Messico

1866 – 1950

 

 

Il libro della Vera vita

 

(IL TERZO TESTAMENTO)

 

*******

Insegnamenti del divino Maestro

 

Volume IV

 

Istruzioni

83 - 110

 

 

Titolo dell’edizione originale spagnola: ‘Libro de la Vida Verdadera

Editore: Asociación de Estudios Espirituales - ‘Vida VerdareraA.C. / Calle 5 numero 10, Mexico 18, D.F.

Tutti i diritti riservati. Mexico D.F. 1958. Reg. 26002

La prima edizione originale è comparsa in Messico nell’anno 1956

Questa traduzione è da una edizione in tedesco del 1979 da una copia dalla 2° ed. in lingua originale del 1966

Edita da: Casa Editrice Reichl St. Goar (D) “Il Candelabro”

Responsabili per la traduzione in tedesco dell’Opera: Walter Maier e Traugott Göltenboth

Copyright per le edizioni nella lingua tedesca: 1991 by Editore Reichl, D-5401 St.Goar

Traduzione dalla versione tedesca in italiano: Ingrid Wunderlich

 

Letteratura

Pagine web

 

INDICE esteso

INDICE

Istruzione 83

Istruzione 84

Istruzione 85

Istruzione 86

Istruzione 87

Istruzione 88

Istruzione 89

Istruzione 90

Istruzione 91

Istruzione 92

Istruzione 93

Istruzione 94

Istruzione 95

Istruzione 96

Istruzione 97

Istruzione 98

Istruzione 99

Istruzione 100

Istruzione 101

Istruzione 102

Istruzione 103

Istruzione 104

Istruzione 105

Istruzione 106

Istruzione 107

Istruzione 108

Istruzione 109

Istruzione 110

 

 

Istruzione 83

 

1. Questo è il tempo nel quale ogni occhio Mi vedrà, come ve lo hanno annunciato i profeti; adesso Io aggiungo: Questo è il tempo nel quale anche ogni orecchio Mi udrà ed ogni cervello comprenderà le Mie Comunicazioni.

2. Ora lo spirito è in grado di interpretare molti Insegnamenti e di penetrare in molti Misteri; non è più il piccolo bambino dei primi tempi davanti al quale ho dovuto tenere segreto molti Insegnamenti, affinché non capitasse in confusione, ed al quale ho dovuto svelare tutti i Misteri in forma di immagini simboliche, affinché potesse camminare sulla via spirituale.

3. Ogni epoca è una Luce, una nuova Lezione, e se ho allungato l’attuale tratto di sviluppo, è per dare alle grandi schiere di esseri spirituali la possibilità di percorrere la via terrena per sondare i Miei Insegnamenti e seguire le Mie Istruzioni; allora sulla via della Vera Vita avanzeranno di un passo.

4. La Mia nuova Parola vi farà dimenticare molto del vostro passato, e questa comprensione sarà un luminare che rischiara la vostra via spirituale. Perciò vi ho detto molte volte: “Alzate il vostro volto e vi rendete conto del tempo nel quale vivete”, soltanto così potete utilizzare il tratto della vita che vi ho affidato sulla Terra.

5. I beni spirituali, le facoltà e possibilità sono rimasti dormienti in molti uomini, in altri si sono solo debolmente sviluppati, ma ora è venuto la Mia divina Luce ed ha scossa le anime nel loro sonno per elevarle ad una vita superiore attraverso la quale Mi possono comprendere in un modo più perfetto.

6. Indagate le Mie Istruzioni e diteMi se questa Dottrina potrebbe essere inclusa nelle vostre religioni; vi ho rivelato tutti i suoi particolari ed il senso del loro contenuto universale che non si limita solamente alle parti dell’umanità oppure a (determinati) popoli, ma oltrepassa l’orbita del pianeta del vostro mondo, per includere l’Infinito con i suoi mondi viventi dove – come in questo mondo – abitano anche figli di Dio.

7. Discepoli: Risvegliatevi, aprite i vostri occhi spirituali, ascoltate la Mia Parola, penetrate nel contenuto del suo senso e poi portate la buona Novella ai vostri fratelli. Provvedete però che il vostro messaggio sia sempre forgiato dalla Verità e dalla purezza con le quali sono venuti da voi. Allora sveglierete dolcemente dal loro sonno tutti quelli che dormono, come Io ho svegliato voi.

8. Vieni a Me, o amato popolo – vieni, per riposarti dalla tua fatica terrena. Si apre il vostro cuore per ricevere il Mio Amore e la Mia Forza ed Io vi accolgo e vi benedico.

9. Io voglio che in questo tempo del materialismo viviate con anima desta, nel quale ogni Comunicazione spirituale viene disprezzata, senza che ci si ricordi che la parte essenziale dell’uomo è lo spirito, e che ambedue (anima e spirito) diventino forti in questa vita attraverso i loro meriti e devono salire in Alto.

10. E’ la Mia Volontà che voi, che ho avvolti nel Mio Amore, insegniate la fede e la fiducia in Me e le risvegliate nei vostri fratelli. Non voglio tenere in considerazione la vostra indifferenza e la vostra mancanza d’amore nei confronti del Mio Spirito. Nessuno potrà strappare i santi legami che uniscono gli uomini con Me, nessuno potrà nemmeno impedire che Io vi ami. Perché gli uomini non Mi hanno cercato nonostante il loro dolore? Le loro parole ed azioni feriscono il Mio Sentimento paterno, non degnano il Mio Amore, né sentono la Mia Benedizione.

11. In voi vi è la soluzione per tutti i problemi che tormentano i vostro fratelli. Vi ho dato la chiave alla felicità, affinché vi sia prontezza d’aiuto ed amore fra di voi. Voi tutti potete attrarre il Mio Spirito e sentire la Mia divina Influenza, quando Mi invocate con amore.

12. Dopo la vostra lotta vi voglio vedere sorridere di soddisfazione. Io voglio che sentiate che Io vi sono stato molto vicino. Non lamentatevi da Me, se i tempi presenti sono ostili; se voi foste rimasti virtuosi, il dolore non avrebbe ferito il vostro cuore, né avreste vacillato. Vi ho inviato per adempiere una destinazione d’amore che non avete ancora capito.

13. Si avvicina il tempo nel quale dovete accingervi ad operare in altri paesi. Pregate e vegliate già oggi per tutte le nazioni, perché attraverso doveri siete legati a loro e li dovete adempiere. La vostra preghiera illuminerà e salverà delle anime.

14. Come potete assistere con tranquillità che i vostro prossimi al loro ritorno nella valle spirituale portino profondamente incisi in loro il materialismo ed il dolore che hanno raccolti sulla Terra? Molti di loro si incarneranno di nuovo ed allora saranno visibili le conseguenza della sofferenza causata dalla loro disobbedienza. Allora verrete a sapere che la lotta dell’anima terminerà solamente quando questa si sarà perfezionata.

15. Confidate nel fatto che il vostro buon Maestro vi guida sulla via della Verità, ovunque siate. Sarete tutti guidati da Me, gli uni all’inizio della via, altri alla fine della stessa.

16. Le Mie nuove Rivelazioni divine sorprenderanno in questo tempo lo spirito degli uomini, anche se vi dico in Verità che la loro sorpresa sarà ingiustificata, perché è la cosa più naturale che l’anima riceva sulla sua via un poco alla volta il frutto del suo sviluppo.

17. Sono Io che ho dovuto seguirvi sui sentieri intrapresi da voi per liberarvi dai pericoli e per impedire che andaste a fondo. Quando seguirete voi Me, incoraggiati da quella Voce che ha detto ha Simone, Andrea e Giovanni: “Lasciate le vostre barche e le vostre reti e seguiteMi?”

18. La lotta si è stabilita nell’interiore del vostro cuore, sentite la Mia Voce che tocca la vostra anima che vi dice attraverso il vostro spirito: SeguiteMi, mentre la carne ed il mondo esercitano grande influenza sull’anima.

19. Sono d’accordo che esista questa lotta interiore, perché significa che nonostante le tentazioni alle quali vi sentite sottoposti sulla Terra, conservate ancora amore per Me e sapete sentire la voce dello spirito che esige i suoi diritti dal mondo e dalla carne. Guai però a coloro che non sentono in sé questa contesa, perché il loro cuore sarà freddo come una tomba che cela un defunto!

20. Tutto ciò che succede nel presente, era stato pronunciato e scritto dai Miei profeti. Cercate in quegli scritti e troverete nella storia descritta prima tutto ciò che sperimentate proprio adesso nel mondo. Allora Io vi dico che verranno ancora eventi che in quei tempi non erano ancora stati predetti, perché il Signore Si era riservato queste Profezie per farle conoscere in questo tempo attraverso l’organo dell’intelletto umano.

21. Credete forse che tutto era già stato predetto e che sulla Terra non ci fossero più profeti?

22. Comprendete che Io sono venuto per rivelarvi molte Profezie che domani si adempiranno, e che ho fatto questo attraverso creature il cui intelletto non è istruito e le loro parole non scelte per darvi dimostrazioni della Mia Potenza. Alcune di queste Profezie venendo da semplici labbra le avete già viste adempiersi, e l’umanità futura vedrà adempiersi tutte le altre.

23. Cari discepoli, ristoratevi in quest’atmosfera di spiritualizzazione che vi circonda nelle brevi spanne di tempo della Mia Comunicazione. Gustate il Pane e fortificatevi con esso, perché presto non sentirete più la Mia Parola. Vi lascerò colmi della Mia Grazia e del Mio Amore, affinché vi affrettiate a diffondere il Buon Messaggio che vi ho portato in questo Terzo Tempo.

24. Provvedete che vi sia sempre purezza nel vostro cuore – in questo vaso che dovete tenere pulito sia all’interno che all’esterno, perché proprio là si adagerà il Mio Amore come Acqua dell’eterna Vita.

25. Mantenete questi vostri incontri e fate di questi la santa cena. Non credete che il Mio Spirito sia lontano dai Miei discepoli, perché vedete che ritiro la Mia Parola da voi. Lasciate sempre un posto libero alla tavola per il Maestro, dato che presiederò sempre ai vostri raduni e distribuirò ad ognuno di voi il Pane spirituale; ma Io vi dico che questo posto dev’essere nel vostro cuore.

26. La testimonianza che date del Mio Ritorno, dev’essere pura, allora vedrete alzarsi da tutte le direzioni del Cielo masse di popoli e sentirete dire: ‘ Il Signore è venuto ‘sulla nuvola’ come Egli ci aveva annunciato; ci ha mandato il suo popolo e noi ci siamo uniti con esso”.

27. O voi molti uomini che in questi momenti Mi sentite, non sapete quali di voi saranno domani i Miei messaggeri! Gli uomini li ascolteranno, ma i messaggeri non si aspetteranno da loro né ricompensa né lusinghe; passeranno attraverso il mondo spargendo la Mia Semenza con lo sguardo rivolto al Signore.

28. I Miei messaggeri non dovranno contare solo sulle loro proprie forze, altrimenti soccomberebbero presto nella lotta; saranno provvisti con un pieno potere superiore ed una maggior forza che non permetterà che si stanchino e li renderà invincibili.

29. Un inviato da Me non è mai stato solo nella lotta, legioni di esseri di Luce lo hanno accompagnato e protetto. Nessuno dubiti o tema quando si avvicina l’ora della predica e della semina, perché il Mio Amore sarà con voi per darvi coraggio, fede e forza.

30. E’ stato sciolto il Sesto Sigillo, e la sua Luce è stata veduta da uomini semplici, dagli umili, da colui che è di cuore puro. Il Luminare è acceso, ma l’umanità sta sempre ancora dormendo, e questo popolo non ha ancora afferrato il significato della Comunicazione che ha ricevuta; perciò la sua paura di comunicarla al mondo. Non lasciate almeno diventare offuscata l’Acqua di questa / Sorgente, affinché i viandanti stanchi ed assetati, quando verranno da voi, vi possano spegnere la loro sete e dichiarare che è pura.

31. Vi siete abituati all’ombra di quest’Albero e temete di camminare sulle vie che vi conducono ad altri popoli e regioni. Io però vi dico che non dovete attendere l’arrivo della notte per trasmettere la buona Notizia, perché allora tutti dormono. Andate con la luce del giorno, ma ogni volte che vi preparate, fate un passo in avanti, perché si sta avvicinando l’ora della vostra lotta. Chi si crede preparato ed è partito anzitempo, Io lo fermerò tramite prove che gli metterò sulla via per fargli riconoscere che non sente ancora la Mia Opera nel suo cuore, che non l’ha studiato abbastanza per annunciarla, che dal suo cuore non sgorga il sentimento dell’amore per il prossimo, né il suo spirito è sufficientemente reso ferreo per resistere alle tempeste. Fra di voi ci sono moltissimi esempi di coloro che sono partiti di propria volontà e non hanno obbedito ai Miei Comandi. Questi sono caduti sulla loro via ed il loro ritorno era doloroso. Perché diventate ingrati nei confronti del Mio Amore provvidenziale?

32. Quando alcuni di voi si erano stancati della vita, altri erano smarriti su vie incerte, e nuovamente altri erano sprofondati nel fango – Chi vi ha prestato Aiuto? Era forse l’uomo? – No, discepoli. Quello che vi ha rialzato era questa Parola che dona vita e speranza. Non vi ho tenuto in conto quello che siete stati prima di aver ricevuto la Mia Luce. In vista però di ciò che state facendo ora, devo chiamarvi a rispondere. Voi sapete che il Mio Sguardo ha scoperto colui che ha nascosto la sua mano macchiata con il sangue fraterno – colui che ha nascosta i “petali di rose sfogliate” e colui che ha cercato di nascondere il furto e l’adulterio nel suo cuore: Io ho visto tutto e sul mantello con il quale avete cercate di nascondere le vostre infamie, Io ho steso il Velo della Mia Misericordia, affinché nessuno al di fuori di Me vi dovesse giudicare e vi ho purificato con Perdono ed Amore.

33. Vi siete dovuti svegliare a questa Voce ed in vista della Presenza invisibile di Colui che vi parla, avete dovuto credere. Vi dico nuovamente: Beati coloro che hanno creduto senza vedere.

34. Il cuore delle donne era profondamente mosso alla voce della loro Madre divina ed ogni parola di Maria era una goccia di rugiada su quei cuori inariditi dalla sofferenza. Le giovani ragazze però, le mogli, le madri, le vedove ed anche i fiori sfogliati sono stati guidati all’amabile giardino della Vergine e da tutte fluiva un nuovo profumo.

35. Quando sarete preparati per portare ad altri popoli le Istruzioni che avete ricevute? Riconoscete che il seme dell’amore e della spiritualizzazione non germoglia ancora nel cuore di questa umanità. La vita degli uomini è dominata dal fanatismo – per via di fanatismo religioso, fanatismo di razze, fanatismo per fama ed il potere del mondo e per via del fanatismo di sé stesso.

36. E’ necessario che miglioriate ogni giorno la vostra vita, affinché diventiate esempio e sprone nella vita dei vostri prossimi: adempite la missione che il Padre vostro vi ha affidato, perché vi concederò che vedrete adempiute le vostre più alte nostalgie.

37. Dovete tuttavia studiare ed approfondire le Mie Istruzioni, perché se vi interrogassi dopo la precedente Lezione – la potreste ripetere? In Verità vi dico: No. State però tranquilli, perché in questo giorno ve ne porterò un’altra che vi ricorderà la precedente e vi aiuterà a comprenderla. Così è il vostro Maestro, vestito di Pazienza ed Amore.

38. Nel Secondo Tempo la Parola divina è diventata Uomo, affinché la Sua Dottrina venisse udita sulla Terra; in questo tempo la Parola è Luce che cade sull’organo d’intelletto umano e fiorisce nella Parola della Vita.

39. Il profeta Giovanni ha annunciato la Mia Venuta nel tempo di allora: adesso Elia sta preparando la Mia Comunicazione spirituale in questo tempo mentre si annuncia spiritualmente agli uomini; ma in Verità vi dico, l’uno come l’altro sono premessaggeri e lo stesso spirito.

40. Ogni nuova epoca era collegata per voi con Rivelazioni che vi spiegano gli eventi passati che non avevate ancora compresi. L’ultimo raccolto vi darà la vera Sapienza.

41. Fino a quando dura la Mia Comunicazione attraverso questi portatori della Voce, non sarò riconosciuto in tutto il mondo; deve passare un certo tempo, i cuori dei Miei messaggeri si devono purificare, allora questo Messaggio potrà raggiungere l’umanità libero da influenze materiali.

42. Questa Istruzione è la via alla Vita eterna, ognuno che in questo Insegnamento scopre una forza e perfezione elevatrice, saprà unirlo con quello che vi ho insegnato quando ero sulla Terra, perché il suo nucleo essenziale è lo stesso.

43. Chi non sa trovare la Verità contenuta nei Miei Insegnamenti, potrà persino assicurare che questo Insegnamento non condurrà alla stessa mete come gli Insegnamenti di Gesù. Le anime abbagliate da cattive interpretazioni oppure smarrite dal fanatismo non potranno comprendere subito la Verità di queste Rivelazioni. Devono passare attraverso una via di prove per staccarsi dal modo del pensare materialistico che le ostacola a comprendere ed adempiere il Mio Comandamento che vi insegna di amarvi l’un l’altro.

44. Io, il Maestro, sono l’Unico che vi può rivelare che proprio in questi momenti stramilioni di esseri passano attraverso quella via dolorosa di prove, di esperienze e del risveglio, affinché aprano i loro occhi e cerchino orizzonti che sono al di là di ciò che il loro cuore ed il loro intelletto hanno potuto creare.

45. “Ho sete”, vi dissi nuovamente, “ho sete della vostra elevazione e del vostro amore”, ma nessuno ha offerto alle Mie Labbra l’acqua che la potesse spegnere; forse sarò costretto a mantenere aperta e fresca la ferita al Mio Fianco per non farla cessare di far fluire l’acqua della vita sul mondo.

46. Questo è il tempo della grande lotta descritta da profeti nei loro sogni e visioni spirituali; gli uomini opporranno la loro violenza alla Mia Legge nel tempo, nel quale si alzerà ogni essere materiale o spirituale che ospita l’egoismo nel suo cuore per lottare contro la Mia Giustizia. La Mia Spada è pronta, non è un’arma che punisce o uccide – è la Spada che nella sua lotta alla salvezza di colui che come vittima di sé stesso muore, lo alzerà con una tale potenza che qualche volta rovinerà persino il suo corpo per far raggiungere allo spirito la Vita eterna.

47. Afferrate in modo giusto questi Ammaestramenti e non cadrete nello smarrimento, comprenderete piuttosto il motivo per così tante prove spaventose che sta subendo l’umanità e che non siete capaci di spiegare.

48. Lo scopo della Mia Comunicazione è di allontanare la vostra anima dal sentiero della sofferenza. Ho chiamato con insistenza finché avete aperto la porta del vostro cuore; allora ho potuto farvi sentire la Tenerezza della Mia Benedizione e la Mia Pace ed avete esclamato: Il Signore mi era stato molto vicino!

49. Domani porterete questo buon Messaggio all’umanità che credeva lontano il suo Signore; perché quando parla di Dio, lo fa come di qualcosa di irraggiungibile, incomprensibile ed inaccessibile.

50. L’idea che l’umanità si fa di Me, è infantile, perché non ha saputo sondare le Rivelazioni che le ho dato incessantemente. Per colui che si sa preparare, Io sono visibile e percettibile e presente ovunque; ma per colui che non possiede nessuna sensibilità perché il materialismo lo ha indurito, non è quasi comprensibile che Io esista, ed ha la sensazione che Io Sia incommensurabilmente lontano che è impossibile che Io possa Essere percepito o veduto in qualche modo.

51. L’uomo deve sapere che Mi porta in sé, che nella sua anima e nella Luce del suo spirito possiede la pura Presenza del Divino.

52. Quando il nuovo Messaggio sarà accolto dall’umanità, sentirà un brivido di gioia che la farà ritornare alla spiritualizzazione attraverso la quale si sentirà più vicino al suo Signore.

53. Uno dei motivi perché Mi sono reso udibile materialmente per annunciarMi in questo tempo, era che voi sentiste che non posso Essere lontano da nessuno dei Miei figli e che anche la vita spirituale non è distante dalla vostra. Per mostrarvi questo ho permesso la comunicazione e la presenza del mondo spirituale fra di voi.

54. Queste sono Opere che posso e devo fare unicamente Io, senza riguardo al giudizio che gli uomini se ne fanno. Io so che le Mie Opere verranno riconosciute da tutti come perfette.

55. La totalità delle Comunicazioni che avete avuto in questo tempo, verrà studiata con il massimo interesse ed in queste l’umanità troverà le grandi Verità e le grandi Rivelazioni, perché nella Mia Opera nulla è piccolo.

56. Fidatevi che questa Parola vi porterà su una via sicura, perché se una volta Gesù passava e molti non Lo sentivano, voi ora dovete però preparare il vostro cuore per ricevere l’essenza della vita che Io ho portato all’umanità. Ho adempiuto la Promessa che ho fatto ai Miei apostoli, ma ho sempre ancora molti Insegnamenti da comunicarvi.

57. Perché Mi annuncio fra i non istruiti, gli impacciati e peccatori? In Verità vi ho fatto sapere nel tempo di allora che la Mia Venuto avrebbe avuto luogo, quando ci sarebbe stata una grande depravazione nel mondo.

58.Vi era stata annunciata anche una grande confusione e questa sta arrivando; è necessario che allora ci sia un grande faro per orientare i naufraghi, affinché trovino la giusta rotta. In Verità però vi dico che questo faro ha già acceso la sua Luce ed illumina il mondo: sono Io che Mi avvicino al cuore dell’uomo per fargli sentire la Mia Voce.

59. Nuovamente vi dico che colui che conserva la Mia Parola e segue i Miei Insegnamenti, sarà salvato.

60. Non vengo per risvegliare fra gli uomini un fanatismo religioso; la Mia Dottrina è molto distante ad insegnare cose false; Io voglio miglioramento, fede, amore per il prossimo, spiritualizzazione. Il fanatismo è una scura benda davanti agli occhi, è passione malsana, è oscurità. Vegliate affinché questa cattiva semenza non penetri nel vostro cuore. Pensate che il fanatismo qualche volta ha l’apparenza di amore.

61. Comprendete che questa oscurità ha visitato l’umanità in questo tempo, Riconoscete che – benché i popoli pagani siano scomparsi dalla Terra e la maggior parte dell’umanità si dichiara per l’adorazione del vero Dio – gli uomini né Mi conoscono né Mi amano; perché le loro guerre, il loro odio e la mancanza di armonia sono una dimostrazione che non Mi lasciano vivere nei loro cuori.

62. Sull’oscurità di questo fanatismo religioso e su questa idolatria si stanno avvicinando grandi tempeste turbolenti che purificheranno il culto spirituale degli uomini. Quando quest’Opera sarà compiuta, nell’Infinito risplenderà l’arcobaleno della pace.

63. Solo la Mia Voce nella sua divina Giustizia vi può dire che non avete adempiuta la vostra missione né sulla Terra né quando siete passati attraverso lo Spazio spirituale.

64. Per Me non esistono ostacoli per intenderMi con gli uomini e per annunciare loro la Mia Volontà. Vedete, per le Mie Comunicazioni non c’era il bisogno di uomini giusti; perché vi ho dato la Mia Parola attraverso peccatori ed in ciò potete trovare una ulteriore dimostrazione della Mia Potenza e della Mia Misericordia.

65. Io voglio che ognuno che viene raggiunto da questo Messaggio si purifichi qui sulla Terra attraverso l’esercizio di questa Dottrina celeste affinché, quando ritornerà nell’aldilà, lo farà con l’anima già pura.

66. Ogni Parola che procede da Me, è di Vita eterna. Oggi l’avete ricevuta attraverso i portatori umani della Voce.

67. Io vi dico, è un buon segnale che in questo tempo siete entrati in contatto con il Padre attraverso il vostro organi d’intelletto; ma dovete anche sapere che questa forma non è la meta né il culmine della perfezione; che già prima ed in tutti i tempi il Signore ha parlato al mondo attraverso la bocca d’uomo. Questa Comunicazione però qui in mezzo ad una umanità materialistica ed un mondo insensibile per lo spirituale, è un Miracolo che gli uomini attribuiranno domani solo all’Amore che Dio sente per voi; ma è anche una conferma che l’anima umana sente la spinta di elevarsi animicamente.

68. Questa è l’aurora di una nuova epoca; i primi raggi cominciano a svegliare gli uomini. Quando la vostra fede e la vostra elevazione animica Mi afferreranno con una comprensione più profonda di quanto considerate attualmente ancora come giusta, eterna e perfetta, allora Mi contemplerete nell’Infinito come Io mando la Mia Luce a tutti gli esseri.

69. La Mia Divinità sarà per il vostro spirito come la Luce di mezzogiorno. Risplenderà allo Zenit come un Astro che illumina l’Universo e gli dà la Vita. I cuori nel collegamento con il loro Padre riceveranno direttamente i Suoi divini Raggi attraverso la perfetta Comunicazione da Spirito a spirito che è la meta e l’ideale per l’armonia fra il Padre ed i figli, ed anche tra fratelli.

70. Ti devo chiedere, popolo: Che cosa hai seminato sui tuoi campi? Hai pulito le vie affinché i vostri fratelli possano venire a Me? Grande è la folla che in questo tempo Mi ascolta, ma piccola è la parte che Mi segue nella realtà. Io guardo nel più intimo del vostro cuore e vi dico: Non desiderateMi con Giudice, cercateMi sempre come Padre e come Maestro, allora vi aprirò la Mia segreta Camera del Tesoro e vi sentirete al sicuro.

71. Alla Mia nuova Venuta vi ho lasciato aperta la Mia Camera del Tesoro, come nei tempi passati, per rivelarvi molti Insegnamenti; perché dà Gioia al Padre, quando rivela ai Suoi figli nuovi Insegnamenti. Guai a voi, se anche voi che ricevete i Miei divini Comandamenti, li dimenticate o non li adempite per mancanza d’amore, perché allora trasformereste il vostro Padre in un Giudice!

72. Maria ha pianto moltissimo sulla vostra miseria! Le dovete moltissimo per via della sua tenerezza e del suo amore! Coloro che la invocano, come anche coloro che non la riconoscono – lei fa sentire a tutti il suo calore materno e le infinite delizie della sua carezza. In Verità vi dico, prima che le anime arrivano a Me, sulla loro via devono trovare Maria, la Madre divina.

73. In questo tempo avete anche un pastore. Come Mosè che vi ha condotto via dall’Egitto e vi ha portato uniti attraverso il deserto fino al piede del Sinai, affinché sentiste la Voce del Padre e riceveste la Sua Legge, così Elia vi ha visitato in questo tempo da diversi punti della Terra per portarvi sulla via della preparazione animica fino al piede del nuovo monte dal quale sentite scendere la Mia divina Voce e ricevete la Mia Rivelazione.

74. In Verità vi dico, questo tempo della decisione sulla Terra è decisivo anche per l’intero Universo e mentre vi parlo in questa forma, Mi rendo percepibile anche in altri mondi ed altre sfere. Il Mio Spirito è onnipresente.

76. Prega, popolo, con uno spirito e pensieri di pace per vincere le tentazioni. Non accontentatevi con la pace della vostra casa o della vostra nazione. Lavorate per la pace di tutti i vostri fratelli. “Amatevi l’un l’altro”.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 84

 

1. Non vi ho guardato come grandi o piccoli, in questo tempo ho parlato a tutti voi come a figli che Io amo allo stesso modo. Cercate il contenuto spirituale della Mia Istruzione e diffondetela, e più trasmettete ai vostri fratelli, più vi verrà dato.

2. La Mia Misericordia vi aiuta a sopportare il dolore della vostra espiazione con la quale la vostra anima si purifica. Conservate lo stato dell’elevazione animica con tutte le vostre forze, affinché alla Mia Presenza non scoppiate di nuovo in singhiozzi.

3. Le schiere di uomini sono venute qui da diverse regioni nel desiderio della Mia Parola; portano dinanzi a Me le loro preoccupazioni e miserie quotidiane. Io vedo l’afflizione e la sofferenza che le nazioni stanno vivendo, e vi prego di inviare loro un messaggio di pace con la vostra preghiera profondamente sentita e piena di compassione. Fate l’intercessione per i vostri fratelli; “chiedete e vi verrà dato”.

4. Se avete fede in Me e confidate nella Mia Parola, la guerra non penetrerà in questa nazione e questa sarà una ulteriore testimonianza che il Mio Spirito divino è sceso a voi. I meriti che dovete conquistare affinché avvengano miracoli sulla vostra via, sono: il rinnovamento (animico), la preghiera, la misericordia, la buona volontà e l’amore per i vostri prossimi.

5. Voi che formate una comunità che è destinata a dare dimostrazioni e testimonianza della Mia Comunicazione in questo tempo, non deve vacillare, non deve permettere di vedere scorrere il sangue dei vostri fratelli nella vostra nazione, sulle vostre piazze di mercato ed i vostri campi, né di assistere alla tristezza o alla fame dei vostri figli. Io vi do delle armi della Luce, affinché vi possiate mettere in difesa contro ogni trappola. Vi ho anche mostrato come potete conservare la salute dell’anima e del corpo per essere forti. / Sì, popolo, non continuare a provocare delle malattie, non dimenticare che è sempre la disobbedienza che apre loro le porte. Pregate per voi e per l’intera umanità. Io dico a coloro che versano lacrime per via delle nazioni che stanno vivendo una pesante prova, che in queste ritornerà di nuovo la pace. Da coloro che oggi si uccidono e si fanno guerra fra fratelli, farò sorgere coloro che domani predicheranno ed eserciteranno l’amore. La Mia Potenza è grande, non dubitatene. Vedrete ancora come erigerò sulle macerie di questa umanità un nuovo mondo sul quale non si troverà nessuna traccia di ciò che era peccato.

6. Se ho chiamato sordi molte nazioni e popoli allora solo perché la Mia Voce ha chiamato davanti alle porte di tutti i cuori e loro non hanno compresa la Mia Chiamata. Coloro che sono caduti nell’abisso delle passioni, possono ben bestemmiare contro di Me qui nel mondo; ma quando saranno una volta alla Mia Presenza, dovranno confessare che Io sono stato presso ogni uomo ed ogni popolo nel momento giusto per ammonire e avvertire. Non vi rendo prevenuti verso nessuno, vi incarico sempre di lasciar fluttuare sul mondo i vostri pensieri come spirito di pace, benché Io vi avverta a non lasciarvi sedurre da insegnamenti estranei né da false promesse, affinché non permettiate che nel vostro cuore venga seminata l’erbaccia, la contesa, l’egoismo. Adempite il vostro compito e lasciate il resto a Me.

7. In Verità vi dico, le potenze della natura sono pronte ad irrompere nell’obbedienza verso la divina Giustizia. Compiranno un’opera di purificazione. Io però vi dico anche: persino quando l’umanità scomparirà dalla Terra, il Mio Nome e la Mia Presenza non potrà mai essere cancellato dallo spirito.

8. Discepoli, resistete contro lo scherno e la derisione finché il mondo riconoscerà che non eravate catturati nell’errore. Vi darò segni e dimostrazioni in sovrabbondanza che sveglieranno gli uomini ed apriranno i loro occhi alla Luce. Dovete però faticare, dato che non vi ho mandato nel mondo per dormire. Oggi che vi siete svegliati tramite la Chiamata del vostro Maestro, dovete utilizzate il tempo per poter mostrarMi alla fine un ricco raccolto della vostra semina.

9. Venite alla Mia Parola d’Insegnamento e colmate il vostro spirito con Sapienza. In mezzo al caos che regno nel vostro mondo, avete trovato questa oasi di pace dove potete sentire le voci degli Angeli che vi dicono: “Pace sulla Terra agli uomini di buona volontà”.

10. Quando alcuni dei vostro prossimi si procurano conoscenze su queste Istruzioni, allora lasciateli fare. I Miei nuovi discepoli sono sparsi fra l’umanità, e quando i miscredenti vi scherniscono e vi diffamano, perdonate loro. Io vi giustificherò. Molti di coloro che oggi vi disconoscono, domani vi benediranno. / Abbiate sulla vostra via sempre davanti agli occhi l’esempio che Io vi ho dato nel Secondo Tempo; vi aiuterà a portare con pazienza la vostra croce. Ricordatevi che Io sono stato disconosciuto finché ho vissuto sulla Terra, e solo molto tempo dopo il Mio Cammino fra gli uomini è stato riconosciuto.

11. Abbiate pazienza e comprensione, perché l’umanità non deve riconoscere voi, ma la Mia Opera, la Mia Dottrina, e questa è eterna. Il vostro compito è di trasmettere con le vostre parole ed azioni il Messaggio che rivela agli uomini il modo come possono fare un passo verso il perfezionamento.

12. In Verità, ho fame e sete del vostro amore e della vostra comprensione. Voi tutti avete il sapere intuitivo che Io esisto, ma chi Mi conosce? In realtà l’idea che avete della Mia Divinità, è confusa, perché Mi avete delimitato e falsificato attraverso i vostri riti ed immagini. Per liberarvi da questo errore la Mia Parola continuerà a scendere sul vostro spirito come un inesauribile fiume fino al momento che è stabilito dalla Mia Volontà. / Mentre le Mie Istruzioni e le Mie Rivelazioni vi diranno chi siete, qual è la vostra origine e la vostra meta finale, imparerete a conoscere meglio il vostro Padre nel riconoscere voi stessi.

Io vi dico che ciò che vi ho rivelato in questa Parola e quello che vi rivelerò ancora, nessun maestro del mondo ve lo avrebbe potuto insegnare, per quanto fosse anche saggio, perché solo Io posso svelare l’insondabile, quando è necessario che lo sappiate.

13. La Mia Comunicazione nel Terzo Tempo è stata qualcosa che non era stato previsto dall’umanità, perché ha dimenticata le Profezie; ma oggi sono venuto per adempiere le stesse. La lingua dei portatori della Voce attraverso i quali Mi sono annunciato, è stata semplice, però il contenuto del senso di questa Parola contiene il Mio Amore e la Mia Sapienza.

14. Chi sonda l’Insegnamento dello Spirito del Terzo Tempo e ne dà testimonianza con le sue opere afferrerà con il suo spirito, con il suo cuore ed il suo intelletto tutto ciò che era stato rivelato della Mia Divinità nei tempi precedenti e l’interpretazione di quegli Insegnamenti sarà giusta. La Mia Legge risorgerà nuovamente fra gli uomini per eliminare le inesattezze (non-verità) che hanno creato per coprire e proteggere la loro cattiveria. Il Libro della Vita e la Verità sarà aperto davanti a tutti i popoli della Terra e nessuno potrà ingannarli.

15. Dalla faccia dei farisei cadrà la maschera dell’ipocrisia e la loro bocca che ha sempre mentita quando offriva all’umanità la salvezza, taccerà per sempre; ma voi non dovete puntare a loro il dito oppure metterli allo scoperto.

16. Quando allora nel Secondo Tempo gli scribi hanno portato davanti a Me l’adultera, ho toccato l’anima di ognuno di loro senza scoprirli pubblicamente, dopo che Io li avevo confusi con il Mio Verdetto. Il Mio Dito indice ha scritto nella polvere della Terra le trasgressioni di tutti coloro che si avvicinavano per vedere ciò che Gesù scriveva. A coloro fra voi che sentono senza credere, oggi dico: Tacete e riflettete mentre sentite questa Parola, affinché più tardi possiate giudicare. Allora comprenderete che in questo tempo vi ho dato la Mia Dottrina, affinché beviate goccia per goccia questa Forza che non avete potuto trovare fra di voi. Sono pochi di coloro che Mi seguono e Mi servirò di loro per spargere la Mia Semenza.

17. Io sono il Dio di tutti gli uomini, di tutte le comunità religiose e di tutte le sette – l’Unico, e quando apro la Mia segreta Camera del Tesoro e distribuisco a tutti abbondantemente i Tesori – perché allora non Mi dovrebbero riconoscere? Nessuno può vivere senza l’Idea di Dio, anche se è imperfetta la sua adorazione per Dio ed il modo nel quale Lo comprende. Io accetto il dono di sacrificio di tutti i Miei figli, ma ora il Padre vorrebbe ricevere il giusto tributo degno di Lui.

18. La Mia Dottrina non schiavizza nessuno, eleva soltanto la vostra vita in vista umana ed animica. Chi desidera essere un vero figlio di Dio a motivo delle sue opere, non potrà tenere per sé tutto ciò che ha ricevuto da Me. Ci sono molti che in possesso di molte conoscenze sembrano essere pozzi di sapienza e che a causa del loro egoismo sono in realtà solo delle fossi di oscurità!

19. Siate discepoli di Gesù, e sarete fratelli degli uomini. Percepite quello che fate e quello che dite. Chi non percepisce il Mio Amore nel suo cuore, eviti di parlare d’amore, perché agirà in modo non veritiero. Per parlare d’amore deve aspettare finché germoglia nel suo cuore il Mio Seme. Vi darò abbastanza tempo per raggiungere la vostra preparazione, il vostro cambiamento e la vostra totale trasformazione. Ricordatevi che molti di voi erano stati miscredenti quando sono venuti qui per sentire questa Parola. / Alla Mia Comunicazione alcuni la schernivano persino, ed altri si burlavano dei portatori della Voce attraverso i quali Io parlavo in quei momenti. Vi ho però aspettato, ho parlato a voi tramite la coscienza e dopo Mi avete chiesto il Perdono con lacrime di pentimento per il vostro dubbio. Ora Mi seguite con irremovibile fede, nonostante le prove ed impedimenti che capitano spesso sulla via della vostra vita. Io sono il Seminatore, il Combattente che non riposa mai.

20. Per darvi salde dimostrazioni della Mia Veridicità vi ho predetto molti avvenimenti la cui realizzazione era vicina. Così avete sperimentato che scoppiava una guerra dopo che Io vi avevo annunciato una vicina guerra, quando ovunque era ancora pace. Quando vi ho detto che si sarebbero scatenate le potenze della natura e che sarebbero state amiche nei confronto degli uni, verso altri però si sarebbero invece mostrate come nemiche – poco dopo avete sperimentato il loro adempimento. Ad ognuno di voi ho pure adempiuto una Promessa nella solitudine della sua vita. E se vedete non verificarsi molte delle Mie Profezie, allora perché sono date per un tempo di molte generazioni dopo di voi. / Ora però sapete ciò che avverrà con questo mondo, l’uomo e la sua anima nei tempi in arrivo. Vi ha annunciato in tempo molto remoti dei segni che annunciavano l’attuale epoca e la Mia nuova Rivelazione; i presegnali si sono anche mostrati in modo chiaro e significativo per confermare la Mia Verità. Già ora vi annuncio quelli che precederanno la battaglia spirituale e dopo questa il tempo della pace. La Luce della Profezia è nuovamente fra gli uomini. La Mia Parola è piena di Profezie, gli uomini vedono il futuro attraverso sogni, visioni o presagi. Vecchi profeti hanno annunciato i profeti di questo tempo. Non sono immagini d’inganno che vedete, ma dovete orientare i vostri Doni dello spirito in buone corsie, affinché in voi si rifletta la Luce dello Spirito Santo. Dovete dare veramente delle dimostrazioni agli uomini, allora molti crederanno a motivo di queste dimostrazioni. / A questo popolo verranno grandi schiere di uomini e donne, uomini di altre razze e parleranno in altre lingue; dovete accoglierli tutti. In Verità vi dico: Dato che alla Tavola del Signore non ci sono né stranieri né forestieri, anche voi che siete i figli del Signore, non dovete scostarvi da coloro che sono i vostri fratelli.

21. Vi mostro il vostro compito. Accettate la vita come Io ve la . Camminate passo dopo passo. In questo modo avrete riportato un ricco raccolto nel mondo, anche se qui vivete solo per poco tempo. Allora non sarete come quelli che – benché abbiamo vissuto a lungo sulla Terra – giungono miseri e spogli alla Mia Presenza così come erano quando hanno cominciato la via della vita.

22. Nella vostra vita fate buone opere che hanno un contenuto spirituale oppure una meta spirituale. Fate molte di quelle opere che non si conoscono oppure che non si vedono, perché avvengono con il cuore.

23. Tenetevi davanti agli occhi il Libro della Mia Istruzione, non lasciate passare davanti a voi inosservati i suoi Insegnamenti. In Verità vi dico, verrà il momento nel quale Io esigo da voi il riassunto e la spiegazione di tutto ciò che vi era stato rivelato. Anche la vita esigerà da voi questa Lezione attraverso le prove che vi mette sulla via; ma Chi è questa Vita se non Io il Quale ha dato la Luce al vostro intelletto, la sensibilità al vostro cuore e Doni e facoltà al vostro essere, affinché comprendiate la lingua profonda ed eterna della vostra esistenza?

24. Nella Mia Dottrina vi mostro di vivere in un tale modo che vi dovete sentire felici persino nelle situazioni più amare della vita, dato che sapete che siete figli di Dio; e vi insegno anche ad apprezzare tutto ciò che vi circonda, affinché le vostre esaltazioni siano sane ed autentiche.

25. Il mondo è un grande giardino nel quale coltivo dei cuori; ma in questo tempo ho trovato appassiti tutti i suoi fiori. Io vengo per dare loro dell’acqua e non cesserò nel Mio Sforzo a curarli con dedizione, fino a quando inspirerò il profumo di questo giardino spirituale. Quando si apriranno una volta i calici dei fiori, ci saranno magnifici segni e Rivelazioni fra gli uomini.

26. Questi portatori della Voce dai quale irrompe la Mia Parola in questo tempo, erano piante appassite dal sole cocente del dolore; ma su di loro cadde la Pioggia divina e sono rifiorite. La bellezza ed il nettare delle frasi che vengono dalle loro labbra, sono come fiori.

27. Questo popolo che ha saputo inspirare quel profumo e a conservare la semenza, è pure fiorito ed ha portato frutti. E’ un piccolo giardino dal quale il Mio Amore provvidenziale seleziona le piante più feconde per sostenere la fede delle grandi folle; perché in Verità vi dico: “Io sono il Seme dell’Eternità. Maria è la pioggia divina”. Vedete, come nel Divino il Creatore e la Madre vegliano sulla loro Opera.

28. Le Mie Parole del Secondo Tempo sono state la via della salvezza per coloro che vi si sono saldamente attenuti. Ben per coloro che hanno posta la loro fiducia nella Mia Istruzione. Non pensate però che tutti coloro che sostengono di credere in Me, confidano nella Mia Parola oppure esercitano la Mia Dottrina. Nel momento della prova vedo gli uomini vacillare nel perdonare come lo ha insegnato Gesù, oppure nel difendersi, come glielo consiglia il loro istinto. Sentono nel loro cuore che è difficile mettere in pratica gli Insegnamenti del Maestro. A loro Io dico: Finché non hanno fede ed amore per il loro prossimo, non sarà possibile che la Mia Dottrina guidi i cuori. Invierò però ai popoli della Terra uomini virtuosi che dimostreranno loro la potenza della fede ed anche i miracoli procurati dal perdono, la misericordia e l’amore.

29. Senza fede e senza adempire la Legge la Mia Parola è soltanto un seme muto che non germoglia dopo la semina; perché ciò che rende fertile questo seme, è la virtù. Quando questa Parola giungerà una volta a tutti i cuori, ci saranno molti che considereranno troppo severa la Parola del Signore. Perciò Io vi dico che siete un mondo che ha bisogno di fede per poterMi sentire e comprendere.

30. Io dico a tutti voi che vi chiamate appartenenti al mondo cristiano, che il Mio Giudizio è benevolo, se tenete in considerazione che sono trascorsi venti secoli da quando vi ho portato il divino Messaggio, affinché con questo dovevate vincere il mondo, la carne, le passioni e la morte e vedo comunque sempre ancora che confidate in tutto nelle vostre proprie forze nel vostro modo di sentire e di pensare. Se però gli istinti della carne hanno sempre ancora il predominio nei confronti delle virtù dello spirito, allora solo perché siete sempre ancora più materia che spirito.

31. La lotta si avvicina; la fede degli uni combatterà contro la brama di dubbio degli altri, la moralità degli uni contro la depravazione degli altri. Tuttavia come nei tempi passati il Mio Amore provvidenziale sarà con i figli che confidano in Me, ed Io aiuterò loro a compiere opere meravigliose come possono avvenire soltanto, quando si ha vera fede nella Mia Divinità.

32. Dovete comprendere che non sono alla ricerca di coloro che credono in Me, vengo piuttosto per via di coloro che dubitano della Mia Esistenza. Nel Secondo Tempo nel quale sono venuto come il Messia promesso, sono comparso fra il popolo che credeva nel Dio invisibile; ma il Mio Messaggio non era destinato ad Israele, ma per tutti i popoli pagani che non Mi conoscevano. Non sono venuto per salvare gli uni e lasciare andare a fondo gli altri.

33. Un potente Albero stende i suoi rami per dare protezione a tutti ed offre i suoi frutti senza alcun favoreggiamento. Vi ricordate forse che chissà quando vi avrei indicato dei popoli ai quali non dovete portare la Mia Parola? Non vi ho mai insegnato a cercare motivi per negare a qualcuno la Mia Luce. Siete stati forse giusti voi quando vi ho degnati a sentire la Mia Parola ed a ricevere i Miei Doni di Grazia? In Verità vi dico: No.

34. Vi ho trovati peccando e così vi ho eletti (come eravate) per condurvi alla Fonte del rinnovamento, affinché domani voi faceste lo stesso ai vostri fratelli. Questo è il tempo nel quale i peccatori salveranno i peccatori, e nel quale risorgeranno i “morti” per rialzare i “morti”. I cuori induriti – quelli che hanno visto passare vedove, orfani, affamati e malati, senza che ne siano state toccate le corde dei loro cuori - ora si risvegliano all’amore, rabbrividiscono alla vista del dolore altrui e distruggono il loro egoismo. Dimenticano persino sé stessi per condividere il dolore dei loro fratelli.

35. Chi non conosce il dolore non può comprendere coloro che soffrono. Questo è il motivo perché Mi servo di coloro che hanno bevuto sovente dal calice della sofferenza, affinché siano capaci a comprendere la miseria degli uomini e per portare loro vero conforto.

36. Chi ha peccato e dopo è ritornato sulla buona via, non può mai scandalizzarsi delle trasgressioni dei suoi prossimi. Sarà invece indulgente e comprensivo.

37. Ognuno che si risveglia colpito dalla chiarezza di questa Luce, comprenderà che questo è il tempo nel quale deve operare per l’umanità mentre riserva alcuni momenti del tempo che dedica al mondo, per dedicarli all’esercizio spirituale dell’amore per il prossimo. Così amerete il vostro Signore e servirete il vostro fratello.

38. Non fate parte di coloro quando vedono tutto ciò che succede nel mondo, esclamano: “Questo è il tempo del Giudizio e della morte, dopo ci attende forse l’inferno!”

39. Io vi dico che è il tempo della riconciliazione e della resurrezione e che dopo la pace del Mio Cielo attende tutti coloro che credono e si accingono per seguire la Mia Parola.

40. Nel Mio Spirito vi è Giubilo, quando Mi vedo circondato da coloro che in questo tempo ho chiamati Miei discepoli. Siete voi i predestinati per adempiere una missione in questa Terza Epoca di tempo.

41. Avete dovuto percorrere una lunga via per poter finalmente ricevere questa Rivelazione. Non sentite tuttavia nessuna stanchezza, perché quell’anima che è in grado di elevarsi al di sopra della materia e delle passioni, non si stancherà mai di cercarMi oppure di seguireMi. In questo tempo ho effuso il Mio Spirito d’Amore su ogni anima ed ogni mente, affinché apriate i vostri occhi spirituali e possiate contemplare la vera Vita in tutta la sua pienezza. “Ogni occhio Mi vedrà”, vi ho detto in vista a questo tempo ed in Verità, ora ogni occhio comincia a riconoscerMi.

42. Gli uomini si stanno ora risvegliando e presagiscono la Verità. Al loro spirito verranno rivelate direttamente molte Rivelazioni, perché non saranno gli uomini ad insegnarle. Quando gli uomini di oggi sentiranno una volta in fondo al loro cuore la Mia Voce, non si allontaneranno più da Me, perché avranno sentito il Mio Amore e contemplato la Luce della Mia Verità. Voi siete i figli della Luce, gli spiritualisti trinitari-mariani, perché siete voi che avete sentito la Venuta dello Spirito Santo e la Sua Rivelazione. Sarebbe giusto che i figli della Luce creassero oscurità fra gli uomini? No, figli Miei.

43. Il vostro cuore è colpito e Mi dite: “Maestro, perché non hai fiducia in noi?”. A ciò Io vi rispondo: Vi do queste indicazioni perché questo tempo della Luce è anche il tempo della menzogna, dell’inganno e dei pericoli; perché intorno a voi le forze del maligno fanno il loro gioco che portano gli uomini alla caduta e possono offuscare la vostra Luce, se non siete vigili. Non a caso questo è il tempo della Luce, non perché l’uomo l’abbia accesa, ma perché Io vi ho portato le Mie Rivelazioni nell’adempimento delle Promesse. E’ il tempo della menzogna – ma non per via della Mia Venuta agli uomini, ma per via della cattiveria degli stessi che ha raggiunto il suo apice.

44. Si sta avvicinando l’ultima battaglia, ma non parlo delle vostre guerre fratricide, ma della lotta della Luce contro tutto ciò che è falso, impuro ed imperfetto. Riconoscete il tempo nel quale vivete, affinché vi affrettiate a fare una provvista di armi dell’amore e della forza spirituale. Comprendete già ora che in questa battaglia non combattete solo per la vostra propria fede e la vostra propria salvezza, ma che dimenticando voi stessi, dovete rivolgervi a coloro che sono in pericolo di morire.

45. Questo è un tempo della Luce perché l’anima umana a motivo del suo sviluppo ed esperienza ha raccolta Luce nella sua vita. Non piangete più sul vostro passato, ma utilizzate comunque tutti i suoi insegnamenti per vedere sempre più illuminato il vostro sentiero ed ai bivi non indugiate più o non siate più insicuri.

46. La vostra carne non conosce il vostro passato animico. Lo lascio inciso nella vostra anima affinché sia come un libro aperto e vi sia rivelato attraverso lo spirito e la facoltà del presagio. Questa è la Mia Giustizia che – invece di condannarvi – vi dà l’occasione per riparare la trasgressione oppure a correggere un errore. Se il passato venisse cancellato dalla vostra anima, dovreste nuovamente ripercorrere tutte le prove già passate; ma quando sentite la voce della vostra esperienza e vi lasciate illuminare da questa Luce, riconoscerete più chiaramente la vostra via e l’orizzonte più splendente.

47. Il mondo vi prepara molte gioie delle quali alcune sono concesse da Me ed altre sono create dall’uomo. Adesso avete sperimentato che non le avete potuto ottenere, cosa che negli uni ha causato un rifiuto ed in altri tristezza. / Vi devo dire che in questo tempo a molti non è concesso di addormentarsi o di morire nelle delizie e soddisfazioni della carne perché il loro compito è del tutto un altro.

In Verità vi dico che nell’umanità non esiste un’anima che non avesse imparato a conoscere tutte le delizio e mangiato tutti i frutti. Oggi la vostra anima è venuta (sulla Terra) per godere la libertà di amarMi e non per essere nuovamente schiava del mondo, dell’oro, della libidine o dell’idolatria.

48. La scala del sogno di Giacobbe[1] è rappresentata davanti ai vostri occhi perché vi saliate nel desiderio di una maggiore dignità e della vostra perfezione. La Mia Legge spirituale non vi libera dai vostro doveri terreni. Dovete cercare il modo a mettere in sintonia ambedue le Leggi affinché il vostro adempimento sia perfetto dinanzi alla Mia Divinità e davanti al mondo.

49. Il buon soldato non deve fuggire dalla battaglia, non deve perdere il coraggio attraverso le dicerie di guerra. In questa lotta mondiale che sta arrivando, dovete essere soldati. La vostra causa dev’essere la Giustizia e le vostre armi l’amore, la buona volontà e la fattiva misericordia. Senza rendervene pienamente conto, state già lottando da molto tempo contro l’avversario che è il male che ispira guerra ed animosità. Le vostre armi non lottano solo contro elementi visibili, ma anche contro esseri invisibili. Per aiutarvi in questa lotta, vi ho dato i Doni della vista spirituale e della Rivelazione, affinché scopriate il lupo, quando è in agguato.

50. Io voglio che i Miei discepoli imparino a vivere in accordo con l’intera Creazione, che vivano in armonia con il tempo, affinché giungano nell’ora giusta alla meta, nell’ora stabilita da Me, affinché siate già presenti e Mi possiate rispondere quando vi chiamo a Me.

51 In questo momento il vostro spirito si eleverà a Me per chiedere il Mio Aiuto. Lui sa che gli ho dato delle facoltà che sono eterne e innate in lui. La carne però come creatura debole alza pure i suoi occhi al Creatore per chiederGli e ciò che chiede, sono solo soddisfazioni in riferimento al mondo e molte di queste sono delle nullità.

52. Lasciate che il nuovo arrivato rivolga a Me delle richieste; ma voi - che cosa Mi potete chiedere voi che non possedete già? Volete magari chiederMi qualcosa che portate già nel vostro essere? Quando recitate la preghiera del Padrenostro che Io vi ho insegnato, allora percepite e comprendete in ciò il suo contenuto spirituale, e poi concludetela piena di rassegnazione che sia fatta la Volontà del Padre “sulla Terra come nel Cielo”. Penetrate nella Mia Dottrina e scoprirete in voi dei tesori e facoltà che oggi non credevate di possedere.

53. E’ necessario che imparate a chiedere, ad aspettare ed a ricevere e che non dimentichiate mai di dare oltre ciò che Io vi concedo, in cui consiste il più grande merito. Pregate per coloro che muoiono giorno per giorno nella guerra. Concederò a coloro che pregano con cuore puro che ancora prima del 1950 ognuno che è caduto in guerra, risorga spiritualmente alla Vita.

54. Arriva già lo spirito di Elia e conduce le pecore smarrite alla pace nell’ovile. Quando sarete forti nello spirito, non temerete più il lupo che vi minaccia con le sue fauci assetate di sangue. Sarete in grado di scendere nei burroni per salvare gli smarriti, senza temere di rimanervi. Potrete guadare laghi di fango senza macchiarvi e sarete anche in grado di attraversare mari in tempeste su una barca apparentemente fragile senza paura di naufragare. La vostra fede e la vostra virtù di daranno questa forza. Non vi considerate capaci per grandi azioni nel futuro? Non credete che le nuove generazioni daranno alla Mia Dottrina una interpretazione ed una realizzazione migliore? Comprendete: Se non fosse così, non vi parlerei, né consiglierei e né vi istruirei.

55. Vedete gli uomini, i popoli, le nazioni come danno la loro vita per un ideale. Vengono consumati sul rogo delle loro lotte ed in ciò sognano delle magnificenze del mondo, di possedimenti, di potere. Muoiono per la fama passeggera della Terra. Voi però che cominciate a far divampare nel vostro spirito un ideale divino che ha il guadagno di una magnificenza come meta che sarà eterna, ne avete impiegato almeno una parte per adempiere il vostro dovere come fratelli?

56. Al di sopra di voi infuria un trambusto di guerra che possono notare solo i preparati. Tutto il male che esce dagli uomini in pensieri, in parole ed in opere, ogni peccato di secoli, tutti gli uomini ed anime nell’aldilà che sono confuse, tutti gli smarrimenti, ingiustizie, il fanatismo religioso e l’idolatria, le ambizioni stolte, e la falsità, si sono uniti in una forza che abbatte, prende e penetra tutto per rivolgerlo contro di Me. Questo è il potere al quale Cristo Si contrappone.

Gli eserciti sono grandi, forti le loro armi, ma non sono forti nei confronti di Me, ma nei confronti degli uomini. Offrirò a questi eserciti una battaglia con la spada della Mia Giustizia e nella contesa sarò presso i Miei eserciti dei quali voi dovete essere una parte secondo la Mia Volontà. / Mentre questa battaglia inquieta gli uomini che inseguono i divertimenti, voi, che vi ho affidato il Dono, dovete sentire ciò che si svolge nell’aldilà, vegliate e pregate per i vostri fratelli, perché così veglierete per voi stessi.

57. Cristo il Principe Combattente, ha già tratto la Sua Spada; è necessario che la stessa strappi il male con la radice come una falce e crea nell’Universo Luce con i Suoi Raggi. Guai al mondo ed a voi se tacciono le vostre labbra! Voi siete il seme spirituale di Giacobbe ed ha lui ho promesso che attraverso voi sarebbero salvate e benedette le nazioni della Terra. Io vi voglio unire come una unica famiglia, affinché siate forti.

58. Qual bell’esempio di armonia vi offre il Cosmo! Astri raggianti che vibrano pieni di Luce nello Spazio intorno ai quali orbitano altri Astri. Io sono il Sole Centrale Primordiale raggiante, l’Astro Regale, divino che dà vita e calore alle anime; ma pochissime si muovono sulla loro corsia presegnata e numerose sono coloro che girano lontane dalla loro orbita! - Mi potete dire che gli astri materiali non hanno una libera volontà, e che d’altra parte proprio questa libertà ha fatto smarrire la via agli uomini. Perciò Io vi dico: quanto meritevole sarà la lotta per ogni anima che ha saputo subordinarsi alla Legge dell’armonia con il suo Creatore nonostante il Dono della libera decisione della volontà.

59. La lotta che vi annuncio, non durerà a lungo, presto verrà la pace, perché la Luce della Mia Giustizia irradierà tutti i Miei figli.

60. Insieme al popolo che Io allevo e che ho strappato all’oscurità ed all’ignoranza, adempirò le Profezie che erano state date nei tempi passati, ed in vista delle Mie Dimostrazioni e miracoli il mondo tremerà ed i teologi ed interpreti delle Profezie bruceranno i loro libri e si prepareranno interiormente per studiare questa Rivelazione. Uomini con titoli, uomini di scienza, uomini con scettro e corona si fermeranno per sentire la Mia Dottrina e molti diranno: Cristo, il Salvatore è ritornato!

61. Discepoli, sforzatevi nella vostra preparazione, perché non vi ho ancora detto quanto vi ho ancora da dire e già si avvicina l’anno 1950.

62. Pregate con vera purezza ed unite i vostri pensieri con quelli degli Angeli per offrire il vostro dono di sacrificio dinanzi alla Mia Divinità.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 85

 

1. Ben per coloro che si esercitano nella preghiera spirituale dato che sentono la Mia Presenza; ma in Verità vi dico, Io accolgo tutte le preghiere, comunque voglia essere la forma nella quale viene inviata su a Me. Io bado ad ogni invocazione e ad ogni richiesta, senza giudicare la forma e considero solo la miseria con la quale Mi cercate.

2. Perché non dovrei esaudire coloro che pregano in un modo imperfetto, dato che Io so che alla fine tutti eserciteranno la vera preghiera? A volte vi sento nelle forme diverse, nelle quale Mi portate la vostra richiesta, perché l’essenziale è che Mi cercate. In Verità vi dico che non esiste nessuna preghiera che non venga udita da Me. Per Me conta solo la buona volontà dei Miei figli.

3. Vi mostro la Verità attraverso una perfetta Dottrina. Cercate di esercitarla, e pregando avrete la sensazione di vedere la Mia Luce e di sentire il Mio soave Consiglio.

4. Siete ancora lontani ad aver raggiunto la perfezione; ma aspirate ad essa senza fermarvi, sognate della maestosità della vostra missione e fate della Verità il vostro ideale.

5. Popolo, la tua missione è di fare una breccia verso la Luce per guidarvi le schiere di uomini che oggi si avvicinano ed anche le generazioni future.

6. Lasciatevi guidare dal vostro spirito su questo sentiero affinché non permettiate mai che il vostro cuore vanga usato come un trono per la vanità, perché allora lavorereste invano.

7. Non lasciate errare il vostro sguardo dalla meta raggiante alla quale mirate. Non curatevi delle difficoltà, degli ostacoli o spine del sentiero; queste avversità vi faranno desiderare con fervore la felicità di raggiungere il Regno della Pace. – Mi domandate: Maestro, è inevitabile di bere in questa vita il calice della sofferenza per poter bramare e meritare le delizie che la Tua Misericordia ci promette per la Vita spirituale? – No, figli Miei, quando questa umanità comprenderà una volta il reale valore dei possedimenti umani – quando comprende che il godimento ed i beni della Terra sono solo un pallido riflesso di ciò che è la Beatitudine nella Vita spirituale, non avrà più bisogno di soffrire su questo pianeta per raggiungere le delizie e gioie spirituali; perché allora gli uomini impareranno a vivere con la loro felicità e le loro vittorie senza legarsi a ciò che è passato e lotteranno per raggiungere attraverso meriti spirituali la vita superiore che li attende inesorabilmente – la vera Vita.

8. Uomini, in questo tempo dovete di nuovo raccogliere la grande ricchezza di fede e speranza che avete scacciato dal vostro cuore, affinché con essa saliate il monte come se portaste nel vostro interiore una fiamma accesa che illumina la vostra via.

9. Chi vive in questo modo e cammina su questo sentiero sarà un figlio del popolo di Dio; il luogo della Terra dove abitate – il sangue che scorre (nel popolo), oppure la lingua che parlate - è insignificante. Egli sarà il Mio discepolo perché darà testimonianza della Mia Verità.

10. Non dovete più credere che il popolo israeliano sia il popolo di Dio. Ho operato che questa razza si spargesse su tutto il mondo, perché in Verità, Israele non é una razza, è un popolo spirituale al quale siete tutti chiamati ad appartenere.

11. Se il Mio popolo Israele fosse di questo mondo – credete voi che Io avrei permesso la sua espulsione dalla Giudea; che avrei permesso che le sue tribù si spargessero fra le nazioni? Credete voi che – se questa fosse la Verità – avrei permesso che il tempio di Salomone venisse distrutto e profanato e la città di Gerusalemme abbattuta ed incendiata in modo che non rimanesse una pietra sull’altra?

12. Riflettete su tutto questo per comprendere che il Regno spirituale non può avere le sue fondamenta in questo mondo. Perciò vi ho detto tramite Gesù: “Il Mio Regno non è di questo mondo”.

13. I figli del popolo di Dio, i veri figli Israele, sono coloro che amano la Verità, che adempiono la Legge, che amano Dio nel loro prossimo.

14. Indagate la Mia Parola, esaminatela, se volete. Allontanate i chicchi dalle spighe ed osservato il chicco di seme.

15. Credete che per via delle Mie prime Parole in questa Istruzione, quando vi ho detto che ci sono molti che pregano in modo imperfetto, i vostri prossimi si potessero sentire offesi?

16. In Verità vi dico, è necessario che voi tutti conosciate la Verità e questa è che le azioni di culto dell’uomo nei confronti di Dio hanno avuto un lungo sviluppo e sperimentato inarrestabili cambiamenti. Anche la preghiera, il nucleo delle azioni di culto, ha subito dei cambiamenti. Durante tutto il vostro tempo di sviluppo vi ho fatto sempre sentire la Mia Presenza, la Mia Misericordia e la Mia Luce.

17. Quando stavate sulle ginocchia davanti all’idolo per chiedergli il pane quotidiano, non vi ha dato nulla, perché in esso non vi era vita; ma Io vi ho sentito e vi ho dato il pane. Dopo avete conosciuto l’Esistenza del vero Dio e questa fede si è fortificata attraverso la Parola che Cristo ha lasciato all’umanità; ma nonostante la fede nell’esistenza di Dio come Spirito, la vostra tendenza tradizionale di rappresentare materialmente il Divino per poterla sentire vicina e vedere, vi ha portato a formare l’immagine di Dio con le vostre proprie mani, rappresentata nella figura corporea del Cristo crocifisso. Davanti a quella figura fatta da mani d’uomo vi siete inginocchiati per chiedere ed avete rivolto i vostri occhi all’immagine insanguinata, affinché da ciò venisse mosso il vostro cuore e poteste sentire che Mi adorate.

18. Ora avete davanti a voi un tempo della spiritualizzazione che potete chiamare “il Tempo della perfetta preghiera”; perché Io sono venuto per insegnarvi ad entrare in contatto con Me da Spirito a spirito. Per imparare che il vostro spirito parli con Lui nella propria lingua, in un “linguaggio” che è ancora oggi sconosciuto agli uomini che però conoscono e comprendono bene Dio e gli spiriti, Io voglio che comprendiate che dovete rinunciare ad ogni azione di culto esteriore ed ogni sacrificio materiale. In questo tempo siete abbastanza maturi, perché sapete ascoltarMi con umiltà e non siete più come allora, quando siete venuti qui per la prima volta ed avete condannato questa Parola come bestemmia contro Dio, anche se vi consideravate cristiani.

19. Oggi comprendete ed affermate le Mie Istruzioni, convinti che solo adesso imparate ad essere veri cristiani, dato che state per riconoscere il modo di impiegare quella Dottrina nella vostra vita ed inoltre state vivendo un nuovo tempo che vi porta una scintilla della stessa Luce, un Messaggio della spiritualizzazione.

20. A suo tempo vi ho insegnato la più grande virtù che è la misericordia; ho ispirato il vostro cuore ed ho reso sensibili i vostri sentimenti. Adesso vi rivelo i Doni con i quali è provvisto il vostro spirito, affinché li sviluppiate ed impieghiate per fare del bene fra i vostri prossimi.

21. La conoscenza della vita spirituale vi permetterà a compiere simili opere come quelle che ha fatto il vostro Maestro. Ricordatevi che vi ho detto che, quando sviluppate le vostre facoltà, farete veri miracoli.

22. Tutto ciò che avete sentito, verrà registrato per iscritto, affinché nei tempi futuri verrà approfondito. Vi lascerò un Libro che conterrà l’Essenza di tutte le Mie Istruzioni. Il Libro verrà assemblato dai fogli che sono stati scritti secondo il Mio Dettato da coloro che sono stati eletti da Me per questo, che Io chiamo “penne d’oro”.

23. Questq Penna è quella dello Spirito e della Verità – è quella che Io ho messo nella destra di Mosè affinché scrivesse le prime righe – la stessa che ho messo nelle mani di Marco, Luca, Matteo e Giovanni, affinché scrivessero la Vita e la Parola del divino Maestro – il Libro che voi avete chiamato “Nuovo Testamento”.

24. Voi nuovi discepoli che in questo tempo avete sentito la Mia Parola, a voi Io dico: Non dovete affaticarvi affinché questo Testamento o Libro (che state formando) venga unito con il precedente, perché sono stato Io che ho unito in questo Libro le Rivelazioni ed Istruzioni del Terzo Tempo traendo l’Essenza delle precedenti, per formare un unico Messaggio.

25. Vedo come coloro che si vogliono salvare dalle sofferenze annunciate del vicino futuro, cominciano a prepararsi. Io dico a colui che vuole essere salvato: Prendi Me come Esempio, e se vuoi veramente essere il Mio Esempio, allora prendi la tua croce e seguiMi.

26. Se non doveste sapere che cosa sia questa croce, Io vi dico: è la virtù dell’umiltà, dell’obbedienza, dell’amore per il prossimo; chi abbraccia la sua croce sa che il Padre suo glielo ha insegnato così e che di conseguenza vive all’interno della sua destinazione.

27. Elevate la vostra anima, migliorate la vostra vita, e sarete in grado di predicare con opere la Mia Dottrina. Non pensate solo alla propria salvezza, è meglio se riflettete come poter portare la salvezza ai vostri fratelli. Vegliate e pregate e gettate le vostre reti nel mare che è questa umanità, ed in Verità vi dico, la vostra pesca sarà grande.

28. Non preoccupatevi troppo se le Mie Frasi non rimangono nella vostra memoria, perché colui che sente amore per i suoi prossimi, sarà proprietario di un linguaggio inesauribile: quello dell’amore che sarà comprensibile per tutti i suoi fratelli.

29. Qualche volta, quando parlo così agli ascoltatori, vi è qualche cuore che Mi dice in silenzio: “Padre, se questi Doni che ci hai affidato, sono veramente Gioielli del Tuo Regno – perché li hai posto in mani empie ben sapendo che li possiamo sporcare?”. A ciò Io vi rispondo che i Doni divini che Io ho dato agli uomini, non vengono cambiati nel loro essere: la Luce sarà sempre Luce, la Verità non cesserà mai ad essere vera di ciò che è eterno, non potrà morire. Io so, amato popolo, che Mi comprendi, perciò ti parlo così.

30. Davanti all’umanità si è aperto un abisso e da questo vi voglio salvare in questo tempo, perciò era necessario che Mi sentiste vicino al vostro cuore.

31. Io leggo tutti i vostri pensieri e so che uno di voi sta pensando: Se Tu Sei veramente Dio – che cosa fai qui fra peccatori – Tu, che dovresti sempre Essere fra Angeli e giusti?

32. O tu cuore insensibile per l’Amore divino! Se tu sapessi che sento più Gioia quando sento le parole di pentimento di un peccatore, che nella preghiera dei giusti.

33. Imparate adesso a conoscerMi, mentre Mi sono avvicinato a voi. ComprendeteMi, quando vi dico: Ben per voi che venite qui nel desiderio della Mia Parola, perché chiuderà le ferite del vostro cuore e calmerà la vostra sete di Giustizia, Verità e sapere. Venite al Pozzo che è riempito con inesauribile Acqua dell’Amore e Sapienza. Bevete e portate con voi l’Acqua per la vostra via, affinché con questa possiate calmare la sete dei vostri fratelli.

34. Questi sono tempi tempestosi; non permettete che il peccato renda impura l’Acqua che avete attinto da questa Sorgente. Pregate, e troverete la salvezza.

35. Domani uscirete per andare nelle province e villaggi e vi troverete molti assetati; allora comprenderete che era la Mia Misericordia che vi ha guidata, affinché portiate loro il Mio Messaggio celeste.

36. La Mia Via non è visibile come le vie terrene, è delimitato dal Mio Amore nei vostri cuori. Quando sapete entrare nel vostro santuario, vi troverete la Luce che vi guiderà eternamente.

37. Benché gli uomini abbiano rappresentato fino ad oggi il Divino attraverso oggetti materiali, cercheranno domani la Mia Presenza nell’Infinito, nel loro spirito.

38. L’umanità è sottoposta alla preparazione ed alla purificazione; non c’è giorno nel quale non si manifesti un avvenimento che per questo fornisca una dimostrazione. E’ necessario che scompaia l’oscurità dalla vita degli uomini, affinché possano contemplare la Luce dello Spirito Santo.

39. Vi invito dalla cima del monte per salirvi, affinché giungiate nel Mio Grembo. Questo popolo che sente da tempo la Voce del Signore che suona dall’Alto, viene qui con passo insicuro ed inciampando, ma con la fede consapevole della meta. Alcuni sono stati sorpresi dall’ora della morte, quando avevano fatto appena le prime preparazioni per affrontare la salita – altri quando erano appena saliti solo i primi passi della scarpata. Dico a coloro che Mi sentono ancora stando sulla Terra, che devono aumentare il loro fervore, che devono raddoppiare i loro sforzi, affinché questo momento del Giudizio li sorprenda possibilmente vicino alla cima.

40. Pensate che il vostro esempio deve essere come una via sulla quale le future generazioni devono andare incontro alla perfezione con passo sicuro e veloce.

41. In Verità vi dico, nei tempi in arrivo gli uomini cammineranno già sulla Terra molto vicino alla cima del monte.

42. Nella Mia Creazione non esiste niente che sia più adeguata come la morte corporea per mostrare ad ogni anima il livello del suo sviluppo che ha raggiunto durante la vita, e nulla di più grande aiuto come la Mia Parola per salire fino alla perfezione. Questo è il motivo perché la Mia Legge e la Mia Dottrina cercano di penetrare sempre ed in modo intransigente nei cuori e perché il dolore e la sofferenza consigliano all’uomo di lasciare quelle vie che, invece di elevare l’anima, la conducono nell’abisso.

43. SiateMi i benvenuti, voi che venite qui senza paura dei giudizi degli uomini nel desiderio della Mia Parola. Siano benedetti i “primi”, perché preparano la via con lacrime e con sangue a coloro che dopo si eleveranno ancora animicamente.

44. Il suono della Campana divina ha fatto giungere la sua eco a tutti i cuori ed a tutte le anime. Vi dico anche che solo pochi hanno saputo da dove veniva questo suono.

45. Quando il Padre ha visto che i figli non erano in grado di comprendere la Chiamata del Suo Spirito, Egli ha cercato una forma più adeguata all’uomo per annunciarSi, e lo ha fatto attraverso l’uomo stesso. Quando si è allargato il dubbio nei cuori, se Sia o no il Maestro che Si annuncia in questa forma, allora ho coperto con miracoli la via del popolo per vivificare la sua fede e per convincere che Io sono fra voi; perché quelle dimostrazioni che Io vi do, le posso dare soltanto Io.

46. In questo modo procurerò che molti che una volta non hanno potuto ascoltare Gesù, abbiano adesso l’occasione di ristorare il loro spirito mentre sentono lo Spirito della Verità.

47. Vi ho annunciato che non tutti Mi sentiranno in questa forma, dato che la stessa non è perfetta; ma si avvicina il giorno nel quale la Mia Voce verrà sentita da tutti gli uomini attraverso la Mia Comunicazione spirituale; sarà un tempo che avevano annunciato i profeti nel quale ogni occhio Mi contemplerà ed ogni orecchio Mi udrà.

48. Se la vostra preghiera che è la voce di un peccatore giunge a Me – perché allora la pura ed onnipotente Voce del vostro Padre non debba giungere fino al fondo del cuore umano?

49. Non dimenticate che Io sono un Pastore il Quale cercherà la pecora smarrita persino negli abissi più profondi. O amato popolo! SeguiMi sempre con lo stesso coraggio e la stessa fede come Mi segui oggi, affinché il vostro esempio faccia coraggio a quelle schiere che verranno ancora da voi per aumentare il popolo del Signore.

50. Nel Primo Tempo Israele aveva bisogno di questo coraggio e di questa fede per sopportare il duro passaggio attraverso il deserto. Gli uomini che sentivano nei loro cuori la Chiamata che Geova ha rivolta a loro, hanno perduto la paura del faraone ed hanno intrapreso insieme alle loro famiglie la marcia della liberazione materiale e spirituale.

51. Riflettete sulla storia di quel popolo. Non vi ho detto che la sua vita è un libro di Rivelazioni divine e di esperienze ed esempi materiali?

52. Nel grembo di queste schiere che si radunano ora per sentire le Mie nuove Istruzioni, vi si trovano anche adesso delle anime che Mi hanno seguito attraverso il deserto; sono state da Me inviate per istruirvi ad essere forti nei cambiamenti della vita e fedele al vostro Padre.

53. Scrivete anche voi la vostra storia; Io voglio che sia indelebile attraverso i buoni esempi che lasciate alle future generazioni.

54. Interpretate bene i Miei Insegnamenti, affinché sappiate metterli in pratica nel modo giusto. Non voglio che coloro che comprendono un poco alla volta la Mia Dottrina, ne diventino vanitosi e si sentano superiore nei confronti di coloro ai quali è difficile afferrare l’essenziale. Non voglio che coloro che hanno compreso in modo falso la Mia Parola, se ne riempiano la bocca perché pensano di averla compresa. Non è un maestro umano che vi parla, nemmeno un giudice sulla Terra che vi giudica, né è un medico di questo mondo che vi ha guarito.

55. Comprendete che la Mia Parola non colma il vostro intelletto con filosofie vane, è il contenuto essenziale della vita. Io non sono un Giudice che vi offre ricchezza mondana. Io sono l’Unico Dio il Quale vi promette il Regno della vera Vita. Io sono il Dio umile il Quale Si avvicina ai Suoi figli senza sfarzo, per rialzarli con la Sua Carezza e le Sue benefiche Parole sulla via dell’espiazione.

56. Mentre nel mondo gli uni corrono dietro a falsa grandezza, altri dicono che l’uomo è una creatura insignificante dinanzi a Dio, e ci sono persino tali che si paragonano al verme nel terreno. Certo, il vostro corpo materiale vi può apparire piccolo nel mezzo della Mia Creazione, ma non lo è per Me, per via della Sapienza e la Capacità con le quali l’ho creato. Come potete però giudicare la grandezza del vostro essere in base alla misura del vostro corpo? Non sentite in esso la presenza dell’anima? Essa è più grande del vostro corpo, la sua esistenza è eterna, la sua via infinita, non siete in grado a riconoscere la fine del suo sviluppo, tanto meno come la sua origine. Non voglio vedervi piccoli, Io vi ho creati affinché raggiungiate la grandezza. Sapete voi quando Io considero l’uomo come piccolo? Quando si è perso nel peccato, perché allora ha perduto la sua nobiltà e la sua dignità.

57. Già da tempo non vi attenete più a Me, non sapete più che cosa siete in realtà, perché avete permesso che nel vostro essere sonnecchiano inattivi molte caratteristiche, facoltà e Doni che il vostro Creatore ha posto in voi. State dormendo in rapporto all’anima ed allo spirito, e proprio nelle loro caratteristiche spirituali si trova la vera grandezza dell’uomo. Vivete come gli esseri che sono di questo mondo, perché in esso sorgono e passano.

58. Vi ho lasciato percorrere tutte le vie affinché dovreste gustare i differenti frutti. Infine però vi ho chiamati e così vi dico: Nessuno è nuovo sulla via della vita, non ho assalito nessuno impreparato con le Mie Rivelazioni.

59. Avete già mangiato del pane spirituale come lo offrono diverse comunità religiose; avete già saputo che cosa è la scienza; avete già sentito abbastanza teorie umane, adesso ascoltate Me: Se nel caso, dopo aver sentito la Mia ultima Parola, non vi soddisfa la Mia Dottrina, allora andate e cercate la Verità su un’altra via. Qui vi deve convincere la Luce, l’Amore e la Forza elevante della Mia Istruzione, perché non voglio schiavi dello spirito!

60. In questo tempo è Cristo nello Spirito che vi dà la Sua Dottrina, non è Elia; come premessaggero egli ha preparato il Mio Arrivo in questo tempo, vi aiuta a comprendere la Mia Parola che Io vi do.

61. Mi domandate come potreste agire secondo la Mia Volontà, ed Io vi dico: raggiungete dapprima la vostra armonia interiore e vivete in sintonia con tutta la Mia Opera. Vi dico questo, perché se vi giudicaste sinceramente scoprireste che il vostro cuore non è in sintonia con la vostra mente, che il corpo non armonizza con la vostra anima, e che persino l’anima non è d’accordo con lo spirito. Se però siete divisi in voi stessi, siete obbligatoriamente divisi anche con altri e non in sintonia con le leggi naturali e le Leggi divine. Proprio questo seme della disunione si è moltiplicato sulla Terra e perciò l’umanità vive attualmente in un caos. La Mia Misericordia tuttavia vi aiuta a purificarvi, e vi domanda: Quando tutti voi vi riconoscerete in Me?

62. Studiate tutto ciò che vi insegno per non sentire il bisogno di cercare la Mia Verità nei libri; perché vi servirà di più fidarvi della vostra coscienza che dei libri degli uomini. Nella coscienza vi è sempre la Mia Luce, ma per comprendere le sue indicazioni, dovete vivere come uomini di buona volontà.

63. La vostra anima si sentirà molto felice nell’aldilà, quando la sua coscienza le dirà che sulla Terra ha seminato semi dell’amore! Davanti ai suoi occhi apparirà tutto il passato ed ogni vista di ciò che erano le vostre opere vi preparerà una infinita delizia.

64. Anche i Comandamenti delle Mie Leggi che la vostra memoria non era sempre in grado di percepire, passeranno pieni di chiarezza e Luce davanti al vostro spirito. Conquistate meriti che vi permettono di penetrare nell’ignoto con occhi aperti per la Verità.

65. Esistono molti misteri che l’uomo ha cercato invano di chiarire; né l’intuizione umana né la scienza sono riuscite a rispondere alle molte domande che gli uomini si sono poste e questo perché esistono delle conoscenze che sono destinate solo per l’anima, quando questa sarà entrata nella valle spirituale. Queste sorprese che l’attendono – questi miracoli, queste Rivelazioni, saranno una parte della sua ricompensa. In Verità vi dico, quando un’anima arriva nel mondo spirituale con una benda davanti agli occhi, non vedrà nulla, ma continuerà a vedere solo misteri intorno a sé – là, dove dovrebbe essere tutto chiarezza.

66. Questa Dottrina celeste che vi porto oggi, vi rivela molte bellezze e vi prepara affinché, quando una volta entrerete nello spirito davanti alla Giustizia dell’Eterno, siate in grado di resistere davanti alla meravigliosa realtà che da quel momento vi circonderà.

67. Siate veramente discepoli di quest’Opera e non vacillerete e nei momenti più elevati della vostra vita avrete totale conoscenza della Verità.

68. Potete immaginarvi la confusione di coloro che si staccano dalla materia senza sapere dove si devono rivolgere? Potete immaginarvi il dolore e la disperazione di coloro che caricati con peccati, sangue ed errori, arrivano nel mondo spirituale? Potranno aprire la porta al Mistero e capitare nell’estasi, quando osservano la magnificenza delle Mie Opere? Coloro che vengono da Me in questo modo, imparano solo a conoscere la Mia Giustizia che governa nella loro coscienza, che è come il fuoco che brucia, consuma e purifica.

69. Utilizzate le Mie Lezioni, comprendete che Io parlo a voi, discepoli che sentite la Mia Parola attraverso le labbra umane dei portatori della Mia Voce, mentre Io ascolto la vostra voce che Mi parla (dal punto) più nascosto del vostro cuore.

70. Quando sarete capaci di sentire la Mia Voce spirituale nelle profondità del vostro essere? – Quando sussisterà una volta un perfetto dialogo fra il Padre ed i Suoi figli – l’autentica comunione da Spirito a spirito.

71. Riconoscete che la divina Istruzione non rimarrà; di tanto in tanto vi do nuove Lezioni che spiegano ed ampliano le precedenti. Se in questo tempo Mi sentite, allora non atteggiatevi come i farisei che si sono scandalizzati delle Opere d’Amore di Gesù quando Egli ha guarito i posseduti, ed hanno esclamato pubblicamente che quell’Uomo il Quale Si chiamava Figlio di Dio, sarebbe un falso profeta che predicherebbe insegnamenti che contraddirebbero la Legge di Mosè. – Non dite che la Dottrina data adesso stia in contraddizione a ciò che Gesù vi ha lasciato nel Suo tempo.

72. Se volete dare un giusto giudizio su questa Istruzione, allora purificate dapprima il vostro cuore da pregiudizi, da basse passioni, da fanatismo, e poi prendete i Miei Assiomi, non importa quale, esaminatelo e riconoscerete la Luce che contiene, e quanto vi aiuta di venire a Me.

73. Io tocco gli eletti per le Mie Comunicazioni attraverso la loro coscienza affinché non dimentichino nemmeno per un attimo la responsabilità per l’incarico che ho affidato a loro. Dipende dalla loro preparazione quale irradiazione riceve la Mia Comunicazione, e da questa dipende anche l’impressione che l’uomo riceve nel suo cuore.

74. Una volta, quando sono stato crocifisso, le schiere di uomini gridavano a Me: “Se Sei veramente il Figlio di Dio, allora scendi dalla Croce e Ti crederemo”. Oggi diranno a voi che portate la Mia Parola: “Se la vostra bocca dice davvero la Parola di Dio, allora dateci la dimostrazione che pretendiamo”.

75. Perdonate a coloro che vi mettono alla prova, come a coloro che dubitano della vostra missione oppure ridono di voi. Io toglierò questa pesante croce dalle vostre spalle che Mi consegnerete con tutta la mansuetudine; allora chiederete al Padre dal più profondo del vostro cuore: “Perdona loro, perché non sanno quello che fanno”.

76. La Mia Misericordia vi dice: “Anime che venite qui con un corpo umano ed avete lottato e vissuto molto, riposatevi qui presso il Maestro”. Per gli uni la vita è stata un peso, per gli altri un giogo. Sono pochissimi che sanno che la vita è una Lezione profonda!

77. Non disperate, penetrate nella Mia Parola ed alle vostre tempeste seguiranno pace e calma. Mi chiamate il migliore Medico ed in effetti Io verso il Mio Balsamo sui vostri dolori. Non voglio però portarvi soltanto questo, ma vi voglio anche dire che vi ho eletti per aiutarMi nella Missione divina a consolare e guarire tutti gli ammalati che trovate sulla vostra via.

78. Vi considerate incapaci di compiere quest’opera? Prendetevi l’esempio nei Miei apostoli del Secondo Tempo; ho trovato anche loro tristi e malati, ma la loro tristezza era nella loro anima, erano malati di nostalgia, perché loro ed il loro popolo aspettavano già da tempo l’Arrivo del Messia promesso il Quale avrebbe portato il Regno dell’Amore ed il cui Pane avrebbe saziato la grandissima fame di giustizia.

79. Quando hanno visto per la prima volta il Maestro e sentivano la Sua Voce, sentivano che non erano più di questo mondo, ma di quello che li chiamava con la sua Parola divina; si sono armati con una forza soprannaturale e Lo hanno seguito fino alla fine.

80. A voi che in questo tempo avete mangiato alla Mia Tavola, Io dico: Non indugiate più a lungo ad adempiere il compito di parlare al mondo di questo Banchetto celeste. Sforzatevi già ora per i Doni dello spirito che saranno l’unica cosa che portate con voi da questo mondo. Non vi dico che dovete trascurare i vostri obblighi materiali, ma non preoccupatevi per ottenere ciò che vi serve per il mantenimento della vita e come passarvi. Vi ho detto in un altro tempo che gli uccelli non seminano né raccolgono e nonostante ciò a loro non mancano né cibo né nido. E’ impossibile che voi che avete nel vostro essere una particella di Dio ed aspirate pieni di fervore per quanto riguardano i vostri bisogni, venga rifiutato ciò che vi elaborate con la vostra fatica, la vostra scienza e qualche volta con il vostro dolore.

81. A voi manca solamente di avere fede nella Vita, ma in quella Vita superiore che vi offre in queste Parole il vostro Padre Celeste.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istrizione 86

 

1. Mi ami davvero, popolo? Credete che vi trovate veramente alla Mia Presenza? Allora mostrateMi il vostro pentimento attraverso la vostra sincera premessa al miglioramento. Voglio vivere nei vostri cuori, affinché più tardi possiate tenere il dialogo con Me da spirito a Spirito.

2. Quando sulla via della vostra vita incontrate in maggior misura delle difficoltà, le considerate come ostacolo per il vostro progresso spirituale e Me lo dite anche così, senza comprendere che una via senza prove sarebbe una via, sulla quale non avreste nessuna occasione di conquistare meriti per raggiungere la remissione dei vostri errori.

3. Quando i raggi del sole vi hanno bruciati, allora venite qui per riposare sotto l’ombra di questo Albero divino, affinché riconquistiate le vostre forze e prendiate coraggio. Qui vi rivelo la Potenza dell’Amore che libera, purifica e vi dona la pace. L’Amore vi porta reciprocamente vicino e vi avvicina al Creatore per diventare uno con l’Armonia universale.

4. Pensate alla Beatitudine che sperimenterà la vostra anima quando sentirà nel suo interiore la Voce del Padre suo, ovunque si trovi. Con ciò vi dimostro che aspetto solamente per mostrare ad ognuno le Mie Magnificenze che si avvicina con l’umiltà nata dall’amore per interrogarMi o chiederMi qualcosa. Costui vivrà in Me ed Io vivrò in lui.

5. Qualche volta riflettete se è in genere possibile che lo Spirito di Dio dimora in voi. A questo vi dico che è sufficiente osservare come al vostro corpo non manca per un solo attimo l’aria che inspira per poter vivere. Allo stesso modo il Mio Spirito penetra nel vostro essere, affinché possediate la Luce e la Forza del Padre, che sono la vita eterna.

6. Sono qui e Mi annuncio e parlo attraverso la vostra bocca. Questa è una ulteriore dimostrazione che Io sono in voi, ed è anche un Insegnamento per coloro che dubitano che è il Mio Spirito che si annuncia in questo modo.

7. Nel Secondo Tempo ho detto ai farisei che si scandalizzavano di Me perché guarivo i malati di Sabato: “Il Signore è il Regnante sul tempo e non il tempo su di Lui; perciò Egli può impiegare il tempo come Gli compiace”. Rispettivamente dico nel tempo odierno a coloro che non credono alla Mia Comunicazione per mezzo dell’organo d’intelletto umano: “Io sono il Signore dell’uomo e non questo il signore del Signore; perciò lo impiego com’è la Mia Volontà”.

8. A volte è necessario che perdiate ciò che possedete, affinché riconosciate il suo valore. Vi dico questo, perché molti dubiteranno, mentre vi faccio giungere la Mia Comunicazione attraverso la bocca d’uomo. Quando però questa Voce una volta taccerà ed i cuori sentiranno fame di questa Essenza divina, riconosceranno che queste Istruzioni effettivamente non sono venute da uomini, ma che vi ha illuminato la Luce del Padre.

9. Vi avverto già adesso, affinché siate preparati; perché per via di queste Istruzioni molti commetteranno degli inganni mentre si chiamano i Miei portatori della Voce, quando Io avrò già cessato a comunicarMi attraverso l’organo d’intelletto umano.

10. Nel tempo della Mia Comunicazione nessuno ha taciuto, né tacerà la Mia Voce; ma quando, dopo questo tempo, qualcuno sostiene di ricevere il divino Raggio della Mia Luce anche se sa che con ciò non è obbediente al Padre ed inganna i suoi fratelli, dovrà sempre temere che lo raggiunga la Mia Giustizia, oppure dovrà sempre essere all’erta che lo acciuffi la giustizia umana.

11. Da voi voglio obbedienza, voglio che formiate un popolo forte attraverso la sua fede e la sua spiritualizzazione; anche se - come le generazioni che discendevano da Giacobbe – si è lasciato moltiplicare – nonostante le grandi miserie che hanno visitato quel popolo – agirò anche in modo che voi, che portate in voi nello spirito quel seme, resistiate nelle vostre lotte, affinché il vostro popolo si moltiplichi ancora una volta come le Stelle nel Cielo e come la sabbia al mare.

