieri pericolosi.

38. Tutte queste comunità unite formeranno il recinti che Elia mostrerà al suo Signore. Voi però che avete l’incarico di vegliare su queste comunità, tenete aperte le vostre orecchie per sentire la Mia Parola che sarà la Luce con la quale dovete raddrizzare vie storte.

39. In Verità vi dico che Mi avete molto vicino nell’Essenza della Mia Parola, ed avete con voi anche il Mio “mondo spirituale” attraverso la loro assistenza, la loro protezione ed i loro consigli. La Mia Misericordia vi fortifica, affinché non vi scoraggiate sulla via, perché l’incarico che avete ricevuto in questo tempo è molto difficile. Vi lascio però provvisti con i necessari Doni dello spirito affinché procediate.

40. Portate la vostra croce non come un peso, ma come una Benedizione.

41. Sia con voi la Mia Misericordia come Padre ed il Mio Ammaestramento come Maestro. Sentite il Mio Calore e la Mia Pace e vi assicuro che alla fine della Mia Istruzione la vostra fede sarà più grande ed avrete più coraggio per affrontare la lotta.

42. La Mia Parola sarà uno scudo nei vostri cuori e sulle vostre labbra una spada. Sapetela usare bene sia nella lotta come anche nella pace.

43. Qui è il vostro Salvatore. Non Mio avete cercato faticosamente su tutte le vie? Non Mi avete invocato in inni e salmi affinché Io vi salvi? Ora, eccoMi, tuttavia adesso sono venuto in una forma che non avete aspettato. La forma però che non è nuova, non vi deve estraniare. Sforzatevi piuttosto a cercare il nocciolo essenziale della Mia Dottrina e vi convincerete che questo tono con il quale vi parlo, questo Amore che le Mie Parole riversano su di voi, e questa Sapienza che risplende in ognuna delle Mie Istruzioni, è una lingua che il vostro spirito comprende.

44. Usate la Luce della Mia Parola e liberatevi con questa, perché già da molto tempo vi siete occupati soltanto con cose terrene e siete diventati guardiani di beni terreni, senza rispettare che l’anima è destinata a ritornare nella sua antica Patria e che le dovete preparare delle provviste per la via ed il bastone da viandante che l’aiutano nel suo viaggio.

45. Gli uomini aspirano all’immortalità nel mondo e cercano di raggiungerla attraverso opere materiali, perché la fama terrena – anche se è t transitoria – ‘punge gli occhi’ e dimenticano la fama dello spirito, perché dubitano nell’esistenza di quella Vita. E’ la mancanza di fede e di spiritualizzazione che ha messo un velo di scetticismo davanti agli occhi degli uomini.

46. Se questa umanità avesse fede nella Mia Parola, Mi portasse nei suoi cuori, avrebbe sempre presente la Mia Frase che ho detto una volta alle schiere che Mi ascoltavano: “In Verità vi dico, persino se porgete solo un bicchiere d’acqua, questo non rimarrà senza ricompensa”.

47. Gli uomini però pensano: Se danno qualcosa e non ne ricevono nulla in cambio, allora trattengono ciò che possiedono, mentre lo conservano per sé stessi.

48. Adesso Io vi dico che nella Mia Giustizia esiste il perfetto pareggio, affinché nessuno tema di dare qualcosa di ciò che possiede. Vedete quegli uomini che raccolgono ed ammucchiano tesori e non fanno prendere parte a nessuno della loro proprietà? Quegli uomini portano in sé il loro spirito morto.

49. Invece quelli che hanno dedicato la loro esistenza fino all’ultimo soffio al compito di dare al loro prossimo tutto ciò che possiedono, finché nella loro ultima ora si vedevano abbandonati e poveri – questi sono sempre stati guidati dalla Luce della fede che ha loro mostrato in lontananza la vicinanza della “Terra Promessa” dove li attende il Mio Amore per dare loro il pareggio per tutte le loro opere.

50. In Verità vi dico, con i potenti di oggi sarà finito per fare posto a coloro che per motivo dell’amore e della misericordia per i loro prossimi saranno grandi e forti, potenti e saggi.

51. Discepoli, interpretate la Mia Parola come una ulteriore dimostrazione del Mio Amore per voi. Sentite nel vostro corpo e nella vostra anima il Mio Balsamo guaritore. Quando però la vostra coscienza vi dice che il vostro dolore è una conseguenza del vostro peccato, allora banditelo dal vostro essere, perché nella Mia Dottrina troverete la forza per superare la debolezza della vostra carne. Venite tutti a Me, affinché Io vi dia la Forza per raggiungere la vostra liberazione spirituale.

52. Lasciate venire a Me i bambini. Lasciate avvicinarsi a Me i giovani. Uomini e donne – gli uni nell’età migliore e gli altri nell’età da vegliardi, venite a Me, voglio gioire della vostra presenza, voglio sentire la vostra voce come Mi chiama Padre.

53. Peccatori, sfogatevi piangendo presso il vostro Maestro, affinché le vostre lacrime vi purifichino. Il vostro pianto però deve essere come il pentimento di Maddalena, affinché il vostro amore giunga a Me come la preghiera di quella peccatrice pentita.

54. Superate la vostra arroganza, affinché diventiate umili verso i vostri fratelli. L’umiltà è la vittoria, la vanità è il naufragio, anche se nel mondo valutate diversamente queste cose.

55. Di che cosa potete essere orgogliosi, se sulla Terra nulla è vostro? Non vi ho fatto eredi di questo mondo. Ve l’ho affidato nello stesso modo come lo fa il proprietario terriero con i suoi operai: Egli suddivide tra loro la responsabilità per la coltivazione e la cura dei campi, per poi riportare il raccolto e dare ad ognuno la parte che gli spetta.

56. Prendete dalla Terra ciò che vi serve, rallegratevi e deliziatevi in tutto ciò che vi dona nel bene. Andate però mai fino al punto da considerare la vostra vita terrena come se fosse la perfetta patria dello spirito e nemmeno come vostro tesoro più grande di ciò che possedete nel mondo.

57. La Terra non è macchiata, essa è benedetta e pura. Sono gli uomini che hanno macchiato il loro cuore. Se la Terra avesse peccato, si sarebbe già distrutta e vi avrebbe mandato in un altro mondo per abitarvi; ma in essa non trovo nessuna macchia d’onta. Perciò Io vi dico che è l’umanità sulla quale dovete lavorare per il suo rinnovamento, affinché vi doni di nuovo pace, benessere, amore, abbondanza e vero progresso.

58. Vedete con quanta Pazienza vi istruisco, affinché anche voi abbiate pazienza quando istruite i vostri prossimi ed ogni volta che un bisognoso bussa alle vostre porte, non gli neghiate mai la vostra presenza né lo accogliate con antipatia. Che cosa potrebbero offrigli le vostre mani, se nel vostro cuore non vi è amore? Io vi dico, se qualcuno sente stanchezza, è perché non possiede vera spiritualizzazione. Chi invece si trova sempre pronto a dare, è riuscito ad elevare i suoi sentimenti al di sopra dell’egoismo della carne.

59. A volte trattengo da voi la Mia Misericordia, affinché siate stimolati a pensare a coloro ai quali voi pure la sottraete. Non vi diserederò giammai, perché ciò che vi ho dato una volta, è vostro.

60. Credete di aver ricevuto molte delusioni dagli uomini? Questo è successo, quando vi siete aspettati qualcosa da loro e quando non avete avuto nulla da offrire a loro. / Ora però, che deponete un poco alla volta questo interesse materiale ed il vostro egoismo, adesso che sapete che sono Io che veglio su tutto, anche se il mondo non ha nulla da offrirvi, non potete più parlare di ingratitudine, delusioni o inganno. Dovete chiudere i vostri occhi ed il vostro cuore davanti ad ogni miserabilità umana ed aprirli solamente per servire i vostri prossimi con vera misericordia ed amore.

61. Sono coloro che vi fanno soffrire maggiormente, i quali vi possono aiutare maggiormente nel progresso spirituale. Incoraggiate la nostalgia per il progresso spirituale, eliminate la monotonia e la routine dalla vostra vita. Non trovate molto significativa la Mia Comunicazione attraverso l’intelletto umano? Non vi rendete conto del valore di tutti i Doni dello spirito che vi ho concessi?

62. Sono Io che ricevo da tutti l’ingratitudine; Io che vi amo e vi do tutto. Ciononostante avete giammai sentito che Io Sia deluso di voi? Mai, figli Miei. Chi vi può conoscere meglio di Me per deluderMi, dato che Io so che Mi amerete e giungerete dai morti nel Mio Regno? Se Io pensassi come pensate voi ora, sarebbe come se Io pretendessi da voi il Sangue che Io ho versato in un altro tempo come Uomo. Io però vi dico che quel Sangue era per voi ciò che vi ha aperta la via allo sviluppo verso l’Alto.

63. E’ necessario che comprendiate il vostro compito per poterlo eseguire, com’è il vostro dovere. Pensate: Ogni volta che sentite profondamente il dolore di un prossimo, lo fate vostro e lo portate a Me nella preghiera, voi diventerete un vero intercessore e mediatore fra Dio ed il vostro prossimo. Metterò colui che deve ancora vivere nel mondo ed anche colui che lo deve abbandonare, sulla via della vostra via perché saprete risvegliare la nostalgia del rinnovamento in colui che procede sulla sua via sulla Terra, ed a colui che presto partirà per la sfera spirituale, potete indicare la via che lo conduce alla Luce. Vi ho dato Doni dello spirito affinché li utilizziate per il bene dei vostri prossimi e vostro, ma non che li presentiate e persino ve ne vantiate. Esercitate misericordia in un tal modo che gli ignari, i bisognosi e gli innocenti sentano in sé il desiderio di possedere anche loro i vostri Doni nel desiderio di servire pure i loro prossimi. Allora dovete istruirli e rivelare loro che ogni creatura porta in sé i Doni del divino Spirito.

64. Nessuno si deve arrogare di procurare risentimento con le Istruzioni che la Mia Opera non gli ha rivelato, perché sarebbero la causa che la Mia Dottrina venisse perseguitata e per questo dovreste rendere giustificazione davanti alla Mia Giustizia. Parlate della Mia Verità senza mai cambiarla. Non tacete mai per paura, perché in Verità vi dico, se dovreste tacere, parlerebbero i sassi. Riflettete che la struttura di questo pianete consiste in rocce e che dal suo interiore irromperebbero rumori frastornanti che darebbero Notizia del tempo della Giustizia. Non aspettate fino a questa testimonianza, preferite parlare voi stessi. Questa voce però deve provenire dal vostro cuore, perché in questo parlerà il vostro spirito.

65. Popolo, Io sono venuto per addolcire la tua esistenza, per darvi il Pane dell’eterna Vita. Fate di Me il vostro Confidente ed Io metterò in voi la Mia Pace.

66. Mi dà Gioia darvi in questo tempo la Mia Parola, come ve l’ho data nel Secondo Tempo: una Parola semplice perché la possiate comprendere, e quando la sentite, saziate i vostri cuori con coraggio e virtù. Vedete come la sua Essenza divina ha catturato il vostro spirito ed è stato Balsamo sulle vostre ferite, affinché domani guariate anche voi i vostri prossimi, mentre fate loro sentire la Mia Parola.

67. Se vi preparate spiritualmente, vedrete Miracoli, guarirete, ed i vostri prossimi riceveranno dimostrazioni di Grazie e Benefici.

68. Sull’umanità stanno venendo grandi visitazioni e dovete essere profeti e baluardi. Pregate, lavorate e le potenze della natura passeranno al di sopra di voi senza lasciare tracce su di voi. Elevate la vostra intercessione ed Io vi prometto che un Mantello dell’Amore e della Protezione proteggerà i vostri parenti. Non esigo da voi né esercizi di espiazione né sacrifici. Per esserMi compiacenti, basta rivolgere il Alto il vostro spirito, ed Io vi inonderò di pace. Amatevi l’un l’altro, ed Io vi benedirò.

69. Non vi ho pregato di andare in zone lontane per diffondere la Mia Dottrina; né è ancora venuto il tempo per questo. Verrà però il momento nel quale vi trasferirete con i vostri parenti in altri luoghi, dove vi insedierete e continuerete ad essere seminatori instancabili del prezioso bene da semina che vi ho affidato.

70. Il Mio popolo verrà cercato da uomini di diverse razze e confessioni di fede ed è necessario che i Miei discepoli mostrino loro la via più breve per venire a Me, mentre li istruiscono di amarsi reciprocamente.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 129

 

1. Io vengo dal Mio Regno alla dimora dell’uomo e cerco la lampada della sua fede. Ho bussato ad ogni cuore per riconoscere in ognuno la buona volontà di accorrere alla Mia Chiamata. In alcuni ho trovato un santuario illuminato dalla fiamma di una lampada, in altri solo oscurità. Gli uni sono luoghi puri dove posso entrare, gli altri sono sporchi e si devono prima purificare per accoglierMi. Io però li benedico tutti con lo stesso Amore.

2. Colui il Quale bussa alle vostre porte, non viene con abiti regali, benché Egli Sia un Re. Egli viene nell’abito di un viandante ed alla ricerca di un albergo. Ogni volte quando vi vedo risvegliati, vigili ed aspettando Me, la Mia Parola si riversa in voi come una corrente inesauribile per rendere fertili i vostri cuori. Questo cuore che batte nel vostro interiore, è un suolo adeguato per seminare la semenza divina. Il v ostro spirito è il tempio della Divinità, è la Mia dimora. La vostra coscienza è l’interprete della Mia Voce della Giustizia ed il sostegno del Mio Scettro. Tutte queste Forze vi dicono che non siete indipendenti, ma che provenite da un Essere onnipotente al Quale dovete sottomettere la vostra volontà, dato che Esso è perfetto.

3. Il Padre Si avvicina ai Suoi figli per riportare da loro i meriti come il miglior raccolto e non soltanto le lacrime delle vostre sofferenze, perché non sono queste che Io immagazzino nel Mio Granaio. Il vostro pianto è quasi sempre la paura della vostra disobbedienza nei confronti della Mia Legge. Solo di rado piangete per amore o per pentimento.

4. Ho trovato in questo tempo i vostri cuori induriti. Se però nel Primo Tempo ho fatto scolpire la Mia Legge su pietra – perché in questo tempo non dovrei inciderla nella roccia del vostro cuore? Là vi mostrerò la Potenza della Mia Parola e non scriverò soltanto un foglio, ma un Libro che contiene i Segreti della Mia Sapienza nascosta che posso rivelare solamente Io.

5. Vi parlo come Padre e come Maestro, ma se vi parlo come Giudice, allora temete la Mia Giustizia, ma non fuggitela, perché persino questa Voce è una Amica e quando vi chiede giustificazione, lo fa perché vi ama. Così Mi mostro davanti ai vostri occhi, affinché possiate imparare a conoscerMi. Come potreste ottenere questo, se Io vivessi sempre nascosto dietro un velo del Mistero? Comprendete che Mi era una Necessità di rivelarMi un poco alla volta davanti al vostro spirito, affinché possiate finalmente contemplarMi in tutta la Mia Magnificenza. Se all’inizio del vostro sviluppo spirituale Mi fossi mostrato al vostro spirito in tutta la Mia Grandezza – che cosa avreste visto, sentito o compreso? Nulla! Se vi foste sentiti vicino a Me, avreste percepito un infinito vuoto, oppure nel tentativo di comprendere la profonda Verità, avreste trovato il vostro intelletto incapace ed il vostro spirito troppo debole. Oggi tolgo di nuovo via il velo un poco dal Mio Mistero, affinché impariate a conoscere meglio il vostro Dio.

6. Chi è cieco che non Mi possa contemplare? Chi è insensibile da non poter sentirMi? Già da molto tempo vi ho preparato per sentirMi in questa forma, che è come: contemplare il Mio Volto mentre vi sto preparando contemporaneamente ai tempi nei quali dovete sapere di più di Me. Quando dunque desiderate la Luce, quando avete sete della Verità, allora ascoltateMi con tutti i vostri sensi e forze dell’anima e Mi vedrete. Non abituatevi a questa Parola come qualcosa di quotidiano, e non cadete nemmeno nella routine di un rito del culto religioso. Non afferrate la Mia Istruzione come una qualunque ideologia, e non servitevi della stessa per trarre guadagno dall’ingenuità o sofferenze corporee o animiche dei vostri prossimi.

7. Per voi è venuto il tempo della comprensione, è giunto il momento dell’illuminazione e non è più lontano il momento nel quale dovete andare per far risplendere questa Luce nei cuori degli altri. Vi do la sensibilità e vi do il sapere per adempiere la vostra missione spirituale. Voi tutti siete capaci di dare ai bisognosi un consiglio di Luce, per asciugare le lacrime di colui che piange. Vi ho dato in sovrabbondanza un prezioso Balsamo guaritore che non deve rimanere inutilizzato nemmeno un giorno. Vi ha purificato il dolore per poter sviluppare i Doni del vostro spirito. Non macchiatevi nuovamente con il peccato. Si sono purificati anche le vostre labbra ed il vostro cuore – il cuore per diventare una sorgente dell’amore per il prossimo e dei buoni sentimenti, le labbra, affinché sapessero esprimere la purezza, la sobrietà.

8. Qui è la Mia Istruzione, chiara e trasparente come l’acqua con cui spegnere la vostra sete. Io trasformo il vostro cuore in un pozzo, affinché possiate raccogliere quest’acqua ed in seguito alla sua trasparenza vedere sul fondo che è come se contemplaste il Mio Spirito libero da ogni forma o avvolgimento.

9. AscoltgteMi, discepoli, perché da Me procede tutta la Sapienza. Io vengo a voi con Parole ed Opere per sorprendervi nel vostro sonno. In Verità però vi dico, prima che Io vengo ad un popolo oppure ad un cuore, gli mando un messaggero oppure un preparatore della via, affinché possa riconoscerMi ed accolgierMi al Mio Arrivo. Ora domandate a voi stessi con quale del Mio Arrivo siete veramente stati preparati per accoglierMi.

10. I profeti del Primo Tempo che annunciavano la Venuta del Maestro, venivano scherniti nelle città, perseguitati e lapidati. Elia che in questo tempo ha parlato attraverso la bocca di un uomo ispirato e giusto con il nome Roque Rojas, ha predicato “nel deserto” e pochissimi hanno sentito la sua voce.

11. Se osservate la lotta di Mosè nel Primo Tempo, riconoscerete pure la scarsa fede, la mancanza di preparazione nei momenti decisivi. Ricordatevi: Quando Mosè ha incaricato il suo popolo per la notte della liberazione che nessuno dovesse dormire e che dovevano trascorrere le ore notturne in piedi nella preghiera, con in sandali ai piedi ed il bastone da viandante nella mano, c’erano molti che si sono dati al sonno e quando poi si erano svegliati, il popolo era già partito. E quando Mosè ha lasciato solo il popolo per pregare sul monte Sinai, al suo ritorno ha trovato la grande folla dedita al culto idolatro; avevano totalmente dimenticato gli annunci della loro guida e profeta sulle Promesse di Geova.

12. Non ho mai voluto trovarvi impreparati oppure peccando o sorprendervi dormendo nel grembo del mondo e della carne. Perciò vi ho mandato prima i Miei messaggeri, affinché facessero giungere a voi la Mia Voce, cominciando dalla capanna più modesta fino alla dimora più sfarzosa. Ho fatto nascere sette grandi profeti nello stesso popolo, affinché gli dovevano annunciare la Venuta del Salvatore del mondo – sette uomini che erano fratelli di quel popolo e possedevano il suo sangue e la sua lingua. Ho messo in loro la Mia Voce affinché fossero come un segnale luminoso della speranza per i poveri ed oppressi, ed una previsione della Giustizia per gli orgogliosi, i cattivi, per gli ingiusti.

13. Quando il Promesso era venuto dal Suo popolo, Lo hanno seguito pochissimi – soltanto coloro che avevano fame e sete di giustizia. Coloro però, ai quali erano dato molto onori, che erano pieni di vanità e brama di potere e sentivano che il Dito Indice della Mia Giustizia era rivolto a loro, erano loro che per il Figlio di Dio tenevano pronta la Croce.

14. Dovete portare il Lieto Messaggio all’umanità che vive già nel tempo dello Spirito Santo che era stato annunciato attraverso grandi segni nella natura, per aprire gli occhi degli scienziati per la Verità, per muovere il cuore del peccatore al ritorno e per portare il mondo alla riflessione. Questa umanità però – senza voler interpretare questa Voce (degli avvenimenti della natura) nel suo vero senso -, quando non poteva attribuire tutto a causa materiali, è caduta in paure idolatre. Perciò la Mia Parola in questo tempo ha incontrato cuori che sono come rocce, con cui è cominciata per Me una nuova Passione.

15. La Luce che il Mio Spirito ha effuso si di voi in questo tempo, è il Sangue che Gesù ha versato sulla Croce per l’umanità. Come preannunciato simbolo di queste Rivelazioni, nel Primo Tempo avete sacrificato agnelli e contrassegnato le porte delle vostre case con il loro sangue. Il Sangue è Vita, il sacrificio Amore. L’Amore è la Luce dello Spirito. Questo è stato in tutti i tempi il vostro marchio o segno di riconoscimento.

16. O popolo, che hai seguito questa Voce – non dimenticare che l’Amore del Signore ha contrassegnata per te una grande missione. Questo Segno divino è il Mio Bacio dell’Amore, è Forza, Arma e Scudo che protegge.

17. La vita che oggi attraversi, è un deserto più grande che quello che Israele ha attraversato nel Primo Tempo. Se però nell’attraversamento dello stesso non vi manca l’amore e la fede, non ci sarà nessuna mancanza, né fame o sete. Ci sarà Manna ed Acqua, oasi e gioie nel viaggio della vita. Coloro che non fuggono la sabbia bollente, né arretrano davanti ai nemici, e non si stancano nemmeno sulla lunga via del viaggio, sentiranno presto che arrivano nella Terra Promessa. Coloro però che strada facendo cercano comodità, divertimenti e mezzi per diventare grandi, si fermeranno sulla via e ritarderanno il loro arrivo davanti alle porte della città. La via è lo sviluppo verso l’Alto, il deserto è prova per la fede e fortificazione per lo spirito.

18. Non fate di questa via un sentiero secondo il vostro gusto, non cercate di adeguare la Mia Legge e la Mia Opera alla vostra vita, alle vostre abitudini e passioni. Voi dovete adeguarvi alla Mia Legge.

19. Qualche volta non potete comprendere perché Io vi ami così tanto, perché vi perdono tutte le vostre trasgressioni. Allora vi mostro i vostri prossimi, affinché facciate su di loro ciò che il Maestro ha fatto a voi.

20. Chi può dubitare della Bontà delle Mie Istruzioni in questo tempo? Ho detto agli uomini come una volta: “Amatevi l’un l’altro”, ai bambini: “Onorate i vostro genitori”, all’uomo: “Rispetta la donna”, ai genitori: “Date un buon esempio ai bambini”. Questa non è oscurità. Il Mio Seme porta pace, amore, armonia. Con questo fermate quell’espiazione che è passato dai tempi più remoti dai genitori ai figli – una remissione sofferta, che è stato il seme che avete sempre di nuovo seminato e raccolto. E’ necessario che venga lavata ogni trasgressione, ed in Verità vi dico, nessuna trasgressione sfugge alla Mia Giustizia. Può passare un anno, un secolo e persino una epoca, ma verrà il momento del Giudizio.

21. Amate la purezza, vivete in sintonia con la Legge che vi mostra la coscienza. Utilizzate questi tempi dell’Istruzione per mettere in pratica ciò che avete imparato. Non dormite mentre altri piangono, non abituatevi alle notizie di guerra. Pensare che queste notizie sono colme di singhiozzi, lamenti e paure. Comprendete che questi rapporti che giungono a voi, sono chiamate di dolore dei vostri fratelli. Per voi sarebbe meglio se in base alla Mia Parola sentiste il dolore di quegli uomini e mossi dalla compassione siate stimolati a pregaste per loro e e conquistaste meriti, affinché trovassero la pace e la guerra non sorprenda anche la vostra nazione e poi, mentre bevete un calice molto amaro, esclamate: “Adesso comprendo quello che stanno passando quei popoli!”

22. Che cosa sarebbe di questo popolo che ho guidato insieme, se Io non gli insegnassi con Parole la Giustizia, la Verità e l’Amore? Non credete alla Mia Parola in questo tempo, perché ve la faccio sentire attraverso i figli Miei?

23. Se avete ucciso i profeti del Primo Tempo sulla strada e più tardi sottoposti i Miei apostoli al martirio, vi dico oggi che è anche morte che state causando a questi portatori della Voce, se non viene creduta la Parola che viene dalle loro labbra. Siete talmente schiavizzati dai vostri sensi materiali che non sentite la divina Essenza di questa Parola? Ricordatevi che vi ho detto: “L’albero si riconosce dai suoi frutti”.

24. Io vi preparo al tempo nel quale non sentirete più la Mia Parola, perché allora gli uomini vi chiameranno il popolo senza Dio, il popolo senza case per Dio, perché non avrete sfarzosi edifici di chiese per adorarMi, né celebrerete azioni solenni di culto, né Mi cercherete in immagini. Io però vi lascerò un Libro come Testamento che sarà il vostro baluardo nelle prove e della via, sulla quale guidate i vostri passi. Queste Parole che oggi sentite attraverso il portatore della Voce, scorreranno domani dagli scritti, affinché ve ne ristoriate nuovamente e verranno sentite da schiere di uomini che in questo tempo si aggiungeranno.

25. Non disprezzate quello che è stato scritto in altri tempi, perché sareste fanatici. Non lasciatevi dominare da passioni ed insegnate ai vostri fratelli di avere rispetto per coloro che in altri tempi hanno scritto le pagine di quel Libro con il loro amore, con la loro fede e persino con il loro sangue, in questo Libro stanno scritti i nomi di coloro che hanno dato testimonianza della Mia Verità.

26. Mi amate e Mi riconoscete? Amate Maria, la vostra Madre celeste? Fra quelle pagine del Libro c’è appunto una che è scritta con il Sangue del Vostro Redentore e con le lacrime di Maria – di colei che cela nel suo petto l’Amore materno di Dio.

27. Se volete che le nuove generazioni rispettino il Terzo Testamento, allora voi rispettate i Testamenti precedenti.

28. Le grandi visitazioni scuoteranno il mondo ed allora gli uomini daranno attenzione al nuovo Libro delle Rivelazioni che devono trovare saldo come una roccia, inciso nei cuori di un popolo.

29. Comprendete giustamente la Mia Parola. Vi ho parlato molto della Mia Presenza e del Mio Commiato. Comprendete tuttavia che vi ho parlato nel senso figurato. Allora non vi parlerò bensì più in questa forma, ma vi potete immaginare che Io Mi possa allontanare da uno di voi, se Io sono la Vita del vostro spirito e vi dimoro per sempre? Potrete cessare di sentire la Voce del Padre vostro nell’interiore del vostro essere? Giammai, se sapete prepararvi.

30. Vi state muovendo verso questa meta, Io sono venuto per questo scopo per prepararvi per mezzo di queste Comunicazioni. Se sarete preparati, sentirete chiara e nitida la Mia Voce, se non lo siete, sarete confusi e non potrete trasmettere nulla come testimonianza. Che cosa consegnerete, di che cosa volete parlare dopo la fine della Mia Parola?

31. Io voglio – senza allontanarvi dalla vita naturale e semplice e senza cadere in uno stato che potrebbe essere considerato al di fuori del normale - che rimaniate sempre preparati e che conserviate nel vostro cuore la spiritualizzazione, affinché in un qualunque momento nel quale verrete chiamati, siate preparati per adempiere la vostra missione.

32. Vi ho detto che nel 1950 raccoglierò i 144.000 segnati sulla Terra. Nessuno tuttavia sa in quale punto della Terra farò nascere coloro che si trovano ancora nello spirituale, affinché adempiano il Mio Incarico.

33. La vostra destinazione è in Me, perché Io sono la Resurrezione e la Vita. Più tardi vi radunerete di nuovo nella Patria spirituale e da lì complerete la vostra opera.

34. Spiritualizzate l’esercizio del vostro compito. Si sta già avvicinando l’anno 1950 e non dovete rimanere impreparati. Voglio vedervi adempiere con fervore la vostra missione, ma non con fanatismo. Utilizzate il tempo che è per l’anima Luce e Redenzione.

35. Anche se l’umanità ha una lunga via alle spalle, spiritualmente rimane sempre ancora separata. Si ha forse comunicato ad ogni popolo un’altra Verità? No, la Verità è una unica.

36. La separazione degli uomini è da ricondurre al fatto che gli uni hanno preso per sé un ramo e gli altri un altro ramo. Esiste soltanto un Albero, mentre i suoi rami sono molti. Gli uomini però non hanno voluto afferrare in questo modo i Miei Insegnamenti e li separano le discussioni ed approfondiscono le diversità delle loro opinioni. Ognuno crede di possedere la Verità, ognuno si sente nel giusto. Io però vi dico: Finché gustate il frutto di un unico ramo e disconoscete i restanti, non giungerete alla conoscenza che tutti i frutti provengono dall’Albero divino la cui totalità rappresenta l’assoluta Verità.

37. Se Io vi parlo di queste Verità, allora non pensate che il Maestro intenda le forme esteriori di culto delle diverse religioni, ma il Principio fondamentale sul quale riposa ognuna delle stesse.

38. Ora si fa sentire una forte tempesta turbolenta. I suoi colpi di vento scuotendo l’Albero facendo cadere i suoi frutti diversificati, e verranno gustati da coloro che prima non li avevano conosciuti. Allora diranno: “Quanto siamo stati ciechi e guidati nell’errore quando – mossi dal nostro fanatismo – abbiamo rifiutato tutti i frutti che ci hanno offerti i nostri prossimi, solo perché ci erano sconosciuti!”

39. In ogni gruppo di uomini, in ogni comunità, vi è una parte della Mia Luce. Perciò nessuno si vanti di possedere tutta la Verità. Quindi comprendete, quando volete continuare a penetrare al modo d’essere di ciò che è eterno, se volete arrivare più avanti di quanto siete arrivati, se volete sapere più su di Me e su di voi, allora dovete dapprima unire le conoscenze dell’uno con quelle dell’altro e così via con tutte le altre. Da questa armonia risplenderà una chiara e limpidissima Luce che avete cercato finora nel mondo senza averla trovata.

40. “Amatevi l’un l’altro”, questa è il Mio Fondamento, il Mio Sommo Comandamento per gli uomini senza differenza delle confessioni di fede o di religione.

41. Avvicinatevi l’uno all’altro attraverso l’adempimento di questo sommo Comandamento e Mi troverete presente in ognuno di voi.

42. Siate attenti osservatori e riconoscerete che è già cominciata la lotta delle idee, delle confessioni di fede e delle religioni. Il risultato delle vostre discussioni umane vi conduce passo dopo passo in questa nuova battaglia.

43. Ah, se gli uomini fossero più ricettivi, ogni volta che la Mia Luce si avvicina a loro – quanto dolore e confusione si risparmierebbero! Non sanno ancora ricevere la pace. Cercano solo di preparare per sé la guerra oppure almeno per la difesa.

44. Dopo avervi annunciato ed avvertito con tutto questo – potreste allora ancora capitare nello sconvolgimento come un qualunque ignaro, quando sarà venuto il tempo della lotta?

45. Preparatevi per la pace, per l’armonia, per la riconciliazione e per la fratellanza.

46. Vedrete le grandi religioni aggredirsi, masse di uomini smarriti fuggiranno selvaggiamente. In quell’ora questo popolo deve avere piena conoscenza del suo compito, dev’essere libero da pregiudizi, da macchie o errori, per tendere la sua mano colma di compassione per i bisognosi di pace, conforto, Luce e salute.

47. Rinnovate la vostra vita, spiritualizzate le vostre opere, studiate la Mia Parola, perché in essa Io vi do il sapore di tutti i frutti dell’Albero divino affinché - quando i vostri prossimi vi offriranno i frutti che possiedono e che hanno coltivati – nella conoscenza del sapore del frutto che Io vi ho dato, accettate con amore il loro frutto, nel caso lo trovaste puro, oppure lo respingete con benignità, nel caso non lo trovaste puro.

48. Lo spirito possiede un senso superiore che lo rende capace di scoprire il vero, puro, perfetto. E’ però necessario che si sviluppi questo Dono per non cadere nell’errore, cioè che vi nutriate di insegnamenti malsani e che rifiutiate ciò che è vero nutrimento per il vostro spirito.

49. Vi darò le Mie Istruzioni; ma prima deponete da Me la vostra preoccupazione, piangete al Cuore del Maestro, riprendetevi, e quando avete lenito il vostro dolore, quando sono asciugate le lacrime dalle vostre guance, allora elevate il vostro spirito, affinché venga su di lui la Mia Dottrina.

50. Non voglio vedere fame o sete in nessuno dei Miei discepoli; voglio vedervi contenti di aver mangiato e bevuto alla Mia Tavola. Solo così potrete fare in questo mondo opere che sono degne di Me. Non dimenticate che ogni giorno che passa, porta più vicino quello del Mio Commiato, e chi non utilizza il tempo delle Istruzioni, si sentirà più avanti come orfano.

51. Non è stato il caso che vi ha portato alla Mia Presenza. La Mia Voce vi ha chiamato sulle vie della vita e la Mia Misericordia vi ha condotta. Adesso sapete che siete venuti qui per imparare a conoscere il compito per il quale siete stati mandati sulla Terra. Nella Mia Parola avete imparato qual’ è la vostra origine e che cosa la vostra meta. Avete ricevuto la Rivelazione che siete la parte di un popolo che ha ricevuto la Manna dello Spirito in tre tappe.

52. Se trasferite tutto ciò che era successo al popolo Israele nelle due epoche di tempo, riconoscerete che lo stesso è successo a voi nel tempo presente.

53. La vita di quel popolo, la sua storia, è un Insegnamento per l’intera umanità, è una parabola, è un Libro le cui fondamenta di pietra erano la Legge che vi ho rivelato sul Sinai. Il suo contenuto conserva la voce dei profeti, lo sviluppo di un popolo, le sue lotte, le sue vittorie ed i suoi fallimenti, le sue gioie e le sue amarezze. In esso vi è anche la perfetta Opera di Cristo fra gli uomini e la missione di coloro che Lo avevano seguito.

54. Oggi si apre quel Libro davanti al vostro spirito e vedete irrompere dallo stesso nuovi Raggi di Luce perché ciò che non era stato compreso in quei tempi, vi viene spiegato oggi. Oggi il vostro spirito può bussare alle porte dell’aldilà nel desiderio di Sapienza. Oggi la vostra facoltà spirituale vi permette di avvicinarvi di più al Maestro, affinché Egli vi mostri le nuove Lezioni dei Suoi Divini Misteri.

55. Popolo Mio, anche se nella Magnificenza del Mio Spirito vi è la Pace, non posso fare a meno di mandarvi il Mio Aiuto, perché vi vedo camminare sulle vie del mondo e trascinare con voi catene di fatiche e di imperfezioni.

56. State attraversando un deserto ed in mezzo allo stesso ho lasciato crescere delle palme per farvi trovare ombra e ristoro. Dalle rocce sterili del vostro mondo ho fatto sgorgare una sorgente inesauribile, affinché ne beviate e non abbiate più sete. Oggi non vi do dei campi nel mondo per coltivarli; troverete i vostri campi nei cuori. Gli uni hanno appena cominciato la coltivazione, altri stanno terminando un’opera cominciata già da molto tempo, e di nuovo altri raccolgono il frutto della loro semina.

57. I padri di famiglia non devono trovare scuse di avere molti figli, perché il loro tempo è unicamente dedicato al guadagno del pane quotidiano, e che perciò non possono pensare di fare del bene ad altri.

58. Gli uomini non Mi devono dire che si sentono incapaci di insegnare la Mia Legge. A tutti voi Io dico che sulla via della vostra vita ci sono abbastanti occasioni nelle quali potete seminare il Mio Seme senza perdere tempo e senza trascurare i vostri doveri.

59. Servite Me ed Io servirò voi.

60. Il vostro cuore non deve essere deluso, quando seminate amore nei vostri figli o nei vostri prossimi e da loro raccogliete solo dolore. Sapete bene ciò che Cristo ha seminato nel mondo e che cosa ha raccolto. Egli però sapeva che il raccolto non ha luogo nel mondo, ma nel Cielo, quando ne sarà venuto il tempo. Anche voi, discepoli, che seguite con fervore il Maestro nella pazienza, non cercate ricompense o salari sulla Terra, ma aspettate piuttosto fino all’ora della vostra Beatitudine nell’aldilà.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 130

(Comunicazione del Giovedì Santo della Settimana Santa)

 

1. Il mondo è profondamente mosso al ricordo della Mia Passione. Nel pomeriggio nel quale ricordate quegli avvenimenti e nel quale il Mio divino Raggio discende per dare calma interiore alle anime degli uomini, Gesù vede questa commozione.

2. Voi che Mi amate e Mi offrite la vostra vita come apostoli, che offrite al Rabbi assetato l’acqua cristallina del vostro amore – sentite che in Verità Si trova fra voi lo Spirito Santificato del Maestro.

3. Ora è tempo che governi lo Spirito della Verità e si allontani il fanatismo religioso dai cuori degli uomini.

4. In questo momento il Mio Spirito sente una grandissima Gioia, perché Mi trovo fra i Miei discepoli ai quale offro alla Mia Tavola l’Amore il Vino – non il vino di uva, che non cesserà mai ad essere il succo della vigna – ma la Mia propria Vita spirituale.

5. E’ passato quel tempo nel quale vi ho detto che vi dovete ricordare della Santa Cena mentre in memoria di Me dovete assumere pane e vino. Oggi insegno al vostro spirito di nutrirsi del contenuto della Mia Dottrina d’Amore e di rinunciare ad ogni simbolismo.

6. Io non cerco di ricordarvi le sofferenze che appartengono ad un’altra epoca di tempo, e ciononostante piangete durante la Mia Istruzione, ma questo pianto deve procedere dal pentimento.

7. Il mondo è un calice pieno di amarezza, ma Cristo, “La Parola” del Padre, viene pieno d’Amore e continua la Lezione dell’illimitato Amore per il prossimo che Io ho dato agli uomini. In questo tempo vi mostro il sentiero che dovete seguire per raggiungere la Redenzione dai vostri peccati. Non voglio però che portiate Cristo soltanto nei vostri pensieri, ma che testimoniate la Verità della Sua Dottrina attraverso opere d’amore.

8. Vedete come in questo giorno molti dei Miei figli simboleggiano quella Cena in modo erroneo, alla quale ero per l’ultima volta unito con i Miei discepoli; la Mia Parola, la Mia Dottrina dell’Amore sono state falsificate. In questo momento la Parola divina vi dona il Suo Amore nel diretto contatto con tutte le anime, come Egli ha distribuito il pane fra i Suoi apostoli.

9. Qui è Cristo, il Principe della Pace che le folle di uomini hanno ritenuto un sobillatore e ribelle. Ricordatevi che è venuto nel mondo il Dio-Uomo ed ha detto: “Questi sono i Miei figli per i quali Io stesso darò l’ultima goccia del Mio Sangue”. Oggi, Miei amati figli, vi parlo in modo semplice. Allora vi ho parlato in parabole, e sovente non Mi avete compreso, perché avete dato in falso senso alle Mie Parole.

10. Umanità, sei infinitamente amata da Me! Io sono ritornato a voi, non come Mi avete sentito nel Primo Tempo, né come Mi avete visto e sentito nel Secondo Tempo. Oggi vi do la Mia Istruzione per mezzo di un cervello preparato attraverso la Mia Sapienza.

11. Fra il Mio popolo sono sempre stati sia tali che hanno un sentimento per la spiritualità, come anche tali che tendevano esclusivamente ai beni materiali. Nel Primo Tempo c’erano delle situazioni nelle quale gli uni adoravano il “ vitello d’oro”, mentre altri piangevano per paura di Geova; e nel Secondo Tempo nella cerchia dei Miei apostoli c’era uno che voleva ricevere da Me il pieno potere di trasformare pietre in oro, mentre dava come pretesto che sarebbe bene sostenere con denaro i poveri affamati. A ciò Io gli dissi: “Dare agli uomini dell’oro procurerebbe che non l’apprezzassero più, dato che lo si può ottenere facilmente”. Ed ho aggiunto: “Chi Mi segue, dev’essere povero come il suo Maestro”. Perciò Mi sono anche chinato umilmente per lavare i piedi ai Miei discepoli ed ho detto loro: “Non ritenetevi mai come primi, ma come ultimi davanti al Padre”.

12. A voi, Miei nuovi discepoli, dico: “Quello che vedete che Io vi faccio, fatelo voi ai vostri fratelli”.

13. Avete preparato il vostro cuore per ricevere l’Essenza della Mia Parola e con essa il conforto, l’incoraggiamento e la Luce di cui avete bisogno. Confidate in Me perché sapete che come tutti gli esseri ricevete la Mia Protezione. Io però vi ho detto che vivete nel tempo della remissione e purificazione e che imparerete ancora a conoscere il dolore nella massima misura.

14. Il futuro porterà agli uomini ancora grandi lotte e visitazioni ed anche voi come una parte di questa umanità avrete da soffrire. Solo la preghiera ed il rimanere desti renderanno sopportabile le sofferenze. Molti perderanno l’orientamento in queste prove, si scoraggeranno e cercheranno su altre vie la soluzione delle loro sofferenze. Soltanto se ritornano sul sentiero del bene, della pace e della giustizia riconquisteranno la loro calma. E persino fra questo popolo qui, che in questo tempo ha ricevuto il suo segno, dei 144.000 segnati sulla loro fronte – quanti di loro Mi abbandoneranno, benché ora circondino il Maestro e sentano la Sua Dottrina di infinito Amore?

15. Perciò sono venuto in questo tempo, per darvi forza nella vostra lotta, per mostrarvi di lavorare per un alto Ideale che è lo stesso per il quale ho combattuto in tutti i tempi – per il vostro sviluppo spirituale verso l’Alto.

16. Fate vostri tutti i Doni del vostro spirito e date loro un alto valore, affinché possiate resistere in questa grande prova. Non dateli via, affinché non vi sentiate come orfani, perché sarete costretti a procurarvi una grande provvista di fede, forza spirituale e coraggio per non scoraggiarvi.

17. Tutto ciò però che vi annuncio, non servirà per distruggervi, ma per rendervi grandi, perché troverete innumerevoli motivi per fare del bene e per diffondere la vostra attività d’amore. Se sapete prepararvi, dimenticherete voi stessi per venire in aiuto ai vostri prossimi e troverete la loro anima ricettiva come un terreno fertile per ricevere il seme e la pioggia benefica delle vostre opere d’amore.

18. In questo modo preparo lo spirito dei Miei figli affinché, quando sarà venuto il momento, possano testimoniare che tutti i Misteri che hanno vissuti, hanno parlato a loro di Me, che hanno sentito che il Mio Spirito E’stato intorno a loro.

19. Io Non sono soltanto Parola, Io sono Azione. Io lotto costantemente nelle anime dei Miei figli per trasformarle e sono attento a rispondere alle vostre domande, alle vostre chiamate e per accorrervi in Aiuto, affinché possiate adempiere la vostra destinazione.

20. è tempo nel quale la Mia Luce viene effusa su ogni spirito. Chi è stato pronto per praticare la Mia Dottrina, si è sentito pieno di forza, vivificata da una Volontà superiore e le opere che ha compiuto, gli hanno dato vita e fortificata la sua fede. Costui non può più allontanarsi dalla retta via, persino se dovesse passare su spinte, perché è cresciuta la forza della sua anima ed ha saputo superare la sofferenza per raggiungere il suo ideale. Chi non ha ancora cominciato questa via di lavoro, deve iniziare ancora oggi e non deve fermarsi. Persino l’opera più scarsa sarà da Me considerata. Sulla Terra non troverete una maggior soddisfazione che quella di venire in aiuto ad uno dei vostri prossimi perché sentite il suo dolore.

21. Tutte le Opere che ho fatto nel Secondo Tempo per mostrarvi i Miei Insegnamenti del fattivo amore per il prossimo, le dovete ora ripetere. Avete visto che ho restituito al cieco la luce degli occhi – voi potete rendere possibile che i ciechi di questo tempo che vivono nell’oscurità, vedano la chiara Luce della Mia Dottrina. Portate il paralitico a camminare, che a motivo della mancanza di Istruzione si è fermato. Risvegliate alla vita colui che è morto alla vita della Grazia e della spiritualizzazione. Fate parlare il muto che non può pronunciare nessuna parola d’amore e del perdono. Tutto ciò che dovete fare, Io ve lo concederò, perché vi ho provvisti con Doni di inestimabile valore, affinché possiate testimoniare della Mia Verità.

22. Il Mio Amore per l’umanità è stato costante. Non ho compiuto Miracoli solo quando discendevo sulla Terra; la Mia Opera di concedere agli uomini Amore e Protezione, esiste eternamente ed anche la Mia Istruzione è inesauribile. Quando comprenderete la Mia Lotta, quando riconoscerete Elia che opera fra voi instancabilmente?

