Prima pagina su reincarnazione

 

 

 

Incarnazione o re-incarnazione?

 

 

Su di un concetto così importante come quello della incarnazione e della reincarnazione, così tanto sbandierato dalle dottrine orientali, ma che sempre più sembra prendere piede anche nell’occidente europeo e nell’estremo occidente americano, riteniamo di citare qualche esempio tratto da alcune Rivelazioni, al fine di chiarificare un tale concetto errato sulla reincarnazione. Ne anticipiamo il commento per preparare il lettore ai brani allegati. Non bisogna confondere l’incarnazione con la re-incarnazione. Sono due concetti completamente diversi.

Con incarnazione deve intendersi quel processo tale, per cui allo spirito di un essere (creatura) cresciuto su di un qualunque pianeta o stella (ovvero sole di una qualunque galassia) oppure uno spirito angelico mai incarnato, viene concessa la possibilità di diventare ‘figlio’ (e non più ‘creatura’) di Dio, attraverso la ‘prova’ della vita sul nostro pianeta Terra[1], dove, per indicare la strada, si è incarnato Gesù/Amore (uno dei primi tre spiriti originari rappresentanti la Divinità[2], che in sé doveva esprimere la forza della Sapienza divina, in quanto esso, derivato dall’Amore originario ‘il Padre’, avrebbe dovuto rappresentare ‘il Figlio’ servente).

Una creatura incarnata, quindi, nel suo stato di essere umano terrestre, non ricorderà nulla del suo stato precedente e dovrà dimostrare soltanto con il suo cuore, con la lotta alle sue tendenze negative (identificate con il cosiddetto ‘male’ o ‘maligno’ o ‘karma’), così come fece Gesù, che in tale incarnazione volontaria è in grado di superarle per crescere nella fede verso il credere in un Dio che non vede, e nell’amore verso il prossimo che gli è vicino. Ma se non dovesse farcela, nell’aldilà esistono infinite scuole spirituali affinché tale anima che ha scelto volontariamente l’incarnazione sulla Terra per essere simile al Creatore-Padre per accelerare il suo processo di crescita nell’affinità di vero figlio di Dio, sia aiutata in tale crescita. A ciò sono preposti gli ‘angeli’[3], invisibili compagni nell’aldiquà e nell’aldilà.

Anche per un anima proveniente dal basso, ovvero quale la risultante dell’anima derivata esclusivamente dall’evoluzione della materia di questa Terra, attraverso le infinite incarnazioni evolutive delle particelle animiche della materia nei vari regni del minerale, poi vegetale e poi animale fino all’ultima incarnazione nelle particelle animiche dell’anima di un bambino, si parla sempre di una prima ed unica incarnazione come essere umano.

Può anche accadere che qualcuno ricordi (ma è proprio raro) di una sua vita precedente, e ciò viene preso a modello dalle dottrine orientali per dimostrare il concetto della reincarnazione. Su questo occorre dire però: che ciò non ha nulla a che fare con la vera re-incarnazione, poiché in tal caso si tratta invece di una qualche forma di possessione mentale, e ciò viene concesso dall’Alto al fine di portare a credere comunque in un aldilà e nella vita eterna dell’anima, per convertire in una qualche fede coloro che non credono assolutamente ad una continuazione di una vita dopo la morte del corpo e quindi in nessun Dio.

Per vera re-incarnazione deve invece intendersi una ripetuta incarnazione in un corpo umano. Ma questa rappresenta una vera rarità nella sua possibilità, così comeoggi veniamo a sapere in particolare attraverso l’ultima mistica Bertha Dudde nella sua grande rivelazione.

 Ciò che non poteva essere rivelato troppo in precedenza prima della fine di questo periodo di redenzione attraverso altri mistici, lo è stato tramite B.D. Perfino attraverso J. Lorber, che scrisse migliaia di pagine dettate, c’è un solo punto in cui viene spiegato qualcosa della reincarnazione, sebbene in modo ancora velato. Invece, attraverso B.D. viene data un ampia spiegazione, attraverso cui la dottrina errata della reincarnazione dovrebbe – in questi ultimi tempi – essere smascherata, al fine di portare ‘verità’, in un tale tempo di completo oscurantismo religioso.

Veniamo così a sapere che la reincarnazione viene concessa solo per un fine elevato di un particolare aiuto a quella creatura/spirito incarnato, che sta ancora su di un gradino molto basso della sua evoluzione spirituale, affinché, a causa della sua particolare opposizione a Dio, le sia consentito una particolare accelerata occasione di salvezza della sua anima, che anziché disperderla più volte nella sua essenza in infinite particelle nelle particelle della materia (relegazione o giudizio, per aver dimostrato di aver fallito una tale ‘prova di libertà’, ovvero dopo aver abusato della libertà concessagli nella sua incarnazione) – le si consente una speciale ri-prova di libertà.  Ma in tal caso, essa, come in ciascuno di noi, non ricorda affatto la sua condizione precedente, e la sua condizione subentrante è quasi sempre nell’indigenza (qui il  concetto del karma è esatto, ma assolutamente, sempre in un essere umano, poiché non è mai possibile in un animale!).