12. Vi ho fatto sapere che spiritualmente siete una parte di quel popolo Israele, affinché abbiate una completa conoscenza della vostra destinazione. Vi ho però contemporaneamente raccomandato a non pubblicare apertamente le profezie a questo riguardo, fino a quando l’umanità le scopre da sé, perché dato che sulla Terra esiste ancora il popolo israelitico, il giudeo secondo la carne, vi negherà questo nome e non ve lo concede, benché questo non sia un valido motivo per una lite. / Loro non sanno ancora nulla di voi, voi invece sapete molto di loro. Vi ho rivelato che questo popolo che sta errando sulla Terra ed è senza pace nello spirito, si muove passo dopo passo in direzione del Crocifisso, il Quale riconoscerà come il suo Signore e Gli chiederà perdono per via della sua grande ingratitudine e durezza di cuore in vista del Suo Amore.

13. Il Mio Corpo era stato tolto dalla Croce, ma per coloro che per secoli Mi hanno rinnegato, Io vi rimango inchiodato, ed Io continuo ad aspettare il momento del loro risveglio e del loro pentimento, per dare loro tutto ciò che Io ho portato loro e non lo hanno voluto ricevere.

14. E’ il Tempo del Giudizio – il Tempo per pareggiare colpe. Non ho cercato un giusto nel mondo, perché questa ricerca sarebbe stata inutile. Io cerco coloro che si sono smarriti, ed illumino il loro sentiero affinché ritornino sulla via del bene.

15. Io parlo preciso alla vostra anima, ma il popolo Mi dice: “Signore, non solo la nostra anima ha bisogno di Te; guarda qui, la nostra vita è una pesante croce”. Io però vi dico: Siate felici di vivere su questa macchietta di Terra, dove non sono giunti distruzione, guerra, fame e morte. Non sapete apprezzare la Mia Misericordia ed invece di ringraziarMi giornalmente per i Miei Benefici, vi considerate sofferenti e vi lamentate continuamente presso di Me.

16. Comprendete il vostro compito sulla Terra e capite il Miracolo di essere stati testimoni come è sorto nel grembo di questo popolo la sorgente della spiritualizzazione.

17. Io, Cristo, sono La Parola del Padre e la Luce del vostro spirito, perché la Luce di Dio che traboccava in Gesù colmo d’Amore, è nei vostri cuori.

18. Venite sotto le Ali dell’Allodola divina, dove vi è calore, che dà la Vita eterna a coloro che si sentono morire di gelo. In Verità vi dico, nei cuori degli uomini è gelo, perché da loro è scomparso l’amore. E’ come in quelle case dove si è spenta la fiamma consacrata dell’affetto, sia fra i coniugi, fra genitori e figli e fra fratelli e sorelle. I corpi sono vicini uno all’altro, ma le loro anime sono distanti. Il loro vuoto è grandissimo, profonda la loro solitudine, e quale gelo all’interno di quelle case!

19. Se vi dico qualche volta che vi vedo venire a Me tremanti di freddo, è perché vedo che avete avuto dal mondo solo indifferenza nei confronti del vostro dolore, perché avete sperimentato solo egoismo ed ingratitudine.

20. Quanto si sente solo sulla Terra colui che soffre, come abbandonato il malato! Quanto sono arrabbiati gli uomini verso colui che cade, e quanto è amaro il pane che si avanza per il povero! Sentite come penetra il calore dell’irradiazione persino nel più nascosto del vostro cuore che Io rivolgo a voi. Portatelo agli uomini, agli afflitti ed agli ammalati. Allora i poveri leveranno i loro pensieri al Creatore della Vita per dirGli: “Signore, non siamo più abbandonati in questa valle; c’è ancora qualcuno che versa per noi delle lacrime, che ci visita, ci consola e ci stende la sua mano”.

21. Vi dico anche in questo tempo: “Chiedete e vi sarà dato”; ma adesso aggiungo ancora: Imparate a dare, perché vi si chiederà.

22. Nel più interiore di ogni creatura esiste una corda dell’amore che, quando viene toccata, vibra. La si deve raggiungere sulla via della tenerezza e dell’amore per il prossimo, affinché si risvegli e faccia sentire al cuore qualcosa di ciò che Dio sente per ognuno dei Suoi figli: Amore.

23. Chi saranno i maestri che sanno scoprire in ogni uomo la via che conduce a questa corda che gli uomini oggi nascondono così profondamente?

24. Imparate da Me, discepoli, come la Mia Parola sobria e semplice ha mosso il vostro essere. Il motivo è che contiene nel suo nucleo l’Amore divino che è calore e vita per il cuore e per lo spirito.

25. Oggi che il Maestro è presso di voi, vedete in Lui il Padre di tutti gli esseri. Non chiamateMi più Gesù di Nazareth, né Rabbi di Galilea, né Re dei giudei; perché Io non provengo da nessun popolo o luogo sulla Terra, non vengo come Uomo, Io vengo nello Spirito e la Mia Natura è divina.

26. Quanto è stato detto e scritto sulla Mia Esistenza sulla Terra, ma quanto di rado gli uomini sono giunti oltre il materiale! Si sono soltanto inginocchiati per adorare i luoghi e gli oggetti che indicano ai Miei Passi nel mondo, invece di cercare l’Essenza divina delle Mie Parole o delle Mie Opere. E’ come una splendente Aurora che è iniziato per l’umanità un nuovo Tempo, nel quale il vostro spirito riconoscerà la chiarezza di mezzogiorno in ciò che prima era per lui un mistero avvolto in una oscurità impenetrabile.

27. In questo giorno gli uomini calmano la loro mente per alcuni momenti ed elevano la loro anima a Me in memoria della notte benedetta nella quale il Redentore è venuto nel mondo. Alcuni sentono la pace del Mio Spirito, perché nei loro cuori vi è pace, altri sentono tristezza, perché pensano alla loro infanzia ed agli esseri amati che sono scomparsi dal mondo. Altri si immergono in contemplazione spirituale e nella preghiera come ce ne sono anche altri che profanano l’autentica gioia dell’anima attraverso divertimenti e feste mondane.

28. Io però chiedo ai poveri, i sofferenti della Terra: Perché piangete? Non vi ricordate che i semplici pastori di Betlemme erano i primi che hanno contemplato il Volto del loro Signore nel faccino di quel Bambino?

29. Asciugate le vostre lacrime, levate il vostro volto e contemplate la Luce della Mia Presenza in questa benedetta Parola che era stata udita pure da gente semplice, quando si è fatta sentire per la prima volta in questo tempo. Celebrate questa notte con delizia e ricordate coloro nei quali Io vengo a voi per portarvi la Mia Luce per tutta l’Eternità.

30. Io benedico la vostra casa ed il vostro pane e vi dico: “Sarò alla vostra tavola ed accanto a Me, Maria, la vostra tenera Madre spirituale”.

31. Provvedete che la vostra anima si vesta con l’abito bianco della virtù, anche se coprite il vostro corpo in modo modesto. Quello che è veramente importante nell’uomo e che ciò che era stato messo da lui al posto più basso, risorgerà di nuovo in questa era, che verrà chiamata dagli uomini “il Tempo dello Spirito”.

32. Vedete come si sono radunate le pecore smarrite alla Chiamata del Pastore per vivere nel recinto della pace.

33. Le tribù di quel popolo che ha sentito i Comandamenti di Geova nel Primo Tempo, sono apparentemente scomparse dalla faccia della Terra. Chi potrebbe riconoscere o scoprire fra quelle anime che ora sono sparse su tutto il globo terrestre e sono incarnate in uomini e donne di diverse razze, coloro che in precedenti incarnazioni erano unite con lui attraverso legami di sangue? Solo il Mio Sguardo preveggente, penetrante e amante di Giustizia può scoprire ciò che oggi è negato agli uomini.

34. Sono qui e parlo attraverso l’organo d’intelletto di uomini che non conoscono nemmeno la loro destinazione, per non parlare di quella di altri. Io so che molti si divertono a queste Parole, perché attribuiscono all’immaginazione o alla fantasia dei Miei portatori della Voce che Io parlo attraverso loro. In Verità vi dico, questa umanità materializzata darà ancora giustizia a questa Parola dalla bocca d’uomo.

35. I primi solchi erano già stati tracciati prima, il seme era caduto nel loro grembo. Oggi sono solo pochissimi che sanno che Io sono stato da voi; ma domani lo saprà il mondo, e quando indagherà ciò che era avvenuto durante la Mia Venuta, della Mia Presenza qui e del Mio Commiato in questo tempo, dichiarerà che Io non sono venuto di nascosto, né nel silenzio, e che dall’oriente all’occidente ho dato dimostrazioni e segni attraverso i quali ho testimoniato della Mia nuova Rivelazione ed ho adempiuto così una Promessa che era già stata data all’umanità nell’antichità.

36. In questo Giorno di Grazia il vostro cuore è colmo di lietezza, perché fra di voi è nuovamente la Mia Presenza. Quando comincerete a sentire la Mia Parola d’Insegnamento, vi sentirete macchiati ed indegni di sentire la Mia Parola; ma quando l’Istruzione sarà terminata, vi sentirete puri. Questo a motivo che la Mia Parola, che è una Corrente di Grazia, purifica e netta ognuno che si immerge nei suoi flutti d’Acqua.

37. Voi siete il popolo che – mentre Mi sente sempre di nuovo – deve solo giungere al rinnovamento e poi alla spiritualizzazione. E’ questo il tempo e nessun altro nel quale dovete raggiungere questa purificazione, perché senza questa non potreste essere degni portatori della Mia Legge o messaggeri di questa Parola.

38. Riconoscete che non basta dire: “Appartengo ai segnati dal Signore”, ma che è necessario mettere in pratica quei Doni dello spirito che vi sono stati affidati, mentre testimoniate la Verità della Mia Dottrina con le vostre opere dell’amore.

39. Fra questo popolo ci sono coloro che riconoscono che la Mia Presenza fra voi era stata una Grazia Celeste, una ulteriore dimostrazione dell’Amore divino per voi che peccate e soffrite. Dal fondo del cuore di coloro che hanno ricevuta la Grazia in una tale forma, si sprigionano in modo spirituale i salmi che si elevano nell’Infinito, per dirMi grazie, perché Io sono venuto da voi.

40. Il popolo di Dio è sparso fra diversi popoli e nazioni. Io l’ho cercato per unirlo; ma ho trovato come si è dato ai divertimenti del mondo, sordo per la Mia Voce, senza sentimento per la Mia Presenza, senza ricordarsi della Mia Promessa di ritornare. Ho trovato una parte di quel popolo in questo angolo della Terra e dato che ho visto che il loro spirito Mi ha aspettato, che il loro cuore era reso ferro nella lotta e capace di sentire la Mia Presenza, ho inviato a loro Elia per prepararli, affinché diventassero i Miei nuovi discepoli.

41. Quando questo popolo crescerà in numero e sarà grande e forte attraverso la sua spiritualizzazione, entrerà nella Nuova Gerusalemme, la Città spirituale bianca splendente, invisibile per gli occhi materiali, le cui porte dell’Amore verranno aperte per concedere l’accesso alle lunghe carovane di pellegrini che avranno il desiderio di venire qui.

42. Lo splendore bianco splendente di questa Dimora sorge dall’armonia spirituale di coloro che adempiono la Mia Legge ed ognuno che entra in questo modo nel grembo di questa schiera di fratelli, sarà per questo un figlio del popolo di Dio.

43. Qui non Mi ascoltano tutti coloro che ricevono in questo tempo i Doni dello Spirito. Vedete quanti posti vuoti sono alla Tavola, perché molti dei Miei piccoli bambini, dopo aver ricevuto un Beneficio, si sono allontanati ed hanno evitato le responsabilità ed incarichi. Ah, se qui sulla Terra sapessero ancora dei voti che Mi ha dato ogni anima prima di venire sulla Terra!

44. Prima che la sofferenza li farà di nuovo crollare e la miseria farà di loro nuovamente dei reietti – andate a cercarli, dite loro che il Mio Amore li aspetta sempre ancora, ma che loro, per non dover soffrire, devono ritornare al Padre, prima di sperperare l’ultima cosa che rimane della loro eredità.

45. Venite, venite, vi dice il Maestro, sulla Mia Via vi è la vera pace; Io sono la Salvezza e la Vita.

46. Amate e glorificate il Padre che discende per sorprendervi nella vostra vita terrena e che sa penetrare nel vostro cuore.

47. Dopo aver sentito la Mia Parola come Padre e come Maestro, dovete avere in questo giorno anche quella del Giudice. Esigerò da voi la giustificazione per tutto ciò che vi ho dato per l’adempimento del vostro compito.

48. Avete la Luce che vi guida, le virtù e le facoltà. Ho vegliato su di voi e messo sulla via sulla quale potete giungere a Me. Adesso, dopo un tempo nel quale vi ho esaminato, vi domando: Qual è il vostro tributo e quale la vostra conoscenza? Avete compreso ciò che significate voi per Me? Allora preparatevi, ascoltate la voce della vostra coscienza e rispondete alle Mie Domande.

49. Volete che Io porti sulle Mie Spalle la croce delle imperfezioni del mondo e che Io assuma i vostri doveri per adempiere ciò che spetta unicamente a voi? / Attualmente vi consegno il Terzo Testamento e non avete nemmeno compreso i primi due. Se in questo tempo foste stati preparati, non sarebbe stato necessario che la Mia Parola diventasse udibile materialmente, perché allora parlerei in modo spirituale e voi Mi rispondereste con il vostro amore.

50. Quando la Mia Voce da Giudice si rende percettibile in voi, cercate rifugio e conforto dalla vostra Madre. Allora la benevola ed amorevole voce di Maria offre intercessione e vi assiste nella prova. Lei, nella quale le vostre opere, preghiere e richieste non rimangono inosservate, vi consiglia e richiede al Padre una nuova opportunità, affinché il figlio ritorni sulla buona via, si rinnovi e si salvi. La sua benignità vi copre come con un mantello.

51. Anche Elia compare dinanzi a Me come un segnale luminoso la cui Luce guida l’umanità. La sua voce piena di giustizia scuote i cuori e fa sentire loro pentimento. Lui Mi giura di vegliare sulla purezza della Sorgente che è la Mia Opera, affinché tutti coloro che le si avvicinano, calmino là la loro sete di giustizia e d’amore. Il bastone che ho preparato, affinché vi si appoggi l’uomo, è Elia, l’instancabile pastore che vi conduce e guida a Me e vi fa giungere nel Mio Grembo, quando vi sarete perfezionati.

52. Ogni spanna di tempo che Io vi do, ogni reincarnazione, è un ulteriore gradino che raggiunge la vostra anima in cui conquista sempre più Luce.

53. Pensate con quale Amore vi ho coperto di Grazie e con quale Sapienza vi ho dato e ispirato Indicazioni per creare una esistenza alta e degna sulla Terra, e dopo la fine del vostro lavoro poter raccogliere il seme che il Padre porta nel Suo Granaio.

54. Amato popolo, potresti disprezzare la Mia Istruzione e ricadere, dopo che ti ho parlato in questo tempo e ti ho fatto conoscere la Mia Volontà? Non permettere che la Mia Parola diventi qualcosa di ordinario per voi, e solo perché vi perdono, non dovete nuovamente peccare e cessare di vegliare e pregare.

55. Oramai sto strappando l’erbaccia con la radice. Se in mezzo a questa purificazione mondiale volete avere la pace dell’anima per voi e per coloro che sono intorno a voi, allora operate per la pace mentre amate i vostri prossimi.

56. Le epidemie e le potenze scatenate della natura continueranno a purificare l’umanità e tutti avranno grandi dimostrazioni e testimonianze della Mia nuova Comunicazione in questo tempo. Coloro che fanno i loro primi passi pieni di fervore, otterranno grandi miracoli e saranno i primi, e coloro che oggi sono i primi e diventano spiritualmente pigri, saranno gli ultimi.

57. Non date al tempo la colpa della vostra disgrazia oppure del vostro dolore; pensate che, se l’umanità non si è lasciata guidare dalla Mia Legge, raccoglie il frutto amaro che ha coltivato e curato.

58. Io vi do nuove Forze, perché vedo che siete esausti. Ognuno che viene sotto l’ombra di questo Albero della Vita, verrà fortificato.

59. Il Padre vi aiuta, perché vuole trovare fra voi dei discepoli, e non figli deboli che nei tempi rimangono piccoli bambini. Lavorate su di voi e rinnovatevi, affinché meritiate la Mia Misericordia. In questo tempo la Mia Giustizia cancellerà i nuovi Sodoma e Gomorra, affinché il loro peccato non contamini altre nazioni. In Verità vi dico, attraverso la coscienza ho fatto giungere a tutti gli uomini la Mia Voce, perciò potete comprendere che, se il mondo è avvolto in oscurità, non è per il motivo che Io gli avessi negato la Mia Luce.

60. Quando i vostri occhi vedono la distruzione delle nazioni ed imparate a conoscere la loro disgrazia, il vostro cuore si sentirà schiacciato dal dolore e dalla tristezza; ma se coloro che oggi hanno dubitato della Mia Parola vedono adempiute le Mie Profezie, piangeranno anche loro, perché sono stati miscredenti. Allora sperimenterete come gli “ultimi” vi daranno un esempio di fede, fiducia ed obbedienza

61. Preparatevi per quest’anno che porterà con sé visitazioni e meravigliosi avvenimenti in tutto il mondo – miracoli dei quali compirò molti fra voi.

62. Portate la buona Istruzione nelle case insieme all’esempio del vostro rinnovamento, della vostra virtù e della vostra pace affinché, quando le schiere di stranieri visiteranno la vostra nazione, possano vedere un popolo preparato nel cuore e nell’anima. Pensate: se questo non avviene, dovreste lamentarvi che vi hanno sorpresi nel sonno.

63. Non temete di bussare alle porte del vostro fratello quando cercate di salvarlo da un pericolo, di consolarlo in una afflizione oppure consigliarlo in una difficile situazione. Agite come Gesù, il Pellegrino, il quale bussa alle porte dei cuori una volta, due volte e tre volte. / Ho messo la Luce nel vostro sguardo e vi ho promesso di mettere Parole di Verità sulle vostre labbra, quando dovete parlare. Lottate per conservare la pace e la Luce – sia in voi, come anche nella vostra casa per non concedere l’accesso a cattive influenze che escono dalle anime dell’oscurità, le quali circondano l’umanità. Camminate sempre sulle vie della Mia Legge per vedere illuminata la vostra via e potete vincere le difficoltà e le malattie che incontrate sulla vostra via come pietre d’inciampo che vi fermano nel viaggio della vostra vita.

64. Migliorate la vostra vita, elevate la vostra anima, non aspettate finché arriva l’ultimo e, quando comprende la grandezza della Mia Dottrina e della Mia Rivelazione, vi dica: “Che cosa avete fatto in tutti questi anni di Istruzione divina?”, e poi dovete tacere. In Verità vi dico anche se ne dubitate, voi siete stati eletti da Me nel Terzo Tempo. Fra di voi ci sono coloro che Io posso chiamare in Verità i primi nati.

65. Oggi, che vi vedo tristi, vi domando: Perché non vedo la gioia nei vostri cuori? Siete forse esausti dalle prove e dai cambiamenti della vita? Vi ha sfinita l’inquietudine che vi ha causato la guerra fra le nazioni? Vi siete anche stancati di vegliare e di pregare? Popolo, non sei condannato a morire. Io vi ho detto che vivrete, vi ho dato i Doni dello Spirito e concesso anche il tempo per adempiere la vostra missione. Avete visto che il Libro / nel quale la vostra coscienza scrive tutte le vostre azioni, non è puro, e questo vi rende tristi, perché vi considerate ingrati. Nel vostro ricordo rivivete ancora una volta i giorni ed i mesi che sono passati, e vi ricordate dei Miei Benefici, uno dopo l’altro. Temete il futuro, temete di perdere la fede in voi stessi, temete di continuare a non obbedirMi e di non poter adempiere il vostro compito. Io però voglio riempire la vostra via con Luce per vivificare la vostra fede e la vostra speranza, affinché facciate un passo decisivo sulla via al progresso spirituale. Unite i vostri cuori in un unico, amato popolo.

66. Io opererò che le bandiere delle nazioni che sono state distrutte nella guerra, vengano tutte unite finché formino un vessillo della pace. Io parlo in questo modo perché Io sono il Dio della Pace – un Padre che vuole la gioia nel cuore dei Suoi figli.

67. Vi voglio vedere come Miei discepoli, ai quali posso rivelare la Mia Sapienza, mentre vi faccio conoscere il futuro; ma in questo giorno vi vedo riflessivi, perché avete saputo dell’adempimento delle Mie Profezie che ho dato attraverso questi portatori della Voce. Oggi avete sentito il Mio divino Ammaestramento e siete sconvolti, perché sapete che ognuna delle Mie Istruzioni è una Profezia ed una Legge. / Vi dico tutto questo, perché dovete piuttosto essere pieni di delizia, perché non esiste nessuna comunità religiosa o setta che potesse avere la Parola come voi, oppure che potesse dire che il Signore Si annuncia da loro. Voi che siete gli unici che possono assicurare che Cristo Si annuncia a questo popolo, mostrateMi i vostri cuori nonostante siano piegati dal dolore e di pentimento che non adempite i Miei Comandamenti. Questo vi impedisce di alzare la vostra voce per testimoniare la Mia Presenza fra l’umanità, e questo perché la vostra coscienza vi fa sentire il Mio Giudizio – quel Giudizio che abbraccia l’intero Universo e raggiunge in questo tempo ogni creatura.

68. Con la Mia Parola d’Amore vi dimostro il valore che il vostro spirito ha per Me. Non c’è niente nella Creazione materiale che sia più grande del vostro spirito – né l’Astro Regale (il Sole Centrale Primordiale) con la sua Luce, né la Terra con tutti i suoi miracoli, né qualsiasi altra creatura è più grande del vostro spirito che vi ho dato, perché è una divina scintilla, è una fiamma che è proceduta dallo Spirito divino. / Oltre a Dio solo gli spiriti possiedono l’intelligenza spirituale, la consapevolezza, la volontà e la libertà della volontà. / Al di sopra degli istinti e tendenze della carne si eleva una Luce che è la vostra anima e sopra questa Luce una Guida, un Libro di Testo ed un Giudice, che è Lo Spirito.

69. Tutte le creature Mi danno un tributo, ma non per fede o per amore, ma a motivo della Legge; la vostra anima invece Mi porta il tributo per amore. Quando si inginocchia e Mi adora, avviene per fede ed attraverso la Luce del suo spirito. Il tempo, gli spazi, le forze della natura, le Stelle, gli esseri della natura, le piante, tutti seguono fedelmente la destinazione che è stabilita da Me. Ma se Io dovessi domandare voi che cosa avete fatto voi con le Mie Leggi spirituali e materiali – voi uomini che governate i popoli della Terra, e voi uomini che guidate l’umanità sulla via dello spirito, Mi dovreste mostrare nella maggioranza il sangue delle vostre vittime e molte oscure azioni.

70. Voi regnanti: Che cosa avete fatto con le nazioni? Vedo solo dolore e miseria. Voi ricchi: Come vi può gustare il vostro pane e come potete godere le vostre ricchezze, benché sappiate che molti soffrono la fame? Diventerete schiavi del vostro potere, il vostro pane sarà amaro, e non avrete nessuna pace. Questa è la vostra opera, questa è la vostra semenza che avete seminato.

71. Affinché questo mondo giunga di nuovo alla ragione è necessario che il dolore sia molto grande Vi mando la Mia Luce per farvi riconoscere reciprocamente e sentiate rispetto per la vita dei vostri prossimi. Lasciate dietro a voi le armi fratricide e ritornate al Padre della vostra anima, che da tanto tempo non avete più visitato nel Suo santuario.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 87

 

1. Mi compiace sorprendervi nel modo più inaspettato, per mettere alla prova la fede del vostro cuore. Metto volentieri alla prova la forza della vostra anima, affinché diate un esempio ai vostri fratelli. Nel vostro spirito vive il seme di Giacobbe che ho chiamato Israele, che significa “forte”. Quel patriarca era stato da Me sottoposto a gravi prove per dare un grande esempio della forza dell’anima. Gli ho mandato un Angelo per combattere con lui, ma il forte braccio di quest’uomo non si è lasciato vincere. Da quel momento l’ho chiamato Israele e sotto questo nome è diventato noto nel mondo postumo. Ma se Io vi domandassi: Che cosa avete fatto con quel seme spirituale che Giacobbe vi ha consegnato? Comprendereste la Mia Domanda e sapreste rispondere? Sulla vostra via sono comparsi i Miei Angeli per combattere contro i vostri errori, ma voi non li avete ricevuti. Gli esseri dell’oscurità vi hanno trovati impreparati e siete stati deboli nei loro confronti.

2. Vi domando nuovamente: Dov’è la spada di Giacobbe, il suo fervore e la sua forza?

3. Vi ho concesso la presenza degli esseri della Luce nella vostra vita terrena, affinché vi proteggano, vi aiutino e vi ispirino. Loro che sono più sviluppati di voi, scendono per adempiere un compito d’amore, la missione di seminare benefici e balsamo guaritore fra i loro fratelli. Gli esseri dell’oscurità oppure le anime smarrite non adempiono liberamente il compito per esaminare gli uomini sulla loro fede, la loro virtù e la loro perseveranza nel bene. E se infine sono vinti dalla forza dell’anima e dalla perseveranza nel bene da colui che hanno tentato, ricevono l’illuminazione e rinascono alla vita ed all’amore.

4. Discepoli, vi ho dato la sensibilità, affinché possiate percepire la presenza dei vostri fratelli spirituali. Chi non possiede il Dono della vista spirituale, ha la Rivelazione, oppure il suo cervello è capace per ricevere il mondo spirituale, oppure ha almeno il Dono del presagio; ma vi è mancato l’amore per sviluppare i vostri Doni. Perciò vi consiglio di vivere vigili, affinché sentiate la voce del pastore e dei guardiani che vi proteggono, i lamenti delle pecore oppure dell’avvicinarsi del lupo che striscia in agguato nella sterpaglia.

5. Non dormite in questo tempo degli agguati e pericoli, degli abissi e tentazioni. Comprendete che ognuno che possiede un Dono dello spirito oppure ha la missione di donare Luce spirituale, verrà continuamente circondato e perseguitato. Io non vengo per risvegliare pregiudizi o superstizione fra il Mio popolo. Io vengo per fortificare la vostra fede nell’esistenza dello spirituale e per aprire i vostri occhi per ciò che è eterno. Allora potete guardare molto oltre le cose materiali e comprendere che non tutto ciò che esiste nell’aldilà è avvolto nella Luce; perché anche nell’invisibile esiste oscurità che dev’essere spenta ed imperfezioni che devono essere trasformate in maestosa spiritualità.

6. La Dottrina che vi ho dato, affinché nella vostra vita riusciate ad attrarre a voi la Luce che trasforma l’oscurità in chiarezza, vi insegna a pregare ed a vegliare con fede e perseveranza nel bene.

7. Un uomo che è caduto ad una vita peccaminosa, è in grado a trascinare dietro di sé una intera legione di esseri delle tenebre che faranno in modo che lasci sulla sua via una traccia di infauste influenze.

8. Il mondo si è talmente sbagliata con la sua scienza, che da sé stesso non può più ritornare ai principi della sua via di sviluppo, perché non può distinguere la Verità dalla menzogna per mancanza di fede, di amore e perché non conosce il senso della sua esistenza; perciò Io sono venuto nuovamente nel mondo. Ben per coloro che Mi sentono, perché Mi comprenderanno, Mi seguiranno e troveranno salvezza. Io darò loro la Forza per ristabilire tutto ciò che hanno profanato o distrutto.

9. Popolo, rimani costante nella Mia Dottrina, ed in Verità ti dico, tre generazioni dopo la tua l’anima dei tuoi discendenti avrà raggiunto una grande spiritualizzazione. Cerca la vera elevazione e poi lo farà tutta l’umanità; perché il vostro mondo non è condannato ad essere in eterno una valle di lacrime, un paese del peccato, un inferno del vizio e della guerra. Il “Giorno del Signore” è già da voi, la Mia Spada della Giustizia colpirà la depravazione. Che cosa succederà quando distruggerò la semenza cattiva, il vizio e l’arroganza, invece di offrire la semenza della pace, della sintonia, del rinnovamento e della vera fede nella Mia Protezione? Il mondo dovrà cambiare, l’uomo cambierà, quando una volta saranno migliori la sua devozione spirituale verso Dio e la sua vita.

10. Verrà il tempo nel quale compariranno uomini che amano veramente la Mia Legge, che sapranno unire la Legge spirituale con quella del mondo, cioè l’eterna Potenza con il potere temporale. / Non succederà per schiavizzare le anime come nei tempi passati, ma per mostrare loro la via alla Luce che è la vera libertà dell’anima. Allora ritornerà la moralità nel grembo delle famiglie, ci saranno veri luoghi d’istruzione e spiritualità nei loro usi e costumi. Sarà il tempo nel quale la coscienza farà sentire la sua voce, nel quale i Miei figli comunicheranno con la Mia Divinità da spirito a Spirito, nel quale si fonderanno le razze. / Tutto questo sarà determinante per la scomparsa di molte differenze e contese: perché fino ad ora, benché il vostro mondo sia così piccolo, non avete saputo vivere insieme come una unica famiglia, non siete stati in grado ad offrirMi una forma omogenea dell’adorazione. / La vecchia Babele vi ha condannato a questa separazione di popoli e razze, ma l’edificazione del Mio tempio spirituale nel cuore degli uomini vi libererà da quella espiazione e vi porterà ad amarvi davvero reciprocamente.

11. Non pensate che Io abbia eletta questa nazione solo nell’ultima ora per la Mia nuova Comunicazione. Tutto era già previsto fin dall’Eternità. Questo suolo, questa razza, le vostre anime sono stati da Me preparati proprio come anche il tempo della Mia Presenza era stato predeterminato attraverso la Mia Volontà.

12. Ho deciso di cominciare le Mie Comunicazioni fra i più poveri – fra coloro che hanno conservati puro l’intelletto e l’anima. Poi ho permesso che venivano tutti a Me, perché alla Mia Tavola non esistono né differenze né privilegi. La Mia Parola mandata giù a questo popolo, era semplice e modesta nella sua forma, accessibile per voi, ma il contenuto del suo senso pieno di chiarezza era profondo per il vostro spirito, perché Io, bensì Io Sia l’Egida di ogni sapere, Mi esprimo ed annuncio sempre in modo semplice e chiaro. Io non sono per nessuno un enigma, il segreto ed il mistero sono figli della vostra ignoranza.

13. Esiste anche in questo tempo il Tommaso con dubbi nel cuore? Che cosa vi aspettate ancora di vedere e di sentire per poter credere? Volete magari che Cristo diventasse di nuovo Uomo per vivere fra voi? RestituiteMi il Corpo sacrificato sulla Croce, che Mi avete tolto, e vi prometto di ritornare come Uomo. Lo potete fare? No. Io invece vi ho trovato morti per la luce e la fede e vi ho risvegliato spiritualmente. Avevate perduto il vostro corpo all’interno della Terra, ed Io ve ne ho dato uno nuovo. Soltanto Io posso compiere queste azioni miracolistiche. In Verità vi dico, la vita che avete strappato a Gesù sul Golgota, si è diffusa come una rugiada di eterna Vita sull’intera umanità.

14. Perciò Io vi dico che voi siete il Mio tempio, quel santuario che esiste nel vostro spirito e dove cerco la vostra adorazione, dove voglio che la Mia Voce trovi la sua eco, dove si deve elevare il Mio altare ed Io vi posso dimorare per sempre.

15. Tutta la Mia Dottrina e la Mia Legge non sono altro che una preparazione per entrare nella Vita spirituale. Molti di coloro che Mi hanno sentito in questo tempo, vivono già nell’aldilà, pieni di gioia nel loro spirito, perché non hanno avuto nessuna difficoltà nel loro passaggio in quel mondo infinito, mentre molti uomini, scettici nel loro materialismo, sorridono ironicamente quando si parla a loro della vita spirituale. Ma verrà l’ora della morte nella quale non c’è nessun cuore che non tema, né un’anima che non tremi alla vista della presenza in arrivo dell’Eternità.

16. Vegliate e pregate continuamente, affinché questa vita che vibra al di sopra di voi e si muove nel più profondo del vostro essere, vi trovi preparati.

17. Nessuno al di fuori di Me può conservare la vostra anima, perché Io sono la Manna divina della Vita.

18. Umanità, svegliati dal profondo sonno nel quale ti trovi, e guarda in faccia alla Verità. Moltissimi sogni umani diventano nulla in questo tempo sotto l’Effetto della Mia Giustizia. Dopo però risplenderà per gli uomini l’aurora di un nuovo tempo, nel quale rivelerò loro nuove Luci che li porteranno alla conoscenza della Verità suprema.

19. Nuove generazioni e nuove anime verranno sulla Terra per adempiere una alta missione e quando poi sulla loro via scopriranno la benignità e l’esempio che hanno lasciato i loro predecessori, a loro riuscirà far germogliare dai loro cuori una pura semenza che sarà una benedizione per i Miei discepoli del tempo della spiritualizzazione e della Luce.

20. Le nazioni sono state visitate dalla Mia Giustizia, lo sarà anche la vostra; ma in Verità vi dico, se i Miei discepoli rimarranno saldi nella fede e nel bene, non moriranno, perché otterranno il perdono per l’umanità attraverso le loro preghiere e le loro opere dell’amore.

21. Il mondo non era né capace né della volontà di sentirMi, finché non si è trovata nella pace, quindi Mi deve percepire attraverso il dolore; perché solo nelle prove l’uomo si rivolge al Creatore con le sue richieste, si ricorda del Padre suo e sa apprezzare i Suoi Benefici e riconoscere i Suoi miracoli.

22. Comprendete: Quando vi colpisce la Mia Giustizia, contemporaneamente vi protegge il Mio Amore.

23. Era necessario che sull’umanità irrompesse un caos spirituale, affinché in questa lotta vedeste comparire i Doni che avete ereditati con il vostro spirito, ed affinché foste in grado di sondare e comprendere le Mie divine Istruzioni.

24. Voi, che in questo tempo avete sentito la Mia Voce, incarico ad essere protettori, ad essere vigili, affinché la purezza di questa Ispirazione divina non venga profanata da qualcuno che la vorrebbe deformare. Non formate riti o culti idolatri intorno a queste Rivelazioni, perché allora non Mi offrireste l’adorazione spirituale che Mi aspetto da voi.

25. AmateMi nel vostro prossimo e pregate con lo spirito, esigo solo questo da voi e se seguite queste Istruzioni, Mi offrirete una perfetta adorazione attraverso le vostre azioni.

26. Nessuno che si chiama discepolo di questa Dottrina spirituale si lamenti presso il Padre del fatto di essere povero nella sua vita materiale e che gli manchino molte delle comodità che altri hanno in sovrabbondanza, oppure di soffrire di mancanza e di rinunce. Questi lamenti nascono dalla natura materiale che, come sapete, ha solo una unica esistenza. / La vostra anima non ha né un diritto di parlare così al Padre suo, né a mostrarsi scontenta oppure di contendere con il suo proprio destino, perché tutte le anime hanno percorsa la loro lunga via di sviluppo sulla Terra sulla scala delle esperienze, delle gioie e delle soddisfazioni umane.

27. La spiritualizzazione delle anime è già iniziata da molto; a questa vi aiuta quel dolore e quella povertà che il vostro cuore si ribella di sopportare e di subire. Ogni bene animico e materiale ha un significato che dovete riconoscere, affinché non rifiutiate il suo valore né all’uno né all’altro.

28. Il buon spiritualista sarà colui che si sente come signore ricco e felice in tutta la povertà in beni materiali, perché sa che il Padre suo lo ama, che ha dei fratelli da amare e che i tesori del mondo accanto alle ricchezze dello spirito sono di secondo rango.

Sarà un buono spiritualista anche colui che come proprietario di beni materiali li sa impiegare per buoni scopi e li usa come mezzi che gli erano stati dati da Dio per adempiere una importante missione sulla Terra.

29. Non è proprio necessario essere povero, disprezzato o misero, per far parte di coloro che Mi seguono, come non è nemmeno necessario di far parte di coloro che portano sofferenza per essere amato da Me. In Verità vi dico, che secondo la Mi Volontà dovete sempre essere forti, sani e proprietari di tutto ciò che Io ho creato per voi.

30. Quando comprenderete essere proprietari della vostra eredità, di degnare ogni Grazia e di dare a tutto il suo giusto posto nella vita?

31. Vedete quanto gli uomini si sono allontanati dalla via della Verità; nonostante ciò, nella Mia Onnipotenza Mi stanno a disposizione tutti i mezzi per indurli al ritorno a Me. Un giorno completerò quest’Opera, non in un giorno come quello nel quale il sole determina il corso della sua Luce sulla Terra, ma in un Giorno spirituale che sarà irradiato dalla Luce dello Spirito divino e nel quale Io, il Buon Pastore, continuerò a custodire i vostri passi sulla lunga via da pellegrino. Non credete che al Mio Spirito come Padre dia dolore quando smarrite la via che Io ho segnata per voi con il Sangue come dimostrazione del Mio infinito Amore? Tornate indietro, ritornate alla via, amate pecorelle, perché su questa giungerete all’ovile della pace.

32. Venite a Me, schiere di uomini, ma venite uniti! Nel Mio popolo non devono esistere né divisioni né scissioni, perché dovete dare al mondo un esempio di fraternità ed unione.

33. “Ho da darvi più di quanto voi Mi chiedete”, vi ho detto sovente, ed Io vi domando: Voi credete che quelle anime che abitavano per prime sulla Terra, si potevano già immaginare tutti i miracoli della natura che le circondavano nella loro esistenza terrena? Quegli esseri erano avidi di sapere, ma non si sono mai immaginato che questa Vita celasse una tale magnificenza.

34. Ora, dato che avete vissuto (a lungo) in questo mondo che avete trasformato da un paradiso in una valle di lacrime, desiderate ritornare alla vita spirituale, e Mi pregate che in questo aldilà non voglia mancarvi la Luce e la Pace per la vostra anima, senza pensare che non vi darò soltanto questo, ma vi rivelerò molti Misteri e vi mostrerò la Sorgente della Vita da dove contemplerete spiritualmente, comprenderete ed amerete l’Opera del Padre vostro. Allora comprenderete che la Creazione materiale con tutte le sue perfezioni è solo un riflesso o un simbolo della magnifica ed eterna Vita spirituale.

35. Oggi Mi chiedete solo un po’ di pace ed una scintilla di Luce; ma quando una volta vi vedrete circondati dallo splendore della Vita spirituale, dopo aver lasciato il vostro corpo nel grembo della Terra, vi ricorderete che sulla Terra vi ho detto: “Il Padre ha dato di più ai Suoi figli che quello che Gli chiedono”. Non dimenticate però che dovete salire sulla scala del Cielo che conduce l’anima al livello della perfezione, e che saranno il vostro sforzo ed il vostro amore che vi conducono in cima, dove i vostri meriti vi renderanno degni dell’alta ricompensa che Io vi prometto.

36. La Mia Luce risplende nell’organo d’intelletto del portatore della Voce e diventa la parola umana. E’ ribelle la “cervice” di questo organo d’intelletto per mezzo del quale Io parlo agli uomini, i loro cuori sono duri e le loro labbra impacciate; nonostante ciò, quando li tocca la Mia Luce, quando il Mio Raggio di Luce raggiunge il loro intelletto, allora le frasi che pronunciano sono Cibi celesti per gli affamati d’amore e di Verità, sono balsamo e conforto per coloro che vengono qui compenetrati da sofferenza, e sono un Libro della Luce divina per coloro che amano la Sapienza.

37. “Mangiate e bevete” dico alla vostra anima; in questo tempo si trovano sulla Tavola Pane e Vino: il Pane è la Mia Parola, ed il Vino è il suo contenuto spirituale. Utilizzate questi anni nei quali ricevete ancora la Mia Comunicazione, perché quando sarà venuta l’ora, non Mi sentirete più in questo modo, e piangerete amaramente nel tentativo di muoverMi a concedervi ancora una spanna di tempo dell’Istruzione; ma Io vi dico in anticipo: Quando la parola di un re non viene ritirata – immaginatevi quanto più vale questo per la Parola di un Dio!

39. La Mia Volontà sarà fatta, perché cesserebbe prima a splendere l’Astro Regale – il Sole Centrale Spirituale - o passerebbero Cielo e Terra, piuttosto che non si adempia la Mia Volontà.

40. Avrete molto da fare dopo avervi tolta la Mia Parola. Tutto ciò che adesso non avete esercitato oppure non avete potuto adempiere, lo dovrete fare in quei giorni.

41. Vi cercheranno i vostri fratelli bisognosi e non vi dovete nascondere. Il vostro cuore deve essere una fonte dell’amore per il prossimo e della misericordia per il sofferente, e Mi dovete cercare nella regione più alta del vostro pensare, dove riceverete Ispirazioni divine.

42. Non sarete liberi da prove, ma questi serviranno a rendere ferreo il vostro spirito e mostrare agli uomini di poca fede la vostra rassegnazione (nella Volontà di Dio) e la vostra elevazione animica.

43. Ben per coloro che seguono con mansuetudine e rassegnazione la Mia Volontà, perché in loro saranno i Doni della pace, della sapienza e della spiritualizzazione.

44. Oggi cerco coloro che non hanno compreso il senso della vita – coloro che non sanno che cosa è la Verità, i deboli che falliscono in ogni impresa, ad ogni passo. Io però dico loro: Venite per sentire questa Parola e vi sentirete fortificati come mai prima. La fede vi darà una forza invincibile e la conoscenza della Mia Dottrina vi darà una Luce che non si spegnerà mai.

45. Nessuno di coloro che si svegliano così, non risprofonderanno di nuovo nella letargia e non si fermano sulla via dello sviluppo. Chi vede questa Luce potrà dire che la Mia Voce lo ha sempre chiamato e che la Mia Presenza si è rivelata in lui ad ogni passo sulla via della vita, in modo che non possa mai più di nuovo sostenere che gli sia mancata la Luce, nemmeno per un attimo.

46. Beati sono coloro che si sforzano senza paura davanti al mondo di portare questa Luce ai loro fratelli per diffondere così la Verità e seminare la pace. Riconosceranno la via che conduce nel Regno dei Cieli.

47. La libertà della volontà della quale avete sovente fatto uso per intraprendere una via sbagliata, verrà visitata dalla Mia Giustizia; ma verrà il tempo nel quale vi potrete rallegrare pienamente di questo Dono e vi servirà a compiere solamente opere degne del Padre vostro.

48. Schiere di uomini, abbiate fede in Me e non ci sarà nessun temporale che vi disperde, perché la virtù protegge coloro che elevano i loro pensieri nelle Alture dei Cieli.

49. Io ho una dimora (per voi) nell’aldilà; abitando là sarà come se si leggesse in un Libro pieno di inesauribili miracoli per lo spirito. Finché siete ospiti sulla Terra, vivete bene quanto vi è possibile e seguite sempre i Comandamenti della Mia Legge. Siate puri ed tendete alla perfezione, alla bellezza, al bene; siate utili ai vostri prossimi. In questo modo raccoglierete i valori che, quando vi staccherete dalla materia, accompagnerà la vostra anima nel passaggio nell’Eternità.

50. Rendetevi conto dei Doni, scoprite le vostre forze, comprendete la vostra missione e poi venite senza fretta sulla via fin dove vi aspetta il Mio Amore come Padre per darvi la vostra ricompensa.

51. Ora, che le schiere di uomini desiderano la Mia Parola come nel Secondo Tempo, ci sono alcune anime fra loro che hanno sentito la Mia Parola in ambedue le epoche. A loro potrà apparire diversa nella sua forma, nel suono della sua Parola, se la confrontano con quella che ho dato attraverso la Bocca di Gesù; ma in Verità vi dico, il suo senso è lo stesso e non cambierà mai. La Mia Parola vi mostra la via che vi ho offerto in tutti i tempi – una via della quale voglio che induca la vostra anima a far splendere la Luce che invia il vostro Maestro.

52. Il corso abituale della vostra vita è stato improvvisamente sferzato da forti tempeste. Dopo però risplenderà nell’Infinito la Luce di una Stella i cui raggi doneranno la pace, la Luce e la calma che serve all’anima incarnata per riflettere sull’Eternità.

53. Sentite la Mia Presenza, Io sono vicino, molto vicino al cuore di questa umanità, le parlo, affinché si svegli dal suo profondo sonno ed illumino con perseveranza la via di ogni essere, affinché si metta in cammino nel desiderio della Mia Misericordia.

54. Le Mie Manifestazioni e le Mie Dimostrazioni fra gli uomini saranno in questo tempo così chiare e raggianti che esclameranno: “E’ il Signore!”. Come in quel tempo quando camminavo come Uomo sulla Terra, gli uomini alla vista delle Mie grandi Opere esclamavano ammirati: “E’ il Figlio di Dio!”

55. Nuovamente parleranno i muti, i ciechi vedranno, i paralitici cammineranno ed i morti risorgeranno. Questi miracoli avverranno per gli uni nello spirituale e per gli altri anche nel materiale. Farò stupire gli scienziati e quando interrogheranno coloro che hanno sperimentato questi grandi miracoli, come lo hanno fatto, allora risponderanno a cokstoro ogni volta che è avvenuto attraverso la preghiera e la fede.

56. Le voci di tutti questi miracoli e testimonianza tangibili della loro Verità saranno note in tutte le parti del mondo, sia nelle grandi città, come anche nei più piccoli villaggi. Allora il cuore indurito di un uomo insensibile per le Comunicazioni spirituali comincerà a sentire la Mia Presenza finché verrà il momento che da questo cuore irromperà un grido di fede e di giubilo, perché comprenderanno che Cristo è ritornato agli uomini e che Egli è presente in ogni cuore.

57. Mi sono annunciato attraverso il vostro organo d’intelletto per tramandarvi il Libro dei Miei Messaggi e delle Mie divine Rivelazioni che voi dovete far giungere nel giusto momento all’umanità, perché in questo Messaggio Celeste che invio al mondo tramite la vostra mediazione, gli uomini potranno trovare la spiegazione per molti Misteri che non erano in grado di comprendere.

58. Non andate sulla via come messaggeri della Mia Dottrina, se non l’avete afferrato chiaramente e se non la potete testimoniare ai vostri prossimi attraverso le vostre opere d’amore, perché allora non coltivereste buoni frutti. Sareste come quei discepoli che pregano per la pace delle nazioni, ma che non sono in grado a creare pace nelle loro stesse case.

59. E’ difficile la missione delle schiere di uomini che hanno sentito la Parola del Signore nel Terzo Tempo, perché devono portare nei loro cuori questo Messaggio con la purezza con la quale Io l’ho data, perché la sua Luce dev’essere per l’umanità come quella Stella dell’oriente che ha guidati gli astrologi ed i pastori alla Presenza del Signore.

60. Calmate la vostra sete con l’acqua cristallina di questa inesauribile Sorgente, la sua freschezza vi aiuterà a portare la vostra croce con pazienza ed intesa.

61. Io sono la Vita che Si rivela costantemente al vostro spirito; ma pensate: proprio come portate in voi la vita, così passa accanto ad ogni creatura umana anche la morte che mette fine alle vie degli uomini sulla Terra.

62. Questo ve lo dice il Maestro, affinché non lasciate passare oltre le ore, giorni ed anni senza aver creato qualcosa che la vostra anima può raccogliere domani, quando per lei sarà venuta l’ora di consegnare il suo raccolto.

63. Gli uomini in questo tempo del Giudizio hanno bisogno di fede, coraggio e presenza di spirito per non soccombere nelle grandi prove. E’ ciò che Io voglio diffondere con la Mia Dottrina sulla Terra, per nutrire la speranza nell’umanità. E’ giunto il tempo del Giudizio nel quale voi, se sapeste osservare, vedreste sorgere la Luce in mezzo a dolore e peccato.

64. Delle forze materiali e spirituali spingono l’umanità, tutti parlano del Giudizio e fanno tremare gli uomini impacciati e non istruiti e sconvolgono gli scienziati.

65. Le legioni di anime che errano nel mondo senza meta e bussano alle porte dei cuori degli uomini in modo diverso, sovente sono delle voci che vi vogliono dire che dovete svegliarvi, che dovete aprire i vostri occhi alla realtà, che dovete pentirvi dei vostri errori e rinnovarvi, affinché più avanti, quando lasciate il vostro corpo nel grembo della Terra, non dovete piangere, come loro, della vostra solitudine, della vostra ignoranza e del vostro materialismo. In ciò riconoscete come persino dall’oscurità sorge la Luce, perché nessuna foglia si muove sull’albero senza la Mia Volontà; proprio quelle manifestazioni spirituali inonderanno talmente gli uomini, giorno per giorno e sempre di più, che alla fine vinceranno lo scetticismo dell’umanità.

66. Cristo che ha procurato che le anime legate alla materia uscissero dai posseduti, ed il Quale ha annunciato la Sua Potenza divina in modo che Lo obbedivano, è già sempre stato nel Padre e da lì Egli ordina ed opera la Sua Volontà in ognuno di questi esseri. In questo modo Egli Si serve della Luce degli uni e qualche volta persino della confusione degli altri, per eseguire i Suoi saggi Consigli nella destinazione per i Suoi figli molto amati.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 88

 

1. Quanto Mi è piacevole il canto degli uccelli ed il profumo dei fiori; ma in Verità vi dico, la vostra preghiera accarezza di più il Mio Spirito, quando giunge a Me avvolta in pensieri puri e con ferme premesse al miglioramento.

2. Voi dubitate di raggiungere l’innocenza di un uccello o la bellezza di un fiore, perché vi giudicate soltanto secondo il vostro abbigliamento misero o secondo un qualche difetto corporeo del vostro involucro corporeo; ma non vedete lo spirito, questo essere dotato con bellezza e Grazia divina. Lo spirito è Luce, intelligenza, amore, sapienza, armonia, eternità, e tutto questo manca agli uccelli ed ai fiori. Cercate la bellezza dello spirito, vi sarà come uno specchio che riflette fedelmente il Volto del Creatore. Non sforzatevi troppo intorno alla vostra bellezza esteriore, benché Io vi dico che non dovete trascurare nulla del vostro essere.

3. La purezza del corpo non è in contraddizione alla spiritualizzazione, ma non dimenticate che l’anima viene prima del corpo. Ricordatevi che già prima vi ho detto: conservate puro il vaso esteriormente ed interiormente.

4. Se qualcuno dovesse pensare che la Mia Parola è troppo semplice per venire da Dio, allora Io gli dico che deve pensare che sono gli uomini semplici e non istruiti che sono venuti a sentirMi, e devo parlare a loro in un modo che Mi possano comprendere. Se però volete idee e spiegazioni più profonde, allora dico a tutti coloro che hanno giudicato la Mia Comunicazione come misera, che si devono preparare interiormente ed unirsi da spirito a Spirito con la Mia Divinità, cosa che corrisponde a ciò che Io Mi aspetto dagli uomini. Allora una Ispirazione così profonda raggiungerà il loro intelletto, che Mi dovranno dire che non devo parlare a loro in tali espressioni che può comprendere soltanto Dio. Nuovamente vi dico come nel Secondo Tempo: “Vi ho dato Istruzioni terreno e voi non credete. Come dovreste credere se vi dessi quelle celesti?”

5. Quando il vostro cuore ospita la buona fede e l’intelletto è libero da pregiudizi ed immaginazioni poco chiare, è perché si sa apprezzare meglio la vita, e la Verità viene riconosciuta con maggior chiarezza. Se invece si celano nel cuore dubbi o vanità ed errori nella mente, tutto appare confuso e persino la Luce appare come tenebra.

6. Cercate la Verità, essa è la Vita, ma cercatela con amore, con umiltà, con perseveranza e con fede.

7. Non pensate che Io Mi senta ferito, quando qualcuno non crede alla Mia Presenza in questa Comunicazione, perché la Mia Verità non ne è toccata. Moltissimi uomini hanno dubitato che esista un Essere divino che ha creato tutti i miracoli dell’Universo, e nonostante ciò il Sole per questo non ha cessato di mandare a loro la sua Luce.

8. Quante vie dubbiose e quante ricchezze superflue avete dovuto lasciare dietro di voi, per seguire questa Orma! Presto però avete percepito pace e forza come risarcimento per le vostre rinunce. Il motivo per questo è che avete potuto raggiungere tutto con fede e buone opere!

10. Procuratevi una provvista di “armi” perché si stanno avvicinando i cattivi tempi. Vedete come il male ha portato frutti nel mondo. Al di sopra del grande disordine e confusione risplende chiaramente la Luce del Mio Spirito e compenetra tutti i popoli della Terra, Nulla potrà oscurare la Mia Luce. Badate come Io visito passo dopo passo l’anima degli uomini e mostro loro la Verità come una via sicura.

11. E’ necessario che sappiate che questa vita vi è stata data affinché all’anima riesca ad avanzare di un passo sulla scala del perfezionamento e del progresso. Non basta però che l’anima conosca queste Istruzioni, quando non trova ascolto nel tentativo di rivelarle alla carne.

12. In questo tempo i cuori sono campi aridi sui quali l’anima non ha potuto far germogliare il suo seme e perciò Io, sapendo già da molto tempo che l’umanità giungesse a questo grado di materialismo - vi ho fatto la Promessa di ritornare – una Promessa che riscatto attualmente fra gli uomini.

13. Sono venuto come il divino Seminatore a cercare la vostra anima smarrita sotto le ombre del peccato per posare in lei nuovamente il seme dell’amore e per dirle che lo semini in quel cuore che le era stato affidato e quivi lo coltivi.

14. Vedete come vi scandalizzate alle notizie che ricevete dalle nazioni in guerra, cosa che vi ha indotto a pregare. Ed Io vi dico che è bene che pregate, ma oltre a questo dovete sforzarvi che la pace entri anche nel vostro cuore, affinché da esso possa fluire amore e misericordia, se volete condividere con qualcuno questa Grazia.

15. Oggi avete il compito di creare pace fra gli uomini, di portarli alla riconciliazione, di stimolarli ad amarsi reciprocamente; perché nel retroscena di questa maestosa missione si trova una vecchia colpa che avete nei confronti del vostro Signore e dei vostri fratelli di diversi popolo della Terra. Chi sa che cosa ha seminato nei tempi passati? Chi conosce le sue opere delle vite precedenti?

16. Questo sapere intuitivo che la vostra anima ha lasciato scorrere nella vostra carne, non era sufficiente per presagire il vostro compito di remissione e farvi sentire udibilmente la Mia Voce attraverso uomini per farvi riconoscere chiaramente tutto ciò che avete assolutamente considerato come misteri e che è tanto naturale, quanto per il corpo è il nascere, crescere e morire.

17. Se la vostra scienza vi rivela un poco alla volta i profondi segreti della vita umana – perché allora una Scienza più alta come la Mia divina Sapienza, non avrebbe dovuto illuminarvi con la conoscenza della Vita spirituale ed eterna?

18. Ho fatto un inizio con ciò mentre vi ho fatto sapere chi siete stati e chi siete ora, per darvi poi una idea chi sarete.

19. “Crescete e moltiplicatevi” ho detto all’uomo, quando l’ho fatto comparire sulla Terra. Ho detto simili Parole alla vostra anima, quando l’ho fatto sorgere alla Luce della vita.

20. Dopo che conoscete questo - chi può sapere fin dove l’anima può giungere nel suo sviluppo verso l’Alto? Chi di voi può immaginarsi fin dove è giunto nel suo perfezionamento come quello di coloro che Mi sono molti vicini?

21. L’anima è come un seme che ho posto in ogni uomo. Amatela, lasciatela crescere, custoditela; si svilupperà in voi ed aumenterà in virtù e perfezionamenti che serviranno alla vostra felicità ed alla Glorificazione di Colui il Quale vi ha dato l’esistenza.

22. Io accetto il vostro tributo d’amore e vi benedico. Vengono qui anche coloro che Mi chiedono una soluzione per i loro problemi sulla Terra – tali che hanno perduto la pace dell’anima, esausti dai bisogni materiali. Vengono tutti e portano nei loro cuori un fagotto di preoccupazioni. Quando però sentono la Mia Presenza, dimenticano la loro preoccupazione perché percepiscono che il miglior Balsamo guaritore è contenuto nella Parola divina. Io accetto da ognuno il dono di sacrificio che consiste negli uni in fede e negli altri in amore.

23. Qui Mi avete come Padre e come Maestro. Io vengo nello Spirito, ma non dubitate della Mia Presenza solo perché i vostri occhi umani non Mi vedono.

24. Io discendo dalla Perfezione sulla scala dello sviluppo animico che era stata mostrata a Giacobbe in una Rivelazione, affinché la Mia Voce venisse udita a tutti i livello d’esistenza.

25. Affinché l’umanità abbia la certezza che Io le parlo spiritualmente e che è la Mia Voce celeste che riversa le sue Istruzioni sulla vostra anima, Mi sono annunciato attraverso l’organo d’intelletto di uomini ignari e semplici, per comunicarvi in questo modo il Mio Dialogo da Spirito a spirito.

26. Questo Messaggio è destinato a tutta l’umanità; ma ora l’affido a questo popolo affinché come messaggero del suo Maestro lo faccia giungere alle nazioni, popoli e province. E’ la Luce che deve procurare che gli uomini non vadano ciechi incontro ai tempi della lotta.

27. Il mondo non deve aspettarsi un nuovo Messia. Se ho promesso di ritornare, allora ho anche fatto comprendere che la Mia Venuta sarebbe stata spirituale; ma gli uomini hanno mai saputo prepararsi per accoglierMi.

28. Nel tempo di allora gli uomini dubitavano che Dio potesse celarrSi in Gesù, il Quale hanno considerato un Uomo come gli altri e così povero come uno qualunque. Nonostante ciò più avanti quegli uomini, in vista delle portentosi Opere di Cristo, sono giunti alla convinzione che in quell’Uomo nato, cresciuto e morto nel mondo, era “La Parola’ di Dio. Nei tempi odierni tuttavia molti uomini accetterebbero la Mia Venuta solamente se Io venissi come Uomo del Secondo Tempo. Le dimostrazioni per questo, cioè che vengo nello Spirito e Mi annuncio all’umanità, non verrò riconosciuto da tutti nonostante le testimonianze, perché il materialismo sarà come una oscura benda davanti agli occhi di molti.

29. Molti vorrebbero vedere Cristo ancora una volta soffrire nel mondo e ricevere da Lui un Miracolo per credere alla Sua Presenza oppure alla Sua Esistenza. In Verità però vi dico, su questa Terra non ci sarà più una mangiatoia che Mi vedrà come Uomo, né un secondo Golgota che Mi vedrà morire. Ora tutti coloro che risorgeranno alla vera Vita, Mi sentiranno nascere nei loro cuori, proprio come tutti coloro che rimangono caparbi nei loro peccati, Mi sentiranno morire nei loro cuori.

30. Trasmettete tutto ciò che Gesù ha fatto allora, dal materiale nello spirituale e dall’umano nel Divino ed avrete la Sua Passione presente nella vostra vita.

31. Alcuni di coloro che Mi avevano aspettato ardentemente, nel momento che sono venuto da loro, non hanno percepito la Mia Presenza, perché hanno avuto una opinione prestabilita del modo della Mia Venuta e quest’opinione non coincideva con la realtà. Quando Mi sono presentato a questo popolo, Mi aspettava con un presagio che era la percezione intuitiva della loro anima; ma non si era mai prefissa una determinata forma della Mia Venuta. Così avvenne, quando Elia, il preparatore della via, annunciò loro la Mia Parola – mentre si annunciava attraverso l’organo d’intelletto di colui che era eletto come primo chiamato di questo tempo – ispirava quei testimoni delle prime Comunicazioni a prepararsi interiormente, questi vennero colmati di delizia e fede perché sentivano che il Signore stava per arrivare dagli uomini e che la forma della Sua Comparsa era in sintonia con ciò che i profeti del Primo Tempo avevano annunciato e più tardi fu promesso dal Maestro.

32. Amati discepoli che in questo tempo della Mia Comunicazione attraverso l’organo d’intelletto umano avete sentito molte volte la Mia Voce – ristoratevi nella Istruzione che Io vi do, perché domani la dovete spiegare ai vostri prossimi.

33. Se occasionalmente ripeto per voi la stessa Lezione, allora badate che la do sempre in forma differente, affinché la comprendiate meglio.

34. Siete bensì tutti figli della Luce, dato che siete nati da Me; ma mentre gli uni fra voi sono rimasti saldi nel bene ed hanno fatto attenzione che la Luce non si offuscasse, voi altri vi siete smarriti su false vie che conducono l’anima nella tenebra. Le basse passioni, l’egoismo, l’arroganza, il materialismo, l’ignoranza ed ogni vizio sono forze oscure che annebbiano la ragione, soffocano le sensazioni ed allontanano l’uomo dalla via indicata dalla voce della loro coscienza.

35. Innumerevoli anime si sono allontanate dalle Mie Vie ed hanno visto spegnersi la loro Luce interiore. Verrà comunque l’ora nella quale esse stesse si metteranno alla ricerca della chiarezza della Mia Luce, perché saranno stanche di errare nell’oscurità.

36. Dal Mio Spirito sprizzano scintille di Luce in numero infinito – scintille che scendono in ognuno dei Miei figli simili alla Manna che nutriva il popolo nel deserto.

37. Tutto ciò che avete visto succedere in questo tempo, sia nello spirituale come anche nel materiale, era già stato annunciato.

38. Nei tempi passati c’erano degli uomini che hanno predetto tutto ciò che l’umanità sta sperimentando in questo momento. Questi uomini erano Miei profeti, figli della Luce che ammonivano i popoli, affinché dirigessero i loro passi sulle vie del bene. Quei profeti predicevano l’oscurità dell’afflizione e la distruzione in seguito all’indifferenza dell’umanità verso le Chiamate del loro Signore.

39. Ora voi che vi sentite indegni della Mia Grazia, potreste domandarvi: “Come mai che ci sono stati uomini ai quali Dio ha mostrato la Sua Luce ed ha fatto sentire la Sua Voce quando annunciava loro i Suoi Messaggi, e d’altra parte Si è tenuto nascosto alla vista della maggioranza dei Suoi figli?”. A questo Io vi rispondo che quegli uomini che erano in grado di unirsi con il Mio Spirito, non hanno goduto di nessun privilegio. Hanno solo provveduto che il Pensiero e l’Ispirazione di Dio si riflettessero nella loro mente.

40. Attraverso la bocca di uno di questi illuminati non vi ho detto che sarebbe venuto un tempo nel quale ogni occhio Mi vedrebbe? Adesso vi dico che è questo il tempo nel quale gli uomini preparano la loro anima per sentire la Mia Presenza. Dove rimane il privilegio di alcuni pochi, se sono Doni che sono propri di ogni anima?

41. Come voi avete sperimentato che la vostra scienza umana era in grado di trasformare la vita degli uomini, allora sperimenterete anche come la Mia Dottrina trasformerà in breve tempo la vostra esistenza.

42. La ragione, la giustizia e l’amore occuperanno il posto che spetta nel cuore di coloro che hanno cercato di vivere senza virtù, benché questa sia il contenuto ed il motivo essenziale per l’esistenza sia per l’anima come anche per il corpo.

43. Quando una volta gli uomini vivranno nella Verità, vedrete uscire dai cuori degli uomini una nuova adorazione per Dio, piena di sobrietà e spiritualizzazione. Cadranno il fanatismo religioso, i pregiudizi e le idolatrie, saranno stati annientati in vista della Luce della Verità irradiata da ogni spirito.

44. Gli uomini saranno grandi nella virtù ed umili dinanzi alla Mia Volontà ed alla Mia Legge, e coloro che si sono considerati déi sulla Terra perché hanno aspirato solo al potere terreno e disprezzati i Tesori dello Spirito, dovranno passare attraverso gravi prove.

45. Lavorate con Me, perché vi farò prendere parte nelle Mie Opere ed allora vedrete infine diventare realtà tutto ciò che vi ho annunciato.

46. DateMi dimora nella vostra anima. Comprendete che sto cercando il tempio imperituro che qui Mi dovete erigere. Voglio vivere nel vostro cuore e rendere percettibile la Mia Presenza in ogni vostra opera e desidero che nell’interiore di questo santuario arda la lampada inestinguibile della vostra fede.

47. Discepoli del Terzo Tempo: unitevi tutti nella Mia Parola, affinché vi troviate preparati per il momento della partenza per diffondere la Mia Dottrina.

48. La vostra responsabilità verso di Me ed i vostri prossimi è incommensurabile. Procurate che la Verità risplenda, vivete per lei e, se è necessario, morite per essa.

49. Tenete presente che l’Amore del vostro Padre è diventato Uomo in Gesù, e che quella Vita era consacrata all’Annuncio ed alla difesa della Verità. Prendetevi d’Esempio il vostro Maestro; ma se vi sentite troppo deboli per seguire i Miei Passi, allora lasciateMi entrare e vivere nel vostro cuore e vi assicuro che la Mia Presenza vi fortificherà nella lotta.

50. Perché temete di non essere utili? Rivolgete i vostri occhi al passato e pensate che nel Secondo Tempo, benché in Giudea ci furono degli uomini considerati saggi, ed altri che si vantavano di essere puri di cuore, non ho eletto né gli uni né gli altri per formare la Mia schiera di apostoli. Erano dodici uomini poveri, ignari, semplici e modesti che hanno ascoltato la Mia Chiamata quando Io dissi loro: “Venite e seguiteMi”.

51. Ora Io vi dico che non Mi servo di eruditi o giusti, ma degli umili, degli affamati di pace, amore e Luce. Uscite tranquillamente sulle vie della Terra senza temere che gli uomini vi mettano corone di spine a motivo della loro ingratitudine, del loro scherno e della loro durezza, e confidate che verrà il tempo nel quale comprenderanno il Messaggio che voi avete portato loro.

52. Perdonate le offese che vi vorranno fare gli uomini, mentre dite con le Mie Parole sulla Croce: “Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”, e ricordate che gli uomini portano una croce così pesante ed una corona così dolorosa, che nessuno di voi se lo può immaginare.

53. Portate nella vostra parola come nel vostro sguardo e nel vostro cuore l’aurora che annunciano a coloro che soffrono l’inizio di un tempo di Giustizia.

54. Un tempo il vostro cuore era una tomba nella quale avete conservato il Mio Nome come qualcosa senza vita. Oggi questa tomba si è trasformata in un altare sul quale arde la fiaccola della fede. Perché questo altare domani non si dovrebbe trasformare in una scala spirituale sulla quale salite in Alto e fate in modo che tutti coloro che avete salvati vengano a Me?

55. Si sta avvicinando il tempo della vostra predica e se vi entrate preparati, com’è la Mia Volontà, vi stupirete di sentirvi parlare di avvenimenti che non avete mai vissuti, pensati o sentiti.

56. Tutto questo avverrà quando i vostri passi cominceranno ad essere sicuri sulla via della vera Vita, e per momenti vi sentirete nel Regno di Dio.

57. Io vedo che in certi Miei discepoli si sta vivificando la speranza e che credono fermamente che la Potenza del Mio Amore e la forza di convinzione della Verità devono trasformare l’umanità.

58. Altri invece si mostrano scettici - perché non comprendono quel mondo che vi annuncio attualmente - con uomini e popoli che si amano reciprocamente, e con una umanità che sa offrire al suo Signore una adorazione spirituale libera da ogni autoinganno.

59. Se credete in Me, potete fidarvi che la Mia Potenza è più grande che il peccato degli uomini e che perciò l’uomo e la sua vita devono cambiare, appena il peccato scompae davanti alla Luce della Verità e della Giustizia.

60. Vi potete immaginare la vita in questo mondo, quando gli uomini una volta faranno la Volontà di Dio?

61. Riflettete, riflettete su tutto ciò, affinché nel vostro cuore il desiderio prenda un poco alla volta la forma che questo tempo possa arrivare, anche se coloro che lo vivono, non sarete voi, ma i figli delle future generazioni.

62. Vi dico nuovamente che non dovete temere le contese. Perciò dite ai vostri prossimi con la massima naturalezza che il Signore è venuto da voi.

63. Dite a loro che Colui che morì sulla Croce, era Gesù, il Corpo nel Quale Si celava Cristo, il Tempio vivente nel Quale dimorava “La Parola” di Dio; ma che Cristo, l’Amore divino, vive e viene nello Spirito ai Suoi figli per insegnare loro la via che li condurrà nel Suo Regno Spirituale.

64. Quando vi domandano dov’ero Io, finché veniva l’ora della Mia Venuta, allora dite loro che Io sono stato in ogni anima e che ho aspettato che i cuori degli uomini Mi desiderassero e che Mi chiamasse la loro voce.

65. Sì, popolo, tu devi parlare; devi parlare, affinché i sordi odano, e devi dire a tutti che oggi non sono venuto come Uomo, per cui anche l’amabile Maria non è venuta in questo tempo sulla Terra per servirMi come Madre. Se vi domandano di lei, allora dite che il suo spirito dimora nel Santuario dell’Eterno da dove manda su tutti i suoi figli le irradiazioni del suo infinito amore materno.

66. Io leggo nell’interiore del vostro cuore e mentre gli uni dicono che non è possibile che Io vengo a voi, perché considerano che i vostri peccati vi rendono indegni di una così grande Grazia, gli altri pensano che proprio queste trasgressioni sono il motivo per la Mia Presenza fra voi. Mi è compiacente che fate delle considerazioni e non lasciate passare oltre inosservata la Mia Parola, perché dalla vostra riflessione e dal vostro studio dipenderà il vostro progresso.

67. Notate come ho letto nei vostri cuori? Perciò Io vi dico che le ciglia sono più lontane dai vostri occhi che la Mia Presenza da voi. Chi perciò si vergogna dei suoi peccati, riconosca che Io sono il Perdono, e si purifichi nella Mia Parola.

68. Apprezzate il valore di ognuna delle Mie Istruzioni, ascoltateMi attentamente, risvegliatevi. Rendetevi conto che ho indicato l’anno 1950 come il Mio Commiato. Volete forse che Io termini la Mia Parola prima di questo momento per via della vostra mancanza d’amore e di interesse in essa? Quest’anno si sta già avvicinando e che cosa Mi volete allora offrire? Mi rinnegherete e crocifiggerete nuovamente? Vegliate e pregate, e quando sarà venuta quell’ora, sarete forti.

69. Se Io ritirassi la Mia Parola prima del momento da Me stabilito, avreste motivo di sentirvi orfani. Se però la termino nel 1950, non potrete giustificare nessuna scontentezza, dato che nel tempo della Mia Comunicazione avete ricevuto tutto.

70. Guai a coloro che dimenticano la Mia Parola, benché l’abbiano sentita sovente, perché nel desiderio del loro Signore verseranno lacrime e troveranno sulla loro via soltanto falsi cristi che apparentemente parleranno a loro nello stesso modo come Io Mi sono comunicato, ma con una parola senza essenza di vita e senza Verità, che li porterà nella confusione. Non lo considerereste doloroso se una falsa luce vi facesse perdere la via che la Mia Parola vi ha aperta con così tanto Amore? Perciò vi parlo sovente, affinché rimaniate colmi della Mia Parola e riconosciate il suo nocciolo essenziale.

71. Voi tutti siete peccatori, ma vi ho accolti come discepoli. La Mia Istruzione è stata per tutti ed Io ho esauditi tutti, Mi raggiungono i lamenti degli uomini. Con lo stesso Amore ricevo e bado nei loro bisogni al ricco avaro, al potente, al monarca, al regnante come all’assassino o manigoldo, all’umile come all’affamato di giustizia. Ho esaudito la preghiera di tutti loro, senza fermarMi a giudicare la loro religione o confessione di fede, dato che anche questo fa parte della libera volontà con cui era stato dotato ogni spirito.

72. Perciò mando la Mia Luce a tutti, perché ognuno che ama la sua religione oppure coltiva un ideale, è alla ricerca della Verità e dell’Eternità.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

[indice]

Istruzione 89

 

1. Avete portato sulla schiena la vostra croce; i problemi della vita sono stati come un peso sulla vostra anima, ma la croce spirituale che esiste nella vostra destinazione, non l’avete ancora preso su di voi per seguirMi.

2. E’ giunta l’ora nella quale gli uomini si alzano per vivere sempre di più attraverso la passione spirituale ed abbracciare la loro croce.

3. L’espressione che vi ho insegnato e che ho sigillato con il Mio Sangue sul Golgota: “Amate l’un l’altro” infine fiorirà nel cuore degli uomini.

4. Il Mio Amore per voi non poteva permettere che andaste perduti, e perciò in Gesù vi ho dato una Parola con il valore d’Eternità che dovrebbe prestarvi il suo sostegno in ogni tempo, affinché raggiungiate la salvezza.- La Parola divina è diventata Uomo per salvarvi. Sapete forse se la vostra anima non si sia incarnata in questo tempo per salvare i suoi fratelli?

5. Gesù era “La Parola” di Dio su questa Terra, tutto in Lui parlavano non soltanto le Sue Parole, ma anche le Sue Opere, i Suoi Sguardi, i Suoi Pensieri. Questo ve lo dice il vostro Maestro, perché voi potete seguire con fervore questo Esempio. Per questo non vi mancano le facoltà; è sufficiente che amiate e che il vostro cuore sia colmato di buona volontà per risvegliare e manifestare queste facoltà dormienti nel vostro essere.

6. Prendete la vostra croce e seguiteMi in umiltà. Confidate che – mentre incoraggiate qualcuno con conforto, portate ad un cuore pace oppure ad un’anima la Lue – Io baderò a tutto ciò che è in rapporto con la vostra vita materiale e non trascurerò niente.

7. Credetelo che, quando Io parlo al vostro spirito, getto anche uno Sguardo nel vostro cuore per scoprirvi le sue preoccupazioni, i suoi bisogni ed i suoi desideri.

8. La nuova aurora illumina gli uomini, la sua Luce accenderà la fede nei cuori degli uomini.

9. Molto amati discepoli, non abituatevi alla Mia Parola, affinché il vostro cuore, ogni volta che la sentite, abbia la sensazione che questo seme divino sia caduto nel suo più profondo sentimento.

10. Voi anime che cercate la Luce, venite a Me ed ascoltate questa Paraola. Voi cuori tristi, lasciate che la Mia Voce compenetri la vostra speranza. Voi corpi piegati d una difficile via della vita, cercate in Me la forza e rialzatevi.

11. O anime che Mi sentite, non permettete che i problemi della vita terrena lascino in voi le sue orme, e meno ancora che vi pieghino. Cercate la Luce che è contenuta in ogni prova, affinché questa vi aiuti a diventare forti e misurati.

12. Se l’anima non ce la fa a sottomettersi il corpo, quest’ultimo piegherà lei e la dominerà; per questo motivo le anime diventano deboli e credono di morire con la carne.

13. Quello che Io ora cerco sono anime, come una volta ho cercato cuori che si amino l’un l’altro.

14. Oggi vengo per insegnarvi un amore che è al di là dell’umano – un amore che unirà tutti i mondi.

15. La Mia Parola vi rivela che la vostra destinazione non si limita soltanto alla vita terrena, ma dovete continuare la vostra missione nello spirituale.

16. Io Sto istruendo un popolo che deve elevarsi come un grande esercito che viene guidato dai centoquarantaquattromila segnati attraverso la Mia Luce come da fiaccole che illuminano la via.

17. Questo popolo sarà formato da soldati della pace; profeti e veggenti annunceranno ciò che sta per arrivare; medici senza scienza umana guariranno i malati con il Balsamo della Misericordia e dell’amore; consiglieri illuminati dalla Mia Luce parleranno di Istruzioni divine, e la loro orma nel mondo testimonierà del ristabilimento, del rinnovamento e della spiritualità.

18. Questo popolo non consisterà solamente di uomini; ne farà parte anche un grande esercito di spiriti della Luce, le cui armi invisibili assisteranno coloro che lottano sulla Terra.

19. Volete essere una parte di questo popolo? Sentite la Mia Voce, pregate, elevatevi al di sopra della debolezza del corpo e cominciate a mettere in pratica i Miei Assiomi fra i vostri prossimi.

20. Come potrebbero trasmettere forze coloro che si sentono stanchi? Come potrebbero malati guarire i loro prossimi che hanno perduto la salute? Fortificatevi e nutritevi da Me, affinché portiate la vostra croce con gioia.

21. Amato popolo, Io distendo il Mio Mantello dell’Amore su tutti i cuori.

22. Attualmente irradio la Mia Luce dall’Infinito e vi preparo affinché domani siate in grado di comprendere la Mia Parola, perché la vostra fede non è ancora autentica. Quante volte avete chiesto a voi stessi se l’Irradiazione di Gesù in questo mondo ed in questo tempo sia realtà. State risvegliando nel vostro interiore una lotta nella quale – mentre lo spirito vi dice che la Mia Rivelazione e reale – la carne ribelle dubita con il suo cuore ed il suo piccolo cervello, vacilla e sovente rinnega la Mia Presenza in questa forma.

23. Non abbiate paura, perché Io vi benedico sia quando credete e Mi amate, anche allora quando dubitate di Me e vi allontanate dalla via. Non privilegio nessuno e non faccio distinzioni, vengo soltanto per dare Luce all’umanità affinché tutti abbiano la Verità.

24. Questo Messaggio che vi ho mandato all’inizio del Terzo Tempo, vi porterà chiarezza e certezza su ciò che cela il Mio Amore divino e su ciò che vi dovete aspettare dalla Mia perfetta Giustizia.

25. Io sono il Seminatore di Luce e conosco precisamente il tempo migliore per seminare e per raccogliere. Dopo che i venti hanno scosso gli alberi ed asciugato la Terra, è venuto il tempo di seminare ed il tempo odierno è precisamente il tempo nel quale i venti sferzano e spogliano gli alberi. Questo è un tempo del dolore nel quale cominciate a bere il vostro calice di dolore. E’ vicina la lotta fra materia e spirito, la battaglia del bene contro il male, la Luce contro la tenebra, la Verità contro la menzogna.

26. Da tanto tempo sta scritto che quando l’umanità si troverebbe all’apice della depravazione, quando il mondo sarebbe caduto nel peccato, verrebbe il vostro Dio per darvi la Luce.

27. Mentre gli uomini in questo tempo trionfano uccidendo, Io vincerò, mentre Io do loro la vita. Il Mio Compito divino è di salvare le anime, non siete ancora stati capaci a comprendere che cosa significa “Salvatore del mondo”.

28. Nei vostri cuori batte la vita senza quivi percepirMi, e nonostante ciò vi stupite sempre ancora che il Mio Spirito irradia Luce sul vostro intelletto. Che cosa c’è di strano per voi, che il Salvatore è alla ricerca di anime smarrite? Vi siete forse stupiti quando un pastore si mette alla ricerca di una pecora che ha perduto?

29. Già prima della vostra creazione Io sapevo che non Mi avreste obbedito, e che Io vi avrei salvato tramite l’Amore. Io sapevo che avrei dovuto incarnare il Mio divino Amore in Gesù, al Quale gli uomini avrebbero dato una Croce come trono.

30. Io ero in Gesù per insegnarvi la Forza dell’Amore che non ha limiti e che l’ho costantemente fatto fluire in Parole, Guarigioni, con il Mio Sangue ed il Mio Perdono. Questo Amore ha risvegliato Lazzaro ed ha perdonato a Maddalena. Nonostante ciò pensate che è impossibile che Io Sia ritornato nel mondo, perché in esso Mi avete dato la morte. Io sono però ritornato nel Grembo del Padre e voi non avete capito che non Mi dovete più sentire ed immaginarvi come Uomo, ma soltanto come Amore.

31. E’ bensì giusto che in quel tempo l’Amore divino parlava attraverso labbra del tutto pure, come lo erano le Labbra di Gesù, e che adesso si rivela attraverso le labbra di peccatori, mediante i quali Io vi annuncio la Mia Parola per trasmettervi la Mia Dottrina. Vi devo però anche dire che il contenuto del senso è lo stesso in ambedue i due casi e che il Mio Amore si rivela in questo tempo in forma più perfetta, dato che Io stesso faccio di voi i Miei megafoni, con cui vi do una dimostrazione che le vostre imperfezioni non Mi possono indurre a disprezzarvi.

32. Mentre alcuni sostengono che gli uomini attraverso i quali Mi annuncio, siano bestemmiatori, Io vi dico: loro sono allodole che con il loro canto annunciano l’arrivo di un nuovo Giorno.

33. Già in molte Lezioni vi ho chiarito la Mia Irradiazione spirituale sugli uomini e nonostante ciò perdura ancora il vostro dubbio. Preferireste che Io vi dessi dimostrazioni materiali come quelle che vi ho dato nel Secondo Tempo, che erano pretese da uomini di poca fede per poter credere in Me?

34. Se il Sole irradia luce di vita su tutta la natura e su tutti gli esseri, ed anche se le Stelle irradiano Luce sulla Terra, - perché allora lo Spirito divino non dovrebbe irradiare Luce sullo spirito dell’uomo?

35. Adesso Io vi dico: Uomini, entrate in voi, lasciate che la Luce della Giustizia che ha la sua origine nell’Amore, si diffonda sulla Terra. Lasciatevi convincere dalla Mia Verità che senza vero amore non otterrete la salvezza delle vostre anime.

36. Voi sapete perché Io sono nuovamente venuto. Perciò attenetevi alla Mia Dottrina che vi ricorda la retta via. Finché il mondo non avrà raggiunto la vera spiritualità, non cesserò di avvicinarMi agli uomini e di sfruttare tutti i mezzi materiali ed umani per metterMi in contatto con loro. Sto aspettando la vostra ispirazione ed il vostro sviluppo verso l’Alto come il vostro arrivo nell’Eternità.

37. Potete raggiungere la risalita spirituale già in questo mondo che vi appare così animoso e che in realtà è un luogo idoneo e favorevole per colui che sa fare uso della virtù e dell’amore.

38. Ci sono molte anime che soffrono, molti uomini che piangono e molti cuori pieni di afflizione . Il mondo è pieno di sangue, malattia e lutto. Aiutate l’umanità, nobilitate i vostri sentimenti, esercitate più misericordia. Stendete la vostra mano per aiutare i vostri prossimi come se fossero i vostri figli, ascoltateli come se fossero i vostri fratelli, allora darete amore al mondo e nel più profondo del vostro cuore sentirete il riflesso dell’Amore del Padre vostro come una carezza che viene su di voi per incoraggiarvi a continuare la lotta.

39. Si sta avvicinando passo dopo passo, momento dopo momento il tempo destinato alla Mia Venuta per dimorare nel Mio santuario che finora era chiuso nel cuore degli uomini.

40. Chi pensa che per avvicinarsi a Me di dover dedicare la sua vita soltanto al dare senza aspettare qualcosa in cambio, oppure che si debba sacrificare senza una qualsiasi ricompensa, è nell’errore; perché dato che siete come siete – imperfetti ed empi – ognuno che vi cerca per chiedervi qualcosa, sarà colui che vi farà un piacere, perché dato che ha bisogno di voi, vi dà la possibilità di venire più vicino al Padre sulla via della misericordia.

41.Quindi, discepoli, andate fuori nel mondo per dire ai vostri prossimi che in questo tempo – nel caso aspettassero il Mio Arrivo – non Mi vedranno come Uomo. Se per caso aspettano sulla Terra l’Arrivo del Maestro per portare a Lui, come nel Secondo Tempo, dei ciechi, paralitici, inguaribili e posseduti, non Mi vedranno come Uomo, perché la Mia Presenza fra gli uomini è puramente spirituale. Nonostante ciò Mi possono raccomandare i loro malati, raccontare le loro preoccupazioni e sofferenze, perché Io sono vicino e presente a tutti i Miei figli.

42. Questa Luce, questa Parola attraverso la quale vi ho dato in questo tempo la Mia Dottrina, vi mostrerà il modo spirituale e semplice nel quale vi potete reciprocamente guarire, consolare ed aiutare sulla via della vita. Questo avverrà quando i malati otterranno fra loro la guarigione attraverso l’amore.

43. Sì, umanità, hai attizzato il fuoco delle passioni e poi hai gridato al Cielo per chiedere di non punirti, senza aver potuto comprendere in seguito alla tua cecità che il Padre non ti punisce. Siete voi che non avete saputo trovare la via per spegnere il fuoco del vostro odio e delle vostre guerre con l’Acqua cristallina della remissione e della virtù, perché non avete avuto in voi questa virtù ed ora dovete cominciare a spegnere il fuoco con le vostre lacrime e persino con il sangue.

44. Io sono Colui il Quale ha voluto evitare che piangeste, che sentiste dolore. Io sono Colui il Quale vuole che vi eleviate e vinciate voi stessi.

45. Fate dell’umiltà una delle vostre migliori alleate per raggiungere la risalita spirituale, perché le porte del Regno dei Cieli che è il Regno dello Spirito, sono totalmente chiuse per l’arrogante. Non le ha mai oltrepassate, né gli riuscirà mai. Se però diventa umile, sarò Io il Primo a lodarlo, e sarà la Mia Misericordia che gli aprirà la porta all’Eternità.

46. Mentre Io vi parlo in questo modo attraverso l’organo dell’intelletto che è incapace di ispirare sé stesso, vi fornisco la migliore dimostrazione per la Mia Presenza e per la Verità della Mia Irradiazione. Perché nell’intenzione impura pretendete allora da Me dimostrazioni? Vedete, proprio ora vi ho detto che soltanto gli umili entreranno nel Mio Regno. Siate umili, allora comprenderete l’Amore e la Misericordia che celano in sé la Mia Parola.

47. Non provocateMi, perché allora vi domanderò quale diritto avete avuto quando vi ho visto rifiutare la misericordia a qualcuno che ve l’aveva chiesto.

48. Lasciate fiorire la Mia Parola nei vostri cuori; non sapete ancora quanti di voi saranno seminatori. Elevatevi al di sopra della paura che sentite davanti ai pregiudizi degli uomini, perché coloro che dovessero sentire paura, non Mi serviranno per seminare questa semenza nei cuori dei loro fratelli. La paura è solo una debolezza della natura materiale, la fiducia e la fede invece sono caratteristiche dello spirito.

49. Pensate che siete stati freddissimi nei confronti dell’Amore di Cristo, vostro Maestro e Signore, ma Io vi domando: Qual’era stato il motivo per questa freddezza dei sentimenti?

50. Nel Secondo Tempo vi ho detto: “Le volpi hanno tane, gli uccelli i loro nidi, ma il Figliuol di Dio non ha dove possa posare il Suo Capo”; ed oggi che busso alle porte dei vostri cuori, non Mi volete aprire. Farò però di tutti voi Miei discepoli, perché il Mio Amore non sarà mai vinto.

51. Questo pianeta che era stato preparato dal Padre come Immagine della vita spirituale, affinché gli esseri umani vivessero in mezzo ai suoi miracoli adorando a glorificando il loro Creatore, più tardi era stato trasformato dagli uomini in una valle di lacrime e sangue. Da allora questo mondo che ha dovuto passare attraverso un fuoco di prove e purificazioni, è rimasto per quegli esseri una valle dell’espiazione. E nonostante ciò molti uomini vedono ancora su questa Terra il Regno dei Cieli e l’Eternità!

52. Qui la vanità umana ha eretto i suoi palazzi ed i suoi troni, qui l’uomo si è incoronato re e nella sua cecità si è fatto adorare considerandosi un dio. Non ho vanificato i suoi desideri, né l’ho giammai derubato del Dono della libera volontà. Ho voluto che scoprisse da sé stesso la Luce della Verità e riconoscesse l’essenza della vita.

53. La Mia Potenza non ha mai creato un mondo, una dimora o un luogo dell’espiazione per punire i figli che peccano. Se la Terra è un crogiuolo del dolore e della sofferenza, allora è stata un’opera degli uomini.

54. Vi dico nuovamente che questo mondo con la sua pace, i suoi miracoli e le sue Rivelazioni nel principio ha conservato la somiglianza con il Regno spirituale.

55. Sapete voi ciò che vi ho voluto dire, quando vi ho parlato della riparazione? – Di restituire all’anima ed a questo mondo la sua purezza, affinché sia per i Miei figli ciò che avevo deciso per voi fin dall’Eternità: Un mondo di fratellanza fra gli uomini, dove si esercita un culto dell’armonia con tutto ciò che è creato ed una adorazione spirituale per il Signore.

56. Sono ora il vostro Giudice oppure no? Sì, umanità, il Mio Giudizio è con voi inesorabile e severo, ma è nato dall’Amore di Colui il Quale è l’Autore della Vita. Avrei potuto distruggere tutti coloro che hanno profanato le Mie Leggi, le hanno infrante peccando e non le hanno mai obbedito; ma quale valore avrebbe vincervi attraverso la morte? La Verità e l’Amore forse non hanno nessuna Forza?

57. Non voglio dei morti, non voglio eternamente sentire lamenti di coloro che piangono per via di una espiazione.

58. Io voglio che siate perfetti, affinché gioiate con il Padre della Vita eterna.

59. Nei presenti percepisco gli assenti; domani, quando non si sentirà più questa Parola, verrà comunicata attraverso le labbra dei Miei testimoni a coloro che non l’hanno sentita. Amatevi, discepoli, affinché il vostro cuore sia come una barca di salvataggio per i vostri fratelli.

60. Il Lieto Messaggio di questo Tempo giungerà ad ogni cuore ed in ogni angolo della Terra. Il Messaggio che vi ho dato nel Secondo Tempo attraverso Gesù, è già diventato patrimonio del sapere dell’umanità. Su quella semenza benedetta scenderà la pioggia fertilizzante della spiritualità per illuminare e spiegare il Messaggio di tempi passati.

61. Non cercate solamente coloro che vivono felicemente, che sanno poco del peccato o dolore; venite dai lebbrosi, dagli omicidi, dai bestemmiatori e da colui che nella sua vita è capitato nello smarrimento. Non spaventatevi della miseria che quell’essere vi offre esteriormente, pensate subito che in quell’uomo abita un’anima, che in quell’essere dimora un figlio di Dio, uno dei vostri fratelli, unito con voi attraverso legami eterni e divini. Tenete sempre viva la Mia Parola in voi, affinché non lasciate passare oltre a voi il dolore senza sentirlo o lenirlo.

62. Chi percepisce il dolore del suo prossimo, chi assiste interiormente alle prove del suo fratello, a costui verrà concesso che la sua preghiera ed attraverso le sue parole verrà sospesa la grave espiazione che giace su colui per il quale si impegna o con il quale soffre.

63. Provvedete che i sofferenti non vi trovino impreparati quando bussano alla vostra porta, perché allora il vostro spirito non potrà dare testimonianza di Colui il Quale lo ha mandato sulla Terra per adempiere questa difficilissima missione.

64. Il vostro spirito deve creare una nuova umanità e per questo deve lottare contro il male che tiene avvolto l’umanità. Vegliate per i figli, fortificate il bene nella gioventù, perché le nuove generazioni saranno coloro che devono continuare le vostre opere generose.