23. Si sta già avvicinando la fine dei tempi e devo riportare il raccolto. Accetterò solo del frumento maturo, porterò nel Mio Granaio solo opere dell’amore compiute e perfette. E voi, come Miei discepoli, Mi dovete mostrare il vostro lavoro in questo modo ed assistere i vostri prossimi. In tutte le nazioni ci sono Miei discepoli, profeti, preparatori della via, nei quali si rivelano i Doni del loro spirito come in voi. Loro cercano nella preghiera il Balsamo che guarisce i malati, entrano in contatto spirituale con Me, cercano la Luce che illumina il loro sentiero e Mi riconoscono come la loro Guida ed il loro Maestro.

24. Non meravigliatevi se loro conoscono questa Dottrina , senza aver avuto la Mia Comunicazione attraverso l’organo d’intelletto dell’uomo, perché vi ho già detto che l’anima si è sviluppata ed ogni creatura ha adempiuto un compito. La sua anima si è purificata nel dolore, e dato che non ha trovato una vera guida sulla Terra, ha cercato Me, perché sa che Io sono nello Spirituale ed illumino e guido tutti i Miei figli.

25. Sono qui, v pronto a ricevere i vostri pensieri ed i vostri cuori, per offrirvi il contenuto della Mia Parola come il vero Vino della Vita eterna del quale vi ho detto che, chi ne beve, non sentirà mai più sete.

26. Non continuate a scambiare la Mia Parola che è il Pane della Vita, con le forme di culto che rappresentano solo una immagine della stessa.

27. La Luce dello Spirito Santo illumina il vostro sentiero e colma le vostre anime con pace. Quale Grazia esisterà sulla Terra, quando il Mio popolo che è sparso fra l’umanità, consacra la sua vita al compito di istruire i suoi prossimi, di amarsi reciprocamente. Ogni volte che vi parlo dell’unità, dovete comprendere che Io vedo la vostra disunità e la mancanza di armonia. Sappiate però che rivolgo questo rimprovero a tutti gli uomini ed a tutti i popoli, perché si è moltiplicato il seme della discordia ed è penetrato in tutti i cuori.

28. La discordia ha inondato impercettibilmente la parte più interiore della vita degli uomini ed è riuscita che vengano scossi gli imperi, le nazioni, le famiglie, le comunità religiose e sette. I frutti sono stati molto amari che hanno procurato la mancanza di armonia fra gli uomini, ed a loro manca ancora di gustare i frutti più amari. Non è stata tuttavia la Mia Volontà che gli uomini avessero bisogno di questo calice di sofferenza per riconoscere il loro smarrimento e per aprire i loro occhi alla Verità, perché benché Io vi giudichi in questo momento, non smetto mai ad Essere vostro Padre, e vorrei che la riflessione ed il pentimento vi salvino dall’abisso nel quale stata precipitando attualmente. Chi Mi farà entrare nel suo cuore? Quali popoli Mi apriranno le loro porte? Chi baderà alla chiamata della sua coscienza?

29. Pregate! Che cosa potete fare in questo momento nel quale vi vedo sempre ancora piccoli in rapporto al vostro sviluppo spirituale, se siete sempre ancora deboli ed impacciati? Diventate forti mediante l’esercizio delle Mie Istruzioni! La vostra vita vi offre giorno per giorno l’occasione di conquistare meriti e di perfezionarvi. Siate un popolo che riflette la Luce del Mio Spirito in tutte le sue opere, allora presto vi invierò come umili apostoli della Mia Dottrina per adempiere la vostra missione.

30. Se pensate che Io abbia abbandonato il Mio Trono per annunciarMi a voi, vi trovate in un errore, perché questo Trono che vi immaginate, non esiste. I troni sono per gli uomini vanitosi ed arroganti. Dato che il Mio Spirito è infinito ed onnipotente, Egli non dimora in un determinato luogo: Egli è ovunque, in tutti i luoghi, nello spirituale e nel materiale. Dove dev’essere questo Trono che Mi attribuite?

31. Non prendete le Mie Parole come un rimprovero per via della vostra scarsa comprensione e conoscenza della Verità. Non sono venuto da voi per umiliarvi, rilevando la vostra immaturità. Al contrario, Io sono venuto per aiutarvi ad elevarvi alla Luce della Verità.

32. Credete che non Mi renda conto del progresso e dello sviluppo che hanno raggiunto le vostre convinzioni di fede e conoscenze da quanto sentite questa Parola? In Verità vi dico, Io riconosco meglio di voi stessi i passi che state facendo sul sentiero spirituale.

33. Quando siete venuti alla Mia Comunicazione, non avete creduto alla Mia Istruzione per mezzo dell’intelletto umano, perché siete dell’opinione che Mi potreste trovare solamente nelle immagini, simboli ed altri oggetti che venivano consacrati dalle vostre comunità religiose. Dopo, quando nonostante la vostra mancanza di fede avete sentito che la Mia Istruzione ha mosso il vostro cuore e che la vostra anima ha sentita la Mia Pace, avete riconosciuto che la Luce divina si è rivelata attraverso quelle creature che erano elette per trasmettere il Mio Messaggio divino. Nel vostro cuore nasceva una nuova fede, è divampata una Luce che vi ha insegnato a comprendere che l’uomo si poteva unire direttamente con il suo Dio. Questo però non era tutto, dovevate ancora comprendere che l’intelletto umano non è assolutamente necessario affinché il Padre vi possa dare la Sua Istruzione. Allora sapevate che questa divina Comunicazione sarebbe venuta temporaneamente attraverso il portatore della Voce, perché più tardi il contatto da Spirito a spirito sarebbe avvenuto nel tempo, quando gli uomini allontaneranno dai loro culti religiosi il materialismo, il fanatismo ed ogni ignoranza che contengono le loro tradizioni e riti, dalle loro convinzioni di fede ed azioni di culto.

34. Alcuni di voi lo hanno già compreso, altri vivono di conseguenza. Vi manca però ancora molto per raggiungere questa meta dalla quale Mi potete comprendere nella Mia Verità e la realtà della Mia Magnificenza, e non più per mezzo di fantasie, che sono inventate dalla vostra scarsa forza umana d’immaginazione.

35. Smettetela di dare a Me una figura umana su un trono come quelli che esistono sulla Terra, liberateMi dalla figura umana che attribuite a Me, smettetela di sognare un Cielo che il vostro intelletto umano non è in grado di afferrare. Quando vi liberate di tutto questo, sarà come se si spezzassero le catene che vi hanno incatenati, come se si schiarisse una fitta nebbia e vi permettesse di vedere il raggiante firmamento, che però è contemporaneamente afferrabile al vostro spirito.

36. Gli uni dicono: Dio è nel Cielo, altri: “Dio abita nell’aldilà. Non sanno però ciò che dicono, né conoscono ciò che credono. Io “dimoro” bensì nel Cielo, ma non in un determinato luogo che vi siete immaginati: Io dimoro nel Cielo della Luce, della Potenza, dell’Amore, della Verità, della Giustizia, della Beatitudine, della Perfezione.

37. Io sono nell’aldilà, sì, ma al di là del peccato umano, al di là del materialismo, dell’orgoglio, dell’ignoranza. Solo per questo Io vi dico che Io “vengo” a voi, perché vengo nella vostra bassezza, perché vi parlo in un modo che i vostri sensi Mi percepiscano ed il vostro intelletto Mi possa comprendere, non perché Io vengo da altri mondi o altre dimore, perché il Mio Spirito è a Casa ovunque.

38. Avete lottato ed avete avuto bisogno di tempo per trasformare le vostre convinzioni di fede e vi dovete ancora sforzare per raggiungere la meta spirituale alla quale vi ho destinati, che consiste nel fatto di conoscere il Padre vostro, di amarLo e di mostrarGli l’adorazione attraverso lo spirito. Allora comincerete a presagire la vera Magnificenza dello Spirito, quello stato dell’elevazione, dell’armonia, della pace e del benessere che sono il vero Paradiso nel quale tutti devono arrivare.

39. Oggi aprite le porte del vostro cuore e del vostro intelletto alla Luce della Mia Istruzione. Con quali opere Mi glorificherete?

40. Voi tutti tacete dinanzi a Me, tace il vostro spirito ed anche il corpo. Chinate il vostro capo e vi umiliate. Io però non voglio che i Miei figli si umilino dinanzi a Me. Io voglio che siano degni di levare il loro volto e di contemplare il Mio, perché Io non vengo per cercare né servitori né schiavi; Io non cerco creature che si sentono come disprezzate, come reiette. Io vengo ai figli Miei che Io amo molto, affinché sentendo la Mia Voce di Padre elevino la loro anima sul sentiero al loro sviluppo spirituale verso l’Alto.

41. Ecco, Io vengo alla casa di Giacobbe e trovo solo paura in essa, Io spero di trovare una festa, e regna soltanto silenzio. Perché, popolo Mio? Perché la vostra coscienza vi rimprovera le vostre trasgressioni e vi impedisce di sentire gioia alla Mia Venuta. Il motivo è che non vi siete amati, che non avete lavorato come Gesù vi ha insegnato.

42. Vi è mancata la preparazione spirituale per percepire l’ombra del dolore che è in agguato intorno a voi, ed è necessario che il Padre vostro Si renda udibile materialmente e vi parli nella vostra lingua, affinché possiate sapere che l’Angelo della Guerra si sta avvicinando, che le sue armi sono molto potenti, e che di fronte a lui singhiozza l’Angelo della Pace.

43. Cavalcando sulle ali del vento si avvicina sempre di più l’epidemia e nello spazio spirituale fluttuano migliaia di esseri che giorno per giorno cadono sui campi dell’odio e della lite e la loro confusione oscura la vostra mente ed il vostro cuore.

44. Le potenze della natura sono scatenate e strappano gli scienziati dai loro sogni; ma questi – caparbi nella loro auto magnificenza - perpetuano la loro opera distruttrice fra l’umanità. Mentre voi dimenticate di pregare, non adempite il compito che il Padre vi ha affidato.

45. Sapete molto bene che il compito che procura la pace, grava da quei tempi sul vostro spirito, dato che ho detto a Giacobbe: “Ecco, Io ti darò innumerevoli discendenti attraverso i quali tutti i popoli della Terra devono essere benedetti”. Perciò tacete dinanzi a Me.

46. Volete forse aspettare finché le leggi degli uomini vi diseredino e vi costringano a chiudere le vostre labbra che Io ho istruito per dare testimonianza di Me?

47. Non siate uomini di poca fede. Se Io vi ho eletti è perché so che sarete in grado di servire Me e saprete farlo.

48. In questo giorno Io vi dico: Se le nazioni vogliono la pace, allora Io la rendo raggiungibile, rispetto al loro amore. Se vogliono ancora più guerra, che l’abbiano; ma attraverso questa cadrà sulla Terra lo Scettro della Mia Giustizia.

49. Se l’umanità dovesse perseguitare i Miei nuovi discepoli e cercare di impedire che guariscano i malati e parlino della Mia Dottrina, si diffonderanno fra gli uomini le malattie più strane. Si ammaleranno gli scienziati, verranno chiusi gli occhi di molti, altri subiranno la confusione dei pensieri. Si apriranno le porte dell’aldilà, e legioni di anime confuse devasteranno intere strisce di paese e renderanno gli uomini dei posseduti. Allora, in vista dell’impotenza della scienza, i Miei umili operai andranno e daranno dimostrazioni del loro sapere per mezzo dei quali molti diventeranno credenti. Questa sciagura vi era stata annunciata già molto tempo fa; ciononostante rimanete sordi e ciechi. Siete ingrati.

50. Qualche volta è necessario che Io vi parli in questo modo. Non scambiate però la Mia Parola dell’Amore con una verga. Io vi amo. Venite qui, affinché sentiate il Mio Calore. Avvicinatevi a Me, affinché sentiate la pace del Mio Regno. Siete coloro che durante l’attraversamento del “deserto” Mi avete cercato, siete coloro che avete sempre inseguito la Mia Promessa.

Vi siete stancati in questa vita? Allora riposatevi per un momento all’ombra di questo Albero. AffidateMi qui le vostre preoccupazioni e piangete al Mio Petto. Quando sarete per sempre con Me? Voglio vedere la pace già in ogni anima.

52. Lasciate che “l’allodola” distenda ora le sue ali sull’intero Universo, affinché sentiate la sua pace ed il suo calore.

53. Donne, siete voi che con la vostra preghiera conservate la poca pace che esiste sulla Terra, quelle che provvedono come fedeli custodi della casa che non le manchi il calore dell’amore. Unitevi dunque con Maria, la vostra Madre, per spezzare l’arroganza umana.

54. Uomini, vi ho fatti signori su questa Terra, affinché quivi Mi rappresentiate. Il vostro spirito è simile a quello del Padre, ed il vostro corpo simile all’Universo. Non giudicate la perfezione del vostro corpo con le sue dimensioni, ma secondo la meravigliosa vita che esiste in esso, il suo ordine e la sua armonia. Persino nella più grande perfezione il corpo è limitato, e verrà il momento in cui cesserà di crescere. Continueranno però a svilupparsi l’intelligenza e le percezioni, finché la morte lo ferma. Ogni sapienza ed ogni esperienza però che ha conquistato sulla Terra, rimangono incise nell’anima che cresce e si sviluppa in tutta l’Eternità.

55. Fate della vostra casa un secondo tempio, dai vostri affetti una seconda adorazione per Dio. Se Mi volete amare, allora amate le vostre mogli ed amate i vostri figli, perché anche da questo tempio sorgeranno grandi opere, pensieri ed esempi.

56. In questo tempo tutti voi siete pecore di Elia. Gli uni vivono nel suo recinto, altri sono ancora smarrite. La luce del Sesto Sigillo illumina in questo tempo tutte le anime incarnate e disincarnate. Mentre sulla Terra gli uni utilizzano questa Legge per il progresso e per la salvezza della loro anima, altri l’usano per penetrare nei segreti della scienza e per scoprire nuovi Miracoli. Sono le mani profane e disobbedienti che staccano ancora i frutti dall’albero della scienza per avvelenare il cuore degli uomini. State vivendo nel sesto tratto di tempo che l’umanità percorrerà sulla Terra come immagine della via che deve percorrere nell’Eternità.

57. Nella prima epoca Mi ha incorporato Abele sulla Terra, nella seconda Noè, nella terza Giacobbe, Mosè nella quarta, Gesù nella quinta, nella sesta, quella presente, Elia, e nella settima regnerà lo Spirito Santo.

58. Che cosa avete fatto con i Miei messaggeri? Il primo era caduto sotto il colpo del suo proprio fratello, spinto dall’invidia. Il secondo era disconosciuto e schernito da schiere di miscredenti ed adoratori di idoli.

59. Il terzo ha dato nella sua vita dimostrazioni della Mia Potenza e per questo ha ricevuto ingratitudine, persino dai suoi parenti.

60. Il quarto ha dovuto spezzare le tavole della Legge per via della scarsa fede del suo popolo che amava moltissimo.

61. Il Quinto – benché la Sua Venuta era annunciata – non era stato atteso, non ha trovato né fede né amore, e dopo aver dato al mondo il Suo Messaggio d’Amore, ha ricevuto dagli uomini la morte più oltraggiosa che un profeta o messaggeri abbia mai subito.

63. Quando il Settimo Sigillo verrà sciolto ed invece di un inviato, è lo Spirito stesso che illumina gli uomini – chi cercherà poi di ferire o di uccidere Me?

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 131  (Sabato di Pasqua)

 

1. In questo giorno nel quale suonano le campane per annunciare al mondo che si è aperto il Cielo per accogliere Cristo, Io vi dico che per voi queste tradizioni sono il passato. Ora per voi è adeguato il raccoglimento interiore invece di confuse parole; il ricordo e la meditazione, invece di rumorosi annunci di gioia. Che cosa succederebbe se i discepoli dello Spirito Santo materializzassero gli Insegnamenti divini?

2. Lo spirito è vita, e perciò non cesserà mai di esistere. Si deve perfezionare, affinché possa dimorare nelle Alture del Cielo; vi siete sviluppati, per questo c’è la conferma che vi allontanate liberamente dalle immagini sacre o simboli con le quali gli uomini cercano di rappresentarMi, perché voi Mi afferrate già come Santo Spirito – infinito ed onnipotente – e non Mi volete vedere limitato. Infine avete imparato a comprendere che davanti al vostro Dio non esiste miglior dono di sacrificio che le vostre buone opere.

3. Vi ho detto che Sarei risorto dai morti il terzo giorno? Allora vi ho anche parlato con ciò simbolicamente dei futuri avvenimenti. Ora sono qui nello Spirito all’inizio del Terzo Tempo e Mi annuncio attraverso l’organo d’intelletto umano e sono anche venuto ai morti – per la vita spirituale. Attraverso queste Comunicazioni annunciate e promesse in altri tempi avete sentito che abiti sfarzosi e cerimonie sono inutili, che dovete provvedere la vostra anima con purezza. Avete già compreso che significa inganno che non rimane inosservato dal Padre, quando qualcuno si mostra esteriormente puro e sfarzoso, senza aver purificato il cuore.

4. Potete impressionare e persino ingannare gli uomini, i vostri fratelli, ma non Me, perché il Mio Sguardo penetrante scopre e giudica tutto. Inoltre sperimenterete come in questo tempo di grande Luce spirituale gli uomini respingono tutto ciò che cela in sé l’ipocrisia. Io vi preparo per non farvi soverchiare da nessuno, né qualcuno seduca i vostri prossimi.

5. Se qualcuno dovesse comparire ed affermare di essere il Cristo di nuovo diventato uomo, non credetegli, perché quando vi ho annunciato che Io Sarei ritornato, vi ho fatto intendere che sarebbe stato nello Spirito. Se qualcuno vi dovesse dire: io sono l’inviato di Dio – diffidate di lui, perché i veri messaggeri non si vantano e non gridano al mondo la missione che ho affidata a loro. Si distinguono solo attraverso le loro opere. Agli uomini spetta di constatare se quello è un messaggero del Signor. Vi ricordate che vi ho detto, che l’albero si riconoscerebbe i suoi frutti?

6. Non vi vieto di assaggiare i “frutti degli alberi”, ma dovete essere preparati, affinché sappiate discernere il buon frutto da quello cattivo.

7. Disporrò come luminari coloro che amano la Verità, affinché illuminino il sentiero dei loro prossimi.

8. Ho il Desiderio per la vostra anima, quell’essere invisibile per i vostri occhi, per la quale una volta sono diventato Uomo ed ho versato il Mio Sangue, per istruirla affinché possa adempiere il suo compito.

9. Non temete di incontrare sulla vostra via degli uomini che negano la Mia Presenza in questa forma. Sono dei ciechi che non hanno ancora nessuna Luce nella loro anima. Anche allora Mi hanno rifiutato, ma quando hanno visto i Miei Miracoli, dovevano comunicare che Gesù era il Messia promesso.

10. In questo tempo vedrete davanti a voi coloro che Mi hanno rinnegato, che sono contriti e pentiti, senza che trovino parole per confessare che questa Dottrina è venuta da Dio.

11. In questo giorno nel quale le schiere di uomini accorrono alle loro chiese a gran suono di parole per celebrare il momento nel quale si apriva il Cielo per accoglierMi, Io vi dico, che tutto questo è solo tradizione per impressionare il cuore degli uomini. Sono soltanto dei riti che materializzano oggi la Mia divina Passione.

32. Voi non dovete seguire questa tendenza ed erigere altari e simboli. Non fate rappresentazioni di avvenimenti santificati, e non usate nemmeno abiti particolari per distinguervi, perché tutto questo è un culto idolatro.

13. InvocateMi con il cuore, ricordatevi della Mia Istruzione e prendetevi l’Esempio come modello. PortateMi il tributo del vostro miglioramento, e sentirete come si apriranno le porte del Cielo per accogliervi.

14. Credete che come Gesù è risorto il terzo giorno dai morti, così sono risorto oggi nel Terzo Tempo fra gli uomini che sono morti per la fede e per la Grazia, per insegnarvi per mezzo dell’organo d’intelletto umano le bellezze della Vita spirituale.

15. Alle schiere che Mi ascoltano, Io dico: Per quale motivo vi coprite con i vostri abiti della domenica e con gioielli e non rivestite piuttosto la vostra anima con purezza? Su di voi voglio vedere solo questo abito.

16. Evitate le false e profananti rappresentazioni che si fanno di Me e della Mia Passione, perché nessuno Mi può rappresentare. Vivete il Mio Esempio ed i Miei Insegnamenti. Chi agisce così, avrà rappresentato il suo Maestro sulla Terra.

17. Mentre alcuni bruciano incenso e mirra come dono di sacrificio per la Mia Divinità, Io vi insegno di offrirMi l’essere interiore del vostro cuore, il profumo della vostra anima. E’ questo dono spirituale di sacrificio che voglio da voi.

18. Questa mattina di Grazia l’umanità commemora il terzo Giorno nel quale Cristo è risorto per consolare i Suoi apostoli, e nel quale Egli ha oltrepassato la soglia della morte per ricercare il bisognoso spirituale. Ricordatevi che vi ho detto: Io sono il grande Agricoltore o Pastore. Questi compiti sono trasferiti anche su di voi. Chi al di fuori di un pastore può guidare le anime e condurre i popoli? Ed il padre di famiglia che cura i cuori, oppure un insegnate che guida la mente - non sono forse loro gli agricoltori?

19. Ad ognuno è assegnato un numero di anime che deve guidare o curare, e questo compito non finisce con la morte corporea. L’anima continua a seminare, coltivare e raccogliere nel mondo spirituale come sulla Terra. Le anime maggiori conducono le minori e queste a loro volta altre con ancora meno grado di sviluppo, mentre è il Signore che le guida tutte nel Suo Recinto.

20. Se ora Io vi ho detto che le anime maggiori conducono le minori, non voglio dire con questo che quelle anime siano state grandi fin dall’inizio e che le seconde siano sempre state piccole nei confronti dei loro fratelli. Quelle che ora sono grandi, è perché si sono elevate e sviluppate nell’adempimento del nobile compito di amare, di servire e di assistere coloro che non hanno ancora raggiunto quel grado di sviluppo spirituale, che sono ancora deboli, quelle che si sono smarrite, e quelle che soffrono.

21. Quelle che oggi sono ancora piccole, domani saranno grandi a motivo della loro perseveranza sulla via dello sviluppo.

22. La scala del perfezionamento spirituale che Giacobbe ha visto rappresentato nel suo sogno profetico, è la via che comincia nel mondo e termina nel Cielo, che ha il suo inizio nel mondo materiale e la sua fine nella perfezione della Vita spirituale.

23. Con la morte voi non abbandonerete i vostri figli, i vostri allievi, i vostri popoli, perché la distanza fra un mondo e l’altro è solo apparente. Dalla sfera spirituale potrete continuare a provvedere, guidare ed assistere il numero delle vostre anime e sovente potrete allora compiere delle opere così grandi come lo avreste considerato impossibile sulla Terra.

24. La via della vostra anima è benedetta, che vi fa riconoscere con sempre maggior chiarezza l’Amore del Padre vostro e vi insegna a comprendere la grandezza delle Sue Opere.

25. Sarà possibile che dopo queste Istruzioni qualcuno continui a sperare che la morte lo liberi dalla sua croce, oppure che ci sia qualcuno che teme che questa lo derubi della sua semina?

26.Tutto vive in Me, tutto si eternizza in Me, nulla va perduto.

27. In questo tempo vi cerco nella vostra visitazione, perché se voi cercate Me, allora anche Io cerco voi. Io voglio parlare con voi, lasciateMi penetrare nel fondo del vostro cuore e non cercate di tenere segreto a Me né la vostra preoccupazione né le vostre trasgressioni.

28. Provate a sentirMi nel silenzio, elevate il vostro spirito al Padre vostro, allora sentirete presto la Mia Voce che vi parla in una Lingua che non è mai stata sentita da voi e che comunque potete comprendere, come se l’avreste sempre sentita.

29. Non dovete stupirvi di questo, perché dovete comprendere che Io sono la “Parola Universale”. Io parlo alle coscienze, Io parlo ai cuori, alle anime, alla ragione ed ai sensi, Io parlo a tutti gli esseri, la Mia Voce non tace mai.

30. Imparate a sentirMi ed indagate le Mie Lezioni. Ricordatevi che vi ho detto che chi beve dell’Acqua della Mia Parola, non avrà mai più sete. Ho effuso la Mia Sapienza su tutto ciò che esiste, affinché la raccogliate durante tutto il viaggio della vostra vita.

31. Anche se non esistessero religioni nel mondo, sarebbe sufficiente concentrarvi sul fondo del vostro essere per trovare la Mia Presenza nel vostro tempio interiore. Vi dico anche che sarebbe sufficiente osservare tutto ciò che vi offre la vita per scoprire il Libro della Sapienza che vi mostra continuamente le sue pagine più belle e gli Insegnamenti più profondi.

32. Allora comprenderete che non è giusto che il mondo si smarrisca, mentre porta nel suo cuore la retta via, né che erra nell’oscurità dell’ignoranza, benché viva in mezzo a così tanta Luce.

33. Non sono venuto per giudicarvi con l’esclusiva meta di emettere un verdetto su ogni peccatore. Io sono venuto per giudicarvi, ma non senza offrirvi prima una nuova occasione di liberare la vostra anima da tutte le sue trasgressioni.

34. Io chiamo tutti, perché Mi voglio vedere circondato da questa grande famiglia che è per Me l’umanità alla quale ho dato tanto Benvolere e Tenerezza in una tale misura che Mi sono fatto uno dei suoi Figli.

35. Voi che avete avuto l’occasione di sentirMi in questa forma dovete sapere che siete venuti nel giusto tempo. Io sono venuto né prima né dopo il giusto momento, né voi siete arrivati troppo tardi o troppo presto. Questo è il tempo che era stato promesso al vostro spirito fin dai tempi più remoti, affinché riceviate la continuazione di una Istruzione che era appena iniziata in tempi antecedenti.

36. Non avete potuto ritornare a Me senza prima aver gustato tutti i frutti della vita e di esservi deliziati in tutti i divertimenti. Sono pochissimi gli esseri che hanno saputo rimanere fedeli e puri al Fianco del Padre! Che hanno fatto solo la Sua Volontà! Voi però, che avete ripetuto molte volte nelle vostre preghiere: “Signore, sia fatta la Tua Volontà come in Cielo così anche sulla Terra” – è una menzogna che voi avete sempre agito secondo la Mia Volontà. A motivo che avete sempre vissuto secondo la vostra volontà che è imperfetta, avete commesso degli errori così gravi che ora dovete pagare con grandi amarezze, malattie e miserie. Non continuerete ad affermare la vostra volontà e vi sottometterete ad una divina Autorità che conduce tutto con Sapienza e Giustizia. Allora non commetterete più errori e non soffrirete più per via di questi.

37. Pregate e cercate la solitudine ed il silenzio nel vostro santuario, allora in questa preghiera appariranno i sensi e facoltà che attualmente sonnecchiano ancora nel’interiore del vostro essere e vi parleranno di precedenti Istruzioni e futuri avvenimenti che oggi sono irraggiungibili per il vostro intelletto. Allora verrete a sapere che dovete terminare un lavoro che in vite precedenti avete lasciato senza conclusione. Nel tempo odierno l’uomo comincia a riconoscere sé stesso in modo spirituale. Esso sta già davanti alla porta del santuario dove troverà la spiegazione per tutti i misteri che finora lo avevano circondato, senza aver potuto spiegarli. Guai però a coloro che nonostante la Mia continua Chiamata si mostrano sordi o insensibili per la Voce che bussa in modo incessante alle porte dei loro cuori, perché per loro sarà un fastidio vitale ed una malinconia che finora erano inimmaginabili.

38. O donne di questo popolo che avete sentito la Mia Parola che tocca le corde più profonde e più nobili dei vostri cuori – vegliate per i vostri, tenete accesa in loro la fiamma della fede, curate la virtù, la pace e la fratellanza.  / Mi rivolgo a voi, perché il vostro cuore è sensibile per la Mia Parola, anche se il vostro spirito somiglia a quello di tutti gli uomini.

39. Voglio fare di tutti voi gli amati discepoli che imparano a correggere senza ferire o giudicare nessuno - coloro che sanno guarire una ferita senza farla sanguinare, che sanno perdonare senza causare umiliazioni. Se siete preparati così, vi manderò alle nazioni come consiglieri, come messaggeri di pace, come araldi di questo Lieto Messaggio, come degni discepoli di Colui il Quale vi ha insegnato molto. Non dovete però dimenticare che l’Unico il Quale può dare, è il Padre, ed Egli è anche l’Unico il Quale può restituire all’anima tutto ciò che ha perduto.

40. Dopo il 1950, quando la Mia Comunicazione in questa forma sarà terminata, non vi lascerò soli. Continuerò ad Essere presente in altra forma, in un modo più sensibile, e se in Verità vegliate sulle Istruzioni che vi ho affidato e vi spiritualizzate, sentirete la Mia Presenza ancora più vicina a voi. Se avete fede, Mi contemplerete con i vostri occhi spirituali, e se vi unite come fratelli nella Mia Opera, gli uomini affluiranno a voi come sono accorsi in questo tempo nel quale Mi sono annunciato tramite i portatori della Voce.

41. Nessuno potrà strappare dal vostro cuore questo seme, perché esso passerà da una generazione all’altra.

42. Ci sarà una lotta: gli atei e gli ipocriti vi indicheranno con il dito e vi perseguiteranno, perché seguite questa Orma. Ma nulla potrà portare questo popolo alla retrocessione, perché questo seme che è stato seminato da Me nei vostri cuori, germoglierà nei momenti della prova, come la Parola di Luce sulle labbra dei vostri figli.

43. Come era riuscito al cristianesimo a far conoscere la Mia Dottrina dell’Amore nei tempi nei quali era difficile per gli uomini sentire amore gli uni per gli altri, proprio come lo spiritualismo in questo tempo combatterà in una epoca nella quale il materialismo ha pietrificato i cuori degli uomini. E se in quei tempi la Parola di Cristo ha scossa la vita degli uomini nelle sue fondamenta, così ora anche questa Luce farà tremare le corde più sensibili dei vostri cuori. Ci saranno tratti di tempo nei quali la Mia Semenza sarà quasi scomparsa. Ma sarà di successo e continuerà ad esistere in mezzo a tutti gli avvenimenti sulla Terra.

44. Se ad alcuni riuscirà a nascondere la Mia Verità, altri si adopereranno a farla conoscere. Se i genitori dovessero tacere, parleranno i figli. La Mia Parola però fluirà sulle labbra dei Miei discepoli ed ovunque compariranno le testimonianze. Non pretendete però di vedere l’adempimento di tutto ciò che vi annuncio attualmente. Lasciate dapprima germogliare la vostra semenza, e poi, che la pianta porti il frutto bramato e persino ancora dopo dovete permettere che maturi il frutto. Allora sperimenterete come tutte le Mie Profezie diventeranno realtà, una dopo l’altra. Alcuni di voi sono ferventi, altri trascurati; ma Io vi dico che dovete essere tutti pazienti e perseveranti.

45. Se sapete che cosa costa a raccogliere un frutto o un seme dopo averlo coltivato e curato, avrete vero amore per esso. Perciò vi dico che il Mio Seme passa attraverso le vostre mani affinché gli vogliate bene e gli riconosciate tutto il suo valore. Per aiutarvi nell’adempimento del vostro compito, Io vi fortifico per la lotta.

46. Il Pastore porta amorevolmente il gregge nel Recinto dell’Amore, che è per l’anima il Grembo del Signore.

47. Andate avanti, vi dice la Mia Voce, non rimanete fermi sulla via. Amate il tempo come un prezioso tesoro, utilizzatelo nell’adempimento dei doveri del vostro spirito ed in quelli che vi caricano i vostri impegni terreni. Usatelo in tutto ciò che comanda la Mia Legge e la ricompensa che riceverete, sarà Luce e pace per il vostro spirito.

48. Per molti uomini di questo tempo sta finendo la loro espiazione sulla Terra. Voi, che sentite queste Rivelazioni e non sapete se fate parte del numero degli eletti - sfruttate persino l’ultimo momento della vostra esistenza, esaminatelo alla Luce della vostra coscienza. Esaminate le vostre prove che state soffrendo, pareggiate per quanto possibile tutte le vostre colpe (spirituali) e con questa preparazione otterrete un frutto soddisfacente che la vostra anima raccoglierà appena oltrepasserà la soglia della Vita spirituale.

49. Non pensate alla morte affinché la cosa ignota non diventi per voi una fissa idea schiacciante. Pensate che vivrete, e siate certi che, quando vedrete la via della sfera spirituale, la vostra anima esclamerà felice e sorpresa: Mi sembra come se fossi già stata qui una volta!

50. Studiate ed interpretate in modo giusto le Mie Istruzioni, perché se non lo dovreste fare, capitereste nel fanatismo in seguito alla cattiva trasmissione che date ai Miei Insegnamenti della spiritualizzazione, e dato che è l’elevazione dello spirito, non permette nessun errore.

51. Vivete puri, umili, semplici. Adempite tutto ciò che è giusto nell’ambito umano, come tutto ciò che riguarda il vostro spirito. Allontanate dalla vostra vita il superfluo, l’artificioso, il nocivo, e ristoratevi invece in tutto ciò che si trova di bene nella vostra esistenza.

52. La via è piana ed il peso della croce leggero, se avete già imparato a vivere nel modo che vi appaia facile adempiere l’obbligo della vostra espiazione. Per colui però che porta un grave peso e trascina con sé le catene attraverso il mondo, può sembrare che sia impossibile prendere la Via del Signore e seguire le Orme che Egli ha lasciato.

53. Riconoscete che il Maestro non esige nulla di impossibile da voi. Vi dico ancora una volta che dovete trasformare in un attimo la vostra vita. Liberate il vostro cuore da cose materiali, liberatelo dall’egoismo, e procederete sulla via che vi ho delimitato con Mansuetudine ed Amore.

54. Non sono i Miei servitori coloro che fingono di servirMi con parole vanitose e facendo così si vantano con un sapere o opere giudicando le opere dei loro prossimi. I Miei servitori, i Miei discepoli, i Miei soldati, sono coloro che con una vita pura, laboriosa ed utile seminano sulla loro via la Mia Luce e lasciano dietro di sé una orma di virtù ed esempi del bene.

55. Nessuno è autorizzato a giudicare l’agire dei suoi prossimi, perché se non lo fa colui che è puro – perché dovrebbe poterlo fare colui che porta macchie d’onta nel suo cuore?

56. Vi dico questo, perché siete sempre intenzionati ad esaminare la semenza del vostro fratello nella speranza di trovarvi errori, per poi mostrargli la vostra semenza e per umiliarlo, mentre gli dite che il vostro lavoro è più puro.

57. L’unico Giudice che sa soppesare le vostre opere, è il Padre vostro il Quale abita nel Cielo. Quando Egli appare con la Sua Bilancia, nei Suoi Occhi non avrà meriti più grandi colui che comprende di più, ma colui che ha saputo ad essere un fratello per i suoi prossimi ed un figlio del suo Signore.

58. E’ necessario che il Mio popolo si manifesti fra le nazioni e dia un esempio di fratellanza, armonia, amore per il prossimo e comprensione, come un soldato di pace fra coloro che hanno abusato nuovamente delle Istruzioni divine per litigare, per ferire altri, e per togliersi la vita.

59. Io parlo attraverso la coscienza ai Miei figli di tutte le unioni, chiese e sette. Li ammonisco alla riconciliazione e li ispiro con grandi pensieri pieni di Luce. E’ però inevitabile che sappiate che lascio loro un Messaggio tramite voi, che voi dovete portare a loro nel Mio Nome.

60. Dovete essere umili. Non vi deve toccare quando vi offendono. Siate mansueti. Vi causeranno umiliazioni e sofferenze. La vostra parola però che sarà il Mio Messaggio, non lo potranno bandire dal vostro spirito. Perciò Io vi dico: Se certi rimangono insensibili e sordi per la vostra chiamata, altri per questo si sveglieranno dal loro lungo sonno ed andranno per procedere e portare la loro vita sulla via del rinnovamento e del pentimento.

61. Armatevi con coraggio, fede e forza, affinché possiate affrontare la lotta. Vi faccio però notare: Non lasciatevi intimorire quando parlate con uno dei vostri prossimi, perché lo vedete vestito bene oppure perché gli si rivolge con principe, signore o ministro.  / Prendetevi come un esempio Paolo e Pietro che alzavano la loro voce davanti a coloro che il mondo chiamava signori. Erano grandi nel loro spirito, e nonostante ciò non si vantavano davanti a nessuno di coloro che erano signori; si professavano piuttosto di essere servitori. Seguite il loro esempio e testimoniate la Mia Verità attraverso l’amore delle vostre opere.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 132

 

1. Siate i benvenuti, voi che cominciate a sentire nel vostro interiore la fiamma dell’amore per il vostro Maestro. Siate i benvenuti, voi che cercate di addolcire la vostra vita con la Carezza della Mia Parola. Benvenuti anche voi, che dubitate della Mia Presenza, perché vi libererò dal vostro dubbio che scomparirà davanti al Mio Amore. Benvenuti anche voi che venite qui con cuore rattristato, perché Io vi darò conforto di cui avete bisogno. Il Mio Amore vi abbraccia tutti.

2. Quando vedete come vi accolgo, Mi dite dal profondo del vostro cuore: “Signore, ti ho aspettato, ho già desiderato la Tua Venuta, come la Tua amorevole Parola”. – Cercate il Regno di Dio? Vi ci porterò passo dopo passo, finché avete raggiunto il più alto gradino della perfezione. Molti di coloro che vi hanno preceduto sulla Terra, stanno già raggiungendo quella elevazione. Sono gli spiriti della Luce, gli inviati o messaggeri di Dio che vengono invisibili agli uomini per portare loro messaggi ed ispirazioni.

3. O discepoli, sforzatevi con il progresso dell’anima, ed imparerete a chiarire tutti quei problemi per cui considerate impossibile la soluzione, benché siano nell’ambito delle vostre possibilità. Se siete dotati di così alti Doni, perché volete che Io faccia tutto per voi? Pensate che voi dovete venire a Me attraverso i vostri meriti, sforzi e persino sacrifici. Io vi mostro il modo di procedere sulla via per raggiungere la meta.

4. Vedete, la Mia Parola è come un buon seme. Qualche volta cade su terreno duro, sotto sassi e spine: è il materialismo, l’indifferenza dei cuori nei quali la Mia Dottrina non può germogliare. A volte una pianta comincia appena a fiorire, quando arriva una mano impura e la taglia. Questo succede, quando il cuore si lascia guidare da cattive passioni. Quando il seme cade nel terreno fertile, allora germoglia al momento giusto, fiorisce e mette boccioli, il tronco si stende giornalmente più in alto e dona abbondanti frutti.

5. Qualche volta vi domandate: “Perché il Maestro – invece di eleggere i Suoi servitori e discepoli – non prende noi che siamo tutti figli Suoi?” ed Io vi rispondo: Io scelgo coloro per i quali è il giusto momento, come con chicchi di semi maturati. Agli altri lascio ancora un po’ di tempo, finché raggiungono la piena maturità per poterMi servire di loro. Il Maestro agisce come un buon pescatore che sale nella sua barca presto al mattino e quando l’ha riempita di pesci, permette che i piccoli pesci inutilizzabili sguscino attraverso la rete per scegliere i più grandi. Io sono il Pescatore di anime che mette la Sua Rete per catturavi i vostri cuori. Molti di coloro che erano catturati nelle Mie Reti dell’Amore, sono ritornati nel mare delle loro inquietudini e passioni! Non possono ancora far parte degli eletti che Mi seguono fedelmente e che rinunciano. Ma lo faranno più avanti.

6. Io cerco di far sentire la Mia Voce in tutte le anime, ma il materialismo degli uomini permette loro di sentire solo la voce del mondo e della carne. Ciononostante ci sono alcuni che Mi sentono e questi sono gli afflitti, i bisognosi, i malati, i disprezzati, coloro di cui il mondo non ha più bisogno e che ha fatto cadere alla dimenticanza, perché non hanno più nulla da dare. Questi Mi sentono molto bene, perché sanno che possono aspettarsi qualcosa solo da Me. Che cosa può significare la Mia Voce, la Mia Parola per colui che trova nel mondo tutto ciò che desidera? Costui vede soltanto la sua felicità materiale, e quando sente una volta o l’altra la Mia Chiamata, anche lui Mi dice come usa dire ad un mendicante: “Oggi non ho nulla da darti, ritorna domani!”. Chi però conosce questo “domani”? Chi può sapere quanto ci vuole per poter di nuovo sentire una chiamata? Può essere il giorno di domani, pure come è possibile in un’altra esistenza. Beato che dimentica la sua sofferenza per via del dolore di altri.

7. Pregate, riconoscente che adesso è il tempo in cui la Mia Giustizia e la Mia Luce hanno scosso svegliando tutte le potenze oscure. Questo è un tempo difficile e pericoloso, perché persino gli esseri che alloggiano nell’oscurità, si spacceranno fra voi come esseri di Luce per sedurvi, per confondervi. Io vi do la Mia Luce affinché non smarriate la via, né che vi lasciate ingannare da coloro che abusano del Mio Nome.

8. I seduttori non sono solo esseri invisibili, li trovate anche incarnati negli uomini che vi parlano di Insegnamenti che fingono la Luce che però sono in contrasto verso i Miei Insegnamenti. A questi non dovete dare ascolto. La Mia Parola viene riconosciuta nella sua alta spiritualità, nel suo contenuto e nel suo “sapore divino”. A chi riesce ad imparare a conoscere il “sapore” della Mia Parola e ne prende confidenza, non cade in nessun errore. Io vi ho concesso il diritto di indagare ed approfondire la Mia Parola per imparare a conoscerla a fondo.

9. Dato che Io veglio su di voi come il pastore che custodisce le sue pecore – quando getto le Mie Reti per salvare le vostre anime dalle onde agitate dell’oceano, così voi dovete pregare per i vostri prossimi, allora la vostra preghiera si stenderà come un mantello della pace sull’umanità.

10. Ora comprendete che ho suddiviso la Mia divina Rivelazione in tre grandi epoche di tempo.

11. Era nell’infanzia spirituale dell’umanità quando il Padre le ha dato la Legge e le ha promesso un Messia il Quale le avrebbe aperto la porta in una nuova epoca.

12. Il Messia era Cristo, il Quale è venuto dagli uomini quando questi si sono trovati nella “gioventù spirituale”. Egli ha insegnato agli uomini una forma più alta di adempiere la Legge che prima avevano ricevuto dal Padre e non l’hanno saputo adempiere. La “Parola di Dio” ha parlato attraverso le Labbra di Gesù, per cui Io vi dico che il mondo ha continuato a sentire la Voce ed il Comandamento del loro Padre attraverso la Dottrina dell’Amore del perfetto Maestro.

13. Gesù da parte Sua ha offerto agli uomini di mandare loro lo Spirito della Verità, affinché tutti loro comprendessero ciò che non avevano compreso dalla Sua Dottrina.

14. Orbene, amato popolo, questa Parola semplice, modesta che sentite attualmente, è la Voce dello Spirito della Verità, è la Luce spirituale di Dio che si riversa nel vostro essere, affinché apriate i vostri occhi per il Nuovo Tempo. Questa Luce che comincia a farvi comprendere con Chiarezza tutte le Rivelazioni del vostro Maestro, è la Luce del vostro Padre, dello Spirito Santo, che sorprende l’umanità ad un livello superiore dello sviluppo spirituale, cioè quando questa si avvicina all’età adulta, per comprendere le Rivelazioni di Dio.

15. In tutto ciò che vi rivela questa Luce, riceverete l’Istruzione del Padre, perché “La Parola” è in Me, e lo Spirito Santo è la Mia propria Sapienza.

16. Questa forma della Comunicazione attraverso portatori della Voce umana è soltanto l’introduzione ad un vero collegamento spirituale degli uomini con il loro Creatore e Signore, quando, colmi dello Spirito della Verità, parlate con il vostro Padre da spirito a Spirito.

17. A coloro che non credono nella Mia Comunicazione in questo tempo, Io dico: Non negate che il Maestro entra nuovamente in contatto con gli uomini, perché Egli vi ha promesso di ritornare, e nessuna delle divine Promesse è rimasta inadempita. Non vi dovete nemmeno allontanare dal Padre vostro, quando dite che sia impossibile tenere con Lui il dialogo. In Verità vi dico che il Signore è sempre stato in contatto con gli uomini in forma differente secondo la loro maturità spirituale.

18. Questa nuova epoca che è quella della spiritualizzazione, verrà chiamata quella dello Spirito Santo, dato che viene illuminata dalla Luce divina che spiega tutto e vi insegna a comprendere tutto.

19. E’ già iniziata la nuova epoca e non finirà mai, perché il culmine di questa epoca si sposerà con l’Eternità.

20. Non presagite ancora la grandezza ed i Miracoli che vi promette il tempo della Luce? Non gioite al pensiero che il tempo è già vicino nel quale il mondo sfugge alla sua oscurità ed apre i suoi occhi al nuovo giorno?

21. Le condizioni confuse finiranno, l’astuzia scomparirà, i Misteri si risolveranno, ed una Luce raggiante, ma contemporaneamente amabile e soave – perché è quella dello Spirito divino – dirà agli uomini che hanno a lungo cercato, che si sono disperati e tormentati: Qui è la Verità.