 

Un altro caso è quello in cui può accadere talvolta che qualcuno rimanga ucciso involontariamente, in modo non previsto, nonostante siano state poste tutte le condizioni dall’invisibile mondo spirituale che guida invisibilmente tutti i passi di ciascuno di noi affinché non avvenga una tale morte prematura; ma in tal caso ciò rappresenta un caso eccezionale di massima Misericordia, e solitamente, se il suo corpo è ancora utilizzabile, si concede al malcapitato di risvegliarsi dopo brevissimo tempo da tale morte prematura (tramite l’aiuto apparentemente materiale degli uomini o medici), senza fargli subire il trauma di farlo entrare nella condizione di beatitudine nella libertà dell’anima, libera dal corpo, e poi riportarlo nella caducità e marcescenza nel corpo di un bambino per ricominciare la sua prova di libertà interrotta.

 

Anche una re-incarnazione per aiutare l’umanità attraverso uno spirito elevato e già precedentemente incarnato, è concesso e fu concesso, quale un atto di soccorso di aiuto all’umanità, per un compito di salvezza, ma in tal caso concorrono innumerevoli aiuti ed influssi invisibili dall’aldilà a quell’essere umano, affinché persegua l’obiettivo prefissato dal Creatore. In particolare, proprio nel tempo della fine prossimo, viene indicato che ci saranno moltissimi spiriti incarnati sulla Terra, al fine di resistere a tutte le angherie dei miscredenti che dopo l’evento apocalittico, che abuseranno della loro posizione di forza e asservimento all’anticristo per obbligarli all’apostasia, quale una vera e propria lotta di fede per la battaglia finale prima della fine. E tali spiriti reincarnati saranno quelli che rappresenteranno la nuova stirpe sulla nuova Terra ricostituita.  Ma, lo ripetiamo, non è assolutamente possibile parlare di incarnazioni infinite, addirittura retrocedendo nella scala dell’evoluzione verso piani inferiori come quello degli animali.

L’uomo è il mezzo finale dell’evoluzione delle particelle animiche agglomerate nell’anima, dopo di ché c’è soltanto il regno dell’aldilà, nel quale ci sono infinite scuole[4] attraverso cui tutti gli spiriti beati sono chiamati a collaborare per stimolare nelle anime dei fratelli non ancora coscienti, la fede in Dio e l’amore verso tutti i fratelli. Un tale desiderio di re-incarnazione da parte degli umani è comunque un desiderio materiale che denota una mancanza di fede e di amore verso il Creatore/Dio. Mentre un tale desiderio da parte di un anima dopo la morte non è proprio pensabile, così come Gesù stesso disse ai Suoi apostoli:  (“Grande Vangelo di Giovanni “ vol.5 cap.136 – di Jakob Lorber) Parla il Signore: «Nell’Aldilà vi sono certo delle anime malvagie che meritano davvero il nome di demoni. Questi nell’aldilà si trovano senz’altro in condizioni mille volte peggiori di un mendicante su questa Terra, per quanto anche disperatamente misero e perseguitato; ma tra quei moltissimi, il cui numero fino al giorno d’oggi può benissimo venire stimato in diecimila milioni secondo il sistema di computo degli arabi, non c’è nessuno che si auguri di dover percorrere ancora una volta la via della carne. Ma se già gli sciagurati non desiderano fare più ritorno qui, quanto meno lo desidereranno coloro che sono felici nell’aldilà! Perciò, porgete bene ascolto a questo Mio consiglio!».

 

Al fine di un ulteriore chiarificazione tramite le rivelazioni, facciamo seguire alcune brevi citazioni e poi in allegato alcuni dettati.

 

Amici della nuova Luce

-----------------

 

Nota:  Con l’incarnazione dei ‘piccoli delle tenebre’ (i caduti), i quali rappresentano tutte quelle anime derivate dalle particelle animiche delle sostanze del pianeta su cui vivono, e che attraverso loro porta a redenzione le particelle animiche dell’anima di Lucifero racchiusa nella materia di quel pianeta, tali anime hanno la possibilità di crescere nella loro scala evolutiva, piuttosto che restare eternamente come in un oblio di vita. E contemporaneamente danno all’anima di lucifero, attraverso il conglobamento di tali particelle ‘cadute’ e racchiuse nella materia di quel pianeta, e quindi conglobate  nella loro anima cresciuta su quel pianeta, la possibilità della redenzione. Ciò, porterà ad una scelta per quelle anime (il bene o il male?), sebbene ci sia il rischio che, perdendosi ancora di più nelle attrattive del nostro mondo – inverosimilmente molto molto materiale – potrebbero comunque fallire nel progetto divino della libertà, ma che comunque dà loro, e a tutto il regno dello spirito che collabora invisibilmente affinché nessuno si perda, la possibilità di impegnarsi per la buona riuscita dell’opera:

[Appendice 35,37 alla fine dell’Opera “Karmata” di Anita Wolf]:

 «35.  Non sarebbe consigliabile, che queste anime delle stelle rimanessero sul loro vecchio luogo di dimora, dove in verità non possono diventar migliori ma nemmeno peggiorare? Oh, il Punto fermo è lo sconosciuto, perciò il peggior nemico della Vita! Soltanto il tormento dell'anima mette in libertà l’impulso al superiore! Così per Grazia riconosceranno, sebbene sarebbe meglio se essi giungessero alla più pura conoscenza sul loro pianeta d'incarnazione. I successivi gradini della loro scala celeste gliela faranno ancora raggiungere.

         36.   Questi, appositamente fatti per loro, dimostrano che tali anime ritornano assai raramente sulla loro Terra, perché non soltanto inutilmente, ma si aggraverebbero sempre di più invece di liberarsi. Ogni reincarnazione richiede l'accoglienza di forze di sostanze materiali e queste logicamente aumentano con le incarnazioni ripetute.

         37.   Se dall'eterno Consiglio con l'impiego della Salvezza è però già dato ai Piccoli figli della Luce al massimo una duplice incarnazione mondana, potrebbe l'OnniBontà pretendere dai poveri colpiti e co-imprigionati, doppi o magari molteplici carichi provanti? Anche grandi spiriti tenebrosi trattenuti, che durante la loro incarnazione non giungono alla conoscenza, si precipitano su tali uomini; poiché i maligni non vogliono tollerare vie liberatrici. Sottrarre perciò i poveri Piccoli al più presto dall’esilio più duro, è Volontà ed Amore del Salvatore! Soltanto chi nell’incarnazione distrugge la maggior parte della sua anima individuale è ricondotto in via eccezionale sullo stesso mondo[5]»]

- - - - - -

 

 (Allegati)

1.                  Vita nell’aldilà e reincarnazione                                            (J. Lorber)

2.       Fascicolo n. 20                                                                       (B. Dudde)*

3.       Fascicolo n. 123                                                                     (B. Dudde)*

                       

* : (Sul concetto della reincarnazione, alla mistica B. Dudde sono stati dati più di quaranta dettati sull’argomento della reincarnazione.

[inizio]

 

[home sito]

 



[1]  Vedi a tal proposito l’estesa Opera complessiva della vita di Robert Blum nel libro «Dall’inferno al Cielo» di Jakob Lorber (circa 1000 pagine) scritto nel 1848/1851.

[2] La rappresentazione della triade dei primi esseri creati fu indicata attraverso J. Lorber nella prima opera ricevutanel 1840: “Il governo della famiglia di Dio”, al vol.1 cap. 5

[3] Un breve cenno a un incarico degli angeli viene comunicato nell’estratto dell’Opera «Il Sole Spirituale» edito dall’editrice Armenia con il titolo «I bambini parlano dall’aldilà».

[4] ‘infinite scuole’ : è una concetto difficile da capire, poiché il piano spirituale delle anime si interseca con il piano materiale/animico della Creazione. Ovvero, le anime vivono un mondo spirituale proporzionato alle loro tendenze, ma si trovano animicamente nella sfera di un mondo della Creazione. Oppure, se viene concessa l’incarnazione su quel mondo, la loro condizione è alquanto misera.

[5] Qui si tratta del concetto della ‘relegazione’ che significa lo smembramento dell’anima che viene re-incarcerata nella materia, e dovrà ricominciare il percorso dell’evoluzione attraverso i regni del minerale, poi del vegetale, poi dell’animale ed infine, dopo ere temporali non conteggiabili, in una nuova incarnazione come essere umano. Vedi su Bertha Dudde il fascicolo n.44

apocalisse

 

E-mail: info@legamedelcielo.it

 

Prima Pagina

MISTICI

ESTRATTI

altre RIVELAZIONI

Spiegazione della Poesia

Bertha  DUDDE

Ammonimenti

Anonima

Il Legame col Cielo

Leopold  ENGEL

Apocalisse

Autobiografia di Cristo

Presentazione libro

Antoine  GROBHEIM

Creazione mosaica

I 10 Comandamenti

Indice libro

Jakob  LORBER

Cremazione

Vida verdadera

Un Dono

Gottfried  MAYERHOFER

La Via per la rinascita

 

Chi siamo

Georg RIEHLE

Le 7 Caratteristiche di Dio

Medicine solari

Iniziative

Franz  SCHUMI

Pensieri di Luce

Mistici a confronto

Contatti

Max  SELTMANN

Personaggi storici

 

 

Emanuel SWEDENBORG

Reincarnazione

 

 

Eva  BELL-Werber

 

Varie

 

Anita WOLF

Complotto lunare

Conferenza Colico