65. Credete forse che il Mio Sguardo non scopra gli abissi nei quali precipitano coloro che cominciano a vivere ed i pericoli che sono in agguato a coloro che non hanno armi per difendersi?

66. Popolo, con continuare ad abituarti alla depravazione, combattila, senza vantarti con purezza, non scandalizzatevi nemmeno delle trasgressioni dei vostri prossimi. Siate discreti, sicuri della mira e ben volendo nel parlare e nel vostro agire, allora il mondo vi ascolterà e darà anche attenzione alle vostre parole istruttive. E’ necessario che Io vi dica ancora una volta che prima di trasmettere questa Dottrina, voi la dovete vivere?

67. Studiate la Mia Parola, discepoli, affinché scopriate il contenuto della sua essenza. Io faccio di voi i primi custodi di questa Rivelazione che domani dovrete far conoscere al mondo.

68. Questa Rivelazione secondo l’apparenza non contiene nulla di grandioso, ma nel futuro sperimenterete ancora quale importanza avrà fra l’umanità.

69. Fra questo popolo ci sono dei discepoli di ogni tipo; alcuni presagiscono la grandezza di quest’Opera e sentono già lo scuotimento che la sua comparsa causerà nel mondo; altri non si accontentano di credere che questa sia una buona via, e ci sono anche tali che non possono scoprire la grandezza di questa Dottrina e dubitano della sua vittoria e della sua entrata nei cuori degli uomini. Io vi dico, è un Gioiello che vi ho affidato, di cui non avete voluto riconoscere i divini Raggi di Luce, perché non avete sondato la Mia Istruzione.

70. Vi ho detto che la Luce splende più forte proprio nell’oscurità, e così vedrete risplendere in tutta la sua intensità la Verità che vi ho portato in questa tempo del materialismo.

71. Non dimenticate che anche a suo tempo si dubitava della Parola di Cristo, perché l’uomo ha giudicato Gesù in base alla Sua Origine ed i Suoi abiti e quando ha saputo che Egli era il Figlio di un falegname di Nazareth e di una povera donna – che più tardi doveva andare accompagnato da poveri pescatori della Galilea, a predicare una Dottrina che a loro sembrava strana – allora non hanno potuto credere che quel Predicatore pellegrino che andava di villaggio in villaggio e manifestava l’indigenza dei suoi vestiti, fosse il Re il Quale il Signore aveva promesso al popolo Israele.

73. Ho dovuto versare il Mio Sangue, dare la Mia Vita e risorgere, affinché gli uomini aprissero i loro occhi. Quale calice deve ancora bere il Mio Spirito, affinché crediate in Me? Umanità: che cosa non farei per vedervi salvati?

74. Rimane ancora una breve spanna di tempo per parlare a voi. Lo so che coloro che non hanno ancora preso conoscenza della Mia Comunicazione, giungeranno più tardi alla comprensione per abbracciare la loro missione con fede salda come una roccia.

75. Io vengo armato di Pazienza; Io sono il l’Insegnante per colui che viene qui per via della Mia Dottrina; Io sono il Medico per colui che cerca in Me soltanto la salute; Io sono il Giudice clemente per colui che ha molto peccato e poi si presenta umile con capo chino dinanzi al Mio Volto per chiedere il Mio Perdono. Domani, quando vedranno adempiuto il loro desidero, parleranno proprio le loro labbra per istruire gli ignari. Verranno dal Medico divino, ma soltanto per chiedere Balsamo e conforto per le sofferenze dei loro prossimi e si rivolgeranno anche alla Mia Giustizia per rappresentare colui che li ha offesi.

76. Vi ho detto che voi, per diventare maestri, dovete essere dapprima apprendisti e discepoli.

77. Vegliate e pregate, affinché non cadiate in tentazione.

 

“La Mia Pace sia con vo!”

 

[indice]

Istruzione 90

 

1.Io sono il Viandante che bussa alle porte dei vostri cuori. Io busso e voi non sapete Chi è, voi aprite e non Mi riconoscete. Io sono come il viandante che arriva in un villaggio e non ha nessuno che lo conosce, come lo straniero che entra in un paese straniero e non viene compreso nella sua lingua. Così Mi sento fra voi! Quando sentirete la Mia Presenza? O uomini, quando Mi riconoscerete come a suo tempo Giuseppe era stato riconosciuto dai suoi fratelli in Egitto?

2. Giuseppe, figlio di Giacobbe, era stato venduto dai suoi propri fratelli ad alcuni commercianti che erano sulla via verso l’Egitto. Giuseppe era giovane ed ha comunque già avuto dimostrazioni di un grande Dono di profezia. L’invidia s’impossessò dei suoi fratelli che si liberarono di lui credendo di non vederlo più. Il Signore però, il Quale vegliava sul Suo servitore, lo ha protetto e lo ha fatto grande presso il faraone dell’Egitto. Molti anni dopo, quando il mondo veniva tormentato dalla siccità e dalla fame, l’Egitto, guidato dai consigli ed ispirazioni di Giuseppe, aveva raccolto abbastanza provviste per resistere alle visitazioni. Allora avvenne che i figli di Giacobbe vennero in Egitto alla ricerca di alimenti. Il loro spavento era grande quando riconoscevano che il loro fratello Giuseppe era diventato un ministro e consigliere del faraone. Quando lo videro, caddero sulle loro ginocchia ai suoi piedi pieni di pentimento della loro trasgressione e riconobbero che le profezie del loro fratello si erano adempiute. Costui che avevano ritenuto morto, era qui davanti a loro pieno di potere, virtù e sapienza. Il profeta che ebbero venduto, dimostrò loro la Verità della profezia che il Signore gli aveva messo sulle labbra già da bambino. Il fratello che avevano tormentato e venduto, perdonò loro. Comprendi, popolo? Adesso sapete perché vi ho detto in questo giorno: quando Mi riconoscerete come Giuseppe era stato riconosciuto dai suoi fratelli?

3. Una volta anch’Io vi ho dato delle Profezie, anch’Io sono stato venduto e consegnato alla morte. Perché dunque non Mi ricevete adesso che busso alle vostre porte? Dovrà essere necessario che sulla Terra facciano la loro apparizione siccità e fame come in quella occasione, affinché finalmente Mi cerchiate?

4. Vi ho parlato e dato moltissimo dal principio dei Tempi, per salvarvi dal maligno e portarvi alla perfezione. Avete tuttavia ancora bisogno di tempo per potere giungere in cima al monte dove Io vi aspetto per custodirvi come gioielli che sono sorti dal Mio Amore e che ritornano a Me.

5. Tutti gli uomini sanno che Io sono il Padre di tutto ciò che è creato e che la destinazione degli esseri è in Me. Nonostante ciò non ho ricevuto da loro né la loro attenzione né il loro rispetto. Pure loro creano, sono anche signori, e credono di avere il potere sulla sorte dei loro prossimi – per quale motivo allora chinarsi dinanzi a Me?

6. In questo modo l’uomo ha messo alla prova la Mia Pazienza e provocato la Mia Giustizia. Gli ho dato tempo per trovare la Verità, ma non ha voluto accettare nulla da Me. Sono venuto come Padre e non sono stato amato; dopo sono venuto come Maestro e non sono stato compreso; ma dato che è necessario salvare l’umanità, vengo adesso come Giudice. Lo so che l’uomo si ribellerà contro la Mia Giustizia, perché nemmeno come Giudice Mi comprenderà e dirà che Dio Si è vendicato.

7. Ho voluto che tutti comprendessero che Dio non può coltivare sentimenti di vendetta, perché il Suo Amore è perfetto. Tanto meno posso mandare il dolore; siete voi stessi che lo attirate attraverso il vostro peccato. La Mia divina Giustizia sta al di sopra della vostra sofferenza e persino sulla vostra morte. Il dolore, gli ostacoli, i fallimenti sono le prove che l’uomo si carica costantemente, ed i frutti della sua semina sono ciò che raccoglie un poco alla volta. A Me basta far giungere la Mia Luce alla vostra anima in ognuna di queste crisi della vita, affinché otteniate la salvezza.

8. Molti uomini dicono di non comprendere la Dottrina di Cristo, che non sanno da che cosa si devono allontanare e dove devono rivolgere i loro passi. Io però vi domando: Quegli Insegnamenti vi sembrano troppo alti? Allora sentiteMi ora e li comprenderete.

9. Io sapevo che dovevo ritornare per spiegarvi tutti quegli Insegnamenti. Perciò vi ho detto che verrebbe lo Spirito della Verità e vi spiegherebbe tutti i Misteri per farvi comprendere ciò che non avevate compreso. Questo è il tempo nel quale Si effonde lo Spirito della Verità sopra ogni carne e sopra ogni spirito. E’ sufficiente concentrarvi sul più interiore del vostro spirito per sentire la Mia Voce. Ho però voluto darvi come primizia di questo tempo, la Mia Comunicazione per mezzo dell’organo d’intelletto umano affinché questo Messaggio fosse il seme che vi dia fermezza e fede sulla via al vostro sviluppo.

10. In questo tempo vi do Amore, Pace ed Istruzione spirituale ed il vostro cuore – povero e bisognoso di tutto questo - si purifica per ricevere il Dono divino.

11. Quello che gli uomini potenti e quelli del grande sapere hanno disdegnato, lo ricevono gli umili, e ciò che nei sfarzosi palazzi veniva disprezzato, arriva nelle misere capanne e viene accolto con gioia.

12. Voi che vi siete stancati della lunga attesa e di tanta sofferenza, venite a Me. Ho preparato tutto e tutto è pronto per questo momento. Ho provvisto il vento con profumi, affinché inspiriate il Mio Soffio vivificante, perché Mi voglio avvicinare a voi con infinito Amore.

13. I figli dei potenti Mi dicono, quando sentono la Mia Chiamata davanti alle porte: “Ritorna domani, perché oggi non c’è posto per Te”, mentre gli uomini di animo semplice Mi dicono: “Vieni da noi, Maestro, vieni ed onoraci nella nostra capanna con la Tua Presenza. Non guardare alle nostre macchie d’onta. Tu che hai visitato la casa della peccatrice Maddalena, concedici la felicità di contemplarTi”.

14. Quando Mi raggiunge questa chiamata urgente, ma umile, Mi avvicino ed entro in questi cuori che in quest’ora sono preparati, come se fossero un santuario.

15. Fra voi scopro gli unti con lacrime di dolore – tali che hanno sofferto persecuzioni, che hanno subito umiliazioni.

16. Io vengo, perché Mi avete chiamato nel silenzio delle vostre lotte (interiori) e delle vostre delusioni; ma dovete apprezzare che sono venuto senza indugio alla vostra chiamata, come un pastore accorre velocemente quando sente il belare della pecora che si è smarrita oppure si trova in pericolo.

17. Mi avete chiamato con grande fede, Mi avete cercato instancabilmente, ed in Verità vi dico, la vostra fede non ha potuto ingannarvi.

18. Rendetevi conto che effondo le Mie Benedizioni come un flusso d’acqua dell’Amore su tutti coloro che credono ed hanno saputo aspettare. Sentite la Mia Voce che giunge a voi come se fosse un canto d’amore, che vi fa dimenticare le sofferenze e vi perdona tutto ciò che era così amaro e che il vostro cuore ha raccolto un poco alla volta sulla via della vita.

19. Attualmente state imparando a sentire la Mia Presenza spirituale nei vostri cuori, e questa conoscenza è stata per gli uni come una pausa di riposo, per gli altri come una oasi. Io sono alla ricerca di tutti, ma dapprima sono accorso per annunciarMi fra coloro che, quando Mi hanno sentito, non Mi hanno rinnegato, che hanno saputo sopportare lo scherno dei loro fratelli, perché sono presso di Me.

20. Abbiate pazienza nelle prove, e dopo darete testimonianza della Mia Opera; ma anch’Io darò Testimonianza dei Miei fedeli discepoli, affinché l’umanità comprenda che loro stanno nella Verità.

21. Non solo voi sarete testimoni della Mia Opera, non solo gli uomini e le donne del Mio popolo testimonieranno della Mia Venuta, ma tutto parlerà della Mia Venuta e della Mia Verità, com’era avvenuto in quel Secondo Tempo, nel quale nell’ora della morte sulla Croce si è oscurato il Sole, la Terra ha tremato e tutta Gerusalemme era sconsolata e triste.

22. Amati discepoli, non continuate a piangere per via di Me, le vostre lacrime si trasformeranno in Beatitudine, perché piangerete ancora per infinita gioia, quando assisterete alla Vittoria della Mia Dottrina sulla Terra e questa Beatitudine non ve la potrà togliere nessuno. Continuate ad occupare il vostro posto a questo banchetto spirituale e mangiate il dolce Pane della Vita.

23. Godete di questa festa che risplende nella vostra anima, affinché nel momento in cui ottenete la comunione con Me, dimenticherete la vostra afflizione. Le vostre ferite devono guarire e dovete riposare dalle vostre fatiche. Quando questi momenti saranno venuti, il vostro cuore dovrà risplendere come una casa quando sarà adornata per la festa e nemmeno i palazzi più regali della Terra avranno lo splendore di quest’ora che risplenderà nel vostro spirito.

24. Siano benedetti i mansueti di cuore, perché di loro è il Regno dei Cieli.

25. Beati coloro che soffrono profondamente, quando viene offeso il Pastore. Ma non abbiate paura per Me, non temete che il dolore possa schiacciarvi e la tentazione vincere.

26. Vi ristorate quando Mi ascoltate, e Mi domandate: “Maestro, perché hai eletto noi, benché siamo così piccoli e così deboli?”. Io però vi rispondo: Il vostro Signore non sbaglia mai.

27. Riconoscete: Ancora prima di venire qui per la prima volta per sentire Me – quando non sapevate ancora nulla della Mia Venuta – il vostro cuore vi ha indicato che il Maestro stava per mandare la Sua Luce al mondo come un segnale luminoso che guida i naufraghi in mezzo alla tempesta.

28. Vi ho chiamati per fare di voi Miei operai e per mandarvi sulle vie, affinché annunciate questo Lieto Messaggio. Prima però Mi aspetto che impariate a perdonare i vostri nemici – a tutti coloro che vi hanno messo la corona di spine – a tutti coloro che vi hanno dato da bere fiele ed aceto, affinché possiate dire che ora siete abbastanza forti per uscire e spargere la semenza della spiritualizzazione.

29. Quando questo capiterà, dovete andare per seminare e benché sulla vostra stretta via di missionari spirituali incontrerete sofferenze ed amarezze, avrete anche grandi gioie che vi risarciranno. Quando ve ne andrete per seminare la Mia Semenza dell’Amore, allora pregate ed abbiate fiducia. Qualche volta piangerete, ma d’altra parte ci sarà molto che vi darà gioia, quando adempite la Mia Legge.

30. A volte il vostro calice sarà pieno di miele, un’altra volta pieno di amarezza, ma Io vi dico comunque che colui che prega, veglia e confida in Me, non soccomberà alla debolezza, perché il suo cuore sarà pieno di fede e non sarà mai capace di rinnegarMi, perché le sue labbra annunceranno la Mia Verità sulla Terra in modo imperturbabile.

32. Sofferta e lunga è la via, ma il Mio Amore calmerà la sete del vostro cuore. Ricordatevi che sono sempre venuto dagli uomini, quando ho visto che stavano morendo di fame o sete.

33. In questo momento vi sta parlando Colui il Quale è sempre venuto per la vostra salvezza: Cristo, la divina Promessa, divenuto Uomo in Gesù nel Secondo Tempo, la Parola divina divenuta Parola d’uomo; lo Spirito dell’Amore, della Luce, della Sapienza, limitato in un Raggio che tocca tramite lo spirito l’anima e l’intelletto dell’uomo per insegnargli a trasmettere i Miei Pensieri.

34. Alcuni Mi dicono nei loro cuori: “Signore, come hai potuto discendere in questo modo fino nei nostri cuori?”. – Ah, figli Miei! Non avete visto a volte una madre andare in uno quartiere diffamato di una città dove sospira uno dei suoi figli e la supplica, depravato nella sporcizia o nella miseria?

35. Solo queste madri vi potrebbero dire quando sentivano che i battiti di cuore del figlio smarrito le chiamavano e per supplicare la presenza e l’amore materno nella fiducia di ottenere il loro perdono?

36. Ed Io Che sono Colui il Quale è la Totalità di ogni Amore, nel Quale vi è l’amore di tutti i padri e di tutte le madri, dovrei rimanere insensibile alla chiamata della vostra anima? Dovrei omettere di accorre nel luogo – comunque questo sia fatto – dove uno dei Miei figli è esposto alla rovina e Mi chiama? Quanto poco sapete di Me, benché vi ho annunciato il Mio Amore in moltissime ed illimitate forme!

37. Non vi ricordate come in molte occasioni vi ho fatto riconoscere il Mio Amore – non solo a coloro che credevano in Me, ma anche a colui che Mi ha tradito, ed a coloro che Mi hanno perseguitato e giustiziato? Ora Mi potreste domandare qual’era il motivo che Mi ha mosso a permettere tutti quegli scherni. Io però vi rispondo: “Era necessario che Io lasciassi a loro totale libertà di pensiero e d’azione, affinché ci fossero occasioni adeguate per rivelarMi, ed affinché tutti sperimentassero la Misericordia e l’Amore che ho insegnato al mondo”.

38. Non Io ho mosso il cuore di Giuda a tradirMi, lui era lo strumento di un pensiero cattivo, quando il suo cuore era avvolto dall’oscurità. In vista dell’infedeltà di quel discepolo ho tuttavia rivelato il Mio Perdono.

39. Non era stato necessario che uno dei Miei Mi tradisse per dare quell’esempio di Umiltà. Il Maestro l’avrebbe dimostrato in ogni qualsiasi altra occasione che Gli avrebbero fornito gli uomini. Ad ogni discepolo spettava ad essere lo strumento attraverso il quale il Maestro mostrava al mondo la Sua divina Umiltà, ed anche se avete pensato che era la debolezza di quell’uomo che ha procurato la morte a Gesù, Io vi dico, che siete nell’errore, perché sono venuto per darMi del tutto a voi e se non fosse stato in questo modo, potete essere sicuri che sarebbe successo in un altro modo. Perciò non avete nessun diritto di maledire o giudicare colui che è vostro fratello, al quale in quel momento dell’offuscamento gli era mancato l’amore e la fedeltà che doveva al suo Maestro. Se date a lui la colpa per la Mia morte – perché non lo benedite, dato che sapete che il Mio Sangue era stato versato per la salvezza di tutti gli uomini? Sarebbe meglio per voi pregare e chiedere che nessuno di voi cada nella tentazione, perché l’ipocrisia degli scrivani e farisei esiste sempre ancora in questo mondo.

40. A voi spetta di pregare e vegliare per essere sempre strumento della Luce e mai servire l’oscurità. Io avrò sempre l’occasione di portare agli occhi di questa umanità miscredente e materialistica la Verità di ciò che Io le ho rivelato.

41. Proprio come un tempo lascio all’uomo oggi la libertà della decisione della sua volontà, affinché faccia uso del Dono della sua volontà e venga a Me da sé stesso.

42. Vi ho creati liberi – non per il male, ma liberi come il corso d’acqua, come la crescita della pianta, come il canto degli uccelli.

42. Non Io ho sedotto gli uomini a suo tempo a chiamarMi o a cercarMi, né ho fatto resistenza quando Mi rifiutavano. Ho permesso che facessero la loro volontà, per poi fare la Mia Volontà al di sopra di tutto ciò che è creato. Con ciò vi voglio dire che vi farò venire a Me mentre voi fate uso della vostra volontà, perché quando si cerca di costringere in un’altra direzione questa meravigliosa forza che tiene l’umanità in movimento, non si ottiene nessuna perfezione. Perciò badate che la vostra volontà sia la Mia, e giungerete alla meta finale della via che è il Mio Cuore di Padre.

44. Vi chiamerò come ho sempre fatto, senza stancarMi mai, e la Mia Voce ripeterà amorevolmente giorno per giorno: “Venite a Me”. Affinché sentiate tuttavia la Mia Chiamata, dovete purificare il vostro cuore, affinché le forze infauste, opposte alla virtù, alla purezza ed al bene, non trovino in voi nessuna parentela ed anche se vi tentano, non vi facciano cadere.

45. Le Porte del Mio Regno sono aperte attraverso le quali fluiscono grandi flutti di Luce la cui chiarezza giunge fino in questo mondo alla ricerca di cuori, organi d’intelletto ed anime per adagiarsi su loro.

46. Vi avverto soprattutto in anticipo, perché vi ho già detto che ci sarà una lotta e che la Mia Dottrina verrà combattuta in molte forme. Ci sono molti di coloro che si affaticheranno per farla scomparire dalla Terra; ma prima che la Mia Dottrina scompare, dovrebbe dapprima scomparire l’ultima delle anime, cioè l’ultimo uomo in questo mondo.

47. Non temete se vi dovessero chiamare bestemmiatori di Dio, quando voi dite che Colui il Quale vi parlava nello Spirito, era Cristo stesso. Anche quando Gesù ha detto nel Secondo Tempo che Egli Sarebbe il Figlio di Dio, gli uomini si sono scandalizzati. Io perdonerò la loro miscredenza e permetterò che Mi chiamino come meglio aggrado loro.

48. Molti negheranno che Io abbia parlato attraverso la bocca di uomini empi. Allora dirò loro: Non rivolgete la vostra attenzione al vaso, valutate il contenuto, e poi verserò la Purezza della Mia Istruzione sul cuore dei Miei rinnegatori. Loro Mi riconosceranno, perché ho un segnale per chiamare le Mie pecore e queste riconoscono la Voce del loro Pastore.

49. Verranno e Mi metteranno alla prova, perché vi vogliono dimostrare che vi trovate in un errore. Se non dico loro il Mio Nome, diranno che non sono Io e se rispondo alle loro domande poste con cattiva intenzione, Mi rinnegheranno con il massimo fervore.

50. Allora Io dirò loro: Chi vuole entrare nel Regno della Luce, lo deve cercare con il cuore. Colui che vorrebbe vivere senza riconoscerMi, avrà nascosto al suo stesso spirito il Sapere divino e procurato che tutto ciò che è chiara e luminosa Rivelazione, è per lui un Segreto e Mistero.

51. Io vi do la Mia Pace – non quella che promette il mondo, perché questa non è reale, ma solo quella che vi faccio sentire. Portate con voi la Mia Pace, perché la via che prendete, è seminata con spine, Io lo so. L’umanità veleggia in un oceano della sofferenza. Il peccato è scatenato e voi non avete abbastanza forza per combattere contro queste miserie. Perciò sono venuto per darvi la Forza e farvi uscire da questo caos. In qualunque momento avete perduta la via e sentite inquietudine, chiedetevi nella vostra profonda confusione se questa è la Mia Via; ma Io vi rispondo che Io vi indico sempre la retta via.

52. Un qualsiasi cuore Mi domanda in questo giorno: “Sei Tu, Maestro, che ci parli?”. Ed Io gli rispondo: Lo sono, nello Spirito e nella Verità e Mi mostro a voi in umiltà all’interno dei limiti della capacità di comprensione, affinché vi purifichiate e nettiate il vostro cuore, lo rivifichiate e gli mostriate la Vita spirituale che l’attende.

53. Siete usciti puri da Me, ma nel corso del tempo avete macchiato la vostra anima e dopo purificazioni e fatiche venite a Me ed Io vi restituisco il valore e la Grazia che avete perduti. Vi segno con un sigilli di Luce, affinché siate riconosciuti dai vostri prossimi. Vi ho chiamati discepoli e voglio che seguiate con fervore quelli del Secondo Tempo. Non siete d’accordo, che Io vi abbia eletti?

Mi dite nel silenzio: “ La Tua Volontà sia fatta”. Non posso ancora lasciarvi venire al Mio Posto, non siete ancora abbastanza preparati per insegnare. Che cosa potrebbe trasmettere un portatore della Voce, anche se ha il Dono della Parola, se il Mio Raggio non lo illuminasse? Sono ancora impacciati e preparati solamente per ricevere e trasmettere la Mia Istruzione; ma il loro cuore non è ancora una fonte di misericordia ed amore, perché sono inesperti. Ben per coloro che sentendo la Mia Parola hanno percepito fede e coloro senza che Io abbia concesso loro grandi dimostrazioni, Mi offrono la loro gratitudine.

55. Nessuno è venuto a caso, Io vi ho portati qui. Se però avete parlato con Me, Mi dovete riconoscere ed amare. – Uomini e donne che finora avete abitato in magnifici case: Mi volete seguire? Non sapete che siete segnati come Miei eletti ed è la Mia Volontà che serviate nelle Mie Opere? Anche se avete molto amato il mondo, oggi dovete amare la vita spirituale, servire i vostri fratelli e su questo servire fondare la vostra gioia di vita. Se però i vostri parenti ed amici per via di questo adempimento spirituale vi disconoscono, non sentite nessun dolore, siate forti e prendete Me come Esempio.

56. Quando ho vissuto fra voi nel Secondo Tempo, ho trovato i Miei figli diventati arroganti attraverso il loro sapere ed il loro potere. Ho voluto far giungere la Mia Parola nei loro cuori ed ho trovato in loro indifferenza nei confronti dei Doni dello Spirito. Perciò non Mi sono tuttavia allontanato dalla loro via. Per aiutare loro nella trasformazione dei loro cuori duri, ho preparato delle prove che dovevano illuminarli.

57. In una occasione è venuto uno di quegli uomini che avevano udito senza dar fede alla Mia Parola. Era venuto pieno di paura, e la disperazione si rifletteva sul suo volto, perché non ha trovato i mezzi per restituire la salute a sua moglie che stava morendo. Vinto dal dolore, si è rivolto a Me, dopo aver chiesto invano consiglio alla sua scienza, senza scoprire un mezzo di guarigione per la malattia che stava spegnendo la vita della sua compagna, e disse: “Sei Tu Colui che guarisce?”. Ed Io gli risposi: “Che cosa è che ti sta a cuore, buon uomo?”. Allora disse e supplicò la guarigione di sua moglie. Io gli dissi: “Forse il Mio Sapere è inutile, e la Forza con la quale sono provvisto, è inefficace?”. Ho tuttavia seguito i suoi passi e sono giunto al giaciglio della malata a morte e le ho toccato la sua fronte. Il marito guardava incredulo, mentre lei stava riconquistando la salute. La donna si alzò e fu guarita, ed in piena conoscenza pianse di gioia, si gettò a terra e Mi disse: “Maestro, Tu Sei il divino Medico, il nostro Dio. Perché non Ti riconoscono e non Ti seguono, benché Tu faccia tali miracoli?”. “Aspetta, donna”, le risposi, “è necessario che Io vada via prima, per Essere compreso; ma coloro che riconoscono già ora la Verità, sono eletti”.

58. Così sarà anche nel Terzo Tempo. Molti che hanno assistito direttamente alle Mie comunicazioni e miracoli, non hanno creduto. Il tempo però passa e gli avvenimenti che succederanno, parleranno e daranno testimonianza di tutti questi miracoli e persino allora esigeranno ancora dimostrazioni. Altri Mi hanno seguito fin dal primo momento e sono presso di Me. Questi sono coloro che vivono più per la loro anima che per il loro copro e non hanno aspettato finché Io avessi cessato di parlare, per comprendere Chi li ha istruiti.

59. Se voi, Miei discepoli, andate con un po’ di fede ed agite sull’umanità, compirete miracoli, perché Io vi userò per dare dimostrazioni secondo la Mia Volontà a coloro che le chiedono.

60. Quando sarà venuto il tempo non ci saranno libri nelle mani dei Miei eletti, perché la loro fede e le loro buone opere li condurranno all’adempimento della loro destinazione.

61. Nessuno che Mi vuole seguire tema il giudizio dei suoi fratelli. Molti impauriti Mi dicono: “Come Ti posso seguire? Se i miei genitori, i miei parenti, i miei amici vengono a sapere che ascolto questa Parola, non mi conosceranno più, mi getteranno via da loro”. Il Maestro parla a questi cuori e dice loro: Non tutti che sono presso di Me, sono in pace con i loro famigliari; per seguirMi, hanno vissuto una via di sofferenza. Io però chiedo a coloro che preparano loro tormenti: Che cosa vi hanno fatto di male queste creature? Perché li avete fatti piangere?

62. Ora arriva un tempo della più grande Giustizia e Severità. Io voglio che fino ad allora abbiate seminato presso i vostri prossimi benignità ed opere della veridicità, affinché raccogliate i loro frutti. Non aspettatevi che il mondo paghi le vostre opere con misericordia. Lasciate a Me di ricompensare il vostro amore per gli uomini con la Mia Benedizione.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 91

 

1. Voi che venite qui nel desiderio del cibo spirituale, avvicinatevi, e quando siete stanchi, allora rimanete sotto l’ombra di questo Albero, affinché vi fortifichiate. Quando siete tristi, allora sentite il canto dell’usignolo che canta nel fogliame dell’Albero e mentre l’ascoltate, sentirete una dolce consolazione nei vostri cuori.

2. Quando qualcuno di voi viene preso da miscredenza, non gliene faccio nessun rimprovero, né condannerò l’opinione del mondo o la confessione di fede che Mi offro sul fondo del suo cuore.

3. La Mia Voce giunge al vostro spirito per dirvi che dovete continuare a procedere e camminare con fede attraverso l’ampio deserto della vita, sempre animati dalla divina Promessa di raggiungere il vero paese della promessa, che è il Regno spirituale.

4. Ascoltate ed incidete la Mia Parola nel vostro cuore, affinché il ricordo della stessa sia indelebile. Vi assicuro che quando sarà venuta l’ora da Me stabilita, nella quale non si farà più sentire la Mia Voce in questa forma, sarà venuta l’ultima Istruzione che Io do attraverso i portatori della Voce. Perciò la dovete custodire come un prezioso tesoro. Quando suonerà una volta l’ora – solenne per il Maestro e per i discepoli - il vostro spirito preparato deve rimanere calmo, immerso nell’osservazione e nella preghiera, perché proprio in quei momenti comprenderà il modo nel quale deve ricevere più avanti le Ispirazioni spirituali.

5. Io voglio che ancora prima di terminare questa Comunicazione in questa forma nella quale Mi sono comunicato a voi in questo tempo, voi comprendiate il suo profondo senso e la sua forma esteriore, affinché domani la possiate spiegare a coloro che non Mi hanno sentito. La vostre testimonianza verrà considerate vera, quando la sosterrete con le vostre opere d’amore per i vostri fratelli.

6. Preparatevi, affinché nella spiegazione delle Mie Istruzioni possiate dire che non era necessario che il Mio Spirito scendesse in tutta la sua pienezza sull’organo d’intelletto del portatore della Voce, perché Egli è infinito. E’ bastato un Raggio della Mia Luce per trasmettere Ispirazioni al suo intelletto. Non dovete nemmeno dimenticare che i Miei portatori della Voce durante il breve tempo della Mia Comunicazione hanno avuto il Dono dell’estasi spirituale – un Dono che permetteva loro di diventare strumenti e trasmettitori della Mia Parola.

7. Questo è stato – espresso un Parole brevi e semplici – un modo nel quale i Miei portatori della Voce hanno consegnato all’umanità in questo tempo il Mio Messaggio spirituale.

8. Per non farvi cadere nel fanatismo e sostenere caparbiamente l’opinione che Io abbia parlato agli uomini in questo tempo soltanto attraverso la mediazione dei portatori della Voce, voglio che voi sappiate che ogni creatura umana che ha il compito di guidare schiere di uomini, popoli o nazioni, è un mezzo del quale Mi servo per parlare all’umanità.

9. Il Mio Amore è al di sopra delle diversità delle religioni, insegnamenti, lingue e culture, dato che Mi basta trovare presso ognuno la preparazione animica che si avvia per rivolgere ai suoi prossimi un messaggio. Allora il Mio Amore provvidenziale ha bisogno di lui come mediatore per far loro conoscere la Mia Verità.

10. Quando cogliete dalle labbra di un oratore delle parole che hanno un profondo senso oppure fanno tremare le corde nascoste del cuore dei suoi ascoltatori, allora avete qui una conferma che da parte di colui che parlava, era presente la preparazione spirituale ed un buon talento. Avete soprattutto la conferma che egli era stato ispirato da Me. Se invece sentite l’oratore dire delle parole che contengono la non-verità – per quanto possa anche essere nella sua forma oltremodo brillante e ben suonante – allora siate sicuri che qui non c’era nessuna preparazione animica, né vibrava la Mia Ispirazione.

11. Presto cesserò a consegnarvi questo Messaggio che, quando ne sarà venuto il tempo, procurerà il risveglio spirituale delle nazioni mentre istruisce gli uomini a distinguere lo spirituale dal solo umano e di separare il puro, alto, netto e luminoso da tutto ciò che contiene imperfezione, impurità o menzogna.

12. In tutti i tempi il Mio Amore come Maestro era interessato accuratamente all’Ammaestramento di cui gli uomini avevano bisogno ed Io sono sempre venuto per parlare con loro in sintonia con la loro maturità spirituale ed il loro sviluppo intellettuale.

13. Sono venuto da voi perché ho visto che la parola d’uomo e gli insegnamenti che avete creati, non calmano l’ardente sete della vostra anima - sete di Luce, sete di Verità, sete di Eternità ed Amore. Perciò Mi sono presentato da voi e Mi servo di uomini umili, ignari e non istruiti e li induco a cadere nell’estasi dell’intelletto e dell’anima, affinché dalla loro bocca fluisca il Messaggio del Terzo Tempo. / Per essere degno di ricevere e trasmettere i Miei Pensieri divini, hanno dovuto combattere contro la materializzazione e le tentazioni del mondo. Respingendo in questo modo la propria personalità e punendo la vanità hanno ottenuto una totale devozione del loro essere nella breve spanna di tempo in cui offrivano il loro organo d’intelletto all’Ispirazione divina e così hanno reso possibile che dalle loro labbra venisse una Parola piena di Sapienza, Tenerezza, Giustizia, Balsamo e Pace.

14. Ci saranno sempre tali che non sono in grado di comprendere come mai che i portatori della Voce esprimono tanto sapere in parole e possono riversare tanta essenza di vita sullo spirito degli ascoltatori, senza che il Mio Spirito discenda in questo cervello e che lo illumina soltanto un Raggio della Mia Luce. A ciò Io vi dico che anche la l’astro regale – come voi chiamate il Sole – non ha bisogno di venire sulla Terra per illuminarvi, dato che la luce che manda da lontano sul vostro pianeta, è sufficiente per bagnarlo nella luce, calore e vita.

15. Proprio così lo Spirito del Padre illumina e vivifica tutto come un Sole con infinita Forza radiante attraverso la Luce che Egli manda a tutte le creature, sia spirituali come anche materiali.

16. Comprendete quindi che dov’è la Mia Luce, è presente anche il Mio Spirito.

17. Conservate queste Spiegazioni nella vostra memoria, perché domani sarete voi che dovrete usare questi esempi per rendere comprensibile ai vostri prossimi il modo della Mia Comunicazione attraverso l’organo d’intelletto dell’uomo.

18. In questo modo comprenderanno con facilità come il Mio Spirito, senza discendere nella Pienezza su uno di questi organi d’intelletto, per rendere percettibile la Sua Presenza attraverso la vibrazione spirituale che Io mando ai Miei portatori della Voce.

19. E’ il Mio Amore di Padre che in questo tempo viene da voi e Si trasforma in parola d’uomo, quando tocca la mente del portatore della Voce.

20. Aprite le porte del tempio che possedete nell’interiore del vostro essere e contemplate l’Infinito. Rallegratevi nella conoscenza che vi ho portato alla vostra portata lo Spirituale che credevate così lontano.

21. O popolo, formato da schiere di discepoli di questa Dottrina spirituale, vi ristorate molto nelle pagine del Libro della Mia Sapienza senza giungere mai alla fine!

22. Proprio la Sapienza è il Dono e la più grande Eredità dello Spirito che giustifica la sua eterna Magnificenza e Beatitudine.

23. Come Io ho formato per la vostra mente umana un mondo di inesauribili Ammaestramenti, ho creato per il vostro spirito un Cielo di eterna ed infinita Sapienza.

24. Davanti ai vostri sguardi si mostra un nuovo frammento della via che dovete percorrere, affinché con passo fermo intraprendiate questa via che vi condurrà nell’Eternità.

25. Io so molto bene che non tutti gli uomini riconoscono allo stesso tempo la Verità di questo Messaggio; perché mentre gli uni crederanno che per loro è il giusto tempo di accoglierMi, altri metteranno in dubbio il Mio Messaggio, quando vengono a sapere del modo nel quale è stato ricevuto. Diranno che, per essere Verità, è troppo strano che lo Spirito divino potesse esserSi annunciato attraverso la mente umana. A ciò voi dovete chiedere, se non credono che era strano che La Parola di Dio è divenuta Uomo in Gesù – un dato di fatto che hanno sempre considerato come somma Verità.

26. Vedrete che, appena riflettono su questo, comprenderanno che Io vi ho dato la più grande dimostrazione del Mio Amore, quando nel Secondo Tempo sono divenuto Uomo e che, quando Mi sono annunciato adesso attraverso l’organo d’intelletto umano, è avvenuto per guidarvi al dialogo da Spirito a spirito che sarà la forma perfetta nella quale i figli possono entrare in contatto con il loro Padre Celeste.

27. Vi sta parlando La Parola – la stessa che nel Secondo Tempo ha parlato in Gesù, perché La Parola di Dio è eterna ed onnipotente. Ho parlato a voi sia attraverso le Labbra di Gesù, come anche attraverso la bocca di profeti ed apostoli, come vi parlo anche adesso attraverso la mediazione di questi portatori della Voce, e come lo farò direttamente al vostro spirito, quando sarete entrati nel tempo dell’elevazione spirituale.

28. E’ stato Cristo, La Parola di Dio, che ha parlato attraverso la Bocca di Gesù, dell’Uomo puro e probo.

29. L’Uomo Gesù era nato, ha vissuto ed è morto; ma per quanto riguarda Cristo: Egli non è nato, né è cresciuto nel mondo, né è morto, perché Egli è la Voce dell’Amore, dello Spirito dell’Amore, della Parola divina, l’Espressione della Sapienza del Creatore che è sempre stata nel Padre.

30. Quando Cristo parlava in Gesù, la Sua Voce è stata udita ovunque, perché era L’Eterna Parola che parlava, la Voce del Padre vostro. Dovete sondare e riflettere su tutto questo, affinché quando pensate a Cristo o pronunciate soltanto il Suo Nome, lo facciate sempre nel pensiero rivolto al vostro Padre Celeste, ma mai come se si trattasse di un altro Essere diverso dal Mio Spirito.

31. La Mia Parola rivelata in questo tempo distruggerà come una spada tutto il falso con cui gli uomini hanno cercato di nascondere la Mia Verità; ma sarà anche una Nave di salvataggio per tutti i naufraghi che, pieni di paura cercano la Luce, della spiritualizzazione.

32. Discepoli, Cristo è la più alta manifestazione dell’Amore divino, è la Luce che è la Vita nelle regioni dello Spirito. – E’ Luce che irrompe nell’oscurità e scopre la Verità davanti ad ogni sguardo spirituale, risolve i Misteri, apre la porta e mostra la via alla Sapienza, Eternità e Perfezione delle anime.

33. Nel Secondo Tempo Cristo è divenuto Uomo, lo stesso che vi parla in questo momento ed ha abitato sulla Terra. Ora però Egli è presso di voi nello Spirito ed adempie così una Promessa che Egli ha dato all’umanità: la Promessa di ritornare in una nuova epoca di tempo per portarvi la più alta Consolazione e la Luce della Verità e di illuminare e spiegare tutto ciò che è stato rivelato agli uomini.

34. Vedete nel Divino un unico Spirito che Si è mostrato nei vostri confronti in differenti fasi di Rivelazione, il Quale ha sempre annunciato la Sua Giustizia, Potenza e Perfezione.

35. Non cercate mai di rinchiudere le conoscenze che sono soltanto riservate allo spirito, all’interno dei limiti della vostra intelligenza umana, perché allora vedreste davanti a voi un Dio rimpicciolito e derubato della Perfezione.

36. E’ bene che Mi comprendiate come Sommo Amore, come l’Assoluto, come Creatore, come l’Onnipotente. Comprendete però che dovete aspirare all’ispirazione spirituale per trovare modi d’espressioni più profonde, quando parlate del vostro Signore. In Verità vi dico, la Mia Potenza, la Mia Sapienza ed Amore superano tutto ciò che l’intelletto umano si possa immaginare, perché tutto questo è al di là di ciò che conoscete, e di ciò che riconoscerete.

37. Attualmente sto preparando il futuro della vostra anima; perciò la pula[2] verrà bruciata nel Fuoco della Giustizia divina, dato che per voi ci sono soltanto due vie: l’una è quella della spiritualizzazione, l’altra quella della purificazione.

38. In questo tempo colui che non è pronto a rinnovarsi, dovrà imparare a conoscere le più grandi amarezze e verrà portato via dalla Terra, con cui perde la preziosa occasione di espirare le sue trasgressioni e di riconciliarsi con la Legge, con la Verità e con la vita.

39. Coloro invece che, da questa vita materiale, con la pace e la soddisfazione che dona il dovere adempiuto, passano nella Patria spirituale, si sentiranno illuminati dalla Mia Luce e quando poi faranno parte di coloro che si devono nuovamente incarnare, Io li preparerò prima che ritornino nella vita umana, affinché risorgano a questa puri, più spiritualizzati e con più grande sapienza.

40. Non sarete più così avventati a dimenticare i vostri voti di rimanere sulla via del bene. Conserverete sempre il ricordo a questo patto spirituale che avete concluso con Me, senza allontanarvi dal sentiero del bene – nonostante le prove e tentazioni che incontrerete sulla vostra via.

41. Chi Mi vuole seguire, prenda su di sé la sua croce e segua la Mia Orma. Sono in attesa degli uomini di buona volontà che bramano la pace, la salvezza ed il benessere dei loro prossimi. Prenderò sotto il Mio Mantello dell’Amore coloro che Mi cercano con questo nobile ideale, e li manderò su tutte le vie del mondo, per trasformare i Miei Pensieri in Parole e le Mie Parole in Azioni e farò conoscere in questo modo la Mia Dottrina. Gli uni useranno parole semplici, in altri fiorirà La Parola, e dalle loro labbra scorrerà un flutto di Acqua spirituale per spegnere la sete degli uomini per la Verità.

42. Non temete di parlare quando vi trovate nelle file dei Miei messaggeri ed apostoli, e non coltivate il pensiero che questo Messaggio non venga compreso dagli uomini.

43. Io vengo per illuminare la vostra anima, per liberarvi dal materialismo, per mostrarvi la via alla vera felicità. Questo è la buona Notizia che dovete portare ovunque.

44. Preparatevi tutti per la lotta, voi che siete di buona volontà, affinché arriviate dai vostri fratelli nel momento giusto. Di questo giusto momento vi darò un esempio, quando verrò precisamente nel momento nel quale avete bisogno di Me. Sarebbe forse giusto se il Salvatore venisse troppo tardi, benché vedesse precipitare l’umanità nell’abisso?

45. SentiMi, popolo, e sonda a fondo questa Parola nella conoscenza che ne avete poco approfittato, perché avete creduto poco ed il dubbio è penetrato molte volte nel vostro cuore. Ciononostante verrà il tempo nel quale gli uomini con poca fede vedranno maturare il frutto che Io ho seminato, ed in tutto il mondo compariranno gli iniziati nella spiritualizzazione.

46. Allora sentirete la Mia Voce che dirà loro: Amati discepoli, andiamo a seminare l’Amore in tutto il mondo, Io farò giungere nei cuori la Mia Semenza attraverso le vostre opere. Seminate con esempi e presto vedrete la Mia Dottrina portare frutto.

47. Come Giovanni, il preparatore della via per la Mia Venuta nel Secondo Tempo, ha detto alle schiere di uomini: “Gerusalemme, Gerusalemme preparati per riconoscere il tuo Re”, così voi, per ricevere nel vostro spirito la Presenza dello Spirito divino il Quale vi renderà percettibile la Magnificenza del Mio Regno”. – Qualche volta dite: “Si dovrebbe essere teologo per penetrare nella profondità di questa Sapienza che il Signore ci rivela. Si dovrebbe essere scienziato per comprendere i miracoli che la vita cela”. A ciò Io vi rispondo che, se studiereste questa scienza, non comprendereste mai la Mia Rivelazione.

48. Ho preparato la vostra mente in un tal modo che Mi può comprendere nei limiti della sua modesta forza di comprensione, perché in tal modo non aggravata e libera da falsa influenza sulla Mia Dottrina può penetrare più facilmente nelle Mie Istruzioni. Vi affiderò un Libro nel quale il vostro spirito imparerà a leggere ed a conoscere la Sapienza spirituale. E’ inutile che cerchiate questa Sapienza nei libri della Terra, perché quella semenza che contengono i libri degli uomini, non germoglierebbe più in voi. Il vostro compito è differente da coloro che vengono sulla Terra per ricercare i misteri della natura. Voi siete quel popolo la cui destinazione è di portare al mondo la Luce dello Spirito.

49. Ben per colui che giunge con amore, umiltà e rispetto alla comprensione di questo Simbolo della Mia Sapienza, perché nella sua mente si farà Luce. Il Libro dei Sette Sigilli è come un santuario nel quale il vostro spirito troverà la scala che conduce ai luoghi della pace e della perfezione. E’ il Libro della Mia Sapienza che viene consegnato agli uomini in sette tappe.

50. La “Lingua” nella quale è scritto questo Libro, è divina, perché è stato lo Spirito del Padre vostro il Quale lo ha scritto per i Suoi figli. “La Mia Parola” ve l’ha tradotta nella lingua umana, affinché l’uomo imparasse a conoscere questo Libro e lo potesse vivere fin dalle sue prime pagine.

52. Attualmente vi introduco nello studio di questa Rivelazione. Domani, quando il portatore della Voce tacerà, il vostro spirito dovrà cominciare a prepararsi per ricevere direttamente dal Padre la continuazione delle Istruzioni divine.

53. E’ la Mia Volontà che quando verrà sciolto il Settimo Sigillo, venga esercitata dall’umanità il dialogo da Spirito a spirito, affinché sia in comunione con il suo Signore.

54. Riflettete su questi Ammaestramenti, discepoli, e presagirete la grandezza di questa Rivelazione.

55. Sia benvenuto il popolo che arriva per ricevere il suo Signore. Sia il benvenuto perché ha compreso che vive nel tempo dell’adempimento delle Profezie e Promesse che Io ho dato all’umanità in un altro tempo.

56. La Mia nuova Comunicazione ha trovato il mondo senza pace. Oggi le nazioni si annientano senza voler comprendere che siete tutti fratelli.

57. Quando i ferventi cristiani nei tempi remoti hanno saputo che il Signore sarebbe ritornato nel mondo in un tempo di guerre e dell’odio, non riuscivano a comprendere come gli uomini non potessero arrivare ad amarsi reciprocamente, dopo che questa maestosa Dottrina (Gesù) sarebbe passata da bocca in bocca e da cuore in cuore.

58. Ah, se solo avessero saputo che quei popoli che erano cristiani, si sarebbero alzati per distruggersi reciprocamente, ed il cuore degli uomini si sarebbe trasformato in una tomba immensamente grande nella quale sarebbero state sepolte tutte le virtù che la Mia Dottrina insegnava loro! / L’umanità è come una anima che è racchiusa dall’oscurità, dal marciume e dalla solitudine come il morto nella sua camera mortuaria. Ma la Mia Voce ha risvegliato questo morto nella sua tomba alla Verità, all’Amore, alla Luce. La Mia Voce che risuonava nel suo spirito, gli dice: Non dormire, questo è il Terzo Giorno nel quale devi risorgere, il Terzo Tempo destinato all’anima per la sua remissione ed elevazione, con cui ogni colpa è sempre pagata e conclusa la sua missione sulla Terra.

59. Ho visto che le vostre comunità religiose non hanno la necessaria forza per fermare tanto male, né abbastanza Luce per illuminare la vostra ragione, e questo perché si sono allontanate dal nucleo essenziale della Mia Dottrina che è soprattutto destinata allo spirito.

60. Per molti uomini la Figura di Gesù è una bella ed antica leggenda le cui Opere esemplari non possono essere eseguite ed in questo tempo del materialismo non possono essere messe in pratica. A ciò Io vi dico che la Parola e le Opere di Gesù non sono il passato né lo saranno mai, perché non appartengono ad una epoca, né ad una nazione, dato che l’Essenza delle Sue Opere nel mondo era l’Amore e l’Umiltà e l’umanità ha bisogno delle Sue Istruzioni per il suo progresso spirituale.

61. Quando i morti – riferito all’amore - risorgeranno alla vera Vita, vedrete comparire nuovamente il Mio Nome e la Mia Parola nel mondo, e sentirete molte labbra che diranno: “Cristo è risorto dai morti!”. Allora però Io dirò loro che sono sempre stato presente e che non ero mai morto, mentre era l’allontanamento spirituale dell’umanità da Me che non le ha permesso di sentirMi.

62. Discepoli, oggi scopro stanchezza nei vostro corpi ed inquietudine nelle vostre anime; il motivo per questo è che vi feriscono i vostri prossimi, perché avete abbracciato questa Croce. Voi però avete il desiderio per la Mia Parola ed in essa trovate pace e conforto.

63. Nel Primo Tempo questo popolo ha pregato nel deserto, affinché gli venisse mandato la Manna. Oggi elevate la vostra anima per sentire la Voce del Signore che è Nutrimento ed eterna Vita.

64. Avete già desiderato molte volte che questa Parola venisse udita in tutto il mondo. A questo vi dice il vostro Maestro: Mi sentirà solo una piccola schiera attraverso l’organo d’intelletto, ma dopo tutti riceveranno questo Messaggio. La Mia Luce è effusa su ogni spirito ed ogni carne – che è lo stesso – il terreno è preparato affinché il seme vi penetri e porti frutto.

65. Solo coloro che perseverano ostinati nel peccato, non percepiranno la Mia Presenza. Farò tuttavia comprendere al mondo che ero venuto per tutti e che Mi sono mostrato a tutti.

66. E’ comparsa all’orizzonte la Luce di un nuovo giorno, ed un Libro si è aperto davanti ai vostri occhi. La Mia Dottrina spirituale lotterà per spegnere le ombre ed alla fine si affermerà la sua Verità.

67. Non dovete vantarvi con i Doni dello Spirito che vi ho affidati, né con la Grazia che avete ricevuta di ascoltarMi. Devono essere le vostre opere che parlano e che testimonino degli Insegnamenti dell’Amore che avete ricevuti.

68. Gli uomini vi metteranno alla prova; ma allora dovete affidarvi pieni di fede alla Mia Volontà ed Io vi aiuterò a passarvi attraverso.

69. Porteranno a voi dei malati inguaribili affinché voi li guariate, vi chiameranno dai morenti, affinché restituiate loro la vita e porteranno davanti a voi colui che ha perduto l’intelletto, oppure il posseduto, affinché diate Luce alla sua anima e libertà al suo intelletto.

70. Non temete la dimostrazione (del vostro Dono di guarigione), credete in essa, siate umili nei confronti dei vostri prossimi ed Io farò il resto. Mostrerò agli uomini che vi ho dato davvero pieno potere. Saranno colpiti e molti si convertiranno. Coloro che hanno pensato a danneggiarvi, si sentiranno vinti attraverso il vostro amore di aiutare.

71. E’ venuto il tempo della lotta e della vera spiritualizzazione. Dai templi, chiese e sinagoghe verranno coloro che – dediti a culti esteriori – si risveglieranno dal loro sogno e cercheranno i campi del Signore dove si trova il lavoro, la semina e la lotta.

72. Smettetela di amare esageratamente il vostro corpo ed abbiate compassione con la vostra anima ed aiutatela a purificarsi ed elevarsi. Quando avrete ottenuto questo, sperimenterete quanto sarete forti nell’anima e nel corpo.

73. Pensate che l’anima è malata – come potrebbe allora essere pace nel cuore? E quando nell’anima esistono rimorsi di coscienza – essa può allora godere la pace?

74. Preparatevi, perché in Verità vi dico, ci sono già molti che aspettano lo Spirito Santo. Gli Scritti ed i profeti vengono studiati dagli uomini e scopriranno in essi che gli avvenimenti di questo tempo indicano che ora si adempiono i segni che ho dato in vista della Mia Venuta. Nonostante ciò la maggior parte dell’umanità dorme ancora. Se tutti i popoli Mi aspettassero e le profezie fossero state giustamente interpretate, gli uomini si sarebbero già messi sulla via verso la Stella che rivelerebbe loro il dialogo da Spirito a spirito.

75. Voi che sentite la Mia Parola, siete stati giudici di coloro attraverso i quali Mi annuncio. Colui però che è stato più severo e più ingiusto, l’ho chiamato e gli ho dato lo stesso Dono dello Spirito affinché, quando si troverà anche lui davanti a giudici e miscredenti, si rendesse conto del difficile e grave compito che pesa su un portatore della Voce.

76. Fate progressi, discepoli, non aspettate finché arrivano gli “ultimi” per insegnarvi che cosa sia fede, obbedienza e fervore nella Mia Opera, perché siete obbligati ad aspettarli con porte aperte, una casa preparata ed una tavola apparecchiata.

77. Io ricevo tutti coloro che sono venuti qui nel desiderio della Mia Parola – sia coloro che si preparano già in tempo ed allontanano il loro spirito da tutte le cose inutili, come anche coloro che vengono solo per abitudine di sentirMi. Quali – pensate – utilizzano meglio la Mia Istruzione? Quali – pensate – saranno i forti, quando verrà l’ora del Mio Commiato nella quale cesserò di comunicarMi a voi attraverso questi mediatori? Sono naturalmente coloro che si preparano realmente per ricevere le Mie Istruzioni. SentiteMi quindi nello spirito, non abbiate pregiudizi nella vostra mente e lasciate il cuore essere commosso, in questo modo sentirete come la Mia Parola penetra nel più profondo del vostro essere e vi riempie con nobili sentimenti.

78. Alcuni che non sono presenti a questa Parola, sono più vicini alla Mia Presenza che molti che occupano un posto a questa Comunicazione e cioè perché la Parola d’Insegnamento del Maestro giunge allo spirito e non alla carne. Ah, anime contaminate dalle passioni del mondo, se sapeste che nei momenti in cui sentite questa Parola, vi offro con essa una nave per salvarvi, ed una rete per salvare i vostri fratelli che sono in pericolo!

79. Finalmente sono da voi come ve lo avevo promesso, finalmente sono arrivato e non vi sarà un giorno nel quale Io non vi dia in diverso modo dimostrazioni della Mia Presenza e della Mia Giustizia.

80. Il tempo nel quale gli uomini hanno usato la libertà della volontà per impegnarla per divertimenti, basse passioni, animosità e vendetta, sta per finire. La Mia Giustizia sbarra il sentiero al peccato ed apre invece la via alla riconciliazione ed al rinnovamento, affinché gli uomini possano trovare la strada della pace che hanno cercato inutilmente con altri mezzi.

81. Fra di voi vi chiamate fratelli; nonostante ciò lo siete stati solo in rare occasioni! Questo è il motivo per cui vi ho detto in questo giorno che vi dovete preparare per ricevere la Mia Parola, perché in essa sentirete la Mia Voce tenera ed amabile che vi farà sentire come veri fratelli in Dio.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 92

 

1. Quel giorno nel quale sentite la Mia Parola, è per voi un giorno di festa. Voi che avete fede, vi ristorate e voi che avete dubbi, vi tormentate perché Mi volete vedere come Uomo per avere l’assoluta certezza della Mia Presenza.

2. Non preoccupatevi però, vi dice il Maestro, perché anche senza vederMi oppure toccarMi, infine crederete. Mentre la Mia Parola vi convince, rende contemporaneamente sensibili tutte le fibre spirituali del vostro essere ed alla fine sentirete vicino a voi le Rivelazioni spirituali, quando la pace bussa alle vostre porte oppure l’amore si avvicina al vostro cuore, quando la morte sta facendo il suo giro oppure la tentazione è in agguato. / La migliore eredità che Io vi lascerò, sarà questa Dottrina, perché colui che la sa interpretare ed esercitare come essa lo esige, raggiungerà la più alta pace dell’anima. Chi però la falsifica nell’interpretazione o nell’impiego, avrà amaramente da piangere. Costoro però non potranno per questo dare la colpa a Me, perché la propria coscienza dirà loro che questo dolore è la dimostrazione che stavano al di fuori della Legge.

3. Anche sulla Terra i vostri genitori vi lasciano una eredità di insegnamenti e consiglio e coloro che li sanno seguire ed osservare, raccoglieranno costantemente buoni frutti sulla via della loro vita. Coloro che non ascoltano le loro parole e le dimenticano e che danno più valore ai beni materiali che ricevono come parte della loro eredità, che alle lezioni dell’amore che hanno ricevuto, sono esposti alla caduta ed alle sorti mutevoli. Domandate a voi stessi: Sarebbe giusto se questi figli che hanno trasgredito, dissero che è il padre che li punisce, quando sentono le durezze e sofferenze che sono le conseguenze della loro disobbedienza? No, figli Miei, sono le vostre opere che vi attraggono sempre una ricompensa o una punizione.

4. Amati discepoli, attualmente vi sto dando la Mia Dottrina dell’Amore. Nel mezzo di questa penuria nella quale hanno luogo le Mie Comunicazioni, è il Mio santuario, questo tempio spirituale nel quale non vengono celebrati riti, né vi abbaglia il falso splendore delle liturgie, dove sentite solo una Voce che a volte è amabile e consolante, a volte profondamente saggia, ed occasionalmente anche severa ed amante della Giustizia.

5. Questo è il motivo per cui non vi stancate mai di ascoltarla, e vi sentite sempre obbligati da essa; perché, benché le Mie Istruzioni abbiano esteriormente somiglianze fra loro, avete scoperto che nel loro contenuto sono differenti e vi portano passo dopo passo alla conoscenza spirituale della Mia Verità.

6. Provenite da diverse regioni della Terra per sentirMi, ed Io vi chiamo rappresentanti. Se siete un padre di famiglia o una madre di famiglia, vi ricevo come rappresentanti della casa; se siete un bambino, vi ricevo in rappresentanza della famiglia. Se venite da una determinata regione, vi considero come rappresentanti della stessa, e se venite da un paese lontano, vi chiamo rappresentanti della vostra nazione. Per Me siete tutti figli Miei, miei amati discepoli che Io istruisco senza preferenza.

7. A coloro che dubitano della Mia Parola dico che devono aspettare, devono conservare il dubbio nel loro cuore e chiudere le loro labbra, che invece devono aprire le loro orecchie, la loro mente ed il loro cuore, perché adesso è il tempo delle sorprese e dei miracoli che potranno percepire e confermare solo coloro che sono preparati.

8. Si sta già combattendo l’ultima battaglia ed è necessario che abbiate armi per lottare ed uno scudo per difendervi. Dato che però questo Giudizio non è come il mondo se l’aspetta, non si è reso conto che si trova già nello stesso. Ognuno che si è svegliato deve, se ha compassione con i suoi prossimi, avvertirli e testimoniare del Lieto Messaggio fra gli uomini. Fra questo popolo vedo molti che tacciono, benché potessero parlare per dare testimonianza; altri invece che non hanno compresa la Mia Istruzione, ne parlano in continuazione senza conoscere il suo contenuto ed il suo significato, e perciò capitano sovente in non-verità irresponsabili. A questi Io dico che dapprima devono studiare e prepararsi, affinché non diano motivo che qualcuno si confonda oppure giudichi male la Mia Opera.

9. Vi faccio notare che non si può chiamare Mio discepolo colui che usa la Mia Parola come una spada per ferire i suoi prossimi, oppure come uno scettro, per umiliarlo. Tanto meno colui che si agita, quando parla di questa Dottrina e che perde la calma, perché non procurerà nessuna semenza di fede.

10. Un discepolo preparato sarà colui che, quando si vede aggredito nella sua fede, nella più santa delle sue convinzioni, sa rimanere calmo, perché sarà come un faro in mezzo ad una tempesta.

11. SentiteMi instancabilmente, affinché aumenti la vostra fede e soddisfiate il desiderio di elevazione della vostra anima.

12. In questo tempo farò in modo che la Dottrina che vi ho dato nel Secondo Tempo e che molti non hanno afferrata ed altri dimenticata, venga compresa da tutti e che venga osservata a motivo delle Mie nuove Istruzioni.

13. Voi che avete ricevuto queste Rivelazioni, siete eletti ad annunciare all’umanità la Mia nuova Comunicazione attraverso la facoltà dell’intelletto umano. Chi deve dare la testimonianza se non voi? Nel caso aspettaste che i dignitari o spirituali delle comunità religiose dell’umanità portino questo Lieto Messaggio, vi trovate in un errore, perché in Verità vi dico, se persino Mi vedessero, non aprirebbero le loro labbra per dire all’umanità: “Vedete, là è Cristo, andate da Lui!”

No, discepoli, non saranno loro che Mi annunciano, né saranno loro che aprono agli uomini nuove vie in questo tempo. Invece la Mia Parola sta preparando voi continuamente, affinché parliate fedelmente di ciò che avete visto ed udito, e soprattutto, affinché lo confermiate con la vostra adorazione per Dio e le vostre opere d’amore ai vostri prossimi.

14. Lasciatevi colmare dalla Forza della Mia Parola per non diventare deboli nelle prove. Ricordatevi che il sentiero della virtù a volte è seminato con spine e tentazioni.

15. Comprendete quanto delicata sia quest’Opera, amati discepoli, ed anche tutto ciò che dovete approfondire ed osservare per non cadere negli errori, né di seminare discordia fra i vostri fratelli.

16. Conservate la Mia Parola e sarete forti, perché voglio erigere templi che resistano alle tempeste più forti.

17. Nessuno Mi dica che si senta troppo stanco per affrontare quest’opera del giorno, perché non sarà l’anima che parla così, ma la carne. Io vi dico che è sufficiente staccarvi un poco dal mondo materiale nel quale vivete, per sentirvi liberi e sgravati dai pesi. L’anima maturata non sente stanchezza, è il corpo che si esaurisce nella lotta materiale. Questa missione spirituale portata con amore, non opprime e non rende nemmeno stanchi, invece alleggerisce la fatica della vostra vita e fortifica il corpo e l’anima.

18. Vi devo dire, discepoli, che colui che sente amore per il suo prossimo, non conosce nessuna stanchezza. Credete forse che – se Io non vi amassi come vi amo - avrei accettato il Giudizio e la morte da sacrificio, alla quale Mi avete sottoposto allora? Il Mio Amore però per l’umanità ha dato Forze a Gesù ed in Lui ho compiuto la Mia Opera di Redenzione. Comprendete: Come è il vostro amore per il vostro prossimo, così sarà la forza con la quale potete sopportare offese e la fatica che vi potrà preparare il vostro compito.

19. Pregate, diventate forti nel bene, affinché eliminiate le vostre imperfezioni e vi sentiate ogni giorno degni del Mio Amore.

20. In quest’ora benedetta il Mio Raggio divino ha toccato la mente dei Miei portatori della Voce nei diversi luoghi di assemblee che sono consacrati a questa Comunicazione e questa Luce si è trasformata in Parole di Vita per lo spirito del Mio popolo. Questa manifestazione è simile a quella nella quale la manna cadeva sul popolo affamato e lo ha nutrito nei giorni di miseria nel deserto. Nessuno abbia il timore di essere abbandonato, perché avete visto che vi ho dato in tutti i tempi dimostrazioni della Mia Presenza.

21. Non sentite come il Mio Amore provvidenziale vi porta via un poco alla volta da tutto ciò che è inutile e dannoso? Avviene, perché Mi compiace che vi puliate alla Sorgente dell’Acqua pura che vi viene offerta nelle Mie Istruzioni, affinché purificati così siate degni delle Mie Rivelazioni.

22. Ascoltate, discepoli, il tempo annunciato nel quale il Mio Spirito si sarebbe effuso su ogni anima e su ogni carne, nel quale l’umanità avrebbe avuto visioni spirituali e sogni simbolici e profetici, è giunto ora. Badate come si fanno sentire i Doni spirituali negli uomini da differenti comunità di fede. Fra tutte però ce ne una – sconosciuta e non appariscente – nella quale sono avvenute le Comunicazioni spirituale chiaramente, precisamente e nel modo giusto. In questa ho fatto sentire la Mia Voce come Maestro, ho rivelato lo scopo finale di questi Doni dello Spirito e le ho mostrato la via sicura per lo svolgimento della sua missione.

23. Questo è il Mio popolo (l’Israele spirituale) sul quale scenderanno le Mie Rivelazioni, ai discendenti di quel antico popolo che nel Primo Tempo veniva chiamato Israele e che ora risorge di nuovo nel mondo e nel suo spirito porta con sé il compito a far conoscere all’umanità la Mia Verità.

24. Questo popolo sente la Mia Voce in questo tempo e si nutre da Me come tralcio dell’Eterna Vigna. Tutti i suoi figli devono donare al mondo i frutti dell’Albero dal quale hanno preso vita. La Mia Parola li renderà fertili simile ad un innaffiamento con l’Acqua più pura, affinché non siano mai innaffiati con acqua impura, perché allora il sapore ed il succo del frutto spirituale di questo popolo non sarebbero più quelli dell’Albero divino.

25. In questi tempi del materialismo i Miei Insegnamenti dell’Amore sono stati dimenticati a motivo dell’oscurità che avvolge l’umanità. Io però vi dico che li dovete cercare nel vostro spirito dal quale non possono essere estirpati, perché là rimangono esistenti in segreto tutti i vostri Doni dello spirito come una lampada inestinguibile che illumina il sentiero che dovete seguire fino ad ottenere la ricompensa che Io vi ho promessa.

26. Adesso sto raccogliendo il Mio popolo per fargli avere la Mia Sapienza. Soltanto Io posso scoprire coloro che Mi devono servire. Ho cercato discepoli in tre epoche per dare loro le Mie Istruzioni e prepararli come Miei messaggeri. In ognuna di queste epoche Mi sono annunciato in differenti forme e la Mia Presenza ha sorpresa gli uomini perché non hanno saputo prepararsi per aspettarMi, benché sapessero che era venuto il tempo che questi avvenimenti si sarebbero avverati. Quando stavo di fronte a loro, non Mi hanno riconosciuto, benché la Mia Parola avesse loro sempre offerto lo stesso contenuto del senso; perché lo scopo delle Mie Istruzioni in tutti i tempi è stato lo stesso. Io vi dico: Comunque sia la forma nella quale Mi rivelo davanti a voi, Mi potete riconoscere, dato che vi mostro sempre il Mio Amore. Le forme delle quali Mi sono servito per presentarMi agli uomini, non sono state delle maschere per nasconderMi davanti ai loro sguardi, ma un mezzo per limitarMi, per essere compreso, per mettere alla prova la loro fede e per infondere loro fiducia in Me.

27. Voi che non siete sicuri al riguardo di questa Comunicazione – tacete finché dopo un certo tempo sarete convinti.

28. Molti dei vostri dubbi sono sorti dal fatto che vedete in questi portatori della Voce degli esseri imperfetti, e questo vi fa venire il pensiero: “E’ ben possibile che lo Spirito divino parli attraverso questi mezzi?”. Io però vi domando: Dove sono coloro che sono di cuore puro, ed i giusti, per annunciarMi a loro? Non li trovo sulla Terra , né fra gli anziani, né fra le vergini, nemmeno fra i bambini, ed ancora meno fra i filosofi oppure gli scienziati, nemmeno dagli spirituali delle diverse comunità religiose. Quindi ho cercato fra gli uomini semplici coloro che oltre ad una mente non istruita possiedono abbastanza sviluppo animico e loro Mi hanno servito con vero amore.

29. Se vi porto a sentire la Mia Parola attraverso labbra umane senza renderMi visibile, allora questo avviene per darvi l’occasione di conquistare meriti e di ripetere quella Parola che vi ho dato nel Secondo Tempo, quando vi ho detto: “Beati coloro che non vedono e comunque credono”.

30. Quando questi tempi della Mia Comunicazione saranno una volta terminati, comprenderete che vi ho eletti come il mezzo più degno – dato che siete figli Miei – per esprimere attraverso il vostro organo d’intelletto il Mio Amore ed il Mio Desiderio di elevarvi a Me.

31. Non dubitate del valore che voi rappresentate per Me. Vi ho dimostrato il Mio Amore fin dal momento nel quale vi ho mandati nel Paradiso della Mia Creazione. Là vi ho dato tutto ciò che serve per il vostro ristoro e conservazione, ma anche per il vostro sviluppo animico verso l’Alto. In questo amabile Giardino potete imparare a conoscere ed amare il vostro Creatore, mentre scoprite nel vostro stesso spirito le facoltà e caratteristiche di Colui il Quale vi ha dato l’esistenza.

32. L’uomo sulla Terra è un principe, al quale il Mio Amore e la Mia Giustizia ha dato questo titolo, e l’incarico che ha ricevuto fin dal principio è di dominare sulla Terra.

33. Al di sopra del Dono divino della sua libertà della volontà ho posto un raggiante faro che avrebbe illuminato la via della sua vita: la coscienza.

34. La libertà per operare e la Luce della coscienza per distinguere il bene dal male, questi sono due dei più grandi Doni che il Mio Amore di Padre ha conferito al vostro spirito. Sono nell’uomo già prima di nascere ed anche dopo quando sarà morto. La coscienza lo guida e non si separa da lui nella disperazione, né nella perduta della ragione, né nella lotta di morte, perché è profondissimamente unita con lo spirito.

35. Se comprendete tutto ciò che vi insegno – credete allora sempre ancora che sia indegno che il Mio Spirito Si annuncia all’umanità attraverso i Miei propri figli? Quanto malamente conoscete il vostro Padre e quanto poco conoscete voi stessi!

36. Questo è un tempo delle sorprese, dei segni e miracoli, e voi dovete essere vigili affinché le Mie Rivelazioni non passino inosservate da voi. Osservate, sentite e riflettete. Non vi parla soltanto la Parola divina – tutta la Creazione vi parla pure inarrestabilmente nel suo linguaggio e vi indica la via ai vostri doveri.

37. In questo tempo vi trovo capaci a comprendere il Libro della Sapienza divina ed a raggiungere grande progresso, se sapete concentrarvi nel più interiore del vostro essere e permettete che la vostra anima accenda la Luce della sua fede e con ciò illumina il suo sentiero di sviluppo.

38. Se vi ho detto una volta che dovete tacere e sentire la Mia Istruzione, allora questo è avvenuto perché l’umanità ieri ha ucciso i Miei profeti e persino Gesù, il vostro Maestro. Non è però passato molto tempo finché gli uomini hanno constatato che si sono avverate tutte quelle Rivelazioni e Profezie che questi hanno lasciato loro. Voi che avete già fatto questa esperienza – osereste rifiutare ancora una volta la Mia Parola profetica e preparare la morte spirituale ai Miei nuovi megafoni?

39. Cercate nella testimonianza dei Miei profeti dei tempi passati l’Annuncio di questa Comunicazione attraverso l’organo d’intelletto umano ed in Verità vi dico, lo troverete là. Se gli uomini non hanno trovato fino ad oggi queste Profezie, allora soltanto perché le hanno lette senza aver saputo afferrare o interpretare la Parola divina.

40. Io ricevo tutti coloro che vogliono sentire la Mia Istruzione – sia colui che nasconde il dubbio e persino lo scherno, come anche coloro che darebbero la loro vita per rafforzare che questa Comunicazione è la Verità. Non ho tuttavia preteso questo sacrificio dai Miei discepoli, solo quello della loro perseveranza, nel caso che voi chiamate un sacrifico l’amare e rimanere perseveranti nel bene.

41. Si sta già avvicinando il giorno del Mio Commiato, e vi dovete preparare per questo. Pensate che non vi lascerò beni materiali; la Mia Eredità consiste in Sapienza, Amore e Forza. Vi lascio il Libro della Mia Parola che contiene tutte le Istruzioni di cui avete bisogno, per farvi guidare in modo giusto nella vostra vita.

42. La fede vi deve accompagnare ovunque andate. Se prima Mi avete dimenticato nelle ore della gioia, adesso ricordatevi sempre di Me, quando vi è pace e gioia nei vostri cuori e ringraziateMi. CercateMi anche nelle ore del dolore nella solitudine, nell’intima devozione del vostro essere verso di Me, per confidarMi tutti i vostri lamenti nel desiderio di Forza di cui avete bisogno.

43. Dovete sempre rispettare la fede o le convinzioni religiose dei vostri prossimi e pensare che il cuore dell’uomo è il Mio tempio. Se volete penetrare nel suo interiore, lo dovete fare con amore e pregare prima di levare il velo di questo santuario.

44. Non agite come coloro che senza riverenza e senza rispetto oltrepassano la soglia di questi luoghi santificati, che è l’anima, per spegnere il loro luminare, devastare i Doni di sacrificio e distruggere l’altare; perché allora diventate oltraggiatori e profanatori del Mio tempio.

45. Troverete in molti cuori altari del fanatismo sui quale si alza una immagine d’idolo. Questo non vi deve disturbare, dovete comprendere che il dono di sacrificio è buono, che è sincero, e che viene da un cuore sincero che si rivolge a Me. – In questo modo vi insegno il rispetto e l’amore per il prossimo, l’unica chiave con il quale potete aprire i cuori.

46. Ricordatevi che adesso ed in tutti i tempi vi ho rivelato la forma nella quale dovete offrire l’adorazione al vostro Padre. Di questo sono informati molti di voi, ma se tenete in considerazione come le diverse comunità e sette religiose hanno complicato l’adorazione per Dio, pensate alla lotta la quale deve sorgere nell’umanità, quando nel mondo verrà a valere l’ideale della spiritualizzazione ed essere lottato per la semplicità e la purezza.

47. Il fanatismo per le tradizioni, falsa religiosità ed idolatria ha bensì fatto profonde radici nel cuore dei popoli; ma non rattristatevi al pensiero della lotta che vi attende, perché la vostra fede rimarrà salda. Ricordate la Mia Parola che Io invito ogni cuore all’elevazione ed all’avvicinamento a Me e che i Miei discepoli in questa lotta che li attende in tutto il mondo, saranno protetti e fortificati dal Mio Amore. Nessuno si sentirà dipendente solo dalla propria forza, e la sua fede lo condurrà alla vittoria.

48. Comprendete perché Mi annuncio a voi con perseverante fervore. Non voglio che dormiate oppure che siate colmi di paura davanti a pericoli immaginati. Cercate lo sviluppo animico verso l’Alto nel mondo e non abbiate nessun’altra immaginazione che quella, che siete alla ricerca di fratelli e non di nemici – fratelli ai quali dovete portare un Messaggio della fratellanza e della spiritualizzazione. – O discepoli, che siete timorosi e deboli nella vostra fede, Io vi dico che dovete comprendere la Mia Istruzione ed in lei procurarvi la forza per sentirvi forti e non sentire nessuna paura della lotta che si avvicina.

49. Per aiutarvi nel vostro compito Io preparo la vostra anima e la vostra carne affinché possano superere con coraggio, sobrietà e fede le condizioni confuse, le quali incontrate sulla vostra via.

50. Non temete i rifiuti da parte dei vostri parenti ed amici, non perdete il coraggio se per via di questa causa vi disprezzano. Rendete adesso ferreo il vostro cuore nella Mia Dottrina, che è il miglior incudine.

51. Siate umili in queste prove, comportatevi degnamente e lottate con umiltà, affinché possiate perdonare ogni offesa, se volete che il Mio seme seminato in voi porti frutti dell’amore e germogli nel terreno animoso e secco del cuore umano. Se volete prenderMi in Gesù come Esempio allora pensate che Io come Uomo sono stato misconosciuto, perseguitato, rifiutato e schernito fin dalla Mia Nascita fino alla fine della Mia Via, che era la Croce. Persino nell’ora di lotta della Mia morte molti si rallegravano nel Mio dolore e festeggiavano la Mia morte.

52. Questo ricordo però non vi deve scoraggiare, non ve lo deve far apparire difficile di esercitare la Mia Istruzione. Anche ai Miei discepoli in quel tempo questo sembrava difficile e nonostante ciò hanno adempiuto la loro missione. Vedevano il loro Maestro trionfare sul mondo, vincere la morte, compiere la Sua Opera di Redenzione sulla Sua Via, e perciò potevano seguire le Sue Orme dopo il Suo Addio, hanno fatto dell’amore per il prossimo la loro legge e da questa hanno formato la loro vera vita.

53. Loro sono per voi un bell’esempio, discepoli del Terzo Tempo, ai quali Io dico: Venite a Me, malati del corpo e dell’anima, perché Io non vi rigetterò per via della vostra debolezza. Sentite la Mia Parola, ed essa dev’essere come il Balsamo che guarisce le vostre ferite.

54. Molti di voi sono sorpresi nel sentire la Mia Parola di scoprire nei loro occhi lacrime di traboccante sentimento, mentre ancora pochi momenti prima si erano dati alle vanità del mondo!

55. Già da molto tempo vi do ora la Mia Istruzione, ed ancora non vedo gli allievi trasformati in discepolo; ma Io continuerò a darvi la Mia Parola finché non avrò fatto di voi buoni maestri. Mi è compiaciuto di eleggere per il sapere del mondo degli impacciati, perché la loro mente ha la semplicità e la chiarezza che devono possedere per comprendere la Sapienza spirituale. Ho eletto i poveri, perché quando si sono sentiti vestiti della Mia Grazia, costoro hanno saputo apprezzare nella loro umiltà il valore dei Doni dello Spirito che avevo loro concessi. I ricchi però, che tendono solamente al potere terreno – quanto insignificanti appaiono a loro le facoltà donate da Dio, e sono pochissimo si sono rivolti a Me nel desiderio di Grazia e dei Doni per il loro spirito. Io però sono sempre disposto a riversare su ognuno dei Miei figli i Miei segreti Testori nel momento della loro preparazione.

56. Questi poveri che ho adornato, li istruisco perché non tengano questo Tesoro soltanto per sé, ma lo devono condividere con i loro fratelli.

57. Lo spirito che sa di portare in sé dei Doni che il suo Signore gli ha dato, si rallegra e lotta per conservarli. Esso ha conoscenza del loro sviluppo e si sforza per far risplendere questo gioiello che gli era stato affidato.

58. Perciò pensate che colui che si allontana dalla Mia Via dopo aver ricevuto una eredità, è ingrato meno nei confronti del suo Signore quanto verso sé stesso, perché ogni scalino di sviluppo che ha raggiunto, gli è costato uno sforzo, una sofferenza o una riparazione.

59. Non sapete che colui che cammina al di fuori della Legge, si deruba delle sue virtù e dei suoi Doni dello spirito? Perciò vi ho aiutato in questo tempo per restituire alla vostra anima tutto ciò che aveva perduto e per cui si sentiva debole e bisognosa d’aiuto. Tutti voi riceverete la Luce, non ve ne sarà uno che non senta il risveglio della sua anima e la nostalgia di elevarsi al di sopra dell’umano. Le “piante” che erano parassite, si trasformeranno in piante fiorenti e fertili. Dato che vi amo, vi darò sempre una occasione di salvarvi. Voi però dovete ricordare che ogni occasione che non utilizzate, renderà più sofferto il vostro ritorno sulla via della salvezza.

60. Oggi vengo per isolarvi dalla rovina regnante, affinché possiate ascoltare la Mia Parola in pace e contemporaneamente riflettere e sondarla. Rendetevi conto che la sete dell’anima viene calmata solo con la pura Acqua dell’Amore e della Misericordia.

61. Se avete avuto servitori nel mondo e vi venivano assegnati degli onori, dovete rinunciare a tutto questo e diventare servitori diligenti e modesti dei vostri prossimi. Avete sovente servito il mondo, ma ora dovete servire Dio in obbedienza nei confronti delle Mie Indicazioni. Il mondo vi ha donato gioie, ma ora è il tempo che preparate la vostra anima ad entrare nel mondo spirituale dove avrete pieno appagamento, se avete vissuto in adempimento della Mia Legge d’Amore.

62. Sfruttate il vostro soggiorno sulla Terra per amare e dare benignità invece di amarezza. Badate a queste creature qui attraverso le quali Io vi do la Mia Parola e vedrete, nonostante i dispiaceri che raccolgono nella loro vita, hanno amorevoli parole per voi nei momenti della Mia Comunicazione. Potete immaginarvi la Forza che dona la vita, che le Istruzioni di Gesù hanno avuto allora, e la delizia delle schiere di uomini che Lo ascoltavano? Era la Voce del Regno dei Cieli davanti alla quale si è gettata l’anima dei discepoli. Ogni volta quando si aprivano le Labbra del divino Maestro, le Sue Parole cadevano come Balsamo nei cuori malati e guarivano molte ferite. La via però che Gesù ha percorso, era forse un sentiero seminato di fiori? No, discepoli, la Sua via di sofferenza verso il Golgota era già iniziata nella mangiatoia in Betlemme. Perciò ogni Parola che la Voce di Colui il Quale ha sofferto per via della vostra salvezza, ha procurato in molti cuori premesse di miglioramento ed ha trasformato così l’esistenza di molti esseri umani che avevano vissuto nell’oscurità e che poi si sentivano illuminati dal Fuoco d’Amore della Sua Parola.

63. I morti risorti alla vita di Grazia pieni di speranza e fede in una nuova vita, e gli uomini con cuori egoistici, duri e crudeli, piangevano di pentimento e si sentivano spinti a fare del bene e di amare coloro i quali avevano guardato con indifferenza e persino con disprezzo. Molti di questi miracoli della conversione vidi svolgersi soltanto Io, perché a molti dei Miei discepoli rimanesero inosservati. Ed ora in questo tempo avviene nuovamente questo Miracolo, quando viene ricevuta l’essenza d’Amore di questa Parola: uomini che erano sprofondati nel vizio che riformano la loro vita e si rialzano mentre esercitano le virtù che prima hanno disprezzato. Vedo famiglie che si uniscono per seguire la Mia Orma e matrimoni che fortificano i loro legami nell’ideale della spiritualizzazione che la Mia Dottrina ha ispirato loro.

64. Fra i Miei operai vedo anche coloro che prima erano dei paria sulla Terra e schiavi del peccato e che oggi se ne sono liberati, e vedo coloro che portavano un peso di sofferenza e che adesso hanno pace nei loro cuori e la sanno condividere con i loro fratelli.

64. Il motivo per questo è che la Mia Parola attraverso l’organo d’intelletto umano ha lo stesso potere, essenza e forza di convinzione come quella che ho dato in Gesù, benché l’Istruzione che vi do oggi, viene da labbra che peccano e profanano. Come sarà il Mio Dialogo con il vostro spirito, quando avrete una volta raggiunto maggior purezza? O discepoli, sforzatevi, sviluppate i Doni dell’umiltà e del fattivo amore per il prossimo, in questo modo darete l’occasione alla vostra anima a purificarsi e ad elevarsi! Attenetevi a Me, affinché viviate in eterno.

66. Ho visto molti di voi errando con la morte nel cuore, senza trovare una mano che vi indicasse la via della virtù e della pace, finché giunse a voi il suono della Mia Parola e la sua Voce che vi ha chiamata di venire qui, vi ha risvegliata a nuova vita e fatto sperimentare la gioia di ritornare a Me.

67. La vostra anima era rimasta cieca, muta e sorda per ogni attività animica, ma nel fondo del suo essere aveva nostalgia di conquistare questa conoscenza e sperava in questa. Il suo intelletto non ha compreso questa lotta interiore e perciò non avete trovato nessuna spiegazione per la mancanza di pace e gioia nella quale avete vissuto.

68. Allora è successo che la Mia Presenza risplendeva come un segnale di fuoco nell’oscurità della vostra anima e contemporaneamente Mi avete riconosciuto e detto: “Signore, Tu Sei Colui che ho atteso così tanto”. E fin da allora vi ho accettato come Miei allievi e vi ho insegnato a leggere a stento le prime sillabe di questo Libro nel quale vi ho rivelato giorno per giorno il contenuto delle sue pagine.

69. Vi ho eletti per via dell’umiltà del vostro cuore, affinché dediti a Me portaste ovunque la Mia Dottrina ed in questo tempo della depravazione e della miseria seminaste la semenza dell’Amore nei cuori dei vostri prossimi, che è il campo idoneo per il cambiamento di mentalità e per le virtù.

70. Sono venuto per risvegliare alla vita tutte le anime che erano morte per la Grazia e per insegnarvi ciò che non potevate trovare né nelle scienze né nella filosofia: la spiritualizzazione.

71. Le confessioni dormono un sonno di secoli della routine e dell’arresto, mentre la Verità è rimasta nascosta. Coloro però che conoscono i Comandamenti di Geova e la Parola del divino Maestro, devono riconoscere in questa Voce che attualmente vi parla, la Voce dello Spirito della Verità che era stato promesso per questi tempi.

72. L’umanità pretende dimostrazioni ultranaturali per credere nella Mia Esistenza ed nell’immortalità dell’anima ed in Verità vi dico, Io le darò quelle dimostrazioni in questo tempo di grandi avvenimenti e dell’adempimento.

73. Le nuove generazioni non sentiranno la Mia Parola in questa forma, perché per loro ho previsto la Comunicazione da Spirito a spirito.

74. Mi aspetto da voi l’adempimento dei Miei Incarichi. Parlerò a voi attraverso i portatori della Voce fino all’anno 1950, il momento nel quale considero terminata questa epoca. Non voglio però che in questo giorno della Giustizia siate deboli, perché allora vi dividerete e cadrete negli errori. Siate preparati, affinché sentiate la voce della coscienza e vi sentiate responsabili per tutti i vostri incarichi.

75. Badate alla salute del vostro corpo, provvedete alla sua conservazione ed alla forza vitale. La Mia Dottrina vi consiglia ad avere amorevole provvidenza per la vostra anima e per il vostro corpo, perché ambedue si completano ed hanno bisogno l’una dell’altro nel difficile adempimento dell’incarico che è affidato a loro.

76. La Mia Via è stretta, ma sicura. Non continuate a fare vani esercizi di penitenza e non fate sacrifici sterili. Prendete dalla natura il necessario per la vostra vita materiale ed elevatevi a Me nel desiderio del nutrimento spirituale.

77. Amato popolo, porta in te la pace, affinché nello stesso modo come sei stato consolato in questo tempo del dolore, tu sappia consolare coloro che diventano deboli sotto il peso di grandi prove nella vita.

78. Voi che siete stati guariti ed avete ricevuto Doni e Grazie dal Padre, domani verrete chiamati dagli uomini i ricchi spirituali.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 93

 

1. Siate i benvenuti, voi cuori affamati ed assetati di Luce. Rimanete con Me e non morirete mai, perché Io sono la Vita.

2. Una volta avete avuto la sensazione di morire, perché avevate perduto la speranza e la fede. Nel vostro cuore non c’era Luce che vi avesse condotto sul sentiero della vera Vita, né una voce che vi avesse detto amabilmente: “Vieni qui, questa è la via della pace”, finché avete udito la Mia Parola che è sempre colma di Amore e di Conforto, e la sua Luce vi restituisce la tranquillità.

3. La vostra cecità è stata rischiarata attraverso la Luce della vostra coscienza, e questa vi ammonisce sempre alla preghiera, al fattivo amore per il prossimo ed al miglioramento. Così siete venuti alla Mia Presenza e la Mia Parola è stata come un segnale luminoso risplendente e di salvezza che ha illuminato la vostra via. In questo momento avete compreso che questa Luce può procedere solamente da Me e Mi avete detto: “Signore, Sei Tu che ho tanto aspettato. Oggi so che ti ho amato e che ho avuto bisogno di Te, Maestro”.

4. Sì, discepoli, sono qui e vi aiuto a fare i primi passi sulla via che conduce in Alto, finché vi avrò preparati come veri discepoli della Mia Istruzione e delle Mie Rivelazioni per mandarvi più tardi nelle province e nazioni per diffondere questa fede.

5. La Il conflitto nel tempo sarà del massimo peccato, miserie e dolori, e non avrete altri mezzi ausiliari che la vostra spiritualizzazione, né altre armi che la Verità. Vi ho eletti come poveri, non istruiti ed umili, come campagna incolta che però è idonea a renderla fertile e ricevere la semenza spirituale.

6. Non sono stato alla ricerca di filosofi, teologi o scienziati, ma del popolo semplice che Mi ha aspettato ed è accorso alla Mia Chiamata per restituire al suo spirito l’eredita dimenticata o impiegata male.

7. All’umanità non è riuscita a penetrare fino al nucleo delle Rivelazioni di ambedue i Primi Tempi. In questo Terzo Tempo però la Mia Parola vi farà comprendere, interpretare ed esercitare le Mie precedenti Istruzioni e le unirete con le presenti.

8. In questo tempo non sono venuto nato come Uomo. Sono venuto da voi nella Luce del Mio Spirito che è diventata parola d’uomo ed in questa vi do la Mia Essenza di Vita per rialzare la fede nei vostri cuori.

9. Vi do nuova Vita, vi risveglio e vi porto, affinché i vostri occhi ciechi a causa dell’oscurità nel mondo contemplino l’eterna Verità.

10. Vi rivelo ciò che lo scienziato non vi può insegnare, perché non lo conosce. Egli ha dormito nella sua grandezza terrena, e non si è elevato a Me nel desiderio della Mia Sapienza.

11. I cuori degli spirituali si sono chiusi, coloro che dovevano insegnare nelle diverse sette e comunità religiose il sapere spirituale che è la grandezza e la ricchezza per lo spirito.

12. Ho visto che la Legge e gli Insegnamenti che ho lasciato all’umanità nei tempi passati, sono nascosti e stati sostituiti attraverso riti, culti esteriori e tradizioni.

13. Voi però, che riconoscete profondissimamente che il contenuto essenziale di questa Parola è lo stesso che Israele ha ricevuto sul monte Sinai e che le schiere di uomini hanno sentito nel Secondo Tempo dalle Labbra di Gesù, dovete insegnare con la vostra adorazione per Dio e le vostre opere che non si deve dimenticare la Legge divina per via dell’adempimento di stolte tradizioni che non promuovono l’anima.

14. Imparate da Me, discepoli, non continuate a rimanere nel nascondimento, preparatevi nell’anima e nel corpo, affinché presto usciate nella Luce ed il Mio Messaggio sia conosciuto. Spiritualizzatevi, affinché Io vi faccia conoscere la Mia Volontà per mezzo del vostro Dono d’ispirazione.