22. Comprendete che Cristo ha esposto la Legge del Padre e che la Dottrina del Maestro viene illuminata dalla Luce dello stesso Padre, che voi chiamate Santo Spirito.

23. Elevate il vostro spirito per raggiungere questa Luce, permettete allo spirito la libertà, aprite i vostri occhi, perché Io voglio riversare su di voi un torrente di Benedizioni.

24. Voi uomini che siete venuti solo oggi alla Luce della Mia Parola: Aprite le vostre mani bisognose e prendete il Pane ed il Vino della Mia Istruzione.

25. Le prove sono oltrepassate su tutti; dagli uni sono rimasti brevemente, ma veementemente, da altri erano perseveranti ed amare: momenti, ore, giorni ed anni del dolore devono essere per voi il passato, e nei vostri cuori deve ritornare la pace. Dal Mio Spirito al vostro fluiscono il Mio Balsamo, la Mia Forza e la Mia Luce.

26. Lasciatevi avvolgere dalla Mia Irradiazione, affinché qui dimentichiate preoccupazione, lutto, miseria e lacrime. Ora è tempo che scopriate il Tesoro che portate nascosto in voi e che smettiate ad essere i paria nel mondo.

27. Popolo, non temere, perché non ti metto incarichi o responsabilità finché non hai raggiunto la pace, la forza dell’anima e la salute che ti mancano. Appena vi sentite forti, il vostro cuore Mi ringrazierà e chiederà contemporaneamente un posto nella Mia Vigna.

28. “Chiedete e vi verrà dato” ho detto ai malati, ai bisognosi di pace, ai poveri, a coloro che hanno fame e sete di giustizia, alle vedove, agli orfani, in breve a tutti coloro che bevono il calice dell’amarezza. Non prometteteMi però nulla per i Miei Benefici. Permettete che Io vi inondi con il Mio Amore, ma avete piena libertà di seguirMi oppure di allontanarvi da Me. Chi Mi segue oppure no, questo lo lascio alla gratitudine del vostro cuore, alla vostra comprensione, alla vostra coscienza.

29. Non è un comando che vi , ma anche voi non Mi dovete mettere delle condizioni per seguirMi.

30. Quello che dovete tener presente è questo, che ognuno che si rinnova, conduca una vita irreprensibile e metta nelle sue opere una scintilla di virtù , tenga a disposizione i più preziosi tesori dello spirito come lo sono la pace, la salute e la Luce della Sapienza.

31. Se siete obbedienti e mansueti, non avete nulla da temere. In Me vedrete solo Amore, Giustizia e Benignità senza limiti.

32. La vostra paura sarà giustificata se camminate al di là della retta via. Allora dovrete tuttavia temere le conseguenze delle vostre azioni imperfette.

33. Fra di voi c’è qualcuno che Mi dice: “Signore, perché mi hai chiamato, benché Tu sappia che possiedo un cuore molto duro che non ha mai sentite amore per qualcuno?” A costui Io dico che deve stare tranquillo, perché il Mio Potere è grande e fa sgorgare persino dalla roccia dell’acqua cristallina.

34. Rimanete perseveranti nell’ascoltare la Mia Parola, è l’unica cosa che vi chiedo. Allora – quando ci pensate di meno – si dissolverà l’oscurità della vostra mente, affinché vi possa penetrare la Luce; e questo cuore che somiglia ad un morto nella sua bara, risorgerà alla vita, sentendo ed amando come si conviene ad ogni figlio di Dio.

35. Imparate a pregare, vi dice il vostro Maestro. Voglio parlare con voi nella vostra silenziosa cameretta. Voglio parlare con i Miei malati ed ungerli e far loro sentire il conforto del Mio divino Balsamo guaritore. Vi voglio concedere ciò che vi aspettate già da lungo tempo.

36. Imparate a parlare con il Medico dei medici, o benedetti malati, perché domani Mi dovete ancora invocare sovente, quando sarete di nuovo guariti e vi saranno affidati altri malati.

37. Abbiate sempre la fede, affinché Miracoli si avverino, e conquistate meriti, affinché siate sempre degni per ciò che chiedete.

38. Quali meriti può conquistare un malato che è incapace per ogni lotta? I suoi meriti possono essere molteplici e grandi, se comprende di armarsi con pazienza e rassegnazione, se sa essere umile nei confronti della Volontà divina e Mi possa benedire nel mezzo del suo dolore, perché il suo esempio illuminerà molti cuori che abitano nell’oscurità, che si disperano e si rassegnano al vizio oppure pensano alla morte, quando li sorprende una prova. Quando questi uomini incontrano sulla loro via un esempio di fede, di umiltà e di speranza che sorge da un cuore che soffre molto perché porta una croce molto pesante, allora sentiranno che il loro cuore è stato toccato da un Raggio di Luce. Ed è veramente così, e dato che non erano in grado di sentire la voce della loro coscienza, hanno dovuto ricevere la Luce della coscienza che un altro prossimo ha mandato loro attraverso il suo esempio e la sua fede.

39. Non scoraggiatevi, non dichiaratevi come falliti, non piegatevi al peso delle vostre sofferenze. Abbiate sempre davanti agli occhi la lampada accesa della vostra fede. Questa fede ed il vostro amore vi salveranno.

40. Uomini, che nel silenzio subite rinunce e miserie, che giorno per giorno dovete bere il calice dell’umiliazione, Io benedico i vostri passi. Ieri siete stati signori, ed adesso siete servi; prima vi coprivano abiti da festa, ed adesso vi avvolge la povertà, Abitate in un angolo misero, da dove riflettete sul vostro passato, e là versate in segreto le vostre lacrime, affinché né vostra moglie né i vostri figli vi vedano piangere. Sentite viltà in quei momenti e non volete scoraggiare i vostri parenti. Io Solo conosco questa preoccupazione, Io Solo so asciugare queste lacrime. Voglio parlare a tutti voi ed istruirvi, perché tutto questo dolore che avete accumulato interiormente, Io lo posso eliminare e lascio nelle vostro cuore solamente quella benedetta Luce dell’esperienza. Vi assicuro che da coloro che hanno sofferto maggiormente, farò uscire i migliori maestri.

41. Dovete imparare a conoscere la Mia Parola, affinché guariate e risorgiate a nuova vita, o voi morti nel cuore e nello spirito!

42. Il dolore ha versato tutto il suo contenuto nel mondo e si fa sentire in migliaia di forme.

43. In quale terribile affanno vivi, umanità! Con quanta fatica lavori la pasta per il pane quotidiano! Per questo motivo gli uomini si consumano anzitempo, le donne invecchiano anzitempo, le ragazze appassiscono in pieno fiore, ed i bambini diventano sensibili in tenera età.

44. Questo tempo è un’epoca del dolore, dell’amarezza e delle prove, nel quale vivete. Nonostante ciò Io voglio che troviate pace, che otteniate l’armonia, che respingiate il dolore. Per questo Io appaio nello Spirito e vi mando la Mia Parola che è sulla vostra anima una rugiada di conforto, di guarigione e di pace.

45. Ascoltate la Mia Parola che è la resurrezione e la vita. In essa riconquisterete fede, salute e gioia per la lotta e per la vita.

46. Io vi regalo l’Amore che è in Me e che non Si esaurisce mai. Voi siete parte del Mio stesso Io, ed Io vi nutro, la Mia benefica Ombra vi copre sempre. Come Padre vi ho insegnato a fare i primi passi nell’adempimento del vostro compito. Vi trovate al piede del monte della perfezione, da lì salite in alto. Il Mio Spirito è in Cima ed attende il vostro ritorno. L’umanità seguirà i vostri passi. Io vi faccio giungere la Mia Chiamata, parlo al padre di famiglia che è stabilito come Mio rappresentante ed ha il compito a guidare le anime a lui affidate; parlo anche a colui che è un governante, affinché ognuno agisca all’interno delle Mie Leggi e possa adempiere il suo compito mentre supera le prove di questo tempo.

47. Fin dal principio dei tempi ho arredato la casa costituita da uomo e donne e vi ho riversato sopra Sapienza ed Amore. Ho caricato su ambedue una croce ed una perfetta destinazione. Le fondamenta di questa casa sono amore, la reciproca comprensione. La conduzione spetta all’uomo, la riverenza e l’obbedienza alla donna. Ho messo in ambedue preziosi Doni, affinché si possano perfezionare. E non è la Mia Volontà che questa istituzione benedetta venga disconosciuta o profanata. Nonostante le tempeste che infuriano e minacciano ovunque – siate vigili e difendete questi principi. Edificate il futuro dell’umanità su fondamenta solide. Io che sono presente nelle vostre azioni, vi benedirò e moltiplicherò il vostro seme.

48. Se la vostra anima non è in grado di comprendere grandi idee o ispirazioni, allora pregate, preparatevi, ed Io vi illuminerò.

49. Tutti gli incarichi che Io vi do, sono di grande significato e responsabilità. Mentre affido agli uni la tutela per i bambini, faccio degli altri guide spirituali di un grande numero di uomini oppure governanti su un numeroso popolo. Benedetto sia colui che si eleva al di sopra del terreno per cercare da Me Forza e Luce, perché sarà in contatto con Me ed Io lo sosterrò durante l’adempimento del suo compito in tutte le sue prove.

50. Sentite il Mio Calore come Padre, ascoltateMi e comprendeteMi. Coloro che Mi sentono per la prima volta, non devono pensare che quest’uomo attraverso il quale vi do la Mia Parola, vi voglia far credere che egli sia il Signore, il Maestro. No, i vostri occhi non Mi vedono, ma il vostro spirito Mi riceve, e nel cuore sentite la Mia Presenza. Vi parlo dall’Infinito ed è l’amabile Eco della Mia Voce che sentite attraverso queste labbra preparate da Me, affinché possiate sentire la Mia santa Parola.

51. Perché c’è questa Comunicazione? Vi ho promesso in un altro tempo di ritornare. Vi ho comunicato che la Mia Venuta sarà quando le guerre sarebbero scatenate, quando la depravazione degli uomini avrebbe raggiunto il suo apice, e quando si sarebbero diffuse sulla Terra delle piaghe. Inoltre vi ho fatto intendere che la Mia Venuta sarebbe stata nello Spirito. E’ già venuto il tempo del Mio Ritorno, quello della Mia Presenza fra voi è quello delle guerre che scuotono tutta la Terra, le case sono distrutte, le virtù calpestate con i piedi e la Legge falsificata. Perciò molti si chiedono quando riconoscono tutto questo: “Quando verrà Cristo, il nostro Salvatore?” Non sanno che sono già nel mondo e preparo la semenza che porterà loro la Luce e la pace. Ho appena cominciato con l’adempimento della Mia Promessa.

52. Sono venuto nuovamente dagli umili, dai poveri ed ignari che però hanno fame e sete di giustizia, amore e Verità. E quando questo popolo semplice e sconosciuto ha riconosciuto che qualcuno ha rivolto ad esso la sua attenzione e che questo Qualcuno era il suo Signore, si è messo alla ricerca – spinto da un grande potere interiore - della Mia Parola. E’ venuto triste, stanco e malato ed alla Mia Presenza ha trovato il Balsamo per tutti i suoi mali. E’ venuto pentito dei suoi peccati, delle sue macchie e vizi, ma quando ha sentito la Carezza che gli dona il Mio Perdono, è sorto in lui un fermo proposito del rinnovamento, del miglioramento. Ha sentito che al suo spirito mancavano delle opere che erano degne del Padre suo, ed ha ricevuto delle Istruzioni per poter fare grandi opere e miracoli.

53. La vita umana e spirituale erano misteri che il loro scarso sapere non ha potuto sondare. Mentre qui Mi ascoltava, ha imparato a conoscere la Verità su tutto ciò che è creato. Se in quel tempo il popolo Israele aspettava la Venuta del Messia come quella di un potente Re, guerresco e forte nel terreno che gli avrebbe restituito la sua libertà, gli avrebbe dato delle armi per vincere ed umiliare i suoi oppressori e poi lo avrebbe coperto con beni terreni, per fare di lui il popolo più grande e più potente della Terra – in questo tempo il popolo non è venuto qui affinché Io lo renda ricco nel mondo, né che Io lo faccia grande e padrone sugli altri. Questi sono venuti da Me per trovare la Verità, la Redenzione e la pace. Ho concesso loro pure i beni materiali, ma questo è avvenuto come aggiunta.

54. Il pane dei poveri in questo tempo – benché sia così amaro – non è come lo mangiano i potenti, i grandi signori, i re.

55. Uomini, ritornate a Me, cominciate a pregare come Io ve l’ho insegnato, affinché sentiate la pace della Mia Venuta. Pregate spiritualmente davanti a Me e sentite le frasi che Io vi ho insegnato e che sono: “Padre nostro che Sei nel Cielo, sia santificato il Tuo Nome, il tuo Regno venga”. Quante volte avete pronunciato queste Parole che sono una supplichevole richiesta per la Mia Venuta, senza comprendere ciò che significa, cosa contiene, e perciò senza sentirle. Cristo vi ha insegnato a pregare mentre elevate i vostri pensieri al Padre Celeste, senza che si mette fra il Padre ed il figlio una immagine oppure una qualche forma di culto. Da quando avete dimenticato queste Indicazioni?

56. O Mio nuovo popolo Israele! Ti affido quest’Opera come se fosse un Albero. Oggi è ancora tenero, domani sarà potente. E’ destinato a donare ombra e frutti al pellegrino stanco e malato. Se voi però che venite dalle province e regioni, dai monti e dai villaggi nel desiderio dei suoi frutti, non lo curate, allora questo Albero si secca, i suoi frutti cadranno, e non darà più nessuna ombra. Verrà il giorno nel quale ritornerete di nuovo da lui, perché vi sentirete affamati ed assetati di vita, ma quando venite poi nel luogo dove si trovava l’Albero, non scoprirete più nessuna traccia di lui, perché non avete saputo curarlo, perché vi siete accontentati di mangiare dai suoi frutti finché avevate calmato la vostra fame e poi gli avete voltato le spalle. Questo Albero cresce nel cuore dei Miei figli. I suoi frutti sono amore e misericordia, la vostra fiducia e la vostra gratitudine saranno il miglior innaffiamento che potete dare all’Albero, affinché esso viva, cresca e porti frutto.

57. EccoMi quindi in mezzo a questa modestia, perciò non Mi sono rivolto ai grandi (di questo mondo), perché loro cercherebbero di esserMi compiacenti, mentre Mi offrono i tesori della Terra. Ricordatevi che Gesù allora non aveva nemmeno una capanne nel mondo per nascere. Era in una semplice grotta che Gli dava un tetto, e la paglia Gli serviva come giaciglio. “Il Mio Regno non è di questo mondo” vi ho detto più tardi, e ve l’ho dimostrato fin dalla Mia Nascita. Un semplice vestito ha coperto il Mio Corpo che veniva sovente bagnato dalle lacrime dei peccatori, da coloro che hanno molto sofferto; e la fede di coloro che lo toccavano, ha procurato veri Miracoli in loro.

58. Oggi che sono venuto da voi nello Spirito, vi dico che il Mantello che Mi copre e con il quale copro voi, è solo quello del Mio Amore. Venite a Me ed asciugate le vostre lacrime in questo Mantello benedetto, perché sulla vostra fede risplenderà un nuovo Miracolo, quello della vostra salvezza.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 133

 

1. Siate i benvenuti, Miei cari, che vi ritrovate qui per sentire la Mia Parola. Qui è il Maestro dell’umanità. Ora Mi annuncio attraverso questi portatori della Voce come ho parlato ai popoli in un altro tempo attraverso la bocca dei profeti.

2. Trovate forse qualcosa di più grande fra gli uomini che ciò che vi ha rivelato il vostro Dio? – No. Perché seguite allora sentieri che vi conducono nell’errore anche se vi ho messo davanti agli occhi una via diritta? Io Solo vi posso rivelare ciò che per voi sono sati Misteri. Chi altri i può mediare nei Consigli di Dio? Solo la Mia Luce divina ha potuto rivelarvi che vi è stata concessa la vostra vita attuale per espiare passate trasgressioni che il vostro cuore non conosce. Con questo amaro calice espiate degli errori per purificare la vostra anima e raggiungere lo sviluppo verso l’Alto.

3. Non dimenticate che la vostra esistenza non è limitata al vostro corpo materiale. Se perciò cessate di vivere, l’anima non muore. Avete dimenticato che l’anima è un seme dell’Eternità?

4. Non limitateMi nemmeno alla figura di Gesù. Se volete pensare a Me oppure riflettere sulla Mia Comparsa come Uomo, allora fatelo attraverso il ricordo dei Miei Insegnamenti, delle Mie Opere. ComprendeteMi come infinito; riconoscete la prima dimostrazione d’Amore che vi ho dato, quando vi ho fatti simili a Me, affinché attraverso l’esercizio delle virtù diventaste poi simili alla Mia Divinità, mentre seguite con fervore il Mio Esempio. Vi parlo in questo modo solamente perché siete già capaci di comprenderMi.

5. Io sono del tutto Spirito, ma sono presente in tutte le Mie Opere. Quando Mi cercate in tutto ciò che vi circonda sulla Terra – nell’aria, nello spazio, nella Luce -, allora Mi vedrete subito. Quando cercate la Mia Presenza nella Creazione più insignificante – nella foglia di un albero, che il soffio d’aria muove oppure nel profumo di un fiore – Mi troverete là, vi scoprirete l’Orma dell’Amore con la quale il Creatore ha sigillato tutto le Sue Opere. La vostra scienza ha scoperto e creato molte cose miracolose, ma l’uomo non ha fatto tutto da solo, perché ho messo in lui i concetti base della vita, il fondamento di ciò si trova nel Mio Amore di Padre. Lo spirito per mezzo dell’intelletto umano è uno specchio che riflette la Luce e la Potenza della Divinità. Più in alto sta lo spirito e più sviluppato è l’intelletto, più grandi Rivelazioni rifletterà. Se la vostra scienza vi ha dato oggi frutti molto amari, allora perché avete guidato questa luce solo sulla via della libera volontà.

6. Non vi ho detto che siete pecore smarrite? Questo è il motivo per cui vi seguo per riportarvi indietro. Se ritornate sulla vera via del Mio Recinto, l’armonia fra voi ed il Padre procurerà che donate all’umanità veri frutti della vita. Perché dovreste sempre solo camminare su vie storte, benché la voce del vostro giudice interiore non si stancherà mai di parlare a voi? Perché non dovreste abbracciare il bene se la vostra anima – ogni volta che fate una buona azione – viene inondata di gioia?

7. Umanità, non ho mai voluto che tu andassi perduta. E’ ingiusto che hai questa idea di Me, che pensi che Io abbia creato esseri che devono inevitabilmente andare perduti, che Io abbia assegnato ai figli di Dio questa destinazione. Comprendi che avete un’altra destinazione che quella eterna, di vivere eternamente e non solo alcuni pochi, ma tutti, perché siete tutti figli Miei. Quando sono disceso nel mondo e diventato Uomo, è avvenuto per mostrarvi negli esempi di quel Sacrificio l’adempimento della Missione che era disposta attraverso la Mia Divinità. Vi dico che questo Sangue veniva versato per delimitare il sentiero della remissione di tutti i Miei figli e che, se uno qualunque non dovesse aver ottenuto questo beneficio, Io Sarei diventato unicamente per questo nuovamente Uomo ed avrei dato il Mio Sangue per salvarlo.

8. Non esiste nessuna Giustizia che sia perfetta come la Mia. Se oggi vi lamentate che degli innocenti vengono condannati e che d’altra parte ci sono certi colpevoli senza che li abbia puniti la giustizia del mondo, allora state tranquilli che nulla rimane nascosto dinanzi a Me e che oltre a ciò tutto avrà una fine sulla Terra. Andate avanti, figli Miei, non fermatevi, ma camminate sulla via che vi ha presegnata la Mia Legge. Dite che Mi amate, ma non con parole, bensì con azioni, con opere dell’amore per i vostri prossimi. Non edificate per Me altari materiali per adorarMi. Se però avete bisogno di un altare per potervi ispirare, allora osservate questa magnifica natura che vi circonda ed amateMi in essa, in questo modo arriverete da Me.

9. Amati discepoli, ogni volta che vi avvicinate a Me, preparati nell’anima e nel corpo, riceverete la Mia Forza e la Mia Consolazione, la vostra preoccupazione scomparirà e godrete latte e miele. Deponete presso di Me tutto ciò che opprime il vostro cuore ed Io disporrò della vostra vita com’è la Mia Volontà. Io voglio che tutti voi combattiate, che nessuno si afflosci, che siate ferventi e che lavoriate con rassegnazione e riparazione ed i vostro strumenti da lavoro avranno lo splendore solo dopo la lotta del lavoro.

10. L’umanità sta aspettando i Miei nuovi discepoli; ma se voi, che siete Miei operai, abbandonate gli attrezzi da lavoro per paura dell’opinione del mondo – che cosa darete a questa umanità? Non avete sentito la responsabilità per il vostro incarico? La vostra coscienza non vi mente mai, e vi dirà sempre se avete adempiuto il vostro dovere. Questa inquietudine che sperimentate, è un segno che non avete seguito i Miei Comandamenti.

11. Vi ho dato il Dono della pace e voi non lo avete seminato nei cuori dei vostri prossimi. Non avete esercitato nessuna influenza con i vostri pensieri e preghiere per lenire il dolore delle nazioni che si trovano in guerra. Non siate come i ciechi che conducono altri ciechi; ricordatevi che vi ho detto che siete la Luce del mondo. Il vostro incarico non sarà difficile se avete amore per la causa. Se Mi mostrate buoni propositi, Io vi assisterò. Non sarà necessario che andiate alla ricerca di malati, ma sarete desiderati. Io ve li condurrò, ed in questo modo potrete adempiere questo benedetto compito di consolare. Coloro che vengono a voi, saranno preparati da Me, affinché non incontriate cuori duri e Mi dite: “Quanto è difficile l’incarico che Mi hai dato, Padre, e quanto duri i campi che coltivo”. Io ho disposto tutto, affinché agiate con amore e vi perfezionate.

12. Vi ho eletti per affidarvi questo compito, perché Mi amate e Mi avete mostrato la vostra umiltà e rassegnazione. Io però non voglio – dopo che vi ho usato come mediatori per effondere la Mia Misericordia sui bisognosi -., che vi sentiate superiore ai vostri prossimi e Mi rinneghiate.

Per elevare la vostra anima dovete rinunciare ai divertimenti superflui di questo mondo. La Mia Via è stretta ed è necessario di vegliare e pregare. Se però Mi amate in Verità, non sarà per voi un sacrificio di separarvi da queste miserie umane. Ho reso leggera la vostra croce ed ho illuminati coloro che vi circondano, affinché non siano ostacoli sulla vostra via.

14. Domani ci sarà una guerra di insegnamenti ed idee. Molti dei vostri prossimi, stanchi delle false promesse, verranno da voi alla ricerca della Verità e se allora non dovreste essere preparati vi intimorirà la presenza di quegli uomini.

15. Lottate per la salvezza degli uomini ed utilizzate il tempo, perché si sta già avvicinando il 1950 e poi non palerò più attraverso i portatori della Voce. Molti di voi Mi serviranno ancora prima di quell’anno, altri dopo. Dopo quell’anno voi, che avete trasmesso la Mia Parola, non cadrete in estasi e voi, che avete fatto annunciare nel tempo presente il “mondo spirituale” (gli Angeli custodi) obbedirete alle loro ispirazioni ed in ogni momento vi sentirete protetti. Io Sarò con tutti i Miei figli affinché continiuate ad annunciare agli uomini le Mie Istruzioni. In quel tempo i vostri nemici tenderanno a distruggervi e di mettere ostacoli per lo sviluppo della Mia Opera. Se poi sarete divisi, vi sentirete indeboliti. Molti di quei persecutori, quando imparano a conoscere il senso della Mia Dottrina, Mi riconosceranno, si convertiranno e porteranno le Mie Istruzioni ad altre nazioni e paesi.

16. Io voglio che voi portiate questa Luce a tutti i Miei figli, ai minimi ed ai potenti, che vi occupiate delle loro anime che ansimano ed indichiate loro la via e che voi, che non eravate istruiti, sappiate interpretare la Mia Volontà davanti al mondo.

17. Ognuno è al posto che gli ho assegnato. Non bestemmiate di coloro che vi ho presentati come Miei megafoni per le schiere di uomini, aiutate loro piuttosto con i vostri buoni pensieri. Se Io li ho scelti per dare loro un importante incarico, allora pregate per loro, affinché compiano il loro difficile compito.

18. Voi che avete sofferto le prove che hanno reso fd’acciaio i vostri cuori, ora potete comprendere chi soffre e potete penetrare nella camera segreta – che è il cuore umano – e scoprire la sofferenza oppure il male che lo opprime per consolarlo.

19. ComprendiMi, popolo, e pensa: Se ho reso udibile materialmente la Mia Parola, è avvenuto perché vi amo e voglio che conosciate il Mio Desiderio, che vi amiate l’un l’altro.

20. Come dimostrazione di amicizia datevi le mani, ma fatelo con sincerità. Come volete essere fratelli se non avete saputo essere amici?

21. Se volete che il Padre Sia fra voi, allora dovete imparare a vivere come fratelli e sorelle. Se fate questo passo sulla via della fratellanza, la vostra vittoria sarà la ricompensa del collegamento da Spirito a spirito. Vi ho concessi molti Doni spirituali e vi annuncio: Se siete uniti nella volontà e nel pensare,vi concederò che vi unite per mezzo dell’ispirazione con i vostri fratelli che vivono al di là del vostro mondo.

22. La Mia Opera è di Amore, la Mia Verità è chiara, per cui vi dico che nessuno può camminare nell’oscurità e sostenere che Io Sia lì (nell’oscurità).

23. Allora, quando ho vissuto fra voi come Uomo, succedeva sovente che nelle notti, quando tutti riposavano, Mi cercavano sempre di nuovo degli uomini e venivano a Me in segreto, dato che temevano di essere scoperti. Mi cercavano perché avevano rimorsi di coscienza, dato che avevano gridato contro di Me e suscitato scandalo, mentre Io parlavo alle masse di uomini ed i loro rimorsi di coscienza erano più forti quando constatavano che la Mia Parola aveva lasciato nei loro cuori un dono di pace e di Luce ed Io avevo lasciato fluire nel loro corpo il Mio Balsamo guaritore.

24. Si sono ritrovati da Me con capo chino e Mi hanno detto: “Maestro, perdonaci, abbiamo riconosciuto che nella Tua Parola vi è la Verità”. Io ho risposto loro: “Se avete scoperto che Io dico solo la Verità – perché allora vi nascondete? Non vi recate all’aperto per ricevere i raggi del sole quando appare, e quando ve ne siete vergognati?”

25. Chi ama la Verità non la nasconde mai, né la rinnega e non se ne vergogna nemmeno.

26. Vi dico questo perché vedo che molti vengono qui in segreto per sentirMi, ma mentono, dove sono andati e tengono segreto ciò che hanno sentito, qualche volta negano persino di essere stati da Me. Di che cosa vi vergognate?

27. E’ necessario che imparate di parlare della Mia Opera e della Mia Parola in un tal modo da non dare motivo di essere scherniti oppure indicati con il dito. Dovete anche essere sinceri affinché, quando date testimonianza di Me, lo facciate con parole che esprimono di venire dal cuore. Questo è il seme che germoglia sempre, perché possiede la Verità che tocca il cuore e giunge all’anima.

28. Il Mio Messaggio divino, quando lo metto in voi, si deve trasformare in Messaggio fraterno, ma affinché questo impressioni e smuova il cuore materialistico ed egoistico degli uomini odierni, dev’essere compenetrata dalla Verità che Io vi ho rivelata. Se nascondete o tacete qualcosa, non avrete dato nessuna piena testimonianza di ciò che è stata la Mia Rivelazione nel Terzo Tempo e di conseguenza non vi si crederà.

29. Vi ho dimostrato che si possa togliere la benda dell’oscurità agli ignari o abbagliati, senza causare loro del danno, senza offenderli, senza ferirli e così voglio che lo fate. Io l’ho dimostrato su voi stessi che l’Amore, il Perdono, la Pazienza e l’Indulgenza hanno più potere che le durezze, condanne o l’uso di violenza.

30. Conservate questa Lezione, discepoli, e non dimenticate che, se volete essere chiamati con diritto fratelli dei vostri prossimi, dovete possedere molta bontà e virtù per lasciar fluire le stesse in loro. Io vi prometto che allora, quando sulla Terra risplende la Luce della fratellanza, faro sentire in modo forte la Mia Presenza.

31. Lo spirito di colui che sa prepararsi, capita in estasi nell’osservazione delle Istruzioni spirituali che sono ispirate attraverso la Parola del Maestro. Il terreno del vostro cuore non è stato sterile e presto il frumento porterà frutto.

32. La Mia Luce ha spezzata la fitta oscurità della vostra ignoranza, ha toccato il vostro cuore per amarMi ed il vostro intelletto si è illuminato per comprendere la Mia Rivelazione. Questa Luce vi ha fatto vedere la Magnificenza della Vita, le perfezione della Creazione, i Miracoli della natura e la Sapienza con la quale ogni destino è stato presegnato.

33. Qualche volta Mi dite: “Maestro, è facile imparare la Tua Lezione, ma difficile metterla in pratica”. - In seguito a questo il Maestro vi incoraggia e con il Suo Amore vi infonde fiducia. Allora nella vostra vita quotidiana vi impone delle prove nell’ambito della vostra capacità di affrontarle. E così cominciate impercettibilmente ad esercitare gli Insegnamenti del Maestro. Tutto ciò di cui avete bisogno è comprensione, fede ed amore per percorrere questa via.

34. Ricordatevi: Quando siete venuti alla Mia Presenza e prima di aver preteso da voi di cominciare subito con l’adempimento di un qualsiasi compito, ho permesso che Mi ascoltate, affinché vi saziaste della Mia Parola che è Sapienza e Forza, Balsamo e Pace. Dapprima vi ho fatto cercare la Mia Verità finché l’avete trovata, vi ho lasciato indagare la Mia Verità e penetrare nella stessa fino a dove lo avete voluto; come ho detto a Tommaso di mettere le sue dita nella ferita al Mio Fianco per poter credere.

35. Vi ho fatto sentire innumerevoli volte la Mia Parola ed in tutte le Lezioni vi ho fatto sentire come discepoli. La Mia Divinità si è manifestata ed Io ho concesso che il Mio “mondo spirituale” di dare dimostrazioni della sua presenza, mentre ha fatto Miracoli fra di voi.

36. Se sapete comprendere e vedere tutto ciò che vi ho concesso, vi convincerete che non avete più nessuna fame e nessun desiderio per dimostrazioni e Miracoli.

37. Avete visto realizzarsi i Miracoli in voi stessi o nei vostri fratelli ed erano questi Miracoli che hanno acceso la fiamma della vostra fede ed edificato un altare dell’amore nei vostri cuori.

38. Avete tutto per poter esercitare la Mia Dottrina con purezza ed elevazione che ora comprendete.

39. Oggi continuate a porMi domande, domani sarete voi quelli che rispondono alle domande che vi porranno i vostri prossimi.

40. Il compito che vi ho affidato, è difficile e bello. E’ la croce dell’amore sotto la quale crollerete e che poi vi rialzerà con la sua forza.

41. Chi può vivere questa vita senza portare una croce? E chi è che la porta e non crolla a volte sfinito dal suo peso?

42. Non dimenticate che anche Io, vostro Maestro, vostro Redentore, ho avuto la Mia Croce sulla Terra ed ho dovuto crollare più volte sotto il suo peso. In Verità però vi dico che la carne può essere piegata e crollare sotto il peso del dolore, dello sfinimento e della lotta di morte, ma lo spirito non sarà vinto, perché dopo ogni caduta si raddrizza di nuovo, in ogni lamento benedirà la sua destinazione e persino nella morte si eleverà alla Luce della vera Vita.

43. Cristo non ha disprezzato di prendere su di Sé la Sua Croce. Mentre Egli l’ha portato sulle Sue Spalle fino al Golgota e su di essa ha spento la Sua vita, Egli ha dato la più grande dimostrazione di Umiltà e dopo Egli era alla Destra del Padre.

44. Quella Croce era la penna con la quale ho scritto la Mia Passione nei cuori degli uomini.

45. O popolo, al quale ho affidato la missione ad essere Luce e salvezza per l’umanità. Tu sei discepolo dei Tre Tempi che adesso, nel Terzo Tempo, sarai maestro.

46. Oggi siete uniti e formate comunità, folle e gruppi; domani vi incontrerete su diverse vie per testimoniare della Mia Dottrina e per insegnare. Spiritualmente però non sarete distanti l’uno dall’altro.

47. Persino se dovreste essere separati da mari ed ampi paesi, i vostri cuori batteranno insieme, uniti attraverso l’ideale di adempire la vostra missione.

48. Dopo il 1950 verrà l’unificazione di questo popolo e la Gioia del Padre sarà grandissima, quando vede la fecondazione del seme che Egli ha coltivato con la Sua Parola, che era come una rugiada fertilizzante e che il popolo ha ricevuto dal 1866 fino al 1950.

49. Si sta già avvicinando il momento, popolo, nel quale devi portare al tuo Padre Geova, al piede del nuovo monte Sinai, i primi frutti della tua missione.

50. Io voglio che in quell’ora benedetta mostriate al Padre quella unità che avevate perduta nei tempi passati e per la quale vi ho pregato così tanto nel presente. Non andate da Lui con fanatismo o idolatria nei vostri cuori e nelle vostre mani la paura della delusione.

51. Come potrebbe scoprire i suoi errori colui che adora idoli, quando trova voi come anche voi adorate simili oggetti?

52. Il Mio Amore provvidenziale rende fertili tutti i campi affinché vi cada il seme della spiritualizzazione.

53. Non temere la tua destinazione, popolo. In questo tuo compito missionario non esiste nessuna schiavitù, né questo “recinto” (comunità spirituale) è una prigione, né gli incarichi che vi ho affidato, sono catene.

54. Ben per coloro che cercano credenti e di buona volontà cercano rifugio in quest’arca, perché saranno salvati dalle tentazioni di questo tempo, saranno forti, perché nel loro dolore avranno il Balsamo guaritore, nelle loro miserie avranno il Tesoro di quest’Opera e quando li perseguita l’ingratitudine e diffamazione, avranno il conforto della Mia Parola d’Amore.

55. Non esigo da voi sacrifici sovrumani. Non ho né esortato l’uomo a non essere uomo per seguire Me, né ho preteso dalla donna a non esserla più per adempiere un compito spirituale. Non ho separato il marito dalla sua compagna, né ho allontanata questa dal suo marito che Mi possa servire, né ho detto ai genitori di abbandonare i loro figli oppure di lasciare il loro il loro lavoro per poter seguire Me.

56. Agli uni come agli altri ho fatto comprendere quando ho fatto di loro operai in questa Vigna – che loro – per essere Miei servitori – non cessano ad essere uomo e che devono comprendere di dare a Dio ciò che è di Dio ed al mondo ciò che gli spetta.

57. Vi dico solamente che non dovete lasciar passare nessuna delle occasioni che Io vi metto sulla via della vostra vita per adempiere la missione d’amore che vi ho insegnata.

58. Troverete che i vostri doveri spirituali e materiali sono collegati, e sovente adempirete contemporaneamente ambedue le Leggi.

59. La vostra anima dovrà percorrere sette tappe spirituale per raggiungere la perfezione. Oggi che vivete sulla Terra, non sapete su quale gradino della scala dello sviluppo vi trovate.

60. Anche se Io so la risposta a questa domanda, non ve la devo dire per ora.

61. Lavorate con grande fervore affinché – quando arriva la morte e chiudete gli occhi del vostro corpo per questa vita – la vostra anima si sente da sé elevata, finché giunge alla dimora che ha raggiunto attraverso i suoi meriti.

62. I discepoli di questa Opera sapranno all’arrivo della morte corporea quanto facilmente si strappano il legami che uniscono l’anima al corpo. In lui non vi sarà alcun dolore, perché deve abbandonare i piaceri della Terra. La sua anima non errerà fra gli uomini come ombra e busserà di porta in porta e di cuore in cuore nel desiderio di Luce, di amore e pace.

63. Vegliate e pregate, vedete come là nelle altre nazioni la guerra semina sconforto sulla sua via mentre fra voi scende la Mia Parola piena di Bontà e Pace.

64. Prega per il mondo, popolo.

65. Voi uomini, quando con passo veloce ritornate alla vostra casa, perché volete abbracciare la moglie oppure guardare negli occhi dei vostri figli, ed avete gioia nel cuore, perché volete consegnare ai vostri parenti i frutti del lavoro – allora pregate per quegli uomini che si trovano sui campi della morte e non possono più ritornare per visitare la loro casa, perché è stata rasa al suolo.

66. Quando sperimentate qualcosa di gioioso, non dovete dimenticare che nella stessa ora ci sono molti che piangono.

67. Voi donne e madri, quando chinate il vostro volto per baciare la fronte del bambino che sonnecchia amabilmente nella culla, allora pensate a quelle madri che prima erano allodole ed ora hanno perduto il nido, il compagno ed i loro bambini, perché la guerra ha distrutto tutto come un uragano.

68. Quando chiudete la porta di casa e ne sentite il piacevole calore e la sua protezione, allora pensate anche a quelle madri che nell’interno della Terra cercano un posto per proteggere i loro bambini dalla morte. Pensate ai piccoli bambini che chiamano i genitori senza ricevere una risposta, ed a coloro che balbettano solo una parola: pane.

69. Mentre gli uomini continuano a distruggersi, voi dovete pregare e la vostra preghiera dev’essere come un Angelo della pace che fluttua al di sopra di quei popoli.

70. Ho parlato a voi come Maestr o al discepolo e come Padre al bambino. Riflettete sulla Mia Parola.

71. La comunità che voi formate insieme alla Mia Divinità, è come un potente Albero che invita il viandante al riposo. Io sono la Radice ed il Tronco di quell’Albero, e voi siete i rami distesi pieni di fogliame. Io vi nutro con la linfa e voi ricevete con essa la vita e forza. Riflettete se potreste vivere staccati da Me. – Mi dite qualche volta che siete diventati deboli e che soffrite, perché i tempi sono cambiati. Io però vi dico che i tempi sono rimasti gli stessi, quello che è cambiato, è il vostro cuore, perché non avete compreso di vivere e perseverare nell’amore, nell’armonia e nella pace e questo è il motivo per la vostra preoccupazione.

72. La Mia Istruzione rinnova la fede della vostra anima, vi dà nuova Forza e vi illumina. La Mia Parola è Acqua cristallina che spegne la sete e si riversa su di voi in modo inesauribile. Io vi do il “frumento” in sovrabbondanza, affinché lo coltiviate nel cuore dei vostri prossimi. Io voglio che come Io vi amo, vi amiate così fra voi ed anche voi stessi; perché non vi ho solo affidato la guida e la conduzione di un numero di uomini, ma anche il primo dovere che avete di fronte a Me, che è di vegliare su voi stessi. Vi dovete amare nella consapevolezza che siete la viva immagine del vostro Creatore.

73. Il raccolto che Mi avete portato fino ad oggi, consiste di dolore e scarsa conoscenza della Mia Legge; ma non Io vi ho dato da bere questo calice. Vi ho detto: Quando seminate frumento, raccoglierete anche frumento. Dovete però curare il chicco di seme che seminate. Oggi è tempo di raccolto ed ognuno riporterà il suo raccolto. Dopo la Terra sarà di nuovo pulita, e l’uomo comincerà una nuova vita ed Io gli Sarò molto vicino ed ispirerò il suo cuore. Sarà il Regno di Pace del quale vi ho detto molto, amati discepoli, e per il quale preparo attualmente tutte le anime.

74. Voglio vedervi schierati come piccoli bambini intorno alla Mia Tavola, come Mi ascoltate e vi nutrite, come avete comunione con Me, e mentre ricevete i Miei Ammaestramenti, prendete propositi per eseguirli. Io voglio che serviate i vostri prossimi. Vi manderò da loro appena sono fioriti nei vostri cuore l’amore e la misericordia. La vostra vita deve essere come uno specchio pulito, affinché vi si riflettano le vostre azioni e sappiate se avete agito bene oppure se avete sbagliato.

75. Lo sviluppo delle virtù dei Miei discepoli sarà uno sprone per coloro attraverso i quali Mi annuncio. L’ispirazione sarà abbondante, e la Mia Grazia e le Mie Azioni miracolose si riverseranno sugli uomini. I vostri fratelli spirituali – benevoli attraverso la loro preparazione – vi assisteranno a rendere facile la vostra via e piacevole il vostro lavoro. La vostra influenza passerà oltre le vostre case sulle strisce del vostro paese oppure la vostra nazione ed aiuteranno altri cuori. Il Bene ha un potere che non conoscete ancora.

76. Vi ho dato la Mia Parola attraverso la mediazione di uomini semplici ed ignari. Fra coloro però che Mi ascoltano, ci sono anche scienziati con intelletto erudito, che hanno saputo scoprire nell’umiltà di questa Parola la Mia Essenza divina. Ho lavorato giorno per giorno sui vostri cuori per renderli ricettivi per le Mie Comunicazioni ed ha vinto il Mio Amore. Dalla roccia che Mi avete mostrato nel vostro cuore, ho fatto un tempio nel quale Mi offrite una adorazione d’amore.

77. Vi affido la Mia Opera, difendetela, perché è un Gioiello di inestimabile valore. Siate guardiani e vegliate su di essa, che sia rispettata e compresa. Nulla vi deve far retrocedere sulla via. Andate sempre avanti.

78. Ogni volta che il vostro cuore ha sete d’amore, elevatevi a Me. Quando la sofferenza è come un grave peso, allora ricordatevi che esiste un Padre il Quale vi ama ed è pronto a consolarvi. Quando pensate a Me, sentirete che scompare la paura e la preoccupazione. AffidateMi i vostri malati ed Io li guarirò.

79. L’Albero della Vita ha disteso i suoi rami per donarvi riposo e refrigerio, ed i suoi frutti hanno reso amabile il vostro cuore.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

 

Istruzione 134

 

1. Con questo Messaggio dell’Amore porto la pace al vostro cuore, perché ho visto aperto il vostro santuario e sono entrato per dimorarvi.

2. Vi parla Cristo, il Maestro e vi ricorda le Sue Opere sulla Terra, affinché vi riesca ad ispirarvi nel Mio Esempio.

3. Devi sfruttare la Mia Presenza fra voi, molto amato popolo, perché il tempo che stai vivendo, è importante per la vostra anima.

4. Questo essere di Luce che abita in voi che la sua opera non è terminata, che non l’ha utilizzato in esistenze precedenti nel tempo che gli era concesso, e nemmeno le occasioni che ha avuto per raggiungere il suo progresso spirituale. Perciò sa che oggi si deve sforzare per raggiungere la piena esecuzione del suo compito come anche per raggiungere lo sviluppo di tutti i Doni del suo spirito.

5. Era la Mia Volontà che impariate a conoscere attraverso quest’Opera tutti i Doni e facoltà del vostro spirito. Vi ho comunicato la Mia Dottrina dell’Amore, vi ho concesso abbastanza tempo per dischiudere i Doni del vostro spirito e di illuminare con la Luce della Mia Verità il sentiero di coloro che camminano nel buio.

6. Vi ho fatto comprendere che è questo il tempo nel quale compariranno i Miei eletti come profeti, veggenti o illuminati e che annunceranno al mondo che è venuta l’era della Luce. Saranno pochi che presagiscono in questi Annunci la vicinanza del Mio Regno che è pronto a versare su di voi le Rivelazioni, i Doni di Grazia e la Sapienza.

7. Molti saranno talmente confusi da ciò che vedono, sentono e sperimentano che infine Mi domanderanno: “Signore che cos’è che vedono i miei occhi, che cosa sta succedendo nel mondo e qual è il significato delle molte strane manifestazioni e segni fra gli uomini?”

8. Coloro però che a motivo della loro miscredenza, della loro arroganza o della loro freddezza di sentimenti non vedono né le Luci della conoscenza di questo tempo né sono in grado di contemplarla per mezzo dell’intuizione, faranno parte di coloro che chiamano l’oscurità Luce ed inganno la Verità.

9. Non credete che voi che vi siete rallegrati della Luce di questa Verità che ha incoraggiato il vostro cuore, di essere chiamati a spiegare il motivo per tutto ciò, di annunciare il Lieto Messaggio e di portare la Mia Dottrina attraverso il Libro delle Mie Istruzioni a coloro che ne hanno bisogno?

10. Vi ho dato la Legge, la linea di condotta, la via e la conoscenza di ciò che è giusto e di ciò che è concesso, affinché non vacilliate mai ed affinché non macchiate ciò che è santo. Io so che vedrete comparire in tutti i punti della Terra uomini e donno che profeteranno, che per tutti coloro che vivono lontani dallo spirituale, annunciano insegnamenti strani – uomini che guariscono malattie che altri chiamano inguaribili, e che predicano la spiritualizzazione come l’unica Dottrina capace di dare la pace al mondo.

11. Molte comunicazioni di questi uomini non saranno chiaramente né definibili né pure, perché a loro manca la Guida del Maestro. Fino ad allora tuttavia questo popolo che è stato il Mio discepolo, deve diffondere il Mio Messaggio su tutte le vie della Terra.