15. Io voglio che la Luce del Mio Spirito risplenda nel vostro intelletto e che le Parole che vengono dalle vostre labbra escano dallo spirito. Non cercate di parlare di quest’Opera se non siete abbastanza preparati, per sentire le vostre parole. Nel vostro essere devono essere uniti spirito, cuore ed intelletto, se volete servire come mediatori per la trasmissione della Mia Parola.

16. Le nuove generazioni non Mi sentiranno più in questa forma che voi sperimentate, perché il termine da Me indicato si sta avvicinando, dal quale in poi non Mi annuncerò più in questo modo; è il 1950. Vi darò la Mia Parola fino all’ultimo giorno di quell’anno. Vi parlerò instancabilmente, vi incoraggerò, e la Mia benevola Voce piena di Forza vivificante e Luce scenderà come una cascata sul Mio popolo.

17. Coloro che Mi ascoltano fino alla fine, devono essere forti e varranno sempre come esempio di discepoli obbedienti. Non diventeranno deboli nelle prove, non si fermeranno né si divideranno.

18. Che cosa sarebbe di questo popolo se gli uni lottano per la spiritualizzazione, mentre gli altri si afflosciano nelle vecchie e retrograde azioni di culto ed inutili tradizioni? Dovete lottare insieme per non stancarvi nella vostra opera del giorno, e dovete vegliare, affinché sentiate chiaramente la voce della coscienza.

19. Vivete vigili, affinché non siate creature deboli, ma anime forti. Dirigete i vostri passi sul sentiero della misericordia, dell’amore e della giustizia. Non derubatevi di ciò che ho messo a disposizione per il vostro sano ristoro corporeo. Vi ho anche detto che non dovete tormentare la vostra anima mentre negate alla stessa ciò che le spetta, affinché ambedue, corpo ed anima, formino una unica volontà e che su questa vegli la coscienza che è la Mia Luce divina.

20. Non voglio che il mondo vi ingarbugli nel suo materialismo e vi derubi della Grazia che vi ho affidata, perché allora ricadreste nella vostra vita di miseria e di dolore, dalla quale vi ho salvati.

21. Non dimenticate che sono venuto per la vostra salvezza e che vi ho aiutato a superare la vostra debolezza e per strappare le catene che vi tengono giù, ed affinché sperimentiate finalmente l’appagamento di esservi liberati da debolezze, malattie e miserie.

22. Ognuno che va e segue la Mia Orma, troverà in Me Forza ed un Aiutante il Quale lo accompagnerà fino alla fine della via della vita. Chi ha fame e sete della Luce e della salvezza, troverà nella Mia Opera il Pane e l’Acqua dell’eterna Vita.

23. Fortificate la vostra anima per i difficili tempi di crisi fino ad un tale grado che, se doveste essere gettati in prigione perché seguite la Mia Orma, vi sentiate fortificati al pensiero delle sofferenze del vostro Maestro, dato che sapete che Io sarò con voi in questo tempo di prove. Quando vedete che un amato parente è gettato sul giaciglio di dolore ed è vicino a spegnere la sua vita, allora rivolgete i vostri pensieri a Me e lasciate liberamene che avvenga la Mia Volontà. Allora vedrete avvenire un Miracolo come ricompensa per la vostra rassegnazione e la vostra fede in vista dei Miei Consigli. Coloro che sulla via della loro vita rimangono soli, si devono ricordare di Gesù, come Egli lontano da Sua Madre e dai Suoi discepoli, è andato incontro rassegnato al monte del calvario, seguito da una folla di uomini, ma solitario nel Suo Cuore.

24. Ogni volta che vi rendete conto di questa immagine di ricordo, percepirete una sensazione di dolce conforto al pensiero che vi ho promesso di assistervi nelle vostre afflizioni e di allontanare da voi il calice della sofferenza.

25. Il dolore vi purificherà, e quando poi sarà passato il tempo della vostra afflizione, apprezzerete felici di aver avuto l’occasione di vivere ciò che ha vissuto il vostro Maestro, e sentirete di essere proprietari di una eredità spirituale.

26. Studiate attentamente la Mia Dottrina e constaterete come una Mia Istruzione conferma quella precedente, nello stesso modo come la Mia Parola di questo Tempo rafforzi tutto ciò che vi ho detto nel passato.

27. Sono pochi gli uomini che riconoscono i segni che è iniziata una nuova epoca e che attualmente Mi rivelo spiritualmente all’umanità. Nella maggioranza gli uomini dedicano la loro vita ed i loro sforzi al progresso materiale, ed in questa lotta irrispettosa ed a volta sanguinaria per il raggiungimento delle loro mete, vivono come i ciechi, perdono l’orientamento, non sanno più a che cosa ambiscono, non possono vedere il chiaro bagliore della nuova aurora, non si accorgono dei segni e sono lontani dal far propria la conoscenza delle Mie Rivelazioni.

28. L’umanità ha creduta di più agli insegnamenti e le parole degli uomini che alle Rivelazioni che Io le ho concesse nel corso dei tempi. Aspettate forse che il Padre nella Sua Giustizia vi mandi segni ancora maggiori che quelli che vedete ad ogni passo, per sentire e credere che questo è il tempo predetto per la Mia Comunicazione come Spirito della Verità? Ah, voi uomini di poca fede! Ora comprenderete, discepoli, perché vi dico a volte che la Mia Voce chiama nel deserto, perché non c’è nessuno che la sente e le badi veramente.

29. Risvegliati, popolo, affinché ti senta tremare a questa Voce della Giustizia, affinché vi sentiate spinti ad annunciare ai vostri prossimi che con la Legge, la Luce, il Giudizio e con esso è venuta la salvezza dell’umanità nel mondo.

30. Non considerate l’adempimento del vostro compito all’interno di questa lotta come qualcosa di impossibile. Vi predico già adesso che non sarete solo voi che salvate questa umanità o trasformate la vita dei popoli; Io farò quest’Opera, perché è sovrumana. Io voglio soltanto che voi adempiate quel compito che vi spetta, e che permettete che le nuove generazioni portino più avanti la Mie Semenza di quanto avete potuto fare voi.

31. Vi potete immaginare la Beatitudine di colui che ritorna alla vita spirituale ed ha adempiuto sulla Terra la destinazione che il Padre suo gli ha presegnata? La sua soddisfazione e la sua pace sono infinitamente più grandi che tutte le soddisfazioni che l’anima possa raccogliere nella vita umana.

32. Ed Io vi offro questa occasione, affinché apparteniate a coloro che hanno gioia quando ritornano nel loro Regno e non a coloro che soffrono e piangono nel loro profondo affranto o pentimenti.

33. Io accorro velocemente, quando sento la vostra chiamata d’aiuto, quando combattete contro le veementi onde di questo mare di passioni nel quale sta incrociando l’umanità di questo tempo. La vostra preghiera di richiesta giunge a Me e la Mia Compassione si distende come un Mantello di Pace, come in un altro tempo, quando Io, accompagnato dai Miei discepoli, andavo sul mar di Galilea e le onde schiumanti minacciavano di far colare a picco la barca. I discepoli timorosi Mi pregavano pieni di paura di salvarli, perché avevano la sensazione di naufragare, ed Io ho dimostrato loro che chi è con Me ed ha fiducia in Me, non andrà mai a fondo.

34. In questo tempo la barca è la Mia Opera, il mare è la vita, la tempesta sono le passioni, le visitazioni e le prove.

35. Ben per colui che si trova all’interno di questa barca, quando una volta irromperanno le tempeste, perché sarà salvato!

36. Attraversate il mare ed andate con assoluta fede incontro all’altra riva, nella consapevolezza che alla sua riva vi è la perfetta pace. Chi si potrebbe smarrire in questa traversata, se passa accompagnato con il compasso della sua coscienza?

37. Se per caso qualcuno si sente esausto, Mi invochi. Se per caso qualcuno sente che la sua fede vacilla, preghi, ed Io sarò subito al suo fianco per assisterlo. Nessuno però cerchi di ritornare al punto di partenza oppure si rassegni di andare a fondo afferrato dalle onde della tempesta.

38. Perfezionate la vostra preghiera, perché dovete imparare a conoscere la Forza spirituale che trasmette. E’ la scala nel Cielo sulla quale nella vera comunione delle anime salirete su a Me.

39. Quanto si offusca la via di colui che spegne la sua fede oppure perde la fiducia in Me! Voi che state vigilando – pregate per il mondo che dorme.

40. Non vi sembra strano che Mi preoccupo di voi con grande Fervore? Questo è soltanto perché non avete una vera conoscenza di ciò che è il Mio Amore per voi, oppure di ciò che voi significate per Me, perché al riguardo del Padre vostro vi siete formati una immagine molto misera, dato che alcuni di voi si sentono come déi sulla Terra, mentre altri fra voi al contrario di questo non si sentono degni del Mio Amore. Io vi dico, se la natura materiale è stata ammirabile e meravigliosa per gli uomini, allora la vita spirituale è ancora più grandiosa e magnifica e per la vostra Beatitudine e delizia dovete sapere che voi appartenete ad ambedue i livelli d’esistenza. – In questo modo vi insegna la Mia Parola tutto ciò che dovete sapere di Me e di voi per il vostro sviluppo verso l’Alto.

41. In questi giorni è la Mia Volontà rivelarvi che fino all’anno 1950 i centoquarantaquattromila da Me segnati e spiriti predestinati saranno completi in numero, per portare al mondo la Mie Semenza d’Amore. Gli uni saranno incarnati, e gli altri nella Patria spirituale. Tutti loro rimarranno svegli sotto la Luce della Mia Ispirazione ed ognuno sarà una fiaccola che illumina la via a grandi schiere di uomini e le condurranno nel Regno spirituale.

42. Nel tempo in cui Israele attraversava il deserto alla ricerca della terra promessa, era la tribù di Levi che insegnava al popolo l’adorazione per Dio, gli ricordava la divina Legge e lo ha aiutato a comprenderla. Quando poi le tribù si erano stabiliti nel paese che avevano conquistato attraverso la loro fede e la loro perseveranza, era sempre ancora la tribù di Levi che vegliava sulla Legge. Quei tempi però sono passati, l’anima dell’uomo si è sviluppata, e la semenza divina che ho affidato ad Israele, è giunta a molti popoli ed adesso è sparsa in tutta l’umanità.

43. Quel popolo di Dio è risorto sulla Terra pieno di Luce per ricevere nel suo spirito le nuove Rivelazioni che deve portare alle nazioni. Riconoscete che adesso non è la tribù di Levi che è incaricato a vegliare sulla Legge, ma un gran numero di anime alle quali si uniranno quelle che si svegliano con il desiderio ad essere una parte del popolo di Dio.

44. Qui ci sono molti di coloro, mossi dalla Mia Parola, che nel tempo di allora si accasciavano pieno di paura quando sentivano sul Sinai l’onnipotente Voce di Geova, - molti di coloro che avevano lasciato dietro di sé la prigionia, le lacrime e l’umiliazione per mettersi alla ricerca del paese della benedizione e della pace. I loro occhi ora si sono aperti ad una nuova Luce che fa loro riconoscere del tutto chiaramente la via che la loro anima ha percorsa fin dal quel tempo.

45. Pure questo popolo combatterà per liberarsi dal nuovo faraone rappresentato dal mondo, che nutre la sua idolatria, la sua miseria e le sue tentazioni. Attraverserà anche un deserto nel quale si sentirà abbandonato e respinto dagli altri uomini, combattuto da molti dei suoi prossimi che cercano di ostacolarlo nel suo procedere. Quando però avrà una volta raggiunto la necessaria spiritualizzazione, sentirà nel più profondo del suo essere la Voce divina che gli parlerà della Legge della Giustizia e dell’Amore. Non sarà però il cuore sul quale scenderà questa Luce, ma giungerà direttamente allo spirito.

46. Quando poi il popolo metterà in pratica questa Dottrina, ognuna delle sue opere servirà all’edificazione del tempio spirituale all’interno dell’uomo.

47. Tutti voi che avete il desiderio di essere una parte di questo popolo – osservatevi interiormente, colmatevi con fede, affinché siate forti nella lotta e diventate degni che Io vi chiami Israele come ho chiamato nel Primo Tempo Giacobbe “forte” in riferimento al bene, all’amore, al perdono; forte nel fervore della Legge e nella virtù, forte contro il peccato, il dolore, la diffamazione oppure la miseria.

48. Dopo avervi dato questa Istruzione, il Mio Sguardo seguirà i vostri passi per vedere in quale modo metterete in pratica le Mie Istruzioni e per giudicare le vostre opere di vero amore.

49. Vi darò l’occasione per l’agire mentre guiderò a voi gli orfani, le vedove – colui che è caduto nella lotta della vita, il vinto dai vizi, l’affamato di Luce, l’assetato di Verità. Non attribuite al caso gli eventi che incontrate costantemente, pensate che è il vostro Maestro il Quale bussa alle porte dei vostri cuori. In Verità vi dico, siete nel tempo nel quale il vostro spirito deve giustificare la sua permanenza sulla Terra attraverso l’attività d’amore.

50. La Mia Voce giungerà continuamente al vostro spirito per domandarvi ciò che fate, per che cosa impiegate la vostra vita e se adempite la vostra missione.

51. Comprendete che avete da compiere una grande opera; è il lavoro che si è accumulato nel lungo tempo della trascuratezza. Non pensate che sono Io che vi soverchio con gravi pesi. Io voglio soltanto che paghiate il vostro debito ed adempiate la vostra missione sulla Terra – una missione che non si limita all’adempimento dei vostri doveri nei confronti delle vostre famiglie. Oltre a questi doveri avete quello di amarvi tutti fra voi senza favoritismi, e di servire senza lasciarvi fermare da differenze di confessioni di fede, lingue o classi.

52. La Mia Dottrina distruggerà il seme dell’egoismo e con ciò darà alla vostra anima un campo d’azione senza fine sul quale potete adempire il vostro compito di amare.

53. Darò agli uomini giorno per giorno dei segni affinché si sveglino; agli uni aiuterò nella loro preghiera, provvederò gli altri con intuizione, affinché percepiscano la Mia Voce. A coloro che vivono lontani dalla spiritualizzazione, darò dei sogni profetici, di Rivelazione; ed ai materializzati parlerò per mezzo delle potenze della natura, dato che credono soltanto a ciò che vedono, oppure a ciò che possono dimostrare con la loro scienza.

54. Se però rimangono dormendo o sordi nonostante queste Chiamate d’Avvertimento, farò loro sentire la Mia Potenza e la Mia Giustizia che hanno provocato tantissimo.

55. Vi parlo di Giustizia, perché è giunto il tempo nel quale la Mia Falce miete il grano maturo. Raccoglierò quei frutti che hanno prodotto il bene, il frumento dorato prodotto dall’ampore. Tutto il resto verrà distrutto I frutti del peccato e l’erbaccia dell’egoismo, dell’odio e dell’arroganza cadranno al taglio della Falce della Mia Giustizia.

56. Io vengo nel tempo giusto per mietere. Ricordatevi che una volta ho detto che il frumento non dev’essere tagliato anzitempo, ma che si deve lasciar crescere e maturare insieme all’erbaccia e tagliare soltanto dopo.

57. Non è proprio quello che sto facendo attualmente? Vedete, come le Mie Opere di oggi confermano la Mia Istruzione del Secondo Tempo!

58. Vi parlo per mezzo dell’intelletto di un portatore della Voce del quale ho illuminato l’organo d’intelletto ed ho messo sulle sue labbra Parole di Sapienza, affinché il popolo riceva questo Messaggio come nutrimento per il suo spirito.

59. Vi vedo stupiti in vista di questa Comunicazione, per cui vi voglio dire subito che, per quanto sia ammirabile, non è comunque l’ultima Istruzione che ho da darvi, e non è nemmeno la massima espressione del Mio Contatto con gli uomini. Considerate questa Comunicazione solo come una pagina del Libro della Sapienza spirituale, che è una Promessa della nuova Rivelazione che vi darò. Il Libro è aperto davanti al vostro spirito, è la Mia Sapienza e da questo Libro procedono fiumi di Luce che fluiscono attraverso il vostro essere.

60. Accogliete questo Libro con amore, nel quale sta scritto la vostra missione; ma non mettetevi a dormire in questo tempo della Luce. Quale ricompensa potete ricevere domani, se non avete meriti? Non dimenticate che tutta la vostra fatica ha come meta finale la conquista di Luce, di Pace e di perfezione animica. Ognuno deve sapere che per ottenere questa perfezione vi è stata indicata la retta via che vi ha presegnata la vostra coscienza, da quando siete sorti alla vita. Per non smarrirvi sul sentiero della Terra incarnandovi, vi ho lasciato la Mia Orma.

62. Cercate quest’Orma in ogni attimo passato e presente e presto la troverete.

63. Vi ho sempre cercato, perché la vostra anima, solo quando è incarnata, si è adeguata a diversi sentieri sui quali si è quasi sempre smarrita. Ah, voi creature deboli, che a motivo delle decisioni della vostra volontà siete caduti e poi avete dato la colpa a Me, mentre dicevate che la via dei figli di Dio è piena di tentazioni! Io vi dico che là dove credevate di vedere molti sentieri, avreste dovuto seguire solo uno: quello che conduce a Me; che là dove avete avvistato tentazioni, erano solo frutti che erano da accettare solo con conoscenza e riverenza. Vi potete immaginare che il vostro Padre abbia creato qualcosa che avesse per meta di sedurvi a peccare?

64. Domani, quando l’uomo si libererà dal suo peso dell’ignoranza e del materialismo, scoprirà che ciò che ha considerato un ostacolo, era solo un gradino per far salire la sua anima e conquistasse l’esperienza; e ciò che considerava un abisso, non era altro che una prova per fortificarlo. Allora scoprirà che ciò che l’uomo ha considerato come motivo per le sue cadute ed i suoi errori, sono aiuti ausiliari per aiutarlo nel suo perfezionamento. In vista di questa conoscenza scompariranno dal cuore d’uomo tutte le immaginazioni superstiziose che ha creato in riferimento al male.

65. Quale Forza e quale Bellezza scoprirà l’uomo appena aprirà i suoi occhi alla Luce di questa Vita! Tutto ciò che la sua ignoranza lo ha fatto interpretare in modo falso da farlo cadere nell’errore, e per questo ha dato la colpa a Colui il Quale ha creato tutti gli esseri, scomparirà dalla mente dell’uomo.

66. Finché gli uomini non comprendono la vera Legge spirituale oppure si sentono attratti da questa via, cadono nel fanatismo religioso, devono incontrare una vita piena di trappole, insicurezze ed ombre.

67.Quando vi mettete allo studio della Mia Dottrina che è come un Sole divino che illumina l’anima e non si nasconde mai? Secondo la vostra opinione questo è impossibile, ma Io vi dico che questa Luce presto illuminerà tutti gli esseri umani.

68. La Voce di Colui il Quale voi avete chiamato “Rabbi della Galilea”, è la stessa che sentite in questi momenti. E se in quel tempo vi ho detto: “L’uomo non vive di pane soltanto, ma di ogni Parola di Dio”, Mi rivolgo ora a voi per dirvi che l’uomo non si deve nutrire solamente della scienza o delle conoscenze umane, ma della Sorgente divina, perché in lui vive l’anima che si nutre solamente di amore, sapienza e pace. Nutritevi e fortificatevi, o Miei discepoli, affinché portiate in voi la vera Vita.

69. Su di voi stanno arrivando tempi di lotta e di amarezza e dovete essere preparati affinché diate testimonianza della Mia Dottrina attraverso la vostra fede e la vostra perseveranza nell’adempimento delle Mie Indicazioni.

70. Qualche volta i Miei discepoli miscredenti vorrebbero che Io mostrassi loro il Corpo che ho avuto nel Secondo Tempo – le mani perforate e sanguinanti, affinché possano credere che Io sono nuovamente fra il Mio popolo e nei loro cuori Mi dicono: “Come dobbiamo dare testimonianza di Te se non Ti abbiamo veduto?”. Io però vi domando: Conoscete le Mie Parole di allora, con le quali vi ho annunciato che Sarei ritornato? Quando vi ho annunciato che Sarei ritornato come Uomo? Voi dovete vedere per credere, perché vi siete materializzati, mentre invece ci sono alcuni che sentono la Mia Presenza senza conoscere le profezie e comprendono la Verità. Questi sono coloro il cui intelletto e cuore sono puri.

71. Lo spirito è dotato con una vista più elevata che quella umana, affinché sia lui che scopre la Verità ed in lei vede il Volto del Padre suo. Come volete scoprire il Divino con i vostri sensi, se dapprima non avete presagito il vostro spirito? Questo Parole non sono un rimprovero per via della vostra poca fede, né vi respingo, perché dubitate. Al contrario, sono alla ricerca di queste lampade appunto spente, per accenderle con il Fuoco d’Amore del Mio Spirito.

72. Alcuni tremano di Beatitudine quando sentono queste Parole; sono coloro che sentono la Mia Presenza. Domani, quando non Mi annuncerò più in questa forma, coloro che non hanno potuto comprenderMi oppure hanno dubitato quando Mi hanno sentito, si lamenteranno di sé nel corso della loro spiritualizzazione, quando si ricordano che erano presenti alla Mia Comunicazione e non hanno creduto. Li bagnerò nella Mia Luce e loro sentiranno nel loro interiore la Mia Voce che dirà loro: Non temete, cercateMi nel profondo del vostro cuore, là troverete molte delle Mie Parole, conservate per il momento del bisogno.

73. Venite a Me, popoli e nazioni del mondo, venite. Venite, uomini di tutte le razze, la Mia Legge vi aspetta nel Regno della Pace, affinché formiate un unico popolo – il popolo di Dio.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 94

 

1. La Mia Parola si è annunciata fra voi piena d’Amore. Si è mostrata come un Balsamo del conforto quando siete venuti da Me piangendo, e vi ho dovuto correggere con Consiglio paterno. Quando si avvicinerà il giorno nel quale farò tacere questa Parola sulle labbra dei Miei portatori della Voce, avrete la sensazione che venga da un Giudice, benché sarà sempre la stessa nel suo Amore e nella sua Tenerezza. Celerà però così tanta Luce in sé che scoprirete persino gli errori più segreti e le macchie più nascoste che avete in voi.

3. Non afferrate ancora questa Verità. Prima l’oscurità ha messo una benda scura davanti ai vostri occhi, poi è venuta la Luce della Mia Verità, ma ne eravate abbagliati. E’ inevitabile che vi raggirate per alcuni momenti nel buio, fino a quando vi sarete abituati alla Luce e potete vedere tutto ciò che vi circonda. Fino ad allora dovete essere prudenti con la vostra critica, con le vostre parole e le vostre azioni, perché non potreste ancora fare nessun passo sicuro sulla via, né parlare della Verità come lo dovete fare.

4. La Verità è una e la stessa e nonostante ciò – guardate gli uomini come gridano al mondo differenti verità! Quanto sono stati calpestati con i piedi i Miei Insegnamenti sulla Terra!

5. Da quando Cristo vi ha annunciato della Verità, moltissimi hanno cercato di parlarne! Io però vi domando: Mi hanno anche preso come Esempio nell’amore, nell’obbedienza e nell’attività d’amore? Io solo so chi quali saranno in tutti i tempi i Miei veri discepoli ed apostoli.

6. Se domani gli uomini avranno dubbi della Verità nel giudicare questa Comunicazione perché è stata data attraverso megafoni empi, farò loro comprendere che non Mi respinge il peccato, al contrario, Mi ha portato più vicino a colui che ha smarrito la via.

7. Una ulteriore dimostrazione della Mia Potenza che gli uomini riconosceranno, consiste nel fatto che soltanto Io ho potuto procurare che la bocca di peccatori parlasse con purezza, che labbra calunniatrici pronunciassero Insegnamenti divini e che un intelletto non istruito trasmettesse Istruzioni e Rivelazioni piene di Sapienza.

8. Chi saranno coloro che in questo tempo parleranno in pubblico come veri apostoli della Mia Parola? Chi di voi porterà davanti agli occhi dei vostri prossimi la bellezza della Mia Istruzione?

9. Sono necessarie le vostre opere; è inevitabile la viva testimonianza di questo popolo che ha sentito la Mia Parola.

10. La Dottrina che vi ho portato è come una incommensurabilmente grande fiaccola intorno alla quale si devono radunare le schiere di uomini - quegli uomini che hanno fame della Verità e sete della Giustizia ed anche le anime erranti, i ricercatori che si consumano nel desiderio per la Luce.

11. Preparatevi per quel tempo nel quale grandi schiere dei vostri prossimi si metteranno alla ricerca dell’oasi della pace, ma fatelo con umiltà. Raccogliete nella vostra anima le virtù che vi ho portato con la Mia Parola. Non cercate di impressionare i vostri prossimi attraverso delle vanità oppure istruzioni senza contenuto. Loro vengono da voi appunto fuggendo da questo.

12. Non verranno chiamati figli di questo popolo soltanto coloro che hanno sentito la Mia Parola attraverso l’organo d’intelletto umano. Ognuno che prende su di sé la sua croce – ognuno che ama questa Legge e diffonde questo seme, dev’essere chiamato operaio nella Mia Vigna, apostolo della Mia Opera e figlio di questo popolo, anche se non Mi ha sentito per mezzo di questa Comunicazione.

13. Nuovamente vi dico che non dovete cercare forme esteriori per far conoscere la Mia Opera, perché allora offrireste molti punti vulnerabili attraverso i quali verreste combattuti da sette e comunità religiose.

14. Se tendete al miglioramento moralistico, alla purezza nella vostra vita, alla spiritualizzazione nella vostra adorazione per Dio, non esisteranno nessuna arma, idee o insegnamenti che possono vincervi. Edificate sullo spirito e tutto verrà conservato e sopravvivrete alle visitazioni e battaglie, perché lo spirito è indistruttibile. Se edificato su fondamento materiale, agite come lo stolto che ha eretto un edificio sulla sabbia che deve crollare al più piccolo scuotimento.

15. Fate del vostro cuore una camera del tesoro per conservarvi i Miei Insegnamenti come il tesoro più prezioso che il vostro spirito può ricevere in questo tempo.

16. Mi faccio riconoscere da voi in questo tempo della lotta spirituale, perché siete stati inviati sulla Terra per parlare di questa Legge. Siete già stati liberati, vi siete già allontanati da ciò che è inutile; ora procedete oltre sul sentiero come gli amati, veritieri operai di Gesù.

17. Vi ho mandato nel mondo in questo tempo, affinché parliate di Me ed il vostro spirito trasmetta agli altri la sua esperienza.

18. Se vi ho rivelato che siete Israele, è avvenuto, affinché sappiate che già da molto tempo seguite la Mia Via sulla Terra ed anche perché riflettiate sulla vostra responsabilità. Non pensate che sia giusto che a volte vi faccia un rimprovero della vostra mancanza di fede, di fervore o di attività d’amore?

19. Un unico Dio vi ha parlato fin dal principio dei tempi; un unico Dio dovete riconoscere ed amare. Inoltre voglio che Mi offriate un unico modo dell’adorazione.

20. Sono gli uomini che hanno creato molti déi; ognuno lo adora e se lo immagina in modo diverso. – Io tengo questo popolo lontano da ogni influenza religiosa, affinché Mi senta e comprenda qui nella sua solitudine, nella sua vita ritirata, affinché offra infine a Me, suo Creatore, una degna adorazione. Ho fatto lo stesso in quel tempo quando Israele era un prigioniero per secoli sotto il giogo e la verga del faraone d’Egitto. Era la Mia Volontà usare Mosè come messaggero e quel popolo che era destinato a ricevere la Legge e la Luce che avrebbe illuminata l’umanità e strappato alla schiavitù.

21. Il vostro spirito Mi dice che l’umanità ha sperimentato anche in quest’epoca schiavitù materiale, afflizione e colpi di verga, e che è passata attraverso la schiavitù dello spirito.

22. Perciò vengo nuovamente a voi per dirvi: Amatevi, come vi ho insegnato nel Secondo Tempo, affinché la vostra via sia sopportabile. Abbiate la spiritualizzazione, ordine, obbedienza, fede ed amore per il prossimo e vi sentirete forti nella lotta e sarete l’esempio per tutti i popoli della Terra.

23. Molti vi domanderanno quale sia la via che seguite e dove state andando, e quando vedono che il vostro cammino è modesto, ma pieno di sicurezza e fermezza, vi seguiranno con un cuore colmo di fiducia e fede.

24. Oggi il vostro spirito viene nel desiderio di nutrimento, il cuore vuole pace, l’intelletto ha sete di Luce. Il Maestro però vi dice: Nei primi tempi del vostro sviluppo possedevate tutto questo persino senza aver conquistato meriti per ottenerlo. Ora invece dovete raggiungere tutto con le vostre opere all’interno della Legge che vi insegna di amarvi reciprocamente.

25. In quei tempi non vi è costato nulla per avere salute, forza ed abbondanza, per cui avete tutto perduto facilmente. Ora vi dico che, quando avrete riconquistato con sforzi, con fatica e sacrifici lo sviluppo di quei Doni che non avete saputo apprezzare in tutto il loro valore, non li perderete più, perché allora utilizzerete ciò che avete e non dimenticherete mai quello che vi è costato molto per ottenerlo. Avete una idea quanto si deve sviluppare questa umanità per svegliarsi dal suo profondo sonno e mettersi sulla via con la meta della riconquista (di questi Doni) e dello sviluppo? Voi però dovete precedere ed insegnare loro la via al loro sviluppo animico. Adesso che sentite questa Parola e formate già una comunità, vi dico che dovete avere la purezza nella vostra anima ed essere perseveranti nella vostra preparazione, affinché possiate manifestare la Mia Opera in piena chiarezza. Io voglio che eseguiate con purezza il compito che vi ho affidato. – State calmi, perché non farete tutto voi; vi assisterà il Mio Amore provvidenziale.

26. Da molti punti della Terra singoli uomini, gruppi e folle di uomini si presenteranno pubblicamente e parleranno all’umanità del nuovo tempo, della spiritualizzazione ed opereranno per la liberazione e la fratellanza degli uomini. Su questo vi dico che Io farò il rimanente.

27. Esistono delle Opere che posso compiere soltanto Io. Una di queste è di salvare questa umanità dagli abissi che lei stessa ha creato. Il Padre è infinitamente felice quando Si vede sostenuto nei Suoi Compiti e Doveri divini attraverso i Suoi molto amati figli. Perciò lascio giungere la Chiamata a tutti gli uomini. Io spiego loro lo scopo della Mia Comunicazione, e dopo eleggo i cuori di buona volontà per prepararli come soldati ed inviati della Mia Causa divina.

28. Vorrei vedere questo popolo presto sulle strade come eserciti sparsi nei popoli e nelle nazioni come portano oltre il Lieto Messaggio e la testimonianza della Mia Parola, come la Luce delle Mie Promesse. Se vi unite veramente, sperimenterete come sorgono dal vostro intelletto grandi ispirazioni che saranno la chiave che apre le porte che rimangono ancora chiuse quando bussate.

29. In questo tempo vi ho detto: L’influenza del mondo ha raggiunto un tale grado che avete cancellato ogni traccia delle Mie precedenti Parole d’Insegnamento? Questo è il motivo perché sono venuto. Chi degli abitanti della Terra vi potrebbe far comprendere tutta la ricchezza di esperienza e Luce che possiede la vostra anima, anche se non lo manifesta, perché in ciò la ostacolano le influenze del mondo? – Nessuno. Io soltanto vi posso salvare e rivelarvi i segreti dell’anima.

30. Fra l’umanità si trovano certi che in un altro tempo su una Promessa divina hanno attraversato il deserto ed hanno udito la Voce del Signore su un monte. Scopro anche altri che hanno vissuto al tempo di Gesù, hanno visto le Sue Opere e sentito la Sua Parola, che Mi hanno seguito nella solitudine e mangiato dei pani e pesci che ho dato da mangiare alla folla di uomini, dopo essere saliti sul monte per sentire quella Voce; e vedo anche coloro che nel giorno della Mia Crocifissione correvano gridando con le folle. Persino qui scopro quelle anime fra le schiere che arrivano per sentire lo stesso Concerto celeste (come al tempo di Gesù) che ora è nuovo per loro.

31. Coloro che piangono – coloro che tremano quando Mi sentono e riconoscono la Voce che parla a loro, sono coloro il cui spirito conserva sempre ancora l’eco delle Mie Parole.

32. Notate come molti di coloro che vengono a questa Comunicazione, rimangono per sempre su questa via e si dedicano qui al compito senza che esista un potere umano che potesse impedire loro di venire qui per sentire la Mia Parola? Sono quelli che nei confronti di Dio hanno ancora debiti d’amore da un altro tempo e che non hanno avuto nessuna occasione di darsi a Lui, che hanno però promesso a sé stessi di aspettarMi, per seguirMi e di servire fino alla fine.

33. Oggi ricordo loro gli avvenimenti che hanno già vissuti.

34. In quel tempo i Miei discepoli Mi hanno domandato, quando hanno saputo che presto li avrei lasciati: “Signore, quando Ti rivedremo?”. Allora ho detto loro in quale tempo Sarei ritornato e quali segni avrei dato per il Mio ritorno.

35. Adesso dico ai nuovi discepoli: Questo è il tempo annunciato, i segni sono adempiuti senza che ne manchi uno.

36. Voi sapete che questa Comunicazione per mezzo dell’organo d’intelletto umano terminerà e come quelli voi domandate: “Signore, quando non si sentirà più la Tua Parola – non avremo poi più la felicità di sentire in qualche modo la Tua Manifestazione?”. A ciò vi rispondo: Dopo questo tempo verrà quello della vostra spiritualizzazione, quello del diretto dialogo con il vostro Signore, nel quale Mi sentirete eternamente presente. Appena avrete raggiunto questo grado di elevazione, non direte mai più che il Padre arriva oppure che Egli è andato via, perché allora avrete compreso che Io sono sempre con voi. Allora vi ricorderete che attraverso Gesù vi ho detto: “Il Regno di Dio è dentro di voi”.

37. Portate alle nazioni la Buona Notizia. Diffondete questo Messaggio ovunque. Pensate che molti di coloro che Mi aspettano, credono che Io comparirò sulla Terra come Uomo. Non ho mai detto questo, vi ho fatto invece comprendere che la Mia Venuta sarebbe stata spirituale, che Sarei venuto “su una nuvola”.

38. Vi ho già detto che visiterò chiese e sette per svegliarle scuotendole dalla loro letargia. Allora riconosceranno la Luce di questo tempo e nutriranno l’ideale della spiritualizzazione. E’ tuttavia necessario che voi eseguiate quella parte che Io vi ho affidato, perché questa semenza aspetta soltanto di cadere nel terreno per germogliare e per portare fra l’umanità i frutti della Sapienza e del progresso spirituale.

39. L’esempio di questo semplice popolo qui, che percorre la sua via senza spirituali che lo guidano, e Mi offrono l’adorazione senza cerimonie e simboli, dev’essere un appello per svegliare coloro che dormono ancora nella loro notte lunga di secoli, e dev’essere uno sprone al rinnovamento ed alla purificazione di molti dei Miei figli.

40. Non cercate di ignorare la vostra responsabilità in quest’Opera. Non dimenticate che vi ho mandato sulla Terra come preparatori della via e profeti del Terzo Tempo.

41. In Verità vi dico, se Mi mostrassi in quest’ora con lo stesso Corpo con il quale Mi avete visto a suo tempo, vedreste le Mie ferite fresche, ed sul Mio Volto ancora impresse le tracce della morte di sacrificio. Sarebbe però un costante rimprovero per l’umanità ed Io preferisco nascondervi le Mie ferite e mostrarvi la Mia Luce. / Perché molti uomini Mi vogliono vedere nella Figura di Gesù? Non comprendete che Io sono più che una Figura? Mi sono fatto vedere bensì in questo tempo come anche nel tempo di allora nella Figura di Gesù. Questa Grazia però non è stata per tutti; non è necessario che tutti Mi vedano in questo modo. Vi dico nuovamente: “Beati coloro che senza aver veduto, credono”.

42. Quando gli uomini avranno smesso le usanze religiose esteriori ed invece di cercarMi in immagini che sono opera d’uomo, si spiritualizzano, Mi comprenderanno così grande ed onnipotente che non ne saranno d’accordo di vederMi limitato e non avranno il desiderio di vederMi nella figura di Gesù – nemmeno spiritualmente.

43. Quanto è difficile adempiere il compito del veggente in questo tempo. Per lui non è sufficiente avere il Dono della vista spirituale, se non ha una sua propria illuminazione interiore. Chi lo potrebbe guidare eccetto la sua coscienza, e chi lo potrebbe liberare da un errore, se non la preghiera e la vigilanza spirituale?

44. Israele ha avuto nel Primo Tempo sette grandi profeti. Loro parlavano e scrivevano sul futuro dell’umanità, sulle visitazioni che sarebbero venute sui popoli, ed annunciavano anche le Rivelazioni divine che il Signore avrebbe fatto avere agli uomini. Non erano grandi perché hanno parlato molto, ma perché si erano elevati spiritualmente nel desiderio per la Mia Luce.

45. Il Padre vuole ora lo stesso dai nuovi profeti, cioè che offrano all’umanità una unica immagine dello spirituale, che però è piena di Verità e di cui ho detto ai Miei operai: Come raccolto della vostra semina portateMi almeno tre chicchi di semenza, ma che devono essere capaci di germogliare e non uno staio nel quale pesi in sovrappiù la paglia e la pula. Non dimenticate che sono le vostre opere che preparano la vostra via nell’Eternità.

46. Ora che Si annuncia il Mio Spirito divino, vi mando un Raggio di Luce che sfiora l’intelletto del portatore della Voce e lui vi trasmette la Mia Luce che è diventata Parola.

47. Guarda, qui è “La Parola” fra voi - la stessa che vi ha parlato nel Secondo Tempo. E’ la stessa Dottrina e lo stesso contenuto; ma oggi non sono rivestito con un corpo umano. Allora i Miei Piedi toccavano la polvere del mondo, oggi si rivela al vostro spirito solo la Mia Luce. Preparate i vostri cuori affinché Mi possiate percepire, e nutritevi con la Mia Parola, dato che in Verità sapete che l’uomo non vive di solo pane. Vi darò il Mio Corpo ed il Mio Sangue, che una volta ho rappresentato come Pane e Vino. Adesso sarà la Mia Parola in modo spirituale che sostituisce il Pane che è il Mio Corpo, e l’essenza spirituale della Mia Parola sarà il Vino che berrete come il Mio Sangue.

48. L’anima del popolo trema di Beatitudine alla Mia Presenza. Anche il Maestro è felice attraverso la presenza dei nuovi discepoli. Ora ascoltate il Maestro parlare ai Suoi apostoli del Secondo Tempo[3]:

49. “Amato Giovanni, che appoggi la tua tempia al Mio Cuore, vorresti che tutti coloro che Mi ascoltano, diventino degni di appoggiarsi a Me, per sentire la Mia Pace, per essere vicini alla Sorgente della Vita. La tua lotta non é finita, il tuo spirito prega instancabilmente e manda la sua Luce fra l’umanità del Terzo Tempo, alla quale hai profetato molte cose meravigliose. In quest’epoca sperimenti tu, caro Giovanni, l’adempimento delle manifestazioni che hai vedute nelle tue visione e nella tua estasi e di cui non conoscevi il loro significato, né avevi saputo, quando si sarebbero adempiute. Veglia pregando per il mondo”.

50. “Giuda Iscariota, Mio apostolo, oggi nella tua anima vi è l’umiltà, perché l’espiazione è stata amara, molto amara. Oggi però la tua influenza si effonde beneficamente sull’umanità. Ti offri agli uomini in modo invisibile come consigliere. Io ti ho dato la Mia Pace, discepolo – perché non la senti in piena misura nella tua anima? Hai pianto molto, benché Io non ti abbia mai negato il Mio Conforto ed il Mio Perdono. Il motivo è che aspetti che anche l’ultimo dei Miei figli sia salvato, per poi poterMi dire: ‘Signore, scendi dalla Tua Croce, ora sono in pace, ora sono degno di ricevere il Tuo Perdono’.”

51. Finché vedi che l’umanità si precipita sempre di più nel peccato e così Mi bestemmia, tradisce e crocifigge, la tua anima soffre i tormenti che il mondo non si può immaginare, ed ogni peccato che Mi ferisce, lo senti come se lo fosti tu a ferirMi.

52. Figlio, discepolo, prendi dalla Mia Tavola il Pane ed il Vino che hai abbandonato quella notte che era l’ultima che ho vissuto con te come Uomo. Io ti dico: Mangia e bevi, oggi ti offro ciò che a quella Cena non hai ricevuto e che tutti gli altri hanno ricevuto. Io elimino la tua indigenza e la tua miseria e per via della tua umiltà che oggi ti è propria come un frutto di un grande pentimento – accogli in te la Mia Pace e trova in essa il Mio Corpo ed il Mio Sangue”.

53. Vedi, popolo, queste sono le Mie nuove Lezioni d’Amore. Fate ai vostri prossimo ciò che vedete fare Me a voi. Che cosa farete in questo tempo con la Mia Opera? Vedo davanti a Me un nuovo monte del calvario ed una Croce. La Mia via di sofferenza non è finita, la Mia Passione non finisce sul Golgota, i Miei Passi lasciano sempre ancora la loro Orma di Sangue.

54. Popolo Mio, umanità, vieni sulla Mia Via, ed Io trasformerò il vostro sacrificio in Vita eterna, il vostro dolore in gioia, e quando giungerete in cima al monte, vedrete aspettarvi il Mio Amore. Verrò a tutti, perché questa era la Mia Promessa. Quando le nazioni saranno una volta in pace ed il peccato estirpato e gli uomini si amano come fratelli, vi mostrerò la Spada con il quale vi ho vinti: l’Amore.

55. La Comunicazione è molto modesta per colui che la vede con gli occhi della carne! Quanto però è profondamente sentita e grande per colui che la osserva con il cuore e lo spirito!

56. Come voi ora siete intorno a Me, così era anche a quell’ultima Cena nel Secondo Tempo. Il Sole stava calando, quando Gesù discuteva per l’ultima volta in quella sala con i Suoi discepoli. Lutto era in Gesù ed anche nei Suoi discepoli che non sapevano ancora ciò che aspettava alcune ore più tardi Colui il Quale li aveva istruiti e tanto amati. Il Signore li stava lasciando, ma loro non sapevano ancora come. Pietro piangeva e stringeva il calice al suo cuore, Giovanni ha bagnato il Petto del Maestro con le sue lacrime, Matteo e Bartolomeo erano fuori di sé alle Mie Parole che indicavano il futuro. Filippo e Tommaso nascondevano la loro disperazione, mentre mangiavano. Giacobbe il più giovane e Taddeo il più anziano, Andrea e Simone erano muti di dolore; nonostante ciò era molto di quello che Mi dicevano con il cuore. Anche Giuda Iscariota portava dolore nel suo cuore, ma anche paura e rimorsi di coscienza. Non poteva però tornare indietro, perché l’oscurità aveva preso possesso di lui.

57. Si stava avvicinando il Martirio sulla Croce, dalla quale il Cristo ha lasciato Sua Madre come una allodola che avrebbe donato calore a quei bambinelli, mentre la Luce dello Spirito Santo fluiva giù per illuminare quegli uomini. Dopo i momenti di debolezza presto si sarebbero sentiti forti abbastanza per spargersi nel mondo proclamando il Lieto Messaggio ed annunciando il Regno dei Cieli ai popoli che servono gli idoli.

58. Quando Gesù aveva comunicato le Sue ultima Parole ed Ammonimenti, quei discepoli erano inondati di lacrime. Uno di loro però non c’era più, la sua anima non poteva accogliere così tanto Amore, né vedere così tanta Luce ed allora se n’era andato via, perché quella Parola aveva ustionato il suo cuore.

59. Credenti di questo tempo, nuovi discepoli: Ho permesso nella schiera dei Miei apostoli del Secondo Tempo un tradimento di un discepolo, per darvi in lui un grande Insegnamento. Non diventate giudici di colui che Io ho giudicato con Amore ed al quale Io ho perdonato. Prendetelo piuttosto come un libro aperto e come un simbolo. Quanti di voi che ora lo condannano, portano nei loro cuori un Giuda?

60. In questi momenti nei quali vi parlo e vi ricordo quegli avvenimenti, si cela pure l’Astro regale. E’ lo stesso Sole come quello che splendeva sull’umanità di allora. Ora però, mentre Io vi parlo così, salgono nelle Alture del Cieli il grido di dolore dei popoli ed il trambusto delle vostre guerre.

61. Quanta miseria vedo nel vostro mondo, e quale profondo lutto è nel Mio Spirito!

62. Siano benedetti coloro che con dolore nel cuore ricordano il giorno nel quale Gesù stava davanti al seggio del giudice, da dove Lui, seguito dalle masse di uomini, saliva il monte del calvario.

63. Oggi il Mio Spirito Si sente fra voi come in una nuova prigione, ma è fatta di amore, è quella del vostro cuore nel quale Mi vorreste tenere prigioniero, perché cominciate ad amarMi. Vedo anche la nuova Croce sulla quale Mi innalzerete. Non è però quella sulla quale Mi avete lasciato morire; oggi è quella della vostra spiritualizzazione che brama le Mie Braccia aperte e che ha nostalgia del fiume del Mio Sangue divino che è Vita. Oggi non Mi accusate, al contrario, siete Miei difensori, perché ora sapete della Mia Innocenza.

64. Non posso dire la stessa cosa di tutti, perché gli uomini hanno accumulato tante impurità e quindi molti peccati nel mondo, che anche questi sono per Me come una nuova Croce di dolore che Mi hanno preparato per questo tempo.

65. Voi tutti siete stati liberati attraverso il Mio Esempio e non potrete andare a fondo. Ciononostante è necessario che vi salvi dall’oscurità che vi avvolge e non vi fa riconoscere la vera Vita.

66. Quanti sentimenti contrari muovono il tuo cuore, quando senti la Mia Parola, amato popolo! Questo tono sofferto, nel quale vi parlo di quelle ore di amarezza, muovono maggiormente coloro che hanno molto sofferto; perché questa vita è una via di sofferenza ed è Golgota.

67. Allora Mi hanno giudicato tre giudici; Hanna, Pilato ed Erode, ed il popolo ha svolto su di Me il Verdetto. Adesso vi dico che molti sono i Miei giudici ed è ancora maggiore il numero di coloro che in questo tempo Mi infliggono dolori. Più gli uomini aborriscono la Mia Legge e la Mia Dottrina – quando queste vengono perseguitate e rifiutate di più – non succederà però lo stesso come nel Secondo Tempo; adesso Io non sarò solo.

68. Il “cieco”, al quale Gesù ha restituito la facoltà visiva, griderà ora a squarcia gola che ha visto la Luce. I “morti” risorgeranno e daranno testimonianza della Mia Verità. Il cuore sensibile della donna Mi sarà fedele e gli uomini con anima forte saranno i Miei nuovi aiutanti nel portare la Croce.

69. Maria non sarà assente, né sarà lontana da uno dei Miei Passi ed il suo spirito celeste Mi seguirà ovunque, perché Cristo e Maria sono già stati Uno nel Padre prima di venire sulla Terra.

70. Umanità, umanità, oggi non potrei dire come in quel tempo: “Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno”, perché non vi è uno a non aver bevuto il Sangue dell’Agnello – Colui che è Luce, Verità e Vita.

71. A Dismas è bastato un attimo per trovare la salvezza e questo era l’ultimo della sua vita. Mi ha detto dalla croce e benché vedeva che Gesù, il Quale chiamavano Figlio di Dio, era nella lotta di morte, sentiva che Egli era il Messia, il Salvatore, e Gli ha consegnato il suo cuore con tutto il pentimento e con tutta l’umiltà della sua anima. Perciò gli ho promesso il Paradiso ancora per lo stesso giorno.

72. Vi dico che ad ognuno che pecca inconsapevolmente - ma alla fine della sua vita Mi parlerà con un cuore pieno d’umiltà e fede - gli farò sentire la Tenerezza del Mio Amore misericordioso che lo eleva dalle miserie della Terra per fargli conoscere la Beatitudine di una vita nobile ed superiore.

73. Vi ho lasciato Maria ai piedi della Croce su quella altura che ha accolto il Mio Sangue e le lacrime della Madre. La è rimasta l’aspettativa dei suoi figli, perché sarà lei che toglierà la croce dalle loro spalle ed indicherà loro la via nel Cielo.

74. “Ho sete” avevo detto a quella folla di uomini che non ha compreso le Mie Parole e si pasceva nelle Mie lotte di morte. Che cosa potreste dire oggi mentre vedo che non è solo una folla di uomini, ma tutto il mondo che ferisce il Mio Spirito senza rendersi conto del Mio Dolore?

75. La Mia Sete è infinita, inafferrabilmente grande, e soltanto il vostro amore potrà calmarla. Perché Mi offrite un culto esteriore invece che amore? Non sapete che, mentre Io vi chiedo acqua, voi Mi offrite fiele ed aceto?

76. Benché il Mio Calice in questo tempo sia molto amaro, la Mia Croce così sanguinante e la Mia Solitudine grandissima, non Mi sentirete esclamare: “Mio Dio, Mio Dio, perché Mi hai abbandonato?”, perché quella dimostrazione che Gesù ha data mentre Egli ha mostrato apertamente che il Suo Dolore era umano e reale, non ve la darò oggi, perché vengo nello Spirito.

77. Cristo è il Maestro ed Egli vi istruisce fino all’ultimo momento. Quando era venuto questo momento ed Egli vide terminata la Sua Opera, l’ha consegnato umilmente al Padre Suo con le Parole: “Tutto è compiuto”.

78. Se Gesù il Quale era la Via, la Verità e la Vita, ha terminato la Sua Missione con quella preghiera di sette Parole ed ha detto alla fine al Padre Suo: “Nelle Tue Mani raccomando il Mio Spirito”, allora pensate se voi, che siete allievi e discepoli di quel Maestro, di poter lasciare questa vita senza portarla al Padre come un tributo dell’obbedienza e dell’umiltà e se potete chiudere i vostri occhi per questo mondo, senza chiedere al Signore la Sua Protezione, dato che li aprirete solo di nuovo nelle altre regioni?

79. Tutta la vita di Gesù era un Sacrificio d’Amore per il Padre. Le ore della sua lotta di morte sulla Croce erano una Preghiera d’Amore, dell’Intercessione e del Perdono.

80. Questa è la via che ti mostro, umanità. Vivete seguendo il vostro Maestro, ed Io vi prometto di guidarvi al Mio Grembo che è l’Origine di ogni Beatitudine.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

 

Istruzione 95

 

1. Che cosa potreste richiedere a Colui che vi ha creato, che non vi concedesse se ciò che chiedete è per il bene del vostro copro o della vostra anima? Dovete però imparare ad essere d’accordo con la Mia Volontà. Vivete in un tempo della riparazione nel quale non dovete ribellarvi contro le vostre prove.

2. Amate, perché l’amore vi aiuterà a riparare. Eliminate l’egoismo dalla vostra attività d’amore.

3. La Terra sulla quale camminate, è transitoria, il vostro pellegrinaggio qui è breve, dopo entrerete nella Vita eterna. E nonostante ciò voglio che da questa valle di lacrime conosciate la via che è presegnata attraverso i Comandamenti della Mia Legge.

4. Non diventate deboli nella fede né nella speranza. Abbiate sempre davanti agli occhi che verrà la fine del viaggio di questa vita. Non dimenticate che la vostra origine era in Me e che anche la meta finale sarà in Me, e questa meta è l’Eternità, perché non esiste la morte dell’anima.

5. Abbiate l’Eternità come ideale del vostro tendere e non perdete il coraggio nel su e giù della vita. Sapete forse se questa sarà la vostra ultima incarnazione sulla Terra? Chi vi potrebbe dire che in questo corpo che avete oggi, pagate tutte le vostre colpe che avete caricato su di voi nei confronti della Mia Giustizia? Perciò Io vi dico: Utilizzate il tempo, ma non precipitosamente. Se accettate le vostre sofferenze con fede e rassegnazione e vuotate il calice con pazienza – in Verità vi dico, i vostri meriti non saranno sterili.

6. Provvedete che la vostra anima proceda sempre, affinché non smettiate mai di perfezionarvi.

7. Sono Io che vi ho messo le prove sulla via per fermare la vostra anima, quando si allontana dalla via della Mia Legge e vuole vivere da sola secondo il suo beneplacito. Esaminate il motivo per le prove, ve lo permetto, affinché confermiate che ognuna di loro è come uno scalpello che elabora il vostro cuore. Questo è uno dei motivi perché il dolore vi porta più vicino a Me.

8. L’uomo però ha sempre cercato i divertimenti, potere e sfarzo, per lanciarsi dalla Terra su al Signore ed essere dominatore sui propri fratelli. / Dato che vi ho creato con lo stesso Amore – perché ci sono poi sempre stati alcuni che asseriscono di essere qualcosa di superiore? Perché ci sono stati tali che governano gli uomini sotto umiliazioni con la verga? Perché c’è colui che respinge da sé il minore e colui il cui cuore rimane intoccato, quando prepara dolore al suo prossimi? – Perché sono quelle anime che non Mi hanno ancora riconosciuto come Padre, il Quale ama tutte le Sue creature, e nemmeno come l’unico Signore di tutti gli esseri viventi. Perciò ci sono uomini che arraffano a sé il potere e disprezzano i diritti santificati dell’uomo. Mi servono come strumenti per la Mia Giustizia, e benché credano essere grandi signori e “re”, sono soltanto servi. Perdonate loro!

9. Questo è il Terzo Tempo nel quale vi ho insegnato la Lezione che deve unire spiritualmente l’umanità, perché è la Mia Volontà che le lingue, le razze, le diverse ideologie, non devono più essere un ostacolo per la vostra unificazione. L’Essenza spirituale dalla quale ho creato uno spirito, è la stessa che possiedono tutti, e la sostanza della quale è costituito il sangue che scorre nelle vene degli uomini, è la stessa in tutti. Perciò tutti sono uguali e degni di Me, e sono venuto nuovamente per tutti.

10. Io sono venuto perché ho visto le vostre anime povere in virtù e le voglio rendere ricche. Non chiedete a Me ricchezze della Terra, perché ve l’ho data fin dal principio come eredità. Chiedete a Me e cercate la purificazione dell’anima che non possedete ancora. Riconoscete che la Mia Legge non viene sempre osservata.

11. Sono passati secoli ed epoche, ma l’umanità non si è veramente risvegliata alla vita della Luce e della Verità. Perciò ritornate ogni volta, quando deponete un involucro terreno, nudi e bisognosi, affamati ed assetati nel mondo spirituale. Dal cuore dell’uomo non sorge sempre ancora una tal grande fede e volontà che fosse pronto a seguirMi su quella via che è presegnata dal Padre vostro con le tracce del Sangue e dell’Amore.

12. Allora succede che il dolore schiaccia gli uomini con tutto il suo vigore e li fa riconoscere che sono al di là della retta via e li esorta a cercare il Padre, come lo ha fatto il figlio perduto nella Mia Parabola divina. Ché importa se viene davanti alle Mie Porte nudo e in brandelli, piangendo e colmo di vergogna, se è appunto la Mia Volontà che Mi cerchiate, che bussiate alla Mia Porta, che vi ricordiate di Me. Le Mie amorevoli Braccia si aprirebbero poi pieni di Perdono e Compassione, vi abbraccerebbero e vi restituirebbero l’eredità perduta, vi siederebbero alla Mia Tavola, affinché godiate il Cibo ed il Frutto dell’eterna Vita.

13. Lasciate penetrare il Mio Amore nei vostri cuori e consolarvi e guarirvi, lasciatevi nuovamente salvare, lasciatevi liberare e strappare le catene che vi legano alle passioni, alla miseria ed all’ignoranza. Io voglio che il Regno dei Cielo venga nei cuori degli uomini e che le passioni non edifichino il vostro regno in questo mondo.

14. Discepoli, comprendete che vi ho mandati nel mondo affinché amaste i vostri prossimi, lasciaste loro giungere la vostra misericordia, pregaste per loro, viveste per loro. Non aspettatevi però che vi restituiscano amore per amore (ricevuto), armatevi piuttosto per resistere alla durezza del cuore umano, alle ingratitudini, all’egoismo. Preparatevi a diffamazione e tradimento, ma per questo non perdete il coraggio e perdonate loro in anticipo di tutto cuore.

15. Quando vi sentite soli, quando avete bisogno di amore, se sulla Terra non c’è una voce amica che vi consola, né qualcuno che condivida con voi il suo pane, allora cercate Me. Rivolgetevi a Colui, il Quale vi ama, anche se Egli non viene amato – a Colui il Quale in Verità perdona tutti i peccatori, li guarisce e consola.

16. Non tutti saranno ingrati e non ricettivi per il vostro agire, a volte sarete spronati attraverso la comprensione, l’amore per il prossimo e la bontà fra i prossimi.

17. Io voglio che nella vostra semplicità siate rassegnati verso Dio e nella vostra povertà scopriate le Mie Benedizioni. Mentre il mondo è bisognoso della Mia Pace, vacilla e cade nonostante tutta la sua scienza ed il suo falso splendore, voi, i poveri possedete il tesoro della pace. Perché non stendete sull’umanità questa pace con le vostre preghiere, opere e parole come un mantello dell’amore e della misericordia?

18. Voi tutti possedete i Doni dello Spirito che in questo Terzo Tempo cominciano a dischiudersi attraverso lo sviluppo che le anime hanno raggiunto. Fra gli uomini si mostrano in modo chiaro le intuizioni, la visione spirituale, la Rivelazione, la profezia, l’ispirazione e questo è l’Annuncio di un nuovo tempo, è la Luce del Libro dei Sette Sigilli che in questo tempo è aperto al suo sesto Capitolo. / Voi però, che sapete a che cosa servono le Rivelazioni ed il tempo nel quale vivete, comprendete, rivolgete i vostri Doni dello spirito sulla via dell’amore. Siate sempre preparati ad offrire il vostro amorevole aiuto e sarete in sintonia con la Mia Legge e servirete come esempio i vostri prossimi. Allora sarete i Miei discepoli e riconosciuti come tali.

19. Se sapete fare uso della Mia Opera con vero amore per il prossimo, sarà nella vostra vita come una nave di salvataggio. Vi accoglierà come una madre, quando vi sarete smarriti piangendo sulle vie della vita.

20. Mi chiedete che l’Annuncio della Mia Parola non deve finire, Mi chiedete che il tempo di questa Rivelazione sia prolungata fra voi. Io però vi dico: le Mie Leggi sono immutabili, la Mia Volontà irrevocabile. L’uomo non potrà fare nulla per cambiare la Mia Decisione. Né lacrime né voti procureranno che Io prolunghi questo tempo. E’ detto e scritto che la Mia Parola non viene più udita dall’anno 1950. Chi sarà poi ancora presso di Me? Voi non sapete che cosa ho preparato tre anni prima del Mio Commiato, ma dovete essere vigili.

21. Nel Regno del Padre c’è un essere colmo di Grazia, tenerezza e calore. E’ Maria, lei è sempre con voi. Imparate ad accoglierla degnamente nel vostro cuore, percepite la sua soave carezza. Comprendete che per lei siete sempre suoi figli. Maria vi aiuterà di giungere a Me. Voi che siete malati nel corpo e nell’anima, non vi respingerò per via della vostra povertà. Sentite la Mia Parola, perché sarà come Balsamo nelle vostre ferite.

22. Molti di voi sono stupiti che in questi momenti Mi ascoltate con lacrime dell’amore, della gioia, del pentimento nei vostri occhi, benché ancora poche ore prima vi siete dati alle passioni del mondo.

23. Vi do le Mie Istruzioni per studiarle con interesse e domani le possiate esercitare con amore.

24. Già da molto tempo vi la Mia Istruzione, ma fra molti allievi non scopro i discepoli che domani saranno maestri. Continuerò comunque ad elargirvi la Mia Lezione, finché nella vostra anima non si risveglia la nostalgia dello sviluppo.

25. Per le scienze della Terra ho eletto gli inadeguati, perché non lo sono per gli Insegnamenti dello Spirito. Ho scelto il povero, perché con un Atomo della Mia Grazia che gli dono, si sente elevato ed onorato. Non così il ricco, che non è mai contento, per quanto gli possa anche concedere. Al povero però, che è stato adornato con la conoscenza dei Doni dello Spirito che egli possiede, gli insegno a non tenere per sé il suo Tesoro, ma che lo condivida con i suoi fratelli. Se il sapere di portare in sé questi Doni dello Spirito, rallegra lo spirito, è perché si è reso conto del valore che hanno.

26. Chi lotta per rimanere perseverante sulla via (della Legge), lo fa perché si ricorda di tutto ciò che aveva sofferto per ottenere ciò che possiede. Comprendete che, chi si allontana dalla via, è ingrato meno verso il suo Signore che piuttosto verso sé stesso.

27. Non sapete che colui che vive in contraddizione verso la Mia Legge, deruba sé stesso delle sue virtù e dei Doni del suo spirito?

28. Proprio in questo tempo Io restituisco agli uomini tutta la loro eredità che avevano sperperato. Non uno deve rimanere senza la Luce del Mio Spirito. Ancora prima dell’anno 1950 – come vi ho annunciato – sarà l’anno del Mio Commiato, nessuno si deve più sentire bisognoso, debole o ignaro.

29. Fioriranno le piante parassite e porteranno frutti; ma dato che Io sono la Potenza, Mi starà sempre abbastanza tempo a disposizione per salvare le vostre anime. Ma ogni occasione che lasciate passare (inutilizzata) ed ogni passo che fate verso il basso, renderà doloroso il vostro ritorno sulla retta via.

30. Oggi sono venuto per allontanarvi dai grandi vizi, affinché Mi poteste sentire su un sentiero di pace e riflettere sulla Lezione che vi do e l’afferiate

31. Imparate che solo l’acqua cristallina può spegnere la sete dello spirito, affinché non assumiate mai dell’acqua torbida o impura.

32. Se nel mondo avete sempre avuto qualcuno che vi ha servito ed avete ottenuto onorificenze, sulla Mia Via non avrete né servitori né vana fama. Voi sarete servitori Miei che servono i loro prossimi.

33. Vi ho fatto giungere in cima che avete bramata, e quando siete arrivati, avete udito la Voce del Signore che vi diceva: Già da molto tempo avete dato all’ “imperatore” il vostro tributo, ora date a Me ciò che Mi spetta. Vi siete già rallegrati a sufficienza delle soddisfazioni del mondo, ed ora è tempo che prepariate il vostro viaggio nell’Eternità; perché nessuno sa se deve o no ritornare in questo mondo.

34. Io vi dico: Siate benedetti, perché avete glorificato il nome di Maria che vi ha preparato piena d’amore a ricevere la Mia Istruzione e perché Mi mostrate la vostra gioia ed il vostro fervore a procedere. E’ Mio desiderio vedervi salvati, e nel Mio Spirito vi è il dolore, perché sono soltanto pochi che Mi seguono e molti di coloro che non hanno sentito la Mia Parola e la loro anima rimane ancora indifferente e sorda nei confronti delle Mie Ispirazioni.

35. Io do a tutti gli esseri la vita ed il nutrimento e provvedo al loro benessere, mentre voi non avete ancora capito che è la vostra destinazione di amare e di servire. Perciò ho parlato a voi in modi molteplici e le Mie Istruzioni saranno ripetute tante volte, finché non siete convinti dei vostri doveri ed obbedite alle Leggi che vi sono state date fin dal principio dei tempi.

36. Vi do una ulteriore occasione di fare opere della misericordia, affinché si moltiplichi il vostro raccolto e lo mettete nel Mio Granaio dove i vostri meriti non vanno perduti, ma aumentano. MostrateMi quelli che avete convertiti dalla semenza cattiva in buona, i migliaia che avete consolati – coloro che avete portati ad abbandonare l’oscurità dei vizi e che avete portati in un luogo sicuro. E’ questo che Io esigo da voi. / Non dimenticate i vostri doveri nei confronti di coloro che sono ancora materializzati. Ricordatevi che vi ho detto che non dovete preoccuparvi del giorno di domani. Tutto è previsto e concesso da Me, dovete solo confidare nel vostro lavoro che sarà sempre benedetto dal Padre. Secondo la Mia Volontà non dovete solo vivere nello spirituale. Vi ho dato due Leggi che dovete osservare: una governa lo spirito e vi ispira alti sentimenti e pensieri; l’altra vi tiene in sintonia con la natura materiale ed ambedue vi uniscono con Me nella loro perfetta armonia.

37. Unitevi in un unico pensiero e confidate in Me. Vi ho amato già prima di avervi mandati nel mondo e vi ho protetti ovunque vi siete fermati. Sono stato instancabile nel Mio Fervore preparandovi. Quali di voi saranno coloro che si occupano della Mia Opera e vivranno l’inizio della riparazione in questo mondo? In Verità vi dico, saranno i figli dei vostri figli che parleranno di ciò che voi avete sperimentato e sentito da Me. Quando avrete però raggiunto una grande maturità e grandi visioni spirituali che indicano il futuro per l’umanità – quanto sarete allora felici perché potete rivelare quanto grandi sono i Doni che vi concede l’Amore di Dio.

38. Quando tutti i Miei figli sapranno una volta che Mi sono rivelato un’altra volta – quando la Mia Parola verrà esaminata e verranno seguite le Mie Indicazioni, la Luce del Sesto Sigillo illuminerà ogni creatura e voi tutti vi sarete risvegliati. In quel tempo cesserà la confusione e la cattiveria, finiranno le guerre, e la vita dell’uomo sarà avvolta nel Mio Amore e nella Mia Grazia. Nei cuori sarà solo amore, saranno viventi la misericordia ed il perdono. L’intuizione sarà un dono di tutti e la coscienza parlerà con piena chiarezza e la sua voce verrà sentita e seguita.

39. Abbiate fiducia in Me, affinché possiate fare opere spirituali, perché se non avete nessuna fede, non potrete guarire e vi sentirete miseri e bisognosi, benché abbiate il Mio pieno potere. Vi dico però anche questo: Quando venite in aiuto ai vostri fratelli, allora non umiliateli, non edificate troni e non cercate nemmeno vassalli. Siate umili, amateli e lavorate con auto abnegazione nella cerchia di uomini che vi è stato assegnato. Quello che farete ai vostri fratelli, lo avrete fatto a voi stessi. Ricordatevi che sarete giudicati, quando fate opere che vanno contro la Mia Legge e dite di essere Miei discepoli.

40. Io ricevo il vostro raccolto in questo mondo nel quale avete lottato e sofferto per la Mia Causa. Un cuore Mi dice: “La mia semenza è piccola, ma l’accrescerò, perché mi commuove il Tuo Amore e la Tua divina Pazienza”.

41. Dalla vostra elevazione animica dipende la vostra pace interiore. Io ho molto di più da darvi di quanto Mi potete chiedere. In qualunque momento vi dedicate al lavoro spirituale, fatelo con tutte le forze del vostro essere, e quando vi rivolgete al mondo per conquistare il pane per il corpo, allora lavorate con amore, affinché adempiate la legge che vi governa.

42. Se siete stati bravi figli e buoni genitori dopo, allora non temete di comparire dinanzi a Me. Quando avete sperimentato che non siete stati obbediti e non potete correggere il vostro figlio che ha commesso una trasgressione, e perciò avete una profonda ferita nel vostro cuore, allora ricordatevi che Io ho ricevuto migliaia di volta l’ingratitudine e disprezzo dai Miei figli e poi prendete Me come Esempio. Io soltanto giudico le opere di tutti gli esseri. I genitori Mi daranno giustificazione per i loro figli e questi per i loro genitori. Vi ho ispirato delle virtù affinché siate i fondamenti di un mondo sano e forte e, quando vi chiedo degli esseri che ho mandato nel grembo della vostra famiglia, li presentiate come rose profumate e gigli freschi nel giardino che avete curato.

43. La Mia Parola porta la pace a colui che ne ha bisogno, ma non tutti hanno saputo accoglierla. Molti non sono mossi dai Miei Sforzi, né sentono il Mio Dolore in seguito alla loro mancanza di amore.

44. Ho Nostalgia di vedere da voi la forza della fede, perché verrà un tempo della persecuzione nel quale verrete interrogati e giudicati. Se siete preparati, Io parlerò attraverso di voi e Mi rivelerò nelle vostre opere d’amore per i vostri prossimi.

45. Siate misericordiosi e sperimenterete misericordia dai vostri prossimi. Obbedite alle Mie Ispirazioni e respingete da voi pericoli e tentazioni. Coloro che oggi Mi circondano non sono giusti, ma sono sulla via di diventarlo e di raggiungere la salvezza.

46. Tutto ciò che Mi chiedete con umiltà e buon proposito, Io ve lo concederò. Tutto ciò che richiedete a Maria per il bene del vostro sviluppo animico, vi verrà concesso. Chiedete per tutti, perché nei Miei Occhi siete un unico figlio che Io amo e che voglio salvare.

47. Siete venuti sulla Terra secondo la Mia Volontà, perciò Mi sono annunciato a voi. Ho eletto intenzionalmente dei cuori duri, per darvi dimostrazioni della Potenza della Mia Volontà, quando raggiungo il vostro rinnovamento. Lo scalpello del Mio Amore li ha levigati, la Mia Bontà li ha vinti.

48. Le anime hanno sentito la Mia Voce attraverso la loro coscienza che ha ottenuto che l’uomo riconosce le sue trasgressioni. I cuori hanno confessato al Padre da spirito a Spirito la loro colpa e nella Sua Presenza hanno scoperte molte trasgressioni che in loro erano ancora sconosciute.

49. Molti Mi dicono nel silenzio del loro cuore, mentre Mi ascoltano: “Padre, il Tuo Sguardo penetra nel mio interiore – che cosa posso tenerTi segreto?”. Molti piangono, perché riconoscono il dolore che hanno preparato ai loro prossimi, cosa che era stata la causa che questi sono ritornato nell’aldilà prima del tempo stabilito.

50. Il Mio Spirito ha Gioia quando vede te, Mio popolo, venire qui in schiere, ed Io ti dico: Venite, venite qui, non è troppo tardi per andare sui Miei Campi e diventare operai – nemmeno per fare una premessa per il miglioramento. Se poi sentite il calore del recinto delle pecore ed avete riconquistato con le vostre forze, allora non siate ingrati nei confronti del Pastore che vi ha salvato, perché non sapete quanto vi costerebbe, affinché Egli vi cercasse un’altra volta.

51. Che cosa cercate su vie incerte, dato che state venendo da queste? Andate fuori sulle vie, sì, ritornate a queste – vi dice il Maestro – ma fatelo soltanto quando vi sentite forti ed il vostro ritorno abbia uno scopo a dare la mano al caduto oppure a cercare lo smarrito. E’ necessario che abbiate una piena conoscenza del luogo dal quale siete venuti qui, affinché comprendiate le bellezze della via sulla quale vi trovate adesso.

52. Se vi manca la conoscenza di questa Istruzione, perché non avete dato abbastanza attenzione alle Mie Lezioni, allora andrete nell’errore sul sentiero del bene e già un leggero vacillare vi farà smarrire la via.

53. Vegliate e pregate, ascoltate e riflettete, allora avrete sufficiente forza per mettere in pratica le Mie Indicazioni.

54. State imparando a chiedere, ad amare ed anche a soffrire. Questo è un mondo dei dolori nel quale dovete imparare a rispettare la Mia Volontà. L’Amore che il Padre vostro ha per voi, vi aiuterà a sopportare le prove con pazienza e rassegnazione.

55. Era la Mia Volontà affinché impariate già in questo mondo la via che conduce nel Mio Regno, mentre adempite i Comandamenti della Mia Legge. Concludete il vostro compito sulla Terra, non perdete questa occasione. Chi vi può dire con certezza che il Padre vi concede una reincarnazione nella quale potete riparare i vostri errori e recuperare il tempo perduto? Nella Mia Parola vi ho detto: Siate diligenti, ma non agite precipitosamente. Siate giusti verso lo spirituale e l’umano. Unite le vostre forze e sensi in una unica volontà.

56. Il dolore che viene sopportato nella pazienza, non è sterile, perché aumenta la fede, eleva e purifica. Non sarà mai un ostacolo, ma uno sprone sulla via dello sviluppo verso l’Alto ed una riparazione.

57. Siate di spirito umile, allora avrete vero amore per il vostro prossimo, allora sarete abbastanza forti per resistere alle tentazioni del mondo. Perché alcuni sognano delle gioie terrene, altri sono interessati a ricchezze e di nuovo altri si procurano potere per umiliare i deboli? Perché sono deboli per rimanere perseveranti nel bene, e perché soccombono in vista della tentazione.

58. Mi sono annunciato al mondo in questo punto e lascerò la Mia Parola come un Regalo per tutti gli uomini. Questo Dono eliminerà la povertà spirituale dell’umanità.

59. Vi colmo con coraggio, affinché spezziate le catene che vi legano e siate liberi per seguire Me. La tentazione ha eretto il suo regno sulla Terra ed ha schiavizzato gli uomini. Ma a loro verrà dato il pieno potere di vincere il peccato, il vizio, la carne. Voi che Mi seguite – esercitate l’attività d’amore in tutte le forme, allora avete veramente amato. Non aspettatevi però nessuna gratitudine dagli uomini. Non riceverete nessun amore per l’amore, il mondo non vi consolerà ed a volte vi tradirà. Non preoccupatevi: quando avete bisogno di conforto, amore, pace, balsamo di guarigione, allora rivolgetevi a Colui il Quale vi ha dato dimostrazioni del Suo Amore con le Sue Parole ed il Suo Sangue. Che cosa potreste tuttavia chiederMi in quei momenti critici che Io non vi potessi concedere?

60. Per questo preparo gli uomini che trasmettono la Mia Parola con le loro labbra, affinché porti Luce all’intelletto degli uomini e pace ai popoli della Terra.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 96

 

1. Nutritevi dalla Mia Parola che è il Pane dell’anima. Affinché questo Pane raggiunga veramente i vostri cuori è necessario che voi – e fosse anche solo per alcuni momenti – vi liberiate di tutto ciò che vi lega a questo mondo. Voi tutti conoscete la via di elevarvi a Me, e nonostante ciò vi vedo sovente piangere perché vi sentite indegni, senza sapere che questo pianto vi purifica e prepara per giungere a Me.

2. Nella Mia Parola troverete l’eterna Vita per la vostra anima. Esaminatela e scoprirete in essa Essenza divina, Amore e Forza che Io irradio sull’Universo.

3. Allievi e discepoli, riconoscete quanto vi sono vicino. Se sapete questo – perché allora ci sono motivi per invocarMi con disperazione, perché credete che Io non vi senta? La vostra incomprensione è il motivo perché devo ripetere per voi le Mie Istruzioni.

4. Io voglio che raggiungiate già ora la necessaria preparazione per percepire la Mia Presenza e quando non Mi sentirete più su questa via di trasmissione e troverete questi luoghi dove vi radunate, apparentemente vuoti ed abbandonati, vi deve bastare la preghiera nel silenzio, l’elevazione della vostra anima per sentire la Mia Presenza e di essere colmati dal Mio Spirito.

5. Beati coloro che imparano ad elevarsi a Me, perché riceveranno dall’Infinito l’Ispirazione che li condurrà su quella via che è presegnata nelle Mie Istruzioni. Con quale giubilo si apriranno le labbra degli ispirati per dare ai loro fratelli testimonianza della Mia Presenza!

6. Quando non sentirete più la Mia Parola attraverso l’organo d’intelletto umano, agli uomini parlerà la voce delle potenze scatenate della natura e l’avvenimento testimonierà che questo significava una Manifestazione divina.

7. Anche allora, quando il Mio Raggio di Luce stava per scendere all’organo d’intelletto umano, la natura è stata scossa e gli elementi scatenati facevano tremare gli uomini, risvegliavano i popoli e facevano stupire gli scienziati.

8. Non dimenticate le Mie Indicazioni, affinché nei giorni della vostra preparazione non abbiate paura delle prove, alle quali l’umanità sarà sottoposta. Il vostro compito è di pregare, di interiorizzarvi e di esercitare l’attività d’amore – gli unici meriti tramite i quali questo popolo si salverà dalle tempeste, e tramite le sue opere dell’amore gli altri popoli riceveranno conforto.

9. Benché la Mia Parola accarezzi il vostro spirito, non vi addormenta - al contrario, vi risveglia ad una vita superiore. Avvicinatevi a Me sulla via dei pensieri puri, non permettete che la carne vi seduca a nutrirvi di gioie sensuali o divertimenti, allora avrete fatto un passo fermo verso la spiritualizzazione.

10. Ho parlato molto nel deserto dei vostri cuori senza che la Mia Voce trovasse una eco nello spirito del Mio popolo. Adesso che vi parlo attraverso questi portatori della Voce, dovete dare attenzione alla Parola che viene dalle loro labbra, se credete in Me e volete ottenere la pace.

11. Nessuno si stupisca che Io lo cerchi, quando si smarrisce, né del fatto che Io seguo i suoi passi sui sentieri del mondo, perché appartenete Mi, siete l’Opera della Mia Ispirazione come Padre. Non vi siete già immaginati come sarà bello, quando i figli una volta cercheranno ed ameranno il loro Padre nello stesso modo nel quale Egli li ama? La vostra vita allora sarà molto diversa e Mi sentirete vicinissimo al vostro cuore.

12. La Mia Parola è sempre stata amorevole, immutabile nel Perdono e nella Misericordia che vi ho mostrata. Lo so che avete il proposito dell’elevazione e che Mi restituirete tutto ciò che vi ho affidato con la purezza con la quale l’avete ricevuto. Perciò vi faccio sentire la Mia Parola da Dio e vi do innumerevoli segni del Mio Amore.

13.Al tempo nel quale vivete, corrisponde il dolore che indica l’inizio della vostra purificazione.

14. Ricordatevi che vi ho profetizzato una guerra delle comunità religiose e che vi ho annunciato una lotta degli insegnamenti di fede. In Verità vi dico, la battaglia è già iniziata. Chi raggiungerà la sua meta? Nessuno lo sa, ma Io vi dico, non vincerà l’uomo, in questa lotta vincerà la Verità. Io voglio che vi prepariate come buoni soldati, affinché sappiate difendere questa Mia Causa.

15. Oggi venite qui per cercare il nutrimento per la vostra anima e vi sforzate che la carne si sottometta e rinunci ad inutili appagamenti. Venite come buoni ed attenti discepoli, perciò calmate i vostri sensi e fate il possibile che l’anima si elevi a Me in una preghiera amorevole e riverente. Io vi accolgo, vi consolo e vivifico.

16. Ci sono molti di coloro che in altri tempi sono stati insegnanti della legge o scienziati. Adesso il loro intelletto si è svegliato per il sapere spirituale e sono convinti che non troveranno la somma Verità nel sapere limitato umano.

17. Qui ci sono alcuni che in altri tempi erano potenti e ricchi sulla Terra e che adesso hanno imparato a conoscere povertà ed umiliazione. Li benedico per via della loro rassegnazione ed il loro desiderio per il perfezionamento. Questa è una dimostrazione della Mia amorevole Giustizia, dato che sono venuto nuovamente sulla Terra per mostrare loro una ulteriore pagine del Libro dell’eterna Sapienza.

18. L’umanità vive in un caos dal quale non può liberare sé stessa. Ha bisogno di aiuto ed Io sono sempre pronto per darglielo. Mi aspetto da lei soltanto una parola, una breve preghiera o un attimo di pentimento, allora illuminerò il suo sentiero e trasformerò questo mondo di oscurità in una valle di pace, nella quale l’uomo si sentirà come proprietario del paese che Io gli ho concesso.

19. Il vostro compito non si limita a salvare solo la vostra anima. Dovete aiutare ad orientarsi coloro che si sono smarriti. In ogni occasione vi ricordo questo compito. Quando comincerete a spiritualizzarvi? Quando farete la Mia Volontà? Se utilizzate questo tempo e portate la Mia Parola nei vostri cuori senza mescolare idee estranee alla vostra convinzione di fede, quando vi elevate con purezza a Me, allora riceverete del tutto chiaramente l’Ispirazione spirituale che vi nutrirà e procurerete che tutti coloro che sono intorno a voi, ottengano Grazia e pace nei loro cuori.

20. L’anno 1950 è molto vicino ed in Verità vi dico, la vita dei Miei discepoli cambierà. Dopo questa data vedrete scatenate le potenze della natura e gli uomini si alzeranno in guerre di idee, scienze e dottrine. Quando avverrà questo, saranno grandissimi lo smarrimento ed il dolore, che avrete il desiderio che la Mia Parola si faccia di nuovo sentire attraverso l’organo d’intelletto umano; ma Io vi ho già detto che questa Comunicazione non si ripeterà. Il vostro compito è di prepararvi per le prove in arrivo e di incoraggiare i vostro prossimi.

21. Siate vigili, perché in quel tempo compariranno falsi cristi, falsi Elia e profeti e coloro che sono facili a credere saranno in pericolo, perché non sapranno distinguere la Verità dall’inganno. Proprio allora dovete parlare senza fermarvi e rafforzare le Mie Parole e vi dovete mostrare come figli di questo popolo che è stato istruito da Me in questo Terzo Tempo.

22. Da tutti i luoghi della Terra verranno a questa nazione uomini e donne nel desiderio delle testimonianze sulla Mia nuova Venuta, e la Mia Opera, incorporata nei Miei discepoli, li accoglierà come una amorevole madre.

23. Imparate da Me quanto potete, affinché domani diventiate insegnanti dei vostri prossimi. La vostra attività d’amore ed auto abnegazione rappresenteranno il migliore ricordo di Me e la migliore testimonianza che date della Mia Parola. Fortificate la vostra anima nelle Mie Istruzioni e constaterete che, finché c’è la fede, non può esistere nessuna stanchezza, paura o timidezza. Il compimento e lo sforzo saranno il vostro sostegno.

34. Nel Secondo Tempo ho eletto dodici discepoli e senza domandare Chi li esortava a seguirLo, percepivano la Chiamata nel loro spirito ed hanno lasciato tutto dietro di sé per seguire la Mia Orma. Proprio così ho eletto voi per prepararvi e chiamare altri attraverso la vostra mediazione.

25. Vegliate, affinché le vostre opere vi rendano degni e vi sentiate capaci a guidare i vostri prossimi. Non dimenticate che un cieco non può guidare un altro cieco. Quando gli uomini hanno bisogno di Luce, datela loro e conduceteli alla mano come fratelli più piccoli. Guaritevi fra voi, affinché più tardi guariate i vostri prossimi. Siate forti nella vostra lotta e comunicate forza al debole.

26. Io vi do il tempo necessario per poter compiere l’opera che vi affido. Uomini e donne, lavorate per la risalita spirituale dell’umanità. Ognun dei vostri pensieri, ogni vostra opera, rimarrà scritta ed Io farò in modo che ogni semenza dell’amore diventi fertile. Lasciate a Me a giudicare le vostre opere e non fate conoscere l’attività d’amore che compiete, se volete ricevere una ricompensa. Non cercate onorificenze, né vassalli o qualsiasi pagamento. Siate umili, misericordiosi ed altruisti, perché Io vi glorificherò.

27. Se è la Mia Volontà fare di voi proprietari di beni terreni, ve lo concedo, affinché li condividiate con i vostri fratelli bisognosi – con coloro che non hanno nessun capitale o nessun sostegno, con i deboli ed i malati. Molti di coloro che sulla Terra non possiedono nulla, possono però condividere con voi i loro beni spirituali.

28. Se voi che avete ricevuto la Mia Parola non parlate di questa Verità, parleranno i vanitosi ed i non istruiti. Rendetevi conto che vi è stata affidata questa Dottrina, affinché spiritualmente portiate la salvezza a molti uomini che sono caduti sotto il peso dello scoraggiamento e dell’amarezza, che a loro hanno lasciato la guerra o la battaglia che ogni uomo porta interiormente.

29. Pregate realmente, amato popolo, non ti accontentare di glorificare la Mia Divinità con belle parole. Amate i vostri prossimi ed adoperatevi per la pace delle nazioni.

30. Questo popolo che ho istruito fin dal principio dei tempi, non si può liberare della sua missione spirituale. Dev’essere guida, profeta e messaggero fra gli uomini. Gli ho rivelato la perfetta adorazione di Me ed oggi ha l’occasione di completare l’edificazione del tempio di cui era stato incaricato fin dal principio.

31. L’ho allontanato da ogni influenza rovinosa, affinché possa ricevere la Mia divina Rivelazione in tutta la sua purezza. Solo l’Istruzione del Maestro e l’amabile voce di Maria devono essere sentite nel santuario che il Mio popolo sta attualmente edificando nel più interiore della sua anima.

32. In tutti i tempi ho concesso ai Miei figli Rivelazioni spirituali. In ogni epoca Mi sono manifestato in differenti forme, ed in ogni epoca ho trovato gli uomini anche su un diverso gradino spirituale. Oggi li ho sorpresi mentre erano caduti ad una esistenza materiale, egoistica e scienziata, e le loro anime si sono materializzate senza riconoscere il valore dei Doni spirituali.

33. L’uomo di questo tempo sta combattendo nel suo interiore la più grande battaglia spirituale che gli uomini hanno mai vista, perché il loro progresso scientifico ed il loro sviluppo intellettuale sono in contraddizione a quello sviluppo che ha raggiunto la loro anima. Si rifiutano a sentire la voce della loro coscienza e cercano di soffocare il suo impulso alla liberazione, senza rendersi conto che vivono in un tempo dell’espiazione e del Giudizio.

34. Apri i tuoi occhi, amato popolo, e comprendi che ti ho destinato ad essere la Luce del mondo e perciò non devi farti spingere dalle passioni dalle quali dei schiavizzato, e che non devi nemmeno perderti fra le masse di uomini che vanno ciechi attraverso la vita.

35. Mi dici che è difficile raggiungere la spiritualizzazione in un tempo come questo, in una vita come la presente. Io però ti dico che non è impossibile e che è molto meritevole lo sforzo che fate per liberarvi dal male e per dedicarvi ad una vita riflessiva ed elevata.

36. In questa battaglia vinceranno coloro che hanno scacciato dai loro cuori la paura del giudizio e della critica di altri; e coloro si eleveranno spiritualmente, coloro che dimenticano sé stessi per servire i loro prossimi.

37. Io, il Maestro, il Padre, sono disceso fino al vostro spirito attraverso questa Luce e per questo motivo avete chiamato spiritualismo questa Rivelazione. Se quindi vi si domanda che cosa significa spiritualismo, allora dite che è la Dottrina che è stata rivelata dal divino Maestro nel Terzo Tempo.

38. Quando però vi si domanda che cosa è la spiritualizzazione, allora diete che è l’elevazione dei pensieri, purezza nelle opere e nelle parole, una vita elevata e generosa.

39. Come discepoli di questa Istruzione vi dovete domandare sovente se voi fate uno sforzo per chiamarvi con diritto spiritualisti. Per aiutarvi in quest’opera vi ho dato la Mia Luce, perché voi siete gli incaricati ad erigere il tempio spirituale della Mia Divinità. Attraverso la vostra collaborazione formerete il tempio: Gli uni attraverso la loro fermezza saranno i fondamenti; coloro che raggiungono la più grande maturità, saranno le mura; altri con la loro attività d’amore saranno gli scalini del tempio; e nuovamente altri con il loro Dono della Parola somiglieranno alla campana che con il suo suono chiameranno gli uomini. Alcuni attraverso la loro ispirazione simboleggeranno alte torri e tetti a cupola dei luoghi di assemblee; e ci sono altri che attraverso il loro amore per gli uomini sono come le porte che stanno sempre aperte per i bisognosi, gli assetati, i malati, gli incompresi.

40. Questo tempio sarà completato, quando sarà diventata Verità la buona armonia fra i Miei discepoli. La sua base sarà sulla Terra, e le sue cupole toccheranno il Cielo. Appena sarà una volta stabilmente fondato, lo troverete su tutto il globo terrestre. Abbiate fiducia in quest’Opera e lavorate senza sosta.

41. Nessuno si separi dal compito che gli è affidato, affinché al suo santuario non manchi la stabilità. Voi tutti dovete sforzarvi a raggiungere la stessa conoscenza, affinché questo tempio venga costruito con la vostra spiritualizzazione.

42. Vegliate e pregate. Amatevi reciprocamente in Verità, affinché del vostro cuore non si impossessi l’arroganza: perché questo è il seme che distrugge l’umiltà e la misericordia. Guardatevi che non vi capiti lo stesso come ai costruttori di Babele, che sono stati rovinati dall’arroganza. Ricordatevi che la cattiva semenza era il motivo per la divisione di quegli uomini. La torre è rimasta incompleta, e la confusione delle tribù del popolo era così grande che si suddividevano in popoli che fino ad oggi vivono sempre ancora separati.

43. Su di voi è caduta una unica Luce: quella del Mio Spirito che è come un raggiante segnale luminoso ed un primo incitamento alla vostra unione e la vostra armonia.

44. Prendete come Luce per il vostro modo d’agire d’esperienza dei primi popoli. Riflettete sulle loro prove e traete l’utilità dal loro esempio. Edificate e lavorate, oggi nella carne e domani nello spirito, e continuate sempre in questo modo fino a quando voi tutti sarete entrati nel tempio della Verità attraverso la porta dell’Amore.

45. Nessuno deve voler allontanarvi anche solo di un passo dalla via che è presegnata attraverso la Mia Legge, vi lamenterete per ogni momento perduto, per ogni vacillamento, ogni errore.

46. Il Maestro aspetta che i Suoi discepoli del Terzo Tempo seguano le Sue Orme come coloro che nel passato hanno dato testimonianza di Me. A voi che Mi ascoltate, dico: Non aspettate finché siete nello spirito per cominciare il vostro compito, perché adesso che abitate sulla Terra e che ho parlato a voi, è un segno che in questa dimora avete da adempiere una destinazione. In questo adempimento la vostra più grande lotta sarà quella con voi stessi. Quando però fate uso delle vostre facoltà, avrete superato le vostre debolezze e tutto il rimanente sarà poi facile per voi.

47. Quando questo popolo si sarà unito e preparato, Elia annuncerà all’umanità il risorgimento del popolo del Signore. Pensate adesso quanto grande sarà la vostra lotta per ottenere che la vostra vita sia una istruzione ed un insegnamento per l’umanità. Perciò vi dico che dovete esaminare le vostre opere, affinché abbiate la conoscenza di ciò che fate. Se però dovessero sorgere modi di agire o pensieri nei quali non sapete distinguere se sono all’interno o all’esterno della Legge, allora elevate il vostro spirito in una vera dichiarazione spirituale a Me, la Mia Voce vi indicherà la Verità, mentre si annuncia attraverso l’illuminazione dei vostri pensieri e nella pace dei vostri cuori.