12. Molti avranno il motivo di stupirsi che la vita spirituale sarà la guida di condotta per le opere degli uomini, perché già da molto tempo che gli uomini hanno chiuso le porte dei loro cuori per il Mio Messaggio e per le Mie Ispirazioni. In questa esilio volontario l’uomo sente solo la voce della sua propria libera volontà e la via della sua vita è soltanto illuminata dalla debole luce del suo sapere materiale. Questa voce però è quasi sempre un lungo lamento, un singhiozzo oppure una imprecazione ed annuncia la sua “luce” per mezzo della sua scienza che, invece di guidare in alto, lo precipita ancora più profondamente nella sua sofferenza.

13. Coloro che dopo il loro sonno di secoli vanno ed annunciano la Luce del nuovo tempo, saranno i “morti” che risorgono alla vita spirituale, dopo che sono stati rigidi per la vera vita. Dove esiste l’amore, la Sapienza e la Giustizia, dove esiste l’ispirazione e regna la bontà, là esisterà la vera Vita. Dove però regna il peccato ed il vizio, dove esiste lite, dove nidifica l’invidia e l’egoismo, quivi si incontrerà solo morte, depauperamento ed oscurità.

14. Ogni volta che gli uomini cadono al materialismo, la loro opera, invece di essere creativa, è distruttiva. Allora somigliano ad un mucchio di vermi che sono pronti a rosicchiare un cadavere, mentre attraverso il loro lavoro creativo potrebbero somigliare ad uno sciame di api che costruisce i suoi alveari in perfetta armonia. L’opera di questi piccoli esseri consiste nella ricerca di miele che più avanti addolcirà il palato. Voi però: quando scoprirete voi finalmente il vero sapore della vita per donarvelo reciprocamente?

15. Questo buon sapore è formato tramite l’Amore divino – un delizioso nettare che ho messo in ogni cuore e che non avete saputo comprendere o cercare e perciò non addolcisce la vostra esistenza.

16. Oggi la Luce del Padre è stata effusa in sovrabbondanza su ogni spirito, affinché dopo il risveglio dalla sua letargia rifletta sulla propria esperienza che è un libro ricco di Sapienza e Luce e perciò riconosce la Verità.

17. Popolo, preparati, rifletti sul tuo compito, misura la tua responsabilità in questo tempo che è così favorevole per il risveglio spirituale e sii pronto a lavorare nella Mia Vigna, perché ti assisterò nell’adempimento della tua missione.

18. Io sento le vostre richieste, i vostri lamenti. Io voglio che impariate a tenere il dialogo con il Padre vostro.

19. Non pensate che Io Sia venuto da voi solamente: Io sono disceso da tutti, perché il lamento di questa umanità è giunta fino alle Alture del Cielo come un grido di paura, come una ispirazione per avere la Luce.

20. Ricevendo la Mia Parola in questa forma Mi domandate interiormente se Io vengo come Padre oppure come Giudice; ma Io vi dico: Ancora prima di aver sentito la Mia prima Parola di questo giorno, la vostra coscienza vi ha già mostrato le vostre trasgressioni ed anche le vostre buone opere. Se però Io vi giudicassi con le Mie Parole – perché temete? Il Mio Verdetto non proviene forse dall’Amore che ho per voi?

21. Io vi risveglio affinché non vi sorprendano le prove ed i temporali e le tempeste di questi tempi non vi lascino nell’oscurità.

22. Questo è certamente un segno delle prove, perciò è necessario che siate forti e preparati per non soccombere.

23. La vita sulla Terra è per gli uomini sempre più piena di prove ed espiazione, ma questa via non è mai stata così dolorosa come oggi, né il calice così pieno di amarezza.

24. In questo tempo l’uomo non aspetta fino all’età matura per affrontare la lotta della vita. Molte creature conoscono già nella loro infanzia le delusioni, il giogo, i colpi, gli ostacoli e fallimenti.

Vi posso dire ancora di più: In questo tempo comincia il dolore dell’uomo già prima di nascere, cioè già nel grembo di sua madre.

25. Grande è l’espiazione degli esseri che in questo tempo vengono sulla Terra.

26. Ogni dolore che esiste nel mondo, è l’opera degli uomini. Esiste una perfezione maggiore nella Mia Giustizia che permettere che gli stessi che hanno seminato la via della vita (di altri) non spine, devono venire ora per raccoglierle?

27. Non tutti hanno la stessa parte di colpa nel caos che stanno vivendo. Coloro però che non sono gli autori della guerra, sono responsabili per la pace.

28. Siate misericordiosi con voi e con il vostro prossimo. Affinché questa misericordia diventi azione, riconoscete i vostri Doni attraverso lo studio della Mia Parola, perché chi ama il suo prossimo, ama Me, perché il suo prossimo è il Mio figlio molto amato.

29. Voi siete un popolo che Io preparo per la preghiera, per la diffusione della Mia Parola e per la guarigione. La vita con la sua miseria, la sua fatica e le sue amarezze somiglia al deserto, ma non soggiornate in esso, perché allora non imparerete a conoscere la vera pace.

30. Abbiate davanti agli occhi l’esempio di Israele al quale si riferisce la storiografia, che ha dovuto errare per lungo tempo attraverso il deserto per allontanarsi dalla prigionia e dall’idolatria dell’Egitto e contemporaneamente raggiungere un paese di pace e di libertà.

31. Oggi tutta l’umanità somiglia a quel popolo catturato dal faraone. Le si impone confessioni di fede, dottrine e leggi. La maggior parte delle nazioni è schiava di altre, più potenti. La lotta della vita è dura, ed il lavoro avviene sotto i colpi di verga della fame e dell’umiliazione. Amaro è il pane che tutti gli uomini mangiano.

32. Tutto questo procura che nei cuori dell’umanità conquista sempre di più forma una nostalgia di liberazione, di pace per raggiungere una vita migliore.

33. Il frastuono della guerra, il sangue umano che viene versato, l’egoismo, il tendere al potere e l’odio che portano frutti in migliaia di forme, risvegliano gli uomini dalla loro profonda letargia. E quando si uniranno in un unico ideale della spiritualizzazione, come si è unito il popolo Israele in Egitto sotto l’ispirazione di Mosè – quale potere potrebbe fermare questi cuori? Nessuno, perché in questa nostalgia sarà la Mia Luce, in questa lotta sarà la Mia Potenza ed in questo ideale saranno presenti le Mie divine Promesse.

34. Il mondo ha bisogno di un nuovo Mosè per liberarsi dalle sue catene? L’Istruzione che vi ho portato in questo tempo, è la Luce che ha ispirato Mosè, è la Parola di Giustizia e Profezia, è Forza che rialza il debole, il timoroso, il vile e lo trasforma in un coraggioso, decisivo ed in un fervente – è la Legge che conduce e guida sulla via della Verità - è Tenerezza divina che vi sostiene nei lunghi giorni del pellegrinaggio.

35. Attraverso la Mia Parola ti senti incoraggiato, popolo, come se si fosse posato un magnifico Balsamo sulle vostre ferite. Vi sentite fortificati, rinnovati, colmati di speranza nel domani. Non credete allora che appunto questo Messaggio, quando lo portate ai popoli oppressi della Terra, compia da loro lo stesso Miracolo?

36. Perciò vi dico che dovete prepararvi affinché non ritardate il momento nel quale dovete andare come messaggeri di questa Comunicazione.

37. E se Io vi dico che vi dovete preparare, è perché questo Lieto Messaggio dev’essere diffuso in un tale modo da non avere mai motivo di provocare un dolore, un lite fra fratelli, oppure che venga versato una unica goccia di sangue.

38. Il Mio Messaggio è convincente, benevolo, verace. Tocca sia il cuore come anche l’intelletto e convince lo spirito.

39. AscoltateMi, studiate, praticate e sarete in grado di fare breccia negli uomini per la fede, la Luce, la libertà e la pace.

40. Voi sapete che sono sempre disposto di continuare a darvi i Miei Ammaestramenti. Oggi voglio cominciare e dirvi che la meta della Mia Venuta fra voi consiste di insegnarvi per eseguire il vostro compito con purezza.

41. Questa esistenza terrena è certamente un nuovo tratto per il vostro spirito, che ha lasciato incompiuta un’opera con cui era incaricato; ma ora g li è data l’occasione di portarla un po’ avanti sulla via della perfezione.

42. Anche Io, il divino Maestro, ho dovuto ritornare come Uomo perché la Mia Opera allora era rimasta incompiuta. Alcuni negheranno questa affermazione e diranno che l’Opera di Gesù era terminata, quando Egli morì sulla Croce. Questo però solamente, perché hanno dimenticato che ho annunciato e promesso di ritornare.

43. Voi ai quali rivelo attualmente queste Istruzioni, comprendete che per Me non è necessaria una reincarnazione, perché è nel Mio Spirito poterMi rivelare agli uomini in migliaia di modi. Non sono nemmeno ritornato per cercare il perfezionamento del Mio Spirito. Se ora vengo a voi è soltanto per mostrarvi la via che vi può condurre nella Luce. Ricordatevi che i profeti nei Primi Tempi vi hanno detto: “E’ la porta!”. Inoltre non vi ho detto quando ero fra voi uomini: “Io sono la Via”?

44. Oggi non vi dico: “Io sono la Cima del monte che salite attualmente”?

45. Sono contento sapervi percorrere sicuri la Mia Via. Domani vi sarà un giubilo generale quando voi tutti vivrete nella Patria spirituale che aspetta già da tempo il ritorno di tutti i figli del Signore.

46. Io parlo così al vostro spirito perché so che può già comprendere questa Dottrina ed a lui posso dire che non è un figlio di questa Terra, che qui nel mondo si deve considerare solo come uno spirito, perché la sua vera Patria è spirituale.

47. Afferrate questa parola nel suo vero senso, perché diversamente giungereste all’opinione che la Mia Dottrina è contro ogni progresso umano, e non sarebbe giusto se attribuiste tali errori ad un Padre il Quale aspira solamente al perfezionamento dei Suoi figli sulle diverse vie della vita.

48. Quello che la Mia Giustizia insegue inesorabilmente è il male prende diverse forme nel cuore degli uomini ed a volte si mostra in sentimenti egoistici, in basse passioni, un’altra volta in smisurata avidità e persino nell’odio.

49. Discepoli, dovete studiare ciò che ora vi dico nel simbolo: La vita è un albero, i suo rami sono innumerevoli e da questi rami non ne esistono due che siano uguali, ma ognuno di loro adempie il suo compito. Quando un frutto non riesce, l’albero lo lascia cadere e quando un ramo cresce troppo, viene potato, perché dall’albero della vita devono provenire solo frutti della vita.

50. Ogni scienza che ha causato il male, ed ogni religione che non ha portato vera Luce, li potete considerare rami e frutti attraverso i quali non scorre più la linfa dell’albero della vita, perché sono già staccati da lui.

51. Benedetto sia colui che ha l’alta meta di seguire la Mia Via; benedetto sia colui che tende a rendere grande il suo spirito. Io accolgo coloro che fanno tacere i loro lamenti e pensano solamente a ricevere la rugiada della Mia Parola - coloro che non lasciano morire la fede e la speranza in Me. Con la Mia Parola procurerò che infine tutti intonino un canto di lode sulla fede.

52. Io vi insegno la spiritualizzazione, perché vi donerà la salute animica e corporea. Vi porterà ad amarvi, e vi darà forza e fiducia.

53. Attraverso colui che pensa a Me e Mi ama, fluisce la corrente della vita, in lui è la Mia Rivelazione divina. Vi ho dato la vita affinché siate misericordiosi ed annunciate la vostra facoltà di amare. Ve l’ho data affinché conquistiate la Sapienza. La vita è un riflesso di Dio, è la grande testimonianza della Mia Esistenza. Vivetela e rallegratevi della stessa, ma comprendetela anche. L’avete goduta moltissimo senza comprenderla. Glorificate la vita, ma il vostro canto deve testimoniare comprensione, ammirazione ed amore. La vostra anima nella sua elevazione intonerà al Creatore un Salmo migliore.

54. La Vita è un corso senza fine. Affinché lo spirito diventi grande, saggio, forte e benevolo, è necessario che viva in eterno. Popolo, tu pensi che Io ti visito, ma la Verità è che Io dimoro in voi. Vi cerco soltanto in questa forma per annunciarMi, per diventare pensiero, parole e volto spirituale, e questo perché non percepite nel vostro essere la Mia Comunicazione interiore con la chiarezza come il battito del cuore, perché per poter sentire il Mio bussare nel vostro essere, si deve possedere la sensibilità. Non perdete però la speranza che vi riesca sentirMi, perché la speranza viene dalla fede che è Luce sulla vostra via. Guai a colui che perde la fede ! La fede è il segnale luminoso che illumina il futuro, la fede è la forza che procura ciò che chiamate Miracoli. Che cosa sarebbe della vita se non avreste fede nella Mia Legge?

55. Io vi do la vita, ma vi dico: attizzate la Luce della fede nel vostro Dio, la fede in voi stessi, la fede nella vita ed in ciò che è creato. Non dubitate della Mia Misericordia nei cambiamenti della vostra vita. Il Mio Amore è più forte che le vostre prove. SentiteMi di più con lo spirito che con l’udito. A coloro che si chiamano diseredati, a coloro che affermano che a loro non brilla nessuna stella della fortuna e che sono lampade spente, ed a coloro che si lamentano di essere venuti nella vita solo per versare lacrime, Io dico: Vi siete già prefissi una volta di dimenticare voi stessi per un attimo per portare un conforto al vostro prossimo? - Certamente no, perché chi esercita la misericordia, fa lo stesso per sé stesso. In questo tempo ho chiamato coloro che non hanno nulla da dare al mondo.

56. Amate e date altruisticamente, e presto vedrete la giusta ricompensa. Bussate alle Mie Porte e la Mia Voce vi risponderà. Voi tutti potete di nuovo alzarvi, anche se siete caduti profondamente, persino quando siete coperti di fango. Gli uomini rovinati di oggi saranno gli uomini del bene di domani. Sulle vostro rovine erigerò il Mio tempio, ma l’uomo Mi aiuterà nella sua riedificazione. Eccolo qui, entrate nella vera vita. E’ come un Regno nel quale è raggiungibile tutto per voi, dal celestiale fino al più piccolo nel materiale.

57. Eliminate il dolore. La Vita creata da Me è indolore. La sofferenza sorge dalla disobbedienza e dalle trasgressioni dei figli di Dio. Il dolore è caratteristico per questa vita che gli uomini hanno creato nel loro sconvolgimento moralistico. Levate il vostro sguardo e scoprite la bellezza delle Mie Opere. Preparatevi interiormente, affinché sentiate il divino Concerto, non escludetevi da questa Festa. Se vi isolate, come potreste prendere parte in questa delizia? Vivreste tristi, tormentati e malati.

58. Io voglio che nel Concerto universale siate delle note armoniche, che comprendiate che siete proceduti dalla Sorgente della Vita, che sentiate che in tutte le coscienza vi è la Mia Luce. Quando giungete alla piena maturità nella quale Mi potrete dire: “Padre, sottometti il mio spirito al Tuo, come anche la mia volontà e la mia vita”. Riconoscete che non lo potrete dire finché i vostri sensi sono malati ed il vostro spirito è isolato dalla retta via nell’egoismo. Vivete sotto il tormento delle malattie o della paura che vi tirano indietro. Che cosa è però una malattia nei confronti di una trasgressione dell’anima? – Nulla, se questa può elevarsi, perché nella Mia Misericordia troverete sempre l’Aiuto.

59. Come il sangue fluisce attraverso le vene e vivifica tutto il corpo, così compenetra la Forza di Dio la vostra anima come una corrente di vita. Non esiste nessun motivo essere malato, quando adempite la Legge. La vita è salute, gioia, felicità, armonia. Quando siete malati, non potete essere un deposito per i Beni divini. Voi mentalità, cuori o corpi malati, il Maestro vi dice: Chiedete per la vostra anima che è una figlia dell’Onnipotente, di ritornare sulla retta via, che guarisca le sue sofferenze e vi assista nelle vostre debolezze.

60. Che cosa potrebbe negare il Padre al figlio Suo, se questo si avvicina spiritualmente per chiedere qualcosa per il suo corpo, alla creatura piccola e fragile materialmente? Così Io vi insegno a chiedere; ma quando si tratta del dare, vi dico: distribuite e date. Distribuite il materiale e regalate amore, perché a che cosa vi servirebbe di dare la parte materiale, se non metteste amore nella stessa? Quanto difficile vi è sembrato di amministrare in modo giusto i beni che avete posseduti nel mondo. Gli uni vogliono avere tutto solo per sé, altri che hanno troppo, non sentono il dovere di condividerlo con altri.

61. Vi rivelo una fonte della salute che è in voi, nella vostra anima, affinché vi rivolgiate ad essa quando è necessario. Quando sapete cercarla, troverete la sua acqua. Non voglio un mondo rovinato e triste, nessun popolo che per ignoranza di ciò che possiede, continui a parlarMi con paura e Mi chieda con disperazione. I voglio un mondo che si rende conto, cosa è e quanto possiede.

62. Alcuni pensano solo: Se soltanto l’uomo fosse sempre sano – come morirebbe? A ciò Io vi risponde che non è necessario che il corpo sia malato per cessare di vivere. E’ sufficiente che si fermi il cuore, quando è suonata l’ora per cessare di esistere.

63. La Luce del Mio Spirito si versa in voi affinché risorgiate. In questo Terzo Tempo cerco gli smarriti affinché Mi servano. Io sono il Liberatore della anime il Quale vi libera dalla vostra schiavitù. Io trasformo i ribelli in servitori rassegnati ed umili. Poi dico loro: Vegliate, affinché non siate sorpresi dalle dicerie e dalle tentazioni che vi conducono di nuovo nella rovina.

64. Chi ha imparato a conoscere la sporcizia ed il mondo inferiore e se n’è potuto liberare, è preparato di andare alla ricerca di coloro che sono ancora perduti. Nessuno è adeguato meglio di loro per convincere con la loro parola che è la luce dell’esperienza. Quando diventerete pescatori di cuori e liberatori di anime? Quando camminate con passo fermo sul sentiero che Io vi ho aperto?

65. Date senza condizione, non condannate la casa del vostro prossimo, osservate piuttosto la vostra casa che quando la trovate sporca, la puliate e rendetela degna di accogliere Me. Non guardate se la sua dispensa è piena o vuota, oppure se il suo corpo è coperto con abiti da festa o stracci. Lasciate al Mio Amore di estinguere tutte quei vizi che potrebbero offuscare la Luce che dovete riflettere.

66. Vedete che Io discendo dalla Sede della Perfezione alla vostra dimora per mostrarvi la magnificenza della vita spirituale, per rivelarvi una Lezione che vi insegna a riconoscere voi stessi, il vostro Creatore ed imparare a conoscere la vostra destinazione.

67. Il Padre non vorrebbe che i Suoi figli piangano, anche se Egli vi ha detto: “Beati coloro che portano sofferenza”. La Mia Legge non vi insegna di piangere, ma il modo come evitare il dolore. Se Mi compiacesse vedervi soffrire, non verrei da voi come Medico, né metterei il Mio Balsamo guaritore su ogni ferita. Colui che porta la sua croce della sofferenza con mansuetudine, Mi compiace, perché prende Me come Esempio. Da colui che nel suo fanatismo religioso e nella sua ignoranza tormenta e castiga il suo corpo, ricevo la sua buona intenzione che consiste nel purificarsi oppure di cercare di emularMi nella Mia sofferenza, ma non approvo l’azione.

68. E’ sufficiente che vuotiate con pazienza il calice che la vita vi offre giornalmente, e che oltrepassando la vostra preoccupazione possediate abbastanza forze per pensare ai vostri prossimi e di fare loro quel tanto di bene come potete, per adempire in questo modo il vostro compito.

69. Non vi lamentate più delle sofferenze; avete ricevuto il Regalo del Mio Amore e vi siete entusiasti della Mia Parola. Riconoscetela nella sua divina Essenza e nella preparazione del portatore della Voce, attraverso la bontà e fermezza della sua voce. Poi lasciate fluttuare il vostro spirito attraverso regioni che soltanto lui può raggiungere, affinché si sazi con la Luce, mentre il suo intelletto rimane estasiato ed il cuore batte con ammirazione ed amore.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

 

Istruzione 135

 

1. Io vengo pieno d’Amore ed armato con Pazienza per farMi comprendere da tutti. Trovate il conforto da Me. Mangiate e bevete, affinché calmiate la vostra sete secondo Giustizia. Io voglio che l’incompreso dagli uomini si senta compreso da Me, e che colui che ha sentito vuota la sua mano quando va via dopo averMi sentito, senta che porta Doni in sé, che colui il quale è venuto alla Mia Presenza con rimorsi di coscienza nella sua anima, si senta sgravato da tutto ciò quando Mi ha ascoltato e possa levare il suo volto come quella adultera nel Secondo Tempo, quando le ho detto: “Dove sono coloro che ti perseguitano? Io ti perdono, vai in pace e d’ora in poi non peccare più”.

2. Io sono il Giudice divino che non emette mai un Verdetto più grave di quanto sia la trasgressione.

Molti di coloro che si accusano dinanzi a Me, li trovo puri. Molti invece che gridano al mondo la loro nettezza, li trovo rovinati e colpevoli.

3. Quanto è ingiusta la giurisdizione umana! Quante vittime di cattivi giudici espiano la trasgressione altrui! Quanti innocenti hanno visto chiudersi davanti ai loro occhi le sbarre della prigione mentre il colpevole è a piede libero e porta in modo invisibile il suo peso di furti e crimini.

4. Il vostro mondo è spiritualmente imperfetto. Voi dovete aiutare a migliorarlo.

5. Il mondo materiale, il pianeta, non è vicino alla sua dissoluzione, ma la fine di questo mondo di errori e peccati, di oscurità e cattiva scienza viene procurata attraverso la Luce della Mia Dottrina e dalle sue macerie erigerò un nuovo mondo del progresso e della pace.

6. Il vostro compito come operai non termina nel 1950. Al contrario, proprio allora cesserete un poco alla volta ad essere allievi per diventare insegnanti che con la parola d’amore conducono gli uomini sul sentiero della Luce.

7. Grandi legioni spirituali aspettano solo questa purificazione fra gli uomini per incarnare ed abitare nuovamente sulla Terra. Loro hanno una grande missione ed aspettano che voi lasciate loro il posto, affinché loro lo possano occupare.

8. Vi voglio spiegare la Mia Dottrina, mentre rendo udibile materialmente la Mia Parola, per farvi comprendere chi siete.

9. Non vi dovete mai lasciar intimorire attraverso il peso della responsabilità che ho posta su di voi; il peso del peccato è più grave. L’abisso è più doloroso con la sua oscurità che la Luce che esiste in cima al monte sul quale dimora il Maestro. Nuovamente vi dico che “il giogo di Gesù è soave”.

10. Vi ho chiamati Israele, perché nel vostro spirito esiste una missione di pace, una destinazione dell’armonia spirituale con tutta l’umanità, perché siete i primogeniti, perché non siete solo nati da Giacobbe, la vostra origine è dapprima di lui, persino dapprima di Abramo. Il vostro punto di partenza (come esseri spirituali) si trova ancora prima del tempo quando Io ho mandato il primo uomo sulla Terra, il quale ha fondato una famiglia dalla quale ho scelto il seme per formare il Mio popolo che è forte nella fede, nell’obbedienza e nell’amore verso l’invisibile Iddio. Così l’ho preparato e benedetto, ed era come un segnale luminoso in mezzo all’umanità.

11. Non vi mancava nulla per eseguire la vostra destinazione e nonostante ciò avete sperimentato, che altri popoli sono saliti più in alto di voi, i quali vi hanno poi umiliati con catene della schiavitù.

12. Erano forse popoli che erano superiori al vostro? Non stavano al di sopra di voi né nel materiale né nello spirituale, che il Padre ha coperto con preziosi Doni dell’Ispirazione, della Verità, della bellezza, dell’Amore, della salute e della Forza. Vi ho preparato affinché foste uno specchio del Mio Amore per tutto ciò che è creato, nel quale l’umanità Mi avrebbe potuto osservare e come una Sorgente di acqua cristallina, nella quale gli assetati di Verità dovevano spegnere la loro sete.

13. Nonostante ciò – infine, uomini – siete diventati deboli e nel vostro tramonto siete stati sottomessi da altri popoli.

14. In questo tempo vi cerco e vi sono molto vicino. Vi ricordo la Mia Legge e risveglio il vostro spirito, affinché senta la voce della coscienza, e dico ai vostri cuori: Risvegliatevi, le catene che vi premevano gravemente, sono state strappate dalla morte, ed oggi la vita vi ha restituita la vostra libertà. Proprio per questo sono venuto da voi nel Terzo Tempo.

15. Non crediate che ci sono stati profeti, preparatori della via e spiriti della Luce solo nel grembo del popolo Israele. Ho mandato alcuni di loro anche in altri popoli, ma gli uomini li consideravano déi e non inviati e creavano religioni e culti dai loro insegnamenti.

16. Il popolo Israele non ha compreso la missione che aveva nei confronti di altri popoli, ed ha dormito su un giaciglio di Benedizioni e Doni di Grazia. Il Padre lo aveva formato come una perfetta famiglia, nella quale una tribù ha avuto il compito di difendere il popolo e di conservare la pace; un’altra ha coltivata la terra, un'altra tribù era costituita da pescatore e gente di mare. Ad un’ altra veniva affidato l’esercizio del culto spirituale, e così una dopo l’altra si sono dedicate ognuna delle dodici tribù ad un altro compito che insieme risultava come un esempio di armonia. In Verità vi dico però, i Doni spirituali che possedevate in quei tempi remoti, li possedete sempre ancora.

17. Riconoscete fra voi i profeti, vedete gli uomini, donne, anziani e persino bambini testimoniare della Mia Verità con le sue Rivelazioni. Voi possedete l’elevazione spirituale per pregare, il pieno potere che le potenze della natura vi ascoltano e vi obbediscono, di cui avete un esempio in Noè che ha vinto le acque; in Giosuè, al quale attribuite che ha fermato il corso del sole – a cui Io vi dico che le stelle non hanno mai fermato il loro corso, e che la Mia divina Luce era come un Sole raggiante che prolungava il giorno e teneva nascosta la notte, continuava il suo corso senza deviare dalle sue leggi dell’armonia.

18. Anche Mosè ha avuto potere sulle potenze della natura ed alla sua voce obbedivano le acque, i venti, le rocce. Ho affidato all’uomo questa natura affinché se ne servisse; ma ha sconvolto l’ordine della Creazione ed è diventato schiavo della natura nella quale ha cercato più volte il suo Dio.

19. Nel Secondo Tempo vi ho dato una ulteriore Lezione su questi Ammaestramenti, quando stendendo la Mia Mano ho calmato la tempesta, anche quando camminavo sull’acqua, oppure quando ho risvegliato i morti. I Miracoli che ho operato allora, sono avvenuti per salvare ciò che era perduto, per trasformare oscurità in Luce ed odio in amore. Attraverso tali Azioni non ho voluto mettere in ammirazione gli uomini oppure stimolare il loro stupore, che sarebbe servito solo all’ammirazione dell’intelletto, come alcuni che si fanno ammirare dagli uomini come esseri superiore mentre compiono apparenti miracoli e non sono comunque in grado a convertire un peccatore. Non sono venuto per insegnarvi un sapere inutile o stupefacente; Vi ho rivelato la Mia Esistenza ed il motivo della vostra. Vi ho scoperto il Mistero che la Forza che dona la Vita e che vivifica tutto, è l’Amore; Esso è la Forza primordiale dalla quale sono sorti tutti gli esseri.

20. Riconoscete che siete nati dall’Amore, esistete tramite l’Amore, ricevete il Perdono dall’Amore ed attraverso l’Amore sarete nell’Eternità.

21. Preparatevi, affinché – quando termina la Mia Parola – andrete alle diverse nazioni della Terra dove troverete dei popoli la cui origine si perde nel grigio tempo antecedente ed i cui abitanti svolgono culti e scienze nei quali si è rivelato lo spirito del mondo. Lì sentirete di trasformazioni, segni e miracoli che vi faranno stupire.

22. Allora dovrete essere armati, perché avrete da affrontare grandi prove. A volte vi sentirete confusi, quando sperimentate nella cerchia quegli uomini come si uniscono con il mondo spirituale ed operano miracoli che voi non avreste potuto compiere. Quando vi presentano degli scritti che contengono la loro storia, le loro leggi e comandamenti, dovete aprire i vostri occhi, affinché non vi lasciate confondere attraverso il miracolo materiale, attraverso avventure sorprendenti, ma anche per il fatto, affinché voi li possiate ammirare ed in tutto ciò prendervi l’esempio di cui la vostra coscienza e la vostra intuizione vi dicono che contiene la Verità.

23. Constaterete in loro anche il fervore per trovare la via che conduce alla perfezione – una nostalgia di Eternità.

24. Altri li troverete nella loro estasi spirituale della quale hanno fatto un culto fanatico. sono come piante parassite, perché non adempiono né le Leggi dell’amore che sono comandate da Dio, né soddisfanno gli obblighi della Terra. Questi insegnamenti non si devono estendere su altri paesi, perché la vera spiritualizzazione eliminerà il fanatismo e l’entusiasmo.

25. Fin dai primi tempi vi ho insegnato una Legge che corrisponde allo spirito ed alla materia. Ricordatevi che in una determinata occasione ho detto: “Date a Dio ciò che è di Dio, ed all’imperatore ciò che è dell’imperatore”.

26. Molti saranno sorpresi e vi giudicheranno persino male quando sentono che come Miei discepoli seguite la legge del lavoro materiale, quando vedono che avete moglie o marito, che avete figli ed una famiglia, che sapete ristorarvi nell’osservazione e nei frutti della natura che amate come una madre. Allora vi domanderanno: Perché – se siete servitori del Signore – non vivete solo nella meditazione dello spirituale? Incontrerete anche tali che possiedono il Dono della profezia, e ve ne stupirete; perché in effetti tra di loro ci sono spiriti progrediti.

27. Preparatevi, quando sarete messi alla prova, allora Io parlerò attraverso la vostra mediazione, e quando questa preparazione è inoltre pulita, semplice e pura, sperimenterete i Miei Miracoli.

28. Ora parlo a coloro che devono adempiere in altri paesi la loro missione come apostoli e profeti, affinché non si vantino della missione che ho affidata a loro. Questi non devono suscitare l’attenzione mentre combattono comunità religiose o confessioni di fede. Saranno altri che stimoleranno lo scandalo, senza rendersi conto che con ciò vi aiuteranno a diffondere la Mia Dottrina mentre risveglieranno la curiosità di molti che verrà trasformata poi in fede.

29. Per alcuni l’esistenza attuale sarà l’ultima incarnazione. E’ tempo che preparate il viaggio nell’aldilà. Riempite il vostro granaio con buona semenza, affinché seguite con passo fermo la chiamata nella valle spirituale che vi lascio giungere, che vi attende ed alla quale nessuno può sfuggire.

30. Ad ognuno di voi era stato assegnato un numero di anime che dovete aiutare ad elevarsi e condurle sul sentiero della Mia Verità. Nessuno deve arrivare senza le anime affidate a lui, perché allora non verrebbe accolto.

31. Lottate e lavorare, abbiate gioia di imparare e di insegnare. Io rendo fertili i campi e ne tolgo l’erbaccia, affinché i Miei seminatori li trovino preparati attraverso la Mia Misericordia.

32. Allora davanti ai vostri occhi si aprirà una via attraverso un deserto, vi offrirà oasi ed in lontananza all’orizzonte un chiaro contorno della Terra Promessa, le cui porte aperte vi inviteranno di entrare con i vostri affidatari e con le schiere di popolo che non ameranno solo lo stesso Dio, ma che eserciteranno anche la stessa adorazione spirituale per Dio.

33. Convertite con la vostra preghiera gli esseri nell’oscurità che contendono e lottano come eserciti, mentre voi dormite. Rendetevi conto che intorno ed al di sopra di voi fluttua un mondo sconosciuto e si agita, dove la Luce lotta contro l’oscurità in una guerra il cui frastuono ed influenza confonde il vostro mondo, il vostro cuore e la vostra mente.

34. Perciò dai cuori degli uomini sono fuggiti la calma ed anche la pace; ma ben per colui che sente quella battaglia e che prega, perché egli procederà bene.

35. Chi intende il Giudizio di questo tempo solo come semplici casi, non sa che sarà esposto alla morte, alle epidemie, alle piaghe ed alla fame.

36. Riposatevi su terreno sicuro. Rimanete sotto l’ombra di questa palma e sentite la Mia Parola, affinché siate guariti da tutti i vostri mali e riconquistiate le vostre forze per continuare il pellegrinaggio.

37. Non avete bisogno di dirMi ciò che avete nel cuore, né da dove venite, perché Io so tutto questo. Io so che la vostra anima si avvicina al Padre, dopo aver vinta la grave lotta che ha superata, per togliersi dalla via sbagliata – che venite per cercare da Me Aiuto e Forza per non scoraggiarvi. Quando stavate per perdere il coraggio, quando le vostre forze già vi stavano abbandonando, vi siete rivolti a Me nei pensieri per chiederMi Aiuto ed Io ho subito risposto, affinché attraverso l’infinita Misericordia del Padre vostro trovaste un riposo.

38. Quante Rivelazioni avete saputo imparare fin dal momento, nel quale avete sentito per la prima volta questa Parola! Attraverso la stessa avete compresi che l’anima non si perfeziona né in un giorno, né in un anno, e nemmeno in una vita; perché dato che è di natura eterna, la sua via di sviluppo deve corrispondere all’alta ricompensa che l’attende.

39. Avete imparato a discernere fra la voce della coscienza che parla sempre di Legge, di Amore, del Bene, di rettitudine e purezza, da quell’altra voce che proviene dai sensi della carne o dalle passioni del cuore e che non stimola al bene.

40. Voi sapete già che possedete delle armi per difendervi, e sapete quali sono. Sapete anche qual è lo scudo che vi protegge e cominciate a far uso della preghiera, della fede, dei buoni pensieri, della forza della volontà.

41. Avete imparato a dare il giusto posto nella vita alle diverse componenti di valore che formano il vostro essere. Sapete che l’essenziale è lo spirito e che dopo di questo – ma occupando un posto degno nell’uomo – si trovano i sentimenti, la mente (cioè l’anima) come i bisogni corporei.

42. Ora comprendete che la vera spiritualizzazione nell’uomo non consiste nel fatto di distogliersi dalla carne o disprezzare il materiale, ma di mettere in sintonia la vostra vita con tutta la Creazione; ciononostante – affinché lo spirito possa raggiungere questa armonia è necessario che egli preceda sempre, che sta al di sopra dell’umano, che è la guida. Se non è così, allora lo spirito non è libero e diventa lo schiavo della carne o nemico della stessa.

43. Voi sapete che sulla Mia Via non si può fingere amore, purezza e conoscenze, perché sentite uno Sguardo rivolto a voi che vede tutto e giudica tutto.

44. Oggi sapete che le vostre virtù e le vostre opere devono essere veritiere ed ispirate dall’amore per i vostri prossimi, affinché i vostri meriti siano reali.

45. Non temete se Io vi parlo così. Vi dico nuovamente che non esigo da voi la massima perfezione, ma un costante sforzo per raggiungerla.

46. Se oggi soffrite quando state passando una dura prova, quando vi trovate sul giaciglio di dolore, sapete che quel calice di sofferenza vi purifica e rinnova, che quel dolore vi fa espirare alcune trasgressioni, che è una saggia lezione – allora bevetelo con pazienza e rassegnazione.

47. Avete imparato a comprendere che attualmente sto edificando in ognuno di voi un tempio e non osate più a distruggere ciò che è edificato; al contrario, cercate di aiutarMi in questa Opera.

48. Avete compreso che non è davanti agli uomini che dovete conquistare meriti per ricevere da loro la lode o la ricompensa, ma davanti al Padre vostro il Quale è l’Unico capace di valutare le vostre opere.

49. Per quanto le vostre passioni abbiano anche fatto radici – quando avete compreso tutte queste Spiegazioni, devono procurare una sottomissione della carne sotto lo spirito, che sarà un inizio per quella armonia e quell’ordine che devono esistere nell’uomo per essere un figlio degno di Me.

50. Dalla vostra presenza dipende il futuro di molti uomini, amato popolo, non ne dubitare nemmeno per un attimo. Perciò, quando pensate a questa Verità, vi liberate dell’ultima rimanenza dell’egoismo che porta per domani pace, unità, moralità e spiritualizzazione.

51. Non dubitate di poter eseguire quest’Opera nel mondo, perché non è la prima volta che vi affido la Mia Semenza sulla vostra via. La dimostrazione per questo è che vi parlo in questo modo e voi Mi comprendete.

52. Questa è la continuazione dei Miei Ammaestramenti, ma non è la fine di questo pianeta. Il mondo continuerà ad orbitare nello spazio; le anime verranno sempre ancora sulla Terra per incarnare e per adempiere la loro destinazione. Gli uomini continueranno a popolare la Terra, cambia solo il modo di vivere.

53. Le trasformazioni che subisce la vita umana, saranno così grandi che vi sembra come se il mondo finisse e nascesse uno nuovo. Come in tutti i tempi la vita degli uomini veniva suddivisa in epoche o ere ed ognuna delle stesse si è distinta attraverso qualcosa – sia attraverso le sue scoperte, attraverso le Rivelazioni divine che ha ricevute, attraverso il suo sviluppo nel senso del bello che viene chiamato arte, oppure attraverso la sua scienza -, così il tempo che sta per iniziare, che si manifesta già come una nuova aurora, sarà contrassegnato attraverso lo sviluppo dei Doni dello spirito, quella parte del vostro essere che avreste dovuto curare per risparmiarvi molto del male e che avete sempre rimandato a più tardi.

54. Ah, se voi sapeste quanto cela in sé il vostro spirito! Non lo sapete, nonostante i millenni che abitate già nel mondo, perché il vostro egoismo - che è l’amore per voi stessi -, vi era importante solamente la scienza al servizio di ogni singolo.

56. Sarò Io che vi scoprirò le virtù, i Doni, le bellezze, il potere e tutto il magnifico che è celato nel vostro spirito. Queste ne è il tempo favorevole, adesso che raccogliete gli ultimi frutti di un mondo o di una vita che sta per finire.

57. Presto tutti i popoli comprenderanno che Dio ha parlato a loro in ogni epoca, che le Rivelazioni divine erano state la scala che il Signore ha fatto discendere agli uomini affinché vi potessero salire a Lui.

58. Alcuni chiameranno questo nuovo tempo il tempo della Luce, altri l’epoca dello Spirito Santo e di nuovo altri il tempo della Verità. Io però vi dico che sarà il tempo dell’elevazione spirituale, della riconquista spirituale, della rivendicazione.

59. Questa è l’epoca della quale ho già desiderato da lungo tempo che vivesse nel cuore dell’uomo e che veniva combattuta e distrutta costantemente da lui stesso. Un tempo la cui chiarezza è vista da tutti e sotto la cui Luce si uniscono tutti i figli del Signore - non in una comunità religiosa di uomini che accoglie gli uni e respinge gli altri, che annuncia la propria Verità e la nega agli altri, che impiega indegnamente delle armi per affermarsi oppure dà oscurità invece di Luce.

60. Popolo, quando sarà venuta l’ora che andrete per trasmettere il Buon Messaggio, dovete predicare con azioni pace, amore, misericordia, unità e fratellanza. Se sulla vostra via doveste incontrare altri che dovessero predicare lo stesso solo in apparenza, allora scoprite la loro menzogna attraverso le vostre opere. Se però dovreste constatare che predicano la Verità, l’amore e la misericordia attraverso esempi, allora unitevi spiritualmente con loro, perché la loro lotta sarà anche la vostra.

61. Non posso fare a meno di dirvi: Se per caso siete impreparati ed indegni di eseguire quest’Opera, e doveste vedere che altri sono andati per lottare con la necessaria purezza, allora non ostacolate la loro via, perché allora la vostra responsabilità sarebbe doppiamente grande.

62. Vi parlo di tutto, discepoli, affinché nulla vi sorprenda e quando andrete in questa lotta, saprete risvegliare nei cuori veramente l’ideale dell’elevazione spirituale.

63. Questa Terra che ha sempre mandato nell’aldilà il suo raccolto di anime malate, stanche, disturbate, confuse oppure di quelle con scarso progresso, Mi riporterà subito dei raccolti che sono degni del Mio Amore per voi.

64. Dalla vostra vita saranno banditi un poco alla volta malattia e dolore e dato che conducete una esistenza sana ed elevata, la morte alla sua venuta vi troverà preparati per il viaggio nella dimora spirituale.

65. Chi potrebbe essere sorpreso o confuso entrando nella dimora sconosciuta se già in questa vita il suo Maestro glie l’ha già mostrata nei momenti della preghiera, della meditazione, del sogno oppure dell’ispirazione?

66. Attualmente vi sembra irraggiungibile tanta pace e tanto benessere materiale e spirituale, perché vedete tutta questa confusione che regna nel vostro ambiente – una confusione che aumenta sempre di più in tutti i campi della vita umana. Dopo però, quando questa notte tempestosa farà comparire la Luce della nuova aurora, la stessa Terra sentirà che i suoi nuovi abitanti semineranno la vera vita con opere nobili che ristabiliranno e riedificheranno e che i distruttori ed i profanatori come gli atei si stanno già allontanando per trovare la loro purificazione.

67. Popolo, in questo giorno ti ho rivelato qualcosa dei Piani divini del Padre che Egli ha per voi. Vi ho predetto ciò che appartiene al futuro e vi ho preparato per la lotta che sta venendo su tutta l’umanità. Riflettete su questa Istruzione e vi sentirete incoraggiati.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

 

Istruzione 136

 

1. Gioite della Mia Parola, lasciate riposare l’involucro corporeo mentre il vostro spirito si diletta nel Mio Celeste Banchetto. Allontanate dalla vostra mente per alcuni attimi il suo tendere ambizioso, terreno e permettete che si aprano gli occhi dello spirito.

2. Pensate e vivete spiritualmente in questi minuti che dura la Mia Comunicazione fra di voi. Io porto veri Tesori per il vostro spirito. Non considerate questi momento come perduti. Non dimenticate che ciò che vi serve dalla Terra, vi verrà dato in sovrappiù, e che perciò non è l’essenziale nella vostra esistenza.

3. Per comprendere veramente queste Istruzioni è necessario avere assoluta fede in Me.

4. Chi vive illuminato da questa Luce interiore – per quanto povera il mondo lo consideri - non si sentirà mai espulso, abbandonato, debole o perduto. La sua fede nel Padre, nella Vita, nella sua destinazione, ed anche in sé stesso, non lo lascerà mai naufragare nella lotta della sua vita, ed inoltre sarà sempre in grado di compiere grandi e stupefacenti opere.

6. Quando sentite questi Ammaestramenti, sospirate al pensiero che non siete ancora i veri figli della fede.

7. Uomini, donne, vegliardi e bambini si elevano spiritualmente a Me e Mi chiedono che Io attizzi nei loro cuori questa divina Fiamma; per questo sono venuto e perciò parlo a voi.

8. Non siete del tutto privi di fede, figli Miei, la dimostrazione per questo è quando venite a Me, che alla Mia Presenza deponete tutti i vostri lamenti, i vostri dolori, la vostra pesante croce; i cuori si aprono e Mi mostrano preoccupazioni, problemi, delusioni, il loro disgusto, le loro debolezze, sofferenze e molte miserie ancora.

9. Che cosa manca allora alla vostra fede per poter compiere miracoli? Che cresca, che aumenti, che trabocchi: Allora non saranno miserie che Mi mostrate, né lacrime che Mi offrite, ma ringraziamento, soddisfazione, elevazione, fiducia, pace, forza e speranza.

10. Ogni volta che vi manca la fede oppure è molto debole, Mi rinnegate con ogni passo, senza rendervene conto e con molte delle vostre parole date testimonianza contro di Me. Vi dico questo affinché osserviate bene i vostri modi d’agire e misuriate i loro effetti – non soltanto i materiali, ma anche quelli spirituali.

11. Voi siete Miei discepoli che Io preparo, affinché diate la grande testimonianza della Mia Comunicazione, come delle Mie Rivelazioni in questo tempo, la quale verrà pretesa dall’umanità che ha ricevuto le Rivelazioni.

12. Non vi è uno fra i Miei discepoli che non desideri ardentemente il fiorire e la fertilità di questa Dottrina sulla Terra e dovete sapere che dipende in parte dal vostro lavoro, dalla vostra purezza e dal vostro amore che mettete nelle vostre azioni; se agite così, sperimenterete il trionfo della spiritualizzazione fra gli uomini.

13. Io vedo che molti di voi credono che questa spiritualizzazione sia impossibile in questo mondo, e vi limitate a sentire la Mia Parola, come qualcuno ascolta un bel concerto e se ne delizia per breve tempo.

14. Ora domando loro, quando vogliono andare nella lotta. Loro però rispondono, solo quando abitano nella sfera spirituale, perché in questo mondo tutto è contro la spiritualizzazione, il bene e la giustizia.

15. O voi uomini timorosi che non comprendete che siete venuti per conquistare meriti, per raggiungere la vita spirituale su un gradino superiore, ed in questa incarnazione conquistate una remissione a favore della vostra anima.

16. Quando comprenderete che proprio nel mezzo di questo tempo turbolento potete conquistare i maggiori meriti e dove troverete i campi più fertili e più adeguati per seminare la Mia Semenza?

17. Perciò combattete per lasciare in questo mondo il peso delle imperfezioni che giace sulla vostra anima. Liberate la vostra anima qui dai suoi errori e provvedete che, quando entra nel Regno spirituale, vi entri senza lacrime, senza macchie.

18. Non aspettate ad imparare la Pace di Dio solamente, quando sarete nello spirito. No, già qui su questa Terra che attraverso i vostri errori veniva trasformata in una valle di lacrime, potrete già avere in anticipo un poco di quella pace perfetta.

19. Non fermatevi mai nel vostro progresso spirituale, sia che siete in questo o in un altro mondo.

20. Siete riusciti a svilupparvi spiritualmente. Se volete che Io ve ne dia dimostrazioni, vi domando: Dove sono gli déi che ieri avete adorato? Dove sono i doni di sacrificio ed i sacrifici? Persino fin dalla conoscenza del vero Dio – quanti cambiamenti hanno sperimentato il vostro modo di pensare, le vostre convinzioni di fede, forme di adorazione ed azioni di culto!

21. Per questo motivo e come una ulteriore dimostrazione che avete certamente continuato a svilupparvi, sono venuto da voi in questo Nuovo Tempo nel quale lo spirito si affermerà nei confronti di tutto il materiale, fino a raggiungere il diretto contatto con Colui il Quale gli ha dato l’esistenza.

22. In questo Terzo Tempo vi ho mandato qui per vivere un’altra volta sulla Terra – su questo suolo sul quale ero disceso prima la Benedizione di Dio, affinché dopo dovevate abitarvi e vi avreste adempiuto la Legge.

23. Fra tutti i paesi, grandi e piccoli, ho scelto questo, nel quale vi do la Mia Istruzione, affinché sia lo scenario della Mia nuova Comunicazione.

24. Sono pochissimi di coloro che si sono fermati per riflettere sulla storia di questo popolo. Sulle condizioni nelle quali ha vissuto secolo dopo secolo.

25. Altri uomini da lontani paesi riconosceranno con maggior chiarezza che voi tutti i segni che hanno fatto notare all’umanità la Mia Presenza e l’arrivo di un Nuovo Tempo. La Mia Parola da Re doveva adempiersi, perché soltanto la parola d’uomo è mutabile.

26. Sono qui, popolo, non soltanto per voi, perché nell’Essenza della Mia Parola sono con tutti.

27. La vostra remissione era sofferta per ricevere l’arrivo di questo tempo; la vita era come un crogiuolo, nel quale veniva fusa la vostra anima ed un incudine, sul quale veniva forgiato il vostro cuore.

28. Sul vostro spirito e sul vostro corpo si è abbattuta la verga degli arroganti, la schiavitù con la sua catena di umiliazioni, miseria ed ignoranza.

29. Guerre, oppressioni, sofferenze hanno formato il vostro calice dell’amarezza; tutto questo non era sterile spiritualmente, perché siete stati fortificati per la lotta pieni di fede e capaci di sentire e comprendere le sofferenze di altri.

30. Tutto era stato predetto, le profezie erano state scritte nei vostri libri. Perciò, quando tutti i segni precedenti erano stati adempiuti, era venuto il momento di aprire le porte al Nuovo Temo e di toccare l’organo d’intelletto dell’uomo attraverso il Mio Amore, per far vibrare la Mia Luce attraverso il suo spirito e con questa illuminare l’umanità.

31. Nello stesso modo era stato preparato in popolo nei tempi passati, per accogliere nel suo grembo la Presenza del Figlio dell’Altissimo. La nostalgia che Egli volesse venire, sorse dal suo dolore, dal suo lutto della schiavitù ed umiliazione nelle quali era capitato: e la Promessa del Signore per questo popolo si è adempiuta. Dato che gli era stato promesso un Uomo giusto, puro e netto come Salvatore, era naturale che il Suo Corpo procedesse da un grembo casto. E così avvenne, perché Maria, che venne chiamata la “benedetta fra le donne”, era un fiore celeste che attraverso la Volontà di Dio veniva piantata sulla Terra, affinché lasciasse nei cuori macchiati ed afflitti degli uomini il profumo della sua materna tenerezza, il suo conforto divino.

32. Gesù nacque e crebbe fra gli uomini. Quando però si avvicinava l’ora delle Sue Prediche, scendeva un uomo di nome Giovanni che viveva nel deserto, nella città per annunciare agli uomini la Venuta del Regno dei Cieli. Egli li preparava ed ammoniva al miglioramento, affinché il suo Maestro li trovasse preparati.

33. Egli era la voce che chiamava nel deserto, il più grande profeta, il preparatore della via. Era lo spirito di Elia che annunciava agli uomini che davanti ai loro occhi materiali e spirituali si aprivano le porte in una nuova epoca.

34. Giovanni ha versato l’acqua del Giordano sul capo degli uomini come una azione simbolica, che si dovevano purificare per l’Arrivo del Maestro. Io pure ho sottoposto il Mio Corpo a questo atto, come esempio di umiltà e mansuetudine, con cui volevo farvi comprendere che dopo, quando l’uomo sente che tutte le sue facoltà hanno raggiunto il loro perfetto sviluppo e che il suo essere ha ottenuto l’armonia fra l’anima ed il suo involucro corporeo, questa sia l’ora giusta per compiere le opere più grandi e più nobili nella vita, perché ha raggiunto la maturità, la forza dell’anima, l’ideale, la pace interiore.

35. Mentre vi ricordo le precedenti Lezioni, vi insegno le nuove. Anche in questo tempo la Mia Venuta ha avuto un preparatore della via, incorporato materialmente in un uomo di nome Roque Rojas, che era illuminato spiritualmente dallo spirito di Elia che si annunciava attraverso l’intelletto di quell’uomo e parlava attraverso la sua bocca.

36. Elia era stato prima e doveva di nuovo essere presente, perché lui è il Raggio di Dio che stabilisce il contatto fra i figli ed il Padre, che prepara e rende piana la via, che mette in ordine le anime e sveglia i cuori e li tiene in attesa.

37. Oggi non avete bisogno di simboli, ma solo di Luce, fede, volontà, amore. Tutto questo sarà la migliore, la più perfetta purificazione dell’anima e della carne, per introdurvi nel sentiero splendente della spiritualizzazione.

38. Amati discepoli, oggi Mi mostrate il vostro cuore assetato di Verità, e perciò vi invito ad avvicinarvi a questa Sorgente dell’Amore per bere, finché ne siete appagati.

39. Pensate che Mi materializzo nella Mia Parola soltanto fino ad un certo limite. Poi dipende da voi a sondare la Mia Istruzione e di riflettere su tutto ciò che avete sentito.

40. Pregate, interrogate il Padre vostro nella vostra preghiera, allora riceverete nella vostra meditazione una scintilla della Mia infinita Luce. Non aspettate di ricevere tutta la Verità in un unico momento. Ci sono anime che sono già da molto tempo alla ricerca della Verità, che indagano e cercano di penetrare in tutti i Misteri e non hanno comunque ancora raggiunto la meta bramata.

41. Cristo, l’Unto, vi ha mostrato la via con le Parole: “Amatevi l’un l’altro”. Vi potete immaginare la portata di questo maestoso Comandamento? Tutta la vita degli uomini cambierebbe, se viveste secondo questo Insegnamento. Solo l’amore vi potrà rivelare i Misteri divini, perché è l’origine della vostra vita e di tutto ciò che è creato.

42. Cercate con fervore la Verità, cercate il senso della vita, amate e diventate forti nel bene e sperimenterete come passo dopo passo cadrà dal vostro essere ciò che era falso, impuro o imperfetto. Siate più sensibili di giorno in giorno per la Luce della Grazia divina, allora potrete chiedere al vostro Signore direttamente ciò che volete sapere e di cui il vostro spirito ha bisogno per raggiungere la Verità più alta.

43. Lavorate sulla Terra come finora e dedicatevi credenti ai vostri doveri. Cercate però sempre il nocciolo essenziale oppure il senso di tutto ciò che vi succede, oppure di ciò che fate sulla via della vostra vita, affinché la vostra vita terrena non sia sterile per il vostro spirito.

44. Pregate la preghiera semplice che irrompe dalla massima purezza della vostra anima ed esaminate le vostre opere con l’aiuto della vostra coscienza e gioite della Mia Presenza.

45. In questo collegamento con lo Spirito riceverete più Luce, affinché comprendiate meglio la vita, avrete l’ispirazione che vi stimola a migliorarvi, mentre purificate i vostri sentimenti e svegliate il vostro cuore all’amore per il prossimo. Questi sono i momenti nei quali si risvegliano le facoltà e Doni dello spirito e si preparano ad adempiere i loro differenti compiti attraverso colui che li possiede.

46. L’intuizione che è la vista spirituale, la facoltà del presagio e della profezia, illumina l’intelletto e fa battere di più il cuore per i Messaggi e le voci che riceve dall’Infinito.

47. Quando l’uomo ha imparato di unirsi con il Padre per mezzo dello spirito, non avrà certamente più bisogno di interrogare i libri, né cercare consiglio in qualcosa sulla Terra.

48. Oggi gli uomini interrogano ancora coloro dei quali credono che sappiano di più, oppure cercano testi e documenti nel desiderio di trovare la Verità. Io però vi porto vere ricchezze spirituali, affinché non sentiate mai più fame o sete nel vostro spirito.

49. Sono venuto come un arcobaleno della pace “sulla nuvola” agli uomini che trovo litigati fra loro, occupati con guerre delle nazioni.

50. Sono qui e vi istruisco a cercarMi con lo spirito ed allontano dal vostro cuore cattive abitudini. Vi ho rivelato le armi spirituali che possedete per vincere il male e per respingere le tentazioni.

51. Solo i veri apostoli, i veri “medici” potranno salvare l’umanità in questo tempo. Io preparo con la Mia Istruzione le grandi schiere dalle quali usciranno i grandi soldati. Questi lasceranno i loro genitori, le loro mogli ed i loro figli per andare in altre strisce di paese per portare il Lieto Messaggio. Se però Io vi dico che dovete lasciare i vostri, non voglio farvi intendere che dovete rinunciare alle comodità ed agli appagamenti che vi offrono gli affetti, né che lasciate i vostri senza protezione e nell’abbandono. Esaminate a fondo il Mio Seme prima che lo seminate, affinché siate convinti del bene che fate. Se seminate i Miei Chicchi di seme secondo la Mia Volontà, il vostro raccolto sarà soddisfacente e piacevole.

52. Fin dal 1866 risuona nelle vostre orecchie questa Istruzione. Elia, il buon pastore vivendo nel corpo ed al di fuori dello stesso, ha appianata ed aperta la via mentre ha messo in ordine i vostri cuori e le vostre anime, affinché poteste sentire la vicinanza del Regno dei Cieli. Fin da allora il Mio Seme si è tanto moltiplicato, le schiere sono cresciute, il numero dei segnati oggi aumenta, ed ovunque – nei villaggi, province e paesi – sorgono sale come luoghi che sono destinate per i vostri incontri e per sentire l’Istruzione quotidiana.

53. Sono venuto per dare al mondo la vita, affinché apra i suoi occhi alla Luce di questo tempo.

54. Mentre le grandi nazioni si trovano in guerra, ho preservato questo popolo nella pace, affinché possa ricevere il Mio Messaggio e si diffonda, perché qui nel suo centro i cosiddetti stranieri cercheranno rifugio.

55. Elevatevi per mezzo della vostra obbedienza. Non aspettate finché irrompano le potenze della natura sulla vostra nazione, per ricordarvi i vostri compiti, né aspettate finché la morte e la guerra siano in agguato intorno a voi per ricordarvi di Me. Utilizzate questi momenti, perché non sapete se ritorneranno.

56. Si sta avvicinando l’anno 1950 che era destinato secondo la Mia Volontà per il Mio Commiato. Se in quel tempo sarete preparati, compirete grandi opere e potrete sperimentare toccandoli, grandi Miracoli. Io però vi dico: Mentre gli uni si rallegreranno perché avranno adempiuto il loro dovere, gli atri piangeranno. Già ora vi annuncio che il Mio Commiato avrà luogo in tutti i luoghi di assemblee, e che lo si sentirà in tutti i luoghi – città, nelle strade e persino sui monti. Allora vi dirò: Non sentitevi come orfani, solo il vostro udito materiale non sentirà più la Mia Parola; ma la vostra anima, insieme con il vostro involucro corporeo, continueranno ad essere ispirati a motivo della loro elevazione. Non ci sarà nessun motivo di versare lacrime in quel giorno. Il Maestro vi prepara, perché in quel momento parlerò così a voi. Attualmente istruisco gli organi d’intelletto attraverso i quali sentirete la Mia ultima Parola. Per questo esigo da loro in ogni momento più elevazione spirituale.

57. Più avanti verrà il tempo nel quale scompariranno dal mondo sette e comunità religiose e nel cuore degli uomini rimarrà soltanto la Dottrina di Cristo che è Amore, Giustizia e Pace.

58. Alcuni nel mondo credono che Io stia per arrivare senza che sappiano che l’ora del Mio Commiato in questa forma della Comunicazione è già vicina. Quando l’umanità viene a sapere che sono stato fra voi nella Comunicazione attraverso l’organo d’intelletto umano, si domanderà: “Com’è possibile che questi abbiano sentito Dio?” - Allora dovete spiegare il modo nel quale Mi sono annunciato e dare con le vostre opere dell’amore dimostrazioni del vostro progresso e del vostro rinnovamento.

59. Dite al mondo: Se Cristo in quel tempo Erra diventato Uomo per vivere con voi nel vostro mondo, vi eleverete ora da qui per penetrare spiritualmente nella regione dove Egli dimora. Osservate la Traccia che ho segnato per voi con il Sangue, ora trasformata in una Orma di Luce.

60. Come nel Secondo Tempo la Mia Parola era accompagnata da grandi Opere per risvegliare la vostra fede; ma erano più i Miracoli spirituali che quelli materiali, perché ora siete meglio in grado di crederMi e di comprenderMi in un modo superiore.

61. Alcuni aspettano che lo Spirito Santi Si manifesti in questo tempo in sinagoghe o in chiese; ma Io sono venuto alla ricerca di modestia e semplicità, perché oro, ricchezze o vanità non lusingano Colui il Quale è Proprietario dell’intera Creazione.

62. Ricordatevi che a suo tempo Giovanni, il profeta, il Battista, ha preparato i cuori affinché entrassero nel Regno dei Cieli, ha detto agli uomini: “Il Cristo verrà”, perché sapeva che il Maestro Sarebbe venuto per erigere il Suo tempio nel cuore degli uomini.

63. Sono qui e cerco il santuario nel più puro del vostro essere. Pensate che dovete preparare il luogo, affinché sia sempre degno della Mia Presenza. Quante volte dovrà essere il dolore che vi purifica, che lava le vostre macchie? Voglio rivestirvi con un abito bianco; ma prima si deve purificare la vostra anima per essere degna dello stesso.

64. Discepoli, nel Secondo Tempo gli apostoli Mi hanno chiesto come dovevano pregare, ed Io ho insegnato loro la perfetta preghiera che voi chiamate il “Padre nostro”. Ora vi dico: Ispiratevi in questa preghiera, nel suo contenuto, nella sua umiltà e nella sua fede, affinché il vostro spirito si unisca con il Mio, perché non saranno mai più le labbra corporee che pronunceranno quelle benedette Parole, ma lo spirito che parla con la Mia propria Lingua.

65. Il Mio Raggio scenderà su di te, Mio amato popolo, la Sua Luce si trasforma in parola umana e lo splendore di questa manifestazione si trova nell’essenza del Mio Discorso d’Insegnamento. Questa Parola è come acqua cristallina, ma se nel passare attraverso il portatore umano della Voce dovesse mescolarvi una qualche impurità, allora il vostro intelletto dev’essere come un filtro, affinché la Mia Istruzione giunga al vostro spirito nella sua originale purezza.

66. Io porto l’acqua alla vostra anima che la rivivifica, perché la sete la prosciuga sulla sua lunga via attraverso il deserto.

67. Solo chi ha vegliato e Mi ha aspettato, ha sentito la eco dei Miei Passi. Come possono aspettarsi i materialisti che il Mio Ritorno debba essere ostentativo, se Io vengo nello Spirito?

68. Ho ritenuto per voi le delizie della Mia Manifestazione, ma ho dovuto venire a voi nel giusto momento.

69. La Mia Parola di Padre è fra voi, che eravate consumati, avete pianto e vi siete sentiti soli, mentre non lo siete mai stati. Questo è tuttavia il tempo che secondo la Mia Volontà è destinato che sentiate la Mia Voce con tutta la sua efficacia attraverso la vostra coscienza.

70. Finora Io sono stato più il vostro Servitore che il vostro Signore. Ho sentito la vostra voce che si lamenta, comanda e pretende, ho ricevuto offese e bestemmie che sono state come colpi di verga.

71. Oggi la Mia Voce universale si procura in tutti l’ascolto per dire loro: Benché Io Sia in ognuno di voi, nessuno deve dire che Dio è all’interno dell’uomo, perché sono gli esseri e tutto ciò che è creato, che si trova all’interno di Dio.

72. Io sono il Signore, voi siete le Sue creature. Non voglio chiamarvi servitori, ma figli; ma riconoscete che Io sono Prima di voi. Amate la Mia Volontà, ed osservate la Mia Legge, rendetevi conto che nei Miei Ordinamenti non sono possibili né una imperfezione né un errore.

73. Voi avete la possibilità di fare un passo decisivo, di librarvi in alto e di salire molto in Alto, il vostro sviluppo ve ne rende capaci.

74. La Mia segreta Camera del Tesoro è aperta. Venite e guardate, entrate. Non giudicherò se appartenete prima di coloro che hanno alzato la loro volontà o la loro voce contro di Me.

75. Pentitevi del vostro passato, lavate le vostre macchie d’onta e guadate dopo nella Mia segreta Camera del Tesoro, affinché osserviate la Vita in tutta la sua Verità.

77. Ai gradini superiori della scala dello sviluppo si trovano molti che sulla Terra erano fratricidi, traditori, apostati e bestemmiatori. Come mai sono potuti salire? Perché hanno preso la via del pentimento, del rinnovamento e della misericordia. Prendeteli come esempio, ve lo dice il vostro Maestro.

78. Vicino e davanti ai vostri occhi si apre il Libro della Vita ed avete molta Luce per comprendere i suoi segni.

79. Nei tempi lontani del vostro balbettio spirituale avete ricevuto la Legge divina scolpita in pietra, come corrispondeva al vostro scarso sviluppo. Sono passati i tempi e quella Legge che era scolpita sulla pietra, è diventata Uomo in Gesù e vi ha parlato di Amore. Ora venite preparati per ricevere la Mia eterna Legge attraverso l’ispirazione dello spirito. Là, nella vostra coscienza, scriverò la Mia Parola in questo tempo.

80. O voi piccoli modesti, che in mancanza dello studio di libri della Terra avete avuto la vita per ricevere il Mio Amore e di imparare a comprendere la meta finale della vostra destinazione!

81. Ricevete il Mio Amore paterno.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

 

Istruzione 137

 

1. Fra di voi si rivelano la Mia Luce e la Mia Potenza. Fin dal principio la Luce del Mio Spirito ha illuminato il sentiero degli uomini. Ogni epoca, ogni età di vita è stata testimone delle Mie Rivelazioni. Il vostro spirito sa che gli ho parlato in molteplici forme. Questa Luce vi indica la via che vi ha presegnata la Mia Misericordia affinché su questo possiate giungere alla Mia Divinità, dov’era la vostra origine.

2. Nell’uomo si trova lo spirito. Lo spirito è Luce della Divinità. Questo è il motivo per cui Io sono nello spirito in ognuno di voi. Se oggi non apprezzate la grandezza del modo nel quale Mi annuncio attualmente, domani lo comprenderete. Qui avete la via, pura da impurità umane. Con ciò non voglio dirvi che le vostre religioni siano cattive. Non vi voglio dividere, perché se ognuno adempie veramente ciò che gli ordina la sua religione, troverebbe la salvezza. Non insegnano forse tutte di amare Dio ed il suo prossimo? Io però vedo che in molte occasioni usate persino la Verità per disconoscervi reciprocamente.

3. Quello che Io vi insegno è l’Amore, perché in esso sorgono i sentimenti più puri e più maestosi, le più alte ispirazioni. Vi manca l’amore, perciò camminate nell’oscurità. Se io precipito idoli e rigetto riti, allora avviene affinché possiate vedere con maggior chiarezza la Luce della Verità. Come Maestro vi do le Mie Istruzioni. Una di queste è che attualmente vi elargisco la Mia Lezione attraverso uomini senza che per questo sia inevitabile, che questi siano di cuore giusto e puro. Nei Miei Occhi il portatore della Voce di cui Mi servo può essere sovente più empio che coloro che sto istruendo. La Mia Potenza e la Mia Sapienza lo ispirano, affinché dalla sua bocca irrompano pensieri santi, giusti e puri. Perciò avviene che, quando questi organi d’intelletto entrano in contatto con il loro Signore, attraverso di loro si riflette la Vita spirituale e vi rivelano molto di ciò che è al di là della vostra vita.

4. Per voi non è necessario vederMi oppure toccarMi per poter credere, perché il vostro spirito era preparato nel suo sviluppo per sentire la Mia Presenza in forma spirituale.

5. Il vostro cuore è sorpreso di poter ricevere determinate idee. Il motivo per questo è che non conosce la via che lo spirito ha percorso. Nello stesso modo vi sorprende l’intelligenza precoce e matura dei bambini di questo tempo che vi pongono delle domande che dimostrano che hanno conoscenze che non sono state loro insegnate in questa tappa della loro vita spirituale. E’ la Luce che lo spirito ha raccolto sulla sua lunga via e che si riflette in ogni esistenza. Mi domandate: “Se Ti annunci con una Sapienza così grande e se il nostro spirito è preparato – perché non ci dici tutto ciò che la Tua Istruzione ci conserva ancora?” – E’ molto importante ciò che tengo ancora pronto per voi, ma non ve lo posso dare tutto in una volta, per non causare confusione nel vostro spirito o nella vostra mente.

6. Vi dirò sempre: Se non volete che la Luce della Rivelazione si tenga indietro, allora è necessario che rimaniate su questa via dell’amore per il vostro Padre e per i vostri prossimi.

7. Percorrete la via con passo moderato e fermo, non correte o precipitatevi, perché vacillereste ed alla fine non sapreste nemmeno quale via avete percorsa.

8. Discepoli, di tanto in tanto vi devo dire che non dovete considerare le Istruzioni in un luogo di assemblea migliore che in un altro, nemmeno giudicare meglio o peggio il lavoro di un portatore della Voce in confronto a questo o quello. Il contenuto della Mia Dottrina è una unica in tutti, e la differenza che è esteriore, è superficiale, dipende dal modo di parlare. Vi dirò sempre che dovete cercare la Mia Verità nel senso spirituale di questa Parola.

9. L’umanità sta trovando la fede; la Mia Opera si diffonderà sul globo terrestre. Comincerò con 144.000 segnati che combatteranno con obbedienza, con amore e fervore nel tempo delle discussioni delle confessioni di fede e dottrine, ed in mezzo a questa battaglia saranno come un anello che non propone al mondo una catena di schiavitù, ma una del patto spirituale, che sarà di libertà e fratellanza. Questi soldati non saranno soli, li seguiranno e proteggeranno le Mie schiere spirituali della Luce; faranno Miracoli sulle loro vie ed in questo modo testimonieranno della Mia Verità.

10. Portate la vostra croce con pazienza e rassegnazione, fino alla fine, allora sarà la Mia Misericordia che vi libera dalla stessa, quando giungerete davanti alle porte di quella dimora che vi ho promessa, dove godrete la vera pace. Adesso siete pellegrini, siete soldati, combattenti che inseguono un ideale, che tendono alla conquista di una Patria migliore.

11. Non siete soli nella vostra lotta, l’uomo non lo è mai stato, perché gli ho sempre mostrato la via migliore.

12. Se Io dovessi domandare a qualcuno come il popolo di Dio si è lasciato guidare prima che gli era nota la Legge che Mosè ha ricevuto dal Signore, allora gli risponderei che già prima di Mosè ho mandato al mondo spiriti della grande Luce, patriarchi e profeti, che portavano la Legge nella Luce della loro coscienza per insegnarla a tutti i loro prossimi attraverso le loro opere.

13. Quegli uomini Mi onoravano attraverso la loro vita. Non erano adoratori di idoli, perché conoscevano già la spiritualizzazione; avevano il sentimento dell’amore e della misericordia con gli altri, sapevano accogliere il forestiero nella loro sede e nella loro casa erano ospitali con lo stanco viaggiatore. Avevano pronto per tutti una buona parola ed un saggio consiglio.

14. Non tutti gli uomini però hanno saputo lasciarsi guidare dalla voce della loro coscienza, perché questo esigeva la spiritualizzazione, mentre i sensi della carne non la comprendono.

Perciò era necessario che il vostro Padre Si annunciava fra gli uomini in molteplice modo per spiegare la Legge e rivelare loro i divini Insegnamenti.

15. Voi, Mio popolo, che sentite questa Parola nel Terzo Tempo e che conservate sempre ancora qualcosa di quel seme che vi ho affidato in tempi passati, comprendete che dovete purificare il vostro cuore dall’egoismo e dal materialismo, affinché possiate raggiungere il felice momento dal quale in poi lasciate di nuovo guidare la vostra vita dalle Sapienze del vostro spirito, come lo facevano quegli illuminati, come p.e. Abramo, dal quale è uscito il popolo che in tutti i tempi è stato conservatore delle Mie Rivelazioni.

16. Io voglio, quando verrà il momento nel quale terminerà la Mia Comunicazione nella forma come l’avete ora, siate preparati che ogni spirito degli uomini che formano questo popolo qui, sia come un tempio per Me, ogni cuore un santuario, ogni casa un altare, una casa patriarcale, ospitale e piena di amore per il prossimo. La vostra pace allora sarà profondissima. Il vostro cuore sarà coraggioso per sussistere in tutte le prove.

17. Il pane non sarà solo benedetto da Me, ma anche da voi, perché allora avrete imparato a prepararlo con amore, con fede, con pace.

18. La forza spirituale con la quale vi ho provveduti, non è altro che il seme della spiritualizzazione. In Verità vi dico, chi cura quel seme nel suo cuore e provvede a lui con amore, non sarà vittima di piaghe né di furie delle potenze scatenate della natura, né lo tormenteranno in modo schiacciante i bisogni materiali.

19. Non dovete però aspettare che quel giorno venga su di voi. No, popolo, con la vostra spiritualizzazione dovete andare da coloro che attraverso la vostra preghiera ottengono il Perdono dal loro Padre e che comprendono tutto ciò di cui lo spirito è capace, quando sa elevarsi al di sopra del fango, della polvere e della sporcizia di una vita materializzata ed impura.

20. Non dimenticate, o discepoli, che la spiritualizzazione non è un fanatismo di un qualche genere, non permette nessuna idolatria o pregiudizi, perché allora non sarebbe più una spiritualizzazione.

21. Chi porta la sincerità nel suo cuore e tende ad onorarMi attraverso azioni della sua vita, non ha bisogno di culti esteriori per sentire che ha adempiuto le Leggi del suo Padre e Signore. Chi invece porta nel suo cuore l’inquietudine che rende percettibile la sua coscienza giudicante, costui cerca con fervore culti e riti esteriori nell’opinione errata che si possa riconciliare attraverso queste con il suo Creatore.

22. Siate semplici come i fiori e senza falso come gli uccelli, siate trasparenti come l’aria e chiara come l’acqua pura, allora avrete raggiunto la purezza e l’elevazione che vi faranno riconoscere tutta la Verità che la vita contiene.

23. Chi sostiene che la Mia Dottrina sia un pericolo per il progresso materiale dell’umanità, con ciò commette un grave errore, perché se Io, il Sommo Maestro, indico allo spirito la via alla sua riparazione, parlo anche alla mente, alla ragione e persino ai sensi. La Mia Dottrina vi ispira ed insegna non solo la vita spirituale, ma porta Luce in ogni scienza e su tutte le vie degli uomini, perché la Mia Istruzione non si limita di portare le anime sulla via verso la dimora che è al di là di questa esistenza, raggiunge anche il cuore dell’uomo per stimolarlo a condurre su questa Terra una vita gentile, degna ed utile.

24. Se nel Secondo Tempo vi ho detto che il Mio Regno non è di questo mondo, allora vi dico ora che anche il vostro non è qui, perché questa patria terrena – come sapete già – è destinata per gli uomini solo in modo transitorio.

25. Vi insegno la vera vita che non era mai fondata sul materialismo. Perciò i signori della Terra si eleveranno nuovamente contro la Mia Dottrina. Io vengo a voi con la Mia eterna Dottrina, con la Mia Istruzione che sussiste già da sempre, che parla di Amore, di Verità e di Giustizia. Ciononostante non verrà subito compresa. Il mondo Mi condannerà nuovamente, questa umanità metterà nuovamente la Croce sulle Mie Spalle. Io so già, che la Mia Dottrina deve passare attraverso tutte queste animosità, affinché venga riconosciuta ed amata. Io so che i Miei più acerrimi persecutori diventeranno dopo i Miei più fedeli ed altruisti seminatori, perché darò loro grandissime dimostrazioni della Mia Sapienza.

26. Nicodemo, nel Secondo Tempo un principe fra i sacerdoti – colui che cercava Gesù per conversare con Lui sui temi di alta Sapienza -, comparirà nuovamente in questo tempo per indagare con fermezza la Mia Opera e di convertirsi a questa.

27. Saulo, poi chiamato Paolo, che era diventato uno dei Miei più grandi apostoli dopo averMi perseguitato con crudeltà, comparirà nuovamente sulla Mia Via ed ovunque sorgeranno i Mie nuovi discepoli, ferventi gli uni, sacrificandosi gli altri. Il presente è di grande importanza. Il tempo del quale vi parlo, è davanti alla porta.

28. Questa guerra di idee, queste lotte alle quali ora assistete e questi avvenimenti dei quali siete ogni giorno testimoni oculari – non vi parlano di qualcosa che verrà su di voi, non vi lasciano presagire che la vostra epoca sta per finire e che una nuova era sta cominciando a diffondere la sua Luce?

29. Io voglio solo che voi, i testimoni della Mia Parola in questo tempo, rimaniate saldi nei momenti della prova che precederanno l’edificazione della Mia Legge, del Mio Regno fra voi. Allora Io Sarò come un vento turbolento sotto la cui violenza la Terra ed i mari, sui quali abita e si nuove questa umanità, devono schiumare e nelle loro profondità avere del movimento, affinché respingano da sé tutto ciò che celano di impuro nel loro interiore.

30. Non abbiate paura quando subentrano questi avvenimenti. Dovete comprendere che è venuto l’inizio della fine di una epoca e che si sta avvicinando l’aurora di una epoca di pace.

31. La cattiveria, l’ingiustizia, l’arroganza, la schiavitù, l’ignoranza, la violenza terrena tramonteranno per fare posto all’edificazione del Regno dell’amore, della Luce e della pace fra gli uomini. Allora non vi dovete scoraggiare, non spegnere la vostra lampada, anche se sentite che la prova è molto dura, e che il calice che dovete bere, è molto amaro. Al contrario, allora dovete accendere e vivificare la fiamma della speranza come lo fa il soldato nel tumulto della battaglia quando sente che è vicino a sopraffare il nemico e che la vittoria è già alla portata.

32. Quando vi vedete circondati da schiere animose, le cui lingue lanciano contro di voi il veleno ed i cui occhi gettano fiamme dell’odio contro di voi, non dubitate delle Mie Promesse. In questi momenti vi farò sentire la Mia Presenza tranquillizzante ed udire la Mia amorevole Voce che vi dirà nuovamente: “Io sono con voi”.

33. Sovente assisterete come fra quelle schiere comparirà un cuore che vi comprende e che è per voi uno scudo. Questo però non otterrete solamente quando metterete su di Me la vostra fiducia e la vostra fede.

34. Ricordatevi di Daniele, quel fedele profeta, che in Babilonia ha difeso così insistentemente la Verità dell’Unico Dio, e che ho salvato dai suoi nemici.

35. Prima che comincia la lotta, innaffiate ancora una volta il seme che l’Eterno ha seminato nello spirito degli uomini. Permettete che l’erbaccia venga tagliata tramite la Falce della Mia Giustizia e che i campi vengano arati, affinché siano idonei per la coltivazione della Dottrina dell’Amore.

36. E’ necessario concedere agli uomini che sono attaccati ai beni della Terra, ancora alcuni momenti, affinché la loro delusione sia assoluta e si convincano che l’oro, il potere, i titoli ed i divertimenti della carne non daranno mai all’anima la pace ed il benessere.

37. Si sta avvicinando l’ora nella quale le opere dell’intera umanità verranno giudicate alla Luce della coscienza. Allora si chiederanno gli eruditi, teologi, scienziati, gli aventi il potere, i ricchi ed i giudici quale sia il frutto spirituale, moralistico o materiale che hanno raccolto. Se poi vedono quanto scarso è il loro raccolto, molti ritorneranno a Me, dato che riconoscono che a loro mancava qualcosa, nonostante la fama che hanno avuto sulla Terra per poter colmare il vuoto nel quale è capitata la loro anima, la quale si può nutrire solamente dei frutti della vita spirituale.

38. Ho già preparato per queste anime una oasi in mezzo al deserto, perché Io so che durante la loro esistenza hanno bussato ad ogni porta e percorso tratti su tratti della via, gli uni alla ricerca della Verità, altri del potere e di nuovo altri della fortuna. Alla fine però sulla via che hanno percorsa sulla Terra, erano vicini a negare tutto, allora Io distenderò loro le Mie Braccia per farli riposare al Mio Petto. Li consolerò e mostrerò loro quale sia la vera via, affinché vi trovino i campi sui quali possono seminare il seme fertile della loro esperienza.

39. L’oasi è spirituale e su tutte le vie del deserto uomini di tutte le razze vi giungeranno – gli uni esausti, altri pieni di ferite, ingrigiti e coperti di capelli bianchi, e molto con la sacca da viaggio già vuota, svergognati in vista della sterilità della lotta che avevano intrapresa. Là sentiranno la Mia Voce e, riconoscendo la stessa, esclameranno: “E’ il Signore”. Ed in questa frase rifletteranno l’umiltà con la quale Mi cercheranno, perché tutti verranno con i loro propri piedi, senza carrozza, perché con queste non potrebbero attraversare il deserto, e senza cammelli, perché questi sono già morti di sete dalla lunga via di viaggio.

40. Quell’ora di infinita Beatitudine, di riconciliazione e di umiltà, sarà anche quella del Perdono divino per i ”figli perduti” i quali, ritornati finalmente nel desiderio delle amorevoli Braccia di Colui il Quale ha dato loro la vita e l’eredità.

41. Ricevete oggi la Mia Parola dell’Amore, del Perdono e della Giustizia, e mostrateMi il vostro cuore. Non cercate di nascondere le vostre trasgressioni, perché Io so tutto. Avete giurato di amarvi reciprocamente, ma Io aspetto sempre ancora il vostro adempimento. Vi ho affidato un unico “albero” che lo curiate, ma Mi offrite differenti frutti. Vi ho preparati ad essere umili, rassegnati ed obbedienti, affinché serviate i vostri prossimi, ma Io non trovo questo seme nelle vostre opere.

42. Il figlio non si piega ai suoi genitori, il marito si ribella contro la moglie, i fratelli si rinnegano a vicenda, tutti commettono azioni che rivelano superbia e vanità, tutti si sentono superiori, mentre Io continuo ad insegnare a tutti gli uomini solo amore e pace.

43. Le nazioni hanno concluso la pace, ma nelle loro parole non si mostrano ancora buone intenzioni. Dietro quella apparente pace si trova il rancore, il desiderio di vendetta e la guerra è in agguato. Dov’è colui che sa perdonare, che ha lasciato a Me la sua causa, affinché Io la giudichi?

44. Il cuore umano si è indurito e non è sconvolto dal dolore dei bambini, della paura delle donne e del tragico destino dei giovani e degli uomini, che venivano cacciati nella guerra senza pietà. Fra di loro però c’erano quelli che Mi amano e che sentono amore per i loro prossimi, tali che sapevano pregare e facevano opere di misericordia. Per questa nazione la visitazione è stata molto difficile, la sua arroganza è stata punita, loro stessi distruggono la loro ricchezza. Solo il dolore li piegherà e li porterà alla riflessione. Sono stato molto vicino ad ogni anima per fortificarla nella prova, e quelle che si sono preparate, hanno percepito la Mia Presenza.

45. Gli effetti della guerra sono penetrati ovunque ed hanno seminato distruzione. Dalla piccola casa fino alla grande nazione, coloro che non hanno vegliato, sono capitati nelle sue reti e non sanno come potersi liberare da questo giogo.

46. Vi ho istruito, vi ho dato il segreto della pace: AmateMi, amatevi, ispiratevi in Me, adempite i vostri doveri, adeguatevi alla vostra destinazione, ed avrete pace e Benedizione.

47. Ho accolto il canto di gioia di coloro che dopo la lotta sono ritornati nella loro casa, nella loro patria. Accolgo però anche il dolore delle madri che non hanno assistito al ritorno del figlio, dei figli che non hanno più visto il padre, e quello della donna che è diventata vedova. Io benedico tutti. Israele nella sua sensibilità deve mostrare partecipazione con quei popoli. E questa preghiera che avete mandata in Alto per la pace del mondo, dovete continuare a portarla e fare in modo che sia come un canto di protezione per tutte le nazioni.

48. Voi anime che avete lasciato il vostro corpo sulla Terra – raggiungete l’illuminazione. Vi ho accolto. Confidate in Me e sarete guidate alla vera Vita. Non siete morte perché possedete l’anima di eterna Vita. Io vi invito alla vera Pace ed alla Giustizia, perché Io sono la Vita e vi offro il Pane dell’eterna Vita. Vi vedo però affamate, perché non avete compreso che il nocciolo essenziale si trova nella profondità della Mia Parola. Se l’osservate solo in modo superficiale, non ve ne potete nutrire. In essa è contenuto il Mio Amore, quella Essenza divina che è Vita, Gioia e Pace per lo spirito.

49. Mentre non studiate la Mia Parola, in questa ed in altre nazioni ci sono uomini che aspettano il Buon Messaggio per adempiere i Miei Incarichi. Verrà però il giorno nel quale si leveranno fra di voi i buoni apostoli per passare attraverso paesi e nazioni per predicare la Mia Dottrina. Ed Io parlerò attraverso il loro organo d’intelletto come l’ho fatto con coloro che Mi hanno seguito nel Secondo Tempo. Ognuno che agisce così, sia colmo di coraggio e fiducia in Me.

50. Quando incontrate degli ostacoli, allora agite come Mosè: Comandate agli elementi ad essere secondo la vostra volontà, ed obbediranno prontamente.

51. Se volete contemplare Miracoli, allora preparatevi, ma non aspettate che tutti vi credono. Vi ho detto che in questo tempo non tutti crederanno alla Mia Parola. Allora lasciate la faccenda a Me e continuate la vostra via. Mi riconosceranno quando saranno nello spirito.

52. Dovete rispettare idee e sentimenti, ma parlate, come Io vi ho insegnato, con questa parola che non ferisce, e togliete i veli che nascondono la Mia Luce alle anime.

53. E’ segnato il tempo del risveglio per ogni spirito. Vi prometto che ognuno che si prepara, Mi vedrà in tutta la Mia Magnificenza.

54. Chiedete e vi verrà dato. Tutto ciò che desiderate nell’amore per i vostri prossimi – chiedetelo a Me. Pregate, unite la vostra richiesta con quella del bisognoso, ed Io vi concederò ciò che chiedete.

55. La Luce della Mia Parola sarà l’abbigliamento bianco che coprirà tutti voi.

56. Per Amore per voi sono venuto nella “nuvola”, il simbolo per lo spirituale, per annunciarMi al vostro spirito. Ma dapprima questa nuvola splendente ha dovuto adagiarsi sull’organo d’intelletto del portatore della Voce, come una preparazione per il tempo, quando saprete tenere il diretto dialogo con Me ed è il vostro spirito, sul quale la nuvola si adagia e discende.

57. Ho scelto la nuvola come simbolo, affinché incorporasse la Mia Venuta al mondo nel Terzo Tempo.

58. La nuvola non è la messaggera che passa su monti, vallate e città? Non è lei che rende fertili i campi con la sua pioggia e dona benefica ombra? Non irrompe da lei il fulmine che annuncia il temporale, ed il raggio scintillante che scuote? Perciò ho scelto come simbolo la nuvola, perciò i Miei apostoli hanno compreso il significato della Mia Presenza nella “nuvola” , quando Mi hanno visto per l’ultima volta nello Spirito, e Roque Rojas in questo Terzo Tempo, quando gli ho fatto contemplare il simbolo che era il segno della Mia nuova Venuta.

59. Fin da allora circonda un’ombra soave il popolo che si è schierato un poco alla volta intorno alla Mia Comunicazione. La Mia Parola è stata una pioggia fertilizzante della spiritualizzarne sui campi inariditi, ed il Raggio che cade ad ogni Comunicazione sull’organo d’intelletto umano, ha strappato l’oscurità del vostro peccato e della vostra ignoranza, vi ha fatto tremare in tutte le fibre e risvegliato il vostro spirito. Quanto è stato terribile per molti di voi la tempesta che veniva scatenata nella vostra anima nell’ascolto della Mia Parola divina.

60. A quale Maestà e quale impressionante bellezza avete assistito durante quel temporale di Luce, che sorge dalla Mia Parola nei momenti della sua Comunicazione! Sopraffatti di ammirazione, di riverenza e timore le schiere degli uomini rimangono mute e permettono che quella tempesta d’Amore, di Giustizia e di Sapienza li bagni e li purifichi.

61. O amato popolo che ho chiamato Israele, perché vi faccio conservatori dei Miei Messaggi e Rivelazioni – quando imparerete a trasmettere ed interpretare la Mia Parola in modo giusto?

62. Ho mantenuto la Mia Promessa di ritornare che ho dato nel Secondo Tempo. Gli apostolo Mi hanno visto in Betania salire dalla Terra nell’Infinito e voi Mi avete visto ritornare dall’Infinito nel vostro cuore. Non scoprite in ciò una somiglianza con le nuvole che si elevano dal mare e salgono per riversare la loro benevola pioggia su altri luoghi, dove le chiamano i campi assetati?

63. Mi ha attratto il vostro dolore, il Mio Spirito si è sentito chiamare dalla vostra chiamata supplichevole, ed Io sono accorso nella nuvola dell’Amore e Giustizia, per coprire gli uomini con la Mia Misericordia.

64. Non tutti i popolo Mi chiamano, e ci sono solo pochissimi cuori che Mi aspettano. La nuvola spirituale verrà e proteggerà come un mantello quei popoli che la chiamano supplicando e la stanno aspettando. Tutti coloro che cercano di spegnere la sete dell’anima con i divertimenti del mondo, la nuvola li sorprenderà attraverso lo splendore del suo fulmine, ed il tuono del suo temporale li colmerà con paura, perché allora si ricorderanno che esiste una Giustizia divina e che ogni uomo è portatore di uno spirito che deve dare giustificazione dinanzi a Dio per tutte le sue opere.

65. La Nuvole dell’Amore, della Luce, della Misericordia e della Giustizia è anche una incommensurabilmente grande legione di esseri spirituali, Miei servitori, di spiriti della Luce che vivono per adempiere il Mio Progetto e si moltiplicano nell’Universo, mentre eseguono il loro compito di amarsi reciprocamente in perfetta armonia, perché quel Comandamento divino, quel sublime Fondamento che ho rivelato nel Secondo tempo al mondo, non era solo destinato agli uomini – quella Massima è la Legge che governa tutti gli spiriti esistenti.

66. Amato popolo: Su questa Nuvola di Luce che è la grande Potenza spirituale dell’Amore e della fraternità fra tutti i mondi, è discesa in questo Terzo Tempo per mezzo del Mio Raggio e vi ha portato un nuovo Messaggio della Sapienza, una infinita Consolazione per il vostro dolore ed una Luce che doveva servirvi come guida, per trovare la via dimenticata, affinché voi, quando l’avrete scoperta, veniate a Me – passo dopo passo, di merito in merito, coscientemente e saldi, nel tendere alla vostra perfezione spirituale.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 138

 

1. Amati discepoli, ogni momento che passa nella vostra vita, è un passo che vi porta più vicino al Padre. Lentamente, passo dopo passo, percorrete la via che conduce nel Regno della Luce.

2. Vi si sta avvicinando lentamente il tempo nel quale comprenderete di dare allo spirituale che gli spetta per diritto, ed al mondo, ciò che gli spetta, al tempo della vera preghiera, l’adorazione di Dio senza fanatismo, nel quale sapete pregare prima di ogni impresa, nel quale veglierete su ciò che vi è stato affidato.

3. Come potrà l’uomo smarrirsi se chiede nella preghiera al Padre suo prima di fare la propria volontà? L’uomo che sa pregare, vive in contatto con Dio, riconosce il valore dei Benefici che riceve dal Padre suo e contemporaneamente comprende il senso o lo scopo delle prove che sta vivendo.