48. Questo modo di comunicazione non vi deve sembrare impossibile, dato che è la stessa come quella che vi ho rivelato fin dal principio dell’esistenza dell’umanità. Nel tempo di oggi nel quale regna il materialismo come mai prima, vi ispiro la preghiera perfetta, proprio adesso che il mondo è diviso in sette e comunità religiose, cerca invano di nutrire la sua anima con riti e tradizioni e dimentica la vera preghiera che sorge dal più interiore del vostro essere per elevarsi a Me sulla via dell’amore.

49. In questo tempo tutto parla all’uomo del Giudizio, e nonostante ciò il suo duro cuore rimane immobile. Le potenze della natura, le piaghe, malattie sconosciute, gli avvenimenti giornalieri in diversi luoghi della Terra sono segni che parlano del divino Giudizio. Nessuno tuttavia prega realmente, e solo pochi studiano le Parole che le Mie Profezie hanno lasciato.

50. Fin dai primi tempi era annunciato tutto ciò che vedete oggi diventato realtà, ed anche nel tempo odierno, attraverso la bocca dei primi portatori della Voce, Io ho profetizzato avvenimenti che si saranno adempiuti molto presto.

51. Chi di voi che attualmente sente la Mia Parola, Mi volterà le spalle? Lo so unicamente Io.

52. Coloro che nel tempo di allora cercavano Gesù nella speranza di ottenere ricchezze del mondo e beni temporanei, si sentivano delusi, quando vedevano che il Re il quale gli antenati avevano loro annunciato che avrebbe salvato il loro popolo, era senza corona, senza scettro e senza trono – con mani vuote e piedi nudi. Loro non potevano riconoscere in Gesù il Messia promesso. Pensate ora a tutte le vie che queste anime hanno dovuto percorrere per riconquistare la pace ed i Doni di Grazia che non hanno utilizzati. Oggi sono fra voi.

53. Comprendete che la vostra anima non é nata nello stesso tempo come il vostro corpo, ma che ha vissuto in diverse epoche, ed oggi che percepisce la Mia Presenza, viene a Me avida e Mi chiede di permetterle di ascoltare la Mia Parola fino alla conclusione della Mia Comunicazione. Lei ha la sensazione che in un altro tempo non ha voluto sentirMi e Mi ha persino rifiutata, ed adesso vorrebbe riparare il suo errore.

54. Avete constatato che a Me non rimane nascosta nessuna trasgressione, che ogni errore dev’essere corretto ed ogni debito dev’essere pagato; ma comprendete anche che questa Giustizia sorge dall’Amore divino che vi vuole avere perfetti, perché siete figli Suoi.

55. Non anniento nessuno dei Miei figli, per quanto Mi possano anche ferire; Io li mantengo e do loro l’occasione di rimettere la loro trasgressione e di ritornare sulla via che avevano abbandonata. Benché Io abbia perdonato loro, vengono confrontati con il frutto delle loro opere e sono queste che li giudicano ed indicano loro la retta via.

56. Le grandi nazioni di questo mondo vogliono la guerra, esigono il sangue; e quelle che si sentono offese, chiamano vendetta senza comprendere che tutti precipitano inarrestabilmente nello stesso abisso. Non vogliono comprendere che il potere che inseguono con così tanto fervore, si trasformerà presto in un calice il cui contenuto sarà dolore, disperazione e morte. Quando però gli assetati di grandezza, gli affamati di vendetta sono in questo abisso, quando si trovano nella più grande afflizione, potranno sentire la Mia Voce che dirà loro: “La Mia Pace sia con voi!”. In questo momento si farà Luce nelle loro anime, e la loro coscienza parlerà con voce chiara e verrà udita da tutti. Nell’interiore dell’uomo s’infiammerà la battaglia dello spirito contro il materialismo, e troverà la necessaria Luce per vincere nella Mia Dottrina.

57. Eravate delusi perché non porto con Me tesori e ricchezze materiali per lusingarvi e per indurvi a seguirMi. Alcuni di voi dovranno piuttosto abbandonare il loro alto standard di vita per scendere al basso livello di queste schiere di uomini che Mi ascoltano, e questo perché Mi hanno riconosciuto e stanno per rinunciare alla loro vita vanitosa, per dedicarsi al compito di riflettere sulla Mia Dottrina ed esercitarla più tardi.

58. Se i primi abitanti di questo mondo che hanno vissuto nella virtù, comparissero fra voi, vi darebbero una testimonianza di pace, di innocenza e di Beatitudine che circondava l’umanità di quei tempi. Vi potrebbero anche dire che non esisteva nessun dolore e che la Terra era come un grembo ed il volto di una madre; che fra le creature che vi abitavano, regnava soltanto amicizia e fratellanza. In Verità, questo pianeta era adornato come la Patria celeste.

59. Benché Io abbia inviato le anime a motivo del Mio Verdetto per vivere in questo luogo di destinazione transitoria, ho voluto circondare la loro esistenza ancora con miracoli come dimostrazione del Mio Amore, affinché il figlio non dovesse dimenticare il Padre suo ed in ognuna delle Sue Opere riconoscerLo ed anche amarLo. In quel mondo non è rimasto nulla di quella esuberanza, di quella purezza con la quale ho consegnato all’uomo la Terra. Quel santuario è stato profanato, per cui ci si è causato dolore in innumerevoli modi. Riconoscete ciò che avete fatto di quel regno che il Signore vi ha consegnato, perché in esso dovevate essere come principi che avrebbero come eredità la Sua Sapienza ed il Suo Amore, come proprietari di un mondo che nonostante tutta la vostra scienza non conoscete ancora.

60. Non date a nessuno la responsabilità che avete perduto la Grazia e la pace che circondavano questa vita nel principio. Non date la colpa ai vostri bisavoli, perché in ogni epoca ed in ogni generazione siete stati messi alla prova e siete quasi sempre caduti. Ciononostante il Mio Amore e la Mia Compassione erano sempre presenti nella vostra vita.

61. Qualcuno Mi dice nel suo cuore: “Signore, se i nostri avi sono stati coloro che hanno peccato – perché dobbiamo noi portarne le conseguenze?”. Io però vi dico: Che cosa sapete voi delle trasgressioni dei primi abitanti della Terra? Chi vi dice che non siete voi a far parte di coloro che hanno formato le prime generazioni? Oramai svegliatevi, vegliate e pregate – comprendete che non sarà il vostro amore, ma il vostro dolore a purificare l’umanità e le restituisce la sua dignità. Io spargerò sul terreno preparato la semenza della Mia Dottrina che attualmente sto rivelando ad un popolo umile, che ha potuto riconoscerMi nel contenuto del senso della Mia Parola e che è idoneo a trasmettere all’umanità il Lieto Messaggio nel momento giusto.

62. Io voglio che il ricordo della Mia Parola sia indelebile in voi, che viva, sopraviva e sia sempre presente nella vostra memoria e che ne diate ai vostri prossimi testimonianza con le vostre opere d’amore.

63. Siete stati preparati da Me nel tempo della Giustizia affinché abbiate una dimostrazione del Mio Amore e poi non lamentatevi e non dit di non aver saputo nulla di ciò che veniva su di voi. Il Mio Giudizio verrà sentito da ogni anima, non una scamperà a questo Giudizio ed il Mio eterno Amore vincerà ogni errore ed ogni caparbietà nel male. L’oscurità verrà dissipata e rimarrà soltanto la Luce in ogni creatura.

64. Studiate questa Istruzione ed infine comprenderete che nessuno è definitivamente perduto, che nessuno rimane lontano da Me e che tutte le vostre afflizioni giungono al Mio Spirito e tutte le vostre opere vengono giudicate. Io però vi dico: Dopo che Mi avete visto da vicino come Giudice, imparerete a conoscerMi come Padre e Mi amerete veramente.

65. Nel Secondo Tempo vi ho segnata la via con il Mio Sangue; adesso però avete l’Essenza divina della Mia Parola ed attraverso questa sarete salvati e giungerete a Me.

66. A suo tempo gli uomini non credevano in Me con il loro cuore indurito, anche se avevano assistito direttamente alle Mie Opere. Che cosa sarà dei duri di cuore di oggi – adesso che le Mie Manifestazioni sono meno visibili?

67. Purificate il vaso del vostro cuore interiormente ed esteriormente, affinché dalle vostre labbra venga soltanto l’essenziale di vita e Verità e defluisca il suo contenuto illimitatamente ai vostri fratelli. Non siate avari ed agite come Me, Che sono il Proprietario di tutto ciò che vi do. Siate Miei mediatori nei confronti dei vostri prossimi e lavorate instancabilmente all’opera della riedificazione spirituale mondiale.

68. Vi stupite che il vostro Signore è tanto interessato a voi che siete sempre ancora imperfetti? Il motivo è che Mi appartenete. Vi amo e perciò sono venuto nel Desiderio di voi.

69. Mi domandate perché la vostra carne vi procuri dolore e nei vostri cuori ci sia preoccupazione, se vi ho sempre detto che vi amo. A ciò vi rispondo: Dato che nel secondo Tempo, benché innocente, ho sofferto per via di voi, per rendervi degni di essere presso di Me, attualmente non potete sapere se non soffrite per aiutare con i vostri meriti altre anime che non hanno potuto liberarsi dal peccato. Prendete Me come Esempio nelle vostre prove senza pensare alla ricompensa o al salario che potete ottenere. Pensate che non avete ancora abbastanza meriti, per ottenere che altri ricevano il perdono per via di voi. Perciò vi do nuove occasioni per svilupparvi verso l’Alto, affinché infine possediate ciò che vi era stato promesso fin dal principio: la pace dell’anima.

70. Perché temete il mondo e lavorate nel nascondimento, benché la Mia Opera è pura ed ispira solo amore e insegna misericordia? Vi dovete sentire felici, perché Io vi ho eletti per trasmettervi questa missione spirituale. Non aspettate il tempo di afflizioni ancora maggiori per confermare le profezie, e dedicatevi all’adempimento del vostro compito non solo per paura della punizione; perché se agireste così, non sareste apostoli per amore e fede.

71. In Verità vi dico che coloro che Mi amavano e seguivano le Mie Indicazioni, sono presso di Me. Questo significa che si sono resi degni di abitare nelle dimore di pace.

72. Interiormente Mi dite che vi è noto il contenuto della Mia Parola, che secondo l’essenza è la stessa Legge che vi avevo dato in tutti i tempi, ed in Verità vi dico, questa Parola che sentite attraverso i Miei portatori della Voce, proviene dalla stessa Sorgente da cui viene quella Parola che vi ho fatto sentire attraverso la Bocca di Gesù.

73. Ascoltate attentamente l’Istruzione che era iniziata in tempi remoti.

74. La “Parola” è il Libro che si è aperto all’inizio del vostro sviluppo e che non verrà mai chiuso.

75. SeguiteMi nella lotta, comprendete la Mia Opera e siate perseveranti fino alla fine nella fiducia che il Mio Amore provvidenziale vi accompagna ovunque. Vi voglio vedere uniti e preparati, perché voglio prendere in Servizio ognuno che è diventato forte, per fare di lui un messaggero della Mia Istruzione.

76. Ogni Parola che viene dalle labbra di questi portatori della Voce, si adempirà ed ogni profezia dei Miei eletti che hanno vigilato e pregato, rimarrà scritta e si adempirà nel suo tempo come conferma dei Doni dello Spirito che ho concesso a questo popolo, e come testimonianza per la Verità del Mio Messaggio all’umanità.

77. Aprite il Libro del passato, là è la vostra storia. Leggetelo, illuminati con la Luce della coscienza e percepirete la Verità del Nuovo Tempo.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 97

 

1. Il Mio Amore, del Maestro, ed il balsamo guaritore materno di Maria si adagiano sulle vostre ferite. La Madre è sempre con Me, per unire la sua delicata istruzione con la Dottrina che Io vi do, e distende il suo mantello protettore su questa umanità che cammina lontana dal sentiero che ho presegnato con il Mio Esempio sulla Croce.

2. Con quanto Amore ritorno a voi, dopo che sono stato crocifisso e rigettato nel Secondo Tempo. Vengo come Padre, come Fratello, come Maestro, come Amico.

3. Ora siete voi che piangete, perché la vostra anima trema alle Mie Parole di Perdono. Questo pianto però vi purifica e vi guida al sentiero che domani dovrete percorrere come Miei discepoli.

4. In Verità vi dico, sono solo pochi che Mi hanno sentito in questo tempo e non hanno percepito che il loro cuore è commosso. Mentre perciò alcuni si dedicano al Mio Servizio pieni di rassegnazione e disinteresse, altri continuano ad ascoltarMi nell’attesa che Io assegni loro il compito. Gli uni benedicono il Mio Nome persino nelle prove più dure; altri si rivolgono a Me solo quando hanno bisogno di Me. Io però tratto tutti come molto amati discepoli. / Alcuni utilizzano le Mie Istruzioni fino alla fine, dato che afferrano il significato di questo Messaggio. Questi saranno i forti, quando la Mia Parola non verrà più udita in questa forma. Ci sono anche altri per i quali la Mia Comunicazione non ha avuto nessun maggior significato e che si accontentano di ascoltarMi e per questo motivo lasciano passare oltre inosservato il senso della Mia Istruzione. Questi faranno parte di coloro che domani avranno nostalgia dei Miei Doni di Grazia in questo tempo e fra i quali compariranno coloro che cercano di svegliare a nuova vita le Mie Comunicazioni mentre dimenticano che il tempo che ho stabilito per le Mie Rivelazioni, ha sempre avuto un limite temporale.

5. Io vi dico che persino le Istruzioni divine hanno una fine. Non è deceduto Mosè, appena aveva rivelato la Mia Legge al suo popolo? Non vi ricordate che in Gesù sono asceso al Cielo in mezzo agli uomini, quando avevo concluso la Mia Missione come Maestro e Redentore, dopo che vi avevo detto: “Tutto è compiuto”? Proprio così è in questo tempo: Quando la Mia Rivelazione sarà trasmessa e gli organi d’intelletto preparati avranno cessato ad annunciare il Mio Messaggio, e quando coloro che Io ho chiamato “penne d’oro” avranno registrato la Mia Parola ed il Mio mondo spirituale consegnato il suo messaggio, anche allora vi dirò: “Tutto è compiuto”. Allora questa Voce tacerà, e si manifesterà una nuova epoca davanti ai discepoli: quella della Comunicazione da Spirito a spirito.

6. Nessuno vada oltre il giorno stabilito dalla Mia Volontà, affinché questo avvenga. Perciò rendetevi conto che questo momento si sta avvicinando. Mangiate e bevete il Pane ed il Vino della Vera Vita, affinché domani sulla via non soffriate fame e sete.

7. E’ il tempo della Luce per questo popolo che Io chiamo di venire qui da diversi luoghi della Terra. Fra gli uomini scopro coloro che Mi seguiranno. Sono anime che ho mandato per abitare sulla Terra, affinché si incorporino nella carne come uomo oppure anche come donna ed in questi momenti li trovo all’età di bambini, adulti e vegliardi.

8. Sono alla ricerca delle anime dalle quale formerò il Mio popolo, per unirle e dare loro nuove Istruzioni che le faranno procedere di un passo sulla via del loro sviluppo.

9. Ogni volta Mi sono mostrato al Mio popolo in altro modo per mettere alla prova la sua sensibilità spirituale. Lo esamino in questo tempo nel quale Mi annuncio attraverso l’organo d’intelletto umano, nella sua fede e nella sua spiritualizzazione, quando gli dico: “Sono qui da voi nello Spirito come ve l’ho promesso”.

10. Anche nel Secondo Tempo ho messo alla prova la fede di quegli uomini, quando ho detto loro tramite Gesù: “Vengo dal Padre; ma chi conosce il Figlio, conosce il Padre”. Molti secoli prima in cima al Sinai, avevo detto al popolo: “Io sono Geova, vostro Dio”.

11. Mi avete aspettato in ogni epoca e nonostante ciò, sempre quando sono stato da voi, non Mi avete riconosciuto per via della vostra mancanza di preparazione e spiritualizzazione. Io vi dico: Qualunque forma riveste la Mia Presenza, conterrà sempre Verità ed Essenza divina di Vita.

12. Vi ho detto che Mi sono servito di diverse forme per annunciarMi al mondo. Queste però non erano una maschera per nascondervi il Mio Spirito, ma sono servite ad umanizzarMi, a limitarMi e renderMi così udibile e percettibile per gli uomini.

Ora vi dico che voi, prima di emettere il vostro giudizio, dovete sentire questa Voce, fino a quando verrà il momento di essere convinti o illuminati, quando si farà Luce nell’anima.

13. Io so che giudicate i portatori della Voce attraverso i quali vi do la Mia Parola, e che li giudicate impuri, empi ed imperfetti. Io però vi dico che non ho cercato uomini e donne che dovevano essere puri, al contrario, ho cercato peccatori per elevarli attraverso la Mia Comunicazione. Credete che ci sono uomini di cuore puro, corpo puro ed anima pura, attraverso la cui mediazione avrei dovuto servirMi? Io vi dico, non li avrei nemmeno trovati fra i bambini!

14. Se Mi sono annunciato agli uomini attraverso l’organo d’intelletto di alcuni di loro, allora è avvenuto perché l’uomo rappresenta la più grande Opera di tutto ciò che ho realizzato sulla Terra – in considerazione del fatto che l’ho provvisto con uno spirito. Quale migliore interprete poteva trovare il Mio Spirito per parlare all’umanità? Questo è il motivo per cui l’uomo era in tutti i tempi il Mio miglior mezzo per comunicarvi i Miei Pensieri divini.

15. In questo modo ho assistito lo spirito umano con infinito Amore e Cura, per elevarlo alle regioni dell’eterno e del perfetto.

16. L’uomo era stato posto nel mezzo del Paradiso della Mia Creazione, affinché si deliziasse dell’Opera del Padre suo, fosse pieno della Sapienza e come maturato animicamente una parte del Mio divino Concerto. Ho fatto del figlio amato un principe sulla Terra, mentre gli ho dato potere sugli esseri inferiori a lui. Tutta la sua via era illuminata dalla Luce del Mio Spirito - una Luce che voi chiamate coscienza.

17. L’uomo ha visto miracoli sulla sua via di sviluppo, ma si trova appena all’inizio della stessa, perché deve ancora imparare a conoscere molto. Comprendete che, se vi parlo di miracoli, non intendo solo quelli che scoprirete ancora sulle vie della scienza, ma anche le Rivelazioni spirituali.

18. Questo tempo nel quale vivete, è pieno di sorprese ed illuminazioni per il vostro spirito – un tempo nel quale si risveglieranno tutte le facoltà e sentimenti del vostro spirito nel più interiore del vostro essere. Ascoltate, riflettete, salite da allievi a discepoli, mentre imparate nel Libro che vi rivela la Mia Parola. Studiate la natura ed osservate l’Universo che vi parla pure con la Voce del Maestro, dato che sono presente in tutto. Osservate con amore oppure almeno con interesse e constaterete che tutto indica alla via della Verità. Non siete mai stati preparati come oggi a comprenderete che tutto testimonia di Me e che in tutto vi è la Mia Orma come Sigillo indistruttibile dell’Autore della Vita.

19. La scienza orientata al materiale vi ha svelata molti misteri. Non aspettatevi mai che la vostra scienza vi riveli tutto ciò che dovete sapere. Anche la scienza dell’uomo di questo tempo ha avuto i suoi profeti dei quali gli uomini si sono burlati e che hanno considerato folli. Dopo però, quando ciò che loro annunciavano si era dimostrato giusto, erano perplessi.

20. Se la parola dei profeti della scienza si è adempiuta in questo modo – quelli che predicevano il frutto perituro della scienza umana – come sarà l’adempimento delle profezie dei veggenti di Dio, quando vi annunceranno l’edificazione di un regno di pace che sarà imperituro nel cuore degli uomini?

21. Adesso i veggenti annunciano un nuovo mondo. Sono i profeti che sono inviati da Me i quali dovete ascoltare, e se foste preparati attraverso lo studio delle Mie Parole e Promesse dei tempi passati, non vi avrebbe stupito nulla di quello che vi ho rivelato nel presente. Vi ho però trovati stanchi, malati ed occupati con le cose della vita umana, per cui, prima di avervi rivelato grandi Insegnamenti di Sapienza, ho dovuto guarirvi, consolarvi ed ispirare al miglioramento e rinnovamento, per indurvi a camminare sulla via della pace, che era l’unica possibilità che poteste riflettere sulla vita spirituale.

22. Mi rimangono solo ancora pochi anni per Essere con voi attraverso questa Comunicazione e dovete utilizzare le Mie Istruzioni. Il tempo non passa per il Mio Spirito, però bensì per l’uomo. Sfruttate perciò questi anni che adesso vi sembrano lunghi, che però per il vostro spirito sono brevi. Vi prometto di effondere fiumi di Sapienza sul vostro intelletto, che sarà l’unica cosa che vi lascio dopo il Mio Commiato. Non vi lascio né oro, né nomi, né titoli, ma solo le Mie Istruzioni.

23. Questo seme comincia già a portare i suoi frutti fra di voi, perché se prima avete espresso la vostra adorazione per Me in modo materiale, oggi cercate invece di spiritualizzarvi per avvicinarvi alla Verità.

24. La vostra anima ha dovuto passare attraverso un crogiuolo del dolore per essere in grado di fare un passo in avanti sul sentiero della spiritualizzazione e diventare maestra dell’umiltà e pazienza, della forza e della fede. Mi aspetto dal vostro spirito la comprensione ed il rispetto per altri.

25. Non condannate i vostri prossimi per via del modo nel quale Mi offrono la loro adorazione. In Verità vi dico, Io soltanto so scoprire nei cuori i fiori della fede e dell’amore, di cui ricevo il profumo come il miglior dono di sacrificio dello spirito. / Non rifiutate coloro che non riconoscono in Maria la divina maternità che è diventata donna, affinché nel suo grembo virgineo La Parola assumesse figura umana. Anche lei vi ha istruiti in questi tempi, perché anche nel cuore della Madre non ci sono segreti per i figli. / In Verità vi dico, la sua voce come Madre verrà udita dall’intera umanità di questo tempo. In Me potete trovare tutti i generi dell’Amore, perché da un lato faccio sentire la Mia Presenza e la Mia Potenza come Padre, d’altra parte lascio giungere al vostro essere un Soffio materno, oppure regalo al vostro spirito la delizia di sentirMi come Maestro.

26. Lasciate germogliare questo seme in voi, affinché dal nucleo del vostro essere possano sorgere tutti i sentimenti che l’anima può e deve manifestare – sia nei confronti del suo Padre Celeste, come anche nei confronti dei suoi fratelli, mentre vi amate reciprocamente.

27. Vi potete immaginare il giubilo che sarà nel Regno spirituale, quando infine si ameranno tutti coloro che hanno vissuto per peccare, litigare ed oltraggiare? Non vi potete immaginare né la Gioia del Padre vostro né l’allegrezza che poi sarà nel mondo spirituale. Vi ha creato il Mio Spirito, affinché foste intorno a Me, perché ero Solo. Vi ho però destinati ad amarvi fra voi e colmarMi con Felicità mediante il vostro amore.

28. Io sono vostro Padre ed ho fame e sete del vostro amore; perché voi vi siete allontanati dalla via che indica la coscienza. Vi ho creato per amarvi, ma non vedete ancora questa Luce totalmente. Vi rovina la vostra ambizione terrena ed anche se qualche volta rivolgete i vostri pensieri a Me e siete grati per i Miei Benefici, non avete comunque capito che il migliore omaggio che la vostra gratitudine Mi può offrire, è quello dell’amore fra fratelli, del quale vi parla molto la Mia Dottrina.

29. Amati discepoli, quando Mi sentite parlare vi sembra difficile o impossibile esserMi compiacente; ma questo dubbio non viene dal vostro spirito, ma dalla carne perché è fragile. Lo spirito invece era stato creato per grandi opere che sono degne di Colui il Quale gli ha dato la vita.

30. Vi porto questa Istruzione per elevarvi a vera Vita. Rendetevi però conto che la salvezza degli uomini non si svolge in un attimo, perché come hanno bisogno di tempo per sprofondare spiritualmente, avranno anche bisogno di tempo per risalire. Questo tempo che posso assegnare soltanto Io, glielo darò affinché compiano il loro rinnovamento, la loro purificazione e ristabiliscano tutto ciò che hanno distrutto in sé e nei loro prossimi.

31. Anche se soltanto una piccola parte dell’umanità ha sentita la Mia Parola, nessuno deve essere dell’opinione che questi uomini sarebbero stati eletti come giusti, perché li ho trovati empi come tutto il genere umano. Così era tuttavia deciso nei Miei Consigli.

32. Quando il contenuto del senso di questa Parola sarà giunto in tutti i cuori, sapranno che il Mio Testamento era stato dato a tutti i figli e scoprirete che in ognuno dei Miei Pensieri ed in ognuna delle Mie Istruzioni era presente una Carezza per coloro ai quali è giunto il Mio Messaggio.

33. Le vostre ferite sono guarite, il Mio Balsamo era nei vostri cuori. Ora ascoltateMi, perché presto andrete da coloro che hanno anche loro dolore nell’anima e nella carne. Chi potrebbe comprendere meglio le loro sofferenze che voi che le avete sperimentate?

34. La vita come maestra fa dagli allevi degli insegnanti, affinché con la loro Luce, il loro sapere e la loro esperienza possano essere consiglieri e guide dei loro prossimi.

35. La Mia Dottrina insieme alle Lezioni di vita procura che l’anima viene illuminata dal raggiante segnale luminoso della coscienza ed i passi degli uomini sono illuminati. Finché questa Luce non si può riflettere nell’esteriore attraverso buone opere, pensieri e parole elevanti con contenuto spirituale, l’uomo deve coltivare sentimenti di debolezza, paura, dell’egoismo e della diffidenza. Quando però questa Luce comincia a superare l’oscurità del suo intelletto, comincia a rivelare il suo contenuto del senso, allora verrà la pace nel cuore, nella vita si manifesterà fede e fiducia e renderà forte l’anima, in modo che possa superare con equanimità le ore difficili, le grandi prove che ogni destino porta con sé.

36. La Mia Parola è la Via, è la Legge divina che vi conduce alla perfezione, è la Luce che eleva l’anima, che però è stata offuscata quando la carne con la sua inflessibilità si è affermata e non ha ascoltato la chiamata interiore della sua coscienza. Allora guai all’anima che ha ceduto sotto la spinta della carne e si è lasciata dominare dall’influenza del mondo che la circonda, mentre ha scambiata la sua posizione come guida con quella di un essere senza protezione che le passioni e debolezze umane fanno girovagare come le foglie secche, quando vengono spinte turbinosamente dal vento senza meta. / Quell’uomo che ama di più la libertà ha paura di sottomettersi alla Volontà divina – per paura che il suo spirito infine lo sottomette e lo deruba di molte soddisfazioni umane delle quali sa che lo danneggiano e così abbandona la via che lo conduce alla vera Vita.

37. La carne teme la lotta con l’anima e cerca una via per condurla in tentazioni attraverso i divertimenti del mondo per ostacolare la sua libertà oppure almeno di ritardarla. Vedete come l’uomo ha in sé il suo proprio tentatore! Perciò ho detto che, se vince sé stesso, ha vinto la battaglia.

38. Molto di ciò che vi dico in questa Comunicazione, lo ricevono infinitamente molti uomini in modo intuitivo, perché ora è il tempo nel quale la vita con le sue lezioni ha fatto Luce in molte anime, le ha portate alla riflessione e fatto imparare ad ascoltare la voce della coscienza. Sono sulla via verso la Verità e comprendono che è questo sentiero che conduce alla libertà ed alla somma Beatitudine che dona la vita in armonia con Colui che vi ha creato.

39. Studiate a fondo le Mie Istruzioni, discepoli, perché come voi tutti avete visto adempiersi ciò che vi hanno annunciato le Profezie del Primo Tempo, così vedrete avvenire tutto ciò che vi ho annunciato attraverso la bocca di questi portatori della Voce. Ad ogni passo ed ogni giorno si adempie una delle Mie Parole senza che ve ne rendete conto.

40. La Mia Parola deve uscire dalla vostra nazione, affinché venga creduta e seguita, come è successo con Gesù il Quale ha dovuto lasciare il villaggio di Nazareth, dove ha trascorso la Sua Infanzia, per trovare fede in altri paesi.

41. Dopo il 1950 non vi darò più la Mia Parola attraverso questi portatori della Voce, ma rimarrà conservata nei cuori dove nutre la fede e questi la porteranno in altre nazioni.

42. Mi servirò degli uomini di buona volontà e di quei cuori che si sforzano per la purezza della Mia Dottrina per far giungere all’umanità questo Messaggio dell’Amore e del Perdono. Coloro che andranno fuori come messaggeri, devono testimoniare bontà nelle loro parole e nelle loro opere, ma non devono mai portare amarezza. I loro occhi verseranno lacrime per via del dolore altrui, e le loro tempie diventeranno bianche, perché soffrono per via dei loro prossimi. Devono vivere e morire amando e benedicendo, ed arrivare alla fine della loro vita senza sfinimento o delusioni.

43. Il discepolo del Terzo Tempo si deve rendere conto nella sua vita che il frutto della semina spirituale non viene raccolto sulla Terra. Perché molti di coloro che si chiamano Miei discepoli, perdono il coraggio in vista dell’ingratitudine o dell’indifferenza degli uomini?

44. Ho portato infinita Benignità nella Mia Parola, affinché vi accompagni attraverso tutta la vostra vita, dato che la Mia Parola è nel vostro spirito forza, coraggio, gioia nell’amare e nel servire. Il buon discepolo non dovrà temere niente e passare lieto attraverso le vie scabre e prove dolorose. Il suo sguardo sempre sveglio attraverso la preghiera scoprirà le trappole che i suoi nemici stendono davanti ai suoi piedi.

45. Lascerò scritte queste Parole e giungeranno ai Miei discepoli del futuro e quando poi le studieranno, troveranno le stesse fresche, vive ed il loro spirito si stupirà di delizia, dato che sentiranno che è il loro Maestro che sta parlando a loro in quei momenti.

46. Credete forse che tutto quello che vi ho detto, sia soltanto per coloro che Mi hanno ascoltato? No, amato popolo, con le Mie Parole parlo per i presenti e per gli assenti, per oggi, per domani e per tutto il tempo; per coloro che muoiono, per i vivi e per coloro che nasceranno ancora.

47. Voi dite che la Mia Parola e la Mia Opera sono molto grandi, infinite, ma voi avete fatto in modo a limitarle con le vostre opere. Ah, se soltanto vi preparaste mentre superate la vostra materializzazione ed elevaste la vostra anima attraverso il buon tendere alla conoscenza e ad una vita giusta – quali miracoli vedreste!

48. A voi sembra ridicolo che vi dia a volte attraverso la bocca del portatore della Voce delle Istruzioni che sono rivolte a tutta l’umanità, perché considerate il vostro mondo infinitamente grande, ed incommensurabile il numero degli uomini che non conoscono la Mia Comunicazione. A ciò Io vi dico che se Io parlo all’umanità, non lo faccio solo per i presenti, ma anche per coloro che aspettano il momento nel quale vivranno finalmente sulla Terra. Dovete però sapere che il vostro mondo nei Miei Occhi è come un atomo ed il numero degli uomini che vi abitano, è insignificante nel confronto a tutte le creature spirituali che formano il Mio Regno.

49. Vi sembra a volte troppo misero il mezzo che ho scelto per annunciarMi? Non è la prima occasione nella quale come Padre faccio uso dell’intelletto umano, affinché sentiate la Mia Parola, i Miei Incarichi e le Mie Rivelazioni. Questo è un mezzo di cui Mi sono servito in tutti i tempi per parlare agli uomini, e vi dovete rendere conto che la Parola divina è sempre venuta attraverso trasmettitori modesti, semplici e secondo l’apparenza non istruiti.

50. Studiate ed operate, discepoli. Pensate che ho bussato con perseveranza alle porte dei vostri cuori, finché Mi avete aperto. A volte vi parlo nel senso figurato, ma lo faccio sempre con la stessa semplicità con la quale parlate voi, perché la Mia Parola spiega ora ciò che vi ho dato una volta in Misteri e che perciò non avete potuto comprendere nel suo vero senso. Perché camminate su vie oscure, se vi ho mostrato un sentiero illuminato dalla Mia Parola?

51. A coloro che Mi ascoltano dico, che devono aprire i loro occhi alla Luce di questa Dottrina, affinché ammirino la sua grandezza.

52. Quando ha cominciato questa Comunicazione attraverso l’organo d’intelletto dei primi portatori della Voce ed ho parlato ai primi discepoli del progresso che avrebbero raggiunto coloro che verrebbero dopo di loro – mentre dicevo loro che la Mia Parola sulle labbra dei nuovi portatori della Voce si sarebbe perfezionata – allora quelle schiere di uomini sospiravano ed invidiavano i successori che verrebbero alla Tavola del Maestro per godere poi del frutto maturo. In Verità vi dico, quel frutto maturo che vi ho predetto, è appunto quello che voi ora godete, perché dovete sapere che la Mia Parola nella cornice di questo modo della Comunicazione a voi, raggiunge ora il suo culmine. Mancano solo ancora alcuni pochi anni fino al 1950 ed alla fine dello stesso il vostro Maestro vi dirà Addio.

53. Nel futuro farò giungere il Mio Messaggio a coloro che non Mi hanno sentito a suo tempo per mezzo di questa Istruzione. Gli uni lo riceveranno attraverso la testimonianza di coloro che Mi hanno ascoltato; altri lo riceveranno attraverso gli scritti, e nuovamente altri attraverso i Doni dell’intuizione e dell’ispirazione. Così si adempirà la Profezia che il Mio Spirito in questo Tempo verrebbe effuso su ogni spirito e su ogni carne.

54. Il vostro compito è di preparare la via mentre togliete ostacoli e difficoltà e lasciate così una traccia di misericordia ed amore a coloro che più avanti percorreranno questa via nel desiderio della spiritualizzazione.

55. E’ già vicino il risveglio dell’umanità. Non disperate, quando vedete che gli anni passano senza che vi si noti un cambiamento al bene nella moralità degli uomini. Vegliate, imparate, operate e sappiate aspettare. Credete alla Mia Parola? Non dimenticate che vi ho detto che ogni occhio Mi vedrà, ogni intelletto Mi comprenderà, ed ogni bocca parlerà della Mia Parola.

56. Si sta avvicinando il tempo, ma è necessario che il popolo che Mi ha ascoltato, sia puro da peccato e forte nella sua fede, affinché dia testimonianza di Me, come Io ho dato testimonianza di voi, quando Mi sono annunciato attraverso il vostro organo d’intelletto.

57. Le Mie Parole sono scritte nel “Libro doro”, affinché dopo il 1950 nessuno dica che gli manca la Mia Comunicazione. Nelle Mie Istruzioni che sono destinate per tutti i tempi, vi lascio Sapienza, Incarichi, Profezie, Nutrimento spirituale e Balsamo guaritore.

58. Dovete imparare a leggere nel Libro delle Mie Istruzioni affinché, quando leggete ai vostri prossimi, quelle Parole sono compenetrate dall’Essenza divina e coloro che ascoltano, sperimentano e sentono come voi le avete sperimentate e percepite, quando Mi avete sentito attraverso il portatore della Voce.

59. Discepoli, allontanate dai vostri cuori le vostre preoccupazioni mentre ascoltate la Mia Istruzione. Sentite l’Unzione divina e conservate la Mia Forza nel vostro essere. Vi voglio vedere sani, mai malati, piangendo o deboli.

60. Sovente credete che Io vi punisca, quando il dolore vi causa delle ferite. Io però vi insegno solamente che siete voi che vi attirate la sofferenza. Siete stati chiamati già da molto tempo per adempiere un grande compito, e non avete ascoltato la Mia Voce. Ora però vi faccio sapere che quella pace che avete cercato sovente senza trovarla, vi verrà data attraverso l’adempimento della Mia Legge. Vedete come coloro che hanno adempiuto il loro compito, sono sani, liberi da colpi del destino.

61. Vi ho detto che non siete venuti solo una volta sulla Terra, ma che la vostra anima ha assunto molte volte involucri corporei, come era stato necessario per il suo sviluppo e perfezionamento. Ora devo aggiungere che dipende anche da voi se il tempo è più breve o più lungo per raggiungere la meta, secondo il vostro desiderio.

62. La Mia Luce splende in tutti i luoghi dove vivono i Miei figli. Quindi anche la Terra è circondata dal questa Chiarezza. Vi dico ancora una volta che quella Profezia ora si sta adempiendo, che ogni occhio Mi vedrà, che ogni intelletto Mi comprenderà ed ogni bocca pronuncerà la Mia Parola divina, appena l’anima si prepara. Vi ho annunciato questo ed ora è venuto il momento nel quale si adempiono le Mie Parole.

63. Moltissimi discepoli e moltissime anime infantili e credenti del Secondo Tempo hanno sentito il desiderio di essere presenti all’adempimento delle Mie Promesse, per sperimentare e sapere direttamente ciò che oggi si sta svolgendo. Quella nostalgia di sapere questo, li ha spinti a prepararsi interiormente ed a raggiungere maggiore elevazione. Ciononostante allora non era dato loro di vedere diventare realtà alcune Profezie, perché per questo era prevista un’altra epoca.

64. Ho dovuto venire, quando il mondo si sarebbe trovato all’apice del materialismo per rivelarMi nello Spirito e parlare a voi attraverso uomini, donne e bambini e per insegnarvi il perfetto dialogo con la Mia Divinità.

65. Voglio fare di voi seminatori della Verità, e questa si deve manifestare nelle vostre parole e nelle vostre opere. Ad ognuno vengono affidati alcuni compiti, affinché tutti voi parteciperete alla Missione spirituale che deve compiere la Mia Opera.

66. Ho promesso a questa nazione che in lei non ci sarà nessuna guerra, se i Miei discepoli eseguono la Mia Istruzione. Quando questi osservano la devastazione in altre nazioni causata da dissidio ed odio, Mi chiedono che su questo suolo non venga versato del sangue. Allora Io li esorto solamente di pregare e di vegliare, affinché diventino degni che questa Promessa si adempia. Non voglio vedervi piangere. Quando regna l’ingiustizia e soffrite la tirannia e la durezza di coloro che vi governano, allora non date la colpa a Me. Vi ho dato il potere a fare grandi opere che trasformano la vostra patria in una valle di pace.

67. E’ annunciato profeticamente che molti popoli scompariranno. Questa famiglia che rappresenta l’umanità, si vedrà sverzata da gravi tempeste, ed in questa visitazione a motivo della loro viva fede in Me, sopravivranno coloro che hanno “vegliato” e preparato la loro anima attraverso l’amore.

68. Sfruttate questo tempo, perché si sta a avvicinando l’ora del Giudizio, e l’anno 1950 è davanti alla porta. In q uel tempo molti di voi saranno già nello spirito ed altri ancora nella carne, ma voi tutti verrete giudicati.

69. Questo sarà l’inizio in cui tutti gli uomini andranno incontro alla spiritualizzazione su diversi sentieri. Gli scienziati Mi riconosceranno e diventeranno consiglieri degli uomini. Il Libro della Sapienza si aprirà, dal quale riceveranno grandissime Rivelazioni. Solo allora lo spirito dell’intelletto umano aprirà la via al vero sapere e la coscienza normalizzerà l’agire degli uomini.

70. La Terra sarà pura ed i sopravvissuti Mi seguiranno con lo stesso fervore come i Miei discepoli del Secondo Tempo. Ma voi sarete coloro nei quali Io lascerò i primi semi della spiritualizzazione.

71. Come Pastore Universale cerco instancabilmente le Mie pecore. Sulla Terra devono precedere all’umanità coloro che attraverso l’amore e l’umiltà raggiungono la più grande maturità animica. Il vero saggio è colui che conosce le Mie Leggi e fa la Mia Volontà. In questo modo alleverò nel Terzo Tempo i Miei discepoli con infinita Pazienza. Vi amo, e perciò vorrei vedervi tutti grandi nello spirito.

72. Non dimenticate le Mie Parole; ma se non potete conservare nella vostra memoria tutto ciò che vi ho detto, saranno i Libri che conterranno le Mie Istruzioni, le Mie Rivelazioni di questo tempo e le azioni dei Miei discepoli.

73. Percepite ed eseguite le Ispirazioni che vi mando; perché ognuno che si eleva a Me di cuore puro, riceverà la Mia Consolazione, avrà gioia nel suo cuore e la Mia Parola divina fiorirà sulle sue labbra.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 98

 

1. Vi do il frutto della Vigna affinché vi nutriate nel Mio Amore, dimentichiate dolore e fatiche e sentiate che voi, mentre vi do la Mia Parola, abitiate presso di Me nella Casa della Pace. Percepisci la Mia Presenza, popolo, utilizza questo tempo e se durante lo stesso volete rimettere le vostre trasgressioni, allora imparate da Me, perché vi do attualmente l’occasione di elevarvi animicamente.

2. Voi uomini in età matura e voi vegliardi, non lamentatevi del tempo che avete lasciato trascorrere senza averMi sentito; oggi siete voi presso di Me. Se Mi amate, imparerete in breve tempo a conoscere la Mia Istruzione e la potrete utilizzare. Siete già sulla via e potete cominciare con il vostro compito e la vostra guida sarà la voce della vostra coscienza. Io vi precederò e non ci sarà nessuna prova, per quanto fosse anche difficile, che vi separi da Me. Se Mi amate, allora non voltatevi indietro; perché la vostra fede deve splendere come una nuova aurora e riconoscerete la via che dovete percorrere bagnati nella Lue.

3. Siete pronti a seguirMi, anche se dovete soffrire? Se doveste essere interrogati dai vostri prossimi, rispondereste e diceste che siete Miei discepoli e che Mi seguite a motivo della vostra fede? Avreste il coraggio di dare queste dimostrazioni (di fede)? Riflettete e pensate che, se siete Miei discepoli, vi dovete perfezionare per dare una vera testimonianza della Mia Dottrina.

4. Farò giungere il Mio Messaggio a tutte le nazioni. Tutto è preparato che i Miei Intenti diventino realtà; ma la più grande dimostrazione che do agli uomini della Mia Potenza e del Mio Amore, sarà quella di trasformare la loro nostalgia in sincero amore reciproco.

5. Compiranno grandi opere attraverso l’amore. Chiamerò tutti senza distinzione di razza o provenienza per darvi un compito in questa Opera.

6. A coloro che hanno nostalgia del sapere e della spiritualizzazione, Io dico: Sentite la Mia Parola e riconoscete il suo nocciolo essenziale. Leggete nel grande Libro della Vita e studiate, perché esiste una Lezione per ognuno dei Miei discepoli.

7. Guardatevi però dal leggere libri nei quali si ha falsificato la Mia Parola e le Profezie, ed anche in quelli nei quali si hanno dato interpretazioni raggirate delle Rivelazioni divine. Non permettete che nel vostro spirito penetri una luce falsa. Se volete riconoscere la Verità, allora preparatevi interiormente e la vostra intuizione come anche la sensibilità della vostra anima, guidate dallo spirito, vi riveleranno sempre la Verità.

8. Questo Libro che scrivo per voi nel Terzo Tempo – fatene uso ed interpretate nel modo giusto i suoi Insegnamenti e sperimenterete che la sua Luce dissipa le ombre e che ogni Mistero viene chiarito. Allora sentirete la Mia Presenza e percepirete la Mia Voce in fondo alla vostra anima, come vi parla e vi istruisce.

9. Pensate che non potete nascondere nessuna opera o qualunque pensiero che Io non conosca. Se però siete sovente guidati dal mondo nella tentazione che vi attrae e vi mette in catene, mentre vi manca a volta la forza per respingere il male, allora rifugiatevi in Me, affinché impariate dalle Mie Istruzioni per impiegare questo pieno potere che vi ho dato sul mondo e sulla carne; e quando poi avrete vinto e riconquistato la pace del cuore, potete continuare la vostra opera.

10. Quando vi mancano esempi, allora rivolgetevi a Me e cercate in Me ciò di cui avete bisogno ed Io vi darò la forza per raggiungere la meta che vi ho indicato. Con quale Gioia paterna guarderò al figlio che Mi prende come Esempio e Mi magnifica attraverso le sue azioni! Lavorate incessantemente per gli uomini e dopo aver fatto tutto il bene di cui siete capaci, non pensate alle ricompense e non aspettatevi nessun salario nel mondo. Pensate che solo Io conosco e so valutare le vostre opere per darvi il giusto salario. In questo modo – attraverso grande fatica e veri meriti – occuperete quel posto che tengo pronto per la vostra anima.

11. Verranno da voi uomini e donne di paesi stranieri e diventeranno Miei discepoli. Quando però si sentiranno colmati dalla Mia Luce, ritorneranno ai loro popoli, alle loro nazioni per portare la Mia Dottrina ai loro fratelli. Lo stesso è avvenuto nel Secondo Tempo, quando molti stranieri si avvicinavano a Me attratti dalle voce sui miracoli di Gesù, e quando sentivano la Mia Parola ed assistevano ai Miei miracoli, erano convinti della Mia Verità e manifestavano al ritorno nei loro paesi che sarebbero stati dal Maestro.

12. Nel tempo odierno la maggioranza degli uomini viene da Me perché il dolore li fa cercare il medicinale che possono trovare solo nel Mio Potere. Si lamentano della loro povertà senza sapere quanto possiedono nella loro anima. La loro unica povertà consiste nel fatto che non si sono resi conto che cosa portano in sé e nell’ignoranza sui Doni dello Spirito che celano in sé. Sono pochi di coloro che Mi chiedono la Luce per la loro anima, nella maggioranza Mi cercano per chiederMi delle piccolezze che appartengono alla vita umana – quelle cose che Io do sempre in più, dopo aver inondato la loro anima con il Mio Amore di Padre.

13. Ora ricevete una conoscenza dopo l’altra che vi avvolge nella Luce che voi, benché sia in voi, non vedete. Questa Luce è la coscienza. Chi la può scoprire ed osservarsi in questo specchio interiore, diventa umile e sente subito il legame che lo unisce con il suo Creatore.

14. Alcuni credono di conoscersi, perché dato che sanno dei molti Doni che l’uomo possiede nella sua anima, si gonfiano davanti agli ignari, si vantano della loro propria grandezza, diventano bramosi di dominare ed infine soccombono nell’oscurità della loro arroganza. Non comprendono che l’anima possiede nella coscienza la segreta camera del tesoro di Dio e che vi si possa entrare solo con riverenza.

15. Persino qui fra i Miei operai ci sono molti senza aver compreso la Mia Dottrina, che si considerano esseri superiori degni di ammirazione ed omaggio, quando si sapevano graziati con un Dono di Grazia. Qui vi domando se potete approvare che uno spirito altolocato si debba vantare dei suoi Doni, dato che l’umiltà e l’amore per il prossimi sono le caratteristiche essenziali che deve avere.

16. Mettete in pratica ognuno dei Miei Insegnamenti nel silenzio e nella semplicità della vostra vita e vedrete splendere nella vostra anima quella Luce che non conoscete ancora, perché il velo della materia e della superficialità che vi circonda, non hanno permesso di adempiere il compito che le spetta nella vita umana.

17. Studiate le Mie Istruzioni e non smarritevi, affinché nel tentativo di trovare la Verità, non cadiate a nuovo fanatismo.

18. Io sono la Via che invita ad intraprenderla colui che l’ha dimenticata. Sulla stessa è riversata la Luce della Mia Parola, affinché domani possiate insegnare e darne testimonianza. Passerà il tempo e molti verranno qui alla ricerca delle case semplici nelle quale Mi sono annunciato, affinché voi spieghiate loro la forma nella quale Mi sono mostrato ai Miei nuovi discepoli ed i miracoli che ho fatto fra voi. Nella vostra mente rimarrà solamente il ricordo della Mia Parola e nei vostri cuori soltanto la eco dei Miei Consigli divini; ma anche gli scritti per il mondo postumo dureranno nel tempo. Sto già preparando coloro che non hanno sentito la Mia Parola, affinché trovino le vie che li conducono ai Miei discepoli e testimoni. Molti piangeranno, perché non Mi hanno sentito! Vi dico però anche: Molti di coloro che Mi hanno sentito, piangeranno perché non hanno lavorato su di sé! E quando vedono che la Mia Parola non si comunica più, rivolgeranno il loro sguardo nel punto nel quale aveva preso posto il portatore della Voce per trasmettere la Parola divina, ed allora vedranno soltanto il vuoto.

19. Gli anni passano velocemente e presto non Mi sentirete più. Perciò vi dico: lasciate che Io vi guarisca, accarezzi e consoli, lasciatevi istruire da Me. Sono venuto per lasciarvi preparati. Se però volete rimanere deboli nella fede e nel volere, vi sentirete sempre malati – e chi vi guarirà poi e chi vi insegnerà come ho fatto Io?

20. Mi avvicino sempre di più a voi attraverso la Mia Parola e contemporaneamente vi guido al perfetto dialogo con il Mio Spirito. Riflettete sulle manifestazioni nei tempi passati e scoprirete che ho sempre cercato una forma per comunicarMi al vostro spirito e per fargli giungere il Mio Messaggio come una testimonianza dell’Amore divino del Padre vostro per voi.

21. State sperimentando una nuova forma della Comunicazione spirituale in questo tempo, benché sia molto simile a quella che ho impiegato nelle epoche passate. Ora vi trovate in un tempo meraviglioso della Luce nel quale l’uomo può sentire la Voce del Mio Spirito attraverso molti Doni e facoltà spirituali che possiede.

22. In Verità vi dico, sia nell’estasi, come anche attraverso la preghiera oppure persino attraverso il sonno corporeo potete ricevere Rivelazioni e Messaggi del Regno spirituale, se sapete rendervi ricettivi per questi. Vi è però mancato la preparazione e la fede per poter utilizzare questi Doni, e così ho dovuto preparare veggenti e profeti che vi annunciano il futuro, che vi tengono svegli e vi ammoniscono affinché vegliate e pregate.

23. Credete che sia quest’uomo a darvi la Parola attraverso il quale Mi annuncio? Scoprite il contenuto del suo senso e riconoscerete che è il vostro Maestro il Quale vi parla. Credete che lo Spirito di Dio penetri nel portatore della Voce mentre parla? Anche questo non è così. Vi ho detto che Mi basta un Raggio della Mia Luce per illuminare ed ispirare questi organi d’intelletto e mettere sulle loro labbra una corrente inesauribile di Parole dal profondo significato come dimostrazione della Mia Presenza e della Mia Verità per via del miscredente. AscoltateMi attentamente durante questo tempo e sarete fortificati per i futuri tempi e prove.

24. Preparate il vostro cuore, raccogliete il vostro spirito e rendete ricettivo il vostro intelletto per seguire e conservare la Mia Parola.

25. Guardate come il Libro dell’Istruzione spirituale apre le sue pagine per mostrarvi una nuova Istruzione. Realizzate dapprima le Lezioni semplici, affinché domani possiate mettere in pratica le grandi Lezioni. Dovete comprendere che per diventare maestri, dovete dapprima essere allievi e discepoli.

26. Oggi studiate le prime Parole ed attraverso queste comprendete un poco alla volta questa Dottrina, perché pregando avete il dialogo spirituale con Me quando Mi dite: “Maestro, seguiamo la Tua Orma e Ti preghiamo di accompagnarci sulla nostra via, che ci preservi da pericoli, dato che ad ogni passo siamo aggrediti da tentazioni del mondo”. Io però vi dico, discepoli: Siate forte, impiegate il vostro pieno potere per dominare la carne.

27. Voglio formare di voi una famiglia forte e virtuosa piena di obbedienza che Io copro con la Mia Grazia ed i Miei Benefici.

28. Verrà l’ora delle vostre testimonianze della Mia Comunicazione e gli uomini, miscredenti per natura, esigeranno da Me dimostrazioni per credere. Allora dirò loro: Qui ci sono questi Miei discepoli che ho fatto entrare in una nuova vita. Sono loro la dimostrazione del Potere della Mia Istruzione. La Mia Parola ha formato la loro anima ed oggi sono preparati per portare ai popoli della Terra la Mia Dottrina. Volete far parte di coloro che posso usare come testimonianza della Mia Verità? Allora preparatevi, amati operai. Io confido in voi. Mi servirò del vostro amore, per fare Miracolo a coloro per i quali Mi pregate e farò magnifiche Opere per via di una scintilla di fede che vedo in voi.

29. In questo tempo avete vuotate il calice della sofferenza; ma questo non è stato a vostro danno, questo dolore è stata come una benefica pioggia che ha reso fertile la semenza nei vostri cuori e vi ha svelato alcune corde nella profondità del vostro essere.

30. Vi ho detto che in questo tempo state attraversando una pesante espiazione, perché avete una colpa nei confronti Miei e dei vostri prossimi, che ora state pareggiando. Questo è il motivo perché tacete ed accettate con amore il calice e vi accontentate a chiederMi soltanto la forza affinché sia fatta la Mia Volontà.

31. Nel mondo non troverete la comprensione di cui avete bisogno nella vostra lotta e nel su e giù della vostra vita, perché il vero amore e misericordia non sono ancora nei vostri cuori. Voi però, fortificati presso di Me, camminerete su spine con un sorriso sulle labbra e con pace nel vostro cuore.

32. Perché il Maestro vi parla tanto del dolore? - Perché il tempo nel quale vivete, è quello del Giudizio e tutte le creature portano una croce pesante. Osservate le nazioni che vengono sferzate dalla guerra; in loro non esiste un cuore che sia sfuggito alla sofferenza, perché nemmeno i bambini bisognosi d’amore nella loro fragilità sono sfuggiti alla Giustizia divina che aiuta gli uomini ad espiare i loro peccati e di lavare le loro macchie.

33. In tutti i tempi ho seminato la Mia Semenza nei cuori degli uomini e coltivata e curata. La Mia Semina in questo Terzo Tempo non sarà vana, perché il seme fiorirà nei cuori.

34. Per via dello scarso numero di cuori che si preparano, riverserò la Mia Grazia in ultramisura per creare i fondamenti del nuovo mondo. Voglio elevare il vostro spirito affinché comprendiate in che cosa consiste la vostra somiglianza con la Mia Divinità.

35. Io, il Signore dei mondi e di tutte le dimore spirituali, al Quale tutto il creato obbedisce, vi dico in questi momenti che voi uomini non avete vissuto in sintonia con le Mie Leggi, per cui vi siete fermati spiritualmente. Nonostante ciò il Mio Spirito attende con infinita Pazienza il vostro ritorno sulla vera via ed il vostro perfezionamento. Non lasciateMi lottare da Solo per la salvezza della vostra anima, e non lasciate nemmeno affaticare il mondo spirituale senza la vostra collaborazione. Non date soltanto l’apparenza esteriore di opere meritevoli, sforzatevi affinché le vostre azioni ottengano veridicità ed amore.

36. Dato che fin dal principio della vostra creazione avete ricevuto Amore, dovete anche dare amore. Se in voi è incisa il Mio Modello, allora seguiteMi con fervore!

37. Nell’era presente la “Parola” di Dio che è eterna, vi parla per guidarvi alla Vita. Io conosco l’anima che si cela in ognuno di voi e perciò sono l’Unico il Quale vi può rivelare che siete già stati in altri tempi testimoni delle Mie Comunicazioni all’umanità.

38. Non è così, che non dovreste più essere da tempo principianti nella Mia Istruzione? Il vostro Padre non ha davvero motivo, quando vi chiama i Suoi testimoni e discepoli e vi prepara per portare all’umanità questo Messaggio?

39. Vedete come tutto passa, eccetto la Mia Parola. Vedete le generazioni umane che abitano oggi sulla Terra e domani scompaiono. Osservate i popoli che oggi salgono pieni di splendore, che sembrano durare in eterno, e nonostante ciò presto sarete testimoni del loro declino e del loro crollo. Tutto l’umano passa e cessa di esistere. Solo la Mia Legge immutabile ed eterna continua a risplendere in ogni spirito.

40. Voi chiamate questo tempo l’era della Luce; ma questo non succede perché la Mia Luce avesse illuminato l’anima o l’intelletto dell’uomo solo ora – questa ha già sempre irradiata in ogni anima. Io sono la l’Astro Regale che non Si nasconde mai. Se però vedete oggi che la Luce spirituale irradia gli uomini come mai prima, questo è a motivo del loro sviluppo che possono percepire con maggior chiarezza la presenza della vita spirituale che in tempi passati.

41. Se gli uomini avessero sempre vissuto in armonia con le Mie Leggi, le Mie nuove Rivelazioni non li avrebbero mai sorpresi. Badate come ogni volta, quando sono venuto con una nuova Lezione spirituale, questa è stata esaminata, combattuta o rifiutata.

42. Si avvicina tuttavia l’ora del risveglio ed allora sorgeranno ovunque gruppi di uomini che parleranno di una nuova Rivelazione. Verranno indagati e giudicati dai loro prossimi che infine diranno che nel mondo sarebbe scoppiata una piaga di sette estranee e sconosciute. Proprio allora dovete pregare per tutti e contemporaneamente ringraziare per l’adempimento della Mia Parola; perché in base alla Dottrina che vi ho rivelato, farete parte di coloro che comprendono il motivo per tutte quelle manifestazioni. Farete però parte anche di coloro che portano la maggior responsabilità nei confronti dell’umanità.

43. Pensate, amati discepoli, in quale misura vi dovete preparare spiritualmente, affinché i vostri messaggeri che devono trasmettere la Luce delle Mie Rivelazioni, possano giungere in quei luoghi dove sono apparsi quegli uomini che hanno fatto stupire gli altri con le loro facoltà spirituali.

44. La lotta sarà grande per voi, perché non vi dovete limitare soltanto alla preghiera, l’approfondimento spirituale e buoni auspici, ma dovete anche fare opere della misericordia.

45. Non basterà dire: “Io credo”. Questo non è sufficiente. La fede è bensì assolutamente necessaria, ma dovete possedere anche altre facoltà che devono essere sviluppate e perfezionate, appena portate la Mia Parola non solo con le labbra, ma anche con le vostre opere. Affinché la Mia Dottrina risplenda nelle azioni della vostra vita, dovete dedicare una parte del vostro tempo allo studio ed allo sviluppo dei vostri Doni dello spirito. In questo modo sopporterete con pazienza le prove che incontrerete sulla vostra via ed in ognuna di queste metterete in pratica la Mia Dottrina. Quando sarete a questo punto, raccoglierete il frutto del vostro sforzo e del vostro desiderio per il rinnovamento animico, e questa ricompensa sarà la fortificazione che conquistate per la lotta, per il predominio su voi stessi e per l’amore per i vostri prossimi.

46. Non continuate a dormire, discepoli – comprendete che l’umanità si sta svegliando spiritualmente e non vi deve trovare preparati in modo insufficiente. E non voglio che andate senza prima aver conquistato tutto ciò che è necessario per essere uno dei Miei veri soldati. Utilizzate questi momenti di pace nei quali ricevete la Mia Istruzione, e camminate sempre nella protezione di ciò che avete imparato. Sforzatevi a penetrare sempre di più negli Insegnamenti rivelati, ma non cercate di scervellarvi per sapere ciò che fino ad oggi non vi è stato detto.

47. Quando lo spirito di Elia ha ispirato l’intelletto di Roque Rojas, i primi testimoni di quelle Comunicazioni non hanno avuto nessuna idea della Grazia che le future generazioni avrebbero ricevuto ascoltando la Mia Parola, né hanno compreso che era iniziata una nuova era spirituale per l’umanità. E’stato il vostro Maestro il Quale nel corso della Sua Istruzione ha rivelato la grandezza di quest’Opera alle schiere di uomini. Era stato Lui il Quale ha reso loro comprensibile che stava iniziando un nuovo tempo pieno di Luce e Splendore.

48. L’anima dell’uomo, guidato nel caos dalle tentazioni, pensa che solo un Miracolo divino può salvare gli uomini, dai cuori dei quali era fuggita la pace da quando hanno perduto la speranza e la fede nell’amore, nella giustizia e nella ragione umana.

49. Questo vuoto interiore nella loro anima che gli uomini Mi portano davanti agli Occhi, Io lo voglio riempire con la Luce di questa Istruzione che all’apparenza ha l’effetto di essere nuova, ma in realtà è eternamente esistente. Questa Dottrina porta Luce agli uomini ed ai cuori, perché rivela tutto il contenuto di quel Comandamento che ho insegnato ai Miei apostolo: di amarsi fra loro. Attualmente vi spiego il contenuto del senso di quella somma Regola di vita, il cui significato non può essere afferrato dalla vostra mente, e questo perché la Parola di Cristo in questo tempo è stata per molti uomini una Parola morta. Loro però sanno che vive nello spirito di tutti gli uomini e che a suo tempo sorgerà pieno di splendore dalla profondità appunto di quei cuori che prima erano stati come una tomba per la stessa.

50. Voi credete di adempiere il Mio Comandamento, di amarvi reciprocamente, se limitate il vostro amore egoisticamente alla vostra famiglia? Le comunità religiose credono di adempiere quel sommo Comandamento, quando riconoscono solo i loro credenti e rifiutano quelli che appartengono ad un’altra confessione? / I grandi popolo del mondo che si vantano con civilizzazione e progresso – loro possono forse affermare di aver raggiunto il progresso spirituale ed aver eseguito quell’Indicazione di Gesù, se tutto il loro tendono è di prepararsi per una guerra fratricida?

51. Ah, voi uomini, non avete mai saputo apprezzare il valore della Mia Parola, né avete voluto sedervi alla Tavola del Signore, perché vi sembrava troppo modesta! Ciononostante la Mia Tavola continua ad aspettarvi con il Pane ed il Vino della Vita per la vostra anima.

52. Nessuno potrà dire che vi ho reso responsabili per la Mia morte. Riconoscete appena che non vi pentite ancora veramente dei vostri peccati, e già la Mia Mano bussa nuovamente alla vostra porta – la stessa che avete perforato sulla Croce. Comprendete, discepoli, che è il Mio Amore che chiama la vostra anima.

53. Il Mio Amore vi deve vincere, non ho un’altra arma. Se credete che Mi servo anche del dolore per piegarvi e per vincervi, allora vi sbagliate. Voi avete creato il dolore, ed attraverso questo vi giudicate. Io sono Colui che vi salva dalla sofferenza e dalla morte.

54. Discepoli, vi lascio un’altra delle Mie Istruzioni. Coloro che si sanno preparare interiormente, sono coloro che percepiscono più profondamente la Mia Presenza, benché la Mia Grazia sia effusa su tutti nello stesso modo. Coloro che non hanno sentito nessuna spiritualizzazione mentre ascoltano la Mia Parola, esorto a prepararsi, affinché si possano rallegrare del contenuto divino e utilizzare questo Messaggio, prima che la Mia Comunicazione termini fra voi. Pensate: Se quest’ora dovesse venire senza che il vostro cuore si sia ristorato e nutrito realmente, allora la vostra fede non sarà grande nella lotta, né il vostro amore potrà essere ardente, quando testimoniante della Mia Verità.

55. In Verità vi dico, non voglio dolore nei vostri cuori, né vorrei dover sentire le vostre parole di pentimento. Il Mio Desiderio è che, quando vi darò la Mia Parola per l’ultima volta attraverso questi megafoni, Mi possiate dire: “Maestro, ecco, ci sia fatta secondo la Tua Volontà”.

56. A nessuno manca la Mia Luce. Al di fuori della Mia Istruzione, vi parlo attraverso i vostri sogni che voi chiamate Rivelazioni, perché sapete che in queste vi rivelo profondi Insegnamenti che non potete conoscere attraverso nessun altro mezzo. Comprendete, discepoli, che tutto il sapere che ottenete da Me, è una Rivelazione. Non date importanza al mezzo o alla forma che impiego per darvi i Miei Messaggi.

57. Vi ho chiamati con ragione figli della Luce; ma la maggior parte di voi vuole percorrere la propria via assolutamente da cieco – non perché la via sia buia, ma perché volete tener chiusi i vostri occhi davanti alla Verità. Volete voi aspettare finché altri che non hanno sentito nemmeno questa Parola, si svegliano prima di coloro che hanno sentito la Mia Voce? Sarebbe triste se quelli liberassero i Miei nuovi discepoli dai loro errori.

58. Ora faccio conoscere ai profeti del Terzo Tempo i loro Doni dello spirito, affinché loro annuncino all’umanità questo Lieto Messaggio. Devono però sapere che devono raggiungere la spiritualizzazione per rivelare in loro questi Doni.

59. Sentite la Mia Istruzione, discepoli, portatela nei vostri cuori e quando siete nella vostra casa, allora studiatela ed esaminatela, affinché il giorno successivo, quando riprendete la lotta della vostra vita, possiate metterla in pratica.

60. Non esiste un attimo della vostra esistenza che non vi offra una occasione adeguata per adempiere la Mia Legge. Non aspettate solo grandi occasioni per poter impiegare i Miei Insegnamenti dell’Amore.

61. Pensate: se la vostra concentrazione nell’ascoltare questa Parola non è ancora così intensa come questa lo esige, e se alla vostra mente manca l’attenzione che dovete avere per la Mia Dottrina, allora il vostro cuore non potrà raccogliere il seme che domani dovrà seminare, e di cui raccoglierete i frutti nell’Eternità.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 99

 

1. Siate i benvenuti, discepoli, alla Tavola celeste. Godete il Cibo gustoso che vi porto nella Mia Parola. Sono venuto nel vostro cuore come un ladro che penetra in una camera da letto, ed ho scoperto che avete fame di conoscenze spirituali.

2. Nessuno dovrebbe essere sorpreso della Mia Presenza. Già attraverso Gesù vi ho mostrato gli avvenimenti che avrebbero annunciato la Mia Comunicazione come Spirito della Verità. Vi ho anche detto che la Mia Venuta sarebbe avvenuta nello Spirito, affinché nessuno dovesse aspettare manifestazioni materiali che non verranno mai. Osservate il popolo giudaico come aspetta sempre ancora il Messia senza che Egli venga nella forma che aspettano, perché quello Vero era già stato da loro e non Lo hanno riconosciuto. Umanità, non vuoi legittimare la Mia nuova Manifestazione per continuare ad aspettarMi secondo la tua immagine di fede e non corrispondente a ciò che ti ho promesso?

3. Risvegliatevi dal vostro sonno e diventate figli della Luce, perché vi porto un Seme divino che vi darà la pace e la vita ed io voglio che voi cominciate a seminarla.

4. Non aspettate più di credere alla Mia Chiamata. Pensate che nella grande battaglia che vi è annunciata, si farà sentire il Giudizio. Io voglio che in questa battaglia voi siate i soldati ben preparati – pronti a far scendere nei cuori deboli la fede con le vostre opere d’amore.

5. Popolo, bandisci ogni paura delle opinioni dei tuoi prossimi, perché non sono loro che ti daranno la pace, non sono loro che ti porteranno nella terra promessa. Non temete gli uomini, seguiteMi costantemente su questo sentiero, perché nell’ora del Giudizio per l’umanità vi lamentereste dal più profondo del cuore di non essere stati fedeli, di non esservi incoraggiati nella Mia Istruzione, né di aver imparato a risolvere in armonia le grandi prove con la Mia Legge. La vittoria apparterrà ai perseveranti ed ai fedeli.

6. La Mia Nave di salvezza è apparsa nella più profonda notte di tempesta. Venite tutti che temete di andare a fondo nel peccato, come naufraghi che hanno perduto la loro rotta.

7. L’offuscamento della mente, la mancanza di fede, la non conoscenza della Verità, sono oscurità per l’anima e perciò oggi l’umanità si trova sulla via errata. Quegli uomini si sono moltiplicati, vivono alla giornata senza sapere o voler sapere dove stanno andando!

8. Io sapevo che per gli uomini sarebbe venuto un tale tempo – pieno di dolore, confusione, insicurezza e diffidenza. Vi ho promesso di salvarvi da questa oscurità, ed eccoMi: Io sono lo Spirito della Verità. Perché Mi volete nuovamente come Uomo? Non vi ricordate che sono morto come Uomo e che vi ho detto che vi avrei aspettato nel Mio Regno? Con ciò vi ho fatto comprendere che l’anima è eterna, immortale.

9. Era lo Spirito divino che ha parlato attraverso la Bocca di Gesù e che con il Suo Sangue ha sigillato il prezzo della vostra salvezza. Com’era la vostra sentenza? Di vivere, per vederMi venire più tardi come Luce per mezzo del vostro spirito. Vi ho dato dimostrazioni della Mia Immortalità e vi ho avvolto nel Mio Mantello del Perdono per portarvi alla comprensione che quel Sangue versato sul Golgota era il più grande Esempio d’Insegnamento dell’adempimento di una Missione d’Amore, per ottenere la Pace nell’Eternità. Perciò Io vi dico che voi stessi dovete conquistare la vostra Beatitudine.

10. Vi ho chiamati “Israeliti”, perché la vostra anima proviene da quel seme che ho affidato ai fondatori del popolo che veniva chiamato “popolo di Dio”.

11. “Israele” era il nome che ho dato a Giacobbe ed al suo seme. Perché questo nome è stato usato più tardi per designare una razza, benché si riferisca solo a missioni spirituali? Ho ispirato patriarchi e profeti di chiamare quel popolo “il popolo di Dio”. Sapete perché? Perché fra tutti gli altri popoli della Terra aveva portato con sé nel mondo una missione spirituale. / Mentre uno dei popoli teneva nelle sue mani la scienza, altri le arti, e nuovamente altri le leggi umane, questo popolo era venuto con la Legge spirituale, dell’Insegnamento del cuore, della Luce dell’Eternità.

12. Perciò quel popolo veniva chiamato il “popolo di Dio”, benché vi dico che tutti i popoli sono Miei ed amo tutti allo stesso modo; ma ognuno porta con sé sulla Terra la sua missione.

13. Nel tempo odierno faccio comparire nel mondo questo seme spirituale. Si manifesterà sparso fra l’umanità – non come una razza, oppure in forma di tribù di popoli, ma in tutte le razze, perché Israele è fondato nello spirito e lo spirituale sta al di sopra dell’umano.

14. Il Mio popolo si manifesterà nuovamente con la missione di portare la Luce all’anima. Le sue facoltà fluiranno nella vita umana come in tutti i tempi. I Miei profeti, messaggeri e discepoli hanno portato agli uomini (già sempre) Luce e pace.

15. Voi che Mi sentite, comprendete certamente queste Istruzioni. Non accontentatevi però di comprendere; dovete andare per continuare ad adempiere la vostra eterna destinazione, ad illuminare la via spirituale ai vostri prossimi. Compiete la vostra missione ed in voi irradierà un’altra volta la Luce che deve sempre essere nel popolo di Dio.

16. Vedete come la vostra anima ha presagito il tempo nel quale siete ora, ed è accorsa qui nel desiderio dell’adempimento delle Mie Promesse. Il vostro cuore non ha saputo nulla della Mia Venuta, perché in questi tempi l’umanità attribuisce poca o nessuna importanza alle Mie Profezie; ma l’anima ha conservato quella Parola nel più profondo del suo essere.

17. Il vostro cuore si era addormentato; ma da quando avete sentito la Mia prima Parola oppure la Mia prima Istruzione, si è svegliato e quando ha compreso la Verità, ha subito riconosciuto che le anime sono venute sulla Terra per adempiere un Incarico divino e non che ognuna agisca secondo la sua volontà. Chi ha assistito a questo risveglio, Mi segue ad ogni passo ed edifica un santuario nel suo interiore.

18. La Mia Parola d’Amore viene data a tutto il popolo eletto. Ristoratevi in essa, discepoli. Quando vi correggo o persino giudico qualche volta, allora riflettete profondamente su queste Istruzioni affinché ognuno prenda a cuore ciò che lo riguarda. Non rallegratevi quando rimprovero una trasgressione che voi non avreste commessa, benché conosciate coloro che l’hanno commessa, perché in questo momento la vostra coscienza si ricorda di quell’Ammaestramento nel quale vi ho detto. “Non guardate il bruscolo nell’occhio del vostro fratello, ma riconoscete prima la trave che voi trascinate con voi”.

19. Pensate che voi tutti formate la Mia schiera di apostoli che domani invierò per testimoniare della Mia Parola e che già ora dovete cominciare ad amarvi. Non credete che la Mia Comunicazione attraverso il vostro organo d’intelletto abbia un grande significato? Oppure credete che questa qui sia una delle molte sette che oggi sorgono ed annunciano la salvezza del mondo e domani scompaiono di nuovo senza lasciare tracce della Mia Pace?

20. Osservate come questo seme, benché voi lo abbiate curato male, non muore – vedete come ha vinto oscurità e trappole, ostacoli e prove e continua giorno dopo giorno a germogliare ed a svilupparsi. Perché questo seme non muore? – Perché la Verità è immortale, è eterna. / Perciò vedrete che, se questa Dottrina a volte sembra scomparire, sarà proprio quando germogliano nuovi getti prosperosi per aiutare gli uomini a fare un ulteriore passo in avanti sulla via alla spiritualizzazione.

21. Non credete che questo sia successo solo in questo Terzo Tempo – no, anche nel Secondo Tempo, dopo che il Maestro ed i Suoi discepoli avevano seminato il seme nei cuori degli uomini, lo hanno innaffiato con il loro sangue, c’erano momenti nei quali sembrava come se questa Dottrina di Cristo fosse scomparsa dal mondo. / Nel tempo odierno moltissimi infine hanno vacillato nella loro fede e dubitato di quella Verità che prima era stata il loro segnale luminoso e la loro Legge, dato che considerano inutile la morte di sacrificio di Gesù e di coloro che Lo hanno seguito. / Allora ho dovuto solo mandare nuovi servitori nel mondo per allontanare tutte le non-verità che gli uomini avevano aggiunto alla Mia Dottrina e con cui avevano deformata la stessa, e già germogliava di nuovo il seme ed ha portato fiori e frutti.

22. Vi insegno questi collegamenti, affinché non facciate parte di coloro che tengono segreta la Mia Verità, deformano la Mia Dottrina oppure profanano la Mia Legge, ma di coloro che con tutto l’amore della loro anima curano e coltivano il seme che ho affidato a loro, che è lo stesso come quello che secondo la Mia Volontà avrebbe dovuto fiorire in tutti i tempi nei cuori degli uomini: come amore reciproco fra gli uomini.

23. Potete chiamare “Rabbi di Galilea” il Maestro il Quale era stato da voi nel mondo, perché in quel paese Egli era divenuto Uomo. Ma di quel Maestro il Quale oggi viene da voi in modo invisibile, benché Sia Lo stesso, non potete dire che Egli sia della Galilea, perché Io vengo nello Spirito.

24. Le Mie nuove Istruzioni sono la conferma di quelle che vi ho dato nel Secondo Tempo, ma sono ancora più ampie. Pensate: Allora ho parlato al cuore degli uomini, adesso invece parlo allo spirito.

25. Non rinnego nessuna delle Mie Parole che vi ho dato nel passato – al contrario, Io do loro il dovuto adempimento e la giusta interpretazione. Anche allora ho detto ai farisei che credevano che Gesù avrebbe voluto distruggere la Legge: “Non pensate che Io sia venuto per abolire la Legge o i profeti – al contrario, Io sono venuto per compiere”. Come potrei rinnegare quella Legge e le Profezie, dato che sono il fondamento del tempio che ha dovuto essere edificato nei cuori degli uomini nelle tre epoche di tempo e l’Annuncio al mondo della Mia Venuta?

26. Fino a quando gli uomini permangono nella loro cecità e nella loro ignoranza, saranno motivo che Dio, il Quale è soprattutto il Padre, deve umanizzarSi, limitarSi e rimpicciolirSi nei confronti dei Suoi figli, per potere Essere compres. Quando permetterete che Mi mostro davanti a voi con quella Magnificenza nella quale Mi dovete vedere?

27. Dovete essere grandi per poter immaginarvi la Mia Grandezza e per via di questo vengo sempre di nuovo per darvi la grandezza spirituale affinché possiate sperimentare l’infinita delizia di imparare a conoscere il Padre vostro, sentire il Suo Amore, udire il divino Concerto che risuona al di sopra di voi.

28. Questo è il Terzo Tempo, amati discepoli e perciò dovete aggiungere una ulteriore Lezione alle precedenti. Avete molto da studiare, ma state tranquilli, perché l’Istruzione di questo tempo vi farà comprendere meglio quella dei tempi passati.

29. Invece dei Salmi che nel Secondo Tempo avete cantato come lode al Padre vostro, oggi tenete il dialogo spirituale per mezzo della preghiera spirituale.

30. L’umanità va molto lentamente incontro al perfezionamento della sua adorazione per Dio!

31. Quando vengo a voi con una nuova Lezione, questa vi sembra sempre troppo avanzata per il gradino del vostro sviluppo. Comprendete però che vi metto a disposizione un’epoca, finché dura, che possiate afferrare questa Lezione ed accettarla nella vostra vita.

32. Quando la morte termina l’esistenza del vostro involucro corporeo, questo è sempre una pausa di ripresa per l’anima la quale, quando si incarna di nuovo, ritorna con nuove forze e maggior Luce e continua lo studio di quella Lezione divina che non aveva conclusa. In questo modo matura nel corso delle epoche il frumento che è la vostra anima.

Vi ho rivelato molto in riferimento alla vita spirituale, ma vi dico che adesso non dovete ancora sapere tutto, ma solamente ciò che è essenziale per il vostro ritorno nell’eterna Patria. Là vi dirò tutto ciò che è destinato affinché lo sappiate.

33. Per rivelarvi in questo tempo nuove Lezioni, ho aperto il tempo della Luce e dello Spirito con la Mia Comunicazione attraverso gli organi d’intelletto di uomini non istruiti ed ignari, ma semplici. Domani, quando avrete compreso le Mie prime Lezioni e messe in pratica, avrete la Comunicazione da Spirito a spirito che è la meta più alta a cui potete ambire. Finché tuttavia questa forma si diffonda fra gli uomini in questo forma di intesa, passerà ancora del tempo e voi non sapete quante epoche passeranno ancora finché sarà perfetta.

34. In tutti i tempi ho cercato una forma di parlare a voi, di renderMi udibile e comprensibile, ma non sempre siete stati disposti o pronti a sentire la Voce divina. In vista del vostro legame alla Terra ho dovuto umanizzarMi e renderMi percettibile ai vostri sensi, per Essere sentito, per farvi giungere la Mia Comunicazione attraverso il portatore umano della Voce, come lo avete sperimentato in questo tempo. Vi ho però annunciato che questa forma della Comunicazione terminerà nel 1950.

35. Popolo, non dimenticare che il vostro Padre vi ha detto in questo giorno che Egli ha sempre cercato una via per comunicarSi a voi, affinché riconosciate che, quando domani non riceverete più la Mia Parola attraverso i Miei strumenti, avrete raggiunto un nuovo tratto di tempo nel quale comincerete a presagire la vera Comunicazione fra il vostro spirito e lo Spirito divino.

36. Nel tempo odierno le anime gioiscono di percepire la Presenza dello Spirito Santo in quella Luce che illumina l’intelletto e colma i cuori con delizia ed Ispirazione. Coloro che non hanno svegliato abbastanza la loro sensibilità per percepirMi, hanno sete e mancanza di pace. A ciò dico a coloro che ricevono la divina Ispirazione che devono chiamare qui i loro prossimi e scuotere per svegliarli attraverso la Notizia della Mia Venuta spirituale.

37. Questa vita è una costante prova per l’uomo dal momento nel quale nasce fino alla morte terrena.

38. La vita umana è per l’anima il crogiuolo nel quale si purifica, e l’incudine sul quale viene forgiata. E’ inevitabile che l’uomo abbia un ideale nella sua anima, fede nel suo Creatore ed amore per la sua destinazione, per portare la sua croce con pazienza fino in cima al monte del suo calvario.

39. Senza fede nella vita eterna l’uomo capita nella disperazione in tutte le difficili prove, senza alti ideali sprofonda nel materialismo e senza forze per sopportare una delusione, egli va a fondo nello scoraggiamento o nel vizio.

40. Gli uomini sanno tutto questo per propria esperienza, perché è stato necessario che imparassero la parte dolorosa della vita e dell’oscurità per poter percepire la Luce, quando questa viene davanti ai loro occhi. Per questo vi ho detto in questo giorno che vi è giubilo nelle anime che hanno aperto i loro occhi per contemplare la Luce divina della Sapienza e dell’Amore.

41. In Verità vi dico, molti fuggiranno la Mia Dottrina per paura di spiritualizzarsi; ma non sarà né la ragione né l’anima che parla in loro, ma le basse passioni della carne.

42. Quando un’anima vive rivolta alla Verità, fugge il materialismo come qualcuno che si allontana da un ambiente contaminato. L’anima che sta in alto trova la sua felicità nella moralità – là dove regna la pace, dove dimora l’amore.

43. La Mia Luce irradia in tutti gli uomini, è una Voce inesorabile, ma benigna, che parla inarrestabilmente a tutti gli uomini.

44. Non preoccupatevi per coloro che apparentemente si ostinano a non ascoltarMi, perché nel momento giusto, nella loro conversione e nella loro fede possono diventare i più ferventi e più saldi. Vi ricordate della conversione di Paolo?

45. Io non faccio passi troppo affrettati. Io so che i Miei figli Mi cercheranno nel mezzo dell’Eternità, in qualche momento, nel desiderio di Redenzione. Si devono affrettare soltanto gli uomini, perché più a lungo rimandano il loro rinnovamento, più prolungano il loro tempo di espiazione.

46. La Luce di questo Terzo Tempo ha colmato i vostri cuori con il sentimento di felicità più vivo, in voi sorge nuovamente la speranza della pace nel mondo. Vi occupate giornalmente di più con le Opere del vostro Signore nel crescente desiderio di collaborare in quest’Opera della spiritualizzazione. In Verità vi dico, Io vi ricompenserò tutto il tempo che impiegate nella Mia Opera. Non trascurate però i vostro obblighi sulla Terra per dedicarvi allo spirituale, finché siete sicuri che Io ve l’ho comandato. Allora non dovete solo lasciare dietro di voi il vostro lavoro, ma persino i vostri parenti, per partire in una o l’altra zona per portare ai vostri prossimi il Lieto Messaggio.

47. Fra questo popolo sorgeranno coloro che si dedicheranno al Mio Servizio. Si preparano per non vacillare domani nelle prove. Non tutto il popolo sa prepararsi per la lotta, perché state appunto vedendo che molti che hanno sentito la Mia Parola, ne sono rimasti intoccati, e che il cuore non è disposto ad obbedire.

Se soltanto poteste vedere gli spiriti della Luce che vegliano su di voi, come soffrono in vista della durezza di cuore e della disobbedienza del popolo; se poteste sentire il loro pianto spirituale! Perché non vi orientate secondo l’infallibile consiglio che vi danno questi esseri? Non avete trovato in loro il vostro fratello amorevole e compassionevole, il vostro fedele ed altruistico amico?

49. Pensate che molto presto sarete nello spirituale e che ciò che avete seminato su questa Terra, lo dovete anche raccogliere. Il passo da questa vita nell’altra rimarrà ancora un serio e severo Giudizio per l’anima. Nessuno sfugge a questo Giudizio, anche se si considera come il più degno dei Miei servitori.

50. E’ la Mia Volontà che dal momento nel quale entrate in quella infinita Patria, non sperimentiate più le paure della Terra e cominciate a sentire la fel icità e la delizia di essere saliti su un ulteriore scalino.

51. Non lasciate nulla di incompiuto in questo mondo. Amate gli uomini come la vostra propria famiglia. Pregate per gli uomini, per quanto possano anche stare lontani, come pregate, quando uno dei vostri è assente e soffre. Guarite i malati, e mentre lo fate, pensate a tutti coloro che in quell’ora bevono il calice della sofferenza. Lasciate durante tutta la vostra via una traccia di Luce della vostra vita sull’ampio mare che attraversate. Non dormite, mentre la Mia Luce illumina la coscienza. Pensate che coloro che vegliano, ricevono la Mia Ispirazione per poi trasmettere il Mio Messaggio ai loro prossimi. Separatevi da tutto l’inutile e cattivo, affinché siate degni in ogni momento di possedere la Mia Grazia.

52. Accogliete l’anima in mezzo a voi che viene sulla Terra per incarnarsi in un bambinello ed assistete con la vostra preghiera anche quell’anima che si stacca dal suo corpo e si congeda da voi. Accompagnatela con la vostra preghiera fino alla soglia dell’aldilà. Amate i vostri prossimi e servite loro in ogni ora ed in ogni situazione difficile che dovessero sperimentare.

53. Vivete spiritualmente sempre vigili, affinché possiate perdonare di cuore a coloro che vi hanno offesi. Riflettete in anticipo che, chi ferisce il suo fratello, lo fa solamente perché gli manca la Luce spirituale ed Io vi dico che il perdono è l’unica cosa che può portare Luce in quei cuori. Il rancore e la vendetta aumentano l’oscurità ed attraggono la sofferenza.

54. Siate intelligenti e coraggiosi nelle prove, affinché lasciate indietro questo seme nei cuori dei vostri figli e che loro si ricordino di voi con affetto e gratitudine, come voi ricordate i patriarchi del Primo Tempo che vi hanno lasciato l’eredità di fede, di coraggio, come era con Abramo il quale fu riconosciuto ed amato come padre di tutto un popolo.

55. Oggi sono consigli che vi ho dato, ma sono Consigli celesti, perché ho la Mia Gioia di parlarvi come Padre, dato che nel Mio Spirito sento il vostro amore di figli.

56. Popolo, a suo tempo Giovanni, che viene anche chiamato il Battista, battezzava con acqua coloro che credevano nella sua profezia. Quest’azione era un simbolo per la purezza dal peccato primordiale. Egli ha detto alle schiere di uomini che venivano al Giordano per sentire le parole del preparatore della via: “Ecco, io vi battezzo con acqua, ma è già sulla via Colui che vi battezzerà con il Fuoco dello Spirito Santo”.

57. Tutti i veggenti erano nati da questo divino Fuoco, ne sono proceduti puri e netti. Se però si sono macchiati sulla loro via con il peccato che la disobbedienza ha portato con sé, allora si effonde nuovamente su di loro il Fuoco del Mio Spirito per distruggere il loro peccato, per cancellare le loro macchie e per restituire a loro la loro originale purezza.

58. Se voi trasformate questo battesimo spirituale - invece di intenderlo come purificazione che l’uomo ottiene attraverso un atto di sincero pentimento nei confronti del suo Creatore - in un rito e vi accontentate con il contenuto simbolico di una azione, in Verità vi dico, allora la vostra anima non otterrà nulla.

59. Chi agisce così, vive ancora nei tempi del Battista, ed è come se non avesse creduto nelle sue profezie e parole che parlavano del battesimo spirituale, del Fuoco divino, attraverso il quale Dio purifica i Suoi figli e li rende immortali nella Luce.

60. Giovanni chiamava gli uomini a sé da adulti, per versare su di loro quell’acqua come simbolo della purificazione. Loro venivano da lui, quando si rendevano già conto delle loro azioni e potevano già avere la ferma volontà di rimanere sulla via del bene, della rettitudine e della giustizia. Vedete come l’umanità ha preferita a svolgere l’atto simbolico della purificazione per mezzo dell’acqua, invece del vero rinnovamento attraverso il pentimento e la ferma premessa del miglioramento, che nasce dal’amore per Dio. L’azione rituale non significa nessuno sforzo; invece purificare il cuore e lottare per rimanere puro, significa per l’uomo ben uno sforzo, rinuncia e persino sacrificio. Perciò gli uomini hanno preferito coprire i loro peccati all’apparenza esteriore, mentre si accontentavano con il mantenimento di cerimonie, determinate azioni e riti che non migliorano per niente la loro situazione moralistica o animica, se in loro con parla anche la coscienza.

61. Discepoli, questo è il motivo perché non voglio che fra di voi si svolgano azioni rituali, affinché non dimentichiate attraverso il loro svolgimento, che cosa agisce davvero sull’anima.

62. Il peccato ereditario non proviene dall’unione di donna e uomo. Io, il Creatore, ho ordinato questa unione quando ho detto ad ambedue: “Crescete e moltiplicatevi”. Questa era la prima Legge. Questo peccato era nell’abuso che gli uomini hanno fatto del Dono della libera volontà.

63. Preparatevi per continuare ad accogliere in mezzo a voi i bambini che vi affido. Rendetevi conto del vostro compito e della vostra responsabilità. Troverete questa Luce nella Mia Dottrina.

64. Sappiate che l’anima quando si incarna, porta con sé tutte le facoltà, che la sua destinazione è già scritta e che perciò non deve prima ricevere qualcosa nel mondo. Porta con sé un Messaggio con o senza compito d’espiazione. Qualche volta raccoglie una (buona) semenza, ed un’altra volta paga una colpa. In questa vita riceve però sempre una Lezione d’Amore dal Padre suo.

65. Voi che accompagnate i vostri figli attraverso questa vita, provvedete che loro, quando il tempo dell’innocenza infantile sarà passato, prendano la via della Mia Legge. Risvegliate i loro sentimento, rivelate loro le loro facoltà e stimolateli sempre al bene ed in Verità vi dico, chi guidate a Me in questo modo, verrà inondato dalla Luce che irradia da quel Fuoco divino che è il Mio Amore.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 100

 

1. Se vengo da voi come Giudice sentite di nuovo quella Voce di Geova che ha fatto tremare il vostro corpo e la vostra anima nel Primo Tempo. Allora gli uomini si turavano le orecchie cercando di non dover sentire l’onnipotente Voce del loro Padre. Oggi dico a questo popolo: Non turatevi le orecchie, non chiudeteMi i vostri cuori, riconoscete come si distende la Mia infinita Grazia in tutto l’Universo. Non abbiate paura, voglio solo il dono di sacrificio del vostro amore,

2. Chi ha peccato, Mi ha ferito. Avete forse peccato? Se è così, riconoscete che sono venuto anche come Padre e come Maestro per perdonarvi ed insegnarvi nuovamente la via alla salvezza.

3. La Mia Legge è nata dall’Amore, non dalla vendetta. Quando visito gli uomini con la Mia Giustizia, allora solo perché li voglio salvare. Quando tolgo ai re il loro scettro, allora perché li voglio vedere umili. Se chiamo alla giustificazione coloro che guidano l’umanità, avviene perché ho visto che non è amore, pace o giustizia che hanno seminato nei cuori dei loro popoli. Vedo solamente che i campi sono stati seminati con morte, afflizione, discordia e miseria.

4. I morti chiamano tacendo per giustizia, e coloro che hanno fame corporea ed animica, sono pieni di odio nei loro cuori per esercitarlo quando sarà venuto il momento.