4. L’uomo che prega Dio, è un uomo spiritualizzato che non ha una scura benda davanti agli occhi e che è capace di scoprire in sé ed al di fuori di sé mondi sconosciuti, aspetti non noti della vita, conoscenze e Verità che circondano la vita degli uomini, senza che questi li notano.

5. A chi riesce scoprire questo sentiero, non può fermarsi, perché i suoi sensi sono desti e le sue facoltà spirituali sono diventate sensibili. Oggi sentono la voce della natura, domani potranno percepire i Messaggi del Regno spirituale, più avanti sentono la Voce del loro Signore in un contatto da Spirito a spirito, frutto dell’Amore fra il Padre ed i Suoi figli.

6. Popolo, non invidiare questi portatori della Voce attraverso i quali Mi annuncio, perché se vi preparate seriamente nel corpo e nello spirito, li supererete, quando questa Comunicazione sarà terminata.

7. A questo popolo è riservato il tempo presente dei Miracoli, prove ed avvenimenti straordinari, testimoni della Mia Rivelazione in questo Terzo Tempo.

8. Non ho ancora parlato la Mia ultima Parola, cioè dato le Mie ultime Istruzioni nelle quale vi rivelerò ancora molti Misteri. La Mia Volontà e le Mie Disposizioni però sono scritte nella coscienza di tutto questo popolo, affinché abbia una completa conoscenza come dev’essere la fine della Mia Comunicazione.

9. Dovete comprendere che vi ho insegnato tutto ciò che dovete sapere, affinché possiate penetrare nei mondi e luoghi che vi attendono, perché come la vostra anima ha dovuto essere preparata per la sfere precedente nella quale abitava, per poter incarnare e vivere sulla Terra, così si deve preparare per ritornare nella sfera dell’aldilà che ha abbandonata, anche se va nei luoghi che sono superiori in Amore, purezza e Sapienza.

10. Non dubitate della Mia Parola. Nel Primo Tempo ho adempiuto la Mia Promessa di liberare Israele dalla schiavitù dell’Egitto – che significava idolatria ed oscurità – per condurvi in Canaan, il paese della libertà e dell’adorazione dell’Iddio vivente. Là vi era stata annunciata la Mia Venuta come Uomo e la Profezia è stata adempiuta parola per parola in Cristo. Io, quel Maestro, il Quale dimorava in Gesù e vi ha amato in Lui, ho promesso al mondo di parlargli in un altro tempo e di rivelarMi nello Spirito. E qui c’è l’adempimento della Mia Promessa.

11. Oggi vi annuncio che ho riservato per il vostro spirito meravigliose regioni, luoghi di soggiorno, dimore spirituali dove potrete trovare la vera pace per amare, per fare del bene e per diffondere la Mia Luce. Potete dubitare, dopo che ho adempiuto per voi le precedenti Promesse?

12. Sappiate che i grandi spiriti lavorano eternamente nella Mia Opera. Elia che era destinato ad annunciare la Venuta del Maestro ai Suoi discepoli, è la Luce che fa una breccia nelle anime e discende fino a coloro che hanno smarrito la via, a coloro che dormono o la cui fede nella vita spirituale è morta, per avvolgerli nel fuoco dell’Amore che irradia da lui, un fuoco che è fede, estirpazione del male e purificazione. La sua voce risuona in ogni nazione, il suo fuoco purificante penetra precedendo e distruggendo l’erbaccia. La purificazione lascia bensì sulla sua via una traccia del dolore; ma presto verrà un conforto divino, incorporato in Maria che effonde il suo balsamo guaritore in ogni cuore singhiozzante, in ogni creatura tormentata dal dolore.

13. Io verrò e cercherò cuore dopo cuore, per far sentire agli uomini la Mia divina Chiamata che dice a loro solamente: “SeguiteMi”.

14. Io vi consolo nelle vostre prove e vi dico: Se il calice è molto amaro nella vostra bocca, dovete dire al vostro Padre che abita nel Cielo, come Gesù nel giardino del Getsemane: “Padre, se è possibile che Tu tolga da me questo calice, allora fallo; ma soprattutto sia fatta la Tua Volontà e non la mia”.

15. Se pregate e vegliate così, Io fermerò l’Angelo che si avvicina per porgervi il calice della prova. Se però è la Mia Volontà divina che voi lo bevete, Io Sarò con voi per darvi la Forza, affinché possiate superare vittoriosi la prova. Non dimenticate che per uno che soffre e Mi benedice, a molti verrà concessa l’indulgenza. Ora potrete comprendere perché coloro che sono liberi dal peccato, portano in sé il dolore; perché sono degni di aiutare a lavare le macchie dei loro prossimi.

16. Non era la Mia Volontà che l’uomo sulla Terra soffra dolori. Dato che però lo avevano voluto così, dal primo uomo fino al presente, allora portate il vostro peso con pazienza ed amore ed offrite a Me le vostre sofferenze con umiltà. Il vostro dolore sarà fertile in voi ed anche in qualcuno dei vostri prossimi.

17. Gli uomini hanno sofferto molto inutilmente in questo mondo! Molti hanno pianto senza ricevere una ricompensa e senza raccogliere un seme! Coloro invece che hanno saputo portare la loro croce con pazienza – quando era venuto per loro l’ultimo momento e credevano di trovarsi in fondo ad un burrone -, hanno aperto gli occhi dello spirito e si sono visti stando su un alto monte.

18. Non sarà il sangue che avete versato nelle vostre guerre fratricide, che salva l’umanità. Sono piuttosto le vostre preghiere piene d’amore e misericordia e le vostre virtù che renderanno degni i vostri prossimi di ricevere la Mia Pace.

19. Non annunciate gridando che questa pace che hanno concluso le nazioni, è quella vera. Vegliate e pregate, affinché la pace si elevi su fondamenta dell’amore spirituale ed umano, non su tali dello spavento o della minaccia a morte.

20. Questa falsa pace creata dagli uomini somiglia ad una fortezza che è eretta sulla sabbia mobile del mare e che presto crollerà, quando la sferzano le onde sconvolte dal vento.

21. Io, lo Spirito della Pace, l’ho offerta agli uomini e detto loro attraverso la coscienza: “Sono qui, amatevi l’un l’altro, ed Io vi salverò”.

22. Gli uomini vogliono continuare a vivere nell’infanzia, non vogliono diventare adulti, perché dopo aver vissuto così a lungo sulla Terra e l’hanno bagnata con il loro sangue e le loro lacrime, non hanno sempre ancora compreso a raccogliere il frutto dell’esperienza, per cui continuano a non sapere che cosa significa la pace dello spirito. I loro cuori si sono indurti e perciò il sentimento più nobile che è l’amore per il prossimo, non vibra nel loro interiore. Perciò in ognuno dei Miei figli si è fatto sentire il calice della sofferenza.

23. Ogni dolore causato dagli uomini si raccoglierà in un unico calice che verrà bevuto dai colpevoli. Così si sveglierà lo spirito addormentato. Allora sperimenterete come uomini famosi e potenti in vista degli avvenimenti previsti, abbandoneranno la loro posizione o il loro popolo per nascondersi con la loro anima, sconvolta da rimorsi di coscienza. Altri sentiranno che sono confuse la loro ragione e la loro facoltà di parlare.

24. Che cosa dici a tutto questo, popolo? Vi sentite già preparati per cercare gli uomini che si sono perduti negli sconvolgimenti della via della loro vita?

25. Pensate che in breve tempo le nazioni preparano una guerra e fanno di un qualunque uomo un soldato, mentre Io vi preparo fin dal 1866 per farvi diventare soldati di questa causa e nonostante ciò non riesco a vedere uno dei Miei figli totalmente preparato.

26. Questo tempo è diverso dal Primo e dal Secondo. Oggi state vivendo in un caos di scatenati elementi visibili ed invisibili. Guai a colui che non veglia, perché soccomberà e chi è preparato dovrà combattere!

27. Migliaia di occhi invisibili guardano a voi; gli uni per stare in agguato sulla vostra via e per farvi cadere, gli altri per proteggervi.

28. Sta crescendo la disunità e si diffonde su popoli e nazioni, penetra nei cuori e nelle famiglie.

29. Le moralità si stanno rovinando e gli uomini, le donne ed i bambini si abituano alla depravazione.

30. In vista di tutte queste scelleratezze non dovete coprire i vostri occhi né turare le vostre orecchie, perché quando fallisce il vostro cuore, non sarà sensibile per donare amore ed esercitare misericordia e testimoniare così la Mia Opera dai prossimi.

32. Verranno tempi con maggior amarezza. Per questi Io vi preparo, affinché non diciate che il Maestro non vi abbia parlato in modo profetico. Se siete preparati per questo tempo, supererete bene ogni situazione.

33. Metterò pace fra gli uomini mediante i Miei messaggeri. Come volete erigere la pace del mondo sull’odio, sul tendere al potere e sulla paura? Prima però gli incendi bruceranno, le acque laveranno e la neve purificherà.

34. Discepoli, siate forti, affinché contrastiate l’ateismo degli uomini, affinché non vi scoraggino la persecuzione, diffamazione o aggressioni. La Mia Parola farà tremare lo spirito degli uomini. Il teologo si vedrà costretto ad interrogare la sua scienza, il filosofo indagherà presso i suoi massimi insegnanti, ed ogni setta o comunità religiosa in vista della Mia nuova Rivelazione verrà profondamente scossa. Allora irromperà la battaglia delle idee, perché mentre le une si risveglieranno alla Verità, le altre vogliono rimanere nel loro fanatismo e nelle loro tradizioni, e si combatteranno reciprocamente. In mezzo a questa lotta si deve far sentire la voce dei Miei figli e dire alle masse di uomini agitate passionalmente: Non fate del frutto della vita un pomo della discordia.

35. Adesso vi sentite ancora piccoli e deboli, ma domani sarete forti e Mi amerete in Verità, perché vi rivelerò ciò che i teologi non saranno in grado di scoprire e voi comprenderete ciò che gli eruditi non potranno comprendere, ma non perché voi siete più grandi o più amati che gli altri, ma perché fin dal Primo Tempo avete saputo aprire il vostro cuore come un tabernacolo nel quale ho deposto in ognuno dei tempi la Legge, la Sapienza e la Rivelazione.

36. Nel Primo Tempo avete riconosciuto i simboli: il tabernacolo o santuario che conservava l’arca del patto nella quale si trovavano le Tavole della Legge. Quando quei simboli avevano compiuto il loro compito, la Mia Volontà li ha fatti scomparire nella terra; venivano sottratti agli sguardi degli uomini, affinché non cadessero nell’idolatria, ma il senso o l’essenza di quelle Lezioni rimanessero scritti nella coscienza dei Miei servitori. Nel Secondo Tempo, quando era compiuto il Sacrificio di Cristo, ho fatto scomparire il più grande simbolo del cristianesimo: la Croce, insieme alla corona di spine, il calice e tutto ciò che avrebbe potuto diventare un oggetto dell’adorazione fanatica da parte dell’umanità.

37. In questo Terzo Tempo sono apparso nel tabernacolo del vostro spirito, per deporre nell’arca del patto quivi esistente, le Mie nuove Rivelazioni.

38. In questo tempo siete venuti come “figli perduti” nella casa del Padre ed Io vi ho detto: Vedete, nella vostra assenza i vostri fratelli più giovani si sono sparsi ed Io sono rimasto Solo nella Mia Camera ed alla Mia Tavola. Ed il popolo nella sua ingratitudine si è diviso e molti hanno negato il loro Padre. Oggi però vi restituisco il vostro patrimonio, vi nutro, affinché vi mettiate alla ricerca di coloro che si sono smarriti e voi li portiate alla Mia Presenza. Allora avrete pace.

39. Non rimprovero al vostro essere materiale la guerra fratricida che l’umanità ha infiammata, e nemmeno la contesa che esiste ancora fra il popolo Israele. E’ il vostro spirito al quale Mi rivolgo, perché su di lui gravano le contese e scissioni che le tribù di quel popolo hanno subito nel loro grembo fin dal giorno nel quale i figli di Giacobbe hanno colmato con il dolore quel cuore di padre dicendogli che animali selvatici nel deserto avrebbero divorato Giuseppe, benché lo avessero venduto ai commercianti.

40. Fin da allora germoglia quel cattivo seme nel cuore di questo popolo che oggi ha davanti a sé un nuovo tempo per onorare il suo Signore, mentre adempie la Legge di amare i suoi prossimi senza fama della razza o lingua e per essere salvezza e benedizione per tutte le nazioni della Terra.

41. Il Padre vi ha dato il nome “Israele” , ma è un nome spirituale. Vi ho dato grandi Rivelazioni e provvisto con Forza, affinché non vi sentiate indegni quando vi chiamo così.

42. E’ il vostro spirito che Io cerco, come l’ho fatto in tutti i tempi.

43. La Mia Dottrina vi mostra una adorazione perfetta, spirituale e pura per il Padre, perché lo spirito dell’umanità – senza rendersene conto – è giunto alla soglia del tempio del Signore dove entrerà. Per sentire la Mia Presenza, per udire la Mia Voce attraverso la sua coscienza e di vederMi nella Luce che ricade sulla sua mente.

44. Il vuoto che sentono gli uomini all’interno delle loro diverse comunità religiose in questo Tempo, è causata dal fatto che lo spirito ha fame e sete di spiritualizzazione. Non gli bastano riti e tradizioni, ha nostalgia di conoscere la Verità.

45. Nel più profondo di molti uomini scopro la lotta interiore fra lo spirito e la materia. Lui vuole uscire al di sopra lo splendore del culto cerimoniale per scoprire la bellezza dello spirituale. Io ho acceso questa Luce che vi splende e vi inquieta. Io sono la Voce che vi chiama. Nessuno ha potuto spiegarvi la vostra inquietudine né la vostra lotta interiore. Io soltanto, Che penetro nel vostro cuore, conosco la vostra nostalgia e la vostra sete. Sono pure Io che vi indico il sentiero che dovete seguire, affinché troviate ciò che cercate.

46. Molti di voi che Mi ascoltano, sono stati rimproverate nella cosa più nobile della loro anima, disconosciuti o feriti perché erano sinceri ed avevano affidato a qualcuno i loro sentimenti!

47. Voi che sentite le Mie Parole, Mi chiedete perché sono venuto dai meno appariscenti e peccatori per rivelare a loro gli Insegnamenti del Mio Spirito; a ciò vi rispondo: Io agisco proprio come voi quando siete genitori sulla Terra. Dedicate più attenzione e più cura a quello dei vostri figli che è il più debole, più malato o a quello che è in pericolo, capitato su vie sbagliate.

48. Se lo fanno gli uomini – che cosa non dovrebbe fare il vostro Padre Celeste per i Suoi figli?

49. Fra di voi è comparsa la Luce della Mia Parola come una oasi nel deserto spirituali di questa umanità, affinché tutti i viandanti le si avvicinino, coloro che cercano l’acqua e la pace dell’anima.

50. E’ necessario che questa Dottrina giunga a tutti gli uomini. Porterà Luce nel buio degli smarriti, degli ignari e degli arroganti che credono di sapere tutto.

51. La Mia Parola riconcilierà lo spirito con la materia, dato che già da molto tempo esiste animosità fra ambedue e dovete sapere che il vostro corpo, che avete considerato un ostacolo ed una tentazione per il corso dello sviluppo dell’anima, può essere il migliore strumento per l’adempimento dei vostri compiti sulla Terra.

52. Lavate la vostra anima ed il vostro corpo in questo flusso di Luce che si riversa su di voi in questo Terzo Tempo, affinché comprendiate la Mia Istruzione. Chi è puro, può penetrare in ciò che prima era un mistero, perché i rimorsi di coscienza non lo fermano sulla sua via.

53. Confessate dinanzi a Me, dinanzi a Colui al Quale non potete nulla falsificare e nascondere, di ciò che portate nel cuore, ed attraverso la vostra coscienza sentirete il Mio divino Perdono. Il vostro abito sarà la dignità, con il quale non vi vergognerete davanti a nessun uomo al quale vi presentate, per quanto possa anche essere grande sia in potere, sia in sapere.

54. Seminate il Mio Seme dell’Amore. Siete sulla Terra la quale è anche maestra degli uomini e vi insegna che ciò che seminate su di essa, vi restituisce moltiplicato, come dimostrazione della gratitudine ed amore.

55. Così è anche lo Spirito del Padre vostro. Egli è la più alta e divina Retribuzione. Il vostro seme però deve sempre essere buono e pulito, affinché lo possiate raccogliere moltiplicato in buoni frutti. Affinché la vostra anima che sulla sua via si è macchiata con il peccato, giunga pura al Grembo di Dio, deve passare attraverso molte cose e purificarsi, dato che deve arrivare al Padre suo senza la minima traccia del male, né la minima ombra delle sue passate imperfezioni.

56. Se sulla Terra ha bestemmiata Dio – quando si avvicina alla Presenza del suo Creatore - anche da lei irromperà solo un canto d’amore.

57. Anima, quanto tempo Mi vuoi ancora far aspettare il tuo arrivo in cima al monte?

58. Io vi aspetto là, dove sono asceso dalla Croce.

59. Vi stata lentamente avvicinando. Era necessario liberarvi mentre prima vi dovevate privare dei vostri beni terreni, perché queste proprietà Mi avevano rubato la vostra anima.

60. Venite a Me, alla Festa che il Padre vostro ha preparato per ricevervi i vostri Ammaestramenti che vi spettano e che formano la vostra eredità.

61. Pensate seriamente alle generazioni che vengono dopo di voi, pensate ai vostri figli. Come voi avete dato loro l’esistenza corporea, avete anche il dovere di dare loro la vita spirituale – quella che è fede, virtù e spiritualizzazione.

62. Mentre Io lascio fluttuare la Mia Luce sul Mio amato popolo, discendo per portarvi la pace del Mio Spirito. Siete un piccolo numero, ma il vostro amore per Me è grande.

63. Ora sentiteMi attraverso il portatore della Voce, dato che non siete ancora in grado di ricevere direttamente l’Ispirazione divina.

64. Dapprima ho dovuto preparare questi corpi, affinché le vibrazioni dei Miei Pensieri potessero essere da loro accolti il più fedelmente possibile e trasmessi agli ascoltatori. Osservate quando parlano, vi spiegano che non sono loro che vi danno l’Istruzione; la loro voce vi ha detto: Io sono il divino Maestro il Quale vi parla.

65. La forma della Mia Comunicazione potrà essere cambiata, ma l’essenza spirituale della Mia Dottrina è la stessa: assoluta, immutabile, al di fuori di tempo e spazio. L’Infinito è eterno.

66. Solo all’amore del vostro spirito riuscirà a comprendere questa Dottrina. Perché? Perché risorge del tutto nello spirituale, nella sua essenza che è Eternità.

67. Se l’uomo non ha nessun interesse a riconoscere sé stesso, rimanda il suo sviluppo verso l’Alto e la sua comprensione per ciò che la Vita eterna cela in sé; e questo è il motivo perché non era in grado di raggiungere la realizzazione della sua più grande opera.

68. Voi siete nati in Me. Avete ricevuto la vita spirituale e materiale dal Padre. E nel senso figurato vi posso dire che contemporaneamente, quando siete nati in Me, Io sono nato in voi.

69. Io nasco nella vostra coscienza, cresco nello sviluppo e Mi rivelo totalmente nelle vostre opere d’amore, affinché diciate pieni di giubilo: Il Signore è in me.

70. Io vi preparo come piccoli bambini, perché si sta avvicinando l’ora in cui la campana suonerà giubilando la vittoria ed annuncerà gioiosa il risveglio spirituale dell’umanità.

71. SentiMi nel silenzio e medita tacendo, o popolo. Il domani vi attende, è la via che dovete percorrere per giungere a Me. Dato che siete già illuminati attraverso la Luce della Mia Istruzione, potrete guidare voi stessi attraverso ciò che avete imparato e compreso. Bussate alla Mia Porta, Io sono l’Unico il Quale vi apre, Io sono il Maestro istruttivo. Domandate, chiedete e vi verrà dato.

72. Nel deserto di un lungo viaggio di vita Cristo è l’Oasi. E’ però necessario che abbiate fede, affinché Lo sappiate trovare nelle vostre ore di solitudine o paura.

73. Io vi insegno l’auto abnegazione e la rinuncia a tutte le false magnificenze del mondo. Molti non hanno potuto comprendere questa Lezione, perché a loro sembrava impossibile immaginarsi una vita senza lusso, senza divertimenti e senza ricchezza. In questo tempo pieno di dolore e con le esperienze conquistate nelle lezioni della vita, si sveglieranno da sé alla Luce della Verità. Sarà grande lo stupore dell’umanità appena scoprirà che, quando si libererà dal materiale e si separerà semplicemente dal superfluo, sentirà in sé stessa come sorge un nuovo essere ad una nuova vita.

74. Amati discepoli, ai quali annovero persino gli ultimi arrivati: Dopo il Mio Commiato sentiranno la Mia Presenza solo coloro che si sono preparati. Ad alcuni è indifferente quando vi parlo di questo, perché pensano che fino ad allora passeranno ancora degli anni. Questo tempo sarà come un attimo. Io adempirò il Mio Compito come Maestro, ma quando il Mio Raggio alla fine 1950 scenderà per l’ultima volta, non userò mai più l’organo dell’intelletto umano per annunciarMi in questa forma. Confidate in Me, discepoli, perché Io manterrò la Mia Parola datavi, non vi lascerò soli. Vi farò sentire la Mia Presenza, vi darò la Mia Ispirazione, vi consolerò. Vegliate adesso e vegliate dopo, affinché non siate mai soverchiati: affinché vi trovi vigili colui il quale cerca segretamente di rubarvi la vostra eredità, oppure anche il malato che nel mezzo della notte vi chiama al suo giaciglio perché gli regaliate il balsamo del vostro amore.

75. Vi ho parlato con grande chiarezza, affinché Mi comprendiate. Mi avete però indotto che la Mia Parola si muova per un po’ di tempo su un gradino materiale, perché possedete ancora troppo poco sviluppo spirituale per comprenderMi. Quando però si avvicinerà il Mio Commiato, la Mia Parola sulle labbra dei portatori della Voce avrà un senso spirituale più alto.

76. Nella misura nella quale la Mia Istruzione dona ancora maggiori Rivelazioni, vi dovete sforzare a correggere i vostri errori, di rinnovare la vostra vita e di separarvi da ogni vizio e da ogni cattiva tendenza. Se siete diventati di cuore puro e parlate della Mia Opera, vi si deve credere e dovete essere considerati come discepoli di Gesù che predicano la Sua Dottrina veramente attraverso esempi ed opere dell’amore. Questo è l’abito della Grazia che dovete sempre portare ed attraverso il quale vi potete sempre distinguere dai vostri prossimi.

77. Diffondetevi sulla Terra come profeti della Mia Divinità, risvegliate l’umanità sonnecchiante, annunciatele che si sta avvicinando la Giustizia. Ditele che Sodoma era stata avvertita, ma non ha ascoltata i profeti di Dio ed il giorno del Giudizio era arrivato inesorabilmente.

78. Le potenze della natura aspettano solo l’ora per irrompere nel mondo e di purificare e pulire la Terra. Più una nazione è empia ed arrogante, più pesantemente verrà su di lei la Mia Giustizia.

79. Il cuore di questa umanità è duro e sordo. Sarà necessario che il calice dell’amarezza venga a lei, affinché senta la voce della coscienza, la Voce della Legge e della divina Giustizia. Tutto succederà per via della salvezza e della vita eterna delle anime. Sono loro che Io cerco.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 139 (dell’anno 1945)

 

1. Siate i benvenuti, voi membri del Mio popolo, perché avete compreso di resistere alle tempeste e prove con pazienza e presenza di spirito. Vi ho visto pregare e vegliare nelle ore difficile e vi ho anche sentito che avete benedetta la Mia Volontà, quando è venuta su di voi la sofferenza. Allora ho ricompensato la vostra fede e la vostra buona volontà e vi ho mandato la Mia Pace, perché voi siete stati la barca che ha resistito alla tempesta senza naufragare.

2. Benedico anche coloro che hanno dimenticato le proprie sofferenze e che “vegliano” per la pace del mondo, oppure che visitano i malati al loro giaciglio di dolore, perché non lascerò senza ricompensa questi meriti.

3. Durante questa guerra nella quale ha vissuto il mondo, siete stati uniti giorno per giorno nella preghiera ed in Verità vi dico, che non avete cessato di fare molti miracoli fra quelli dei vostri prossimi per i quali Mi pregate molto. Non permettete che la vostra preghiera diventi debole, o popolo Mio. Io vi dico che il “tempo del digiuno” non è ancora terminato, anche se i popoli dicono che la guerra è finita. No, Israele, finché non è fondata la pace dei popoli sull’amore dovete continuare a vegliare ed a pregare e conquistare cuori per quest’Opera della Pace e della fratellanza.

4. Presto riconoscerete che questa pace della quale parlano attualmente gli uomini, era falsa, che ha procurato soltanto un armistizio in mezzo alla loro lotta disumana per continuare più tardi nella loro opera di distruzione.

5. Sparsi sul mondo si trovano coloro che hanno il compito di pregare e vegliare per la pace dell’umanità. Fra di loro si trova il Mio popolo che Io istruisco con la Mia Parola. Voi tutti avete l’obbligo di erigere nei cuori degli uomini, che sono i vostri fratelli, il tempio della spiritualizzazione, il santuario della pace. Quando questo santuario spirituale si eleva nelle Alture celesti e gli uomini trovano in esso il diretto contatto con il loro Signore, potrete dire che avete seminato nel mondo il seme che Io vi ho affidato in questo tempo.

6. Popolo, fortificati nella Mia Parola ed abbi fiducia, che la tua coscienza ti dirà se ciò che fai, corrisponde alle Istruzioni della Mia Dottrina. Pregate, affinché il vostro spirito ed intelletto lottino per bandire la guerra. Non scoraggiatevi, affinché la sua influenza non confonda la vostra ragione o i vostri sentimenti.

7. Se uno di voi prega, non si rende conto quanto ottiene con i suoi pensieri nello spirituale; perciò dovete sapere, quando pregate per i vostri prossimi – per quei popoli che si distruggono nella guerra -, che uno spirito in questi momenti fornisce anche una battaglia mentale contro il male e che la spada, che è pace, ragione, giustizia ed il desiderio del bene per loro, si scontra contro le armi dell’esercito della vendetta, dell’arroganza.

8. Questo sarà il tempo nel quale gli uomini si rendono conto del potere della preghiera. Affinché la preghiera abbia veramente Forza e Luce, è necessario che la mandiate su a Me con amore.

9. Non parlo del fatto di mandare ai vostri prossimi il pensiero con cattive intenzioni, perché non vi ho mai dato delle armi per usarle per scopi impuri, perché allora, quando vi rende ciechi l’ambizione o l’odio, fate uso di quel che per voi è il più santo e l’impiegate per ferirvi e persino per uccidervi. Io vi ispiro per la vera lotta contro il male e vi rivelo quale è l’arma più potente ed invincibile affinché vinciate. Perciò vi consiglio di purificare dapprima il vostro cuore per poi elevarvi a Me, dove vi colmate con Luce e Forza, per poi mandare i vostri pensieri come fulmini di luce fra i popoli senza pace e fra gli uomini senza speranza.

10. Accogli la Mia Misericordia, o popolo. Voi uomini e donne, per i quali questi ultimi tempi sono stati molto crudeli, voi case che il dolore ha visitato – sentite la Mia Pace, dove il pane quotidiano si è trasformato in amarezza, sentite la Mansuetudine della Mia Carezza.

11. Gli uomini di oggi devono lottare gravemente per affrontare il mantenimento della loro vita. Il Padre però vi dice: Io triplico la vostra forza, affinché non vi scoraggiate.

12. Accendi l’amore per il prossimo nella gioventù, datele grandi e nobili ideali, perché sarà la gioventù che combatte domani per raggiungere una esistenza nella quale risplende la giustizia, l’amore e la santa libertà. Preparatevi perché la grande battaglia della quale parlano le profezie, non é ancora arrivata.

13. Tenete in considerazione che, più grande è lo sviluppo che l’umanità raggiunge, maggiori sono anche le armi sulle quali può contare nella sua lotta. Non dormire, amato popolo, e sii pronto ad essere attivo per la Mia Causa.

14. Si sta avvicinando una nuova “guerra”. In questa parteciperanno tutte le facoltà e forze dell’uomo ed è necessario che i figli di questo popolo ai quali spetta, che vivono in questa prova, sappiano superare la stessa con il loro modello della Verità e lascino un profondo solco della spiritualizzazione.

15. Gli scienziati, i teologi, gli eruditi, i filosofi – tutti loro si prepareranno per quella grande lotta nella quale verranno distrutti la menzogna ed il male e risorgerà vittorioso il Bene ed il Vero.

16. La confusione degli uomini sarà grande prima che a loro venga l’illuminazione: perché fra gli uomini ci saranno certi che hanno avuto una grande fede e la perderanno, altri cambieranno confessione di fede ed altri andranno di porta in porta, di religione in religione alla ricerca della Verità per il loro spirito. E’ necessario che si percorra tutta la via, affinché tutto il male venga espulso dalle anime e scomparisca dai cuori.

17. Nelle strade, nelle città e villaggi, vedrete comparire uomini e donne che proclameranno pubblicamente di essere messaggeri di Dio, e che sostengono che sono profeti o inviati di Dio. Oggi però vi dico già che dovete badare, affinché li riconosciate nelle loro opere. Non dite mai che voi siete profeti, veggenti o apostoli, ma date con le vostre opere sempre dimostrazioni della Mia Grazia di tutto ciò che vi ho affidato, e della Dottrina che ho posto nel vostro cuore. Allora non saranno più le vostre labbra che dicono, che siete profeti o apostoli o discepoli Miei – lo diranno i vostri prossimi per via delle opere che vi vedono fare. Io vi dico nuovamente che dovete rimanere nella preghiera finché vedete che la pace ritorna ai popoli e la gioia in tutte le case del mondo.

18. In quest’epoca Si manifesta lo Spirito del Padre vostro, quando Egli sente la vostra chiamata. Ora ascoltate la Mia Parola che è nutrimento per per la vostra anima. Dal giorno nel quale termina la Mia Parola, vi dovete dare l’aiuto come finora, ma dopo imparerete come gli uccelli, quando prendono il volo e battono le loro ali e possono diventare più autonomi. Allora attraverso la vostra elevazione sarete in grado di giungere a Me, per ricevere l’ispirazione e la pace.

19. Vegliate, non permettete che il sonno si impossessi del vostro cuore e vinca il vostro spirito, perché il tempo passa e verrà il giorno nel quale vi sveglierete e piangerete per via del tempo perduto. Allora vorrete sostituire quei momenti ed occasioni non utilizzati, ma non lo potrete fare; perché mentre gli uni sono nell’età da vegliardi, gli altri si troveranno nello spirito nell’aldilà. Allora chiederete il Padre vostro Mansuetudine e Misericordia senza comprendere che siete stati voi stessi a non aver avuto né misericordia né mansuetudine nella vostra anima.

20. Abbiate compassione con i vostri prossimi, che è come se aveste compassione con voi stessi. Se non adempite questo compito, sarete i primi a piangere, perché sperimenterete che la vostra mano che era piena di doni, sarà vuota, che il balsamo guaritore con il quale avete guarito i malati, è scomparso, e si sono allontanate anche quelle facoltà che liberano i posseduti. Siate umili, affinché non giudichiate, non perdiate i Doni del vostro spirito, non cercate di apparire più superiori dei vostri prossimi. Fate ciò che Io ho fatto ai Miei discepoli alla Santa Cena.

21. Io vi mostro i vostri errori – non per giudicarvi, ma affinché vi miglioriate e diventiate il popolo che è obbediente nel seguire le Mie Istruzioni.

22. Quello che Io faccio con voi, sarà per il bene delle future generazioni. Non dimenticate che – per istruirvi – non vi ho mai offesi né fatto sanguinare i vostri cuori. Imparate a drizzare l’albero che è cresciuto storto, ed anche a mettere in ordine le vie.

23. La Mia Giustizia è grande. Se però vi parlo di questa, non vi minaccio, avviene solamente per colmare il vostro cuore con timore. Io vi parlo con Veridicità, perché la Mia Giustizia sarà in ognuno di voi e se domani non volete versare lacrime, allora conquistate già oggi i meriti.

24. Ognuna delle vostre opere verrà da Me segnata, e le opere che sono compiacenti, le uso come chicco di seme che Io devo curare finché si sarà moltiplicato fra gli uomini.

25. Non cercateMi come Giudice, perché allora sentireste la Mia Voce piena di Giustizia e Severità; cercateMi come Maestro e come Padre. Che cosa vi aspettate per domani? Volete espiare le vostre trasgressioni nell’aldilà? Volete già adesso preparare per la vostra anima una via piena di spine? Non disconosco i vostri meriti, ma sono ancora come il giovane frumento accanto al quale cresce l’erbaccia.

26. Esercitate la Mia Dottrina nella fiducia in Me, perché mentre adempite la Mia Parola, Io veglierò su di voi ed i vostri. Perché vedo gli uni forti ed altri deboli? Perché i forti non hanno saputo comunicare la loro forza ai deboli.

27. Unitevi tutti e tutti saranno forti. Amatevi e siate uniti insieme con fratellanza, allora sperimenterete che i deboli cespugli diventeranno alberi con fitto fogliame. Accogliete tutti, perché nessuno conosce il compito che il suo prossimo porta con sé. Nessuno conosce il suo passato, perciò nessuno di voi dev’essere respinto. Più impacciati o stolti sono i vostri prossimi, più misericordia e compassione dovete avere con loro e tenere in considerazione che sono coloro che sono caduti, coloro che non hanno compreso di portare i loro piedi sulla via sicura. Io so fare da cuori duri come la roccia dei cuori dai quali fluisce la tenerezza e lo potete fare anche voi.

28. Purificate i vostri cuori affinché le vostre opere siano pure. Pensate che un albero cattivo non può mai portare frutti buoni.

29. Vi ho chiamati per questo scopo in questo tempo per fare di voi degli alberi che offrono al viandante la loro ombra e la loro protezione; coloro che hanno compreso questo, hanno aperto il loro cuore per dirMi: Oggi so che sono la tua creatura e che sono stato mandato per adempiere un compito difficile e nobile. Io so che ho la mia origine in Te, ed in Te è la mia fine.

30. Sì, Io sono la Via. Ognuno che vuole camminare su di essa, prenda su di sé la sua croce e Mi segua. Affinché possiate camminare su questo sentiero, vi chiedo soltanto che amiate il vostro Padre nei vostri propri fratelli. Questa è la Legge o la Via: Amare Dio e di amarsi reciprocamente. E’ la Legge che in tutti i tempi ha illuminato la via degli uomini.

31. Io vi ho amati tutto con l’Unico Amore. Perché non dovete amarvi tutti nello stesso modo? Le nazioni aspettano l’arrivo dei messaggeri di pace. I popoli della Terra si lamentano della loro miseria come pecore smarrite in attesa dell’arrivo del pastore, di colui che li unirà in un unico recinto.

32. Preparatevi perché si sta avvicinando il tempo nel quale ricevete queste Indicazioni (direttamente) dal Mio Spirito, perché non verranno più date da un qualunque uomo sulla Terra. Nessuno intraprenderà qualcosa senza prima aver ricevuto l’Incarico divino. Io conosco la via e non voglio che versiate lacrime su questa. Prima vi preparerò e vi indicherò il momento in cui comincerà “l’opera del giorno”.

33. Le grandi comunità religiose e sette si consigliano fra loro, si preparano per la discussione, perché presagiscono la battaglia. Consigliatevi anche voi, preparatevi e pregate, affinché non siate sorpresi; perché se non dovreste agire così, allora la Mia Dottrina verrebbe condannata e rinnegata dagli uomini, il Mio Spirito riceverebbe tutti gli oltraggi ed Io vi mostrerei dei Miracoli simili come Gesù sul Golgota.

34. Il vostro spiriti si sta attualmente risvegliano per una vita superiore. In lui comincia già a formarsi l’ideale di un mondo migliore.

35. Io vi insegno a conquistare la pace dell’anima e di conservarla come il vero tesoro dello spirito. In questo tempo la Mia Parola vi libererà dal male e vi terrà distanti da vie incerte sulle quali avete camminato e sofferto così a lungo.

36. La Mia Voce chiamerà alle porte del cuore e sarà lo spirito che risponde dall’interiore di ogni essere umano.

37. Gli uni riconosceranno subito la Mia Chiamata. Altri domanderanno incerti chi è che ha chiamato. E così uno dopo l’altro andranno un poco alla volta per tendere alla Luce.

38. Quanto è magnifico il risveglio dello spirito, quando l’uomo si domanda: Chi si muove in me? Da dove viene l’ispirazione e chi mi muove al bene?

39. Anche la Mia Parola vi insegna di leggere nel vostro spirito, di penetrare in lui, scoprire il nocciolo del suo essere, che è la Luce, la Verità, l’amore, l’obbedienza e la purezza.

40. Quando l’uomo scopre sé stesso spiritualmente, allora sente in sé la Presenza del Padre suo. Se però non sa chi egli è, né da dove proviene, Mi sente lontano, estraneo, irraggiungibile oppure rimane insensibile.

41. Solo lo spirito risvegliato può penetrare nel Regno della Verità. Con la sua scienza soltanto l’uomo non la potrà riconoscere.

42. Io vedo che gli uomini tendono al sapere, fama, forza, ricchezza e potere, ed Io offro loro i mezzi per raggiungere tutto questo, ma nelle sue vere caratteristiche, nella sua Verità spirituale, non nel mondo esteriore ed astuto, non nel perituro ed ingannevole.

43. Quando l’uomo si ascrive al materiale e si chiude nel piccolo spazio di un mondo come il vostro, diventa povero, limita ed opprime la sua anima, per lui non esiste più niente che ciò che possiede oppure ciò che conosce. Allora diventa necessario che perda tutto, affinché apra i suoi occhi per la Verità, e dopo aver ammesso il suo errore, rivolge il suo sguardo di nuovo a ciò che è eterno.

44. Nulla è migliore della Mia Dottrina che è ispirata per voi dall’Amore divino e vi indica la vera via. Chi vi potrebbe istruire meglio di Me, di dare a Dio ciò che è di Dio ed all’imperatore ciò che è dell’imperatore?

45. Questo è il motivo perché ho fatto sentire un’altra volta la Mia Voce nel vostro mondo, perché vi ho visto perduti in un mare di oscurità ed errori.

46. La Mia Luce accenderà il lume della fede nei cuori che si trovano nell’oscurità e la Mia Misericordia sveglierà coloro che sono morti per il Mio Regno.

47. Chi non sa scoprire il senso di questa Parola, potrà giungere all’opinione che la Mia Dottrina sia un giogo che trattiene l’uomo e lo schiavizza. Chi però sa darle la giusta interpretazione, sentirà inondato tutto il suo essere dalla Luce ed il suo giubilo sarà sconfinato. Dalla sua anima irromperà un canto di lode interiore che lo condurrà ad una vita armoniosa, che sarà la forma migliore dell’adorazione per Me.

48. Chi cammina all’interno della Mia Legge, non cadrà, per quanto venga anche messo alla prova. La fede gli darà la necessaria forza per essere vittorioso. Per quanto possa anche essere amaro il suo calice, non bestemmierà mai. Sarà paziente e saprà sperare, com’è la Volontà del suo Signore. Chi esercita in questo modo le Mie Istruzioni, conquisterà meriti che su di lui si riveleranno i Miei Miracoli.

49. La fede, la rassegnazione e l’umiltà nei confronti di ciò che Io ho disposto, abbrevieranno la via di prova perché allora percorrerete non più di una volta la via della sofferenza. Se però nelle prove sorgono ribellione, scontentezza e persino bestemmia contro Dio, la visitazione durerà più a lungo, perché allora dovrete ripercorrere quella via, finché non avete imparato la Lezione.

50. La vita è una costante lezione per le anime. Quando l’Universo ha preso forma sotto il Mio Comando, non aveva altro compito che quello: di insegnare. La vita è crogiuolo e lotta per l’anima. Non è una assoluta delizia,come la vorrebbero avere molti. Gioia, trionfo, pace o beatitudine sono al di là di ogni lotta, al di là di questa pietra di prova. La beatitudine dello spirito con tutta la sua felicità consiste nella perfezione dello spirito.

51. Comprendete questa Verità, affinché non passiate oltre disattento a questo Libro che vi mostra giorno per giorno nuove pagine della Sapienza. Educate la vostra anima in tal modo, che diventi una buona osservatrice. Educate la vostra mente attraverso la riflessione, pregate con la preghiera che è propria dello spirito, rendete la mente ed il cuore sensibili, affinché possiate ricevere i Miei divini Messaggi, ed imparate il linguaggio spirituale della vita che vi circonda, che vi mostra la via alla perfezione.

52. Per assistervi, Io discendo ai vostri cuori stanchi per dar loro nuova vita.

53. Quando l’intelletto di questi portatori della Voce si eleva a Me nella purezza, la Mia Parola giunge direttamente allo spirito. La semplice Parola che ha già mosso grandi uomini, compirà il Miracolo che tu ritorni di nuovo a Me, o amato popolo, perché già da molto tempo ti eri allontanato dalla via della Verità. Avevate dimenticato che Mi portate in voi, e quando siete venuti qui per sentirMi, avete sentito nuovamente la Mia Presenza come risplende un chiaro Raggio che illumina il vostro cuore.

54. Vi accolgo, ma prima che Io lo faccia con la vostra parte umana, Mi rivolgo al vostro spirito che è il vero figlio della Mia Divinità. Nello spirito vi è la coscienza, l’intelligenza ed attraverso questo farò giungere la Mia Ispirazione e Pensieri all’essere dell’uomo.

55. Popolo, che Io amo infinitamente, un Mio Pensiero che è diventato Parola sulle labbra di questi portatori della Voce, è come una via piena di Luce per il vostro spirito.

56. AscoltateMi: Siate umili nel mondo, seminatevi del bene, affinché ne raccogliate i frutti nel Cielo. Se non vi piace avere testimoni quando fate del male – perché vi compiace avere tali, quando fate buone opere? Di che cosa vi potete vantare, dato che avete fatto solo il vostro dovere?

57. Comprendete che discorsi di lode danneggiano la vostra anima, dato che siete ancora così inesperti ed umani. Perché vi aspettate, dopo aver fatto una buona opera, che il Padre vostro ve ne dia subito la ricompensa? Chi la pensa così, non agisce in modo disinteressato, e perciò la sua carità è falsa, ed il suo amore molto distante da essere veritiero.

58. Lasciate vedere il mondo che fate buone opere, ma non con l’intenzione di ricevere onori, ma solo per dare buoni esempi e ammaestramenti e testimoniare la Mia Verità.

59. In tutti i luoghi dell’Universo si trovano gli Angeli del Signore ed elargiscono la loro misericordia ed il loro amore fra tutti i figli di Dio. Sono costantemente attivi nel silenzio spirituale, per fare del bene ai loro fratelli. Quando avete sperimentato che vengono sulla Terra per vantarsi con ciò che vi hanno dato, oppure con l’aiuto che vi hanno concesso?

60. Siate umili, perché la mania di grandezza dell’uomo, la sua arroganza e le sue vanità appartengono alla Terra, sono caratteristiche materiali e con loro scendete nella tomba. Lo spirito conserva solamente ciò che può portare con sé nelle Alture del Cielo, ciò che può risplendere nella Luce. Se la grandezza non è spirituale, se è soltanto vanità, domani soffrirà afflizione nella sua anima.

61. Esiste la Verità e la falsità, ed è necessario che conosciate ambedue le vie, affinché nella vostra scelta possiate seguire la vera via. Aprite i vostri occhi, risvegliate il vostro spirito, affinate i vostri sensi, affinché percepiate in tutto ciò che è creato dall’Amore del vostro Padre. Vi ho dato tutto, senza pretendere va voi nulla per Me. Se nella vostra incomprensione dovreste aver detto che è molto che Io esigo per tutto quello che vi ho dato, allora vi trovate in un errore. Se Io esigo qualcosa o molto da voi, allora è soltanto per il vostro bene, per la vostra Beatitudine nell’Eternità.

62. Dovrete dare giustificazione al vostro Padre per tutto ciò che avete fatto nella vita. Come volete far tacere in quell’ora la voce della coscienza? Che cosa risponderete, se il vostro spirito sente la Voce del Signore che gli fa notare che non potete mai giustificare il male?

63. Solo gli sforzi per rialzarvi dalla caduta, l’amore ed il fervore con cui camminate sul sentiero della remissione, procureranno che dal vostro essere scompariranno le tracce e macchie del peccato, per mostrarvi puri dinanzi al Giudice divino.

64. Imparate tutto questo già qui. Pensate che, dove sono i vostri interessi, là sono anche i vostri pensieri ed il vostro cuore. Se questi sono materiali, sarete materializzati, se sono spirituali, sarete sulla via della perfezione.

65. Vivete sulla Terra come vi ha insegnato la Mia Parola. Sperimentate la lotta, amate e tendete al bene, rallegratevi in tutto ciò che Io vi ho affidato, ma lasciate fluttuare il vostro spirito come le nuvole negli spazi infiniti pieni di purezza ed amore.