5. Umanità, sto cercando la tua riconciliazione. Non vivete nella Mia Legge. Distruggete l’armonia fra voi ed il vostro Dio e tutto ciò che è creato. Non vi amate come fratelli e questo è il segreto dell’essere felice che Gesù ha rivelato. Se però avete perduto l’armonia fra voi, credete allora di poterla conservare con i regni della natura della Creazione? La mano dell’uomo ha evocato il giudizio su di sé. Nel suo cervello imperversa una tempesta, nel suo cuore infuria un temporale e tutto questo si rivela anche nella natura. I suoi elementi sono scatenati, le stagioni diventano insidiose, sorgono ed aumentano piaghe e questo perché i vostri peccati crescono e provocano malattie, e perché la scienza stolta ed arrogante non riconosce l’Ordine che era stata determinato dal Creatore.

7. Se vi dicessi solo questo, non lo credereste. Perciò è necessario che potete toccare con mano il risultato delle vostre opere, affinché ne siate delusi. Proprio adesso avete raggiunto il momento della vostra vita nel quale sperimentate il risultato di tutto ciò che avete seminato.

8. Voi che avete sentito questa Parola, Mi domandate nei vostri cuori perché non fermo il disastro che gli uomini hanno preparato con l’aiuto della loro scienza. A ciò vi rispondo: L’uomo deve vuotare il calice che ha riempito. Le nazioni con la loro follia di razze e le sue ambiziose mete si sono già da tempo preparati per la lotta per distruggersi a vicenda. Solo il Mio Amore lo ha fermato (finora); ma l’umanità non ha voluto né riconoscere né comprendere questa dimostrazione della Misericordia divina.

9. Li lascerò fare soltanto un momento, ma questa breve spanna di tempo della Giustizia divina basterà per ricordare loro l’Amore del loro Creatore, perché nessuno può esistere senza la Mia Legge o senza la Mia Pace.

10. Popolo, dato che Mi hai sperimentato come Giudice, allora parla, se la Mia Giustizia somiglia alla vostra. Chiedete a voi stessi se Io merito Essere temuto o amato?

11. Vedete quanto si è diffusa la semenza benedetta di questa Dottrina in adempimento della Mia Parola. Dalle grandi città ha preso la sua via nelle strisce di terra più povere ed ha percorsa grandi distanze. Non passerà, possa anche cessare di esistere in un cuore nel quale muore la fede; ma allora sarà già seminata in altri cuori. La Mia Parola andrà da questo paese in altre regioni a cercare cuori dove possa germogliare. Nessuno potrà impedire che questa Dottrina si diffonda.

12. Il frumento è ora ancora mescolato con semenza umana con tutte le sue imperfezioni, perché non vi siete resi conto dell’essenziale della Mia Dottrina. Quando però aprite i cuori dello spirito e vi risvegliate alla percezione della Verità, contemplerete la purezza divina di questa Rivelazione ed allora l’abbraccerete con tutto l’amore ed il fervore del vostro cuore, la porterete pura e netta in voi e la farete conoscere all’umanità che è divisa e lontana dalla via della Mia Legge.

13. Se credete che la Mia Parola parla solamente ai presenti, vi sbagliate. La Mia Parola è per ognuno che la riceve, sia oggi, domani o nel lontano futuro. E’ uguale se la riceve tramite un portatore della Voce, attraverso un testimone oppure per mezzo di uno scritto.

14. A voi presenti ed a voi futuri il vostro Padre dice: Se volete essere seminatori della Verità, curatori dello spirituale, amici della pace, allora riconoscete la perfezione della Mia Semenza e purificate i vostri cuori. Preparerò uno dopo l’altro per la lotta (per la diffusione della Parola), indicherò loro la via e preparerò il terreno per la semina.

15. Apparentemente saranno bisogni materiali che vi portano in altri luoghi, ma in Verità era il vostro compito che vi ha guidato, per mostrarvi l’estensione dei campi non coltivati oppure solo scarsamente, affinché vi mettiate la semenza benedetta che Mio Spirito vi ha consegnato in questo Terzo Tempo.

16. Pregate per tutti gli operai, i vostri fratelli, unitevi tutti in una preghiera dell’uguaglianza e della fraternità. Vegliate sulle comunità, sia che sono grandi o piccole, vicine o lontane.

17. Lasciate scorrere la linfa dell’Albero della vita attraverso il vostro essere affinché anche i vostri frutti siano pieni di vita.

18. La Mia Istruzione è molto profonda, discepoli, ma vi ho messo a disposizione dei mezzi per comprenderla. Ricevete gli esseri dell’aldilà che ho inviati a voi con un Messaggio di Luce, affinché vi aiutino a procedere dallo spirituale al Divino. Ascoltateli, quando vi consigliano di allontanare ogni legame materiale dai vostri cuori, per poter librarvi al Divino. Chi potrebbe parlarvi di spiritualizzazione meglio di loro? Quando loro menzionano la Patria spirituale, vi parlano da sapienti, perché da lì vengono a voi.

19. Questi esseri hanno vissuto attraverso il crogiuolo della purificazione. La loro lotta, il loro pentimento su trasgressioni passate, la loro esperienza ed elevazione animica sono sati meriti che ho trovato in loro e così li ho inviati affinché si annuncino fra il Mio popolo.

20. Loro sono puri e perciò possono parlare al mondo di purezza; loro amano Me e voi. Perciò hanno il diritto di parlare di amore; loro sono compenetrati di salute e per questo motivo possono trasmettere la salute ai malati.

21. Li ho mandati fuori come esempi per l’umanità. Seguiteli con fervore e rendetevi degni di parlare di amore, rinnovamento, pace e spiritualizzazione. In Verità vi dico, se agite così, fra il Mio popolo non ci saranno farisei ipocriti di quel genere che erano molto tesi all’apparenza esteriore e nascondevano nel cuore putridume e sporcizia.

22. Coloro che nel loro intelletto hanno ricevuto l’irradiazione di quegli esseri, e coloro che sentono i loro messaggi, devono permettere che si rivelino pienamente, affinché il loro ricordo rimanga indelebile nei cuori della schiera di ascoltatori e la loro semenza sia immortale nei cuori degli uomini. Pensate che il loro (diretto) collegamento con questo popolo finirà nel 1950.

23. L’ispirazione di questo mondo superiore continuerà a guidare ed ispirare i discepoli del Signore, benché Io vi indico che la loro comunicazione nel corso del tempo diventerà sempre più sottile e luminosa nella misura come cresce la vostra spiritualizzazione.

24. Dovete procedere su questa via senza fermarvi, ma vi devo dire contemporaneamente, è da percorrere passo dopo passo e non in una corsa a perdifiato.

25. Non sprofondate nella routine abituale – comprendete quando sarà venuto il tempo di fare un ulteriore passo sul sentiero della Luce. Non affrettatevi, ma non ritardate nemmeno a farlo.

26. Il giusto modo a non capitare nell’arresto è di attenervi precisamente alla Mia Parola e di astenervi da ogni azione esteriore con la quale vorreste sostituire la vera esecuzione della Mia Istruzione.

27. Sono da voi anche come Maestro, come Padre, come Medico. Aprite i vostri cuori, o schiere di uomini, che siete venuti qui con il vostro peso di sofferenze. Chiudete per un attimo i vostri occhi al mondano, e percepirete la presenza dello spirituale. Il viandante stanco sentirà l’ombra di un albero invisibile che gli dona ombra e lo fortifica. Il cuore bisognoso d’amore sentirà che è entrato nella Casa divina, dove si sente la Voce del Padre simile ad un concerto. Il malato avrà la sensazione che una mano benefica e misericordiosa sia scivolata sulla sua ferita che la colma con il Balsamo guaritore e lenisce il suo dolore.

28. Imparate a venirMi più vicino – imparate a chiederMi per ricevere e per sperare. Allora sperimenterete come nella vostra vita si rivelano dei miracoli.

29. Questo è un tempo nel quale l’uomo deve contribuire la sua parte di spiritualizzazione e fede, affinché i nuovi miracoli diventino realtà. Il mondo vorrebbe rivivere ancora una volta le Opere che Gesù ha compiuto davanti agli occhi degli uomini. A ciò Io vi dico che non dovete desiderare ostinati di continuare a vivere in una epoca che è già passata. Siete entrati in un nuovo tempo, ed in questo Io vi darò nuovi Insegnamenti che non vi sono stati ancora rivelati e ripeterò le Mie Opere, ma adesso in forma spirituale.

30. Dovete essere desti, discepoli, perché non vi parlerò solamente attraverso questo megafono. Mi annuncerò al vostro spirito anche in momenti nei quale il vostro corpo dorme. Vi insegnerò a darvi preparati al sonno e di staccare la vostra anima dal terreno, affinché si elevi alle regioni della Luce dove riceverà la profezia con la quale illumina la sua via per poi trasmettere il messaggio all’intelletto.

31. Il discepolo che sa ricevere il suo Maestro nel momento nel quale Questo lo cerca, non vacilla sul sentiero, né si considera debole o abbandonato nella lotta.

32. Imparate a comprendere che cosa è la spiritualizzazione che voglio da voi, affinché non capitiate in una fantasiosa religiosità che, invece di promuovere l’anima affinché comprenda le Istruzioni divine, accumuli davanti a sé nuove confusioni.

33. Interiorizzatevi, discepoli, lasciate cominciare la vostra anima a contemplare quella Vita che l’aspetta – quel mondo che nella sua camera del tesoro tiene pronte infinite magnificenze per i figli della Mia Divinità.

34. Non rimandate l’ora nella quale la vostra anima raggiunge questa Beatitudine.

35. Il Mio popolo cresce, aumenta, non solo sulla Terra, ma anche nel mondo spirituale. Fra quelle schiere spirituali ci sono coloro che erano legati con voi in legami di sangue, sia che erano stati i vostri genitori, fratelli o figli.

36. Non meravigliatevi se vi dico, che il Mio popolo è così numeroso che la Terra non avrebbe per esso abbastanza spazio e che sarà ancora più grande. Quando l’avrò una volta unito e non mancherà nemmeno uno dei Miei figli, gli verrà dato l’Infinito come Patria, quella sfera della Luce e della Grazia che non ha fine.

37. Qui sulla Terra vi preparo soltanto, vi do le necessarie Indicazioni attraverso la Mia Dottrina, affinché sappiate come avvicinarvi a quella Vita. Questa umanità è solo una parte del popolo di Dio. E’ necessario che tutti conoscano questa Spiegazione, affinché orientino la loro vita sull’ideale della perfezione. Questo Messaggio divino che è la Mia Parola pronunciata tramite le labbra del portatore umano della Voce, deve giungere a tutti gli uomini secondo la Mia Volontà. La Mia Parola è la Campana che chiama il mondo, il senso del suo contenuto metterà in agitazione i popoli e li sveglierà a riflettere sulla destinazione dell’anima dopo questa vita.

38. Finché le comunità religiose continueranno a rimanere nel profondo sonno e non abbandoneranno le loro vie abituali, non vi sarà nessun risveglio spirituale, né conoscenza degli ideali spirituali e perciò non potrà esserci nessuna pace fra gli uomini, né spazio per il fattivo amore per il prossimo; non potrà risplendere la Luce che risolve i gravi conflitti umani.

39. Ho chiamato voi che Mi ascoltate, il “Mio popolo”, perché vi ho affidato la Mia Dottrina per invitare gli uomini - non in prima linea a seguire voi, perché soffrite ancora di molte imperfezioni –per prendere davvero la via della Mia Legge che è del tutto certamente perfetta.

40. Lontano da voi, sparso fra i popoli della Terra, nascosto fra le grandi masse di uomini ci sono molti uomini che sono figli del Mio popolo, perché vivono nella Mia Legge ed il loro ideale è, ispirato dal Padre a raggiungere la spiritualizzazione, arrivare ai loro prossimi attraverso l’amore altruistico. Fra i presenti invece che sentono giorno per giorno la Mia Parola, ci sono quelli che non posso ancora considerare come appartenenti al Mio popolo, benché Mi abbiano sentito anno dopo anno; perché invece di amore, in loro si mostra il mal volere, invece di prontezza d’aiuto, l’egoismo; invece di avere un ideale del perfezionamento animico, in loro supera l’amor proprio e fanno tutto ciò che lusinga la loro vanità.

41. A suo tempo ho detto ai Miei discepoli: “Vi farò eredi del Mio Regno”; ma non credete che si siano resi degni di questa Grazia solo perché hanno vissuto insieme al loro Maestro. Ricordatevi che c’era uno, benché si fosse seduto molte volte con il suo Signore per mangiare ed abbia vissuto presso di Lui e sovente sentito la Sua Parola, non era degno di ricevere quel Testamento celeste che il Maestro ha affidato ai Suoi discepoli, quando era seduto per l’ultima volta a Tavola con loro.

42. Il Regno del Padre è l’eredità di tutti i figli, questa Grazia può essere raggiunta solamente attraverso grandi meriti dell’anima. Io voglio che non lo consideriate impossibile raggiungere la Grazia che vi porta più vicino a Me.

43. Non siate tristi quando sentite nella Mia Parola che solo con grandi sforzi e fatiche giungete nella terra promessa. Rallegratevi, perché chi orienta la sua vita su questa meta, non soffre delusioni, né si vede ingannato. Non gli accadrà come a molti che tendono alla fama del mondo e che dopo molte fatiche non la ottengono comunque, oppure la raggiungono, ma presto sperimentano la sofferenza di vederla scomparire finché non ne rimane più nulla.

44. Discepoli, la Mia Dottrina vi mostra che voi, senza allontanarvi di un solo passo dai vostri obblighi umani e dalle nobili mete di questa vita, dovete sempre avere in voi il desiderio di muovervi verso Dio e di diventare degni a ricevere l’alta ricompensa che vi è promessa.

45. Il corpo è strettamente unito con l’anima che questa, quando sa che il suo involucro corporeo soffre, ha la sensazione come se il male fosse in lei stessa. Fate uso del Mio Balsamo guaritore, anime, e guarite il vostro corpo; fatelo stare al di sopra del dolore, infondetegli fede e speranza.

46. Venite qui afflitti e vi lamentate da Me delle vostre sofferenze. Il Maestro però vi dice che Egli, anche se ha da soffrire molto dolore fra i Suoi figli, stende la Sua Mano compassionevole e vi tocca, affinché sentiate il Miracolo della Sua Carezza e vi eleviate sani e lo testimoniate, affinché ancora altri vengano a Lui.

47. Coloro che sanno vincere le afflizioni della vita, non permettono mai che queste rattristano la loro anima. Vedete come ricevono qui la Mia Presenza con grande giubilo nei loro cuori di discepoli, mentre colui che si è lasciato vincere dalle prove, viene qui triste ed abbattuto. Invece di mandare in alto a Me un canto spirituale di lode, Mi mostra solo il suo dolore e le sue lacrime. Io accetto questo sofferto dono di sacrificio, ma Io voglio che lo trasformiate in un dono di sacrificio della fede, della fiducia e della pace.

48. Mi domandate se Io non possa fare nulla per voi? Ah, Miei piccoli bambini, ancora prima che Mi chiedete, vi ho già messo nelle vostre mani ciò di cui avete bisogno! Stando però nella lotta della vita e camminando sulle vostre vie senza la Luce della fede, non siete in grado di sentire la Mia Presenza né di riconoscere ciò che Io faccio giungere alla vostra anima, né di contemplare la Luce del nuovo giorno che attende solo il vostro risveglio, affinché la vediate risplendere pienamente.

49. Domandate a coloro che nella loro vita hanno visto diventare realtà il Miracolo – domandate coloro che vengono qui con una gioia che si riflette nel loro volto. Con la loro testimonianza vi apriranno un Libro nel quale leggeranno una storia che sarà un Esempio d’Insegnamento ed uno sprone per la vostra fede.

50. Come potete credere che Io ami meno colui che soffre di più? Potete considerare il vostro dolore come un segno per il fatto che Io non vi ami? Se solo comprendeste che sono venuto da voi proprio per Amore! Non vi ho detto che il giusto è già salvato e che non il sano ha bisogno del medico? Quando vi sentite malato e vi riconoscete come peccatore nel vostro auto esame alla Luce della vostra coscienza, allora siate certi che sono venuto per cercare proprio voi.

51. Se credete che Dio abbia a volte versato Lacrime, allora non è certamente stato per via di coloro che si rallegrano del Suo Regno celeste, ma per via di coloro che sono smarriti o piangenti.

52. Guardate qui la via perfetta, perché nella Mia Parola vi è la Luce che conduce alla perfezione.

53. Il Mio Spirito entra nel vero tempio che è il vostro cuore. Da lì Mi avete chiamato e Mi avete pregato di venire da voi, di darvi la Mia Parola ed EccoMi!

54. Voi credete in Me e pronunciate credenti il Mio Nome. Chi conserva le Mie Istruzioni ed agisce di conseguenza, sarà redento.

55. La vostra anima non può andare a fondo dell’oscurità della confusione, perché il Mio Sangue versato sulla Croce sul Golgota incoraggia la vostra anima ad affrontare il pellegrinaggio sulla via al suo sviluppo e di seguire le Orme del suo Maestro. Vi ho riscattato al prezzo del Mio Sangue, del Mio Amore. Fin da allora siete preparati a risorgere dai morti.

56. Se Mi sentite parlare così, dichiarate nell’interiore che dinanzi a Me siete peccatori e quando sentite che la vostra anima si tranquillizza, allora è perché avete obbedito al rimprovero della coscienza, trovate una comunione dell’amore con la Mia Divinità.

57. Questo Amore che si avvicina a voi, è la porta nel Regno dei Cieli che si apre davanti al vostro spirito come un Invito che dura per sempre.

58. Quale dei Miei figli è diventato debole nella fede e si è smarrito sulla via della vita, al quale non Mi Fossi rivolto per dargli la Vita? Chi di coloro che soffrono nel silenzio, non è stato esaudito da Me? Quale figlio diventato orfano sulla Terra non ha sentito nella sua vita la presenza ed il conforto di Maria che lo consola? Quale malato mortale non ha sentito nel suo più interiore la stessa Voce che ha detto una volta a Lazzaro:”Alzati e cammina!”? Io sono Cristo, il Conforto e la Luce del mondo. Io vi seguo nella vostra fede o nel vostro dubbio, perché Io so che persino colui che Mi rinnega più forte, alla fine sarà presso di Me, soccombendo al peso dell’espiazione delle sue opere.

59. Venite qui da Me tutti voi che siete aggravati con sofferenze ed Io vi darò la purezza con le Mie Parole. Quando poi non Mi sentirete più, continuerete a sentire la Mia amorevole Vicinanza.

60. Ricevete la Mia Luce, affinché illumini la via della vostra vita e nell’ora della morte vi liberiate dall’offuscamento della consapevolezza. Allora nel momento in cui oltrepasserete la soglia nell’aldilà saprete chi siete, chi siete stati e chi sarete.

Ascoltate la Mia Parabola:

61. C’era una volta un re che circondato dai suoi sudditi festeggiando una vittoria che ha conquistato su un popolo ribelle che era diventato vassallo.

62. Il re ed i suoi cantavano un inno di vittoria. Poi il re disse al suo popolo: “La forza del mio braccio ha vinto ed ha fatto crescere il mio regno; ma amerò i vinti come voi, darò loro dei campi sui miei possedimenti, affinché coltivino la vigna ed è la mia volontà che voi li amiate come io li amo.

63. Passò il tempo e fra quel popolo che era stato vinto dal re attraverso amore e giustizia, comparve un uomo che si ribellò contro il suo signore ed ha cercato di ucciderlo nel sonno, mentre però lo ha solo ferito.

64. In vista del crimine quell’uomo fuggì per nascondersi nelle foreste più buia, mentre il re si lamentava dell’ingratitudine ed assenza del suo suddito, perché il suo cuore lo amava molto.

65. Quell’uomo nella sua fuga venne catturato da un popolo nemico del re, e quando fu accusato ad essere un suo suddito, il cui dominio non riconobbero, costui gridò loro spaventato a squarciagola di essere un fuggitivo, perché aveva appena ucciso il re. Ma non gli si dava nessuna credibilità e fu condannato a morire su un rogo, prima di essere stato torturato.

Quando già sanguinava e lo si stava per gettare nel fuoco, avvenne che il re con i suoi servi che era alla ricerca del ribelle, passò da lì e quando vide ciò che stava succedendo, quel dominatore alzò il suo braccio e disse agli sgherri: “Che cosa fate, popolo ribelle?”. Ed al suono della voce maestosa ed inesorabile del re, i ribelli si gettarono davanti a lui.

66. Il suddito ingrato che giaceva sempre ancora vicino al fuoco in catene ed aspettava soltanto l’esecuzione della sua sentenza, era sbalordito e colpito che il re non era morto, che si avvicinava a lui passo dopo passo e lo liberava. Lo ha portato via dal fuoco e fasciato le sue ferite. Poi gli ha dato del vino da bere, lo ha vestito con un nuovo abito bianco e dopo averlo baciato sulla fronte, gli ha detto: “Mio suddito, perché sei fuggito da me? Perché mi hai ferito? Non mi rispondere con parole, voglio solo che tu sappia che ti amo ed ora ti dico: vieni e seguimi”. / Quel popolo che ha assistito a questa scena di misericordia, e cambiato interiormente, ha esclamato meravigliato: “Osanna! Osanna!”. Si è dichiarato come vassallo obbediente di quel re ed ha ricevuto solo benefici dal suo signore ed il suddito, che una volta si era ribellato, si è premesso, sopraffatto da tanto amore del suo re, a rimettere quelle dimostrazioni di sconfinato affetto mentre avrebbe amato ed onorato per sempre il suo signore, costretto dalle sue opere così perfette.

(fine della Parabola)

67. Vedi, popolo, quanto è chiara la Mia Parola! Gli uomini però combattono contro di Me e perdono la loro amicizia per Me.

68. Quale danno ho inflitto agli uomini? Quale svantaggio porta loro la Mia Dottrina e la Mia Legge?

69. Sappiate: Ogni volta che Mi ferite, ogni volta Io vi perdonerò. Allora siete però anche obbligati a perdonare ai vostri nemici ogni volta che vi offendono.

70. Vi amo, e quando vi allontanate di un passo da Me, allora Io faccio lo stesso passo per avvicinarMi a voi. Quando Mi chiudete le porte del vostro tempio, Io busserò finché voi aprite ed Io posso entrare.

71. Se credete di essere già redenti perché sono stato sulla Croce, allora comprendete anche questo, che vi dovete dimostrare degni di quella salvezza e seguire quell’esempio.

72. Presso di Me ci sono coloro che hanno peccato e che oggi sono benedetti, coloro che hanno bestemmiato ed oggi ricevono la Mia Parola d’Amore sulle loro labbra. Le adultere che non avevano nessuna pace nella loro coscienza, hanno avuto il perdono, affinché non peccassero di nuovo, perché Io sono la Resurrezione e la Vita.

73. Dato che voi siete i discepoli ed eredi della Parola divina, allora non bestemmiate più. Pensate che vi ho dato una lingua compiacente per esprimere ogni idea, ogni ispirazione ed ogni sentimento.

74. Questa è la Mia Parola per l’ignaro e per l’erudito.

75. Siate “Il buon popolo”, siate come uno specchio levigato, affinché tutti credano che Io sono da voi.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 101

 

1. Se le pecore non chiamano il pastore, questo le cerca per condurle nel recinto.

2. Discepoli, vi preparo affinché dopo il Mio Commiato voi andiate di provincia in provincia e diffondiate il Lieto Messaggio che il Maestro è stato fra gli uomini. In questo tempo gli organi d’intelletto dei Miei portatori della Voce saranno chiusi per questa Comunicazione, il Mio Raggio divino ed i Miei figli spirituali non si manifesteranno più in questa forma. Tutto cambierà dopo il 1950. Se coloro che erano megafoni e portatori di Doni dello Spirito, rimarranno perseveranti nella loro preparazione ed elevazione animica, saranno i primi che riceveranno il dialogo fra Spirito a spirito per poi insegnarlo alle schiere dei credenti.

3. Le labbra dei Miei discepoli devono essere preparati a donare conforto ai sofferenti e la loro casa deve essere preparata ad accogliere coloro che vengono qui nel desiderio di pace.

4. Non tutti i Miei operai andranno via per far conoscere la Mia Verità. Gli uni continueranno ad aspettare i loro prossimi, mentre altri li cercheranno nei loro villaggi, province e nazioni.

5. Gli esseri spirituali che vi hanno protetti, saranno intorno a voi e vi daranno sulla vostra via ispirazione, forza e fede.

6. Intanto ascoltateMi, imparate da Me, mettete in pratica e pregate per questo mondo che sta andando a fondo e muore dissanguato. Se aspettate che il Padre assuma da Solo la provvidenza per il mondo, vi trovate in un errore: Voi avete da portare una gran parte del peso di questa croce.

7. La vostra sofferenza non deve farvi dimenticare coloro che vivono in costante disperazione e paura. Grandi sono le vostre fatiche e difficoltà nella vita quotidiana, ma non potete paragonarle con quelle che schiacciano qualche volta i vostri prossimi.

8. Io so bene che attualmente certi cuori sono sordi per la Mia Chiamata, lontani da Me, pienamente presi dai loro piani ambiziosi e le loro animosità. Nonostante ciò, perché da voi ci sono anche dei momenti nei quali siete sordi per le Mie Ispirazioni e vi mostrate trascurati sulla via spirituale che vi ho presegnata? Non asserite che sono la ribellione della vostra carne e le vostre miserie e preoccupazioni continuamente crescenti che vi allontanano da Me.

9. Io sono ovunque, potete trovare ad ogni passo una occasione a mettere in pratica le Mie Istruzioni, che lo spirito adempia la sua missione persino nei lavori materiali.

10. Riflettete ogni giorno cinque minuti sulle vostre opere, giudicate voi stessi e fate la premessa di migliorarvi sempre di più.

11. La preghiera è baluardo, arma e scudo dello spirito. Rifugiatevi sempre in essa non sarete deboli.

12. Vi parlo con Parole semplici e comprensibili per tutti. Non vi ho impressionato con un modo d’espressione ricercato, né con filosofie incomprensibili, né vi ho parlato con Parole straniere. La Grandezza della Mia Parola si trova nella sua semplicità. Scopritela ed esaminatela.

13. Confessatevi spiritualmente da Me – nella consapevolezza che Io scopro ciò che celate nel fondo del vostro cuore. Fate sorgere nei vostri cuori vero pentimento e sforzatevi di venire a Me sempre più puri.

14. Imparate tutto questo e sulla vostra via sarete riconosciuti come Miei discepoli. Quando riconosceranno il vostro dono della guarigione, certi vorranno comprare il vostro segreto – alcuni in buona intenzione, altri con brama di guadagno. Voi però dovete dire loro che il segreto di aiutare il prossimo sofferente, è l’amore per il prossimo e che tutti possiedono questa facoltà.

15. Voi possedete delle facoltà con le quale potete stupire il mondo. Per mezzo del dono della vista spirituale profetizzerete e sarete persino superiori alle previsioni della scienza.

16. Io compio miracoli attraverso i Miei operai, persino attraverso i più scarsi. E’ il tempo nel quale il semplice ed il non istruito Mi ringrazia, perché gli ho concesso la Mia Misericordia e l’ho fatto Mio servitore, perché in un uomo con la mente non istruita si può celare uno spirito che riconosco soltanto Io.

17. Ho visto molti sospirare e piangere sul bordo dell’abisso, perché il loro involucro corporei era stato ribelle ed indomabile. La loro anima però, che lotta per vincere gli smarrimenti della carne, si è elevata a Me nella preghiera per dirMi: “Signore, se non mi vieni in aiuto, vado a fondo”. – Allora il Maestro Si è rivolto a loro per rendere duttile quel corpo ribelle con una Parola o una prova e per dare potere all’anima di vincere le passioni e debolezze umane.

18. Questi sono coloro che – benché poveri in ispirito e minimi sulla Terra – sono provveduti oggi con forza e le loro labbra esprimono profondi insegnamenti, guariscono malattie che per altri erano impossibili da guarire.

19. Sareste in grado a rispondere alle Mie Domande sulla Mia precedente Istruzione?

20. Il Libro rimane là, aperto alla stessa pagina che vi ho mostrato l’ultima volta; ma è necessario continuare senza sosta. Perciò procuro che la Mia Parola rimanga incisa nel vostro spirito, affinché vi venga in mente quando ne avete bisogno.

21. Io sono il Libro della Vita. Io provvederò che ognuno di voi sia un piccolo libro del Sapere; per questo scopo sto scrivendo attualmente le Mie Istruzioni nel vostro cuore. Domani questa Dottrina giungerà a tutti i popoli e case. Potete però dire già adesso che avete il privilegio di essere stati presenti come Miei ascoltatori durante questa Comunicazione.

22. Ho chiamato coloro che si consideravano diseredati – coloro che interiormente sembravano superflui per l’umanità – coloro che soffrivano delle umiliazioni, in parte persino attraverso i loro parenti, ed ho messo nelle loro mani questo Libro dell’Amore.

23. Avete visto sorgere l’aurora di una nuova epoca, ma per questo non potete dire di avere già vissuto tutto. Perciò vi preparo accuratamente. Quando nel futuro vedrete risplendere chiaramente questa Istruzione, non dovete essere né confusi né abbagliati dalla sua Luce. Da discepoli dovete diventare soldati pronti alla difesa della Verità; a questo scopo vi rivelo quali armi sono con le quali dovete combattere. Se doveste però dimenticarlo, non è superfluo che Io vi ricordo che le armi con le quali sarete invincibili, sono queste: la preghiera, la misericordia, il perdono, la sincerità, la mansuetudine, il fervore per la cosa giusta ed il bene e l’amore.

24. Vi era destinato di vivere sulla Terra e quando le vostre delusioni e fatiche vi hanno indotti a chiedere a Dio il Consiglio celato, avete avuto subito la Risposta divina, quando siete stati chiamati qui per sentire la Mia Parola che è Carezza e Balsamo e contemporaneamente anche Legge.

25. Mentre Mi sentite parlare come Padre, come Maestro e come Dio, dovete riedificare la vostra vita, perché ora sapete che lo scopo per il quale siete stati creati ed inviati nel mondo, consiste nel fatto di giungere a Me.

26. Chi al di fuori di Me vi avrebbe rivelato la vostra destinazione e fatto scoprire i vostri Doni dello Spirito?

27. Il Mio discepolo Giovanni ha visto nella sua estasi questo tempo, lo sviluppo dei vostri Doni dello Spirito; ma lo ha solo visto. Prima ha dovuto venire a voi l’Agnello divino per sciogliere il Sesto Sigillo di quel Libro dell’eterna Sapienza e perfetta Giustizia, affinché lo poteste comprendere.

28. Il sentiero che vi mostro oggi, è illuminato dalla Luce della Verità, affinché voi giungete a Me. Su questa via incontrerete molte prove, per voi ci saranno molti motivi di studiare la Mia Legge, imparare a conoscere la vostra destinazione ed a dedicarvi al suo adempimento.

29. Ogni giorno porta nuove prove ed Io vedo come le accogliete, ed osservo il frutto che Mi portate. Molte di queste prove sono insignificanti, ma attraverso queste potete cominciare una vita del miglioramento e del perfezionamento. Senza però esaminarle, le respingete da voi e se agite così – come potete prepararvi a difficili prove? Il Giudizio che Io emetto sulle vostre opere, non è severo, è il Giudizio di un Padre tenero che vi ama, che vi consiglia, affinché procediate sempre nell’esercizio della Mia Legge e affermiate la vostra pace e la vostra forza spirituale. Io cerco ed amo però tutti i Miei figli, non Mi distolgo da colui che trasgredisce, invece gli perdono e gli offre una occasione di migliorarsi e di ritornare sulla retta via.

Fra coloro che Mi seguono, sono quelli che non hanno potuto liberarsi dei loro peccati; ma altri che pregano con fervore finché credono (nella vita) di aver conquistato la vittoria, dimenticano la Mia Istruzione e permettono che si rivelano le loro cattive tendenze. Chi si potrebbe nascondere dinanzi a Me, che conosco i vostri pensieri e l’origine del vostro essere?

30. Mentre l’uomo non può penetrare nel cuore del suo prossimo per difendere la sua causa, Mi prendo cura di loro, sia questa causa giusta o ingiusta, Io vi difendo e vi amo.

31. Ascoltate le Mie Parole per non vacillare né portare alle vostre labbra un calice di sofferenza. Perché non volete comprendere la vostra destinazione per l’amore, la vostra grande missione? Perché non fate opere come le Mie, con il sentimento di essere capaci di compiere ciò che Io pretendo da voi, dato che siete parte del Mio Essere e perciò provvisti con grandi caratteristiche?

32. Non voglio che vi sentite feriti quando ricevete la Mia Parola, voglio piuttosto infondervi nuovo coraggio. Se vi ho detto una volta: “La vostra volontà è la Mia”, allora fate voi la Mia Volontà. Io approvo i vostri buoni propositi e decisioni, ed avete sentito la Mia Pace e la Mia Benedizione scendere sul vostro cuore, quando adempite sempre il vostro dovere di amare.

33. Sforzatevi a fare del bene, pregate con fervore ed amate i vostri prossimi. Lasciate crescere la vostra anima e sentirsi forte e grande nell’adempimento della vostra missione.

34. Mi era compiacente che in questo tempo siate poveri; ma non vi lascerò senza il pane quotidiano. Se vi nascondo qualcosa, per questo vi do il Pane dello Spirito, il Pane della Vita eterna e vi chiamo benefattori dell’umanità.

35. Sono arrivati i tempi della visitazione che sono stati annunciati da Me attraverso Damiana Oviedo. Le nazioni si combattono nelle loro guerre, e fame ed epidemie si diffondono sull’umanità. Le potenze della natura sono scatenate. Vi ho detto attraverso il primo portatore della Voce: “I tempi cambieranno, e quando vedete che la scienza umana manifesta grandi segni del progresso, voi dovete fare penitenza ed imparare da Me per portare all’umanità un Messaggio di Pace”.

36. Voi tutti siete illuminati e persino nell’angolo più lontano della Terra, dov’è uno dei Miei discepoli, sarà presente il Mio Spirito e diffonderà Luce e Forza, risolverà problemi ed eliminerà ostacoli. Voi che in questo tempo siete stati segnati da Me – adoperatevi per coloro ai quali non era dato di imparare a conoscere questa Rivelazione che vi do.

37. Riprendetevi in questo breve tratto di tempo nel quale vi benedico e vi do la Mia Pace perché dovete adempiere il vostro obbligo d’espiazione; per questo vi ho concesso la Grazia ad assumere un nuovo corpo terreno. Il Mio Amore vi dà questa occasione, affinché possiate giungere a Me. Come potrebbe essere la Mia Volontà che veniate alla Mia Presenza con dolore nella vostra anima? Voi che Mi sentite, dovete sapere che la Mia Parola non si allontanerà più dal vostro spirito.

Ci sono però molti che non vogliono venire, anche se Io li chiamo. Sono coloro che inseguono il divertimento come la più alta meta della loro vita e che hanno solo il dettato della loro libera volontà come legge. Io non li abbandono, perché non Mi vogliono seguire, al contrario, sono loro che Io cerco maggiormente, perché so che proprio loro leveranno i loro occhi a Me, quando nei loro cuori il dolore sarà grandissimo.

38. In quei momenti del pentimenti accolgo tutti e perdono a tutti. Mentre gli uni si rinnovano per tutta la loro vita, altri dimenticano la Mia dimostrazione d’Amore, appena hanno riconquistato la pace e la salute e si sentono di nuovo forti, e si allontanano ancora di più. Questi non hanno saputo sfruttare la buona occasione che la vita ha dato loro per ritornare sulla vera via. Allora li chiamo nell’aldilà, affinché la loro anima possa riflettere su sé stessa, al di fuori dell’influenza della materia e tutto ciò che la legava al mondo.

39. Io faccio giungere questa Chiamata a moltissimi uomini! Si purificheranno nella Luce della Mia divina Giustizia, prima di ritornare e che i purificati in questo modo non si macchieranno più con sporcizia, perché verranno con il fermo proposito di fare opere meritevoli – opere che sono compiacenti e degne del Signore.

40. Molti di voi dovranno ritornare sulla Terra nell’intenzione di adempiere il compito che hanno omesso di compiere, oppure alla ricerca di una occasione per riparare gli errori commessi.

41. Considerate che molti di voi hanno avuto bensì abbastanza tempo per sentirMi e di imparare da Me, ma che sono negli ultimi anni della loro vita e non hanno più il tempo di seminare molto di ciò che hanno raccolto nel loro spirito. Ma state tranquilli, Io sono la Vita e vi farò vivere, affinché seminiate quella semenza nei cuori che desiderate coltivare con tanta nostalgia.

42. Fra la schiera che Mi appartiene, non manca colui che crede di comprendere molto degli Insegnamenti divini, ma nell’interiore dubita di questa Parola e la rinnega. Ciò che però non può negare, è la circostanza che il suo cuore ha tremato ed ha battuto in un modo a lui ignoto. Cercherà di dimenticare determinate Parole che ho rivolto a lui, e non lo potrà comunque, e perderà persino alcune ore di sonno, nelle quali sente la eco di questa Parola apparentemente insignificante e semplice. Il motivo è che la sua coscienza gli dirà che dietro a questa Parola era presente una Luce che ha scoperto ciò che si nascondeva nel suo cuore e gli ha parlato di quello che sapeva solo lui.

43. Qui c’è una ulteriore pagine del Libro della Vita scritta dalla Mia Mano misericordiosa. Ho parlato al vostro spirito, perché Mi sono annunciato in tutti i tempi agli uomini. La forma nella quale Mi annuncio adesso, non è né nuova né estranea. Solo a colui che si è materializzato, può apparire estranea o impossibile. Per colui invece che Mi aspettava, è la cosa più naturale e giusta sentire in sé stesso la Voce del Padre suo. Solo le vergini che hanno saputo vegliare con lampade accese, hanno sentito la Voce dello Sposo quando questo è venuto a mezzanotte.

44. C’erano uomini che ho dovuto chiamare una volta, due volte ed una terza volta – alcuni che non dovevano soltanto senitrMi, ma esaminare tutto, per accendere la loro fede ed alcuni bestemmiavano la Mia Opera; ma più tardi, quando ho fatto un Miracolo sulla loro via, hanno confessato pentiti e timorosi, che Colui il Quale parlava, era La Parola di Dio, il divino Maestro. Questo è il Mio miglior Insegnamento: Abbiate pazienza con i vostri prossimi; se dubitano durante l’Istruzione, non restituite mai disprezzo per disprezzo.

45. Siano benedetti coloro che cercano di nascondere il dolore davanti a Me che gli uomini hanno preparato loro con il loro scherno e crudeltà. Siano benedetti coloro che non si lamentano ed invece Mi ringraziano, perché nonostante le loro prove, la Mia Grazia li segue ovunque.

46. Che cosa potete nascondere dinanzi al Mio Sguardo che questo non scopra? Io vi ricompenserò sempre quando dopo le tempeste vedrete apparire l’arcobaleno della pace. Continuate a raccogliere la Mia Dottrina come un Tesoro, mettetela in pratica, affinché l’amore per il prossimo venga purificato nei vostri cuori.

47. Fra di voi si trovano coloro che prima avevano il loro piacere nel male, che si sentivano bene nell’odio e nella depravazione, che sentivano invece spavento davanti all’amore, la misericordia e l’umiltà. Adesso si ristorano nel loro cambiamento interiore, nel loro rinnovamento. Il vostro spirito conquista già potere sulla vostra carne. Adesso siete felici quando fate del bene, vi dà gioia esercitare la misericordia, e sentite soddisfazione essere mansueti ed umili. Cominciate a sentire brivido ed avversione contro la depravazione. Non vi è uno che, dopo averMi ascoltato, non avesse cambiato la sua vita in qualche modo. Chi potrebbe affermare che non abbia sentito fluire la salute attraverso il suo essere, dopo aver ricevuto sul suo corpo e sulla sua anima il Balsamo guaritore del Sommo Medico? Quanti miracoli ha compiuto soltanto la Mia Parola! Vi ho concesso tutto per aiutarvi, a vincere la vostra pigrizia spirituale, perché in questo tempo non sono venuto per sacrificarMi come Uomo, ma per ispirarvi, affinché conquistiate meriti per meritare la salvezza della vostra anima. Al di sopra di voi esiste un Tesoro spirituale che è l’Eredità per il vostro spirito. Quando possederete tutto ciò che vi ho assegnato?

48. Oggi nessuno può sapere quanto ha già raggiunto.

49. Per momenti vi sentite molto bisognosi! Gli uni piangono e non sanno perché sono sempre malati. Altri che sono padri, si chiedono perché raccolgono solo frutti dell’incomprensione e dell’ingratitudine, benché abbiano provveduto alla loro famiglia e l’hanno assistita amorevolmente. E le donne che hanno avuto sulla Terra il desidero di carezza ed assistenza, si domandano pure perché non hanno potuto calmare questa sete di tenerezza nella vita. I fratelli dello stesso sangue si sentono reciprocamente lontani, non si amano né si comprendono. Vi domandate del motivo per tutto questo e non potete comprendere perché il bene fallisce davanti ai vostri occhi. Io vi dico: Se il bene trova una volta una eco dagli altri ed i loro cuori se ne sentono ristorati – quando le virtù spirituali ed il valore vengono dovutamente apprezzati, allora scomparirà dai cuori degli uomini la fame, la sete di giustizia, di amore e di comprensione.

50. Vi dico anche che qui sulla Terra non sapete chi siete spiritualmente, né sapete chi è lo spirito di vostra moglie o del vostro marito, dei vostri genitori o dei vostri figli. Solo così avete potuto portare il peso di molti doveri d’espiazione che formano la vostra croce. Portate questa croce con amore, adesso non cercate di sapere chi potreste essere. Vi basti sapere che siete tutti figli fraterni di un unico Padre, e che fra fratelli non devono esistere nemici. Amatevi l’un l’altro, e procederete sul sentiero dello sviluppo.

51. l?Eden ha già chiuso i suoi portoni per l’umanità, è scomparso, ed il suo profumo è saluto nell’Infinito. La Terra si è trasformata in una valle di lacrime, ed è iniziata l’espiazione spirituale, il campo di battaglia dove si purificano le anime. Troverete però un Paradiso migliore di quello che avete perduto, e che vi attende con portoni aperti. Pregate per ricevere la Mia Forza e potete procedere sulla via dello sviluppo animico. Fatelo però con la vostra anima, non con preghiere imparate a memoria – per quanto possano essere belle – se non le sentite profondamente. Quindi amate e perdonate i vostri prossimi. Allora sperimenterete quale delizia fluirà dallo spirito al cuore, se seguite le Mie Indicazioni.

52. Vi sto preparando da molto tempo, perché si arriverà al punto che vi si descriveranno come disturbatori della pace dell’ordine e della pace spirituale nel mondo, perché sarete diffamati. La Mia Istruzione forma coloro che domani devono essere maestri pazienti, umili e mansueti – coloro che rispondono amorevolmente a tutte le domande dei loro prossimi.

53. Ognuna delle Mie Istruzioni è un Libro dal quale potete imparare tutto ciò che serve al vostro spirito, per istruire più tardi i vostri fratelli. La Mia Istruzione vi prepara per un nuovo mondo, una nuova vita già su questa Terra. Se però vi parlo di questa Verità e voi pensate alla guerra che conducono le nazioni, dove regnano solo dolore, paura e miseria, allora siete dell’opinione che è impossibile che questa Parola possa diventare realtà. In Verità vi dico, quello che Io vi comunico, non è una nuova Dottrina, ma anche una Profezia.

54. Se la vostra scienza ed il vostro peccato vi hanno fatto perdere il Paradiso della pace, della purezza e della fraternità, allora quella Grazia vi restituirà la spiritualizzazione che sarà stimata più alta che l’alto grado di sviluppo che possedete oggi, come (quella esistenza) quando eravate ancora nello stato di innocenza.

55. La Mia Lezione è semplice e sobria, affinché i principianti la possano comprendere. Benché Mi annunci attraverso corpi empi, la Mia Parola rimane come una orma dell’amore nel cuore del popolo. Questa forma della Comunicazione è una ulteriore dimostrazione di umiltà che ho dato ai Miei figli. Vi insegno costantemente questa virtù, perché è una di quelle che l’anima deve esercitare maggiormente. Ad alcuni ho dato una origine modesta nel mondo, affinché nella vita si prendano come Esempio il Maestro; ad altri ho dato una casa ricca, affinché pure loro seguano con fervore Gesù, il Quale, benché un Re, ha abbandonato il Suo Trono per servire i poveri, malati e peccatori.

56. Il merito di colui che scende dalla sua posizione sociale per servire i suoi prossimi chiunque essi siano, è pure così grande come quello che si lancia da una sua via dell’amore in una vita misera e sconosciuta al livello dei giusti.

57. Ah, se fra di voi sorgesse un cuore umile per servire d’esempio agli altri! Perché molti di coloro che hanno nel loro volto un’espressione di umiltà, seminano l’arroganza che hanno segretamente nel loro cuore superbo! E’ la Mia Volontà che da questo popolo cada ogni maschera dello’ipocrisia, affinché gli uomini a motivo della vostra umiltà, vi possano riconoscere come discepoli dello Spirito Santo.

58. La Vita del vostro Maestro e l’Esempio per tutti gli uomini. Dato che però alla donna mancava l’Istruzione sul suo compito come madre, era stata inviata Maria come incorporazione della Tenerezza divina che comparve come donna fra gli uomini per darvi pure lei il suo esempio dell’umiltà divina.

59. Ogni volta che Mi sentite glorificare la virtù, sentite che davanti ai vostri occhi compare il peccato, l’imperfezione umana in tutta la sua grandezza. Allora piegata la vostra testa con sofferenza e qualcuno Mi dice: “Signore, vieni nella Tua Purezza e Santità per umiliarci per via del nostro peccato – Tu che ci metti al cuore l’umiltà?”. Io rispondo a questo cuore che non ha compreso la Mia Parola, che è soltanto un atomo della Mia Luce e della Mia Santità, che guido davanti ai vostri occhi, affinché non vi sentiate né umiliati né incapaci di seguirMi nella virtù.

60. Non scambiate l’umiltà con l’indigenza dell’abbigliamento. Non credete nemmeno che colui che è umile, che ha in sé un sentimento di inferiorità e per questo motivo è obbligato di servire gli altri e di piegarsi davanti a loro. Io vi dico che è qualcuno che sa di possedere qualche conoscenza, che però è disposto a chinarsi ad altri ed ha la gioia di condividere con loro ciò che ha.

61. L’umiltà è la Luce dell’anima ed al contrario di questa, la mancanza della stessa in lei è oscurità. La vanità è il frutto dell’ignoranza. Chi è grande attraverso il sapere e famoso a motivo della virtù, possiede la vera modestia ed umiltà spirituale.

62. Qual sentimento di gratitudine avete, quando sperimentate che un uomo fra i famosi manifesta nei vostri confronti affetto, comprensione, modestia! Voi potete trasmettere lo stesso sentimento a coloro che stanno sotto di voi oppure così si sentono. Sappiate abbassarvi, sappiate porgere la mano senza sentire superiorità – imparate ad essere comprensivi. Io vi dico che in questi casi non è solo felice colui che riceve la d dimostrazione di affetto, assistenza o conforto, ma anche colui che lo dà, perché sa che al di sopra vi è Uno il Quale Egli stesso ha dato dimostrazione di Amore ed Umiltà e Questo è il suo Dio e Signore.

63. Sperimentate nei vostri cuori delizia di sentirvi amati dal Padre vostro, il Quale non vi ha mai umiliato attraverso la Sua Grandezza, ma in questa vi ha rivelato la Sua perfetta Umiltà per fare grandi voi e portarvi la gioia della vera Vita nel Suo Regno che non ha né inizio né fine.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 102

 

1. La vostra preghiera di richiesta ha raggiunto il Cielo e come dimostrazione per questo sentite in questo momento la Mia Pace. Quando in una occasione avete la sensazione che una dolce pace compenetra il vostro cuore, potete dire con certezza che il vostro Creatore vi è stato vicino. Quando il vostro cuore batte più velocemente e vi colma una inspiegabile delizia, allora perché la vostra anima ha sentito la Voce del suo Signore.

2. Prendete su di voi la croce nel pensiero che la Mia Presenza è da voi per incoraggiarvi sulla via dello sviluppo.

3. Voi tutti dovete far parte degli illuminati dal Signore. Non esiste un cuore che nel suo interiore non portasse il seme divino dell’amore e della virtù. Coloro che abbracciano la Mia Dottrina per diventare Miei discepoli, sono coloro che attraverso vere testimonianza di amore e misericordia nei confronti delle folle di uomini presentano il loro Maestro come perfetto Amore ed infinita Sapienza. Questo è il modo nel quale dovete far conoscere sulla Terra il Lieto Messaggio attraverso opere e pensieri buoni.

4. Io voglio che in questo tempo raggiungiate una grande sensibilità nello spirituale, che basti un Mio Pensiero che si riflette nella vostra mente per obbedirMi con vera mansuetudine.

5. Sono passati quei tempi nei quali il popolo ha preteso dal suo Dio una innegabile manifestazione materiale per credere alla Sua Parola, la Sua Esistenza o la Sua Giustizia. Quei tempi nei quali il popolo tremava solo alla spaventosa voce dei suoi profeti oppure alla Presenza divina che Si è rivelata attraverso gli elementi scatenati, attraverso piaghe, epidemie e guerre, li dovete considerare come passati; non coltivate il desiderio che continuino ad esistere fino nei vostri giorni. La vostra anima è sviluppata e deve lottare contro la materia del corpo, finché la rende ricettiva per le vibrazioni, intuizioni e messaggi che giungono a voi dal mondo spirituale.

6. In ogni epoca ho assistito la vostra anima, affinché penetrasse sempre di più nella conoscenza della Verità. Provvedete che venga l’ora nella quale scompare l’ultimo velo e possiate contemplare la Magnificenza del Padre vostro.

7. Chi - senza dire a qualcuno che è un Mio discepolo – diffonde bontà sulla bontà, a costui viene posto ovunque la domanda dai suoi prossimi, quale sia la via più breve per giungere al Padre.

8. Chi si vanta di essere il Mio soldato, il Mio servitore o il Mio discepolo, risveglierà solo diffidenza, scherno, disprezzo e condanna.

9. Dopo che Gesù aveva compiuto grandi e potenti Opere davanti agli occhi dei Suoi discepoli, Egli ha chiesto una volta a Pietro: “E tu chi credi che Io Sia?”. A ciò il discepolo ha risposto stupito, ma pieno di fede: “Su Sei il Figlio dell’Iddio vivente”. / Così dovete passare attraverso il mondo secondo la Mia Volontà: con quella mansueta bontà che Gesù vi ha insegnato. Allora non mancheranno coloro che alla vista delle vostre opere giungono alla convinzione che siete Miei discepoli e che trasmettete ai vostri prossimi la Mia Dottrina. Pensate che Io sono la buona Via, la Mia Parola ve ne ha dato testimonianza. Ho ancora molto da dirvi, ma non potete dire che una unica delle Mie Parole vi abbia insegnato qualcosa al di fuori della Mia Legge.

10. Vi ho trovato come piante appassite e secche sotto i Raggi di un Sole implacabile e vi ho fatto sentire la Carezza della Mia Parola che era su di voi come una rugiada celeste. Avete camminato su una via piena di cardi e per paura non avete voluto continuare a causa delle ferite. Dopo che avete sentito la Mia Parola, avete perduto la paura di vita, dai vostri cuori è scomparsa la diffidenza ed il sospetto ed avete ripreso il viaggio della vita pieni di speranza e fede nella vostra destinazione, perché ogni momento che passava, ha fatto risuonare nel vostro spirito la Parola del Padre che per ognuno che l’accoglie, è un Cibo dell’eterna Vita.

11. Popolo, allo stesso tempo in cui vi preparo affinché penetriate nella vita spirituale, si preparano legioni di uomini nel mondo per strappare dai cuori dei loro prossimi ogni semenza di origine spirituale. Io vi do il tempo necessario per fortificare la vostra fede e per far sviluppare nei vostri cuori la divina Conoscenza di ciò che vi ho rivelato. Se vi preparate veramente, non avete nulla da temere dal mondo, né dalle sue parole, né dai suoi libri, nemmeno le loro promesse o le loro minacce riusciranno a respingere dai vostri cuori il contenuto del senso della Mia Istruzione. Non la scambierete mai per le promesse più seducenti del mondo.

12. Quando vengono su di voi queste prove ed i vostri nemici sono in agguato sui vostri passi, dovete ricordarvi sempre che è Cristo il Quale vi parla in questo momento e vi ricorda che Gesù veniva tentato nel deserto e come ha vinto con la Sua Forza il mondo e la carne. Io voglio che anche voi siate così – forte nei confronti di ogni avversario, senza dimenticare che in voi stessi avete il nemico più potente, e che vi daranno la vittoria solo la fede e la Forza che vengono da Me.

13. La vostra lotta non rimarrà senza ricompensa; questa sarà infinitamente più grande che quella che potreste aspettarvi dalla Terra. In questa alta ricompensa ve ne darò solo un poco qui in questo mondo, e questa sarà la soddisfazione di vedere i nemici convertiti alla Verità.

14. Riflettete profondamente sui Miei Insegnamenti, amati discepoli, allora da questa riflessioni vi sorgerà la forza che vi aiuterà a non scoraggiarvi nella lotta.

15. Liberate la vostra mente da ogni impurità, se volete comprendere la Mia Parola. Il Maestro agisce su questa, per risvegliarla da ogni sonno nel quale è catturata, e per mostrarle la Luce raggiante del nuovo mattino.

16. Nel Mio Amore per voi rendo umano il Divino per rendervelo comprensibile. Trasformo la Mia Sapienza divina in parole d’uomo e procuro che attraverso questo Dono dello Spirito sentiate l’Istruzione del vostro Padre celeste, il Quale fortifica il vostro corpo attraverso il Suo Amore e purifica la vostra anima dalle sue macchie.

17. In questo momento parla il Padre di tutti gli esseri. L’Amore che vi ha creato, Si rende percepibile in ognuno che sente questa Parola.

18. Prima di averMi sentito attraverso questi portatori della Voce, vi ha annunciato una voce sconosciuta nel vostro interiore la Mia Presenza sulla vostra via. Coloro che erano capaci di sentire quella voce nel loro cuore, hanno poi confermato alla ricezione del Lieto Messaggio, al quale li ha portato un fratello con le parole: “Vieni, perché al momento sta parlando il divino Maestro e ti aspetta”, che il presentimento che hanno avuto, non li aveva ingannati, che l’Annuncio del loro cuore era realtà. In Verità vi dico, questi sono coloro che sono rimasti con Me – coloro che hanno creduto alla Mia Comunicazione, perché Mi hanno già aspettato.

19. Quando non vi parlerò più in questa forma che sperimentate oggi, Mi annuncerò direttamente da Spirito a spirito ed allora non dubiterete più né domanderete: “E’ veramente il Signore?”. Allora avrete la certezza e l’assoluta fede che il vostro spirito comincia a tenere il dialogo con il suo Creatore.

20. Non diventate deboli nel vostro sforzo di venirMi vicino, perché considerate scarsa la vostra maturità spirituale. State aprendo un’epoca della spiritualizzazione, ma voi non raggiungerete la perfezione nel vostro dialogo spirituale; dopo di voi verranno altri e dopo questi, altri che sentiranno la Mia Voce, riceveranno la divina Ispirazione e trasmetteranno i Miei Messaggi in un modo che ora non vi potete immaginare. Non potrà essere che sarete voi stessi che vivrete in quei tempi? In queste cose future però posso penetrare soltanto Io, e soltanto Io posso sapere chi ritornerà e chi rimarrà nello spirito, per non ritornare più sulla Terra.

21. Alcuni dei Miei discepoli poseranno la prima pietra, ad altri spetterà di posare l’ultima pietra nell’edificio più bello che l’uomo possa erigere al suo Signore.

22. Questa Opera sarà frutto dell’armonia spirituale fra tutti gli uomini. Oggi vi sentite molto distanti per far uscire questo frutto, perché riconoscete che fra gli uomini regna dissidio. Non disperate comunque, si avvicina già la Falce che taglierà l’erbaccia che ha divisa l’umanità, affinché voi, quando saranno passate le visitazioni, vedrete di nuovo risplendere la Giustizia, la ragione e la fraternità.

23. Oggi apro davanti a voi il divino Libro del Mio Amore; fatelo anche voi con i vostri cuori, amati discepolo. Siate però tranquilli, perché prima di darvi la Mia Istruzione, Mi fermo per sentire le vostre preoccupazioni e per guarirvi dalle vostre sofferenze. Il Mio Desiderio è che quando venite a Me, nella vostra anima vi sia profonda pace.

Io so chi di voi ha molto da combattere e per questo è assolutamente necessario che riceva già oggi un grande incoraggiamento. La Mia Parola vi dà la Forza che è compenetrata da vita e salute. Questa parola sorge dalla Parola divina che in questo tempo penetra nell’interiore della vostra anima per realizzare la perfetta comunione fra il Padre ed i Suoi figli.

24. Per alcuni la Mia Istruzione sarà indimenticabile, perché nella loro vita sarà la Stella che guida i loro passi. Questi verranno qui nel tempo giusto per seguirMi e testimoniare delle Mie Rivelazioni. Altri si allontaneranno dalla via senza apparentemente sapere Chi hanno ascoltato, né qual’era la Verità che conteneva questa Parola. Allora dovranno camminare ancora un po’ oltre, finché sarà venuto il momento delle loro prove e sentiranno salire nel loro essere più interiore l’Ispirazione che li ricorda ciò che avevano sentito una volta ed a cui il loro cuore in quel momento non ha attribuito nessuna importanza. / Intanto ascoltateMi tutti, non importa se poi vi allontanate oppure Mi rinnegate. Io semino nel vostro spirito – là, dove trovo accesso solo Io, perché per questo esiste solo una chiave e la possiedo Io. Quando ne sarà venuto il tempo giusto, irromperà dalla profondità del vostro cuore la Luce che lascio oggi conservata nel (l’angolo) più nascosto del vostro essere.

25. Eliminate dalla vostra vita il buio, l’incertezza, il vizio – tutto ciò che rende malato il vostro corpo. Portate Luce nella vostra esistenza e diffondete l’amore della vostra anima sulla via della vita dei vostri prossimi.

26. Gli uomini di questo tempo hanno chiamato il “Tempo della nuova conoscenza”, ma Io vi dico che non dovete confidare solo in quella Luce che esce dalla scienza, ma anche nei vostri Doni spirituali. Non dimenticate che l’uomo non vive di solo pane, ma anche da ogni Parola che viene da Dio.

27. Conservate la Mia Parola nei vostri cuori, e quando ne fate uso, non deve succedere per vantarvi davanti a coloro che non conoscono questa Dottrina. Non abbiate il desiderio da apparire come i nuovi illuminati, perché nessuno dei vostri prossimi è senza Luce. Se non siete umili nel trasmettere ad altri la Mia Eredità, non potrete donare nessuna Luce.

28. Io lascio attualmente all’umanità un nuovo Libro, un nuovo Testamento: la Mia Parola del Terzo Tempo, la divina Voce che ha parlato all’uomo nell’apertura del Sesto Sigillo.

29. Non è necessario che i vostri nomi o le vostre azioni entrino nella storia. In questo Libro la Mia Parola sarà come una Voce chiara e sonante che parla eternamente al cuore umano ed il Mio popolo lascerà al mondo postumo l’orma dei suoi passi su questa via della spiritualizzazione.

30. Lasciate a coloro che vengono dopo di voi, il ricordo alle vostre buone opere come un esempio. Affrettatevi ad estinguere già oggi le vostre macchie d’onta, affinché non saranno veduti dai vostri fratelli.

31. Gli Scritti del Primo Tempo hanno trasmesso la storia del popolo Israele e conservato i nomi dei suoi figli, i suoi successi ed i suoi errori, le sue opere della fede e le sue debolezze, la sua magnificenza e la sua caduta, affinché questo Libro parlasse ad ogni nuova generazione dello sviluppo di quel popolo nella sua adorazione per Dio. Quel Libro ha tramandato pure i nomi dei patriarchi che amavano la virtù e la giustizia, gli esempi della forza della fede, come i nomi dei profeti, dei veggenti del futuro, attraverso la cui bocca il Signore ha sempre parlato, quando Egli ha visto il Suo popolo sull’orlo di un pericolo. Ha anche tramandato i nomi dei depravati, dei traditori, dei disobbedienti, perché ogni caso, ogni esempio è un insegnamento e qualche volta un simbolo.

32. Quando dimoravo in Gesù fra gli uomini, per trasmettere la Mia Dottrina ho fatto uso dell’essenza di quegli Scritti solo quando era necessario; non ho mai lodato il materiale ed il vacuo. Non vi ricordate che ho menzionato il nobile Abele, che ho lodato la pazienza di Giobbe ed ho ricordato la sapienza e magnificenza di Salomone? Non vi ho ricordato in molte occasione Abramo e non ho parlato dei profeti e non vi ho detto con riferimento a Mosè, che non ero venuto per sospendere la Legge che aveva ricevuto, a per adempierla?

33. Se Cristo era l’Agnello di Dio che ha tolto i peccati dal mondo – persino allora potrei solo lodare il bene e dovrei annientare il male.

34. La Mia Vita ha trasformato la vita degli uomini. La Mia morte ha aperto gli occhi ciechi attraverso il buio del materialismo per la Luce della Verità, e l’adorazione per Dio ha fatto un grande passo verso la perfezione, perché l’Amore del Messia ha procurato che gli uomini hanno ottenuto una nuova immaginazione della divina Giustizia. Come se fosse apparso un nuovo Dio in quel popolo, così la Mia Dottrina e le Mie Opere hanno fatto riconoscere al mondo quella Verità che gli uomini non erano prima in grado di vedere.

35. Dio, l’Immutabile, non ha potuto cambiare nel Suo Essere più intimo nei confronti dei Suoi figli. Era l’uomo che ha scoperto il vero Essere del Padre, quando si è elevato spiritualmente al suo Creatore sulla scala dell’amore e della spiritualizzazione che Cristo gli ha indicato. Anche quando i Miei apostoli istruivano le folle di uomini nei cortili antistanti, nelle sinagoghe o sulle piazze dei mercati e dovevano far riferimento ai tempi passati, hanno impiegato solo quegli esempi che hanno lasciato una vera dichiarazione spirituale ed hanno rinunciato a tutto ciò che era inutile.

36. Adesso che sono venuto da voi con una precisa Istruzione spirituale, non ho dimenticato che voi tutti sentite la necessità di esaminare tutti quei Libri, perché con ogni occasione, in ogni ora d’insegnamento, vi ho insegnato e ricordato ciò che era – gli esempi che non dovete dimenticare, gli Insegnamenti che hanno eterna Vita. Vi dico però ancora una volta: anche ora ho parlato solo dello spirituale. / Non pensate che vi nego di leggere quel Libro dei Primi Tempi; perché siete il popolo trinitario. Non sapete che ho detto: “Cercate nella Scrittura”? Adesso però Io aggiungo: “Pregate prima di leggere per trovare vera Luce nello studio e non cadiate ad errori come è successo a molti, perché hanno dato una falsa interpretazione all’avvenimento. Leggete, indagate, ma troverete la Spiegazione del contenuto del senso nella Mia Parola del Terzo Tempo.

37. Perché dovreste lasciare in questo tempo a coloro che vengono dopo di voi, le vostre imperfezioni, il vostro falso culto della spiritualizzazione, le vostre disobbedienze e la vostra abitudine in ciò che è santo? Credete che le vostre opere vi rendano degni che gli scrivani della storia trasmettano i vostri nomi?

38. Quando sarà venuto il momento vi illuminerò, affinché il Mio popolo, il testimone della Mia Comunicazione e della Mia Parola, dei Miei Discorsi d’Insegnamento, formino un Libro che deve giungere a tutti gli uomini, affinché in esso trovino solo l’Essenza divina del Maestro, la Sua Eterna Verità, il Suo Amore e la Sua Rivelazione e non scoprano mai il troppo umano del portatore della Voce.

39. Coloro che sono stati i Miei discepoli in quest’Opera, sapranno separare la pula, affinché rimanga il puro frumento; perché per germogliare, la Mia Semenza dev’essere pura.

40. Oggi sono presente davanti alla vostra vista spirituale, affinché Mi contempliate per mezzo delle vostre facoltà spirituali. Attraverso questi vi farò giungere il Mio Calore divino affinché percepiate Me nei vostri cuori. Vi voglio allontanare da tutto l’inutile, da tutto il male. Vi affido un giardino dove potete curare tutte le virtù. E’ necessario agire contro il peccato; pensate quanto è fiorito il male.

41. Io vedo che il vostro cuore trema di delizia, quando Mi sentite parlare così, perché sentite la speranza che gli uomini si rinnoveranno. Mentre Mi ascoltate, sentite la spinta di mettervi alla ricerca dello smarrito, del peccatore, del vizioso, per parlargli con la Mia Verità ed allontanarlo dalla cattiva via. Io benedico questi nobili sentimenti che cominciano a svegliarsi nei vostri cuori, ma vi dico: Se prima non avete corretto i vostri errori, se non avete purificato i vostri cuori, non sarà adeguato comparire davanti ai vostri prossimi per indicare i loro peccati. Solo la Mia Parola sulle vostre labbra non compirà il Miracolo di convertire gli uomini, per questo sarà necessario l’esempio della vostra vita. Allora la Mia Parola verrà accettata come Verità.

42. Quando allora i Miei discepoli si erano sparsi nel mondo per annunciare i Miei Insegnamenti, non si sono accontentati a ripetere le Mie Parole, ma le insegnavano anche con le loro opere e quando dicevano che testimoniavano Colui il Quale era morto su una Croce per Amore per gli uomini, lo hanno fatto con parole e con opere, mentre morivano da vittime come il loro Maestro. Io vi dico: Chi difende una Verità e muore per questo, a questo si crederà. Nonostante ciò non pretendo da voi questo sacrificio. Non voglio che moriate per dimostrare la Mia Verità. Io voglio che viviate e testimoniate la Mia Parola con la vita che vi insegna di amarvi l’un l’altro.

43. Vi attende una nuova felicità: quella di servire i vostri prossimi, di aiutarli a riedificare la loro vita, di allontanarli dalla cattiva via.

44. Vedete quanto sia inevitabile la vostra preparazione per poter afferrare le armi della Verità e nella contesa aiutare questa Verità alla vittoria?

45. Molti di coloro, dopo aver sentito la Mia divina Parola, ne hanno dato testimonianza. Quando però quello che avevano detto le loro labbra, non lo hanno confermato attraverso opere, erano stati rifiutati e derisi. Appena questa testimonianza era però accompagnata da buone opere, ha acceso negli uni la fede ed ha fatto riflettere gli altri.

46. Tutta la Mia Istruzione ha per meta di prepararvi per questa lotta della quale vi parlo, mentre fortifica la vostra fede ed illumina la vostra anima, affinché sia la vostra potente testimonianza.

47. Vi dico sempre di nuovo che gli uomini aspettano intuitivamente la Venuta di qualcosa di Ignoto. La Luce dello spirito vi dà questo presentimento, il quale arde come una lampada nell’attesa dell’adempimento della Mia Promessa.

48. Non volete esserlo voi a portare a questi cuori il Lieto Messaggio? Allora ascoltate e comprendete l’Istruzione del Maestro, obbedite ed amate il Padre, allora sarete degni di servire i vostri prossimi.

49. Se tendete all’immortalità dell’anima, non temete l’arrivo della morte che mette fine alla vita umana. Aspettatela preparati, essa è sottosta al Mio Comando, e perciò arriva sempre nel momento giusto e con ragione, anche se gli uomini credono sovente il contrario.

50. La cosa difficile non è che l’uomo muore, ma che la sua anima lasciando il corpo manca di Luce e non può vedere la Verità. Non voglio la morte del peccatore, ma il suo ritorno. Se però la morte una volta diventa necessaria – sia per libere l’anima, oppure per fermare la caduta nella rovina di un uomo – allora la Mia divina Giustizia recide il filo della vita di ogni esistenza umana.

51. Quando una volta attraverso il passo falso dell’adultera la folla infuriata aspettava la Mia Sentenza per uccidere la stessa, dato che gli uomini credevano che questa sarebbe l’unica via per cancellare totalmente il peccato di quella donna, ho mostrato loro che il perdono e la Parola d’Amore sono vita per il cuore e la morte per il peccato. Il meritevole in questo consiste di ottenere che il peccato muoia, ma che la creatura continui a vivere. Perciò non era necessario eliminare quella donna, ma il suo peccato.

52. Se non fosse così, vi avrei già annientato nella Volontà della Mia Contrarietà contro il peccato. Vedete però, non solo che non tolgo la vita, ma vi do persino un corpo dopo l’altro affinché impariate sulla Terra questa Dottrina benedetta che, perché non era stata compresa dall’umanità, diventasse il motivo che “La Parola di Dio diventava Uomo, per insegnarvi con la Sua Nascita, le Sue Opere e la Sua morte, qual’è vera destinazione dell’uomo in questo mondo.

Questa è la Dottrina che non avete vissuta, che non avete messa in pratica. Che cosa vi insegna? – L’umiltà, seguire la Volontà divina, l’auto abnegazione per amore per gli altri, la dedizione ad un ideale dello sviluppo animico verso l’Alto. Chi adempie questo compito sulla Terra non avrà nessun motivo di ritornarvi, dato che ha già lasciato il suo buon seme. In questo il Cristo gli servirà come Esempio che, dopo che Egli aveva dato un perfetto Esempio per l’umanità, non è più ritornato al mondo come Uomo.

53. Imparate a lasciare questo corpo nel grembo della Terra, appena ne sarà venuta l’ora, se volete continuare a vivere per coloro che amate, e se volete che loro vi sentano. Se non volete sprofondare nel silenzio e nel vuoto ed invece volete continuare ad agire sui vostri fratelli terreni, perché avete compreso che è ciò che chiamate veramente vita, allora sappiate già adesso che come il vostro spirito ha rinunciato alla sua dimora spirituale per vivere sulla Terra, deve anche rinunciare alle nullità del mondo, quando sarà ritornato nel mondo spirituale.

54. Se gli uomini avessero imparato ad abbandonare con rassegnazione il loro corpo e tutto ciò che possedevano sulla Terra, la loro morte sarebbe facile; ma finché esiste il legame terreno e la ribellione, sarà il dolore che separa l’anima dalla carne, unito con paura per ambedue le parti.

55. Studiate la Mia Istruzione e comprenderete perché vi ho detto in Gesù: “Il Mio Regno non è di questo mondo”.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 103

 

1. Badate a ciò che succede quando abbandonate ciò che vi spetta sulla Terra, per venire qui e sentire la Mia Parola oppure per lenire un qualche tuo dolore. Quando ritornate al vostro lavoro o nella vostra casa, vi sembra come se ci fosse stato qualcuno e vi avesse rappresentato nella vostra assenza. E così è effettivamente, discepoli, perché sono Io che veglio su quello, quando nei brevi tratti di tempo siete assenti, nei quali siete occupati con l’adempimento del vostro compito spirituale.

2. Prendete questo come una dimostrazione che, quando lasciate questo mondo dietro di voi per dedicare la vostra esistenza al Mio Servizio, Io veglierò su coloro che lasciate indietro, che coprirò con il Mio Mantello della pace, mentre colmerò il vuoto che lasciate dietro di voi, con la Mia Presenza.

3. Comprendete che, se vi ho già da molto tempo insegnato il modo di vivere nel mondo come figli di Dio, vi preparo adesso, affinché penetriate nella vita spirituale che vi attende dopo questa,. Passate attraverso questo esistenza nell’adempimento del vostro compito che avete portato con voi sulla Terra, per poter afferrare il significato della vita spirituale, quando entrerete una volta nella stessa.

4. Non evitate gli uomini sotto la pretesa che vi spaventano i loro peccati. Se Mi amate, non dovete omettere di amare Me nei vostri prossimi. Proprio ora che si ammassano i pericoli e minacce sugli uomini, Mi dovete dimostrare che li amate, che sentite con loro il loro dolore e che siete disposti a lottare per la salvezza di tutti. Non avete visto come sono venuto in aiuto all’umanità proprio nei momenti di massima amarezza?

5. Vegliate e pregate, popolo, la tua missione è decisamente stabilita, perciò nessuno deve ritornare a Me e dirMi che non ha potuto fare niente perché non ha conosciuto lo scopo per via del quale era stato inviato. Le vostre opere devono essere determinate dall’amore per il prossimo, dal pensare comune e dalla pace.

6. I Miei nuovi discepoli che in questo tempo Mi hanno sentito, hanno assunto la responsabilità a diffondere la Mia Dottrina e di badare che le loro opere siano la migliore testimonianza per la Verità che questa Istruzione cela in sé.

7. Mentre vivono in armonia con questa Parola, avranno adempiuto il compito per via del quale erano stati inviati in questo mondo, e la loro testimonianza verrà accettata come vera.

8. Mi sono annunciato in tutti i tempi al popolo che era stato destinato a diffondere nel mondo la conoscenza e la fede nella Mia Divinità – un popolo di spiriti eletti e non di una determinata razza, perché è indifferente se Io li trovo incarnati in una o l’altra nazione, se parlano una o l’altra lingua.

9. Perché dovrei adornare il corpo dell’uomo con bellezze che spettano solo all’anima? Perché il Signore dovrebbe trovare piacere in una delle razze che formano l’umanità?

10. In questo tempo opera ovunque lo spirito del vero Israele. Sono le anime che sentono la Mia Presenza, che attendono la Mia Venuta, che confidano nella Mia Giustizia.

11. Quando queste Parole giungeranno in altri luoghi, molti le scherniranno; ma Io vi dico che sarebbe meglio per loro a non fare delle stesse l’oggetto del loro scherno, perché verrà l’ora nella quale si sveglieranno dal loro profondo sonno e riconosceranno che anche loro sono figli del popolo di Dio.

12. Queste schiere di uomini che oggi Mi sentono, possono soccombere ad un errore, se non studiano la Mia Parola e se non si liberano del loro modo di pensare terreno-materiale. A loro può succedere come al popolo israeliano del Primo Tempo, che sentiva la Voce del Signore, riceveva la Legge ed aveva i profeti, per cui infine credeva di essere l’unico popolo amato da Dio – un grave errore, dal quale dovevano liberarlo le visitazioni, l’umiliazione, l’esilio e la prigionia.

13. Dovete sapere che il Mio Amore non potrebbe suddividere voi in razze o secondo convinzioni di fede e che, se Io parlo del “Mio popolo”, questo succede solo perché già fin dai Primi Tempi preparo delle anime che invio sulla Terra, affinché con la loro Luce illuminino la via dell’umanità.

14. Loro sono stati gli eterni viandanti che hanno vissuto nelle diverse nazioni e sono passati attraverso molte prove. In questo tempo hanno constatato che le leggi umano sono ingiuste, che le manifestazione dei sentimenti umani non sono reali, e che nelle anime degli uomini regna inquietudine.

15. Voi tutti avete vissuto una nuova incarnazione e la sofferenza che sperimentate, è così grave che Mi chiedete di finire la vostra esistenza. Io però vi domando: Non sapete che non potete cessare di esistere e che, se oggi soffrite sulla Terra, la vostra anima dopo il suo passaggio nel mondo spirituale continuerà a vivere sotto la stessa prova, finché non avrà pagato la sua colpa o imparato la Lezione? / Attualmente state vuotando un calice molto amaro, perché vi trovate alla fine di un tratto di sviluppo ed all’inizio di uno nuovo. E’ il tempo del raccolto nel quale ricevete i frutti di ciò che avete seminate durante l’ultima “opera del giorno”. Quindi deve succedere affinché, quando i campi sono poi puliti, Io consegno nuovamente al seminatore la semenza dell’Amore per la semina che – ben curata – vi deve donare i frutti della pace e della Redenzione.

16. Siete stati troppo malati e troppo deboli per continuare a camminare, avete sentito che non avete avuto nessun aiuto. Avete cercato una Luce che vi conducesse nel porto sicuro e questo era il momento nel quale sono venuto da voi che eravate smarriti nella profonda notte e non sapevate dove stavate andando. Avevo sentito i vostri lamenti e vi ho inviato Elia, affinché vi concedesse la sua assistenza e vi annunciasse la Mia Venuta.

17. La Mia Presenza vi ha fatto tremare di Beatitudine ed all’istante vi siete sentiti consolati. O discepoli, non dimenticate la Mia Istruzione di questo giorno. Oggi avete imparato che tutto ciò che avete raccolto, è il frutto delle vostre opere e che dopo la purificazione vi sentirete liberi e privi da tutte le imperfezioni. / Vedete molti segni che vi parlano delle grandi prove che devono ancora venire sul pianeta ed anche se Mi sentite, non Mi volete ancora comprendere e non avete pregato. Riconoscete che questo è il tempo dell’espiazione e del superamento per voi che sapete ciò che deve venire. / Vi parlo nel senso figurato e vi mostro pure ciò che sta per arrivare, affinché studiate le Mie Parole e comprendete la Mia Nostalgia paterna.

18. Non voglio che interpretiate erroneamente la Mia Istruzione e vi rinchiudiate in monasteri per pregare ed abbandonate gli uomini. Operate per loro, liberateli dalla loro ignoranza e del loro materialismo ed attizzate in loro la fede.

19. Vivete nella Grazia, amate la Giustizia, siate mansueti, non favorite il male, al contrario, respingetelo, mentre ammonite i vostri prossimi al bene, allora avrete preparato all’anima la via affinché non vacilli. Fate tutto questo senza che vi sembri come un sacrificio.

20. Sopportate con pazienza le prove che dovete attraversare, perché nessuno ne rimarrà risparmiato. Così insegnerete ai vostri prossimi la perseveranza nella Mia Legge.

21. Unitevi, non rinnegatevi reciprocamente, perché esercitate la Mia Dottrina in modo differente. Se per questo motivo vi foste divisi, allora andate a cercare i vostri fratelli ed amatevi, come Io vi amo.

22. Proprio come Io ho pregato nel giardino degli ulivi, affinché le anime degli uomini non andassero perdute, così dovete pregare anche voi per i vostri prossimi. Vedo quante lacrime gli uomini dovranno ancora versare per essere purificati; ma la Mia Misericordia li tiene diritti e li fortifica, affinché non crollino sulla via.

23. Discepoli, che avete ricevuto da Me il Libro della Mia Parola - diventate forti già ora, affinché non retrocediate quando bussate ad una porta e non vi si apre. Non dimenticate che vi ho detto che dovete bussare nel Mio Nome una volta, due volte ed una terza volta e che, quando constatate che il vostro sforzo non ha potuto migliorare l’atteggiamento dei vostri prossimi, lasciate a Me la faccenda e continuate la vostra via senza portare amarezza nel cuore ed ancora meno desiderare che vengano colpiti da sofferenza coloro che non vi hanno voluto sentire. Armatevi con benignità, perché non sapete in quale giorno o in quale ora dovete bussare alla stessa porta, oppure se loro non desiderano voi. Solo l’amore e la pazienza potranno ammorbidire i cuori di pietra e perciò dovete sempre essere preparati.

24. Vi dico nuovamente che nelle azioni non dovete presentarvi ai vostri prossimi come giudice. Quando i Miei discepoli, i Miei inviato e messaggeri non vengono ascoltati, farò sempre sentire la Mia Voce nella coscienza di coloro che hanno respinto la Mia Chiamata. Quella Voce sarà del Giudice, ma voi sapete già che nel divino Giudice vi è sempre il Mio Amore di Padre. Da voi uomini non è così, che sovente quando diventate giudici dei vostri prossimi, non vi mostrate più come i loro prossimi. Dovete allontanare dai vostri cuori ogni sentimento cattivo, affinché possiate raggiungere le anime degli uomini con amore.

25. Non amate colui che vi accoglie e vi porta incontro la fede, più di colui che non accetta la vostra parola. Quando raggiungete questo progresso, potrete dire che cominciate a comprenderMi ed a sentire una Forza nel vostro essere che vi darà il coraggio a superare le prove più grandi alle quali il mondo vi potrebbe sottomettere.

26. Per questa Istruzione che vi do attualmente, vi ho già dato una dimostrazione nel Secondo Tempo. Gesù pendeva dalla Croce, il Redentore moriva in vista della schiera di uomini che Egli aveva tanto amato. Ogni cuore era una porta alla quale Egli aveva bussato. Fra la schiera degli spettatori si trovava l’uomo che governava molti uomini, il principe della chiesa, il doganiere, il fariseo, il ricco, il povero, il rovinato, e quello di animo semplice. Mentre però gli uni sapevano Chi era Colui il Quale moriva in quell’ora, perché avevano visto le Sue Opere e ricevuto i Suoi Benefici, altri acceleravano pieni di sete del Sangue innocente e bramoso di vendette la morte di Colui il Quale chiamavano beffardamente “Re dei Giudei” senza sapere che Egli non era solo Re di un popolo, ma che Egli lo era di tutti i popoli della Terra e di tutti i mondi dell’Universo. Mentre Gesù rivolgeva uno dei Suoi ultimi Sguardi a quelle schiere di uomini, Egli ha levato pieno di Amore misericordioso e compassione la Sua Richiesta al Padre e disse: “Padre Mio, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”.

27. Quello Sguardo abbracciava sia coloro che piangevano per Lui, come anche coloro che si pascevano nel Suo Tormento, perché l’Amore del Maestro, che era l’Amore del Padre, era per tutti ugualmente.

28. Io dico a voi, discepoli nella Mia Legge dell’Amore che, se non potete fare opere perfette come quelle che Io ho fatto in Gesù, dovete almeno sforzarvi nella vostra vita per venire loro vicino. Per Me è sufficiente vedere un poco di buona volontà di seguirMi con fervore, ed un poco di amore per i vostri prossimi, e già vi assisto e vi rivelo sulla vostra via la Mia Grazia e la Mia Potenza.

29. Non sarete mai soli nella lotta. Dato che non vi lascio soli quando siete schiacciati dal peso dei vostri peccati – credete che vi lascio soli quando percorrete la vostra via sotto il peso della croce di questa missione d’amore?

30. ComprendeteMi, discepoli, affinché Mi possiate prendere come Esempio. Approfondite le Mie Opere e le Mie Parole, affinché scopriate l’Essenza della Mia Dottrina. Sto aspettando solo la vostra preparazione per indicarvi il momento nel quale dovete agire, perché Io porterò agli uomini tramite voi la Luce della Redenzione.

31. Sì, amati discepoli, Io sono la Vigna. Prendete il Vino della Mia Grazia; domani ne avrete bisogno per lottare. Preparatevi ora, che siete seduti alla Mia Tavola. Quando poi suonerà l’ora non dovete indugiare né esitare. Sarete i Miei seminatori e nella vostra fede agirete come uomini che coltivano la terra, che seminano il seme e facendo questo metteranno tutta la loro fiducia, la loro rassegnazione e speranza in Dio. Così parlo a voi che non sapete da dove verrà la pioggia per la vostra semenza oppure il pane per le vostre labbra; ma Io vi assicuro che non vi mancherà nulla.

32. Non dimenticate che la vittoria appartiene al perseverante. Adempite il vostro compito sulla Terra e quando l’avete terminato, potete andare da questo mondo nel paese che vi ho promesso – la Patria spirituale che è destinata ai figli del Signore. Mettete la vostra speranza sulla Vita eterna e non ascoltate i materialistici che sono dell’opinione che la Mia Dottrina sia un ostacolo per il progresso materiale dell’umanità, perché vi parla sempre della Vita spirituale.

33. Tanto meno ha ragione colui che pensa che deve continuamente pensare alla morte e di disprezzare ciò che offre questa vita, perché è peritura. Questo non ha saputo interpretare la Mia Parola in modo giusto – anzi, non la conosce nemmeno.

34. La Prima Legge che è giunta all’intelletto dell’uomo mediante lo spirito, era quella che gli diceva: “Crescete e moltiplicatevi”. Ora però dico a voi che quella Legge non si limita solo alla moltiplicazione del genere umano, ma include anche le vostre facoltà, virtù e conoscenze.

35. Vi insegno di passare attraverso il mondo e di lasciare un’opera dell’amore per coloro che vengono dopo di voi. Chi fa questo, ha rivolto i suoi occhi all’Eternità. Se l’esistenza sulla Terra vi sembra troppo breve per eseguire una grande opera, allora non preoccupatevi che la morte interrompa l’opera, perché non sarà così, dato che la Mia amorevole Provvidenza è onnipotente ed Io ho i mezzi affinché la portiate a compimento. Vi ho dato parte dell’Opera di Creazione e nulla potrò impedire che giungiate alla meta della vostra via.

36. Adempite il vostro compito in armonia con il Creatore e con il vostro prossimo ed alla fine, quando tutto sarà portato alla conclusione, sarete infinitamente felici nell’osservare l’Opera divina, alla quale avete collaborato con il Padre vostro. Questa felicità sarà grandissima nel Mio Spirito ed in tutti i Miei figli sarà inesprimibile Beatitudine!

37. Vedo la vostra sete d’amore, la vostra fame di Luce ed il grande desiderio che avete di Me ed Io, vostro Padre, al Quale stanno a disposizione tutti i mezzi per far giungere a voi la Mia Voce, ho voluto parlare a voi tramite organi d’intelletto umani come in una forma per voi sopportabile, per aiutarvi a comprendere i Miei Messaggi spirituali.

38. Solo la Mia Potenza ha procurato che il peccatore diventasse un megafono della Mia Parola. Chi però ne ha dubitato, ha presto visto la trasformazione degli esseri umani attraverso quali vi ho dato la Mia Parola. Avete visto sorgere da un intelletto non istruito Pensieri di infinita Sapienza, avete visto come sulle labbra di peccatori fiorisce la Parola divina piena di Luce e Bontà. I portatori della Voce, instancabili in questo servizio e devoti a Me, hanno reso possibile che il Mio Spirito esprimesse questo Messaggio per l’umanità.

39. Ho accolto grandi schiere di uomini senza preferire nessuno dei Miei figli. Fra loro c’era sia colui che Mi ama, come anche colui che Mi rinnega, sia colui che crede alla Mia Presenza in questa forma, come anche colui che dubita ed ho accolto tutti loro con la stessa Parola dell’Amore e la stessa Carezza paterna.

40. In queste schiere di uomini ho ricevuto tutto il genere umano. Se ho parlato a questo popolo qui, ho rivolto la Mia Parola a tutti gli uomini, perché il Mio Messaggio è stato per gli uomini di questo tempo e per quelli del futuro. Quando sono venute queste schiere di uomini di altri paesi, le ho accolte con Amore in rappresentanza per i popoli e li ho preparati affinché fossero messaggeri e profeti fra coloro che appartenevano a loro secondo la razza e la lingua, ed ho insegnato loro a pregare ed a vegliare per i loro popoli e li ho fatti guardiano per i tempi della prova e della persecuzione.

41. Il Mio grande Desiderio è che dovreste eseguire un Incarico divino, di portare la Mia Parola ad ogni cuore dove è necessario; che non dimenticate che - come voi siete venuti alla Mia Presenza lamentandovi di fame e sete - tutta l’umanità si trova in quest’ora in una vera agonia delle anime.

42. Il giorno è già vicino nel quale gli uomini comprendono l’importanza che ha l’anima, perché molti che si suppongono credenti, non credono, ed altri che pensano di vedere, non vedono. Quando però afferrano una volta la Verità, riconosceranno che sarebbe infantile, ingiusto ed irragionevole continuare a nutrire con i frutti del mondo una entità che appartiene ad un’altra vita.

Allora cercheranno la Luce nelle religioni e nella paura della loro anima ed il loro tormentoso desiderio di trovare la Verità, elimineranno il falso e tutto il superfluo ed esteriore dagli Insegnamenti che trovano nei diversi culti, finché scoprono il nucleo essenziale divino.

43. Io voglio che, quando verranno questi tempi, vi troviate nella piena conoscenza di tutto ciò che succede, e la missione che dovete eseguire. Perciò vi dico ancora una volta: Ascoltate, esaminate e comprendete la Mia Parola.

44. Ho sete del vostro amore, perciò Mi sono avvicinato a voi in questo tempo, perché non è amore ciò che ho trovato fra gli uomini, me peccato ed egoismo.

45. Gli uomini di questo tempo hanno dimenticato gli esempi dell’Insegnamento e le Opere che Gesù vi ha lasciato come Eredità del Suo Amore.

46. Non avete inciso quella Parola nei vostri cuori, perché se l’aveste davvero conservata, vi sarebbe stata presente la Mia Promessa di ritornare a voi, ed avreste vegliato e pregato nell’attesa della Mia Venuta. Io però sono venuto, vi ho sorpresi nel sonno. Allora ho detto: “Benedetti siano coloro che senza preavviso hanno seguito la Mia Chiamata, perché farò loro proprietari di grande Sapienza”. Alcuni sono venuti qui con buona fede, altri aspettavano finché si vedevano liberati dell’involucro corporeo, per poi dirMi: “Eccomi, Signore, come un uccello che abbandona la sua prigione e distende le sue ali, così vengo da Te, per adempire la Tua Volontà”. La Mia Volontà però, popolo, è stata che già in questo mondo facciate passi saldi sul sentiero spirituale, perché Io voglio che il corpo che vi ho affidato, non continui ad essere una catena o una prigione per l’anima. L’anima non è stata creata per essere schiava della carne o del mondo: lei è libera. Ciononostante l’ignoranza spirituale ed il fanatismo religioso hanno fatto dell’anima dell’uomo una schiava che per secoli e secoli ha trascinata con sé delle catene dell’oscurità.

47. Ora vi indico nuovamente la via, addolcisco il viaggio della vostra vita con il buon sapore della Mia Parola e consegno ad ognuno la sua croce dell’amore, affinché salga con il suo peso in cima al monte e quivi completi la sua opera. Nessuno che è Mio discepoli, abbia l’intenzione di venire a Me senza la sua croce, perché allora non verrà riconosciuto come apostolo della Mia Dottrina.

48. Ci sono molti uomini che sostengono di seguire la Mia Dottrina, altri che credono di amarMi, ma il loro amore è falso, perché non esercitano la Mia Dottrina, e perché non hanno mai vissuto all’interno della Mia Legge. Io non voglio che voi siate come loro, ma che cominciate a sentire vero amore e misericordia. Non vantatevi con ciò che Io vi ho dato, né con ciò che fate voi, anche se sentite sovente che il cuore nel vostro petto sembri scoppiare di delizia, dopo aver compiuta una buona opera oppure vi siete resi degni di un Miracolo.

49. La Mia Istruzione è forgiata di semplicità. Essa rivela nel linguaggio spirituale il valore ed il merito che deve avere ogni opera, affinché venga riconosciuta dal vostro Signore. In Verità vi dico, la vostra anima riconosce in base alla Luce che ha ottenuta, se un’opera è abbastanza preziosa oppure no, per portarla al Padre. Questa è la Dottrina con la quale nutrirò la vostra anima in questo tempo.

50. Del Vino che si trova in questo Calice, stillerò goccia per goccia sulle vostre labbra fino al giorno del Mio Commiato. Non siate però tristi perché come Mi sentite, così Mi sentivano i Miei apostoli nel Secondo Tempo quando dissi loro: “Presto Me ne andrò via e vi lascerò al posto Mio affinché voi istruiate i vostri prossimi”. Avevano vissuto insieme a Me, avevano sofferto con il loro Maestro, hanno visto le Mie Opere e sentito le Mie Parole. Non erano però gli unici, perché la Mia Vita era pubblica, e testimoni della Mia Parola erano sia animi semplici, poveri e mansueti di cuore, il funzionario statale ed il comandante.

51. Ho parlato ad ognuno e gli ho dato la Mia Luce rispetto al suo bisogno spirituale.

52. Così ho parlato a voi in questo tempo e Mi sono annunciato davanti a tutti ed alla luce del giorno, affinché ognuno prendesse su di sé ed adempisse la parte che gli spetta nella Mia Opera. La ricompensa che l’anima riceverà, sarà molto bella, quando una volta abbandonerà l’involucro corporeo. Rendetevi degni di questa ricompensa; ma per questo liberatevi dell’oscurità dell’ignoranza, affinché non diventiate anime erranti senza orientamento e senza meta.

53. Servite l’umanità ed amatela, che è la vostra sorella e che in questi momenti viene visitata dalla Mia Giustizia. Vedete, non c’è nessun cuore che non abbia bevuto il calice dell’amarezza.. In questo tempo il dolore è presso tutti gli uomini, ma attraverso questo verrò cercato, ed attraverso questo gli uomini sentiranno dalla sofferenza di averMi ferito.

54. Alcuni aspettano il Ritorno del Messia; ma in quale modo Mi aspettano? Quando prendete finalmente conoscenza che Mi annuncio attualmente all’umanità? In Verità vi dico, la Mia Luce è giunta in tutte le nazioni attraverso i Miei messaggeri, i quali sono venuti all’umanità come preparatori della via della Mia Terza Rivelazione.

55. Saranno elette sette nazioni, affinché creino la pace mondiale, e che esista vera fratellanza fra gli uomini, in queste Mi rivelerò. Oggi le ho trovate coinvolte in guerre fratricide, dedicati ai loro sogni di grandezza ed alla loro insaziabile fame di potere. Da questa nazione (messicana) manderò un messaggero di buona volontà ai grandi popoli del mondo per parlare a loro di pace, e quando avranno finita la guerra, giungerà al loro spirito la Luce dell’armonia e della pace. Questa Luce però non comparirà dall’oriente o dall’occidente, scenderà dal Mio Spirito sullo spirito degli uomini.

56. Preparatevi, affinché possiate partire alle nazioni per questa missione precisa nel giusto momento e quando poi avranno procurato che la Mia nuova Parola venga sentita ovunque, il potente Albero farà giungere i suoi rami, la sua ombra ed i suoi frutti a tutti i suoi figli. Allora dovete raddoppiare i vostri sforzi ed il vostro fervore, affinché la Mia Dottrina non subisca nessuna falsificazione, ed affinché gli uomini ignari e sprovveduti non seghino dei rami dall’Albero a voi affidato nell’intenzione di coltivare da questi degli alberi estranei.

57. La Mia Opera dev’essere fatta conoscere in quella purezza e perfezione, nella quale ve l’ho rivelata – senza riti o usanze esteriori.

58. Se la riconoscete come perfetta, vi sentite indegni della stessa e vi domandate: “Perché il Padre Si è proprio rivolto a noi per rivelarla a noi?”. Io però vi dico che la vostra anima, nonostante le imperfezioni che avete in voi, ha raggiunto un grande sviluppo sulla lunga via della sua vita. Non vi rendete ancora adesso conto della Grandezza di questa Comunicazione, ma soltanto quando Io avrò ritirato la Mia Parola fra voi. Allora comprenderete il Bene che avete avuto, e sarete colmi di Beatitudine di aver avuto Me fra voi.

59. In Verità vi dico, alla Mia Tavola dell’Amore avete mangiato e bevuto, o amati discepoli.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 104

 

1. Umanità, Mi mostri la tua fame di pace. A questo Io vi dico che l’uomo che non ama, non può aver pace. Ho sentito la vostra richiesta nella quale dite: “Pace in Terra agli uomini di buona volontà”. Non avete compreso che la buona volontà può sussistere solo di dedizione al bene ed alla Giustizia che sono frutti dell’amore.

2. Quando regnerà una volta l’amore fra gli uomini, sentirete ovunque la presenza della Mia Pace, perché ritornerà l’armonia con i regni della natura ed in tutto il vostro ambiente che avete distrutto e questa felicità sarà il messaggio che vi hanno portato gli Angeli quando vi dicevano: “Onore sia a Dio in Alto e pace agli uomini sulla Terra di buona volontà”.

3. E’ molto che avete ricercato per mezzo della scienza, e nonostante ciò non avete potuto scoprire questo stretto rapporto fra l’uomo e lo spirituale, fra la creatura umana ed il suo Creatore.

4. Come può essere normale la vita di un essere che si è allontanato dal sentiero che gli prescrive la Legge del Creatore? Vedete quanto l’uomo si è sforzato nel tentativo di scoprire vie che sono al di là dei sentieri che indicano la Legge dell’Amore e della Giustizia.

5. Il vostro mondo è pieno di artificiosità e falsità, e questo è da ricondurre a ciò che vi siete già da molto tempo distolto da quello che il Padre ha previsto.

6. La prova è oltremodo grande a cui l’anima è sottoposta, ogni volta che l’ho mandata alla vita sulla Terra con la missione di rimanere perseverante nella Mia Legge. Perciò vi ho cercato ogni volta quando vi siete smarriti, ho perdonato la vostra disobbedienza ed i vostri smarrimenti ed offerto nuove opportunità. Era la Mia Volontà che attraverso la gravità delle vostre prove percepiste la forza e le facoltà che Io ho poste nella vostra anima, come anche la ricompensa che è promessa ai figli fedeli e che rimangono nei Miei Comandamenti.

7. Rendetevi sempre conto che, quando la ricompensa che Io prometto è grande, anche i vostri meriti si devono mostrare degni della Promessa.

8. Io ho piantato l’albero della scienza e non lo abbatterò, perché i suoi frutti fanno parte della vita. / L’impazienza umana, la curiosità e l’ambizione però hanno storpiato i suoi rami.

9. Nel Mio Amore divino per le creature umane Io permetto loro ad esplorare le Mie Opere e di far uso di tutto ciò che è creato affinché non avessero mai il motivo di sostenere che Dio Sia ingiusto, perché Egli nasconde ai Suoi figli la Sua Sapienza. Vi ho creato e vi ho dato il Dono della libertà della volontà e l’ho rispettata, benché l’uomo abbia abusato di questa libertà e con ciò Mi ha offeso e profanato la Mia Legge. Oggi però gli faccio sentire la Carezza del Mio Perdono ed illumino la sua anima con la Luce della Mia Sapienza, affinché una volta i Miei figli, uno dopo l’altro, ritornino sul sentiero della Verità.

10. Lo Spirito della Verità che è la Mia Luce, risplende negli spiriti, perché vivete nei tempi annunciati, nei quale vi verrà chiarito ogni mistero, affinché comprendiate ciò che finora non è stato interpretato in modo giusto.

11. La falsa idea che l’uomo si è fatto nei Primi Tempi della Mia Giustizia, scomparirà definitivamente per far posto alla vera conoscenza della stessa. La divina Giustizia verrà infine compresa come la Luce che sorge dal perfetto Amore che esiste nel Padre vostro.

12. Quel Dio che gli uomini hanno considerato vendicativo, crudele, meschino ed intransigente, verrà percepito dal più profondo del cuore come un Padre il Quale dona il Suo Perdono per le offese dei Suoi figli, come un Padre che convince amorevolmente il peccatore, come un Giudice che, invece di condannare colui che ha gravemente trasgredito, gli offre una nuova occasione per la salvezza.

13. Quante imperfezioni Mi hanno attribuito gli uomini nella loro ignoranza, perché Mi ritenevano capace di sentire ira, benché l’ira è unicamente una debolezza umana! Quando i profeti vi parlavano della “santa Ira del Signore”, vi dico ora che dovete interpretare quell’espressione come la Giustizia di Dio.

14. Gli uomini del Primo Tempo non avrebbero compreso un altro modo d’espressione, né i dissoluti o scapestrati avrebbero preso sul serio gli ammonimenti dei profeti, se questi non avessero parlato loro in questa forma. Era necessario che l’ispirazione dei Miei messaggio venisse espressa in parole che avrebbero impressionato il cervello ed il cuore di quegli uomini con scarso sviluppo animico.

15. Per darvi una immagine fedele e vera che cosa è l’Amore e la Giustizia del Padre, vi ho mandato la Mia Parola affinché attraverso Gesù rivelasse il Mio Amore. Nel Cristo avete veduto il Re dell’umiltà e della mansuetudine – il Re il Quale ha preferito la corona di spine umiliante e dolorosa alla corona da re della vanità umana. Come Giudice Lo avete visto giudicare le azioni dei peccatori in un modo differente di quanto sono abituati gli uomini. Egli ha predicato il Perdono, quando vi ha dato quella Indicazione nella quale Egli diceva: “Quando ricevete un colpo sulla guancia da un prossimo, in segno di perdono offritegli anche l’altra pieni di mansuetudine“; dopo però ha confermato le Sue Parole attraverso Opere.

16. Il pentimento del peccatore era terribile quando si sentiva abbracciato dalla Luce dello Sguardo benevolo e mansueto di Gesù!

17. Quanti miracoli sono avvenuti sotto l’influenza del Perdono di quel Maestro dell’Amore ! Il motivo era che il Suo Perdono era veritiero ed il Suo Verdetto perfetto, dato che sorgevano dall’infinito Amore che Dio ha per le Sue creature. All’uomo tuttavia doveva essere rivelato ancora molto di più che quello che era stato loro insegnato, affinché potessero comprendere il contenuto del senso di quegli esempi d’Insegnamento. E così all’umanità è stata annunciata una nuova epoca ed una nuova Rivelazione del Mio Spirito e voi vedete realizzato l’adempimento di quella Promessa in questa Parola della Luce che è Sapienza per il vostro spirito e Conforto per il vostro cuore. Chi al di fuori di Me potrebbe Essere lo Spirito della Verità e del Conforto?

18. Sono qui – presente, evidente, visibile per ogni sguardo spirituale, e diffondo la Luce sui sentieri dello spirito, affinché comprendiate tutto ciò che è stato rivelato attraverso i tempi.

19. Ora potete dire dal più profondo del cuore e dell’anima: “Padre, finalmente Ti ho veduto, finalmente Ti conosco”. Quando però Mi potrete veramente amare?

20. Vi parlo nello stesso modo d’espressione nel quale ho parlato nel Secondo Tempo, con lo stesso Amore e la stessa Sapienza, perché Io sono immutabile; ma voi come discepoli fate attualmente un ulteriore passo sulla Mia Via. Vi nutrite di questa Parola e siete fuori di voi dalla Beatitudine perché sentite vicino a voi la Mia Presenza.

21. Dalla vostra anima sale a Me un canto dell’amore e del ringraziamento, perché vi ho dato questa Grazia.

22. Popolo, continua a ristorare la tua anima, e tu, umanità, rivolgiti di nuovo a Me, ritorna sulla retta via. Servitevi l’un l’altro e fate ai vostri prossimi ciò che ho fatto Io a voi, perché così servirete Me ed amerete Me.

23. CercateMi come Padre, come Medico, come Maestro ed Io vi sarò molto vicino. ChiedeteMi ed Io vi darò, ma sforzatevi a prenderMi come Esempio, persino se è solo in una unica delle vostre azioni o dei vostri pensieri di ogni giorno; allora Mi incaricherò a rendere fertile ciò che farete nel Mio Nome.

24. Rendetevi conto che la vostra vita sulla Terra è breve e che voi, quando sarete giunti alla sua fine, dovrete dare giustificazione per ciò che avete seminato.

25. Quando la Mia Parola è arrivato sul fondo del vostro cuore e siete pronti a seguirMi, vi dovete unire presso di Me per lottare e non dovete riposare, finché non vedete che il mondo si è convertito e ritornato sulla vera via.

26. L’umanità teme e soffre ed il suo dolore giunge anche allo spirito della vostra Madre celeste. Quale dolore potrebbe tormentare il figlio che non venisse percepito da lei? La sua intercessione però vi salva e la sua ispirazione vi invita a camminare sul sentiero della spiritualizzazione.

27. Vi ho mandati puri sulla Terra, e così ritornerete a Me. Dovrete però lottare moltissimo per riconquistare quella purezza che era vostra. Perciò è necessario che vegliate, che preghiate e meditiate, affinché non cadiate più in tentazione e cominciate a salire sul monte senza indugiare più nella vostra salita, per arrivare in cima.

28. Pregate in questo momento, affinché il vostro spirito porti ai vostri prossimi un Messaggio di pace. “Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete”. Questo vi ho insegnato e la Mia Parola si adempie in tutti i tempi.

29. Amati operai, ho graziato la vostra anima, affinché possa trovare la salvezza, ed affinché da parte sua possa liberare i suoi fratelli dal peccato. Attualmente vi state purificando per essere degni della Mia Presenza. Domani, quando sarete veramente forti, aiuterete i vostri prossimo a liberarsi dal peccato. Io amo la vostra anima, Io amo tutti i Miei figli, e perciò Mi occupo della vostra salvezza.

30. Sono qui e vi invito alla pace – quella pace che anche gli uomini bramano in segreto, soltanto che nella loro ricerca non hanno scelto la via che vi conduce. In Verità vi dico, il segreto della pace si trova nell’esercizio del Mio Amore, e proprio da questo si è allontanata l’umanità. DiteMi, se questo mondo che pecca, che ferisce, che uccide e profana, vive in quella Dottrina che Gesù ha insegnato, e riconoscerete che vivono molto lontani dalle Mie Istruzioni.

31. Ci sono molti uomini che considerano la Mia Dottrina non conforme al tempo; ma il motivo è che la loro materializzazione non permette loro a scoprire l’eterno contenuto del senso delle Mie Istruzioni.

32. La Mia Legge è immutabile. Sono gli uomini con le loro culture, le loro civilizzazioni e le loro leggi che sono perituri, mentre di tutto questo sopravive solamente ciò che ha edificato lo Spirito con le Sue Opere dell’Amore e della Misericordia. E’ lui che dopo ogni “opera del giorno”, dopo ogni prova, quando interroga la Sorgente della divina Sapienza, vede l’irremovibile Roccia della Mia Legge ed il Libro sempre aperto che contiene la Dottrina dello Spirito.

33. Ah, se soltanto tutti gli uomini volessero vedere la Luce sorgente di quest’epoca – quanta speranza sarebbe nei loro cuori! Loro però dormono. Non sanno nemmeno accogliere quella Luce che manda loro giornalmente il Sole Centrale Primordiale – l’Astro Regale - che irradia dal Creatore. Essa vi accarezza e vi sveglia alla quotidiana lotta dell’esistenza senza che gli uomini, irricettivi per le bellezze della Creazione, si fermano alcuni momenti per ringraziarMi. La Magnificenza Celeste potrebbe passare oltre a loro senza che la percepissero, perché si risvegliano sempre pieni di preoccupazioni e dimenticano di pregare per cercare da Me la Forza spirituale. Tanto meno cercano energie per il corpo alle fonti della natura. Tutti corrono frettolosamente senza avere davanti agli occhi una chiara meta. Proprio in questa lotta d’esistenza insensibile ed insensata hanno materializzato e lasciata diventare egoistica la loro anima.

34. Se allora le Leggi dello Spirito che sono la Luce, sono dimenticate, gli uomini si annientano, si uccidono e si strappano il pane senza sentire la voce della coscienza, senza aver rispetto, senza fermarsi per riflettere. Se però qualcuno domandasse loro come giudicano la loro attuale vita, risponderebbero subito che nella vita umana non è mai irradiata così tanta Luce come nei tempi passati e che la scienza non ha mai rivelato loro così tanti misteri. Lo devono però dire con una maschera di felicità davanti al loro volto, perché nei loro cuori nasconderebbero tutta la loro sofferenza e miseria animica.

35. Mentre l’umanità si sveglia e vede questa luce dell’inizio del giorno, la Mia Voce non cessa di parlare al vostro spirito ed il dolore non smette a purificare i cuori.

36. Siate benedetti, figli Miei, che vi siete uniti nella preghiera, perché in questo momento i forti alzano i deboli, l’uomo di fede ha dato coraggio al barcollante, e chi può parlare con il Padre suo, ha insegnato a pregare colui che non lo sapeva fare. In questo modo i principianti si prendono i discepoli come esempio.

37. Quando la Mia Parola viene dalle labbra del portatore della Voce, trovo il popolo preparato che Mi aspetta. Allora la Mia Misericordia penetra nei cuori per dare ad ognuno secondo il suo bisogno. In questi momenti della Mia Comunicazione so chi di voi Mi cerca soltanto per l’aiuto in un male, ed Io scopro coloro che nonostante la loro indigenza dimenticano le loro miserie, perché vogliono essere soprattutto Miei discepoli.

La divina Comprensione ed il Ben Volere con cui Io parlo ad ogni cuore, sono il Fuoco con il quale incido la Mia Parola nella vostra anima, affinché sia indimenticabile. In Verità vi dico, quando la Mia Dottrina è giunta sul fondo di un cuore, è un seme che germoglia e si moltiplica.

38. Il momento nel quale avete ricevuto per la prima volta la Mia Parola oppure il seme nel cuore, porta con sé un Giudizio per la vostra anima, come deve anche essere, quando Mi avete mostrato il frutto (della vostra vita). Attualmente vi do sulla Terra una preziosa occasione per purificarvi animicamente e quando poi ritornerete nell’eterna dimora, verrete tranquilli e lieti, pieni di Luce e meriti, per godere la Mia Pace.

39. Il mondo è una valle d’espiazione nella quale l’uomo da un lato pecca, dall’altro si purifica anche. In Verità vi dico, l’aldilà è diverso come lo conoscete sulla Terra, perché chi vi giunge con peccato ed impurità, deve subire grandissime sofferenze che sono infinitamente più grandi che quelle che ha subito come uomo, perché – oramai dimorando nello spirituale – la coscienza viene sentita dall’anima con maggior chiarezza che, alla vista di una così grande purezza, vorrebbe scomparire o almeno ritornare al mondo materiale che ha lasciato, dove secondo la sua opinione, non si badava alle sue molteplici imperfezioni.

40. A tutto questo Io vi dico che tutto ciò che vi circonda sulla Terra, non è meno puro di quanto esiste nel Regno spirituale e che, se per voi ha l’apparenza che qui sulla Terra siete più impuri che nell’aldilà, questa è soltanto una opinione che proviene dalla scarsa chiarezza con la quale giudicate il bene ed il male finché siete nel corpo materiale.

41. Uno dei motivi per cui vi ho rivelato in questo tempo la Mia Dottrina spirituale, è per aiutare la vostra anima ad elevarsi a quella vita che l’attende mentre impara a sottomettersi volenterosa alla purificazione e trae dalla sofferenza e dalle prove ogni utilità e Luce che contengono, ed affinché già qui – per quanto le è permesso – riconosca la via che una volta dovrà percorrere. Vedete quale occasione preziosa è la vita sulla Terra, affinché l’anima, quando ritorna (nell’aldilà) non si deve vergognare delle sue opere e del suo passato, affinché non barcolli né si smarrisca su quella via, perché crede di vedere l’oscurità dove vi è soltanto Luce. L’uomo di questo tempo è ora al punto di comprendere le Rivelazioni spirituali. La Mia Parola è venuta precisamente nel momento giusto al risveglio dell’umanità.

42. Se sulle vostre vie osservate degli uomini che con le loro opere o il loro modo di pensare in vista delle Rivelazioni, mostrano l’arretratezza spirituale, non siate sconvolti, perché dovete sapere che gli uomini non hanno mai marciato allo stesso ritmo. Confidate che già ora lascio per loro le Parole che li sveglieranno, appena ne sarà venuto il tempo.

43. Quelle Parole che voi non potete comprendere attualmente, sono proprio quelle che quegli uomini comprenderanno.

44. Oggi Mi avete chiamato e Mi avete detto: “Signore, Signore, vieni da noi”. Gli uni lo hanno fatto con la richiesta per il Perdono delle loro trasgressioni, altri con la richiesta di lenimento per le loro sofferenze, e di nuovo altri almeno per ringraziare per i Miei Benefici. Sono venuto subito da tutti, senza fermarMi nel giudicare per quale scopo Mi avete chiamato, perché c’è solo una cosa che è importante, che Mi avete chiamato.

45. Se tutti voi Mi desiderereste, direi loro la stessa cosa come a voi: Non vengo per osservare le vostre macchie d’onta o giudicare i vostri peccati, ma per ascoltare i vostri lamenti e per lenire il dolore che vi fa soffrire.

46. Coloro che Mi hanno dimenticato per lungo tempo, oppure coloro che Mi hanno infine rinnegato, qualche volta hanno sentito nostalgia di vederMi e di sentirMi, mentre si sono chiesti interiormente dove Io sono e come Mi potrebbero trovare.

47. E’ l’anima che ha bisogno del Divino, e nella sua sete per la Luce singhiozza tristemente nella prigione della carne. Proprio in quel momento sente una Voce benevola che le dice: “Sono qui”. / Io non vi ho dimenticato, né Mi sono allontanato da voi. Non potrei allontanarMi, perché sono in ognuno di voi. Se però Mi volete trovare – il Mio tempio è ovunque: nella vostra camera da letto, al lavoro, per strada, interiormente ed esteriormente da voi, in ogni luogo, dove erigete un altare della spiritualizzazione oppure dove accendete una lampada tramite la vostra fede che illumina la via ai vostri prossimi.

48. Quando un uomo ha chiesto al suo Signore ed era in grado di sentire nel silenzio del suo cuore la risposta, ha scoperto Segreti più grandi che tutti coloro che gli potrebbero rivelare la natura per mezzo della scienza. Quest’uomo ha davvero scoperto la Sorgente dalla quale proviene la Sapienza.

49. L’uomo che - spinto nel suo dolore e nella sua paura – era in grado di entrare in contatto spirituale con il suo Signore e sente che Egli Si rivela nella sua preghiera, nel suo sapere intuitivo oppure nelle sue prove, ha eretto un santuario dove, quando si prepara interiormente, può sempre trovare la Presenza del Padre suo.

50. La sofferenza che in questo tempo schiaccia gli uomini, conduce passo dopo passo, senza che se ne accorgono, davanti alle porte del santuario interiore in vista del quale – incapaci di andare avanti – chiederanno: “Signore, dove Sei?”. E dall’interiore del tempio sarà percettibile la buona Voce del Maestro e dirà loro: “Sono qui, dove ho sempre dimorato – nel vostro spirito”.

51. Per assistervi nel vostro sviluppo, la Mia Luce è sulla vostra via, perciò non temete di smarrirvi. Rivestitevi con obbedienza e fate la Mia Volontà. In questo modo potrete compiere grandi opere come spetta ad ognuno dei Miei discepoli.

52. Chi vive nell’obbedienza, non ha bisogno di chiedere qualcosa al suo Signore, perché comprende che non gli può mancare nulla. Chi invece cammina sul bordo della virtù, nel momento dovuto dovrà chiedere, perché sente che lo abbandona la pace e gli manca la forza. Allora nota che i beni dell’anima non si possono ottenere facilmente come l’appagamento del mondo.

53. Nel Mio Regno vi è sempre una Porta aperta ed una Tavola sempre apparecchiata che attende l’arrivo dello stanco viandante terreno Ho molto sperato che gli uomini cercassero questi Cibi spirituali in mezzo alla pace. Quando però li desiderano, sarà nel profondo dolore. Nonostante ciò, la Tavola sarà sempre al suo posto ed il pane non sarà nascosto per nessuno.

54. La Mia Misericordia aspetta il pentimento ed il rinnovamento dell’umanità per riversarsi su coloro che una volta si erano macchiati con il fango del peccato, ma poi si sono purificati nell’Amore del Signore. Questo è il Banchetto al quale siete tutti invitati ed al quale il vostro Padre dividerà il Pane con i Suoi molto amati figli ed offrirà loro il Vino della Vita.

55. Vi ho avvertito già allora quando sono disceso sulla Terra per parlare con gli uomini. Ho voluto che l’umanità dovesse vegliare e pregare, affinché l’oscurità non la assalga impreparata. I grandi popoli della Terra però non hanno vegliato e su di loro è passata la guerra ed ha punito la loro arroganza e la mancanza del reciproco amore per il prossimo. Vedete le vecchie nazioni come sono schiacciate dal peso della loro grande miseria. Hanno sofferto molto attraverso la loro arroganza. Ora sono sorte nuove nazioni che sono pure abbagliate dalla brama di potere e ricchezza, senza che se ne sono astenute a motivo delle esperienze delle precedenti nazioni, oppure avessero ascoltato la voce della ragione o della coscienza. Abbagliate dalla fiducia che mettono nella loro forza, si sono infine considerati onnipotenti e perciò inseguono una meta che considerano giusta senza comprendere che nella loro corsa a perdifiato stanno precipitando in un abisso.

56. Chi sono coloro che nel mezzo del caos levano il loro sguardo al firmamento nella preghiera di pace e di perdono per coloro che nel loro abbaglio non riconoscono o non sentono più la voce della giustizia della loro coscienza? Chi è se non coloro che amano la pace? Costoro devono essere i guardiano per “vegliare” per tutta l’umanità nei giorni della visitazione che si sta avvicinando.

57. Le loro preghiere faranno ottenere quella pace a coloro che hanno bisogno di Luce nella loro anima. La preghiera spirituale è un messaggio che raggiunge il cuore di coloro per i quali si prega, ed è come un mantello della pace per i sofferenti, quando si sono uniti più cuori per chiederla. Da molti punti della Terra ricevo questa preghiera che inviano in alto coloro che si adoperano per la pace nel mondo.

58. Siate perseveranti nella vostra preghiera per la pace, perché in questo modo vi unirete con tutti coloro che pregano nello stesso modo. Tenete il mantello della pace sugli eventi di guerra che ammagliano l’umanità, e nelle ore della lotta distendetelo sui vostri prossimi. Vi ricordate che vi ho dato il Dono della pace che dura per sempre, e che vi ho chiamato Israele che significa “forte”? -Popolo, non respingere dal tuo cuore il ricordo di ciò che Io ti ho rivelato, né le ricchezze che – come sapete – la vostra anima cela in sé. Ho profetato a Giacobbe che il suo popolo sarebbe aumentato come la sabbia al mare e che avrebbe portato la pace alle nazioni. Pregate, amati discepoli, e la Mia Parola si adempirà in voi, perché siete una parte del Mio popolo la cui destinazione è di essere la Benedizione fra tutti i popoli della Terra.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 105

 

1. Di questa Parole dovete fare un Libro che rimarrà sulla Terra affinché gli uomini trovino in sentiero alla spiritualizzazione. Molti di loro rinnegheranno la sua Verità, ma molti confermeranno che tutte le Dichiarazioni sono giuste.

2. Da generazione in generazione si riveleranno più forti e più chiari i Doni dello Spirito e questo dato di fatto che si mostra maggiormente nei dubbiosi e miscredenti, sarà la testimonianza per la Verità di tutto ciò che vi ho annunciato nei tempi passati e ve lo conferma in questo.

3. Riconoscete forse con quale forza penetrante è risuonata la Mia Parola in questo tempo, quando si è comunicata attraverso il cervello del portatore della Voce? Tanto meno vi potete immaginare il Miracolo della Comunicazione da Spirito a spirito, quando questa avrà raggiunto il suo apice.

4. Non vi stupite quando sentite la descrizione di un volto spirituale per mezzo del dono della veggenza oppure della forza profetica di un sogno? In Verità vi dico, avete appena incominciato ad avvistare un bagliore di ciò che altri possono vedere nel futuro.

5. Eravate stupiti del Dono dell’intuizione e vi ha meravigliato il Dono della guarigione; ma è necessario che lasciate agli spiritualisti di domani un buon esempio.

6. Ora è giunto il tempo che Gioele ha annunciato, nel quale gli uomini avrebbero ricevuto lo Spirito di Dio nello spirito e nella carne. E’ tuttavia solo l’aurora ed è necessario che voi, i primi discepoli, lasciate una buona semenza, affinché le vostro opere siano buoni frutti che incoraggiano i viandanti di domani sulla via della loro vita e non cadano sui sassi.

7. A motivo della Luce che avete ricevuto, appartenete a coloro che interpreteranno in modo giusto la Dottrina che vi ho già rivelato nei tempi passati.

8. L’esplorazione meticolosa che subirà la Mia Parola, e l’esecuzione della stessa tramite voi sarà l’opera spirituale migliore che lasciate alle generazioni future. Ve ne saranno grati ed Io vi benedirò.

9. Voi, i primi in questa epoca, dovete esser sostegni, guide e guardiano dei posteri e rallegrarvi dell’esecuzione della vostra missione.

10. Vivete per salvare i vostri prossimi, allora Io vi salverò. Mettete in acqua le vostre barche e mettetevi alla ricerca dei naufraghi e quando vedete che le onde imperversano e diventano minacciose, allora pregate e sentirete subito il Mantello della Mia Pace sul vostro spirito.

11. Discepoli, non pensate che solo nel grembo del popolo Israele siano apparsi i Miei messaggeri, profeti, preparatori della via ed illuminati, perché allora neghereste molti dei Miei inviati che ho mandato in diversi luoghi della Terra con Messaggi di Luce, Pace ed Amore.

12. L’umanità è il terreno nel quale semino il seme dell’Amore. Questo era stato innaffiato con la Rugiada divina affinché, se dovesse aver luogo la semina della Mia Parola, dovrebbe trovare un campo adeguato per portare frutto.

13. Quando una Rivelazione di Dio sta per illuminare gli uomini, ho mandato loro sempre dei preparatori della via o profeti per prepararli, affinché quella Luce possa essere riconosciuta da loro. Non credete tuttavia che sono soltanto quei Miei messaggeri che portano di Messaggi per lo spirito. No, discepoli, ognuno che semina il bene fra gli uomini in una qualche forma, è un Mio messaggero.

14. Potete incontrare questi inviati su tutte le vie della vostra vita, sia nelle comunità religiose, come anche nelle scienze – fra gli uomini che governano oppure presso coloro che elargiscono buoni insegnamenti.

15. Un Mio buon servitore non devia mai dal sentiero che ha percorso; piuttosto muore strada facendo, che retrocedere. Il suo esempio è un seme di Luce nella vita dei suoi prossimi, e le sue opere un esempio per gli altri. Ah, se l’umanità potesse comprendere i Messaggi che le mando tramite loro! Non è però così, perché ci sono molti uomini che hanno delle missioni scabrose nel mondo, che fanno smarrire i loro sguardi da quei grandi esempi per intraprendere la via che a loro piace di più.

16. Avete dei governanti che nei loro cuori non hanno la giustizia e la generosità per governare un popolo, perché inseguono la misera meta di potere e ricchezza – uomini che sostengono di sé di essere Miei rappresentanti e non conoscono nemmeno l’amore per i loro prossimi - medici che non conoscono l’essenziale della loro missione, che è la misericordia – e giudici che scambiano la giustizia con vendetta ed abusano della legge per scopi rovinosi.

17. Nessuno che percorre vie storte e distoglie il suo sguardo dalla Luce che ha in sé come segnale luminoso della sua coscienza, ha una idea del Giudizio che prepara a sé stesso.

18. Ci sono anche altri che si sono adescati compiti che non spettano a loro e che con i loro errori danno una dimostrazione che a loro mancano assolutamente le necessarie facoltà per eseguire il compito che hanno assunto da sé stessi.

19. Proprio così potete trovare servitori di Dio che non lo sono, perché non sono stati inviati per questo - uomini che guidano popoli e non sono nemmeno in grado di condurre i propri passi – insegnanti ai quali manca il dono dell’insegnare e che invece di diffondere la Luce, confondono l’intelletto – medici che non hanno nel cuore nessun sentimento della compassione in vista del dolore altrui e che non sanno che colui che possiede veramente questo Dono, è un apostolo di Cristo. / Tutti i Miei Principi fondamentali sono stati oltraggiati dagli uomini, ma ora è venuta l’ora nella quale tutte le loro opere verranno giudicate. Questo è il Mio Giudizio, dato che spetta a Me ad eseguirlo. Perciò vi dico: Vegliate ed osservate i Miei Comandamenti dell’Amore e del Perdono.

20. Vi ho detto che appartenete al popolo Israele, il proprietario del Seme divino? Quindi lavorate su di voi, affinché siate degni di portare con voi il seme dell’amore, della pace e della Luce.

21. Riflettete sulle Lezioni che ho insegnato in questo giorno, affinché non smarriate il sentiero che vi ho indicato, e non adeschiate compiti che non vi spettano ed affinché non facciate un uso sbagliato delle vostre facoltà, perché se dopo tutto quello che avete udito nelle Mie Istruzioni commettete quell’errore di cui vi ho avvertito, il vostro giudizio sarà più severo che quello di colui che durante la sua vita non ha imparato a conoscere nessun Insegnamento di tale Luce come contiene quella Dottrina che voi avete ricevuto.

22. Amato popolo, moltiplicati, rimani perseverante ed adempi la tua missione.

23. Ho acceso una Luce sulla via dell’anima, affinché non si smarrisca e vada sicura per la sua via – come una pecore che sa dov’è il recinto.

24. Questa Luce che è quella della conoscenza spirituale, illumina la breccia e scopre il lupo, quando questo è in agguato nella boscaglia.

25. Non tutti gli uomini camminano sulla retta via. Ci sono molti smarriti che hanno perduto la via, viaggiatori erranti, esseri senza determinato orientamento. Quando Io incrocio la loro via e li domando: “Dove vai? Che cosa o chi cerchi?”, allora Mi dicono con capo chino: “Maestro, non so dove sto andando, dove mi portano i miei piedi, né che cosa cerco”. Allora ho detto loro: “SeguiteMi”, ed era sufficiente quest’unica Parola che penetrava nel loro cuore, per accendere una Luce della speranza, una fiamma della fede che ha dato loro nuovo coraggio di seguire la Mia Orma, perché fin dal momento in cui cominciavano a seguirMi, sentivano una Forza sconosciuta che non li ha abbandonati per un attimo e faceva loro sentire una assoluta fiducia nella loro destinazione.

26. Io voglio che tutti voi che sentite la Mia Parola, comprendiate che con l’esortazione di camminare su questa via, non offro soltanto appagamenti e delizie, ma anche prove, Lezioni ed esperienze d’espiazione, che però contemporaneamente fluisce anche una Forza superiore per fortificare colui che viene provato e che questa Forza sia il bastone durante tutta la via della vita sul quale il viandante si deve appoggiare. Questa Forza contiene tutto: fede, amore, obbedienza e fiducia.

27. Rendetevi contro, discepoli, che cominciate a seguire il Maestro affinché, quando si manifestano prove sulla via della vostra vita, pensiate: “ Sono già preparato, il Maestro me lo ha indicato ed io ho la fiducia di sussistere con la Sua Assistenza divina”. / In Verità vi dico, se sfruttate queste Lezioni con spirito forte e rivolto in Alto, constaterete che nessuna prova è inutile, perché sia quella che è destinata ad una persona, come anche quella che si mostra nel grembo di una famiglia, visita una nazione – tutte loro ed ogni singola di loro cela in sé un profondo senso e sovente grandi insegnamenti di vita. Chi potrebbe dire in quel momento di essere libero da prove? – Nessuno, perché è il tempo della remissione spirituale.

28. Aprite i vostri occhi alla realtà e rendetevi conto della responsabilità che assumete, quando ascoltate la Mia Parola e diventate testimoni delle Mie Comunicazioni in questo tempo. Con ciò vi voglio dire che non vi dovete accontentare di sentire la Mia Parola e soddisfare i vostri propri bisogni senza pensare agli altri, perché questa soddisfazione non potrà essere perfetta se pensate che proprio nei momenti della vostra estasi spirituale milioni dei vostri prossimi lottano, si disperano oppure cadono nel fuoco delle guerre omicide.

29. La Mia Dottrina vi prepara ad una contesa a favore della pace e della spiritualizzazione nel mondo. La Mia Istruzione vi dice ciò che dovete fare affinché voi tutti collaboriate in quest’Opera di salvezza. Allora il vostro spirito sperimenterà sempre di più la pace e la soddisfazione che spettano a coloro che hanno collaborato con Me alle Mie Opere dell’Amore.

30. Non perdete quella sensibilità che conquista la vostra anima nell’ascolto della Mia Parola, quando ritornate alla lotta materiale della vostra vita, perché là su quelle vie ci sono i vostri prossimi in attesa di una vostra parola che contiene conforto o una espressione che porta il Mio Messaggio della Luce ai loro cuori. Se però il vostro cuore è ricaduta nella sua abituale durezza quando si rivolgono a voi, non potrete nemmeno guardare nell’interiore di colui che ha cercato qualcosa da voi che non era la vostra proprietà, ma era pensato per lui: la Mia Luce, la Mia Pace, il Mio Balsamo.

31. Non pensate che la vostra mancanza di amore per gli uomini possa rimanere impunita, perché se doveste aver trasgredito contro i vostri doveri spirituali, le schiere degli uomini, quando entrano nel grembo delle vostre comunità ed imparano a conoscere il Messaggio di cui li avete privati o lo avete nascosto, si domanderanno interiormente, se questi sono i nuovi apostoli, mentre altri che penetrano nella Mia Dottrina, vi daranno una lezione su come sono da adempiere gli incarichi divini.

32. Vi devo parlare per impedire che vi addormentate, ed affinché non siate sorpresi dal vostro sonnecchiare. Io vi esorto a lottare e per questo vi il Mio Esempio di costante efficacia.

33. Nessuno Mi dica che trova sulla sua via ostacoli troppo grandi per potere adempiere il suo compito, perché credete che nessuna foglia dell’albero si muove senza la Volontà del Padre, dovete anche comprendere che dovete adempiere la vostra missione al di sopra di ciò che chiamate ostacoli.

34. Non coltivate l’opinione che con la sola presenza in questi luoghi avete già adempiuto il vostro compito spirituale, oppure che con il solo parlare sulla Mia Dottrina Mi avreste già servito, perché il vostro campo d’azione è così ampio e così pieno di occasioni per esercitare l’amore sulla vostra via, che non dovete sforzarvi per trovare adeguate opportunità per seminare. Non avete tuttavia badato a tutto questo, e perciò voi dite di avere troppi ostacoli davanti a voi per poter adempiere, perché non avete sondato tutto ciò che contiene il vostro compito spirituale.

35. Amate, servite, siate utili, salvate e consolate, fate della vostra vita un bell’esempio, un insegnamento pratico, affinché vi si segua con fervore. Allora irradierete la Luce spirituale sui vostri prossimi. Quando parlate della Mia Dottrina, adempirete la missione di seminare la spiritualizzazione. Fatelo però con umiltà e rendetevi conto che ogni opera che contiene vanità, sarà un seme sterile che non germoglierà mai.

36. Vi assicuro che, quando agite nella vostra vita con quel tatto, sincerità ed onesta che vi consiglio, i cuori duri, dei quali Mi parlate nelle vostre preghiere, si lasceranno ammorbidire smuovendoli dalla vostra virtù e giungerete alla convinzione che lo spirito progredito non potrà mai essere ostacolato nell’esecuzione di questa missione, perché sta al di sopra di tutte le piccolezze di questa vita.

37. Non pensate mai male di coloro ai quali non piacete, e non siate mai amareggiati di coloro che non vi comprendono, dato che voi stessi trasmettete il sentimento più intimo che avete nei confronti dei vostri prossimi e lo trasmettete a loro mentalmente.

38. In questo tempo vi offro moltissime facilitazioni ad essere Miei discepoli, che non avete bisogno di abbandonare i vostri genitori, coniugi o figli per visitare altri paesi, nei quali diffondere i Miei Insegnamenti, né avete bisogno di predicare ad alta voce nelle strade e piazze, non dovete nemmeno temere che alla fine dell’attività della missione vi attende inevitabilmente il patibolo. Io ho percorso questa via ed anche i Miei apostoli; ma quel sangue ha purificato il sentiero affinché i nuovi discepoli non debbano venir alla caduta. Voi dovete solo ancora comprendere il senso spirituale di questo Messaggio affinché lo realizziate ed impieghiate in modo semplice nella vostra vita per vivere veramente la Mia Parola.

39. Ho dato allo spirito potere sulla materia, affinché proceda vittorioso dalle prove e giunga fino alla meta finale della via. La lotta però sarà grande, perché da quando l’uomo ha creato nel mondo l’unico regno nel quale crede, ha distrutto l’armonia che deve esistere fra lui e tutto ciò che lo circonda. Dal suo trono superbo vorrebbe sottomettere tutto al potere della sua scienza ed imporre la sua volontà agli elementi e forze della natura. Questo comunque non gli è riuscito, perché già da tempo ha strappato i legami dell’amicizia con le Leggi spirituali. / Quando ho detto adesso a questo popolo qui che le potenze della natura gli possono obbedire, c’erano alcuni che non lo hanno creduto, ed Io vi dico che hanno motivo di dubitare, perché la natura non obbedirà mai a coloro che la disprezzano, oltraggiano o scherniscono. Chi invece sa vivere in sintonia con le Leggi dello Spirito e della materia, cioè chi vive in armonia con tutto ciò che lo circonda, durante la sua vita diventerà uno con il suo Creatore ed avrà un diritto che gli elementi della natura lo servano e gli obbediscano, come spetta ad ogni figlio che è obbediente al Padre suo, il Creatore di tutto ciò che esiste.

40. Non ho detto che questa comunità qui ha raggiunto la necessaria elevazione animica, per fare diventare realtà un tale Miracolo – nemmeno che attualmente ha già raggiunto l’armonia fra il materiale e lo spirituale. Io la stimolo solamente a tendere questa meta attraverso la spiritualizzazione.

41. Per incoraggiarvi nella vostra fede e dimostrare la Verità della Mia Parola compio a volte da voi tali Opere che voi chiamate miracoli e che sono solo la ricompensa per coloro che hanno saputo ordinarsi nell’armonia universale, anche se è stato solo per una breve spanna di tempo.

42. La trasmissione storica sui primi uomini che abitavano sulla Terra, veniva tramandata da generazione in generazione finché veniva scritta nel Libro del Primo Tempo. E’ una viva parabola di quei primi esseri umani che vivevano sulla Terra. La loro purezza e la loro innocenza ha reso loro possibile di sentire la carezza di madre natura. Fra tutti gli esseri esisteva un amichevole rapporto e fra tutte le creature una illimitata fratellanza. Le passioni umane hanno poi estraniato gli uomini a quella vita per cui si vedevano costretti a tendere per mezzo della scienza a ciò che avevano perduto per mancanza di spiritualizzazione. Così l’umanità è giunta nei tempi presenti nei quali, per sopravvivere ad essi, hanno dovuto rubare il necessario per la vita dagli elementi e forze della natura.

43. Non vi proibisco di fare uso della scienza, né la condanno. Voglio solamente che gli uomini comprendano per mezzo della Mia Dottrina che esiste un Essere superiore che loro conoscono e che possono raggiungere attraverso l’amore che è l’essenza di tutte le Mie Istruzioni.

45. Molti popoli sono precipitati nell’abisso della materializzazione ed altri sono vicini a precipitarvi; ma il dolore della loro caduta procurerà che si svegliano dal loro profondo sonno.

46. Sono quelle nazioni che dopo un tempo dello splendore hanno sperimentato un tramonto e sono sprofondate nell’oscurità del dolore, del vizio e della miseria. Oggi non è solo un popolo, ma tutta l’umanità che corre cieca incontro alla morte ed al caos. / L’arroganza dei popoli verrà visitata attraverso la Mia Giustizia. Ricordatevi di Ninive, Babilonia, Grecia, Roma e Cartagine. Da loro troverete profondi esempi d’insegnamento della divina Giustizia.

47. Quando gli uomini hanno afferrato lo scettro del potere e permesso che il cuore veniva colmato con l’ateismo, arroganza ed insensate passioni con cui hanno strascinato con nel degrado i loro popoli, la Mia Giustizia si è avvicinata per togliere loro il loro potere. Contemporaneamente ho acceso una fiaccola davanti a loro che illumina la via per la salvezza della loro anima. Che cosa sarebbe degli uomini, se Io li lasciassi alle loro forze nei momenti delle loro prove? / Rivolgete i vostri sguardi a quei popoli che prima erano grandi ed oggi giacciono in rovine. Rifioriranno nuovamente, ma non li rialzeranno di nuovo l’arroganza il desiderio per grandezza terrena, ma quell’Ideale che si ispira a quella Giustizia e virtù che diffondono le Mie Istruzioni. Dalle loro macerie sorgeranno nuove nazioni e sulle rovine delle loro chiese ed il loro idoli offriranno al loro Dio la vera adorazione.

48. L’arroganza è stata umiliata ed il peccato lavato attraverso il dolore; ma non dimenticate che sono ancora da togliere molte macchie d’onta e che – per quanto la vita degli uomini sulla Terra diventerà ancora pura – questo pianeta non sarà mai l’eterna patria per lo spirito, perché chi lo crede, ha malamente interpretato la Mia Parola oppure non ha compreso il vero senso della vita.

49. Questo mondo sarà sempre soltanto la dimora transitoria dell’anima, solo un tratto parziale sulla via alla sua espiazione, del suo sviluppo e perfezionamento. E’ diversa la vita che vi attende, per accogliervi per sempre.

50. Alla Mia Presenza vengono malati, falliti, poveri spirituali e mentre gli uni benedicono la Mia Volontà, gli altri si ribellano in vista del dolore ed attribuiscono le loro sofferenze ad una punizione divina oppure ingiustizie del destino. Allora è necessario che vi liberi dalla vostra ignoranza e vi scopro il nocciolo della Verità.

51. Finché vivete nella carne, la vostra anima si purifica da oscure macchie da vite passate, e perciò era diventato necessario rivelarvi tutto questo, affinché possiate sopportare con pazienza le sofferenze della Terra.

52. Fin dal principio dell’umanità esiste la reincarnazione dell’anima come una Legge dell’Amore e della Giustizia e come una delle forme nelle quali il Padre ha dimostrato la Sua infinita Grazia. La reincarnazione non è una questione di questo tempo, ma di tutti i tempi, e non dovete nemmeno credere che Io vi abbia rivelato questo mistero solamente ora. Già nei tempi remoti esisteva nell’uomo il sapere intuitivo sula reincorporazione dell’anima.

Gli uomini però, che hanno teso alla scienza materialistica ed ai tesori, si sono lasciati dominare dalle passioni della carne per cui quelle fibre del cuore umano si indurivano, con le quali si percepiscono lo spirituale, perché gli uomini sono diventati sordi e ciechi per tutto ciò che appartiene allo spirito. / A che cosa può servire attaccare i loro occhi a quegli Scritti che contengono la Legge e la Dottrina che Io vi ho rivelato nei tempi passati, se l’intelletto non è in grado di penetrare nel loro senso, ed i loro cuori non percepiscono il nocciolo essenziale. / Riconoscete che la sensibilità e la capacità del presagio spirituale negli uomini sono atrofizzati e che perciò cadono quasi sempre in errate interpretazioni alla ricerca della Mia Verità in quei testi. Hanno direttamente la Luce davanti ai loro occhi, ma invece di penetrare fino al nocciolo delle Istruzioni, si fermano alle lettere, cioè alla forma esteriore, per cui soccombono sovente agli errori. Ora però sono qui per portare Luce nei misteri e versetti oscuri e per liberarvi da confusioni ed errori.

53. Ben per coloro che Mi hanno chiamato, perché con ciò hanno dimostrato la loro nostalgia per l’amore e per il sapere. Hanno sperimentato come li assiste ed aiuta il Mio Amore. Dovete però ammettere che non potete ricevere tutto in una volta ciò che volete sapere in questo tempo, perché è necessario che preghiate, meditiate e viviate i Miei Insegnamenti per ricevere ciò che bramate.

54. Sia quell’uomo che cerca la Luce del sapere nella natura, come anche colui che cerca la Mia Sapienza nelle Rivelazioni divine, deve percorrere sui propri piedi la via sulla quale troverà tutte quelle Verità che non può scoprire su altri sentieri. Proprio per questo ho mandato la vostra anima a vivere una vita dopo l’altra qui sulla Terra, affinché a motivo del suo sviluppo e la sua esperienza scopra tutto ciò che è in lei ed in ciò che la circonda.

56. Ci saranno delle occasioni nelle quali vi sembra come se ci fosse una contraddizione fra ciò che vi dico oggi, e ciò che vi era stato rivelato in tempi passati, ma questa non esiste. Sono gli uomini che sono catturati nell’errore. Ora però tutti giungeranno alla Luce.

57. Se vi sentite aggrediti per via di questo modo di afferrare la Mia Dottrina, allora non preoccupatevi, perché in Verità vi dico, nessuno ha ancora la giusta conoscenza, per cui nessuno vi può dimostrare di essere già penetrato al nocciolo della Verità.

58. Studiate la Mia Dottrina, ottenete la Luce attraverso la preghiera, fate del bene la norma della vostra vita e sperimenterete come nei momenti nei quali ve lo aspettate di meno, sarete sorpresi da ispirazioni e pensieri che sono vere Rivelazioni del Mio Spirito.

59. Quando sentite che vi raggiungono ispirazioni che procedono da Me, vi dovete mostrare umili, affinché non vi consideriate mai più grandi di altri, ed affinché ne lasciate prendere parte i vostri prossimi con quell’amore con il quale vi ho mandato la Mia Luce.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 106

 

1. Discepoli, qui è il vostro Maestro. Davanti a voi tirerò via il velo da molti Misteri. Domandate, chiedete, e vi verrà dato. Non chiedeteMi però più di quanto dovete sapere.

2. Nei tempi passati non ho potuto rivelarvi tutti quei Misteri che vi faccio conoscere in questo Terzo Tempo, perché la vostra anima non era in grado di comprendere di più oppure di capire, di quanto lo permetteva il suo sviluppo. La Mia Parola però è la stessa – immutabile, eterna. E’ la vostra anima che è nata, che cresce e si sviluppa fino a raggiungere la perfezione. Lo Spirito divino non ha né inizio né Esso avrà una fine, Egli è immutabile.

3. Il vostro spirito è parte di un popolo che ho usato come mezzo o strumento per consegnare all’umanità i Miei grandi Insegnamenti. Sono state tre grandi Rivelazioni che il Padre ha dato al Suo popolo: La prima Lezione era la Legge della Giustizia nel Primo Tempo, nella prima infanzia di questo popolo; la seconda era la Legge dell’Amore (in Gesù), rivelata nel Secondo Tempo quando aveva appena raggiunto la giovinezza spirituale; la terza Lezione è questa che vi sto dando in questa presente epoca, che ho chiamato “Terzo Tempo”. In questo Terzo Tempo vi rivelo la Legge spirituale in piena ampiezza – una Legge che abbraccia tutto ciò che veniva mostrato nei tempi passati e tutto ciò che lo spirito deve sapere e possedere. Spiritualmente avete ora raggiunto il tempo della giovinezza.

4. Dato che continuate a svilupparvi – perché dovrei darvi allora sempre la stessa Lezione? Questo è il motivo per cui la Mia Sapienza celata vi rivela in ogni epoca Misteri più profondi.

5. In vista del materialismo e del male che regnano in questo tempo, dubitate di avere abbastanza capacità per la comprensione spirituale e per comprendere le Mie nuove Istruzioni, di adempierle e viverle. Io però vi dico: Al di là del materialismo dell’umanità, la sua miseria, il suo vizio ed il suo tendere al potere, esiste l’anima che è passata attraverso lunghe vie di sviluppo e difficili lotte e che aspetta solo il momento di liberarsi del suo falso abito per recarsi piena di forza sul sentiero della Giustizia ed Amore che le spetta.

6. La scienza umana è l’espressione terrena visibile della facoltà spirituale che l’uomo ha raggiunto in questo tempo. L’opera dell’uomo in questo tempo non è solo un prodotto dell’intelletto, ma anche dello sviluppo spirituale-animico.

7. Il Maestro che ha incontrato i Suoi discepoli nella giovinezza spirituale - già spiritualmente preparati al punto da comprendere la nuova Lezione – unirà le tre Rivelazioni divine come Testamento dell’Amore in un unico Libro per gli uomini. Il motivo perché vi chiamate trinitari, è che nel vostro spirito portate il seme di queste tre Epoche d’Insegnamento. Nonostante ciò in questo tempo non tutti Mi seguiranno, nemmeno tutti coloro che Mi ascoltano, perché non tutti si sono svegliati, né tutti hanno saputo utilizzare le prove che hanno avuto nella loro vita. Nei confronti degli Ammaestramenti ci sono gli indifferenti, quelli che rimangono nell’arresto, catturati nell’errore, ma ad ognuno è determinato il momento nel quale si sveglierà e sentirà la voce della sua coscienza. / Coloro che in questo tempo hanno tremato all’ascolto della Mia Parola, erano quelli che aspettavano con impazienza la nuova Comunicazione, che si sono ricordati della Mia Promessa di ritornare, come il viandante smarrito aspetta nella notte che compaia l’aurora per trovare la via e continuare il pellegrinaggio.

8. La Mia Voce che rendo oggi udibile in questa forma, presto non si farà più sentire, ed allora osserverò nelle vostre opere il frutto della Mia Semina. Lascerò in ognuno di voi una “spiga” ed un “frutto, affinché, quando sentite fame o un bisogno (spirituale) si avvicina a voi con la richiesta, avete il Pane e non dite al Padre che è andato via e vi ha lasciato senza eredità. / Io voglio che in questi tempi, quando avete il desiderio dei Miei Doni di Grazia, vi rifugiate nella vostra anima e cercate in lei l’aiuto, perché là troverete molti tesori che vi ha posto il Mio Amore provvidenziale. Troverete anche la Mia Semenza in sovrappiù aspettando che prepariate i campi per seminarla. Vi ho insegnato a coltivare questi campi e di vegliare sulla semenza. Domani la vostra anima deve riportare il frutto delle sue opere come un raccolto che è degno di essere offerto al Padre e conservato nel Suo Granaio.

9. Ci sarà una breve spanna di tempo nella quale la Mia Parola data in questo tempo sembra essere scomparsa dalla faccia della Terra. Allora gli uomini andranno ad inventare insegnamenti spirituali, ad insegnare nuove leggi e comandamenti. Si chiameranno maestri, apostoli, profeti ed inviati di Dio ed Io li lascerò parlare e seminare per un tempo. Li lascerò coltivare il loro chicco di seme affinché, quando raccolgono il frutto, sperimenteranno ciò che hanno seminato. Il tempo e le potenze della natura passeranno sulla loro semina, ed i loro passi per ognuno di questi figli d’uomini saranno come un giudizio.

10. E’ necessario che il mondo impari a conoscere l’inganno, affinché riconosca la Verità. Allora la Verità e l’essenza della vita che vi ho consegnato in questo tempo, risorgeranno fra gli uomini di nuovo in tutta la loro purezza e spiritualità.

11. Guardate gli uomini che guidano i popoli, che creano dottrine e le impongono agli uomini. Ognuno manifesta la superiorità della sua dottrina, ma Io vi domando: Qual’è stato il frutto di tutto questo? – Le guerre con il loro seguito di depauperamento, sofferenze, distruzione e morte. Questo è stato il raccolto che i rappresentanti di tali teorie qui sulla Terra hanno raccolto. / Osservate che non Mi sono opposto alla libertà della volontà dell’umanità, benché vi devo dire che senza danneggiare quella libertà, la coscienza parla continuamente al cuore di colui che si allontana dalla Giustizia, dall’amore per il prossimo e dalla ragione.

12. Anche nella vita umana farò comprendere agli uomini come sono fatti i frutti della loro semina, mentre permetto che si manifestano prima o poi le conseguenze delle loro azioni, come fanno i loro giudici. Dopo questo giudizio Mi cercheranno tutti ed allora scopriranno che la Mia Parola si adegua agli uomini di tutte le età e culture, perché la Parola divina, la Mia Dottrina, non appartiene ad una determinata epoca, perché è eterna.

13. La Mia Istruzione comunica all’anima la forza per vincere tutte le prove; il numero delle stesse è registrata nella destinazione di ogni creatura. Perché spaventarsene? Perché scoraggiarsi in vista della montagna che si eleva davanti ai loro occhi? Non sapete che dopo il superamento di questi ostacoli raggiungerete la meta che cercate?

24. Quanta debolezza vedo sempre ancora nella vostra carne – una debolezza che vi induce sovente a bestemmiare. Quando le potenze della natura si mostrano inclementi, voi imprecate; quando un qualche dolore tormenta il vostro corpo, vi disperate; quando vi opprime il lavoro, perdete la pazienza; persino il calore ed il freddo vi fanno infuriare; e l’oscurità della notte vi incute paura. Come non dovreste disperarvi, se vi lasciate condurre dalle pretese della carne che produce le basse passioni? Quando sarete finalmente i Miei discepoli che testimoniano con le loro opere la Verità della Mia Dottrina?

15. Essere discepoli di Cristo non significa che vi dovete allontanare troppo dal terreno-materiale. Significa che vi separiate bensì dal male e dal superfluo, ma non vi dovete distogliere dai vostri doveri e gioie terreni. Non vi voglio avere come fanatici, né come schiavi dello spirituale, finché siete ancora nella carne. Il buon discepolo di Gesù è quello che sa dare a Dio ciò che è di Dio, ed a “Cesare” quel che è suo.

16. Una grave contesa aspetta il Mio popolo, perché incontrerà sulla sua via un alto stato di sviluppo nell’anima e nella mente degli uomini. Proprio per questo voglio che anche voi vi sviluppiate in questo tempo della Mia Comunicazione, affinché nessuno vi possa ingannare. Abbiate assoluta fiducia nella Mia Parola, nella consapevolezza che in questa è contenuta più Sapienza che nella mente degli eruditi, e conoscenze che non si trovano in tutti i libri della Terra.

17. Seminate instancabilmente amore e pace; in questo modo preparate la vostra via spirituale e quando poi si avvicina all’improvviso la morte al vostro corpo e l’anima ha già percorsa una gran parte della sua via, vedrà piena di Beatitudine fin dove l’hanno elevato i meriti delle sue opere d’amore per i prossimi.

18. Popolo, riconosci come lasci dietro di te vecchie abitudini ed usanze nella misura nella quale ti immergi nella Mia Istruzione, perché entri in una vita nuova, più pura, più spirituale. E’ un nuovo mondo che sale dal profondo del vostro cuore.

19. La Mia Parola ha risolto molti Misteri e vi ho corretto molte interpretazioni sbagliate. Proprio così voi dovrete andare sulle vie del mondo e spiegare ai vostri prossimi la Mia Legge. Io vi dico: Voi andrete via, perché nessuno è profeta nel suo paese, Io stesso allora ho dovuto abbandonare Nazareth dove vivevo, per trovare fede là come venivo considerato uno straniero, dove non si direbbe di Me: “Quell’Uomo che Si chiama “Figlio di Dio”, è il Figlio di Maria e Giuseppe, il falegname”.

20. Vi dico questo, perché voi che avete ricevuto i Miei Doni spirituali, si trovano coloro nei quali hanno dubitato persino i loro genitori, i loro figli o i loro fratelli. Fra voi ci sono tali che per via della testimonianza per la Mia Istruzione venivano chiamati come Me, maghi, stregoni. / Non dimenticate queste Parole, perché alcuni dovranno rimanere nella loro patria più ristretta; altri la dovranno abbandonare ed anche la loro nazione, per portare la Mia Parola ad altri popoli.

21. Questa nazione, resa fertile attraverso la sofferenza, ha accolto la Mia Semenza, e questa ha germogliato; ma non credete che solo voi avete la Luce. Quando portate la Mia Dottrina ad altri popoli, sperimenterete che presto germoglieranno e si prepareranno. In quei paesi voi sarete profeti e messaggeri e perciò troverete la fede.

22. La Mia Luce si diffonde da un capo all’altro ed illumina tutto l’Universo. La Luce del divino Spirito è quella Luce che parla a tutti gli esseri. Voi come esseri umani ricevete la Mia Parola attraverso la facoltà dell’intelletto dell’uomo. A coloro che voi chiamate Angeli farò giungere la Mia Voce in forma di Ispirazione divina; ed in ogni mondo o dimora spirituale Mi faccio sentire e Mi rendo comprensibile secondo il grado di sviluppo dei suoi abitanti.

23. Vorrei parlare a voi come parlo agli Angeli – non perché avete la loro purezza, ma perché voglio che vi rallegriate di questa Grazia e diventiate sempre più simili a quegli esseri nella loro maestosità. Il dialogo fra Spirito a spirito avvicinerà tutti gli esseri e tutti i mondi. Dovete però essere preparati per comprendervi reciprocamente, e per questo vi do una unica lingua, una unica Luce, un unico modo del dialogo: quello del vero Amore.

24. Per voi comincia l’era della Comunicazione spirituale. La via è lunga che avete percorsa, e passerà ancora molto tempo finché vedrete l’apice di questo Dono; ma nei primi passi ed ogni successivo troverete un incoraggiamento per continuare sulla via.

25. Non vi era altamente benvenuta la Mia Comunicazione attraverso il portatore della Voce? Non eravate felici dalla presenza del mondo spirituale attraverso la facoltà dell’intelletto? Perché questi erano i passi che preparavano la via per il dialogo spirituale che raggiungerete dopo. Ed in quei momenti nei quale cercate la Mia Voce nel silenzio della vostra preghiera – vi è la pace che percepite, e quella ispirazione sorgente che ricevete, non è un beneficio?

26. Voi sapete dei tempi della pace che verranno, perché avete ricevuto la Mia Ispirazione e le Mie Rivelazioni; ma ci sono altri che, senza averMi sentito in questo tempo, sognano e bramano l’armonia universale e non sanno se verrà a voi; questa è la facoltà del presagio che parla in loro.

27. Persino gli scienziati hanno un presagio dello scambio di pensieri attraverso Doni spirituali, e questo perché nella loro costante ricerca e penetrazione all’interno dell’essere umano hanno scoperto l’esistenza di quell’essere, benché appartenente ad un altro mondo, che vive nell’uomo: l’anima.

28. Oggi dico a tutti voi: Camminate riflessivi e prudenti su questo sentiero per non smarrirvi. Vegliate e pregate nel viaggio della vostra vita per giungere alla meta e la vostra Beatitudine sarà grandissima, quando vi parla il Padre e Lo sente e comprendete tutto l’Universo spirituale e vi intendete nello stesso modo.

29. Io voglio che sentite nel vostro cuore l’Amore del Padre vostro; questo Amore irradia dal Mio Spirito giù a voi. Dato che però non avete ancora raggiunto la vera unione dello spirito, vi parlo attraverso questa creatura in un linguaggio sobrio e semplice che viene compreso da tutti. E’ la Mia Volontà annunciarvi la Mia Parola con la massima sobrietà, affinché scopriate molto facilmente l’essenziale nella stessa e non vi perdete in una ondata di parole confuse che è quasi sempre inutile.

30. Chiarite la vostra mente e purificate le vostre labbra affinché, quando volete spiegare la Mia Dottrina, dalle vostre labbra venga sempre la corrente cristallina della Mia Parola senza che si mescolano alle vostre parole espressioni millantatorie che le tolgono la sua Sobrietà e la sua Forza. Se voleste spiegare la Mia Dottrina spirituale con espressioni scientifiche o filosofiche, non impressionereste il mondo, né i vostri prossimi vi comprenderanno, né trasmetterete una vera idea di ciò che è la Mia Istruzione. / Quando allora parlavo al mondo in Gesù, non ho usato il linguaggio degli eruditi, dei filosofi o degli scienziati per parlarvi del Regno dei Cieli. Ho usato le espressioni più semplici della vostra lingua, perché proprio lei esprime meglio le cose ultraterrene. Ho fatto uso delle Parabole e Mi sono riferito a quegli oggetti che vi erano confidenziali, affinché attraverso questi avreste riconosciuto il senso della vita spirituale.

31. In Verità vi dico, Gesù non doveva imparare nulla dagli uomini, perché allora Io non Sarei stato il divino Maestro, ma un allievo degli uomini. Quando qualcuno ha detto che Cristo è stato istruito da teologi, teosofi oppure saggi, allora non dice la Verità, perché prima di Cristo e nel tempo nel quale Egli viveva sulla Terra , non esisteva nessuna dottrina che Lo avesse istruito di venire così nel mondo, di vivere e di morire come Egli ha fatto. Io vi dico contemporaneamente che non si possono imparare dal mondo gli Insegnamenti del Cielo, e che ciò che Gesù insegnava, era la Verità che vale nell’eterno Regno dello Spirito.

32. Come gli uomini si intestardiscono di complicare la cosa semplice, vorrebbero anche scoprire nel Divino la composizione e le sostanze che sono proprie della natura materiale. Il loro stupore sarà grande quando constateranno una volta che il Tutto, lo Spirituale o Divino, è senza sostanza e senza figura, l’inizio e la fine, la Verità, eternamente.

33. Gli uomini sono sempre stati molto occupati con le magnificenze della Terra per riflettere sul significato che ha il pregare e la considerazione spirituale, su ciò che si trova al di là di questa vita che avrebbero potuto scoprire il proprio nucleo essenziale. Chi prega, parla con il Padre, e quando chiede, riceve subito la Risposta. L’ignoranza degli uomini sullo spirituale è la conseguenza della mancanza di preghiera.

34. Popolo, dato che non sei stato in grado di eliminare su questa Terra la confusione delle lingue di Babele, dato che le razze non hanno saputo unirsi né amarsi, Io unirò la Mia famiglia nella Patria spirituale. I peccatori ostinati e caparbi arriveranno nello spirituale dinanzi a Me e quando riceveranno il loro verdetto, la loro illuminazione ed il loro pentimento saranno così grandi come era grande il loro peccato sulla Terra.

35. Pregate per coloro che vi lasciano e vanno nell’aldilà, perché non a tutti riesce trovare la via, non tutti sono in grado di elevarsi animicamente, né tutti raggiungono la pace in breve tempo.

36. Certi vivono nello spirituale sotto l ‘immagine obbligata della vita materiale, certi soffrono sotto veementi sentimenti di pentimento, altri sono insensibili, sepolti insieme con il loro corpo sotto la terra, e di nuovo altri non si possono separare dai parenti – da coloro che sono rimasti nel mondo, perché sono trattenuti dai lamenti, dall’egoismo e l’ignoranza umana, li lega alla materia e deruba della pace, della Luce e del procedere.

37. Permettete che quelle anime avanzino, quelle che si trattengono ancora in questo mondo, senza che questo spetta ancora a loro; aiutate loro di rinunciare ai beni che possedevano ed amavano in questa vita, affinché si possano elevare nell’Infinito dove le attende la vera Eredità.

38. Non coltivate nessun rancore e non pensate male delle azioni di coloro che sono deceduti. Non abbiate il desiderio che cadano dinanzi a voi sulle ginocchia e supplichino il vostro perdono.

39. Quanto è cieca l’umanità!

40. Riconoscete voi e riconoscete Me, affinché impariate a camminare sul sentiero dell’amore, e compiete opere degne di Me per poter somigliare al Padre vostro.

41. Voi tutti dovete venire a Me, gli uni prima, gli altri più tardi, ma tutti arriveranno. Non poteva essere diverso, dato che siete tutti scintille della Mia Luce divina, dato che siete una parte di Me stesso. Imparate da Me di amare e di perdonare e di adempiere il Comandamento che vi dice: Amatevi l’un l’altro.

42. Volete che Io vi perdoni in ogni tempo, ma voi vi lasciate il tempo del perdono nei confronti dei vostri prossimi oppure li rifiutate! Perché volete morire nell’abisso, benché possediate grandi facoltà nel vostro spirito? / La Mia Parola viene in questo tempo per illuminare il vostro intelletto. Voi avete cercato la Verità nei libri ed avete solo trovato l’intrattenimento per l’intelletto, ma nessun beneficio per l’anima, nessun nutrimento o incoraggiamento per tenervi diritti nella vostra debolezza oppure nel vostro esaurimento.

43. Non vi consegno la Mia Parola in una forma spirituale o linguistica scelta, affinché la possiate comprendere. In fondo alla sua semplicità però cela grandi Tesori in Sapienza e Luce per gli uomini.

44. Dal momento che Mi avete cercato così tanto ed il vostro cuore Mi ha aspettato, ora sono qui ed adempio la Mia Promessa di ritornare a voi ed ascolto il vostro bramoso desiderio di sentirMi.

45. Il Mio Spirito divino vi segue ovunque sulle vie del mondo, come se fosse l’ombra del vostro corpo. Vi ho fatto conoscere gioie ed anche lutto, ho voluto che avreste fatto esperienze di lotta e di pace, che imparaste a provare e conoscere tutto. C’era però qualcosa che in questo mondo avete cercato invano, senza poterlo trovare, perché questo qualcosa lo si può trovare solo da Me: la Mia Verità. Questo è il motivo perché la vostra anima, quando Mi ha sentita, ha percepita che ha finalmente trovato quello che cercava: la Verità.

46. Sì, popolo, Io sono il Principio e la Fine di voi, Io sono l’Alfa e l’Omega, benché non vi comunico e rivelo ancora tutti gli Insegnamenti che tengo ancora pronti per il vostro spirito e che verrete a conoscere solamente, quando sarete già lontanissimi da questo mondo. Vi rivelerò molte nuove Lezione in questo tempo odierno, ma vi darò ciò che siete in grado di possedere senza credervi grandi o vantarvi nei confronti dei vostri prossimi con orgogliosa superiorità. Voi sapete infatti, che chi è orgoglioso delle sue opere le distrugge appunto attraverso questo orgoglio. Perciò vi ho insegnato ad operare nel silenzio, affinché le vostre opere portassero un frutto dell’amore.

47. Respingete da voi la lusinga, perché questa è un’arma che distruggerà i vostri sentimenti nobili. E’ una spada che può uccidere quella fede che ho accesa nei vostri cuori.

48. Come potete permettere che gli uomini distruggano l’altare che possedete nel più interiore del vostro essere?

49. Lo so che nel grembo di questo popolo sono state compiute grandi opere, ma è sufficiente che lo lo sappia, anche se i vostri nomi sono sconosciuti nel mondo.

50. Io Solo conosco il vero merito e il vero valore delle vostre opere, perché nemmeno voi stessi potete giudicarle. Qualche volta una minima opera vi sembrerà grande, e di altre non vi renderete nemmeno conto che i loro meriti giungono a Me.

51. Diventate forti nell’umiltà, nella dignità d’uomo, e non andrete a fondo. Vi ho dato le armi. Combattete e non perderete nessuna battaglia. L’alloro che adornerà la vostra fronte, sarà un Bacio dell’Amore del Padre vostro.

52. Non cadete nella letargia, dopo esservene liberati. Non siate come le vergini infedeli che non hanno saputo aspettare lo Sposo con lampade accese, perché se il vostro precedente risveglio era stato amaro, il prossimo non ne sarà paragonabile.

53. Custodite la vostra eredità, e non vi sarà nessuno che ve la strappa, perché l’uomo non ha il potere di rubare i Doni dello Spirito.

54. Popolo, i momenti della Mia Presenza fra voi sono brevi, nei quali vi do la Mia Istruzione attraverso questa Parola. Prima però che Me ne vado, voglio lasciarvi la Mia Dottrina come un Tesoro, come una eredità della Verità e dell’Amore affinché, ogni volta che vi sentite molto piccoli nei confronti dell’umanità per via della vostra povertà ed indigenza materiale, la conoscenza di ciò che possedete come una eredità di infinito valore spirituale vi incoraggi a levare il vostro volto senza timore ed aprire liberamente le vostre labbra per trasmettere la Mia Parola. Questa è l’unica grandezza che dovete avere secondo la Mia Volontà: quella dell’anima.

55. Se solo comprendeste che molti esseri umani che vedete miseri – gli uni ciechi, altri ribelli, di nuovo altri languendo di fame – hanno sovente nella loro anima più Luce e maturità che certi che si vantano con salute, potere ed erudizione! Perciò non aspirate ad oro, onori o abitazioni. Adoperatevi per la pace, la salute e le virtù.

56. Nei Miei alti Consigli è previsto che dovete essere guide e consiglieri degli uomini. Lavorate su di voi affinché diventiate degni a portare agli uomini il seme del Padre. I potenti “alberi” aumenteranno; taglierò da loro dei rami che verranno portati dai Miei operai nelle province dove i Miei figli hanno avuto da molto tempo nostalgia di sentire la Mia Parola.

Le Mie Istruzioni sono precise, perché le schiere degli uomini Mi chiedono che Io faccio loro dimenticare la sofferenza e la miseria del mondo; e rimango più a lungo fra loro, senza che sentano il corso del tempo o stanchezza. Solo così potrete finalmente far vostre le Mie Istruzioni e comprendere e sondare il contenuto del loro senso.

57. Sarà magnifico quando queste schiere prenderanno la via nella loro semplicità e modestia e portano fuori il Lieto Messaggio di questo tempo, che è molto colmo di spirito e moralità! Dovete ricordare ai padri che si sono fatti giudici dei loro figli, che devono loro perdonare ed amarli; le madri che hanno rinnegato i loro figli e loro negato il proprio grembo, devono essere esortate ad allargare le loro braccia e stringere al loro cuore i propri figli, affinché anche questi possano amare; e dovete ammonire i figli a non levarsi contro i loro genitori che devono rispettare, perché i genitori occupano il Mio Posto. Come si potrebbe sviluppare l’anima verso l’Alto senza rettitudine?

58. Domani dovrete insegnare le vostre parole e rafforzarle attraverso azioni. Date però già ora alla vostra vita una moralità superiore, ristabilite di nuovo le vostre case ed unite le vostre famiglie. Il padre deve mettersi alla ricerca di suo figlio che è fuggito di casa, ed i figli si devono di nuovo rivolgere a colui che li ha abbandonati. La moglie deve ritornare nelle braccia del compagno di vita, ed il marito che aveva trascurato i suoi doveri, cercare la compagna e devono costruire una esistenza nuova e migliore.

59. Oggi comprendete meglio che mai la vostra responsabilità nei confronti della Mia Giustizia, o padri e madri! Perché quegli esseri che chiamate figli del vostro sangue, sono anime per le quali siete responsabili davanti a Me.

60. Io voglio che la comunità dei vostri cuori sia il giardino dove fioriscono rose e gigli. Portate qui gli uomini per sentire la Mia Parola, portateli al banchetto che Io stesso preparerò per loro. In Verità vi dico, se ne andranno fortificati, dopo aver mangiato il Pane della vera Vita e bevuto il Vino della Mia Grazia.

61. Chi mangia di questo Pane, non avrà mai più fame.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 107

 

1. Conservate la Mia Parola paterna nei vostri cuori per essere un chiaro segnale luminoso nel più interiore del vostro essere. Da lì deve guidare i vostri pensieri, parole ed opere e questa Luce vivrà nella vostra anima, anche quando muore il vostro involucro corporeo. Questo è il tempo nel quale gli uomini si svegliano per le bellezze dell’anima, nel quale si interessa per l’eterno e si domanderà: “Come sarà la Vita che ci aspetta dopo la morte?”. Chi non si è già domandato – per quanto sia miscredente – se in lui non esiste qualcosa che sopravvive alla materia del corpo? In Verità vi dico, non c’è nessuno che non presagisce quel Mistero e che non avesse riflettuto un attimo sull’insondabile. Gli uni pongono domande in vista dei segreti della Vita spirituale che sembra essere lontana e che in realtà è direttamente davanti ai vostri occhi; altri se ne confondono e nuovamente altri la negano. Gli uni parlano perché credono di sapere tutto, altri tacciono ed aspettano; ma sono pochissimi che sanno veramente qualcosa dell’aldilà.

2. Come il Bambino Gesù che ha posto domande ai dottori della legge che loro non gli hanno potuto rispondere, in questo tempo appare il Mio Spirito divino a coloro che scavano nell’ignoto, ma invisibile ai teologi, i filosofi. Alle Mie Domande però sulla vita spirituale o tacciono oppure rispondono in modo sbagliato. Coloro che sanno qualcosa di ciò che cela la Mia Sapienza nascosta, sono gli umili – coloro che conducono una vita spirituale. Ciononostante la Mia Luce cade come rugiada inarrestabilmente su ogni organo d’intelletto come un Messaggio che gli rivela la Mia Verità. Se domandassi a coloro che sostengono di possedere la Legge e la Mia Dottrina, quali delle Mie Profezie si sono avverate e quali no, non Mi risponderebbero in modo soddisfacente.

3. Questo è il tempo nel quale le anime incarnate e non più incarnate si cercano e si avvicinano le une alle altre. L’abisso che si spalanca fra le due comincia a scomparire. E quando le anime di tutti i mondi di vita saranno in grado di avvicinarsi nel vero amore, questo significherà la Glorificazione del Padre in ogni essere. / Oggi l’ignoranza degli uomini Mi dà ancora dolore. Ah, invece di piangere sul decesso dei vostri parenti sentiste nel più interiore del vostro cuore la loro voce! Invece di lutto che è oscurità, ci sarebbe Luce Per questo vi ho detto una volta: “Lasciate i morti seppellire i morti”. A voi domando: “Voi avete morti?”. – Quello che è morto non esiste più. Quando però le anime che Mi raccomandate, esistono, allora perché sono viventi. Molti di voi avrebbero volentieri fra loro quelli che hanno visto decedere, senza voler comprendere che la loro nostalgia giunge al punto che voi siete con loro nell’aldilà! Quello che voi chiamate “morte”, separa secondo l’apparenza coloro che sono passati di là da coloro che sono rimasti qui. Li unisce però un eterno legame: quello della fraternità spirituale.

4. Nell’Eternità la famiglia spirituale viene di nuovo unita, che consiste del Padre ed i Suoi figli. Dato che su questa Terra il seme di Babele porta sempre ancora i suoi frutti della contesa fra i figli di Dio, Io unirò la Mia famiglia nell’aldilà. Non mancherà nessuno ed in molti casi i più grandi peccatori arriveranno per primi (nel Mio Regno), perché il loro pentimento ed il loro rinnovamento li purificherà e li porterà prima a Me. / Dovete però sapere che fra voi molte anime vivono nello stato della confusione, altre stanno adempiendo sofferenti doveri di espiazione. Fra loro si trovano anche coloro che voi chiamate parenti. Come potrebbero ottenere di contemplare la Luce e liberarsi dalle loro catene? Come potreste aiutarli voi nella loro risalita? Mentre pregate per loro, affinché questa preghiera sia la voce spirituale che li risveglia, li illumina e conduce a Me. Ricordatevi di loro con amore, allora le vostre preghiere saranno come un balsamo sulle loro sofferenze. Fate loro riconoscere che vivete nella Mia Legge, affinché aiutino loro il vostro esempio e la vostra influenza. Non pensate però soltanto a coloro che sono intorno a voi in modo invisibile e dai quali avete ricevuto un beneficio; pensate anche a coloro e che non avete conosciuto sulla Terra. Sono belli gli atti del ringraziamento; ma è più meritevole agli Occhi Miei, quando date senza prima aver ricevuto qualcosa. Se siete tuttavia in grado di ricordarvi senza rancore di colui che vi ha ferito e gli perdonate, allora avete preso come Esempio il vostro Maestro ed il vostro perdono che è l’espressione dell’amore, sarà di salvezza per colui al quale lo concedete.

5. Il Padre penetra nel più interiore del vostro cuore e vi dice: Riconoscete voi stessi e riconoscerete i vostri prossimi. Giudicate voi stessi prima di giudicare il vostro prossimo. Prendete Me come Esempio e seguite la Mia Orma.

6. Mi chiedete sempre il perdono per le vostre trasgressioni senza che voi perdonate a coloro che hanno ferito voi.

7. Già da tempo avete cercato la Luce della Verità sulle vie e nei libri (del mondo), senza trovare il vero nutrimento per l’anima, ma solo un ristoro per l’intelletto. Oggi avete la Mia Verità che vi parla della vera Vita.

8. Siete venuto nella miseria di questi luoghi di assemblee, e quando avete sentito in loro questa semplice Parola – perché sue locuzioni non sono né scelte né scientifiche – avete sentito la commozione nella vostra anima e questa ha riconosciuto ciò che avete tanto bramato. Vi ho lasciato camminare su tutte le vie, affinché alla fine dovevate trovare la Verità su questa.

9. Dietro alla semplicità e modestia con la quale vi parlo, si trova il Sapere di tutte le cose. Sondate questa Parola e scoprirete che il suo nocciolo essenziale è l’Alfa e l’Omega, l’Inizio e la Fine di tutto ciò che è creato.

10. Vi darò molti Insegnamenti solamente, quando sarete nel Mio Regno. Adesso non li dovete ancora conoscere, tanto meno dovete conoscere l’alta ricompensa che state elaborando per l’eterna felicità dello spirito. In voi deve essere un assoluto disinteresse, affinché i vostri meriti siano veritieri. Non dovete far conoscere le buone opere che fate, perché allora togliereste loro il merito che potrebbero avere. Io soltanto conosco il grande o piccolo valore delle vostre opere, sono Io che ha da giudicarle. Perché volete che gli uomini vi lodano per via delle vostre opere? La vanità rovina gli uomini e macchia l’anima.

11. Quando verrete una volta da Me, vi darò una corona che non è fatta di spine come quella che avete premuto sulle Tempie di Gesù. / Nell’Universo materiale ognuno ha un posto che gli ha preparato il Padre e che ha da custodire e da difendere per meritarsi un altro posto nell’amore per il suo Signore.

12. Vi ho preparato, perché si sta già avvicinando il momento del Mio Commiato. Prima però voglio lasciarvi la Mia Istruzione come un Tesoro. Non aspirate all’oro e non abbiate nessun desiderio di sfarzose abitazioni. Alcuni che sono coperti di lebbra oppure camminano come miseri sulla Terra, portano un Tesoro nella loro anima.

13. Adesso Io vi dico: Preparatevi, perché quest’anno aumenteranno gli “alberi” nelle province dove hanno molto aspettato la Mia Parola.

14. Le anime incarnate non hanno saputo unirsi per via della differenze di razze; perciò toglierò molte dalla Terra e nell’aldilà formerò di loro una famiglia e se la loro depravazione era grande, dopo la loro chiara vista spirituale ed il loro pentimento saranno grandi.

15. Pregate per le anime smarrite, per i legati alla Terra, per coloro che non sono ancora in grado di separarsi dai loro corpo all’interno della terra, per coloro che soffrono e piangono per via dell’incomprensibile lutto che li intrattiene sulla Terra per via di loro. E perdonate anche a coloro e non giudicate quelli che hanno seminato del male nei vostri cuori. Se i vostri occhi li potessero vedere come inginocchiati vi supplicano il perdono, non sareste così ingiusti verso loro. Aiutateli a librarsi in alto nell’Infinito, alzateli attraverso il vostro amorevole ricordo, comprendete che non appartengono più a questo mondo.

16. Vi dico ancora una volta: Chi beve dell’Acqua della Mia Parola, non sentirà mai più sete.

17. Discepoli, Io voglio che le virtù del vostro cuore siano gli abiti che coprono la nudità della vostra anima. Così vi parla lo Spirito Consolatore che vi era stato promesso nel Secondo Tempo.

18. Il Padre sapeva già del dolore e delle prove che avrebbero schiacciato l’umanità ed il grado della depravazione che gli uomini avrebbero raggiunto. La Venuta del Consolatore significa per voi lo scioglimento del Sesto Sigillo che significa l’inizio di una nuova tappa nello sviluppo dell’umanità. Da questo momento in poi è in vigore per tutti gli uomini un divino Giudizio; ogni vita, ogni opera, ogni passo verrà severamente giudicato. E’ la fine di un’epoca, non la fine della vita.

19. E’ la conclusione dei tempi del peccato, ed è necessario che tutto il contenuto del Sesto Sigillo del Libro di Dio venga riversato sulle anime e le strappi dalla loro letargia, affinché l’uomo si alzi e sperimenti l’armonia della sua anima con tutta la Creazione e che si prepara per il tempo nel quale viene sciolto il Settimo Sigillo tramite l’Agnello che porterà gli ultimi lieviti del calice della sofferenza, ma anche il trionfo della Verità, dell’Amore e della Giustizia divina.

20. Quando il Settimo Sigillo insieme agli altri Sei sarà concluso, anche questo Libro rimarrà chiuso, che è stato il Giudizio di Dio sulle opere degli uomini, dalla prima fino all’ultima. Allora il Signore aprirà un nuovo Libro non scritto, per registrare in esso la Resurrezione dei morti, la liberazione degli oppressi, il rinnovamento dei peccatori e la vittoria del Bene sul male.

21. Quando studiate la Rivelazione dei Sette Sigilli che era stata consegnata a Giovanni, incontrerete solo il peccato, la profanazione e la rovina delle nazioni del mondo. Là si trova la storia delle vostre guerre, ogni miseria ed ogni afflizione che gli uomini hanno sofferto per via della loro infedeltà e la loro debolezza ed anche il Giudizio che è seguito ad ogni vostra opera.

22. Cristo aveva raggiunto (soltanto) la metà della via della vita, ma attraverso il Suo Sacrificio, attraverso il Suo perfetto Esempio Egli vi ha salvato dalla morte. Il Suo Sangue era la Sentenza dell’Amore attraverso la quale Egli ha portato la salvezza ai perduti e regalato loro il Perdono divino come un Bacio che risveglia alla Vita. La Croce era la Chiave con la quale Egli ha aperto alle anime le porte all’Eternità dopo la grande battaglia.

23. Questo è “L’Agnello” che il profeta ha visto aprire il Rotolo del Libro e sciogliere i Sigilli, l’Unico nel Cielo e sulla Terra degno di aprire questo Libro; perché solo il Suo Amore poteva vincere il vostro odio, la Sua Mansuetudine annientare la vostra animosità, e la Sua Luce eliminare la vostra oscurità. Chi potrebbe sfuggire a questo Giudizio? Chi potrebbe sfuggire a questo Libro e cessare di esistere? Nessuno potrà nascondersi davanti a Me, o popolo! Riconoscete come in questo tempo nel quale è percettibile questo Giudizio persino nell’aria che respirate, non vi manca il Conforto divino. Il Mantello dell’Amore di Dio diventa visibile nella vostra vita e la Sua Voce cerca ascolto in ogni cuore.

24. E’ lo Spirito della Verità che discende per chiarire i Misteri e per rivelarvi il necessario sapere per farvi gioire della vera Vita. E’ il Conforto divino che si riversa sulle vostre sofferenze per darvi una testimonianza che il divino Giudizio non è né punizione né vendetta, ma un Giudizio dell’Amore per portavi alla Luce, alla Pace ed alla Beatitudine.

25. Non trovo nessun cuore disabitato nel quale Io possa dimorare, tutti sono caduti al mondo. Nei Miei Occhi però quanto è meritevole colui che – elevandosi al di sopra del suo dolore – è in grado di benedire la Mia Volontà!

26. Che cosa sarebbe di voi se in mezzo alle vostre afflizioni non avreste il conforto della vostra fede? Riconoscete come queste fede vi fa sentire vicinissima la Mia Presenza e voi, ora vicino a Me, siete colmati di forza e speranza. Continuate a portateMi incontro questa fiducia per concedere a tutti il conforto che Io tengo pronto per voi.

27. Mi fa bene, quando sento che trovo fede e la Mia Volontà viene rispettata. E’ molto appagante per il Mio Spirito, quando vedo che confidate nel vostro Padre, che sapete aspettare, che siete incapaci a diventarMi apostati, benché la gravità delle prove a volte vi schiaccia. A questo vi dico: Costoro si sono mostrati degni dei Miei Benefici, perché nelle visitazioni si sono conquistati dei meriti.

28. Rendete ferreo il vostro spirito nelle grandi battaglie della vita, come quel Popolo Israele veniva reso ferreo nel deserto. Sapete voi quando sia ampio il deserto che sembra non avere fine, con un Sole implacabile e sabbia ardente? Sapete che cosa è la solitudine ed il silenzio e la necessità di veglia notturna, perché i nemici sono in agguato? In Verità vi dico, era là nel deserto dove quel popolo ha afferrato la grandezza di credere in Dio e dove ha imparato ad amarLo. Che cosa poteva aspettarsi il popolo dal deserto? E nonostante ciò ha avuto tutto: pane, acqua, una casa per riposare, un’oasi ed un santuario per elevare la loro anima nella gratitudine verso il loro Padre e Creatore.

29. Quando Israele era entrato nella terra promessa, era un popolo rinvigorito, purificato, entusiasta. Quanto gli sembrava amabile quel paese che ha aperto il suo grembo per accogliere il figlio che l’aveva cercato con tanta fede e perseveranza e finalmente lo ha trovato.

30. Anche voi siete un popolo e la vita attraverso la quale camminate, è un riflesso del deserto. Perciò Io vi dico che dovete prendervi l’esempio nella fede di quel popolo, affinché sperimentiate i Miei miracoli sulla vostra via. Questi miracoli saranno sulla via della vostra vita l’acqua che sgorga dalle rocce oppure la Manna che portano i venti.

31. L’Arca del Patto era per quel popolo la fiaccola luminosa che illuminava la via. Voi però non dovete dimenticare che nel vostro cuore esiste il santuario dove potete pregare per rivestirvi con la Mia Forza e per sentire l’amorevole Voce del Padre vostro. Io sono il vostro Medico; cercateMi in tutte le occasione nella vostra vita, e sentirete la Mia Voce e vedrete rivelati la Mia Presenza, il Mio Amore ed il Mio Conforto.

32. Consolatevi al pensiero che la Mia Misericordia vi risarcirà per tutte le vostre sofferenze nella vita, quando verrete nel grembo della Vita spirituale. Questo Nuovo Paese che vi ho promesso al vostro spirito,- potete forse immaginarvi come saranno le sue Beatitudini, i suoi frutti, i suoi miracoli e perfezioni?