66. E’ inutile che gli uomini cerchino nel vizioso materialismo il perfetto divertimento. Tutto è triste e vuoto senza la Presenza del Padre. Egli è la vera Gioia.

67. Lasciate andar via da voi tutti i cattivi pensieri ed attirate pensieri nobili. La felicità non si trova in ciò che si possiede materialmente, ma in ciò che si riconosce spiritualmente. Riconoscere è possedere ed agire di conseguenza.

68. Chi possiede vero sapere, è umile nello spirito. Non è superbo del sapere della Terra, che tende solo ad imparare a conoscere tutto (il terreno) e nega tutto ciò che non ha compreso. Chi porta in sé la Luce della conoscenza ispirata, può ricevere nel tempo giusto delle Rivelazioni, come le sa anche aspettare. Molti si sono chiamati eruditi, ma il sole che giorno per giorno risplende in piena Luce, è stato per loro un mistero.

69. Molti hanno creduto di sapere tutto, ma in Verità vi dico, la formica che incrocia impercettibilmente la loro via, contiene per loro pure un insondabile mistero.

70. Gli uomini potranno indagare molti Miracoli della natura, ma finché non lo fanno sul sentiero dell’Amore divino, non raggiungeranno la vera Sapienza che si trova nella vita immortale dell’anima.

71. Voi uomini, avvicinatevi a Me. Non dovete rompervi la testa per scoprire Segreti e Misteri, Dovete solo aprire il vostro cuore con la chiave della fede.

72. Abbiate la ferma volontà di andare dal Padre, di essere presso di Lui, entrare nella Sua Dimora, e sarete stupiti e più avanti compirete anche miracoli, quando nella vostra vita esercitate il Mio Amore e Perdono.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

 

Istruzione 140

 

1. Sono presente fra voi, per insegnare alla vostra anima la via della pace, della Luce e del bene.

2. Io vengo a voi, perché soltanto Io so che il dolore e la paura in cui vivono gli uomini, non sono altro che fame, sete e miseria dell’anima.

3. Oggi un uomo, domani un altro apriranno i loro occhi alla Luce della Verità, infine saranno convinti che con divertimenti, ricchezze e soddisfazioni mondane non possono mai raggiungere il loro perfezionamento, mentre presagiscono che esiste qualcosa al di là del materiale, il cui contenuto d’essenza, la bellezza e la Verità è quel pane, quel nutrimento e quella gioia che mancano così tanto all’anima.

4. Affinché il cuore degli uomini possa essere colmata con la Mia Luce, si deve dapprima purificare di tutto ciò che è in esso. Come volete adempiere la Mia Legge, se tutto il vostro essere è compenetrato dal materialismo? Dapprima si deve liberare da ogni dolore, dal male e dall’odio che porta in sé, finché è puro e poi vi entrerà la Mia Grazia.

5. Sappiate che ho creato in ogni uomo un posto adeguato a Me, ma voi lo avete occupato e colmato con impurità, imperfezioni e profanazioni. Questa è la Verità, l’uomo ha profanato in sé stesso la cosa più santa che Io ho concesso al suo spirito.

6. Soltanto Io ho potuto aver Compassione con gli uomini, perché l’amore per il prossimo si è allontanato da loro. Oggi non lo conoscono più, e così sono venuto per portare davanti agli occhi tutti i loro errori che sono la causa delle loro amarezze.

7. A che cosa servono agli uomini le loro religioni? Io vedo che tutte hanno come fondamento la fede in Dio ed il bene come Legge. Eseguite forse ciò che vi insegnano ed ordinano le vostre religioni? Non Mi potete dire che lo adempite, perché lo punireste menzogna attraverso le vostre opere imperfette che compite giornalmente nel mondo.

8. Non si crede in Me, né Mi si ama, né Mi si presta obbedienza. La vita degli uomini sulla Terra sarebbe diversa, se Mi credessero, Mi amassero e Mi fossero obbedienti.

9. Mi sono mostrato al mondo e gli ho dato dimostrazioni della Mia Presenza, della Mia Verità e della Mia Potenza, affinché Mi dovesse seguire. E la più grande dimostrazione della Mia Sapienza gli ho rivelato con la Parola: “Amatevi l’un l’altro” – una semplice frase che però contiene il segreto della vera grandezza che è riservata agli uomini spiritualizzati.

10. “Amatevi l’un l’altro” era l’ultimo Comandamento che ho lasciato ai Miei discepoli. Comandamento è uguale a Legge, perciò ho unito in questa Legge di amarvi come fratelli in Dio, tutte le prescrizioni, tutti i più alti Assiomi e Detti saggi, affinché sapeste che l’Amore è la Legge che governa la vita.

11. Soltanto Cristo, l’Agnello, ha rivelato al mondo quella Luce, perciò Io vi dico che verrà l’ora nella quale tutti gli uomini si uniranno nella Verità di questo Comandamento.

12. Ora è tempo che l’uomo Mi offra il suo tributo dell’amore, come lo fanno tutti gli esseri della Creazione. Finora l’umanità Mi ha offerto solamente fiele ed aceto come il comandante ha tenuto alle Mie Labbra nella Mia lotta di morte.

13. Non sapete che con l’amarezza non può mai essere spenta la sete d’amore? Ed è comunque ciò che voi Mi avete sempre offerto. Io invece porto un Mantello di infinita Misericordia per coprirvi, un calice di Vino della Vita e di Pane dello Spirito, Pane della Sapienza, della fede, dell’Amore e della Verità, per elevarvi – non su una croce del dolore, ma su un monte della perfezione.

14. I Miei discepoli non devono avvolgere con misteri i loro esercizi all’interno della Mia Dottrina. Questa è semplice, di quella semplicità, che trovate nella natura. La preghiera che Io vi insegno, è quella che proviene dal cuore. Che cosa mi potete nascondere che Io non sappia? Se nella vostra anima infuria un temporale, come Mi potete dire poi in una preghiera che non è vostra, di essere calmi e che non avete bisogno di aiuto? Formulate giornalmente la vostra propria preghiera secondo i vostri bisogni. SentiteMi vicino, e se questo mondo vi stanca con i suoi problemi ed afflizioni, venite a Me, rivolgetevi al mondo spirituale dove troverete protettori ed amici, vero amore, puro affetto, e sentirete il loro accompagnamento e la loro consolazione.

15. Io governo ed osservo tutti i mondi e vedrò con Amore come i fratelli si avvicinano reciprocamente, che abitano in differenti sfere per coincidere fra loro e porgersi la mano. Più tardi voi sarete solo ancora spiriti e seguirete con fervore coloro che sono stati esempi di virtù – questi vostri protettori ed intercessori, ai quali Io ho permesso di annunciarsi in questo tempo davanti al popolo Israele, affinché adempiano la loro missione fra l’umanità.

16. Imparate a vivere per breve tempo in sfere superiori. Volate in quelle regioni dove si respira pace ed armonia, allora al vostro ritorno vi sentirete più forti e consolati.

17. Avete tutto il necessario per vivere le Mie Leggi. Non Mi potete dire che le vostro condizioni di vita non vi permettono di adempierle. Persino nel mezzo della lotta della vita potete pregare, amare e fare del bene ai vostri prossimi.

18. Le Porte del Mio Cuore sono aperte, affinché entriate e studiate la Mia Parola.

19. Voi siete gli spiriti che fin dal principio della Creazione hanno ricevuto una missione. Voi siete scintille del Mio Spirito e siete dotati con ragione, volontà ed intelligenza. Vi ho creati secondo la Mia Immagine e Somiglianza, e perciò siete capaci di pensare, sentire ed amare.

20. Voi siete le pietre preziose che devono brillare in questo tempo, per diffondere fra gli uomini la Luce, Io vi amo come gioielli. Per Me avete un valore inestimabile. Risvegliatevi e permettete che il Mio Scalpello vi levighi, affinché voi, già preparati, possiate agire con cura nelle province e far conoscere la Mia Verità, mentre ne diate testimonianza attraverso vere opere d’amore.

21. Credete forse che dopo il 1950 smetterò di manifestarMi fra voi? La Mia Parola terminerà bensì attraverso l’organo d’intelletto umano, ma i Miei Doni rimarranno in voi. Vi ho detto che siete i fondamenti di un mondo dell’amore, ed Io voglio che siate forti, affinché lo edifichiate pietra su pietra e lasciate questa eredità alle future generazioni.

22. Adempite la vostra missione, perché pagherò con lo straordinario ognuna delle vostre opere. La via per giungere alla meta è ancora lunga, ma la potete accorciare con buone opere.

23. Io accolgo il vostro spirito perché è lui che si può librare nelle Alture della perfezione. Io aspetto che vi spiritualizzate, affinché siamo Uno, perché voi tutti vi fonderete con Me. Nel frattempo illumino il vostro spirito.

24. Attraverso le vostre prove vincerete ed Io vi darò il benvenuto. Sarà la Mia Dottrina che per accogliervi vi verrà incontro. Il Mio Amore non chiede come venite, dice solamente: venite.

25. Affinché possiate giungere con il vostro spirito calmo alla Mia Presenza, provvedete a lui, perché è il vostro vero essere. Non dimenticatelo, perché sarebbe come se dimentichereste voi stessi e Dio. Smettetela di occuparvi troppo con appagamenti, piaceri, culto della personalità e divertimenti umani.

26. Io parlo a coloro che trascurano il loro spirito e chiedo a loro: Che cosa avete fatto per la vostra vita eterna, per ciò che oggi è e domani non sarà più, per la vita dei continui cambiamenti, dove il trionfo è solo di breve durata, il dolore invece è la sua diretta conseguenza?

27. Riflettete profondamente su queste Parole. La Mia Legge e la Mia Dottrina rimangono immutabili presso di voi, vi ricordano e vi insegnano i vostri obblighi spirituali ed umani. Vi ho già detto che la vostra vita corrisponde alle vostre opere. Se l’umanità trascina con sé una catena di dolori, non le ho Io messo questa catena, ma lei stessa. Piangerete ancora molto e sperimenterete molte sofferenze. Studiate le Mie Parole, affinché non allunghiate ancora quella catena di amarezze e prove umane. Abbiate compassione con voi stessi, perché Io vi ho già perdonato.

28. Nel tempo nel quale ero sulla Terra come Gesù, i cuori empi Mi hanno detto: “Rabbi, quanto è strana la vostra Dottrina che fai conoscere a noi, i peccatori, il Perdono di Dio”. La Mia Parola a loro sembrava strana, perché sapevano che erano criminali o adulteri e che l’unica Legge che conoscevano, era: occhio per occhio, dente per dente. Perciò Mi domandavano meravigliati: “Come mai ci parli del Perdono dei peccati? Come mai ci mostri, o Rabbi, Amore per i rovinati? Se parlano le Vostre Labbra, fanno risplendere uno splendore celeste, e la Vostra Dottrina è un ardente Messaggio che testimonia del più puro Amore”. A loro rispondo con ognuna delle Mie Opere.

29. Le Mie Istruzioni non sono Insegnamenti strani, è la Dottrina dell’Amore, il sentiero sul quale l’anima si può sviluppare, sul quale può dare la vera direzione ai suoi pensieri, le sue parole ed opere e che seguirete fino alla fine della vostra via di espiazione.

30. E’ necessario che colui che ha peccato, entri nel tempo e là, colmo di pentimento, assista alla Festa dell’Amore divino.

31. Potete abbreviare il vostro viaggio attraverso gli agguati della vita, con meno cadute di altri, con meno passi falsi, se sapete far uso della chiave che apre la porta del tempio alla vostra preparazione spirituale.

32. Se vi pentite davvero del male che avete fatto, sarete sempre i benvenuti. E’ però necessario che dimostriate il vostro pentimento con opere, perché solo attraverso queste vi purificherete.

33. Dovete aspirare a tre virtù: pentimento, perdono ed amore. Se non risplendono nel vostro essere questi sentimenti, queste virtù – come volete raggiungere la Luce del Mio Regno per il vostro spirito? Come volete godere delle Beatitudini che sono riservate a coloro che sanno elevarsi per raggiungerle?

34. Chi raggiunge questa Beatitudine, porta in sé la Magnificenza del Padre suo. Solo sulla via dell’amore arriverete alla vostra vera Patria, a quel Regno che nessuno può raggiungere in nessun altro modo, che non potete comprare per nessun prezzo, a meno che non venga conquistato con il cuore.

35. L’amore allevia il peso durante il viaggio della vita, ed ogni dolore passa. La Parola “Amore” significa Vita. Amore e Vita sono la Mia Dottrina.

36. Nei Miei discepoli sono necessarie tre caratteristiche per cambiare la loro vita: La prima è quella di ascoltarMi, la seconda, di comprenderMi, e la terza, di mettere in pratica la Mia Istruzione,

37. Quando vi allontanate dalla tempesta della vostra vita e venite qui con pensieri purissimi, la Mia Parola sarà Luce nel vostro intelletto. Venite qui però confusi dalla lotta della vita e dalle vostre opere che non corrispondono sempre a ciò che il Padre vi ha comandato di fare. Vi ricordo in particolare l’opera che avete lasciata incompiuta oppure dimenticata: l’opera spirituale che avete dimenticata, quando siete venuti nel mondo oppure dopo.

38. I vostri occhi sperimentano una felice elevazione, quando sperimentate nel primo mattino il sorgere del sole in tutto il suo splendore. Non sapete però quale gioia sia per lo spirito, quando vede l’apparizione della Mia divina Luce come un Sole di infinito Amore.

39. Ah, se soltanto sapeste risvegliare i vostri sensi interiori per contemplare Colui il Quale vi aspetta e che avete in voi! Quanto sarà grande la sorpresa di coloro che Mi scolpiranno un giorno in sé stessi, dopo averMi cercato su moltissime vie.

40. Ascoltate bene: Una Sorgente con acqua cristallina rifletterà fedelmente la Luce del Sole, mentre un’altra non la può riflettere con la stessa chiarezza con acqua torbida. Così è la vostra anima; è vostro compito di purificare la sorgente e poi riempirla con acqua limpida.

41. Non potete conquistare il Regno dei Cieli in un attimo; è necessario giungervi passo dopo passo. La Luce del Sole non inonda improvvisamente la Terra, compare un poco alla volta e soavemente, senza veemenza, finché vi risveglia delicatamente dal vostro sonno. Proprio così sarà il vostro risveglio spirituale.

42. Discepoli, voglio parlarvi di Maria, Mia Madre come donna, e della vostra Madre spirituale.

43. E’ necessario che il cuore umano impari a conoscere fondamentalmente il Messaggio prezioso che lo Spirito ha portato nel mondo, e dopo che conoscete tutta la Verità, dovete estirpare dal vostro cuore ogni adorazione fanatica ed idolatra che le avete dedicata e per questo portarle il vostro amore spirituale.

44. Il messaggio di Maria era quello del conforto, della maternità, dell’umiltà e della speranza. Lei ha dovuto venire sulla Terra per far conoscere il suo essere materno ed offrire il suo grembo virgineo, affinché in esso “La Parola” diventasse Uomo. La sua missione però non terminava sulla Terra, la sua vera Patria era al di là di questo mondo, da dove può stendere il suo mantello della compassione e della maternità su tutti i suoi figli, da dove può seguire i passi degli smarriti e riversare il suo conforto celeste sui sofferenti.

45. Molti secoli prima che Maria doveva venire nel mondo, diventare carne in una donna per adempiere una divina destinazione, l’ha annunciato un profeta di Dio. Attraverso di lui avete saputo che una vergine avrebbe concepito e partorito un Figlio che sarebbe stato chiamato Immanuel, che significa: Dio con noi.

46. In Maria, una donna senza macchia, nella quale è disceso lo Spirito della Maternità Celeste, si è adempiuta la Promessa divina che era stata annunciata dal profeta.

47. Da allora il mondo la conosce, e gli uomini ed i popoli pronunciano con amore il suo nome, e nel loro dolore chiedono di lei come Madre.

48. La chiamate la Madre del dolore, perché sapete che il mondo le ha spinto nel cuore la spada del dolore, e da questa consapevolezza non si ritira quel volto sofferto e quell’espressione di infinita tristezza.

49. Oggi vi voglio dire che dovete allontanare dal vostro cuore quella immagine del sempre continuo dolore e pensare invece a Maria come Madre soavemente sorridente ed amabile che agisce spiritualmente ed aiuta tutte le sue creature a svilupparsi verso l’Alto sulla via presegnata dal Maestro.

50. Ora riconoscete che la missione di Maria non si limitava alla maternità sulla Terra? La sua manifestazione nel Secondo Tempo non era l’unica, ma le è riservata una nuova epoca nella quale parlerà agli uomini da spirito a spirito.

51. Il Mio discepolo Giovanni, profeta e veggente, ha visto nella sua estasi una donna vestita con il Sole, una vergine raggiante di Luce.

52. Questa donna, questa vergine, è Maria che nel suo grembo non riceverà un nuovo Redentore, ma tutto un mondo di uomini che si nutrono di amore, di fede ed umiltà, per seguire le Orme divine di Cristo, del Maestro di ogni perfezione. Il profeta ha visto come quella donna soffriva, come se partorisse, ma quel dolore era quella della purificazione degli uomini, dell’espiazione delle anime. Quando il dolore sarà finito, negli uomini si farà Luce, e la gioia colmerà lo spirito della vostra Madre universale.

53. Venite oggi a Me, amati discepoli, venite e prendete il posto che vi spetta. E voi principianti, anche voi siete da Me. Oggi che fate i vostri primi passi, comincia la via dello sviluppo verso l’Alto. Io accolgo colui che viene per la prima volta per sentire la Mia Parola, e che cerca conforto per il suo cuore e Luce per la sua anima, e do a tutti il Mio Benvenuto.

54. Vi chiamo beati, perché in questo tempo del materialismo nel quale vive l’umanità, siete venuti e cercate le Mie Orme, chiudete le vostre orecchie alle chiacchiere e vi conduce qui solo la speranza che mettete in Me. Come vi vedo ora – innocenti e puri – vi voglio sempre vedere. E come vi accolgo in questo giorno nel quale sentite la Mia Pace, vi accoglierò sempre.

55. Il Mio Spirito è triste, quando vede che non tutti si preparano nello stesso modo. Ci sono alcuni che non hanno nessuna fede. Altri che credono, non sono pronti di affrontare le future discussioni. Alcuni nel loro egoismo non si sentono uniti con i loro fratelli e si sono separati. Io però vi dico: Solo l’amore vi renderà forti, la fede vi salverà. Vegliate sempre, affinché non siate improvvisamente soverchiati.

56. Risvegliatevi, voi che dormite ancora, guardate la Luce che illumina il mondo, e preparatevi per riconoscere la Mia Venuta in questo tempo. Molti dei vostri prossimo vi vogliono allontanare dalla via mentre vi offrono benessere nella vita terrena e progresso per il vostro spirito. In loro però non vi è né amore né sincerità, e così Io vi domando: Chi vi potrà dare nel mondo la vera pace in questo tempo?      Le nazioni che dicono di essere ritornati alla pace, non si sono perdonati, i governanti non si sono riconciliati, perciò non hanno posto le fondamenta per una pace duratura.

57. Prima di venire qui per sentirMi, eravate in una barca fragile, la vostra fede vacillava. Gli insegnamenti spirituali che avevate ricevuti, erano molto scarsi ed il vostro spirito non ha sperimentato la calma e la gioia come quando avete sentito la Mia Parola. Se nelle vostre convinzioni di fede vi sentite feriti, non tacete per paura; confessate che siete Miei discepoli, perché se voi che Mi avete sentito, tacete, allora parleranno i sassi, le forze della natura daranno testimonianza di queste Istruzioni. Non voglio vedere in voi nessuna viltà che vi fa negare ciò che Io vi ho dato, perché se fate questo, ci sarà molto dolore nel vostro cuore. Se coloro che si sono rivolti a voi malati e bisognosi, dopo averli guariti vi rinnegano, allora non piangete. Rallegratevi al pensiero che avete adempiuto il vostro dovere e che le loro sofferenze sono calmate. Verranno molti in cerca di voi che, dopo avervi negato la loro gratitudine, riconosceranno i vostri Doni.        

58. Solo chi ha fede in Me può fare miracoli. Ed Io Mi servo di coloro che credono così, per concedere dei Benefici a coloro che esigono da Me delle dimostrazioni. Voglio vedere amore in voi, il vero amore che deve ristabilire tutte le forze e restituire all’umanità la Grazia mentre insegna agli uomini di amarsi reciprocamente.

59. La Luce della Mia Dottrina illuminerà il mondo. La Mia Potenza sarà rivelata attraverso i Miei operai, e come le sofferenze sono state grandissime, i Miracoli saranno ancora più grandi che Io farò fra i Miei figli.

60. Se vi preparate, sarete meravigliati delle Mie Opere e vi arrampicherete passo dopo passo in cima alla perfezione.

61. Gioventù, prega ed osserva le Mie Leggi, perché Mi voglio servire di te. Non mettete le vostre anime in catene attraverso le false magnificenze del mondo. Siate liberi, con quella libertà che ho concesso agli uomini nella cornice dei Miei Comandamenti. Non seminate dolore, affinché non raccogliate questa semina.

62. A voi padri di famiglia, Io dico: Guidate i vostri figli con amore, insegnate loro vero amore per il prossimo, vegliate con fervore sulla loro virtù, allora otterrete la pace.

63. Vegliate sui vostri governanti e rispettate le loro decisioni. Ho conservato questa nazione nella pace perché voglio che sia il rifugio per cuori stanchi ed una casa della pace sulla Terra. Non permettete che l’afferri la guerra. Se però la provocate, se lo volete così, allora non avviene la Mia Volontà, ma la vostra. Se è necessario che impariate a conoscere la durezza delle prove per diventare sensibili, affinché impariate ad avere misericordia con il dolore altrui, allora avvenga come desiderate. Pensate che l’elemento della guerra aspetta solo la vostra chiamata per manifestarsi ed occupare strisce di paese e nazioni. Mentre alcuni hanno desiderato la guerra, altri hanno pregato per la pace nel mondo. Questa vostra nazione ha condiviso il suo pane ed il suo vestiario con coloro che hanno attraversato grandi visitazioni. Ho reso possibile che il vostro paese, che è ricco di frutti, offra aiuto a coloro che ne hanno mancanza.

64. Molti uomini potenti in quelle nazioni si sono visti come bisognosi, compagni di destino con coloro che non hanno nulla. Hanno avuto l’opportunità di imparare la miseria ed il dolore umano, ed hanno riflettuto sul fatto che cosa significano grandezza e proprietà sulla Terra. Loro che non hanno pensato alla vita spirituale, si preparano oggi ed elevano il loro spirito a Me, perché il dolore li ha purificati.

65. Operai, preparatevi per il tempo nel quale vi do il compito di portare questo Messaggio ad altre province e nazioni.

66. Venite oggi e riposatevi, mettete calma nella vostra mente, affinché riceviate la Parola che procede dallo Spirito Santo. E’ la Parola che rivela agli uomini la Verità, che illumina e spiega, che colma i cuori con conforto ed inonderà le anime con pace.

67. E’ il Consolatore promesso che parla a te, o popolo, è la Mia Presenza nello Spirito che adempie la Promessa che vi ho dato nei tempo passati. Quando sono qui, Mi date il benvenuto, amate schiere, ed i vostri cuori cominciano subito a portare davanti a Me le loro amarezze e le loro preoccupazioni.

68. Quando Mi esprimerete la vostra soddisfazione invece che afflizione, mentre Mi dite: Maestro, vieni e rallegraTi delle nostre opere, vieni raccogli i fiori che sono stati piantati nel nostro proprio spirito. Allora Io entrerò, come se Io fossi il Giardiniere, verrò nei vostri cuori, e da lì, come se fossero bei fiori, raccoglierò i vostri pensieri e le vostre buone opere.

69. L’unico Messia, l’unico Rabbi è Colui che oggi vi parla attraverso questi portatori della Voce. Sono i vostri fratelli che vi trasmettono la Mia Parola.

70. Ognuno dei Miei figli avrà tre facoltà che sono essenziali, affinché le vostre parole raggiungano il cuore dell’umanità. Queste sono: pieno potere, amore e sapienza.

71. Quando visitate l’una o l’altra o diversi luoghi delle assemblee e sentite la stessa Parola attraverso i loro portatori della Voce, il vostro cuore sarà colmo di delizia e fede ed afferrerete quella Lezione come una autentica dimostrazione che quelle comunità sono unite a motivo della loro spiritualizzazione. Se però assistete ad una Comunicazione difettosa, avete la sensazione che vi si ha ferito nel cuore, e comprendete che là non esiste l’unità oppure non si manifesta ciò che deve essere in questo popolo.

72. Questa è la Verità. Non tutti Mi amano nella Mia Opera, anche se vi si trovano dentro, né tutti l’hanno compresa. Perciò vi posso dire che gli uni appartengono alla Mia Opera, e gli altri fanno la loro.

73. Coloro che Mi seguono per amore, amano la Mia Parola, perché sanno che li corregge senza ferirli, e mostra loro i loro errori, senza esporli. Questo li induce a rimanere perseveranti nel perfezionamento del loro modo di vivere.

74. Coloro che invece di tendere al perfezionamento, cercano solo adulazione, superiorità, lusinghe oppure il mantenimento della loro vita, invece di giungere al perfezionamento dell’anima, questi non sopportano la Mia Parola quando mostra loro i loro errori. Allora devono erigere un’opera che è diversa dalla Mia, dove sono liberi di fare la loro volontà. Non hanno ancora compreso che l’unica cosa che gli ascoltatori devono fare durante il tempo delle Mie Comunicazioni, consiste nel fatto che Mi ascoltino con la massima elevazione per poi poter sondare il Mio Messaggio.

75. Dopo che ho parlato tanto a voi – che cosa è che avete finora compreso? Molto poco, perché vi siete distratti con molte azioni di culto superficiali che non vi insegnano la Mia Dottrina, ed inoltre siete confusi attraverso differenti interpretazioni che date alle Istruzioni che avete ricevute.

76. Questa è l’occasione di imparare una Lezione che la Terra non vi potrà mai dare. Nei libri degli uomini potete imparare a conoscere la scienza materiale, ma quella “Divina” che vi parla della Vita eterna, la può insegnare soltanto “La Parola” che è il Libro della vera Sapienza.

77. Questo conforto, questa sensibilità, questa comprensione, con una Parola: questo Amore che oggi riverso su di voi, è ciò che il mondo non vi può dare. Quando siete tristi, quando vi tormenta una sofferenza, Io Mi avvicino a voi per lenirlo. Io ho il Compito di salvare l’umanità e di redimerla fino all’ultimo uomo. Non stupitevi che occasionalmente busso alle vostre porte e vi chiedi di concederMi albergo.

78. Beati coloro che nell’ascolto della Mia Chiamata hanno il presagio nel loro cuore della Mia Venuta e Mi dicono: Entra nella mia modesta casa, o Signore, è la Tua, perché in essa vi darò il Mio Messaggio.

79. Domani molti di voi saranno inviati in altri paesi e nazioni ed occuperanno il posto dei Miei nuovi messaggeri. Sarete in grado di parlare con Me per poi trasmettere ai vostri prossimi la Mia Istruzione con parole che esprimono pace, sapienza e fratellanza. Dalle vostre mani fluiranno balsamo guaritore e conforto, capace di rialzare i “morti”. Il vostro esempio risveglierà molti dei Miei figli per poter seguirMi, spronati dal vostro esempio.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Lezione 141

 

1. Popolo, vedo la tua lotta ed i tuoi sforzi, vedo anche la tua pazienza nella sofferenza e l’adempimenti delle Lezioni della Mia Dottrina. La lotta è su tutte le vie che l’uomo deve percorrere. Comprendete che non soltanto voi la sperimentate. Adesso dovete essere più forti che mai. Vegliate e pregate e siate con Me ad ogni inizio del giorno ed Io vi illuminerò in quel momento, affinché la Mia Luce vi accompagni in tute le opere che eseguite in questo giorno

2. Non ha importanza se non avete parole oppure idee per formulare una preghiera. Mi basta se elevate i vostri pensieri nell’Infinito, perché Io saprò interpretare la lingua del vostro cuore.

3. Vedete il riflettersi la lotta spirituale di questo tempo in molte case: coniugi che non condividono lo stesso ideale. Gli uni nei quali l’uomo Mi segue, altri nei quali è la donna che affronta tutti per seguire Me piena di fede, mentre il compagno la ferisce ad ogni passo con il suo scherno e la sua miscredenza. Sovente, quando sono insieme nella loro camera, le loro anime vivono distanti una dall’altra. Le attenzioni e tenerezze di prima hanno fatto posto a veementi parole ed espressioni offensive. Allora vacilla la fiamma della fede che arde nel cuore, sferzata dalla tempesta delle passioni e dei sentimenti sconvolti.

4. Ci sono famiglie nelle quali i bambini – gli uni da piccoli ed altri da giovani – sono impressionati ad essere testimoni di questa lotta fra i loro genitori, e sentono anche che nel loro cuore sale l’inquietudine, il dubbio e si domandano: A chi devo dare ragione? Chi possiede la Verità? Chi di loro devo seguire e da quale consiglio mi devo far guidare?

5. Questa lotta è amara e dolorosa, ma doveva irrompere fra voi, perché non eravate preparati per comprendere le Mie nuove Istruzioni. Perciò è successo nel Secondo Tempo nel grembo delle famiglie, perché mentre gli uni dei membri della famiglia davano la loro vita per l ‘affermazione che Gesù Cristo era il Messia, gli altri negavano loro ogni Verità e desideravano ardentemente che la Sua Dottrina venisse estinta.

6. A voi che Mi ascoltate e che avete questa lotta nella vostra casa, Io dico che dovete prendere la Luce dalla Mia Dottrina affinché abbiate il necessario tatto per agire nel modo giusto, che nel vostro cuore dev’essere l’amore per il prossimo, che l’intelligenza e l’amore devono guidare il vostro modo d’agire nelle vostre case; che vi fortifichiate nella Mia Parola per avere pazienza nella difficile prova che rappresenta la vostra espiazione.

7. Non abbiate paura, perché se adempite il vostro compito nel modo che vi insegno attualmente, sperimenterete Miracoli fra i vostri, ed a volte i più ribelli, i più miscredenti saranno poi i più ferventi. Io tocco questi cuori e concedo loro la dimostrazione che serve a loro per poter credere.

8. Non piangere, popolo, approfondisci con amore a questa prova, perché la pazienza e la fede con cui la sopportate, saranno la vostra ricompensa.

9. Comprendete infine che amate tutti lo stesso Dio, e non litigate per via della differenza della forma nella quale l’uno o l’altro ha realizzato questo amore. Dovete imparare a comprendere che ci sono esseri nil quali le convinzioni di fede, le tradizioni ed usanze hanno fatto profonde radici, che non vi sarà facile strappare queste nel primo momento che li istruite. Abbiate pazienza e nel corso dell’anno ci riuscirete.

10. Alcuni Mi sentono una volta e da questo momento si consegnano a Me pieni di fede. Invece ci sono altri che nel desiderio della Mia Parola vengono qui una, due o molte volte senza che a loro riesca a percepire quella illuminazione interiore. Questo è da ricondurre che non tutte le anime hanno lo stesso passo, perché mentre le une sono già vicine a sentirMi, altre si devono ancora sviluppare oltre e diventare forti nelle prove, che purificano l’anima per comprendere le Mie Rivelazioni.

11. Lo spiritualismo provoca una battaglia mondiale fra le ideologie, confessioni di fede e culti religiosi. Dopo questa discussione però questa Dottrina porterà agli uomini la pace benedetta di cui hanno assolutamente bisogno e procurerà che su tutte le anime splenderà il Sole della Mia Giustizia divina.

12. Quest’epoca della Luce – perché questa è stata la Mia Comunicazione spirituale – passerà inosservata da molti. Ciononostante rimarranno chiari segni ed avvenimento come una traccia inestinguibile che contrassegnano due eventi significativi per l’umanità: l’inizio e la fine della Mia Comunicazione; affinché gli uomini studino, indaghino ed infine riconoscano che il Signore è stato un’altra volta fra loro. Preparerò i Miei figli affinché formino il Libro che conterrà i Miei Discorsi d’Insegnamento ed Istruzioni e che diventerà un flusso di acqua cristallina, un flusso di vita che calmerà la sete di spiritualizzazione e la nostalgia della Luce in questa umanità.

13. Adesso che sono passati su di voi due epoche e comincia la terza, vengo nello Spirito alla ricerca del vostro frutto e nel silenzio dei vostri cuori sento che Mi dite: “Padre, Ti possiamo mostrare pochissimo del bene e siamo progrediti pochissimo sulla via”. – Rimane solo ancora poco tempo nel quale Io continuerò parlare a voi in questa forma, e dovete accelerare i vostri passi e migliorare le vostre opere, perché le comunità religiose osservano il vostro esempio. Le masse di uomini sono pronte a seguirvi con fervore, ma dovete dare testimonianza con le vostre opere d’amore per trovare fede.

14. Studiate a fondo le Mie Istruzioni e riflettete sui Miei Ordinamenti, affinché quando sarà venuto il momento possiate prendere le vie che la vostra missione vi mostra e possiate portare fuori dalla loro letargia coloro che si sono fermati e possiate contemporaneamente salvare colui che al bivio si è smarrito. Io voglio che voi conosciate il sentiero prima di prenderlo. Non vi ho detto che la Mia Parola è la Via? AscoltateMi dunque e studiate.

15. Nessuno deve partire per stabilire la via secondo la sua volontà, né creare leggi oppure falsificare i Miei Ordinamenti, perché andrà nella rovina insieme a coloro che seduce.

16. Se avete la convinzione e la fede che siete il popolo del Signore che già da lungo tempo sta attraversando il deserto di questa vita, allora non dimenticate in nessun momento la Legge, non siate infedeli al vostro Padre, né perdete il sentiero che conduce alla meta a cui tende il vostro spirito – quella che chiamate “la Terra Promessa” e che è il luogo della perfetta Luce, dove vi attende il Padre vostro.

17. Chi può dire di essere debole, se in ogni momento riceve la Mia Forza? Chi può dire di avere fame, se si è seduto molte volte alla Mia Tavola per mangiare il Pane della vera Vita? Voi tutti avete una eredità, dei Doni, e se qualche volta vi sentite deboli o poveri, è perché la vostra fede è minima. La vostra carne è troppo ribelle per far riconoscere tutto ciò che l’anima possiede nel bene. Quanto facilmente però lascia che si riflettano le cattive o malsane tendenze che l’anima ospita. Esaminate questo nei piccoli bambini che da sé stessi strappano il velo della loro innocenza oppure si mostrano ribelli in vista di buone azioni. Non tutti coloro che ritornano sulla Terra, vi vengono purificati. Alcuni devono bere il più amaro calice di sofferenze che offre la vita con le sue lezioni, e che sopportano le prove più difficile, affinché si pieghino, si ammansiscano e si convertano.

18. Il mondo tremerà a causa della Luce delle Mie nuove Rivelazioni e gli uomini riconosceranno la Verità.

19. Se vi parlo come Padre, si apre davanti a voi il Libro della Legge. Se vi parlo come Maestro, è il Libro dell’Amore che Io mostro ai Miei discepoli, Se vi parlo come Santo Spirito, è il Libro della Sapienza che vi illumina con le Mie Istruzioni. Questi formano una unica Dottrina, perché provengono da un unico Dio.

20. Il giorno è già vicino nel quale terminerà questa Comunicazione. Perciò vi annuncio la Mia Parola in ricca misura, affinché il popolo sia forte e preparato.

21. Voi tutti potete dire che Mi avete visto in questo tempo, gli uni con il cuore, altri con la mente, e di nuovo altri con lo spirito. Se vi siete ristorati nelle Mie divine Istruzioni, allora Mi avete visto; se avete sperimentato l’adempimento di una delle Mie Profezie, allora Mi avete avvistato, e se sentite nel vostro essere la presenza di Comunicazioni spirituali, Mi avete contemplato. Mi sono fatto vedere in diversi modi, affinché diate testimonianza della Mia Venuta in questo Terzo Tempo. Credete che l’unico modo di vederMi, è quello con gli occhi del vostro corpo? Dal punto di vista spirituale i vostri occhi materiali sono la forma più limitata di vedere. Avete pensato che era inevitabile vederMi come Uomo, come Mi ha visto il mondo nel Secondo Tempo, affinché poteste dire: “Io L’ho visto?” – No, discepoli, lo spirito sente con più perfezione che il cuore, l’intelletto oppure i sensi; ed è lui che Mi ha compreso. La Mia Parola risveglia gli uni alla Verità, e lascia risorgere altri alla vera vita, perché il materialismo è la morte.

22. Il Libro del Sapere si apre per rivelarvi quanti Doni e caratteristiche dello spirito possedete, molti di questi vi sono ancora sconosciuti.

23. Voi sapete che vi consegnerò un’altra delle Mie Istruzioni per poi inviarvi, affinché portiate agli uomini il Buon Messaggio. Vi aspettate di ottenere l’accesso al cuore di uno dei vostri fratelli senza sapere che cosa è il cuore e che cosa lo spirito? E’ passato molto tempo da quando avete ricevuto dal Padre la vostra eredità e non sapete sempre ancora che cosa possiede il vostro spirito. Finalmente però è venuta per l’umanità l’epoca della spiritualizzazione. Tutto quello che è ignoto sarà noto, il nascosto verrà alla Luce, ed ogni segreto verrà spiegato, perché lo Spirito della Verità si effonde su ogni spirito e su ogni carne.

24. Quando gli uomini vengono a sapere spiritualmente chi sono e conoscono la loro origine, non avranno abbastanza lacrime per piangere degli errori che li ha fatti commettere la loro ribellione per ignoranza ed arroganza. Dopo la purificazione però il Mio Mantello del Perdono coprirà il mondo e comincerà una nuova epoca. Non credete se si fa Luce nella vita degli uomini ed illumina la loro coscienza, che ci sarà un cambiamento nella loro vita? Sì, perché le afflizioni, le guerre – tutto ciò che affligge gli uni e rovina gli altri, avviene per mancanza di Luce spirituale che potete chiamare coscienza, giustizia, amore.

25. O popolo, si sta già avvicinando il giorno nel quale non vi parlerò più in questa forma. Utilizzate le Mie Istruzioni, affinché possiate resistere nelle tempeste turbolenti che vi minacciano. Gli uomini verranno a voi per esigere da voi dimostrazioni che avete parlate con Gesù e che avete ricevuto da Lui le Sue Istruzioni.

26. State sfogliando il Libro del Mio Insegnamento nel quale sono scritti la Legge, i profeti e la Mia Parola data in tutti i tempi, tutto sarà infine inciso nel vostro spirito. Questa è l’eredità che Io vi lascio. Esaminate, mettete alla prova e studiate la Mia Opera, indagatela a fondo. Quando avete scoperto e riconosciuto il suo nocciolo essenziale, vi sentirete infinitamente amati dal Padre ed amerete anche Me.

27. Se i vostri prossimi parlano di voi disprezzandovi perché avete seguito la Mia Chiamata, allora chiudete le vostre orecchie e tacete, loro sono ignari. Se però dovreste prendere questa faccenda per giudicarli, allora guai a voi, perché voi siete già illuminati dalla Luce della vostra coscienza e sapete ciò che fate.

28. Io sono il Giudice di ogni spirito e so chi Mi ama in Verità. Non ognuno che Mi chiama Padre è con Me. Molti di coloro che sostengono di essere Miei eletti e che Mi servono, non Mi hanno compreso. Vi potete ingannare reciprocamente – ma chi potrebbe ingannare Me?

29. Vi ho insegnato la parità, l’amore, l’umiltà. Anche se il vostro destino apparentemente è diverso – la meta finale che vi ho mostrata, è la stessa.

30. Lasciatevi guidare dalla vostra coscienza, vi parlerà sempre con giustizia, e saprete se vivete all’interno della Mia Legge, se avrete compiuto delle azioni che sono degne di offrirle al Padre vostro. Io amo la purezza, e se Mi volete piacere, allora siate puri.

31. Verrà un tempo nel quale il mondo vi opprimerà, esigerà da voi opere potenti che parlano dei grandi Doni del vostro spirito e se non siete per questo preparati, molti Mi negheranno come Padre e diranno che non Mi hanno mai sentito, che non Mi hanno conosciuto, ma sanno che la Mia Parola è stata per lungo tempo il vostro nutrimento ed il vostro conforto.

32. Che cosa avete chiesto a Me che non vi avrei concesso? Vi ho dato molte dimostrazioni d’Amore per fortificare la vostra fede. Beati i mansueti ed umili, che sanno accettare con rassegnazione le prove della vita.

33. Sondate la Mia Parola, sentitela e mettetela in pratica, affinché la vostra fede diventi giornalmente più salda.

34. Oggi aprite le porte del vostro cuore e della vostra mente alla Luce della Mia Istruzione. Con quali opere Mi glorificherete? Tutti voi tacete, dinanzi a Me tace lo spirito ed anche il corpo. Chinate la vostra testa e vi umiliate. Io però non voglio che i Miei figli si umilino dinanzi a Me. Io voglio che siate degni di levare il vostro volto e di contemplare il Mio, perché non vengo alla ricerca né di servitori né di schiavi. Io non cerco creature che si sentono come reietti, respinti. Io vengo ai Miei figli che Io amo moltissimo, affinché nell’ascoltare la Mia Voce di Padre elevino la loro anima sul sentiero al loro sviluppo spirituale verso l’Alto.

35. Ecco, Io vengo alla casa di Giacobbe ed in essa trovo soltanto paura, Io spero di trovare una festa e regna solo silenzio. Perché, popolo Mio? Perché la vostra coscienza vi rimprovera la vostra trasgressione e vi impedisce che sentiate gioia alla Mia Venuta. Il motivo è che non vi siete amati, che non avete lavorato come Gesù vi ha insegnato.

36. Vi è mancata la preparazione spirituale per presagire l’ombra del dolore che era in agguato, e così è necessario che il Padre vostro si faccia sentire materialmente e vi parli nella vostra lingua, affinché possiate sapere che l’Angelo della guerra si sta avvicinando, che le sue armi sono molto potenti e che di fronte a lui piange l’Angelo della pace.

37. Cavalcando sulle ali del vento, si avvicina sempre di più l’epidemia e nello spazio spirituale fluttuano migliaia di esseri che giorno per giorno sono caduti sui campi dell’odio e della contesa ed il loro disturbo oscura la vostra mente ed il vostro cuore.

38. Le potenze della natura sono scatenate e strappano gli scienziati dai loro sogni; ma questi – ostinati nella loro auto magnificenza – continuano la loro opera distruttiva fra l’umanità. Mentre voi dimenticate di pregare, non adempite il compito che il Padre vi ha affidato.

39. Voi sapete molto bene che il compito che porta la pace, grava fin da quei tempi sul vostro spirito, quando ho detto a Giacobbe: “Ecco, ti darò una numerosa discendenza attraverso la quale dovranno essere benedetti tutti i popoli della Terra”. Perciò tacete dinanzi a Me.

40. Volete forse aspettare finché le leggi degli uomini vi diseredano e costringano a chiudere le vostre labbra che Io ho istruite per dare testimonianza di Me?

41. Non siate uomini di poca fede. Se vi ho eletti, allora perché so che sarete in grado di servirMi e saprete di farlo.

42. In questo giorno vi dico: Quando le nazioni vogliono la pace, allora la rendo accessibile rispetto al loro amore. Se vogliono ancora più guerra, allora l’abbiano; ma attraverso questa cadrà sulla Terra lo Scettro della Mia Giustizia.

43. Se l’umanità perseguita i Miei nuovi discepoli e dovesse cercare di impedire loro di guarire i malati e di parlare della Mia Dottrina, si diffonderanno fra gli uomini le malattie più strane. Gli scienziati si ammaleranno, gli occhi di molti si chiuderanno, altri soffriranno la confusione dei pensieri.

44. Si apriranno le porte nell’aldilà e legioni di anime smarrite devasteranno intere strisce di paese e possederanno gli uomini. I Miei umili operai andranno e daranno dimostrazioni del loro sapere, attraverso il quale molti diventeranno credenti. Già da molto tempo vi era stata annunciata questa sciagura; nonostante ciò rimanete sordi e ciechi. Siete ingrati.

45. Qualche volta è necessario che Io vi parli così. Non scambiate però la Mia Parola dell’Amore con una verga. Io vi amo. Venite qui, affinché sentiate il Mio Calore. Avvicinatevi a Me, affinché sentiate la Pace del Mio Regno. Voi siete quelli che durante l’attraversamento del “deserto” Mi avete cercato, che avete sempre inseguito la Mia Promessa.

46. Vi siete stancati di questa vita? Allora riposatevi un attimo all’ombra di questo albero. DiteMi qui le vostre preoccupazioni e sfogatevi piangendo al Mio Petto. Quando sarete per sempre con Me? Io voglio vedere la pace già in ogni anima.

47. Lasciate che “l’allodola” distenda ora le sue ali su tutto l’Universo, affinché sentiate la sua pace ed il suo calore.

48. Donne, siete voi che con la vostra preghiera avete mantenuta la poca pace che esiste sulla Terra, quelle che come fedeli custodi della casa hanno provveduto che non le manchi il calore dell’amore. Unitevi con Maria, vostra Madre, per spezzare l’arroganza umana.