33. Se per Israele il suo arrivo nella sua patria era un sogno, dopo che aveva errato attraverso il deserto, quanto magnifico sarà allora per il vostro spirito entrare nel Regno della Luce dopo un lungo viaggio pellegrino. Perciò comprendete che persino la più piccola delle vostre sofferenze è una spina o un masso di roccia del deserto che attraversate, affinché mostriate pazienza nelle prove e comprensione per la vostra destinazione.

34. Voi tutti siete già arrivati nella vostra vita ad un crocevia dove vi siete chiesti: “Dove devo andare?”. Qualche volta vi siete trovati ad un bivio, quando avete sperimentato una delusione; un’altra volta era, quando avete raggiunto qualcosa a cui avete ambito con fervore, e quando lo avete poi raggiunto, avete compreso che questo non poteva essere lo scopo della vostra vita, che ci dev’essere qualcosa di più grande, di più nobile e di più bello che determina la meta dello spirito.

35. Questa crisi della vita è dura, amara l’ora e terribile la lotta che poi infuria nel vostro interiore. Io però vi dico: Ben per coloro che in questa prova rimangono saldi nella loro fede, perché ne usciranno salvi e diranno: “Ho visto la Luce, conosco la via, la Voce del Signore chiama in me”.

36. In Verità vi dico, siete come i torrenti montani che qualche volta sfuggono al loro letto di fiume, ma alla fine sfociano nel mare che è la meta.

37. Sondate la Mia Parola, discepoli, e verrete a sapere che spiega quei Misteri che non avete potuto comprendere. Io vi do la Spiegazione degli stessi, affinché non cadiate in errori e smarrimenti. / Una volta vi ho promesso di mandare lo Spirito della Verità per chiarirvi tutto ciò che per voi era un Mistero: questo Spirito sono Io. Da chi può uscire la Verità eccetto che da Me? E’ venuto il tempo della Luce, cominciate a comprendere tutto e nella misura nella quale si perfeziona la vostra comprensione con il Mio Spirito, il sapere che conquistate, crescerà e più grande sarà la Luce che ricevete.

38. Il vostro spirito vive oppresso attraverso la carne; ma è venuta l’ora della sua liberazione e nella misura nella quale il suo volo raggiunge livelli più alti, scoprirete miracoli più grandi. Il vostro cuore era schiavo del mondo, ma quando si era liberato da quelle catene ha riconosciuto che cosa doveva amare, ed ha anche compreso da quali passioni doveva liberarsi.

39. Gioite al pensiero del passo che avete fatto, ma nascondete questa gioia nei vostri cuori per paura che il mondo ve la rubi con le sue critiche e giudizi. Siete ancora timorosi, ma Io vi dico, verrà il momento nel quale nulla e nessuno vi può intimorire, nel quale sentite una intima soddisfazione, quando vi chiamate “discepoli dello Spirito Santo” invece di vergognarvi com’è già successo, come se foste stati presi in flagrante o sorpresi in un peccato.

40. Siete fratelli di quei cristiani che si nascondevano nelle catacombe di Roma; ma non dimenticate che quelle schiere, quando uscivano dal buio alla Luce, lo facevano per portare la Luce al mondo miscredente, mentre facevano stupire gli uomini attraverso la loro fede. Loro erano la pioggia sulla Semenza divina che il Maestro aveva seminato. I popoli pagani ed empi, convertiti attraverso quelle testimonianze, più tardi hanno dovuto aggrapparsi come naufraghi alla Croce del Mio Amore alla ricerca di un segnale luminoso di salvezza.

41. Voi schiere di uomini che Mi avete sentito – quando uscite voi dalla vostra ritirata e dal vostro buio? Ritardate appositamente la vostra preparazione per paura delle contese (in arrivo)? In Verità vi dico, teme soltanto colui che non si è preparato spiritualmente, perché chi conosce la Mia Parola ed ama il suo Signore ed il suo prossimo, non ha nulla da temere, ed invece di evitare gli uomini, cercate l’incontro con loro per condividere con loro ciò che avete ricevuto. Dopo aver studiato e sondato la Mia Dottrina, la mette in pratica.

42. Popolo Israele, abiti in questa valle terrena in un tempo dell’espiazione. Ti mostro la via stretta che la Mia Legge presegnala, affinché vi diventassi puro e tu sia una parte del popolo da Me istruito.

43. In questo tempo vi ho dato la Mia Parola affinché conosciate i Miei Incarichi ed abbiate una ulteriore Manifestazione dell’Amore del Padre vostro. Non dubitate di Me e non temete nulla da Me, Io non vi voglio dominare con violenza. Se Mi volete seguire, dovete conoscere l’Essenza della Mia Dottrina che è la stessa che vi ho portato nel Secondo Tempo. Allora voi tutti comprenderete ciò che significa per la vostra anima la Chiamata rivolta a voi. Se voi non la accettate, verranno altre anime che amandoMi Mi l’accolgono volentieri e darò loro la Grazia che voi avete respinta.

44. Vi ho sempre detto: “Molti sono i chiamati, ma solo pochi che appartengono agli eletti”. Non sono però Io che contrassegna o concede privilegi – siete voi stessi che vi conquistate un diritto di ricevere questo nome.

45. Coloro che Mi seguono sono chiamati ad essere quelli che diffondono la Mia Istruzione che deve portare conforto e salvezza all’umanità. Ben per coloro che, quando hanno sentito per la prima volta questa Voce, hanno percepito che il vuoto nel loro cuore era colmato ed il debole involucro corporeo che stava crollando, era di nuovo raddrizzato, perché hanno ricevuto la fortificazione e la vivificazione che Io vi ho dato. Io vi esorto a prendere su di voi la vostra croce e di ripetere per voi quelle Parole: “Io sono la Via, la Verità e la Vita

46. Quanto avete camminato sulla Terra e quante lacrime avete versato senza raggiungere la vostra meta! Vi ho lasciato andare e fatto gustare differenti frutti, affinché infine Mi riconosciate. Sono stato con voi su tutte le vostre vie. La Voce che avete sentita e che vi ha esortato a pregare, è la Mia Voce. L’Amore provvidenziale che ha guidato i vostri passi, è il Mio. Io voglio però che vi ricordiate e pensiate alla vostra destinazione, affinché seguiate le Orme dei Miei Passi sulla Terra.

47. A voi che ho radunato in modeste case di preghiera, non ho parlato come Giudice, benché Io vi abbia detto secondo la Verità che Io non vi giudicherò. Io però vi amo e voglio che Mi cerchiate sempre come Padre affinché, quando la Mia Comunicazione in questa forma sarà conclusa, vi ricordiate che la Mia Parola non ha mai ferito il vostro cuore e che vi ho mosso solo interiormente mentre ho parlato alla vostra sensibilità ed ho alvorato il vostro cuore con lo scalpello che è la Mia Parola; e che la Mia Istruzione vi ha allontanato dalla vostra esistenza triste e quotidiana, perché avete trovato la vera via alla salvezza.

48. Mettete in pratica la Mia Istruzione e non vacillerete; non vi sarà risparmiato il dolore, ma non vi farà disperare. Avrete forza nei giorni della prova e troverete la calma interiore, anche se state vivendo una sofferta crisi di vita ed infine il vostro involucro corporeo si arrenderà e scenderà volenteroso nella terra. La vostra anima si eleverà e Mi incontrerà nel “Tribunale” dove la devo giudicare. Ma non vi presenterete davanti ad un Giudice spaventoso, ma davanti ad un Padre comprensivo e che vi ama, che loderà le vostre buone opere e vi chiarirà ciò che è indegno di giungere dinanzi a Lui, per cui dovete ancora purificarvi.

49. Non potrete sostenere di non aver osservato la Legge solamente perché vi è mancata la Luce; perché Io l’ho fatto scorrere a fiumi su ogni spirito. Io non esigo da voi che dovete emulare le Mie Opere del Secondo Tempo, ma che le prendiate comunque come esempi. Le future generazioni procederanno nell’adempimento della Mia Legge dell’Amore, e così l’umanità avanzerà di generazione in generazione sulla sua via del perfezionamento. Attualmente voi state ponendo i fondamenti per il perfetto contatto con Me ed i vostri figli continueranno la vostra opera.

50. Se dovreste essere giudicati per via della Mia Dottrina, non scoraggiatevi per via della sentenza e non vergognatevi nemmeno di essere Miei discepoli. Ricordatevi di coloro che Mi hanno seguito nel Secondo Tempo ed incoraggiatevi nel loro esempio.

51. La Mia Opera vi darà sostegno nelle prove. Perdonate ogni offesa ed ogni volta che dovreste essere stati giudicati e coperti d’onta, Io darò dimostrazioni per la vostra innocenza e rettitudine. Considerate queste prove come occasione che Io vi do per farvi riconoscere come Miei discepoli presso i vostri prossimi.

52. Cercate la Vita eterna ed in essa troverete la pace; permettete che i vostri prossimi vi giudichino ingiustamente. Verranno i tempi della persecuzione che vi ho annunciato, ed in questo tempo dovrete già essere forti e confidare in Me. E quando il pane sarà scarso e vi verrà negato il lavoro, allora non temete, non morirete di fame. Pregate e lavorate per la salvezza dei vostri prossimi, Allora sperimenterete che vi nutre l’Ideale spirituale e comprendete quelle Parole con le quali vi ho detto: “L’uomo non vive di pane soltanto, ma di ogni Parola che viene da Dio”. - - -

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 108

 

1. Siate benedetti che siete venuti qui dalle tribù d’Israele – la Mia Voce vi ha chiamati. Attualmente sto unendo spiritualmente il Mio popolo che era sparso, ed adempio così la Mia Promessa di segnarlo con la Mia Luce e di dargli la sua Eredità. L’ho cercato, perché verrà il momento nel quale gli verrà affidata questa Dottrina ed ogni discepolo dovrà andare a cercare i suoi prossimi e far loro conoscere il Mio Messaggio. Solo quando la fraternità, l’unione e la pace regnerà nel cuore del Mio popolo, sentirà pienamente la Mia Presenza nel suo spirito.

2. Studiate la Mia Parola e la sua essenza vi farà comprendere che siete già molto vicini alla liberazione spirituale.

3. Sentendo la Voce del Maestro il vostro spirito era colmato con coraggio e vi siete elevati ed avete superato tutti gli ostacoli che si erano messi sulla via ed hanno reso difficile il corso della vostra vita. La Mia Voce vi incoraggia a rimanere saldi nella lotta, affinché presto non siate più schiavi del mondo e diventiate Miei discepoli e servitori. Vegliate e pregate per non capitare più in prigionia. Riconoscete che sono venuto per liberarvi attraverso la Luce delle Mie Rivelazioni che vi promettono una nuova vita. E’ sempre stata la Mia Volontà che il Mio popolo sia grande e forte – ma non per umiliare i suoi prossimi, ma affinché sia nello spirituale ed in tutti gli altri campi un baluardo ed una guida per le nazioni.

4. Questo popolo è stato fedele verso le Mie Indicazioni? No, non è stato forte e per questo motivo i suoi nemici lo hanno sempre reso schiavo oppure gli hanno strappato la sua eredità.

5. Amato popolo, la Mia Parola vi scuote in questo tempo perché riconoscete che vi posso parlare solo in questo modo, che soltanto Io vi posso offrire la salvezza e farvi sentire la Mia Voce del Perdono. Così restituisco al vostro spirito l’eredità che era stata ritenuta.

6. Se vi dico che questo tempo è la vostra liberazione spirituale, perché gli déi che si sono creati gli uomini, crollano uno dopo l’altro. Assiomi, scienze, teorie e tendere al potere – tutto questo viene visitato dalla Mia Giustizia. Io propongo all’umanità una nuova vita e le rivelo una nuova scienza, la Scienza divina, perché in Verità vi dico, quella che gli uomini gridano al mondo e quella che riempie gli uni con vanità, gli altri con stupore, è ancora molto distante dal superare ciò che è terreno-umano. Io invece vi darò una Luce che illuminerà la vostra anima ed allora vi stupirete con ragione di ciò che imparerete a conoscere. Questo avverrà, quando il vostro cuore ed il vostro cervello impareranno ad ascoltare la voce della coscienza e saranno pronti a sottomettersi alle loro intuizioni. Perciò gli uomini non potranno dire (più avanti) che Mi sono opposto al corso del progresso scientifico, perché ho permesso loro a curare l’albero della scienza finché vedono portarlo frutti ed imparano a conoscere il loro sapore. / Tutto l’umano tuttavia ha i suoi limiti e l’intelletto dell’uomo ha anche un “fin qui e non oltre”. Ciononostante – quando la scienza degli uomini si porrà delle mete spirituali e si sarà purificata da ogni scopo egoistico, la metterò al servizio dell’umanità - come un mezzo per il progresso spirituale. Allora la natura aprirà la sua camera del tesoro, esporrà i suoi segreti e rivelerà agli uomini forze e campi sconosciuti ed allora questa vostra scienza, nella sua trasformazione in una causa nobile e buona, non avrà più confini.

7. Questa Luce è sempre ancora un Libro chiuso che l ‘umanità non ha visto, per cui vi dico che il progresso della scienza del futuro sarà maggiore che quello che avete raggiunto oggi. Ma non avverrà attraverso l’intelletto, ma attraverso lo spirito.

8. Vi ho detto che vi ho trovato come schiavi del materialismo; ma Io sono venuto per liberarvi da queste catene.

9. Prima di annunciarMi, è venuto Elia da voi, che avete chiamato “profeta del fuoco”. Egli spezzerà le vostre catene con il raggio della sua presenza e vi preparerà una vita migliore. Elia, il profeta, messaggero, preparatore della via e pastore spirituale manifesterà apertamente ancora una volta il falso dei feticci e degli idoli che gli uomini hanno creato. Davanti all’altare invisibile viene invocata la Mia Potenza e nuovamente scenderà il Raggio della Mia Giustizia per annientare il paganesimo e la cattiveria degli uomini.

In questo tempo Elia è come una Stella raggiante che è spuntato dall’Infinito e che ha preparato l’organo dell’intelletto umano per il dialogo della Divinità con gli uomini. Era la sua voce che si è fatta sentire prima attraverso questo mezzo perché egli è il Mio preparatore della via.

10. Insieme con la moltiplicazione dell’umanità è aumentato anche il suo peccato. Nel mondo non mancano città come Sodoma e Gomorra il cui scandalo trova eco su tutta la Terra ed avvelena i cuori. Di quelle città empie non rimaneva nemmeno una traccia; nonostante ciò i loro abitanti non erano ipocriti, dato che peccavano alla luce del giorno. Questa umanità oggi però si nasconde nel buio per poter dedicarsi alle sue passioni e poi finge rettitudine e purezza. Avrà un Giudizio più severo di Sodoma.

11. E’ la funesta eredità di tutte le generazioni passate, le sue brame, vizi e malattie portano frutti in questo tempo. E’ l’albero del male che è cresciuto nel cuore degli uomini – un albero che è stato reso fertile attraverso i peccati ed i cui frutti continuano a indurre in tentazione la donna e l’uomo e giorno per giorno fanno cadere nuovi cuori.

12. Sotto l’ombra di questo albero giacciono uomini e donne senza forza di liberarsi dalla sua influenza. Là si trovano distrutte delle virtù rimaste, dignità d’uomo macchiate e molte vite storpiate.

13. Non soltanto gli adulti vengono attratti dai divertimenti del mondo e della carne e vi corrono dietro; anche i giovani e persino i bambini – il veleno che nel corso del tempo si è raccolto è giunto a tutti e coloro che potevano sfuggire alla funesta influenza del male - che cosa fanno per coloro che si sono smarriti? Li giudicano, condannano e si scandalizzano delle loro azioni. Sono pochi di coloro pregano per quelli che hanno smarrito il sentiero ed ancora meno di coloro che impiegano una parte della loro vita per combattere il male.

14. In Verità vi dico, il Mio Regno non verrà edificato fra gli uomini finché l’albero del male ha ancora vita. Questo potere dev’essere distrutto; per questo è necessario possedere la spada dell’amore e della giustizia, l’unica alla quale il peccato non può opporsi. Comprendete che non sentenze o punizioni, ma l’amore, il perdono e la misericordia saranno il nocciolo d’essenza della Mia Dottrina, la Luce che illumina il vostro sentiero e quella Istruzione che porta la salvezza all’umanità.

15. Popolo, vuoi far parte di coloro che lavorano per la redenzione di questa umanità? Vuoi dare il tuo contributo all’Opera di salvezza? Allora non sentirti incapace di eseguire questa missione, se confronti il tuo numero insignificante con quello dell’umanità, perché non sarai tu a compiere tutto.

16. Comprendete che ognuno di voi che rinuncia ad una cattiva via, procura che il potere perda una parte della sua forza; che la vostra vita, se è retta nelle sue opere, parole e pensieri, lascia dietro di sé sulla sua via una buona semenza; che i vostri consigli, se sorgono da un cuore pio, avranno la forza di compiere miracoli; e che la preghiera, se nasce da pensieri sensibili ed amorevoli, sarà un messaggio d’amore per coloro per i quali pregate.

17. I poteri del male sono diventati forti, gli uomini si sforzano ad inventare armi con le quali possono scaricare il loro odio, la loro brama di vendetta e la loro invidia. Gli scienziati dedicano la loro vita allo studio dei mezzi più efficaci per distruggere coloro che considerano i loro nemici. In Verità vi dico, in questa lotta andranno tutti a fondo, perché la Mia Potenza starà soltanto dalla parte della Giustizia, dell’amore, della ragione e della Verità.

18. Quando tutti quelli che pregano e tutti i sofferenti si uniscono mentalmente ed in vista del caos nel quale precipita l’umanità, trasformano il loro dolore in insegnamenti e buone opere, Io affiderò loro la Mia spada invincibile, affinché abbattano ramo dopo ramo dall’albero del male che ha regalato agli uomini così tanti frutti della morte.

19. I frutti del dominio del male non vinceranno, ma ovunque ed in ogni anima regnerà la Luce.

20. In questo tempo rivelo la Mia Parola divina attraverso uomini, donne e bambini e così adempio la Mia Promessa che vi ha annunciato il tempo in cui il Mio Spirito si sarebbe effuso su ogni creatura umana. Siete appena all’inizio di questa epoca; ma dopo sperimenterete su tutta la Terra il risveglio spirituale dell’umanità.

21. Esiste simbolicamente una Tavola apparecchiata alla quale vi invito, affinché vi sediate e mangiate i Cibi della Vita eterna che Io offro al vostro spirito. Potete comprendere bene il senso di queste Parole, perché fin dai primi tempi vi ho parlato della vera Vita che è la Vita eterna, benché finora non avete compreso questo Ammaestramento.

22. Dato che Io sapevo che avreste approfondito solo poco la Mia Dottrina ed ho previsto gli errori nei quale sareste caduti nell’interpretazione delle Mie Istruzioni, vi ho annunciato il Mio Ritorno dicendovi che vi avrei mandato lo Spirito della Verità, affinché chiarisca molti Misteri e vi spiegasse ciò che non avete compreso. / Perché nel nocciolo della Mia Parola profetica vi ho fatto sapere che non Sarei venuto in questo tempo come sul Sinai fra fulmine e tuono, né che Sarei diventato Uomo ed umanizzassi il Mio Amore e le Mie Parole come nel secondo Tempo, ma che Sarei venuto al vostro spirito nel Raggio della Mia Sapienza, avrei sorpreso il vostro intelletto con la Luce dell’ispirazione e che avrei chiamato alle porte dei vostri cuori con una Voce che il vostro spirito avrebbe compreso. Quelle Previsioni e Promesse si stanno adesso realizzando.

23. E’ sufficiente di prepararvi un poco per vedere la Mia Luce e di sentire la Presenza del Mio Spirito, lo stesso che vi ha annunciato che sarebbe venuto per istruirvi e per scoprire la Verità.

24. Il tempo nel quale vivete, è quello del Giudizio e delle prove; ma non siete abbandonati. Bussate alla Mia Porta e udrete subito come vi risponde la Mia Voce. Quanto forte sarete, quando saprete cercarMi spiritualmente, quanto alta sarà la vostra spiritualizzazione, quando prenderete la via dell’amore e quanto bella la vostra vita, quando comprenderete il suo senso!

25. Venite con passo riflessivo e fermo sul Mio Sentiero. Non pretendo da voi che portiate subito i frutti della perfezione, perché Mi basterà il vostro rinnovamento, affinché questo sia l’inizio della vostra risalita spirituale.

26. Discepoli, mangiate e bevete alla Mia Tavola il Pane del sapere ed il Vino dell’amore. In Verità vi dico, chi assimila il Pane ed il Vino che Io offro, porterà Me nella sua anima.

27. Ho mandato il vostro spirito su una via della Luce per abitare sulla Terra e su una via della Luce ritornerà a Me. Nel frattempo dovete andare come il viandante smarrito nell’ampio deserto, oppure come il marinaio che si è smarrito nell’incommensurabile mare. Non date però la colpa alla vostra via errata, perché sareste ingiusti, dato che prima di inviarvi sulla Terra, vi ho provvisto con un compasso e nell’Infinito vi ho fatto brillare una stella, affinché guidasse i vostri passi. Questo compasso e questa stella sono la vostra coscienza. Se perciò abbandonate l’armonia che dovete mantenere con tutto ciò che vi circonda, persino la polvere della Terra vi sembra nemica; ma con ciò la natura non si rivolta contro di voi, siete piuttosto voi stessi che infrangete la Legge dell’armonia che governa il Cosmo.

28. Quando i pagani di questo tempo imparano a conoscere questa Dottrina, la rifiuteranno ed i materialisti argomenteranno contro di lei, ma tutti loro sperimenteranno stupiti come la Mia Verità si afferma.

29. Avete già riconosciuto che nei tempi passati oltre all’Annuncio della Mia Dottrina ho compiuto molte Opere di ogni genere che l’umanità chiama miracoli. Anche in questo tempo non annuncerò solamente la Mia Parola che si diffonderà più avanti su tutta la Terra, ma compirò anche nuove Azioni di miracoli. Darò dimostrazioni della Mia Potenza e stupirò gli uomini attraverso Opere che li indurranno a sottomettersi alla Verità.

30. Vi ho rivelato molto. Oggi vi do solo la chiave per aprire le porte della vera Sapienza. Questa chiave è questa Istruzione.

31. In Verità vi dico, sulla via dell’Amore otterrete da Me tutto ciò che è permesso e saprete tutto. Vi manca tuttavia il sapere come dev’essere l’amore del quale vi sto parlando e soprattutto manca che lo sentiate profondamente.

32. Il Mio Regno è riservato ai figli di buona volontà, che per amore per il loro Padre e per il loro prossimo abbracciano la loro croce. Questo Regno del quale vi parlo, non si trova in un determinato luogo, può bensì esistere sulla Terra che abitate, come anche in tutte le dimore spirituali; perché il Mio Regno è fatto di Pace, Luce, Grazia, Forza, Armonia e voi potete raggiungere tutto questo – anche se in forma limitata – già in questa vita. Raggiungerete la pienezza spirituale solamente al di là di questo mondo che attualmente abitate.

33. Perché molti uomini hanno nostalgia di decedere da questa vita nell’altra? Il motivo è che credono che tutto ciò che li circonda, sia loro animoso. In Verità vi dico, invece di dubitare, dovrebbero lottare per arrivare di nuovo nella sintonia con le Leggi che ho per così dire impostata come una via per giungere su questa alla perfezione animica.

34. In tutti i tempi ed in tutti i popoli della Terra sono apparsi apostoli del bene ed hanno dimostrato l’alto gradino del loro spirito attraverso missioni diverse. Tutti loro sono stati i Miei messaggeri, perché il bene proviene da una unica Sorgente, dal Mio Spirito divino, e con la Mia Luce illumino tutto l’Universo.

35. Di questi inviate, gli uni sono stati seminatori, altri vi hanno portato la luce della scienza, e di nuovo altri con il loro senso per il bene hanno portato all’umanità il Mio Messaggio dell’Amore. Avete chiamati gli uni apostoli, altri santi, gli uni avete considerato eruditi, altri come geni; ma non vi è stato uno che è venuto sulla Terra senza aver ricevuto da Me la missione che deve adempiere fra gli uomini.

36. La Terra è sempre stata annaffiata e resa fertile attraverso i begli esempi dei Miei messaggeri, ed anche se gli uomini in questa epoca hanno mescolato i Miei Insegnamenti con l’erbaccia che cresce nel mondo, la semenza della generosità, dell’amore e della fraternità non è morto, per cui vi dico che questa aspetta solamente che la Falce della Mia Giustizia purifichi questo pianeta per poi illuminare nuovamente i cuori.

37. Moltissimi uomini che soffrono sotto il caos che sta vivendo l’umanità, e che bramano la pace, non sanno che in loro vi è uno spirito che aspetta solamente l’occasione per andare a seminare la semenza divina della pace. Perciò vi dico che i Miei servitori dovranno partire presto per andare su tutta la Terra, uniti in una Opera del rinnovamento e della riedificazione. Adesso vi domando: Non vi piacerebbe essere con loro uniti spiritualmente?

38. Ognuno di voi è anche un Mio servitore ed un inviato al quale ho dato Indicazioni affinché adempia sulla Terra una missione spirituale.

39. Siate vigili e sarete testimoni della conversione di coloro che Mi avevano rinnegato, come sperimenterete anche il ritorno di coloro che si erano allontanati dalla vera via. / Scienziati, che hanno dedicato la loro vita alla ricerca di elementi e forze della distruzione, ritorneranno sulla via della Verità, quando sentiranno avvicinarsi il loro Giudizio per dedicare i loro ultimi giorni alla riedificazione moralistica e materiale del mondo. Altri che nella loro arroganza hanno cercato ad occupare il Mio posto nelle anime, scenderanno dai loro troni per essere ferventi nel seguirMi in umiltà. Ed anche uomini che una volta hanno sobillato i popoli e scatenati guerre, riconosceranno i loro crimini e si sforzeranno timorosi per la pace degli uomini.

40. Chi di voi sperimenteranno tutto questo? Non lo sapete, ma Io ve lo dico, ve lo profetizzo, perché presto verranno nuove generazioni sulla Terra che sperimenteranno lì’adempiersi (di queste Profezie). Il vostro compito è di diffondere questa Dottrina e di portare ai popoli la Luce di questo Lieto Messaggio. Se compiete questo, anche i vostri prossimi vi chiameranno “messaggeri del Signore”.

41. La Mia Presenza spirituale fra voi è come l’ombra di un albero invitante e riposante. Chi viene a lui sperimenta una sensazione di vita, forza e benessere che lo fa esclamare: “E’ il Maestro!”. Anche colui che si è avvicinato dubitando, si chiede interiormente nel lasciare il luogo delle assemblee dove ha sentito la Mia Parola: “Perché ho sentito tanta pace nella mia anima?”. Il motivo è che l’albero ha esteso i suoi rami per tutti, che il Mio Spirito è disceso su ogni creatura. Se perciò qualcuno non ha compreso il divino nocciolo essenziale della Mia Parola, ho dovuto dire che alcuni hanno un cuore impietrito.

42. Sono fra voi come Padre ed effondo nel vostro cuore il conforto che vi ho promesso nel Secondo Tempo. Sono venuto per assistervi nelle vostre afflizioni ed a sentire i vostri lamenti. Perché dunque temete le prove? Non vedete quanto vi amo e come vi cerco nel vostro esilio? Quando Mi sono dato del tutto come Uomo per ottenere la vostra redenzione, oggi Mi riverserò nello Spirito sulla vostra anima per elevarvi nel Regno della Grazia.

43. Perciò vi dico che Mi dovete cercare in ogni modo nel quale avete bisogno di Me, sia come Dio, come Padre, come Giudice, come Maestro, come Fratello, come Amico, come Medico. Quello che Io voglio è la vostra pace e la vostra salvezza, amata umanità.

44. Nemmeno un unico vostro sospiro rimarrà inudito nel Cielo, ogni preghiera trova la sua eco in Me, nessuna delle vostre afflizioni o crisi di vita rimarranno inosservate dal Mio Amore di Padre. Io so tutto, sento, vedo e sono presente in tutto.

45. Dato che gli uomini credono che Io Mi Sia ritirato da loro per via dei loro peccati, si sentono infine lontani da Me. O ignoranza umana, che hai portato sulle sue labbra così tanta amarezza! Sappiate che, se Mi allontanassi da una qualsiasi delle Mie creature, questa cesserebbe istantaneamente ad esistere. Questo però non è successo, né succederà, perché quando vi ho dato lo spirito, vi ho provvisto con la Vita eterna.

46. Quando riconoscete il senso della vita, la causa del dolore e la meta finale della vostra esistenza, non Mi sentirete più lontano, percepirete la Mia Presenza che si rende sensibile nel vostro cuore e nel vostro spirito, e sentirete la Mia Voce che vi ripeterà Parole della Mia amorevole Dottrina e vi insegnerà a camminare sicuri sul sentiero della vostra vera vita.

47. In questo tempo il Mi Spirito divino discende per illuminare la vostra anima, affinché possa comprendere la Mia Istruzione. E’ la Luce che vi aiuterà a distinguere la Verità dall’inganno.

48. Fra di voi vedo coloro che hanno creduto fermamente nella Mia Parola, come anche altri la cui fede è debole e che per questo motivo sono indecisi; ma indipendentemente da questo hanno un desiderio nostalgico di queste case di preghiera, per riconquistare con la Mia Parola la forza e la pace spirituali. Io voglio che Mi riconosciate nel contenuto essenziale di questa Dottrina, che sentiate la Mia Presenza e la vicinanza del Mio Regno.

49. Perché credete che Io Sia lontano, mentre vi ho promesso di ritornare per parlare con voi? Non siete soli nelle vostre sofferenze, perché Io vi precedo, anche quando sovente non avete nessuna fede e nessuna fiducia in Me e con ciò ritardate il vostro arrivo nella Patria che vi attende.

50. Non disconoscete i vostri doveri, perché pensate che la vostra croce non è pesante, quando la portate con rassegnazione ed amore. Vi voglio vedere sorridere e vivere in pace, voglio vedere nelle vostre case la gioia più salvifica.

51. Non potete affermare che la Mia Parola non sia chiara o che contenga delle imperfezioni, perché da Me non può uscire nessuna confusione. Se vi trovate un qualsiasi errore, allora attribuitelo alla cattiva trasmissione tramite il portatore della Voce, oppure alla vostra cattiva capacità di comprensione, ma non alla Mia Dottrina.

Guai al portatore della Voce che rovina la Mia Parola! Guai a colui che trasmette malamente e degrada la Mia Istruzione, perché soffrirà l’inevitabile rimprovero della sua coscienza e perderà la pace della sua anima!

52. Non temete di venir indagati oppure messi alla prova nella vostra vita dai vostri prossimi. Temete di peccare, perché persino se lo fareste di nascosto nel vostro cuore, non Mi potreste nascondere nulla.

53. Questa è l’epoca della spiritualizzazione nella quale dovete porre i fondamenti del vero tempio nel quale entreranno quegli uomini che formeranno una nuova umanità. Presto non avrete più bisogno di guide sulla Terra, perché allora il vostro spirito si rivolgerà a Me per attingere Forza e per guidarvi solamente attraverso la Mia Ispirazione.

54. Quale gioia sperimenterete, quando adempirete i Miei Incarichi e poi vedrete moltiplicato il numero di coloro che Mi seguono. Rendetevi però conto che dovete davvero prepararvi per essere ascoltati dai vostri prossimi e trovare fede.

55. La Mia Parola si rende di nuovo percettibile nella coscienza, perché gli uomini non camminano sui sentieri della Verità.

56. Riconoscete l’equilibrio disturbato delle forze della natura e la confusione che hanno subito? Vi rendete conto perché siete visitati dalle loro potenze scatenate? Il motivo è che avete frantumato l’armonia che esiste fra la vita spirituale e materiale, con cui avete provocato quel caos nel quale sprofonderete. Appena però l’umanità è obbediente verso le Leggi che governano la vita, tutto sarà di nuovo pace, sovrabbondanza e felicità.

57. Avete ancora una lunga via davanti a voi per raggiungere la meta, e vi dovete affermare nella lotta per diventare degni di possedere del tutto la vostra eredità. Dipende da voi se vi avvicinate giornalmente di più a quelle regioni, dove dimorano la Pace e la Grazia del Mio Spirito. La via è preparata, venite a Me, Io vi invito.

58. Non ribellatevi contro le prove che incontrate sulla vostra via. Riconoscete che il dolore che portate davanti ai Miei Occhi, ha lasciato una semenza benefica nella vostra anima. Vi ho detto che vi voglio purificare, ma voi sapete purificarvi solo attraverso il dolore. Non avete voluto librarvi in Alto attraverso l’amore e l’obbedienza nei confronti delle Mie Leggi. Perciò ogni volta, quando vi chiamo per darvi un nuovo incarico, dovete dapprima purificarvi nella sorgente del dolore.

59. Se volete essere degni della Mia Pace, allora lasciatevi guidare dal Maestro senza opporvi alle prove alle quale vi sottopone la Mia Volontà. Esistono delle creature che si sono piegate sotto la purezza delle prove e che sono salite spiritualmente ed altre che, perché non hanno affermato la Mia Volontà, hanno bestemmiato contro di Me e sono precipitate nell’oscurità della disperazione. I primi menzionati hanno dimostrato umiltà e fiducia e si preparano per sentire nella loro anima il suono delle Mie Parole. Si sono piegati alla Mia Volontà ed hanno benedetti la Mia Giustizia, mentre gli altri Mi hanno rigettato nella loro arroganza e bandito la loro cuore.

60. In tutti i tempi ho inviato dei profeti che dovevano servire come mediatori fra il Mio Spirito e quello dell’uomo. Gli uomini però non hanno creduto alle loro parole e le hanno disprezzate, ed ogni volta quando questi Miei messaggeri hanno ammonito i popoli e raccomandato loro preghiere e pentimenti, hanno voltato loro le spalle e lasciato parlare solo a vuoto senza attribuire importanza al loro messaggio. Perciò esigo da voi la spiritualizzazione per poter percepire i segni che procedendo dal Regno della Luce e giungano al vostro spirito. Lasciate coloro che non vogliono sapere nulla della Mia Venuta, che sono indifferenti nei confronti delle Mie Comunicazioni, fino a quando la Mia Chiamata non giunga a loro. Voi però, ai quali Mi avvicino – non disperate!

61. Vedo che amate molto voi stessi, ma che non amate i vostri prossimi. Vedo anche che temete il giudizio degli uomini e non il Mio, e questo perché avete fatto tacere la voce della coscienza che è la vostra guida interiore. Avete dimenticato che vi voglio rendere ferrei e preparare, affinché diventiate un popolo forte, virtuoso e rassegnato nella Mia Volontà, perché soltanto così potete salvare i vostri prossimi ed adempiere la missione che vi consegno attualmente.

62. AmateMi e chiedete a Me com’è conveniente per un Mio figlio, ma mettete tutta la vostra fiducia in Me, affinché la vostra esistenza sia piena di confidenza e pace.

63. Non dubitate mai nell’adempimento della Mia Parola e non aspettate la sua realizzazione per credere che sia vera. Quello che ho detto attraverso i Miei portatori della Voce – uomini, donne e bambini – si adempirà. Non avete visto realizzarsi tutti gli Annunci e Profezie che ho dato tramite Damiana Oviedo? Quelle labbra hanno profetato tempi della purificazione del dolore ed in Verità vi dico, quelle Parole si sono avverate. Quando i veggenti avevano oltrepassato i limiti del materiale per osservare nello stato dell’estasi la Vita spirituale, al ritorno nel loro involucro corporeo Mi hanno pregato di permettere loro di rimanere per sempre in quei luoghi, dove il loro spirito durante la loro estasi hanno percepito una grande Beatitudine. A ciò Io dissi loro che non era ancora tempo di poter soggiornare in quelle dimore, ma che dovevano perseverare sulla Mia Via che è quella che porterà tutti nella Patria promessa.

64. Quando osservate le gravi visitazioni che oggi sconvolgono il mondo, vi manca il coraggio di continuare a vivere. Pregate e da Me troverete forza, coraggio di vita e pazienza per continuare a lottare, fino a raggiungere la cima del monte.

65. Lavorate nella Mia Opera, allora continuerete anche ad affidarvi al Balsamo guaritore che Mi chiedete per i malati e per trasmetterlo ai sofferenti. Il frutto della vita del quale i cuori senza fede hanno molto bisogno – datelo a loro, dato che voi lo ricevete in ultramisura. Spargete la via dei vostri prossimi con benefici ed attraverso questi aumenterete i vostri meriti per vivere infine in quella Patria di Luce che attende il vostro spirito fin dall’Eternità. -

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 109

 

1. Venite umili alla Mia Comunicazione come quei pastori dalla Giudea venivano alla nascita del Redentore. Piegavano riverenti le loro ginocchia in vista dell’Amabilità e Bellezza dell’immagine che osservavano con occhi deliziati.

2. Quel popolo oppresso ed umiliato aspettava da secoli il Messia per cui Egli, quando è venuto al mondo circondato da povertà, veniva riconosciuto dagli umili. Anche i signori, i grandi e ricchi aspettavano il Messia, ma Lo immaginavano diverso. Perciò quella Stella che apparve al firmamento ed annunciò l’Arrivo del Salvatore era visto solo da coloro che vegliavano e pregavano, benché risplendeva per tutto il mondo e tutte le anime.

3. Nessuno sapeva con certezza come sarebbe venuto il Messia, come Egli sarebbe, né in quale figura Egli si sarebbe mostrato. Questo Mistero veniva chiarito e tutto il popolo e con lui l’umanità sapevano che Egli veniva dal Padre, che Egli veniva ricevuto attraverso la Grazia divina e che la Sua Dottrina era colma di Giustizia, Amore, Misericordia ed Umiltà. Solo i cuori semplici, i poveri spirituali e gli uomini di buona volontà credevano in quel Messia il Quale celava dietro la Sua Mansuetudine e povertà tutta la Maestosità e Potenza di Dio. Quando è stato discusso da allora su Cristo, quanti litigi verbali e discussioni ci sono stati, quanti giudici e prese di posizione! I ricchi non volevano sapere niente di altruismo ed attività d’amore; i potenti non riconoscevano nessun altro regno né un altro potere che quello di questo mondo; gli scienziati negavano l’esistenza della vita spirituale e le comunità religiose falsificavano molte Rivelazioni divine.

4. L’Infanzia di Gesù passò velocemente; posso dirvi che la via più dolorosa cominciava già prima della Mia Nascita e continuava dopo la morte sulla Croce, se si considera che il Mio Nome e la Mia Dottrina venivano continuamente perseguitati e giudicati. Perciò la Mia Via di sofferenza era stata molto lunga, pure così anche per lo spirito di Maria, Mia tenera Madre, quando era umana.

5. Se il suo cuore sulla Terra si sentiva sovente ferito a morte, ha dovuto sperimentare il dolore anche nello spirito, attraverso bestemmie, dubbi, pregiudizi e scherno da uomini materializzati, ha dovuto vedere oltraggiare il suo nome e la sua purezza.

6. La “Parola diventata carne” ha sempre incontrato molti cuori le cui porte erano chiuse per la realtà, anche se tutte le Mie Opere erano compenetrate dalla Luce più chiara della Verità.

7. Oggi la Mia Parola ritorna a voi; ma non è venuta nella carne nel grembo della vergine Maria, per diventare Uomo come nel Secondo Tempo. Ciononostante ciò Maria, il simbolo di maternità, è sempre presente nello spirito.

8. In questo tempo incontrerò nei cuori degli uomini la paglia della stalla sulla quale Gesù è venuto al mondo, come la Croce del Golgota sulla quale ha esalato l’ultimo Respiro. Alla fine però, dopo l’oscurità, in tutte le anime vi sarà la Luce ed Io sarò glorificato.

9. Il presente tratto di tempo sarà determinato dalla lotta; ma quando poi tutto sarà compiuto, l’umanità manderà in Alto a Me un canto di giubilo, perché alla fine, dopo tante discussioni, i nemici della pace diventeranno uomini di buon a volontà.

10. La vostra attuale vita è stata una costante fatica e quando vedete altri che si rallegrano in divertimenti e soddisfazioni dei loro desideri, vi domandate perché la vostra destinazione era così dura e severa. La risposta è giunta al vostro cuore quando avete pregato e Mi avete presentato le vostre preoccupazioni, fatiche ed avversità. Questo è stato il momento nel quale l’intuizione vi ha detto che dovete prendere con pazienza il vostro calice, dato che ogni anima ha caricata su di sé un peccato nei Miei confronti che il cuore umano non conosce.

11. Discepoli, fate vostra la convinzione che in questo tempo non siete venuti sulla Terra per incamerare fama ed onori, né per deliziarvi del frutto del divertimento, ma per adempiere una remissione e di purificare l’anima nelle prove di questa vita e nell’esercizio delle Mie Istruzioni. Nonostante ciò non vi voglio dire che dovete respingere da voi tutti quei sani appagamenti che bussano alla vostra porta, perché allora cadreste al fanatismo e rendereste molto sofferta la via della vostra vita.

12. Sondate ciò che vi ho detto, perché se non vi dedicate allo studio della Mia Parola, potreste cadere al fanatismo. Vedete però che la Mia Dottrina è la fiaccola della fede e della speranza che illumina il sentiero di coloro che sono capitati nell’oscurità della delusione, dello smarrimento e della disperazione.

13. Penetrate nel vostro interiore, cercate a riconoscervi per mezzo delle Mie Istruzioni e scoprirete la meravigliosa vita dell’anima che vi rivela che non siete poveri, né piccoli né diseredati, e che vi fa comprendere che nella Creazione del Padre vostro siete i figli privilegiati. Perciò vi insegno a non rimanere piccoli bambini che non sanno nulla e non conoscono sé stessi.

14. Attraverso la scienza avete bensì ottenuto molto sapere sul vostro corpo, ma non sapete che il vostro essere non è limitato alla materia, ma che in essa vive un altro essere di diversa natura che non conoscete ancora e che è la vostra anima.

15. E’ molto poco ciò che le chiese hanno rivelato agli uomini sull’anima. Ora però si stanno risvegliando dalla loro letargia e verranno benedetti coloro che superano dubbi e timori e rivelano all’umanità la Verità che hanno tenuta segreta. Io le illuminerò con la Luce del Mio Perdono, della Mia Grazia e della Mia Sapienza.

16. Quando poi l’umanità riconosce che le chiese non esistono solamente affinché gli uomini vivano sulla Terra in modo moralistico, ma che hanno il compito di guidare l’anima nella sua eterna Patria, l’umanità avrà fatto un passo in avanti sul sentiero del suo sviluppo animico.

17. Alzati, popolo, affinché Io vi trovi sempre nella vigilanza spirituale, che non infrangete la Mia Legge, che siate uniti nella vostra patria e cerchiate coloro che si sono allontanati dalla Mia Via. Non abbiate però mai l’intenzione di occupare il Mio Posto come Giudice. A voi spetta di perdonarvi a vicenda e se in una qualsiasi forma volete occupare il Mio Posto, allora fatelo insegnando, amando e perdonando. In Me avete molti esempi per usarli come linea di condotta per le vostre opere. Il Mio Spirito non Si vuole mettere in mostra davanti a voi, ma dovete comprendere che come Maestro dei Miei Esempi d’Insegnamento vi devo mostrare come prenderli d’esempio. Se Io nascondessi le Mie Opere – come le potreste allora eseguire? Perciò vi dico: Amatevi l’un l’altro, come Io amo voi.

18. Supplicate il Mio Perdono, perché Mi ferite continuamente ed Io vi perdono. Voi invece non siete disposti di perdonare a coloro che vi offendono. Perciò vi ho concesso che la Mia Comunicazione continua fino al 1950, affinché possiate comprendere le Mie Istruzioni e attribuirle il giusto valore.

19. La Mia Legge e la Mia Dottrina che sono state fatte conoscere oltre le epoche, sono l’unico Libro d’Insegnamento nel quale si trova tutta la Verità. Ciononostante gli uomini cercano nei libri della Terra qualcosa che rivela loro l’Eterno e la Verità, ma ottengono solo a sopraccaricare il loro intelletto con teorie senza trovare la vera Luce per la loro anima.

20. Ci voleva il Mio Amore provvidenziale che questa Dottrina facesse radici nei vostri cuori, molta Pazienza faticosa ed Amore che soltanto Io, il vostro Signore, potevo fornire. Quello che dovete sapere in questo tempo ve lo rivelo Io nelle Mie Istruzioni. Rimarrà però celato ciò che Io tratttengo, affinché lo impariate a conoscere in questo tempo odierno. Se vi comunicassi già tutto oggi, molti ne sarebbero confusi ed altri che credono di comprendere, sarebbero colmati di vanità. Quel sentimento di superiorità li rovinerebbe e voi dovete riconoscere che la Mia Dottrina non ha lo scopo di sviarvi dalla via della Verità.

21. Considerate questa vita come una lotta, combattete in essa fino alla vittoria. Venite alla Mia Presenza come buoni soldati ed Io vi darò una ricompensa che colmerà la vostra anima con Luce e Grazia. Coloro però che spiritualmente dormono e si atteggiano nella loro infedeltà come le stolte vergini della Parabola, saranno sorpresi dalla morte che li troverà con la lampada spenta.

22. Ogni uomo, ogni creatura ha un posto assegnato che non deve abbandonare; ma tanto meno deve prendere il posto che non gli spetta!

23.Coloro che Mi hanno sentito in questo tempo, anche se era solo una unica volta, hanno una grande responsabilità!

24. Quando avete ricevuto la Mia Chiamata, vi siete affrettati a venire qui per radunarvi e parlare con Me spiritualmente. Voglio vedere il vostro spirito pieno di speranza e fede secondo la missione, coraggioso e sobrio nelle prove. Non stancatevi combattendo, non indugiate quando sentite che la via è lunga. Non dimenticate che il Mio Spirito vi accompagna e perciò potete essere invincibili nelle prove.

25. Il vostro calice conteneva sia gioie che pace, come anche dolore ed insicurezze. Avete riso e pianto nella vostra vita ed alcuni sono invecchiati anzitempo, perché nelle prove sono diventati deboli ed hanno sentito che a loro mancavano le forze.

26. Voi donne, vedo i vostri cuori feriti. Nonostante la sofferenza vi siete fidati di Me ed avete sperato in Me, perché sapete che Mi presento sempre per asciugare le vostre lacrime e per facilitare il vostro lavoro. Ricordatevi che vi ho detto che “la foglia sull’albero non si muove senza la Mia Volontà”. Non avete pensato che questo calice di sofferenza che avete vuotato, è il crogiuolo nel quale purificate la vostra anima? Non sapete che vivete in una epoca della lotta spirituale nella quale dovete dare dimostrazioni della vostra forza? Siate benedetti, perché siete state forti in molte prove e perciò i vostri meriti vi danno un diritto alla Mia Pace. Non vi ho offerto eterne delizie sulla Terra. L’anima sa che quando viene in questa valle terrena l’aspettano fatiche e lotta per diventare salda e per perfezionarsi. Nella difficile lotta della vostra vita però il Mio Amore di Padre è sempre stato come un Mantello che vi ha protetto.

27. Popolo, non sei contento nella consapevolezza che Mi rivelo attualmente agli uomini in un modo chiaro e che aspetto i Miei eletti in tutte le nazioni? Voglio Essere un Amico per tutti, come un Fratello e Confidente della vostra anima.

28. Non tutti voi credete in Me. Questo però non é un ostacolo che Io vi ami e venga a voi. Chi potrebbe fermare la Forza del Mio Spirito, dato che sono tutto Amore per i Miei figli? E chi potrebbe giudicare la Mia Opera e penetrare nei Miei segreti Consigli?

29. Oggi siete con Me, riposatevi, perché Io veglio su di voi. Non continuate a distruggere la vostra salute con opere inutili. Avete dovuto soffrire molto per restituire alla vostra anima la purezza e le virtù con le quali era stata provvista.

30. Ah, se foste solo rimasti puri come lo eravate nell’infanzia, in quell’età, nella quale la carne è innocente e l’anima comincia una nuova via di vita. Mi sareste molto vicini e gli Angeli verrebbero da voi per intonare con voi un canto di lode! In quella misura in cui l’uomo invecchia, la sua anima si allontana sempre di più dal sentiero puro ed illuminato ed entra in una continua discussione con il mondo nella quale qualche volta vince l’anima e qualche volta la carne. Voi tutti vi siete allontanati dal sentiero del bene e dovete pregare per essere liberi da pericoli e per distogliervi dal male. In questo pellegrinaggio portate un bastone sul quale vi appoggiate e questo bastone è l’Angelo custode che vi accompagna ovunque andate.

31. Sono venuto da voi per salvarvi attraverso dimostrazioni di Amore e Giustizia e per insegnarvi la Mia Dottrina, affinché Mi seguiate.

32. Dalle vostre buone opere accetto ciò che è meritevole in esse, anche di quelle che voi considerate piccole; perché Io sono l’Unico che può giudicare il loro vero valore. Chi ama gli uomini e li serve, Mi ama e serve Me. Io esigo da voi solamente che vi amiate l’un l’altro, e questo Mi basterà per compiere grandi Opere con il vostro aiuto. Per questo vi ho dato molte dimostrazioni, perché Io sono sempre stato presente, quando avete dato la mano al bisognoso ed avete procurato che la vostra anima sperimenta la pace che dona l ‘adempimento del dovere nei confronti del Padre e dei prossimi.

33. Voi avete un segno indelebile che vi distingue da tutte le altre comunità religiose. Questo segno è una Luce che ho fatto risplendere nella vostra anima. Vi ho anche fatto apparire in questa nazione preparata da Me affinché la vostra anima possa tendere verso l’Alto e trovare un campo d’azione adeguato per l’adempimento del vostro dovere.

34. Custodite il Tesoro che vi ho dato con la Mia Parola e non permettete che mani impure ve lo strappino. Datelo ad ognuno che desidera imparare a conoscerlo, oppure che cerca la salvezza.

35. Se voi non dovreste essere in grado a difendere la Mia Eredità, la difenderò Io; ma allora dovrete rispondere dinanzi a Me per via della vostra poca fede. Lavorate con amore all’adempimento delle Leggi spirituali e materiali. Se osservate i vostro doveri spirituali, il lavoro materiale diventerà facile. Non dovete mettere in mostra le vostre virtù; se percepite ed esercitate veramente la Mia Parola, allora conservate le vostre opere gelosamente là dove soltanto Io le possa vedere, allora il vostro esempio di modestia incoraggerà i vostri fratelli a seguire il vostro esempio.

36. Amatevi con lo stesso amore con il quale Io vi ho amato – nella consapevolezza che siete proceduti da Me, che siete stati tutti formati dalla stessa sostanza e che proprio come siete stati in Me nel principio, lo sarete anche alla fine, quando ritornerete al vostro Signore.

37. Io vi cerco per farvi avvicinare alla Sorgente della Vita. Qui è la via che vi conduce. Per trovarla a volte bisogna portare sacrifici, si deve lottare e rimanere perseveranti nella virtù.

38. Ascoltate la Mia Voce che vi scuote costantemente per svegliarvi – quella voce interiore che esige da voi l’adempimento della Legge, perché finora avete vissuto secondo il vostro beneplacito e fatto quello che vi piaceva nella vostra vita.

39. Ho reso amorevoli i vostri cuori che nei cambiamenti della vita si erano induriti, mentre ho fatto loro gustare il Pane del divino Amore e da questo il vostro cuore si è mosso interiormente.

40. In Me vi è il Giudice, il Padre ed il Maestro – tre differenti fasi di Rivelazione in un unico Essere, tre Centri di Forza ed una unica Essenza dell’Essere: Amore.

41. Così Mi rivelo a voi per aiutarvi ad adempiere la missione che ho posto nel vostro spirito già nel principio dei tempi.

42. Ora vi istruisco nuovamente affinché voi insegnate questa Parola all’umanità. Quando questo Mio popolo sarà preparato, gli uomini troveranno in lui conforto nella loro preoccupazione, Balsamo nelle loro sofferenze e Luce per l’anima.

43. La generazione presente non deve passare senza che voi sarete andati per dare testimonianza della Mia Seconda Venuta. Se voi non vi decidete ad esercitare la Mia Istruzione, parleranno le pietre per testimoniare della Mia Presenza; ma di questo darete voi giustificazione a Me.

44. Quando sul vostro sentiero si trovano ostacoli che vi impediscono di seguire Me, allora mostrateMi la vostra buona volontà ed il vostro fervore, allora Io libererò la via, Io vi assisterò.

45. Io voglio che siate preparati, perché il mondo vi metterà alla prova e se non dovreste essere in grado di testimoniare le Azioni miracolose che Io ho compiuto fra voi, nei vostri prossimi sorgeranno dei dubbi.

46. Fra di voi vedo alcuni che hanno potuto spezzare le catene che li legavano al mondo e che Mi chiedono la Forza per rimanere saldi nella nobile premessa del rinnovamento ed Io li incoraggio attraverso le Mie Parole e la Mia Presenza. Vedranno ancora più prove che serviranno loro a percorrere la loro via con passe fermo. Vegliate e pregate affinché le prove non vi sorprendano nel sonno, perché il vostro risveglio sarebbe amaro se vi accorgereste di dover cominciare nuovamente la via dall’inizio.

47. Se dovreste cadere, allora ricordatevi subito del vostro Padre e pregate per trovare in Me nuova Forza per vincere. Se vi preparate in questo modo, sarà chiaramente percettibile la voce della vostra coscienza nel vostro interiore.

48. Non dovete più essere schiavi della tentazione. Lottate per conservare la vostra libertà spirituale. Io voglio che i Miei discepoli siano buoni fratelli fra gli uomini che aspettano sempre una mano fraterno e sincera che si stende incontro a loro.

49. Gli uomini stanno avidamente cercando la Luce della Verità e molti aspettano la Mia Venuta e non sanno che la Mia Presenza è già fra loro.

50. Non tutti Mi sentiranno nel tempo della Mia Comunicazione, ma attualmente sto istruendo questo popolo, affinché ognuno di coloro che Mi ascoltano, diventino guide dei cuori degli uomini, quando la Mia Parola non si annuncia più tramite questi portatori della Voce. Fino ad allora vi dovete essere spiritualizzati e ricevere la Mia Parola ed i Miei Incarichi attraverso l’intuizione ed allora parlerete di Insegnamenti non ancora conosciuti che saranno vere Rivelazioni.

51. Vi ho già ora rivelato molto di ciò che era stato promesso agli uomini e tramite voi ho annunciato degli avvenimenti che voi avrete visto diventare realtà. Perciò potete dire che non siete soltanto stati dei megafoni, ma anche i Miei profeti.

52. Non siete ancora riusciti a penetrare in fondo alla Mia Parola; ma verranno le nuove generazioni che vi ho promesso e loro ve ne daranno la profonda e giusta spiegazione che voi non avete potuto comprendere. Verranno però anche uomini da altre nazioni che sapranno interpretare le Mie Istruzioni. Nonostante ciò vi dico che coloro che Mi hanno udito verbalmente e sentito la Mia Presenza, saranno i primi che comprendono la Mia Opera per poi insegnarla e spiegarla.

53. Io non voglio che negli anni nei quale Mi potete ancora sentire vi attiriate rimproveri, perché allora la Mia Istruzione subirebbe un arresto, mentre è la Mia Volontà di rivelarMi in ogni ulteriore ora di Lezione con la massima chiarezza, affinché alla fine della Mia Comunicazione vi sentiate abbastanza progrediti per diventare insegnanti. Ho posto in voi la Mia Nostalgia divina, affinché otteniate Amore e Sapienza mentre ho dischiuso la vostra comprensione per il sapere spirituale.

54. Io vi insegno per prepararvi a ricevere l’Ispirazione divina per rivelare ai vostri prossimi che tutti gli uomini possono essere proprietari di questa Grazia.

55. Permettete che la Mia Parola abbia una dimora permanente nei vostri cuori affinché, quando sarete una volta insegnanti, l’abbiate sempre presente nel vostro tempio interiore.

56. Non temete di essere straziati dagli uomini. Il cuore degli uomini è stufo delle basse teorie e parole che, quando riceve questo Lieto Messaggio, sentirà sulla sua anima la Luce della Verità che cade come un fresca rugiada per darle la vita.

57. Da voi è venuto il perfetto Amico per dirvi che non dovete temere, perché anche se trovate in molti cuori veleno, cattiveria e tradimento, queste prove non potranno intimorire il discepolo fedele e preparato.

58. Siate come quegli apostoli che Mi hanno seguito nel Secondo Tempo. Se non avete ancora potuto guarire il malato, allora rafforzate la vostra preparazione spirituale mentre vi purificate nell’attività d’amore e rimanete in contatto con il dolore. Se non siete preparati interiormente, allora non toccate il malato nell’attesa che guarisca, perché allora non vedrete questo Miracolo. Se però vi preparate animicamente e corporalmente, - se è la Mia Volontà – riceverete presto il Miracolo che Mi chiedete.

59. Se la vostra fede nella Mia Potenza non è grande ed il vostro amore per il prossimo non verace, la vostra opera non porterà nessuna salvezza e la vostra fatica sarà vana. Se però raggiungerete la spiritualizzazione, vedrete sulla vostra via veri miracoli diventare realtà.

60. Se fra i vostri parenti non avete ottenuta la pace, oppure quando i legami dell’armonia e dell’amore sono strappati, allora vegliate e pregate, unitevi con il Mio Spirito e la pace sarà con voi.

61. Se non sapete ancora parlare di Me, allora chiudete le vostre labbra, ma elevate la vostra anima, perché questa parlerà per mezzo del pensiero con i bisognosi spirituali.

62. Se non siete stati in grado di comprendere la Mia Istruzione e volete penetrare nel suo senso, allora spiritualizzatevi, e se poi Mi sentite o vi ricordate della Mia Parola, sarete sorpresi della profonda comprensione. La Mia Parola è sobria e semplice, affinché la possiate afferrare, ma contiene un nocciolo essenziale che è divino, affinché sentiate la Mia Presenza.

63. Oggi tengo una nuova Cena circondato da discepoli ed allievi che riflettono e pensano al giorno ed all’ora nella quale “La Parola” diventava Uomo in Gesù. Chiudete i vostri occhi e cercate di immaginare il luogo della Mia Nascita, la solennità di quell’ora, la purezza della Madre, la mansuetudine del giusto e casto compagno di Maria e tutto ciò che circondava quell’evento. Allora comprenderete la divina Umiltà di Cristo – una Umiltà che Egli ha predicato già dal primo momento attraverso le Sue Opere e la Sua divina Parola.

64. Amato popolo, vivete interiormente quei momenti e ristoratevi al loro ricordo ed osservazione, perché dalla vostra riflessione su questo fluirà la Luce che elimina la vostra ignoranza.

65. CercateMi nel più nascosto e nel più elevato del vostro essere, sentite la Mia Presenza nella vostra anima e riconoscete le Mie Manifestazioni nelle cose più modeste della vostra vita. Pensate: più la Mia Comunicazione è alta e spirituale, più grande è la vostra delizia, perché sarà la dimostrazione che siete già capaci di comprendere le Mie Lezioni profonde.

66. Voi fate parte di coloro che in questo tempo hanno affermato la Mia Venuta nello spirito e senza vedere, hanno creduto. Ci sono però alcuni che Mi aspettano in quella forma, nella quale ero nel mondo nel Secondo Tempo, ed altri che Mi aspettano in differenti forme secondo l’interpreazione che ognuno ha dato alle profezie. Io benedico tutti che Mi aspettano e mando loro la Mia Luce affinché, quando sapranno che la Mia Presenza e la Mia Comunicazione in questo tempo era del genere spirituale, non ne siano confusi.

67. Benedico anche coloro che non Mi aspettano. Gli uni sono diventati deboli nella fede, ed altri sono stati confusi dalle molte idee ed insegnamenti umani. Io però effondo la Mia Luce su tutte le loro vie, affinché ottengano la salvezza (della loro anima).

68. Alcuni Mi aspettano spiritualmente, e nonostante ciò negheranno che sono Io il Quale Si comunica, perché Mi vogliono vedere arrivare nello splendore di una Luce abbagliante per poter credere. Mi vogliono vedere venire con la maestosità di un re della Terra, perché non comprendono la vera grandezza che si trova nell’umiltà. Così vi devo dire ancora una volta: “Il Mio Regno non è di questo mondo”.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

 

[indice]

Istruzione 110

 

1. Discepoli, Elia vi ha preparati e lasciato nella vostra anima l’elevazione e la pace. In Verità vi dico, non sapete chi è Elia, né chi era, né chi sarà. Verrà però il momento nel quale lo vedrete e direte: “Signore, fino ad oggi non abbiamo potuto riconoscere chi era il pastore”.

2. Ora parlo ancora una volta nella Lingua dell’Amore che vi ho insegnato, affinché raggiungiate il perfetto collegamento con il Padre vostro. Non è il vostro involucro corporeo che sente la Mia Presenza divina, perché non sono i vostri occhi che Mi vedono, né le vostre orecchie che Mi sentono, né le vostre labbra che Mi parlano. I vostri sensi corporei percepiscono la Mia Comunicazione attraverso un corpo umano, ma l’Essenza della Parola che esprime il portatore della Voce, è la parte divina che il vostro spirito assimila.

3. Voi siete soldati nella lunga battaglia di questa vita e tutti voi arriverete nel paese che cercate. Quale Gioia sarà per il Padre vostro e anche per il vostro spirito, quando arriverete nel Regno promesso dopo aver vissuto attraverso molti destini mutevoli e siete sopravvissuti a molte battaglie!

Sarà allora, quando lo spirito infine si affermerà nei confronti della carne e la sua Luce si potrà rivelare attraverso questa. Il corpo non sarà più l’ostacolo, la rovina ed il tentatore dell’anima.

4. I Miei segnati verranno riconosciuti sulla Terra. Anche se le loro mani si dovrebbero chiudere per nascondere i loro Doni, lì verranno scoperti; anche se dovreste tacere, la Mia Dottrina sulle vostre labbra sorprenderà gli uomini, e persino se dovreste cercare di nascondere il segno con il quale vi ho contrassegnato, irradierà la Luce e vi renderà riconoscibili. Perché nascondervi?! Forse perché vi sentite ancora deboli ed impacciati? Io continuerò ad istruirvi finché sarete forti, pieni di fede ed amore per la Mia Causa. Allora non temerete più niente.

5. L’idea degli uomini sullo spirituale è cambiata, la Mia Luce ha fatto comprendere loro che lo spirito è libero di credere. Io non impongo a nessuno una determinata conoscenza di fede, né obbligo nessuno di amarMi.

6. I campi preparati con la Rugiada della Mia Grazia saranno favorevoli premesse per coltivare questa semenza. In questo tempo saranno strappate le catene del fanatismo religioso e scomparirà la cattiva condotta dell’idolatria. L’anima non continuerà ad essere schiava e si eleverà per cercare Me sulla via della Verità. Lo sviluppo e la conoscenza che l’anima ha raccolta nella vita, le rendono oggi possibile di eseguire la missione che le ho assegnato.

7. E’ Verità che non siete venuti nel mondo solo in questo tempo. Spiritualmente siete lo stesso popolo che ho istruito in tutti i tempi, che si è reincarnato di epoca in epoca, perché in una unica esistenza terrena non avrebbe potuto compiere la grande missione che è la sua destinazione. A volte non basta quasi una vita per seminare un seme, e manca il tempo per curarlo e per vederlo fiorire.

8. In molte delle Mie Istruzioni menziono il popolo Israele, perché era uno strumento della Mia Divinità per dare esempi d’Insegnamento e per parlare all’umanità. Gli ho dato pienamente il Mio Amore e le Mie dimostrazioni di Grazia, ma anche le gravi visitazioni della Mia Giustizia. Per dargli la Mia Istruzione, Mi servo sia del suo amore, come anche della sua debolezza e della sua miscredenza; re, sacerdoti, doganieri e persino gli uomini meno istruiti erano strumenti per le Mie Lezioni ed esempi d’Insegnamento. Vedete però – mentre nel tempo odierno gli uni sono risorti ad una nuova vita in diversi paesi ed hanno riconosciuto che la terra promessa non è il Canaan, ma il Mio Regno, gli altri che hanno ereditato solo il sangue di quel popolo, ad una nuova vita sempre ancora attaccati alle loro tradizioni e legati all’interpretazione materiale che i loro antenati hanno dato agli Insegnamenti divini.

9. Nella Mia nuova Manifestazione ho cambiato tutto: i luoghi ed i mezzi per la Comunicazione, per eliminare l’ignoranza, l’errore e la falsa interpretazione che si ha dato alle Mie precedenti Rivelazioni. Come il sole sorge nell’oriente e sta nello zenit a mezzogiorno, per poi osservare come cala nell’occidente, così la Luce del Mio Spirito nel corso del tempo è proceduto dall’oriente all’oriente, affinché non limitiate la Mia Magnificenza e la Mia Potenza a determinati luoghi, uomini o razze.

10. Oggi abitate temporaneamente in un nuovo paese che avete trovato pure attraverso una divina Promessa, affinché, anche se è temporaneo, sia la vostra eredità. Colmato di amabile bellezza, questo paese era stato sviluppato, ma altri popoli hanno reso amara e dura la vostra vita. Ciononostante questo popolo non commetterà mai atti di vendetta, ma solo quelle del perdono per i suoi prossimi. Anche la Giudea era un bottino degli stranieri, finché è stato trasformato in rovine e macerie.

11. La vostra prova di fuoco era stato il dolore, in questa prova la vostra anima era stata resa ferrea, perché domani dovrà trasmettere all’umanità i frutti del suo sviluppo e della sua esperienza. La guerra non è penetrata fino a voi – quali nuovi insegnamenti potreste anche trarne? Quale fortificazione ferrea potreste dare a coloro che sono già diventati forti nella sofferenza?

12. Il vostro compito è un altro: Dopo il 1950 dovete andare come profeti, le vostre labbra devono parlare sotto la Mia Ispirazione e dovete compiere atti miracolosi. In quel tempo non vi dovete più aspettare che la Mia Parola venga dalle labbra dei portatori della Voce come ora. Quando però vi preparate nella preghiera, tutto ciò che avete apparentemente dimenticato, irromperà dai vostri cuori, perché Io continuerò a parlare a voi attraverso la vostra coscienza.

13. Sperimenterete sorpresi come vi seguono gli uomini di diverse comunità religiose e confesseranno che Colui il Quale avete avuto fra voi, era il Maestro. Saranno come Nicodemo che ha parlato a quattr’occhio con Gesù, che aveva riconosciuto come il Figlio di Dio, che amava come suo Maestro e che Lo ha pianto amaramente, quando Lo ha visto uscire da Gerusalemme con la Croce dell’ingiustizia e dell’ingratitudine sulle Spalle. In questo momento il suo spirito Mi ha detto fra lacrime: “Maestro, Ti seguirò”. E Mi ha anche seguito.

14. Ben per coloro che si decidono così in questo tempo, senza timore degli uomini, perché in loro sarà la Mia Luce.

15. A che cosa pensate, figli Miei? Lo so: pensate che il Padre vi ha appena affidato un nuovo anno, affinché in questo vi riesca a fare un passo in avanti – un anno che qualche volta sembra non finire e che è comunque per lo Spirito solo un secondo nell’Eternità.

16. E’ passato un anno ed ha lasciato la sua orma negli uomini. Quando avete sentito la Mia Parola di Giudice, il vostro spirito si è svegliato ed attraverso la vostra memoria passava il ricordo delle opere, parole e pensieri, tutte le vostre sofferenze e gioie – di tutto ciò che avete potuto raggiungere. Quando avete terminato il vostro auto esame alla Luce della vostra coscienza, avete ringraziato il vostro Creatore per tutto ciò che avete ricevuto da Lui.

17. L’uomo e tutta la Creazione Mi hanno offerto il loro tributo ed il loro dono di sacrificio. Siate benedetti!

18. Come se tutte le creature in questo momento si fossero dati l’appuntamento per unirsi nell’adorazione per il Padre, così vedo tutti i mondi e tutti gli esseri uniti dinanzi al Mio Sguardo. Vedo persino le opere più minuscole compiute per Me, sento la voce delle Mie creature, quando Mi invocano, ed il canto di lode di coloro che Mi glorificano.

19. In tutto ciò che è creato vi è vita e sensibilità. In Verità vi dico, persino le rocce sentono il Tocco divino. Tutte le creature si ristorano in sé stesse, che è come se trovassero Ristoro nella Mia Divinità.

20. L’Astro Regale (il Sole Centrale Primordiale) è il Riflesso di un Padre il Quale regala ai Suoi figli la Sua Vita, la Sua Energia, il Suo Calore e la Sua Luce.

21. La Terra è come una madre il cui grembo è una fonte inesauribile di tenerezze. In lei c’è il mantello che protegge gli orfani, il petto che nutrie, e il caldo e comodo ricovero per i suoi figli. Il suo tesoro nascosto ha rivelato agli uomini i suoi grandi misteri e sul suo volto si è sempre continuamente riflesso la castità e la bellezza.

22. L’anno che è passato, era pieno di prove - un anno nel quale si è fatta sentire la divina Giustizia in ogni creatura umana . Chi non ha vuotato il calice dell’amarezza?

23. Molti esseri amati hanno lasciato questa Terra per fuggire nell’aldilà, perché li ha chiamati la vita spirituale. I cuori infine hanno versato l’acqua cristallina e sulle tempio degli anziani si mostravano molti capelli bianchi. Ciononostante c’erano anche gioie: nuovi bambini sono venuti al mondo con il loro messaggio di innocenza, malati hanno riconquistato la salute, ed altri fra voi che erano stati abbandonati, hanno visto ritornare l’amato parente.

24. Mi ascoltate con gioia nello spirito e Mi chiedete che Io sollevassi il velo del mistero che avvolge l’anno nuovo, che vi sembra come una via che dovete percorrere. Io però vi dico: Fate nel futuro ciò che avete fatto nel passato. SentiteMi oggi, dato che l’Essenza della Mia Parola si riversa ancora su di voi simile al Sangue del Redentore che allora si era riversato in ogni anima.

25. E’ passato un anno, popolo, ma la guerra non ha trovato nessuna fine. Gli uomini non si riconciliano, le guide potenti non hanno dato la mano in segno di pace. Proprio in questo momento nel quale vi ristorate nella comunità con il Mio Spirito divino, vengono distrutte delle vite, aumenta il numero di orfani e vedove, e scorre il sangue sulla Terra e la abbevera, il sangue di uomini che è il Mio Sangue.

26. Metterò di nuovo al cuore degli uomini la pace e concederò loro ancora un po’ di tempo affinché raggiungano questo alto bene dell’anima. Se però non utilizzano questa occasione, aumenteranno le loro sofferenze ed amarezze.

27. Attirate la pace voi attraverso il vostro rinnovamento, attraverso la vostra preghiera ed esercizio della Mia Dottrina. Fate opere che siano degni del vostro spirito come anche del Mio. E’ tempo che vi stimiate più alti, che attribuiate il suo vero valore a ciò che ho posto nell’uomo,: lo spirito.

28. Quando raggiungete la vera conoscenza del vostro valore, allora non diventate vanitosi. Riconoscete che siete solo semplici mortali, che siete messaggeri e strumenti dei Miei Consigli divini.

29. Nessuno è nato a caso, nessuno è stato creato per un beneplacito. ComprendeteMi, e riconoscerete che nessuno è libero sulla via della sua vita, che esiste una Legge che guida e governa ogni destino.

30. Parliamo insieme, figli Miei, parlate con il Maestro! Non voglio farvi osservazioni, ma benedirvi e così come ho cominciato il Mio Discorso d’Insegnamento, lo voglio anche terminare così fra voi: mentre vi accarezzo.

31. RaccontateMi nel silenzio le vostre sofferenze, confidateMi le vostre nostalgie. Anche se Io so tutto, voglio che impariate un poco alla volta a formulare la propria preghiera, finche arrivate al punto ad esercitare il perfetto dialogo del vostro spirito con quello del Padre.

32. Voi anziani, voi giovani e vergini, voi bambini e genitori: Chiedete e vi sarà dato. Io sono la Sorgente della Giustizia e dell’Amore e guiderò davanti ai vostri occhi la via della vostra vita illuminata dalla Mia Luce.

33. Che cosa Mi chiedete per la Terra che vi ospita? Che cosa sentite, voi tutte le creature del Padre? Vivete in armonia con tutti gli esseri, perché in Verità siete tutti fratelli e sorelle davanti a Me. Benedite tutto ciò che è creato, e benedirete Me.

34. Vedo che temete il futuro, perché l’ombra della guerra e l’eco del suo frastuono è giunto fino a voi, perché la minaccia di fame, epidemie e devastazione è ovunque in agguato. Che cosa potete temere, se nella vostra anima avete la Mia Luce? Non vi ho chiamati”soldati della Mia Causa”? Lasciate la paura a coloro che non hanno nessuna fede – a coloro che Mi rinnegano.

35. L’umanità verrà colpita da molte visitazioni, ma attraverso queste riconoscerà la Mi Parola e la Mia Opera.

36. Io voglio che il vostro cuore rimanga sensibile per il dolore, il bisognoso, l’affamato, il malato, che sia per così dire la soglia della Nuova Gerusalemme, dove si raduna il popolo di Dio che è l’umanità.

37. Il Sesto Sigillo è sciolto, e con questo avete sentito la Mia Parola attraverso l’organo d’intelletto umano che è stata fra voi Legge, Rivelazione e Profezia. Vi concedo ancora sette anni nei quali Mi sentite in questa forma – sette anni nei quali il mondo spirituale manderà ancora i suoi messaggi attraverso il cervello degli eletti per questo, e di questi anni dovrete dare giustificazione al Padre nell’ultimo Giorno dell’anno 1950, che sarà per voi un Giorno del Giudizio, quando vi parlerò per l’ultima volta dal Monte del Nuovo Sion.

38. Io scrivo queste Parole nel vostro cuore e nel vostro spirito, perché voglio che per voi siano indimenticabili.

39. Non dimenticate ciò che avete sentito dal Maestro divino – nemmeno ciò che avete sentito di Maria, la Madre Universale, e che avete udito di Elia, il messaggero del Terzo Tempo, che vi ha radunato come un pastore nel recinto del Mio Amore.

40. Vi siete rallegrati di molte dimostrazioni di Grazia; ma finiranno, perché è venuto il tempo che operiate fedelmente nella purezza della Mia Legge.

41. Non cercate nessun vantaggio personale, quando Mi servite. ServiteMi per amore, senza pensare a ricompensa o salario che vi attende. Pensate a coloro che soffrono, che sono caduti, a cloro che non vedono la Luce né riconoscono la via e date loro la Mia Istruzione con cuore amorevole. Guidateli a Me e non preoccupatevi, quando questi arrivano alla meta prima di voi. Siete gli “ultimi” ricordando il vostro compito, perché Io saprò aspettarvi, dato che tutti giungerete a Me.

42. Popolo, ti concedo un nuovo anno per combattere. Sulla guerra, la distruzione e la morte si stenderà il blu del cielo come un mantello di pace. Adornerò il volto della Terra con fiori, soffieranno arie linde che saranno come un Dono d’Amore. Il grembo delle madri di tutti gli esseri viventi sarà fertile e la sua sovrabbondanza sarà per il vostro bene. Io illumino l’intelligenza umana, affinché scopra nella natura nuove possibilità di sviluppo per il bene dei Miei figli. Io benedico i mari, affinché gli esseri che vivono nel loro grembo, si moltiplichino e gli uomini non soffrano la fame dopo la guerra. Io apro nuove vie, affinché le diverse razze imparino a conoscersi e ad abbracciarsi.

43. La primavera deve venire a voi come un regalo di pace e di speranza, di riconciliazione e di perdono fra gli uomini.

44. L’estate prosciugherà con il fuoco del suo sole certe regioni e deserti, dove gli uomini attraversandoli, si accasceranno e supplicheranno a Geova la Compassione. Coloro che Mi avevano dimenticato, si ricorderanno di nuovo di Me. E gli scienziati in vista di queste manifestazioni saranno perplessi, ma nel fondo del cuore sentiranno la Mia Voce che dice loro che devono purificare il loro agire e pensare, per prendere la via della Sapienza.

45. L’autunno Mi porterà il raccolto di coloro che coltivano la terra e questo raccolto sarà ricco, perché alcune nazioni ritorneranno alla pace e prenderanno di nuovo gli attrezzi da lavoro.

46. Sulla semenza riposerà la Benedizione, perché i figli e le donne coltiveranno la terra in assenza degli uomini. Le mani che depongono le armi e prendono l’aratro, saranno benedette e lo saranno anche quelle che erano nemici e dopo si abbracceranno come fratelli, perché il pane del Cielo cadrà come la Manna nel deserto.

47. Verrà l’inverno e la sua neve sarà il simbolo della purificazione.

48. Tutto è preparato. Vegliate e pregate, lavoratori. Benedico anche le vostre mani che curano i malati – le labbra che esprimono la Mia Parola con amore – gli occhi che vincono il sonno e vegliano al capo del malato a morte – il cuore che batteva per il sofferente, perché loro sono gli strumenti dell’anima che è capace di elevarsi nella preghiera per gli uomini.

49. Voglio portare i vostri cuori ad intraprendere una nuova vita, perché li trovo morti in riferimento alla fede, alla speranza ed all’amore.

50. Io sono l’unico Giudice che può giudicare le anime e nonostante ciò non vi considero come accusati, ma come figli e discepoli.

51. LasciateMi fra voi come Padre. Date il dovuto valore alla Parola che vi do, oppure volete averMi da voi come Giudice? Volete che faccio sentire la Mia Giustizia non solo nella Parola, ma anche nella vostra vita, affinché vi svegliate e Mi credete?

52. Non avete sempre seminato bene il seme che vi ho affidato attualmente, e vedete che per questo non avete riportate quel raccolto che vi siete aspettato. Per questo però non rinunciate alla lotta – comprendete che, quando questo è anche qualche volta la causa delle vostre lacrime, è giusto che in questo adempimento del dovere è fondata la pace della vostra anima.

53. Non voglio vedere questo popolo sulle vie della Terra piangere e lamentarsi delle scabrosità della via.

54. In tutti i tempi vi ho posto su quella via che conduce a quella dimora dove Io vi aspetto. Non temete di trovare la sua porta chiusa. Vi giunge solamente colui che ha percorso tutta la via.

55. Mi mostrate il vostro cuore ed Io ne raccolgo il buon seme come da un granaio e lascio via l’inutile, affinché voi lo distruggiate.

56. Non vi dovete più nutrire di azioni di culto imperfetti o impuri: ora siete nel Terzo Tempo. Chi esercita la Mia Dottrina in questa forma come Io ve l’ho data, farà la Mia Volontà, e chi fa la Volontà del Padre, troverà la salvezza.

57. In tutti i tempi vi ho dato grandi dimostrazioni del Mio Amore. Vi ho donato occasioni di venire a Me. Voi però non Mi avete mai obbedito ed avete preferito il dolore del mondo con le sue gioie periture dall’adempimento della Mia Legge che vi dà la vera pace.

58. Se Io venissi da voi solo come Giudice, vi spaventerei: ma fra la Mia Giustizia e gli uomini si mette sempre la Croce ed allora da Me vengono sempre soltanto Parole d’Amore e di Perdono.

59. Vi ho aiutato moltissimo in questo mondo, affinché non dobbiate pentirvi, quando venite davanti al Giudice come esseri spirituali!

60. Voi siete appunto coloro che hanno attraversato il deserto con Mosè, appunto quelli che seguivano Gesù attraverso la Giudea ed ancora pretendete miracoli per credere, oppure chiedete solo i beni della Terra, come se non conosceste la meta finale del vostro destino.

61. Non lasciate diventare questa Comunicazione qualcosa di ordinario, perché allora perderete la riverenza e la fede che dovete avere verso la stessa, perché quale utilità potete averne, se il vostro spirito è assente e la vostra mente distratta?

62. Nella Mia Divinità vive l’Amore d’intercessione; è Maria. Molti cuori che erano rimasti chiusi per la fede, si sono aperti al pentimento ed all’amore attraverso di lei! La sua entità materna è presente nell’intera Creazione, viene percepita da tutti e ciononostante degli occhi vedenti la negano.

63. Dovete essere gli instancabili seminatori delle Mie Rivelazioni, affinché il mondo giunga alla riflessione ed allo sviluppo verso l’Alto ed alla Luce.

64. Prima del Mio Commiato aprirò le vie che dovete percorrere. Non sapete che cosa ho deciso per gli ultimi anni della Mia Comunicazione. Vi preparo, perché in quei giorni verranno grandi prove. Eliminerò fra voi ogni falsificazione che avete causato alla Mia Dottrina, affinché riconosciate la Mia Opera in tutta la sua purezza.

65. Veglia, popolo, perché dopo il Mio Commiato sorgeranno certi e vi faranno credere che Io continui a comunicarMi attraverso l’organo d’intelletto umano. Vi rendo vigili e preparo il vostro cuore affinché – dato che conosce il Mio Essere ed il sapore di questo Frutto – non si lasci sedurre dagli ingannatori. Se però non vi preparate per questi tempi e perdete ciò che vi ho consegnato – come volete allora discernere la Verità dalla menzogna?

66. Non accogliete in voi influenze nocive che possono derubare le conoscenze e la Luce della loro forza che vi ho dato; perché allora vi vedreste ingarbugliati nella stessa funesta situazione come coloro che Mi hanno tradito. Vi devo avvertire giorno dopo giorno, affinché viviate vigili e non vacilliate. Molti di voi piangeranno della Mia Assenza e non troveranno nessun conforto. Avrete nostalgia del tempo nel quale Mi sono comunicato attraverso l’organo dell’intelletto umano. Ma nei momenti nei quali pregate, vi illuminerò e vi ricorderò tutta la Grazia ed i Doni che ho posto in voi, affinché non vi sentiate soli ed abbandonati, ma nella conoscenza di ciò che sono vicino ai Miei discepoli, andate con la vostra Eredità e conquistiate meriti attraverso le vostre opere d’amore ai vostri prossimi.

67. Utilizzate questo tempo delle Istruzioni. Pensate che nella vostra nazione regna la pace, mentre altri popoli si stanno scannando. Dovete comprendere che nel vostro popolo dovete creare un’atmosfera di pace, affinché ogni straniero che viene da voi, possa riposarsi, trovare in mezzo a voi conforto ed al suo ritorno si senta illuminato da buoni pensieri ed animato da nobili premesse.

68. Ora devono uscire dalle nazioni uomini che sono forti nel bene e pieni di Luce. Devono rendere riconoscibili gli errori e sbagli a costoro che sono venuti nel mondo con una grande missione e l’hanno mancata.

69. E’ vicino anche il momento nel quale scoppieranno epidemie nelle nazioni e distruggeranno parti delle popolazioni.

70. In questo giorno vi domando: Se Io vi mandassi in quei paesi e vi dicessi: Attraversate il mare ed entrate nelle città del dolore e della disperazione – lo fareste, figli Miei?

71. Al di là della morte attende tutti voi la Vita; ma chi sono coloro che vanno e portano una goccia del Balsamo ed una Parola della Luce a coloro che in questa vita possono ancora risorgere alla Verità? Questi devono essere i Miei discepoli.

72. Molti uomini vedranno spiegato i Misteri della Mia Manifestazione in questo mondo, ma altri dovranno entrare nel mondo spirituale per contemplare la Verità.

 

“La Mia Pace sia con voi!”

[indice]

*  *  *

 

INDICE esteso

                                                                                                                                        

 

Istruzione 83

Nr. Versetto

L’Insegnamento spirituale è al di sopra delle religioni formate dagli uomini

6

Il materialismo dimentica che lo spirito è la parte essenziale dell’uomo

9

Gli attuali avvenimenti venivano predetti dai profeti, e Cristo attraverso i Suoi megafoni

20

Il senso della Santa Cena

25

Nei pre-messaggeri Giovanni Battista ed Elia operava lo stesso spirito

39

L’uomo si deve rendere conto che porta in sé la Presenza di Dio

51

 

 

Istruzione 84

 

Sulle macerie di questa umanità verrà edificato un nuovo mondo

5

Le potenze della natura saranno scatenate e compirà un’opera di purificazione

7

Abbiamo limitato e falsificato l’idea di Dio attraverso riti ed immagini

12

Dinanzi a Dio non esistono straneri o estranei

20

La difficile pretesa: perdonare invece di difendere

28

In questo tempo della Luce è attivo anche il potere dell’oscurità

43

Si avvicina la battaglia finale fra la Luce ed il male

44

Dobbiamo mettere in sintonia la Legge spirituale con la legge materiale

48

Spiegazioni che cosa è il potere del male

56-57

 

 

Istruzione 85

 

Ogni preghiera sentita profondamente giunge a Dio

1-3

Israele non è una razza, ma un popolo spirituale, sparso su tutta la Terra

10-14

La vera preghiera è quella da spirito a Spirito senza una immagine materiale di Dio davanti agli occhi

16-18

Conferma degli scritti delle divine Rivelazioni

22-24

La triste sorte delle anime infelici che giungono nell’aldilà legate ancora alla materia

68

 

 

Istruzione 86

 

L’Israele spirituale ed il suo rapporto con i giudei secondo la carne

12

Natale

27-30

Questa epoca verrà chiamato “Il tempo dello Spirito”

31

Dio conosce le anime che oggi vivono sparse, che nei tempi passati erano legate con il popolo giudaico attraverso legami di sangue

33

 Il Ritorno spirituale di Cristo non è avvenuto in segreto, ma veniva accompagnato da Segni

35

Al di fuori di Dio non vi è nulla di più grande che la nostra anima

68

Affinché questo mondo raggiunga di nuovo la ragione è inevitabile un grande dolore

71

 

 

Istruzione 87

 

Il significato del nome “Israele”

1-2

Sia gli spiriti della Luce, come anche gli esseri dell’oscurità adempiono compiti secondo la Volontà di Dio

3-5

La Terra verrà “purificata” e l’uomo si spiritualizzerà

9-10

La missione spirituale del Messico

11-12

La preparazione per la vita spirituale

15-20

Valori spirituali e materiali hanno il loro significato

27-30

Il senso spirituale di Pane e Vino

37-38

 

 

Istruzione 88

 

La grandezza ed unicità del nostro spirito

2

Anche se alcuni dubitano che esista un Dio-Creatore, il Sole non ha mai smesso di splendere su loro

7

Il nostro compito è di creare fra gli uomini la vera pace

14-15

Il mondo – ed in particolare i Giudei - non deve aspettare un nuovo Messia

27

Il Ritorno di Cristo si svolge nello Spirito

28-29

I profeti dei tempi passati hanno predetti gli avvenimenti del tempo attuale

37-39

Chiare dichiarazioni su Gesù ed il Cristo

63

 

 

Istruzione 89

 

Chi Mi vuole seguire, prenda su di sé la sua croce

1-3

L’Israele spirituale – un esercito di spiriti della Luce e della pace

16-20

L’Amore divino era incarnato in Gesù

51-54

 

 

Istruzione 90

 

Paragoni fra le vite di Giuseppe in Egitto e Gesù di Nazareth

1-3

Dio è il nostro Creatore aspetta dai Suoi figli riconoscimento ed obbedienza

5-6

I messaggeri della Dottrina spirituale sperimenteranno sulle loro vie molte amarezze, ma anche grandi gioie

 

La Parola divina diventata Uomo – oppure Cristo in Gesù è diventato Uomo nel Secondo Tempo

33 a

L’Amore divino avvolto in un Raggio di Luce, diventa parola umana tramite il mediatore

33 b

Cristo mette nella Luce divina l’immagine di vita dei giudei

37-39

La meta più alta della libertà della volontà umana è di fare la Volontà di Dio

41-43

 

 

Istruzione 91

 

Cristo spiega il procedimento nelle Sue Ccomunicazioni

3-7+13-14

In tutti i tempi Dio ha parlato attraverso uomini preparati

8-12

Cristo, la Parola di Dio – l’Amore e la Sapienza di Dio

27-30+32

Dio è più ed al di là di ciò che il nostro intelletto possa comprendere

34-36

In tutto il mondo si manifesteranno i preparati e spiritualizzati della via

45-47

Spiegazioni dei Sette Sigilli

80

 

 

Istruzione 92

 

L’eredità più preziosa: La Parola di Cristo nelle Sue Istruzioni

2-3

Segni di riconoscimenti del buon discepolo

8-10

Il contenuto del senso delle Istruzioni di Dio è stato sempre lo stesso in tutti i tempi

26

Perché i megafoni di Dio vengono dal popolo semplice, poco istruito?

28

Le Aspettative di Dio dai Suoi figli

61

La via alla purificazione dell’anima

65

La Voce dello Spirito della Verità è ora udibile

71

 

 

Istruzione 93

 

La preparazione dei discepoli del divino Maestro

3-6

Il Raggio della Luce divina è diventata parola d’uomo

8

Per la ricezione e la trasmissione della Parola divina devono essere preparati spirito, cuore ed intelletto

15

Nelle ore dell’afflizione dobbiamo mandare i nostri pensieri a Lui per ricevere

 

Conforto e Aiuto

23-24

Cristo ed i Suoi Insegnamenti salveranno e trasformeranno gli uomini; noi spiritualisti siamo solo co-aiutanti

29-30

La mitigazione della tempesta nel mar di Galilea – una indicazione per il presente tempestoso e per la nostra salvezza

33-37

L’Israele spirituale e la sua missione oggi

43-47

L’uomo non si deve soltanto nutrire di scienza e conoscenze umane, ma dallo Spirito dell’Amore

48

 

 

Istruzione 94

 

Chi saranno i nuovi apostoli della Dottrina spirituale?

8-11

Consigli del divino Maestro per la diffusione della Sua Dottrina

13-17

Anche altri gruppi, spiritualmente svegliati, verranno da noi

26

Solo Dio conosce i Misteri e le Forze della nostra anima e li può rivelare

29

La Storia della sofferenza di Gesù

56-80

 

 

Istruzione 95

 

Premessa per una elevazione di preghiera

1

La conquista delle prove sopportate con rassegnazione

5+7

Dio Si serve del male come strumento della Sua Giustizia

8

L’effetto benefico del dolore

12+56

La Parola di Dio attraverso i mediatori della Parola irrevocabile fino alla fine del 1950

20

Maria, la Madre spirituale degli uomini

21

La disponibilità di servire dev’essere una parola d’ordine dei discepoli di Cristo

32

E’ la nostra destinazione obbedire alle Leggi di Dio

35

Dobbiamo riconoscere già sulla Terra la via nel Regno dei Cieli

55