49. Uomini, vi ho fatto padroni sulla Terra, affinché Mi rappresentiate. Il vostro spirito è simile a quello del Padre, ed il vostro corpo simile all’Universo. Non giudicate la perfezione del vostro corpo secondo la sua misura, ma secondo la meravigliosa vita che esiste in lui, il suo Ordine e la sua armonia. Persino nella più grande perfezione il vostro corpo è limitato e verrà il momento in cui cesserà di crescere. L’intelligenza e le percezioni continuano però a svilupparsi, finché le ferma la morte. Ogni sapienza ed esperienza però che ha conquistato sulla Terra, rimangono incise nell’anima, la quale cresce e si sviluppa in tutta l’Eternità.

50. Fate un secondo tempio della vostra casa, dei vostri affetti una seconda adorazione per Dio. Se Mi volete amare, allora amate le vostre mogli ed amate i vostri figli, perché anche da questo tempio sorgeranno grandi opere, pensieri ed esempi.

51. Voi tutti siete in questo tempo pecore di Elia. Le une vivono nel suo recinto, altre sono ancora confuse. La Luce del Sesto Sigillo illumina in questo tempo tutte le anime incarnate e non più incarnate. Mentre sulla Terra le une usano questa Legge per il progresso e la salvezza della loro anima, altre la impiegano per penetrare nei segreti della scienza e per scoprire nuovi Miracoli. Sono le mani profane e disobbedienti che staccano sempre ancora i frutti dall’albero della scienza per avvelenare i cuori degli uomini. Voi state vivendo nel sesto tratto di tempo che l’umanità percorrerà sulla Terra come una immagine della via che deve attraversare nell’Eternità.

52. In questo momento vi dico alla presenza di Elia che vivete nella sesta epoca di tempo che l’umanità passerà sulla Terra, come un simbolo di una delle sette scale che salirà il vostro spirito nell’aldilà.

53. Nella prima epoca Mi ha incorporato sulla Terra Abele, nella seconda Noè, nella terza Giacobbe, Mosè nella quarta, Gesù nella quinta, e nella sesta, l’attuale, Elia e nella settima regnerà lo Spirito Santo.

54. Che cosa avete fatto dei Miei messaggeri? Il primo è caduto sotto il colpo del suo proprio fratello, che lo ha spinto a questo l’invidia. Il secondo veniva disconosciuto e schernito da schiere di miscredenti ed adoratori di idoli.

55. Il terzo ha dato la sua vita in dimostrazione della Mia Potenza ed ha ricevuto per questo ingratitudine persino dai suoi parenti.

56. Il quarto ha dovuto spezzare le tavole della Legge per via della scarsa fede del suo popolo che amava così tanto.

57. Il quinto – benché la Sua Venuta sia stata annunciata – non era stato atteso, non ha trovato nessuna fede né amore e dopo che Egli aveva dato al mondo il Suo Messaggio d’Amore, ha ricevuto dagli uomini la morte più oltraggiosa che un profeta o messaggero abbia mai subito.

58. Il Sesto è venuto in questo tempo nello Spirito. Ciononostante Lo perseguivano frecce del dubbio, dell’indifferenza e dello scherno.

59. Quando sarà sciolto il Settimo Sigillo ed invece di un inviato, è lo Spirito dell’Eterno stesso che illumina gli uomini – chi cercherà allora di ferire o di uccidere Me?

60. Io vi parlo affinché domani non siate confusi tramite i teologi.

61. Ogni Sigillo ha avuto il suo splendore nel suo tempo ed ha lasciato la sua Luce nei Miei figli. Così ha potuto essere udita anche nel Sesto Sigillo la Voce della Parola sulla Terra.

62. Popolo, prega a Maria, lei è la Tenerezza divina diventata donna nel Secondo Tempo – la purezza, la verginità non compresa dall’umanità materializzata, che dalla mente umana non può essere sondata e sentita solamente da coloro i cui sentimenti sono purificati.

63. Il mantello della vostra Madre celeste ha donato l’ombra al mondo fin dall’Eternità ed ha protetta amorevolmente i Miei figli che sono i suoi. Maria, come spirito, non era nata nel mondo; il suo nocciolo d’essere materno è sempre stata una parte di Me.

64. Lei è la sposa della Mia Purezza, della Mia Santità. Lei è Mia figlia quando è diventata donna e Mia Madre, quando ha ricevuto “la Parola incarnata”.

65. Il Maestro vi dice: Vi siete occupati molti di voi stessi, e perciò avete dimenticato gli altri. E’ necessario abbandonare la vostra indifferenza nei confronti del dolore e bisogni altrui, e staccarvi dal vostro egoismo.

66. Quando si mostra il dolore sulla vostra via, allora siate disposti ad accettarlo. Quando vedete molto vicina la prova, allora pregate, come lo ha fatto Gesù nel Giardino alla vigilia della Sua morte e dite come Lui: “Padre mio, se è possibile, allontana questo calice da me, ma la Tua Volontà sia fatta e non la mia”. – Vegliate, figli Miei, perché quando vi preparate, Io allontanerò in molti casi dalle vostre labbra il calice della sofferenza. Se però dovesse essere necessario che lo dobbiate bere, Io vi provvederò con la Forza per resistere, a motivo della vostra rassegnazione e sottomissione alla Volontà di Dio.

67. Non dimenticate di purificare il dolore e che, se viene sopportato con amore ed elevazione spirituale, non lava solo le proprie macchie, ma anche quelle altrui.

68. Lasciate a Me il vostro dolore e non sarà sterile. Quanto dolore inutile c’è stato fra l’umanità! Chi però era in grado di soffrire fino alla fine della sua remissione e di portare la sua croce, è giunto in cima al monte quando ha creduto di cadere per sempre.

69. Il mondo non ha raggiunto la pace nelle prove attraverso la vostra preghiera e meriti, che doveva ricevere, perché quando siete sottoposti a queste prove, pensate solo al vostro, piangete di voi stessi e vi ribellate, invece di pregare il Padre e di dirGli: Se un unico dei miei prossimi riceve un atomo della pace attraverso il calice amaro che bevo – con quale soddisfazione lo berrò fino all’ultima goccia! Ed il Maestro vi dice: Chi prega e sente così, otterrà che il suo amore può fare del bene a molti dei suoi prossimi.

70. Popolo, ora regna una apparente pace nelle nazioni, ma voi non dovete annunciare che la pace sia venuta. Chiudete le vostre labbra. La vera pace non si può elevare su fondamenta di paura oppure di piaceri materiali. La pace deve sorgere dall’amore, dalla fratellanza.

71. Attualmente gli uomini stanno edificando sulla sabbia e non sulla roccia, e quando poi le onde schiumano di nuovo e s’infrangono contro quelle mura, l’edificio crollerà.

72. Ho proposto agli uomini la pace attraverso la loro coscienza ed ho detto loro: EccoMi, ma non Mi hanno voluto ascoltare. A volte agiscono come piccoli bambini e come degli stolti. Io vi dico che agiscono come bambini perché nelle loro azioni non rivelano la Luce che ha conquistato lo spirito durante un lungo tempo di sviluppo. Benché vivano nel Terzo Tempo, non si sono ancora resi conto che cosa significa la pace. Il loro spirito è ozioso, ed è sempre ancora più il loro cuore che non sente che cosa sia l’autentica misericordia, né ha battuto d’amore per gli uomini. Li afferrerà un dolore ancora più amaro che l’amarezza attraverso il quale si sveglieranno e diventeranno più sensibili. Non Sarò Io che porge agli uomini questo calice, perché in Me non può esistere quella amarezza.

73. Ogni dolore causato dagli uomini verrà raccolto in un unico calice che verrà bevuto da coloro che lo hanno causato. E coloro che in vista del dolore non li ha mai fatti rabbrividire, tremeranno ora nel loro spirito e nel loro corpo.

74. Si sta avvicinando l’ora nella quale sperimenterete che i popoli verranno scossi da strani e sorprendenti avvenimenti. Verrete sapere tramite uomini che erano grandi nel mondo e che abbandoneranno i loro popoli e le loro nazioni, per cercare nella solitudine, la pace con la loro coscienza. Altri, che erano conosciuti per via del loro odio ed il loro tendere al potere, sorprenderanno il mondo perché la loro bocca parlerà all’improvviso parole d’amore e di pace. Il motivo è perché li avvolgerà la Mia Luce ed il Mio Spirito parlerà attraverso le loro labbra.

75. Siete preparati a questi avvenimenti per trovare alle domande la giusta soluzione e spiegazione e per portare Luce all’intelletto degli uomini sconvolti o confusi?

76. Da molto tempo vi istruisco, e non potete sempre ancora essere i soldati della pace. Guardatevi le nazioni, quanto poco tempo basta loro per prepararsi per la guerra, e come scuotono persino l’interno della Terra. Guardate come si fanno sentire le forze del loro odio fino ai luoghi più lontani mentre voi non siete in grado di far sentire loro la Mia Pace.

77. L’odio è più forte che l’amore? L’oscurità è più potente che la Luce? Il male ha un effetto maggiore che il bene? – No, figli Miei.

78. Non vi rimprovero, vi risveglio solo amorevolmente per dirvi che non è difficile lavorare nella Vigna di Gesù, e che dovete essere perseveranti nel vostro miglioramento. Se per momenti portate in voi la premessa di rinnovarvi, si rallegra il vostro spirito e si sente più vicino al Padre suo. Le tentazioni però sono in agguato sui vostri passi e vi fanno cadere.

79. Raddrizzatevi definitivamente, rendetevi conto che state vivendo in un tempo che è diverso dal Primo e dal Secondo, nel quale gli elementi materiali e spirituali sono ovunque in agitazione. E’ una battaglia che non è solo visibile per colui che è preparato spiritualmente, ed invisibile per colui che non lo è. In questa tempesta turbolenta si muovono milioni di esseri umani e spirituali, gli uni accedono la Luce, gli altri la cercano; gli uni diffondo l’oscurità, gli altri la fuggono.

80. Guai a colui che alla ricerca della Luce in questo tempo diventa debole! Milioni i occhi invisibili vi osservano per farvi cadere. Io voglio che voi siate il buon seme che conquista i campi sui quale è cresciuta l’erbaccia. Come un mare che esce dalle rive, così penetra il male e confonde un cuore dopo l’altro, le sue acque torbide inondano le case, il cuore dei bambini, l’intelletto della gioventù, i sentimenti più puri della donna. Le vostre intuizioni più nobili sono disdegnate, pure la cosa più santa. Che cosa fate nel frattempo? Fate parte anche voi dei ciechi che non notano nulla? Vi isolate nel vostro egoismo, per cercare un poco di pace per il vostro cuore? Vi chiudete nelle quattro pareti della vostra camera, per impedire che il frastuono della guerra ed i lamenti degli uomini giungano fino a voi?

81. Non dovete dire che il Maestro non vi abbia parlato profeticamente, se vedete venire ora il tempo che Io vi annuncio. Prima però che vi sarà pace fra gli uomini, il fuoco brucerà l’erbaccia su tutta la superficie della Terra, le onde scatenate dell’acqua la laveranno e la neve la purificherà.

82. Svegliatevi, discepoli; siate preparati, affinché non siate soverchiati, perché combatterete con parole, con azioni ed attraverso i libri. Contro di voi verranno preparate armi e diffamazioni. Sarete anche testimoni di una battaglia di ideologie, di insegnamenti e teorie. I teologi cercheranno di indagare più di quanto hanno indagato finora. I filosofi metteranno nuove idee nel mondo. Gli scienziati annunceranno il loro sapere come l’unica Verità. I fanatici delle religioni compariranno come partiti e si precipiteranno sugli altri.

83. Questo sarà il tempo per il quale dovete essere preparati, perché la vostra voce sarà l’unica che si ascolterà con calma e coscientemente.

84. Riconoscete ora quanto vi reclamizzo? Vedete ora quanto siete piccoli e quante macchie ed imperfezioni avete ancora? E nonostante ciò Mi servirete ed il vostro dono di sacrificio sarà compiacente e bene odorante dinanzi alla Mia Giustizia.

85. Il tabernacolo, l’arca del patto e la Legge sono nel vostro cuore. A voi che siete umili, rivelerò ciò che gli eruditi non erano in grado di afferrare.

86. Popolo, in questo tempo stai ritornando nella Casa del Padre tuo come il figlio perduto. Vi ho accolti e vi ho detto: Voi siete i primogeniti, ma nella vostra assenza si sono sparsi gli altri fratelli. Sono rimasto Solo ed ho pianto nella Mia Solitudine. Voi siete ritornati, ed Io vi dico: Sedetevi alla Mia Tavola, là ci sono il Pane, Frutti ed il Vino. Nella stanza accanto sono gli attrezzi da lavoro. Allora avete pianto per via della vostra ingratitudine e la vostra disobbedienza ed avete riconosciuto che siete stati paria fra gli altri popoli che non hanno ricevuto quello che voi avete ricevuto. Avete pregato che vi venissero restituiti i Doni del vostro spirito e vi è stata restituita la vostra ricchezza.

87. Vi ho fatto riconoscere che nella contesa dell’umanità portate una grande responsabilità. Poi vi ho affidato una spada dell’amore, affinché rendeste duttili coloro che causano guerre fratricide e di portarli alla Mia Presenza.

88. La vostra missione è quella della pace, della fraternità e della spiritualizzazione. Non rimprovero i vostri cuori per via delle loro attuali opere, ma ricordo il vostro spirito il suo passato e gli faccio comprendere la sua maestosa missione che lo attende nell’Eternità.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 142

 

1. Il Mio Amore discende su di voi per esigere da voi l’adempimento dei Comandamenti che vi ho insegnato durante la vostra esistenza. Io vedo che siete pieni di Grazia, unti e preparati per l’adempimento della vostra missione e voglio raccogliere i frutti della semina che vi ho consegnato. Voglio gioire della vostra umiltà e della vostra buona volontà. Se vi ho offerto che il mondo attraverso la vostra intercessione diventi piena di Grazia e Benedizioni, è perché vi ho dato l’autorizzazione che possiate vedere il moltiplicarsi delle vostre buone opere al di là della Terra. Attraverso la vostra intercessione le anime bisognose giungeranno nella Luce, perché in Verità vi dico, non solo questo mondo sta attraversando una epoca di difficoltà e prove per la sua purificazione, ma anche su altre sfere esiste espiazione e dolore.

2. Fate vostre la Mia Istruzione, sentite la Mia Parola, com’è soave ed amorevole, così è anche severa. La dovete comprendere ed approfondire! Non permettete che questo seme venga portato via dal vento senza aver fatto radici nel vostro cuore, perché domani vi mancherà. Che cosa aspettate per adeguare la vostra vita alle Mie Leggi nell’esercitare la stessa? Non aspettate finché vi visitino le prove. Perché questo sarebbe molto doloroso. Fatelo per amore e convinzione, adempite il Comandamento che vi dice: Amatevi l’un l’altro.

3. Utilizzate questo tempo nel quale vi parlo con la massima chiarezza e permettete che Io vi conduca. Pensate che il vostro futuro sarà pacifico, se seguite la Mia Legge.

4. Interiorizzatevi, esaminatevi alla Luce della vostra coscienza e vedrete che Io vi parlo con Giustizia, che non preparo spaventi, ma che Io vi avverto affinché viviate vigili.

5. La Mia Parola è nutrimento per lo spirito. Vi ho parlato in tutti i tempi. Nel tempo attuale ho lasciato questo Messaggio per l’umanità mentre Mi servo attraverso voi stessi. Io veglio sul mondo mentre dorme. Io vi sono apparso e così come nel Secondo Tempo due giorni dopo la Mia Resurrezione Mi sono innalzato davanti ai Miei discepoli e loro Mi hanno visto scomparire nello Spirito, così vengo ora a voi pieno di Magnificenza per giudicare tutti gli esseri.

6. Oggi si diffonde la Mia Luce sull’intera umanità. Dalle nazioni e province verranno i vostri prossimi alla ricerca della Mia Parola in questo paese, quando avranno conoscenza di queste Istruzioni. In quel tempo non Mi annuncerò più attraverso l’organo d’intelletto umano come lo faccio oggi, e voi, i credenti, vi abituerete ad elevare il vostro spirito per avere comunione con Me e mostrerete a tutti la Mia Parola stampata e darete testimonianza di ciò che avete ricevuto nelle Mie Istruzioni. Direte loro che non sono diventato Uomo, ma che sono venuto nello Spirito e che sono rimasto fra voi in questa forma.

7. Oggi che commemorate la Mia Passione, vi dico che sono andato un’altra volta sul Golgota, che la Mia Passione si rinnova in ogni momento, che la guerra, il peccato ed il materialismo formano una croce dell’offesa per il vostro Dio. Voi che avete compreso la Mia Parola, vi dovete unire con Me in una grande lotta contro il peccato. Gli eserciti spirituale hanno cominciato la loro battaglia, vi dovete unire con loro.

8. Le visitazioni scuoteranno il mondo. Il Buon Messaggio giungerà a tutti e verranno a sapere che Io sono venuto per lasciare un ulteriore Testamento e giudicherò le loro opere.

9. Non voglio che voi, Miei ascoltatori, più tardi versiate lacrime, perché non avete compreso la Mia divina Comunicazione. Pregate, e nella vostra preghiera riceverete la Luce per penetrare in questa Rivelazione che vi sto dando attualmente.

10. Vi concedo il dono della pace. Se rimarrete preparati, la diffonderete con i vostri pensieri e le vostre opere. Questi tempi preziosi nei quali vi radunate per elevare il vostro spirito e dimorare nelle regioni spirituali, da dove tenete con Me il dialogo, non ritorneranno. Non sentirete nemmeno più attraverso la mediazione umana la Mia Parola dopo il momento indicato da Me.

11. Vegliate e pregate, e vedrete adempiersi la Mia Parola.

12. Vi do una nuova Lezione. Ognuna di queste vi deve preparare per l’esecuzione del vostro compito. State lentamente comprendendo che non siete venuti sulla Terra solo per mantenere il vostro involucro corporeo, per ammucchiare ricchezze o conquistare onori. Non soffrite nessuna miseria sulla via della vita. Se vi siete considerati poveri, allora solo perché avete cercato di riconoscere che cosa portate nel vostro spirito. Non è necessario che perdiate tutto ciò che possedete, affinché impariate a degnare ciò che avete posseduto? No, figli Miei, è meglio che oggi, che possedete ancora i vostri doni, abbiate conoscenza di loro, affinché li utilizziate per il bene del vostro spirito.

13. Se la Mia Dottrina vi dovesse sembrare strana, vi dico che voi siete gli strani, perché sia Io come anche la Mia Legge sono immutabili ed eterni. Ogni volta quando vengo da voi, vi trovo più distanti, più macchiati e perciò più smarriti dalla retta via. Vi appare nuova la forma nella quale Mi annuncio adesso a voi? Non è nuova. / Volete forse che la Mia Voce dovesse essere udibile nell’Infinito senza mediazione di uomini? Anche questa forma non sarebbe nuova. Già nel Primo Tempo ho fatto sentire la Mia Voce al popolo radunato al piede del Sinai. Che cosa però è capitato a quel popolo, quando ha sentito la Voce del Padre suo in questo modo? Le loro orecchie, i loro cuori ed il loro intelletto erano incapaci di accogliere quella manifestazione della Potenza in un tale grado, che hanno dovuto turare le loro orecchie per non sentire e chiedevano a Mosè che dovesse mediare presso Geova che cessasse di parlare, perché la Sua Voce sarebbe come un tuono di temporale. La Mia Voce scendeva allora dal Mio Spirito sulla vostra materia, mentre Io vi preparo ora, affinché fino ad allora vi eleviate fin là dove vi attende il Mio Amore di Padre e voi Mi sentiate da Spirito a spirito.

14. Benché Mi Sia rivelato in tutti i tempo con piena chiarezza, l’uomo ha dubitato per via del suo materialismo. Persino là al Sinai, nelle maestose dimostrazione e manifestazioni che il Signore ha dato al popolo, quei cuori dubitavano, vacillavano ed erano pronti ad ogni passo a voltare le spalle al Padre. In ogni piccola fede del popolo si è mostrata la Misericordia del Signore, ed alla fine risplendeva solo la Sua Verità.

15. Se parlo a voi della Mia Manifestazione, vi devo dire che – benché era annunciata molto tempo prima – il mondo dormiva e non ha potuto riconoscerMi. Da quel tempo, in cui Gesù ha aperto i Suoi Occhi in questo mondo, fino al momento che li ha chiusi appeso alla Croce, il Mio Cuore per tutto il Suo Viaggio della vita veniva ferito attraverso il dubbio degli uomini.

16. Hanno dubitato della Divinità di Gesù, perché Lo giudicavano secondo la Sua Umiltà, secondo la precarietà del Suo abbigliamento e la mancanza di potere e tesori materiali della Terra. Ed ancora nella lotta di morte il dubbio di quegli uomini ha perforato il Cuore di Gesù, come se ognuna delle loro domande fossero lance: “Com’è possibile che il Suo Corpo sanguina, se Egli è Dio?” “Com’è possibile che il Figlio di Dio muoia?”

17. Sono passati duemila anni, affinché alcuni comprendano queste Lezioni, e devono trascorrere ancora molti di più affinché tutti le comprendano.

18. Se oggi qualcuno dovesse dire che Io Sia venuto di sorpresa, allora non dice la Verità, perché vi ho annunciato il Mio Ritorno e vi ho predetto i segni che vi avrei dati. Se però avete dormito quando vi ho dato i segni – come li avreste potuto notare?

19. Come nel Secondo Tempo la Mia Presenza non era nel modo come nel Primo Tempo, così è anche la Mia Rivelazione in quest’epoca differente, benché sia sempre la stessa Dottrina. Ho sempre annunciato la Mia Venuta secoli prima per trovarvi preparati, per non trovare in disordine la vostra casa e svergognarvi con la Mia Visita. Io volevo che alla Mia Venuta aveste tutto preparato, affinché al Mio Bussare alla vostra porta Mi poteste dire come le vergini nella Mia Parabola: “Entra, Maestro, Sii il Benvenuto nella Tua casa”. E’ stato però il vostro dubbio che Mi ha accolto - il dubbio per via della forma delle Mie Rivelazioni e della Mia Comunicazione, dubbio rispetto al Miracolo che Io vi concedo, che voi attribuite a poteri cattivi, dubbi in vista alla povertà e modestia dei Miei nuovi servitori e dei luoghi nei quali Mi rivelo. Io però so che dopo la fine della Mia Comunicazione verrà la fede e la comprensione della stessa, come era successo anche nei tempi passati – nonostante la vostra freddezza, il vostro dubbio ed il vostro materialismo.

20. Io vengo a voi perché vi amo, perché sapevo che vi avrei trovato nel tempo della Mia nuova Manifestazione come un gregge senza pastore, come malati senza medico e come allievi senza insegnante. Io vengo per preparare un certo numero dell’umanità, affinché semini la buona semenza sui nuovi campi, perché siete entrati in una nuova epoca, quella della spiritualizzazione.

21. Utilizzate da ora in poi fino al 1950 la Mia Parola che si riversa come una cascata dai Cieli sui vostri cuori. Raccoglietela, affinché dopo il Mio Commiato possiate trasmetterla oltre in sovrabbondanza. Fortificatevi nella Mia Dottrina, affinché la vostra anima non vacilli. Pensate che alcuni dovranno rispondere davanti al tribunale per via di questa Istruzione. Vi limiterete di dire con totale veridicità ciò che Io vi ho insegnato. Dopo il 1950 la vostra memoria si chiarirà e si ricorderà delle Mie Istruzioni, ma riceverete anche attraverso la Rivelazione nuovi e sconosciuti Insegnamenti.

22. In questo momento Mi dice qualcuno dal più profondo del suo cuore: “Signore, perché non compi sulla via della mia vita quei Miracoli che hai fatto nei giorni nei quali ho cominciato a seguirTi, se ora sono più preparato ed ho più fede?” Il motivo è che non avete saputo osservare. Nemmeno oggi faccio i Miracoli che ho compiuto nel Primo Tempo. Quel tempo era quello del vostro risveglio alla vita dello spirito. Era un tempo di dimostrazioni ed di azioni miracolose materiali. Oggi è un tempo di Miracoli spirituali. Come potrebbe essere possibile che il vostro spirito rimanesse sempre allo stesso livello e che Io vi ripetessi sempre la stessa Lezione?

23. Quando siete venuti alla Mia Presenza per sentire la Mia Parola, ho fatto Miracoli sorprendenti per vivificare la vostra fede. Perché oggi pretendete, voi che avete già questa Luce, ciò che è solo a misura dei deboli? Ora spetta a voi di fare ai vostri prossimi quello che Io ho fatto a voi.

24. Oggi vi insegno la Mia Legge e vi dico: La Mia Pace sia con voi come la purezza nei vostri pensieri, affinché badiate a ciò che vi dice “La Parola” in questo giorno. Io porto Pace agli uomini che prestano l’espiazione sulla Terra – con amore agli uni, con dolore agli altri. Io espongo davanti ai vostri occhi ogni macchia della vostra anima che il vostro cuore non conosce, affinché la laviate con pazienza. Vi lascio sentire anche la grande responsabilità che avete assunto nei confronti della Mia Opera.

25. Ho posto la Mia Opera nel Terzo Tempo in mani umili e semplice, ma ferventi, affinché voi la onoriate e glorifichiate attraverso le vostre opere.

26. Vi do la Mia Parola nella intimità di queste case, che Io chiamo “luoghi di assemblee” e non “templi”, affinché non vengano scambiate con quelle nelle quali esistono cerimonie e riti. Voi sapete che Io sto erigendo nei vostri cuori il tempio dell’Iddio vivente. Ogni comunità di coloro che si radunano nei luoghi delle assemblee, si eleverà spiritualmente secondo il suo amore, la sua obbedienza e la sua buona volontà eseguendo le Mie Indicazioni.

27. E’ la Mia Volontà che voi tutti lavoriate per la Maestosità della Mia Opera, perché si stanno avvicinando dei tempi di grande importanza per il vostro spirito. Sono quelli nei quali la Mia Luce è diventata voce e pensiero che penetra dall’Infinito nel vostro spirito nel più alto collegamento che potete ottenere. Non potete dire che in questo tempo lo Spirito del Signore sia penetrato nel cervello del portatore della Voce, perché un essere umano non è in grado di ospitare ciò che è la Potenza Sublime. E’ stato un Raggio della Luce divina che è disceso sull’intelletto del destinato per la Trasmissione della Mia Istruzione. In questo modo la Verità scorre sulle labbra ignare, e questo sarà l’inizio della distruzione della idolatria e del fanatismo religioso.

28. Questi possiedono la più alta Grazie di servire come sede o punto d’appoggio del Raggio divino ed il loro cervello e le loro labbra come trasmettitori della Parola, e ciononostante devono continuare ad essere uomini semplici come gli altri.

29. Domani si moltiplicheranno questo luoghi di assemblee e le schiere di uomini vi saranno uniti per sentire la Comunicazione da Spirito a spirito del Signore ai Suoi servitori, senza che qualcuno cerchi di segnare coloro che servono al Signore come strumenti. Voglio la semplicità in tutte le vostre opere. Mi piacciono i cuori degli umili. Ricordatevi che sono nato in una stalla, fra pastori, perché da loro ho trovato purezza per sentirMi e per credere in Me. Nessuno di voi ha avuto ancora una mangiatoia come culla, ma per il vostro Re ha dovuto succedere per darvi un esempio di modestia.

30. Perché vengo nuovamente agli uomini, dopo che Io ho dato loro quelle Lezioni della Vita eterna? Perché gli uomini hanno fatto dei riti di ognuno dei Miei Esempi d’Insegnamento. SentiteMi, e non cercate di immaginarMi in questa o quella forma, perché una qualunque di queste vi allontanerà dalla Verità. Non cercate di immaginarMi da Eterno Padre come un vegliardo, come quello che dipingete, perché né il tempo né la lotta lasciano tracce nello Spirito del Creatore, dato che Io stò al di sopra del tempo e non ne sono sottoposto come voi.

31. La Mia Parola sarà di nuovo scomoda agli uomini come nei tempi passati, ma Io dirò loro la Verità. Senza esporre nessuno, ho chiamato l’ipocrita ipocrita, l’adultero adultero ed il cattivo, cattivo. La Verità è stata deformata ed era necessario che risplendesse di nuovo come ora, dove veniva tenuta segreta la Verità, e per questo deve nuovamente comparire davanti agli occhi degli uomini. Che cosa vi insegno attualmente? – Con Cuore e Spirito benedico tutto e tutti, perché chi benedice così, somiglia al Padre suo, quando fa giungere a tutti il Suo Calore. Perciò Io vi dico: Imparate con lo spirito, con il pensiero, di benedire con il cuore, e la vostra pace, la vostra forza ed il calore del vostro cuore raggiungeranno colui al quale la mandate, per quanto crediate anche di essergli lontano. Che cosa succederebbe se tutti gli uomini si benedissero, anche se non si conoscono e non si sono mai visti? Che regnerebbe la perfetta pace sulla Terra, la guerra sarebbe inimmaginabile. Affinché questo Miracoli diventi realtà, dovete rivolgere il vostro spirito in Alto attraverso la perseveranza nella virtù. Considerate qualcosa come impossibile?

32. Quanti peccatori convertiti hanno raggiunto il grado che voi chiamate santità! Costoro erano originariamente non migliori di voi, ma voi non avete ancora raggiunto questo grado di perfezione. Cominciate ad amare, il Dono dell’intuizione comincia a portare frutti, e già avete l’ispirazione, perché quando Io vi tocco, voi rispondete. Non tutte le porte reagiscono al Mio Bussare, ma quelle che si aprono, lasciano venire a voi la Mia Luce. La trasformazione del peccatore non è impossibile. Ricordatevi alcuni nomi dal Secondo Tempo: Maddalena, Paolo, Agostino, Francesco d’Assisi. Perché non vi dovreste ricordare di quelli del Primo Tempo?

33. Questi da Me eletti conoscevano il peccato e persino il fango delle passioni, ma adesso risplendono come luminari nel Cielo, e come illuminatori degli uomini vi mandano la loro Luce.

34. Solo Io vi posso rivelare ciò che è sconosciuto. Così vi posso dire che gli uomini di oggi cercano invano di imparare a conoscere la Gioventù di Gesù sulla Terra. Indagano e si fanno delle immaginazione, vi dicono: Gesù, prima di andare per annunciare il Regno dei Cieli, non ha imparato nulla dagli uomini. Che cosa aveva da imparare Colui il Quale già nella Sia Infanzia ha fatto confondere gli insegnanti della legge? Quel tempo del quale gli uomini non sanno nulla, era un tempo dell’attesa.

35. Se imparate da Me con amore nel cuore, è impossibile che vi sbagliate.

36. Così Io vi preparo. Oggi vengono alcuni ed attraverso loro vengono altri ed attraverso costoro si avvicinano di nuovo altri. Ogni giorno ed ogni generazione si sentirà più vicino a Me, perché sarà maggiore la loro spiritualizzazione.

37. Fate ogni giorno la misericordia, questa sarà la migliore elevazione a Me. Date, aiutate, confortate, questo sarà la migliore preghiera quotidiana, perché allora parlerete al Padre con opere, non con parole che – anche se sono già nella loro forma – sono vuote nel loro nucleo.

38. Rivolgete la preghiera a Me con pensieri. Non avete bisogno di un determinato luogo per farlo, ed è indifferente la posizione del vostro corpo. Elevate nella pace i vostri pensieri alle Alture del Cielo e poi aspettate la Mia Ispirazione.

39. Quello che Io vi dirò in questo giorno, non lo sanno nemmeno i profeti. Io Solo nei Miei Alti Consigli ve lo posso rivelare. Non temete di non conoscere gli intimi Consigli del Padre vostro. Siate felici nella consapevolezza che Io come Maestro vi rivelerò sempre nuove Lezioni. Come potete pensare che Io vi voglia nascondere qualcosa, solo nell’Intenzione che non lo sappiate? Io vi amo, e nel Mio Cuore di Padre non può esistere nessun egoismo. Se Mi avvicino a voi, avviene per illuminare il vostro spirito, affinché Mi possiate comprendere ed amare.

40. Sono venuto a voi nello Spirito, ma non tutti hanno creduto in Me, non tutti Mi hanno sentito. Molti Mi hanno negato, e molti altri Mi negheranno. Se Mi rivelassi in migliaia di differenti forme dinanzi a coloro che Mi rinnegano, non Mi riconoscerebbero in nessuna, perché la forma nella quale Mi hanno immaginato, li fa rimanere nell’errore.

41. Non Mi sono mai nascosto dietro una maschera quando Mi sono mostrato al mondo; tuttavia Mi sono limitato nella Mia Potenza per Essere visto, udito e compreso dagli uomini.

42. Perché non procedete sulla via del vostro sviluppo spirituale? Se foste preparati e Mi manifestassi in una pietra per parlare a voi attraverso questo, Sarei persino riconosciuto da voi in questa forma. Coloro che conoscono il Mio Essere, Mi possono sentire ovunque. Coloro invece che si sono fatti una falsa immagine della Mia Divinità, non sarebbero in grado di riconoscerMi e Mi negherebbero comunque, persino se Mi vedessero in tutta la Mia Magnificenza.

43. Che cosa c’è di strano che Mi annuncio attraverso l’organo d’intelletto di un uomo? In ciò non Mi nascondo, Io sono presente. Chi vuole avere per questo una dimostrazione, deve purificare il suo cuore come il suo intelletto, allora contemplerà la Verità con i suoi occhi spirituali.

44. Nessun altro che l’uomo può riflettere lo Spirito divino. La mente dell’uomo è lo specchio della Ragione divina. Il suo cuore è la fonte nella quale conservo l’Amore. La sua coscienza è Luce del Mio Spirito. Se dubitate di possedere Doni così grandi e non vi sentite degni di questi, allora questa non è la colpa del Padre vostro, ma vostra, perché non avete compreso l’infinito Amore che Io ho per voi. Vedete, che le vostre macchie d’onta non sono state un ostacolo di rivelarMi fra voi in questa forma. Se però gli scienziati giudicheranno domani come male queste Comunicazioni, allora non lo Sarò Io che loro giudicheranno, ma sé stessi.

45. Ho creato l’uomo con una tale perfezione che, se osserva sé stesso, può vedere una immagine di ciò che è il Padre suo. L’uomo però non ha saputo osservare sé stesso, né penetrare nel suo interiore: perciò non Mi ha riconosciuto.

46. Nelle differenti epoche Mi sono annunciato agli uomini in modo inaspettato. Chi vi avrebbe detto che il Messia promesso, il Figlio di Dio, nel Secondo Tempo non avrebbe avuto nemmeno una modesta casa per nascervi? Chi vi avrebbe detto che Maria, la moglie del falegname, sarebbe stata la Madre di Gesù?

47. Non sono venuto in questo tempo per sorprendervi. Se vi foste preparati, mentre aveste trasmesso la Promessa del Mio Ritorno da genitori ai figli, di generazione in generazione, vi avrei trovato in attesa della Mia Venuta; ma nessuno Mi ha aspettato. Una parte di voi ha dimenticato queste profezie, altri non le conoscevano, perché erano state tenute segrete. Pochissimi hanno indagato al Firmamento ed osservato gli avvenimenti nel mondo alla ricerca dei segni che dovevano annunciare il tempo della Mia Venuta.

49. Ciononostante, coloro che hanno aspettato il Mio Ritorno come Spirito di Consolazione, sentono che è arrivato il tempo e che Cristo è venuto spiritualmente all’umanità. Altri hanno sentito le voce della Mia Venuta e non hanno creduto.

50. Gesù ha detto ai Suoi discepoli: “Sarò assente solo per un tempo. Io ritornerò di nuovo”. Poi è stato rivelato a loro che il Maestro sarebbe venuto sulla Terra “sulla nuvola”, circondato dagli Angeli ed avrebbe mandato Raggi di Luce sulla Terra.

51. Vedete, sono qui “sulla nuvola” circondato dagli Angeli che sono gli esseri spirituali che si sono annunciati fra voi come messaggeri della Mia Divinità e come i vostri buoni consiglieri. I Raggi di Luce sono la Mia Parola che vi porta le Mie Rivelazioni e che inondano ogni intelletto con Sapienza.

52. Beati coloro che senza vedere, hanno creduto, perché sono loro che sentono la Mia Presenza.

53. Vegliate, perché questo è il tempo nel quale la tentazione lotta instancabilmente per vincervi. Ha migliaia di astuzie per separarvi da Me. Voi però dovete pregare e vegliare, affinché vi venga rivelato il modo per evitare ogni agguato. Vi ho insegnato a riconoscere il vero sapore del frutto divino, che è il contenuto della Mia Opera. Vi ho insegnato la via della virtù e l’adempimento dei vostri doveri spirituali ed umani. Questa è la via. Come potreste smarrirvi?

54. Non fuggite davanti alle prove, imparate ad affrontarle. Non basterà chiudere la vostra porta per essere indenne. Il pericolo penetrerà a porte chiuse. Non lasciatevi guidare nella tentazione dalle basse passioni.

55. Preparatevi, perché verrete combattuti attraverso teorie alle quali si sta proprio ora lavorando. Siate vigili, perché compariranno falsi profeti. Non dormite nell’opinione di aver vinto la battaglia, senza avere ancora superato la prima prova.

56. Non temete la lotta, vegliate e vincerete. Lo spirito è invulnerabile, ogni altra arma è fragile. Perciò combattete con lo spirito, il vostro sguardo deve sempre vedere con chiarezza ed il vostro avversario vi sarà consegnato, perché l’ira lo renderà cieco, perché non conosce la spiritualizzazione.

57. Non voglio nessuno prete o sacerdote nello spiritualismo. Voglio semplicemente apostoli. Non voglio che il mondo dica che sarete Miei. No, siate Miei buoni allievi, e tramite la vostra mediazione vi consegnerò grandi Insegnamenti.

58. Se vi preparate, questo tempo di lotta invece di dolore – sarà di ripresa, perché in questo si sperimenteranno segni e Miracoli.

59. La Mia Parola è suonata nei Cieli, e la sua eco è stata sentita sulla Terra.

60. Vi ricevo in questo giorno della Grazia. Voi siete gli allievi di Gesù, sempre i piccoli in vista della grandezza della Mia Dottrina. Io attizzo la Luce della vostra lampada ed allontano le spine che voi stessi avete coltivate, perché i vostri piedi sanguinano. Ricevete il Balsamo guaritore che guarisce tutte le ferite ed attraverso questo cessate di soffrire.

61. AscoltateMi e poi sondate la Mia Parola che vi consegno in tutta la semplicità, che però ha un profondo senso. In esso troverete contenuta la Mia Istruzione che è tutto Amore e Giustizia.

62. Mi sono dato a voi quando vi ho mandato la Mia divina Irradiazione. Vi ho rivelato il Mio Spirito consolatore, ma non siete stati ancora in grado di comprendere il significato di questa Comunicazione, e con ciò avete impedito che sia ancora più chiara; perché se giudicate male i vostri fratelli, provocate disunità ed impedite o chiudete la via della trasmissione attraverso la quale ricevete i Miei Messaggi. Dato che fra il Mio popolo non vi è né unità né amore, vi siete allontanati dalla Sorgente della Grazia, perché non Mi potete assicurare di amarMi, se non lo fate con i vostri prossimi.

63. Le Mie Leggi sono giuste, e la disobbedienza nei confronti di uno è sufficiente che il mondo perde la sua pace. Le Mie Leggi sono più grandi e più delicate di quanto avete presunto. Perciò le opere che gli uomini hanno fatto fin dal principio dell’umanità, fanno in modo che si diffondono sempre ancora un poco alla volta come un vortice che vi raggiunge.

64. Le nazioni non sono altro che delimitazioni che venivano fatte dagli uomini. I popoli, le religioni, i grandi o piccoli gruppi si trovano al di fuori delle Mie Leggi, perché non si riconoscono reciprocamente, giudicano le azioni estranee le quali a loro non spetta di giudicare. Ognuna di queste ha molto da migliorare in sé stessa, proprio così tanto o di più di quanto trova sbagliato nei suoi prossimi.

65. Gli uomini parlano di leggi, ma non le portano nel cuore, non le sentono, né adempiono le stesse. Il momento del risveglio è lo stesso per lo spirito. Io sto levigando i cuori che sono come rocce, perché non brillano come dovrebbero – cioè come gioielli molto amati dal Creatore. Sono pochi di coloro che sono di vero valore, ma la Mia Pazienza è incommensurabile. Io sono il Maestro che istruisce eternamente la vostra anima, la lucida e la perfeziona.

66. Non prendetevi come esempio l’uomo come perfezione, cercate come Modello il Padre, senza scoraggiarvi quando sperimentate che uno dei vostri fratelli commette una cattiva azione. Non permettete che la vostra fede diventi debole, perché tutti voi cadrete una volta lungo la via dell’espiazione e vi rialzerete; qualche volta è persino necessario che cominciate nuovamente la via. Alzatevi e prendete la volontà di vivere in Me. Quando vi mancano le forze per prendere su di voi la lotta della vita, allora prendetela da Me ed appoggiatevi al Padre vostro.

67. Perché avete permesso che si esaurisca la sorgente dell’amore che ho posta in voi? Non sapete che l’amore è vita e redenzione? Parlate con parole d’amore e diffondete i Miei Comandamenti e sentite la Mia Forza, perché dovete sapere che Io sono venuto per consegnare allo spirito tutte le Mie Facoltà e più lavorate, più sarete forti.

68. Io sono venuto per istruirvi, e voglio anche migliorarvi. Riconoscete voi stessi mentre penetrate nel vostro interiore. Non lasciatevi ingannare di credere che avete fatto grandi progressi, se prima non avete imparato a perdonare e ad amare. Dovete essere sinceri ed esercitare la modestia, solo così vi potete sentire come padroni dei Doni del vostro spirito, capaci di fare grandi opere e di andare ovunque. Allora non esisterà nessun ostacolo che potesse fermarvi, ed ogni pericolo scomparirà. Potrete scendere nell’oscurità e non capiterete nella confusione, al contrario, allora risplenderete nella Luce più chiara e potrete salvare coloro che vi dimorano.

69. Fin dal principio dei tempi vi ho fatto conoscere questo Comandamento: “Ama Dio di tutto cuore e di tutta l’anima” e “ama il tuo prossimo come te stesso”. – L’osservanza di queste Leggi che nella loro dualità formano una unica, colmerebbe questo mondo con gioia, pace e felicità. Se sondate che l’uomo ha sofferto per via della non osservanza di queste Leggi ed ha perduto la direzione della sua via, vi sentirete incoraggiati a cominciare una nuova vita e riconoscerete che c’è molto da fare nel vostro mondo interiore ed anche presso i vostri prossimi.

70. L’amore è capace ad accendere la fede in un unico momento, di unire gli uomini, risvegliare in loro molte facoltà che oggi sonnecchiano ancora, di dare nuova Luce agli occhi del corpo e dello spirito. Se avete amore nel cuore, avete il Cielo in voi.

71. Se una volta il mondo amerà, scenderà su di esso la pace, il Mio Regno e la Mia Presenza saranno in ogni spirito e sarete preparati per rallegravi della vita spirituale nella quale raggiungerete una perfetta felicità.

72. Quante volte dovrete ritornare sulla Terra per avere un corpo, attraverso il quale si rivela il Messaggio con sempre maggior chiarezza che consegnate al mondo? Permettete che la vostra anima sperimenti come una allodola in questa vita la sua primavera e la goda, e che nel suo pellegrinaggio trovi la necessaria esperienza di ritornare a Me. Mentre i ricchi raccolgono tesori che sono troppo perituri, voi dovete raccogliere l’esperienza, vero sapere.

73. Io voglio che voi creiate case che credono nell’Unico Dio – case che sono templi nei quali si esercita l’amore, la pazienza e l’auto abnegazione. In queste dovete essere insegnanti dei bambini, i quali dovete circondare con tenerezza e comprensione, sui quali dovete vegliare mentre seguito tutti i loro passi con partecipazione, come anche su coloro che apparentemente sono brutti. Non sempre un bel viso è il riflesso di una anima altrettanto bella. Dietro a quella creatura di apparente bruttezza si può invece nascondere un’anima piena di virtù che dovete sommamente apprezzare.

74. Pregate con umiltà e permettete che la Mia Volontà sia fatta in voi, perché ciò che chiedete non è sempre il giusto, il nobile ed il buono. Allora Io vi darò ciò che è bene per voi, affinché abbiate una vita pacifica e felice.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

* * *

[indice]

INDICE esteso

 

 

 

Vers.Nr.

Istruzione 111

 

Le visitazioni del tempo della fine ed il Regno di Pace dopo

10-16

I compiti dei 144.000 segnati

18-22

Lotte contro le Comunicazioni Divine

25-34

L’agire di Elia

38-40

Prove sono necessarie e previste da Dio

43

La spiegazione spirituale di: I sordi sentono, i paralitici camminano, i ciechi vedono ed i morti risorgono

50-55

Gli strumenti delle Comunicazioni divine

56

Il potere del perdono

65-67

 

 

Istruzione 112

 

Dio non punisce, siamo noi stessi che lo facciamo

4-7

Dio ci concede pieno potere sulle potenze della natura

8-9

Gesù, il Medico dei medici e la guarigione spirituale

21-28